Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie10Saggi | EssaysLa neo-intermediazione populista....

Saggi | Essays

La neo-intermediazione populista. Popolo, istituzioni, media

The Populist Neo-Intermediation. People, institutions, and media
Mauro Barberis e Gabriele Giacomini
p. 317-340

Abstract

In this paper the authors draw some far-reaching consequences from their recent books on political disintermediation and media populism. Firstly, they criticize the myth of disintermediation: the alleged direct relationship between “the people” and its populist representatives. Then, they replace the myth of disintermediation with an analysis of populist neo-intermediation: the replacement of traditional political mediators with the media. Finally, the authors compare this second notion with that of direct representation proposed by Nadia Urbinati.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

We may be giving ourselves
a kind of global lobotomy
E. Pariser, The Filter Bubble

1. Premessa

  • 1 Il riferimento è soprattutto a Giacomini, 2016 e 2018a, e a Barberis, 2020. Nel presente lavoro, i (...)
  • 2 Un importante lavoro di demistificazione si trova già, oltre che in Giacomini, 2018a: 87-114, in al (...)
  • 3 La differenza, se c’è, è sottile. Di fatto, tende a parlare di re-intermediazione soprattutto chi p (...)

1Questo lavoro tira le conseguenze da alcuni nostri lavori in tema di disintermediazione e populismo mediatico1. Anzitutto, demitizza la disintermediazione: il preteso rapporto diretto, non mediato, fra popolo e istituzioni2. Poi, sostituisce al mito un’analisi della neo- (o re-)intermediazione3: l’integrazione o sostituzione degli intermediari politici tradizionali con i media, soprattutto digitali. Infine, confronta la neo-intermediazione con la nozione di rappresentanza diretta proposta da Nadia Urbinati.

2. Il mito della disintermediazione

2In questa sezione si fornisce anzitutto una breve analisi de (i luoghi comuni circa) la disintermediazione nel rapporto popolo/istituzioni. Poi, si presentano alcuni casi paradigmatici di disintermediazione, relativi alla stampa, ai partiti e allo stesso Parlamento. Infine, si avanzano tre critiche ai presupposti e alla nozione stessa di disintermediazione. Avvertiamo solo che, per non appesantire troppo l’esposizione, non useremo sempre «disintermediazione» nella forma che riteniamo più corretta: ossia «(pretesa) disintermediazione».

 

  • 4 Così già Hawken, 1983.

2.1. S’è cominciato a parlare di disintermediazione (disintermediation) già negli anni Sessanta del secolo scorso, a proposito dei clienti delle banche che, non accontentandosi del rendimento dei depositi, cominciavano a investire direttamente sul mercato finanziario. Già questo fenomeno produsse una sorta di re-intermediazione: prima, con la formazione di appositi soggetti, come i fondi d’investimento, per investire il risparmio privato, poi con il recupero di tale compito da parte delle stesse banche4.

  • 5 Cfr. la pluri-citata definizione di Chadwick, 2007: 918: «Disintermediation means removing intermed (...)
  • 6 Cfr., sin dal titolo, Cuono, 2015.

3Questi processi, estesi dalla globalizzazione a molti altri settori del mercato, appartengono però alla preistoria del concetto. La storia vera e propria inizia con l’avvento di internet e lo sviluppo delle vendite online, che connettono produttori e consumatori bypassando il piccolo e grande commercio5. Con la solita trasposizione dal mercato alla politica —mai viceversa—6 s’è poi continuato a parlare di disintermediazione anche per la politica, con l’estensione a quest’ultima delle stesse strategie di marketing.

  • 7 Il rapporto fra informazione e disinformazione, in realtà, è sempre stato stretto e, in un certo se (...)

4L’analogia —ma forse qualcosa di più— è la seguente. Nel commercio non ci si rivolge più a mediatori come il negoziante sotto casa, i supermercati e/o i commercianti all’ingrosso. Allo stesso modo, nella comunicazione politica non ci si rivolge più ai mediatori tradizionali: siano essi istituzionali (Parlamento, partiti, sindacati) oppure informali (giornali, telegiornali, gruppi d’opinione, Chiese, associazioni della “società civile”). Piuttosto, ci si (dis-)informa7 e poi si agisce politicamente sui media, specie su internet.

  • 8 Cfr. Manin, 2010.

5La (pretesa) disintermediazione, qui, s’intreccia a un altro processo che viene da lontano, la mediatizzazione della politica, che sinora ha conosciuto almeno tre fasi. La prima vede la comunicazione politica novecentesca ancora veicolata dai “vecchi” media, one-to-many: stampa, radio, televisione. La seconda, con la fine del monopolio statale su media come la televisione, vede una prima crisi dei mediatori politici tradizionali, specie i partiti, sostituiti dalla cosiddetta democrazia “dell’audience8.

6Già la moltiplicazione delle televisioni private, in altri termini, realizza una comunicazione politica che supera il classico modello broadcasting, one to many, introducendo meccanismi di “feedback” da parte dei più. La concorrenza fra le emittenti e l’uso del telecomando, infatti, permettono al teleutente di scegliersi la (dis-)informazione che preferisce: o anche, se è per questo, nessuna informazione affatto. È su questa nuova base comunicativa che si è compiuto il terzo e decisivo passaggio: la (pretesa) disintermediazione digitale della politica.

7L’elemento dirompente, qui, è l’interattività dei nuovi media digitali: i personal computer prima, i social media poi, gli smartphone da ultimo, permettono a ognuno di comunicare con tutti gli altri, many to many. Il passaggio da web a web 2.0 consiste appunto nella possibilità, per gli utenti, di interagire tramite siti, portali o piattaforme social. Così —secondo il topos della disintermediazione— le scelte decisive passerebbero agli individui. Ognuno potrebbe, con un clic, farsi un’idea personale e decidere in autonomia come agire.

 

  • 9 O meglio, sembra suggerire una (pretesa) “liberazione” dei cittadini dalle “morse” dei mediatori tr (...)

2.2. Questa sommaria ricostruzione dei processi di disintermediazione, oltre a essere abbastanza comune, non lascia ancora immaginare i suoi esiti politici9. In particolare, l’individualizzazione della comunicazione politica non lascia presagire l’avvento di quel populismo mediatico che, con il senno di poi, sappiamo esserne uno dei principali effetti (cfr. qui, 4.). In questa sede, comunque, ci si limita a fornire tre casi paradigmatici di disintermediazione, relativi a giornali, partiti, e allo stesso Parlamento.

 

  • 10 Pariser, 2012: 21.
  • 11 Barberis, 2020.

2.2.1. I primi intermediari, in ambiente democratico moderno, sono stati i giornali: la libera stampa. È una constatazione comune, ormai, forse persino ovvia, che «la struttura dei mezzi di informazione influisce sul carattere della società»10: e a maggior ragione sulla politica. Nei nostri lavori recenti, però, abbiamo sostenuto qualcosa di più di questo: lungi dall’essere meri strumenti, i media rappresentano l’ambiente stesso della democrazia11. Senza l’invenzione della stampa, forse, non ci sarebbe mai stata la democrazia moderna.

8Secondo la prima legge della tecnologia di (Melvin) Kranzberg, «La tecnologia non è né buona né cattiva, ma non è neanche neutrale»: “legge” che vale anche per quella tecnologia delicatissima che sono i media, ognuno con la sua affordance (invito all’uso). Di questi, ovviamente, si possono fare usi ottimi o pessimi, ma nessuno dei singoli media, e a maggior ragione la loro sinergia, è neutrale: sia come singoli, sia nel loro complesso, formano diversi ambienti, cui diversi regimi politici sono diversamente adeguati.

  • 12 Per questa espressione, cfr., sin dal titolo, White, 1950.

9La base del processo democratico è rappresentata dalla stampa, cui si aggiungono solo in seguito radio e televisione. Per semplicità, si può dire che tutti questi media mettevano ancora al centro la figura del giornalista: ruolo sociale istituzionalizzato tramite appositi ordini professionali, e regolamentato per mezzo di codici deontologici che ne facevano una sorta di guardiano (gateskeeper)12. Ai giornalisti toccava il compito, cruciale, di selezionare le notizie rilevanti, così fissando indirettamente l’agenda politica.

  • 13 La crisi è confermata dai dati forniti da una recente ricerca di Mediobanca: cfr. https://www.mbres (...)
  • 14 Cfr. Magrini, 2020, e Splendore 2018: 92: le ragioni della crisi andrebbero «dall’affiancamento del (...)

10Quando si parla di disintermediazione democratica, di fatto, si pensa anzitutto alla progressiva perdita di ruolo dell’intermediazione giornalistica. Da vent’anni i journalism studies si interrogano circa le trasformazioni del giornalismo: si vendono sempre meno quotidiani13, per non parlare di riviste e libri, si investe sempre meno nel settore, la qualità di quote dell’informazione diminuisce (si pensi ai free press) e, forse inevitabilmente, la professione di giornalista e il ruolo della stampa ne escono delegittimati14.

  • 15 Il citizen journalism, forse, è uno dei modi di essere del “prosumer”: espressione coniata da Toffl (...)

11Effetto e causa della crisi è anche il cosiddetto citizen journalism, che vede oggi la partecipazione, consentita dall’interattività dei media digitali, di quanti un tempo erano semplici lettori15. Dagli inizi del 2000 il citizen journalism contribuisce a superare la distanza tra giornalismo tradizionale e contro-informazione, compiuta occasionalmente e senza controlli professionali. Il citizen journalism controlla il giornalismo professionale (aspetto positivo per la democrazia), ma rischia di farlo senza professionalità (aspetto negativo).

  • 16 Sul frame “persuasore occulto” si rimanda all’ormai classico Packard (2005). In Italia, come spiega (...)

12Alla crisi del giornalismo professionistico, determinata non solo da internet, si affianca la scarsa reputazione che questa forma di intermediazione tradizionale ha oggi nella società. La vicinanza fra giornalismo e potere ha contribuito a diffondere il frame del giornalista come persuasore occulto, a scapito di quello del giornalista come cane da guardia (watchdog) del potere. Il giornalismo, specie in Italia, è ormai percepito come organico a una posizione politica o a un blocco di potere16.

 

  • 17 Sulle vicissitudini incontrate dai partiti di massa è illuminante Ignazi (2020), peraltro apparente (...)

2.2.2. Gli intermediari specificamente politici fra popolo e istituzioni, nella democrazia rappresentativa, sono invece i partiti, decisivi soprattutto nella scelta dei rappresentanti da mandare in Parlamento. In realtà, come vedremo, il governo ha sempre giocato un ruolo ben più assorbente: forse non è un caso che nei paesi anglosassoni «government» indichi (non l’esecutivo, ma) le stesse istituzioni statali. Soprattutto, i partiti sono sempre stati circondati dal sospetto, faticando a farsi accettare come intermediari17.

  • 18 Cfr. Campus, 2000, e Giacomini, 2016.
  • 19 Lazarsfeld, Berelson, Gaudet, 1944.
  • 20 Campbell et al., 1960.
  • 21 Calise, 2000; Bentivegna, 2000, Barisione, 2006.

13Eppure i partiti, e anche i loro leader (cfr. qui 4.), mediano fra popolo e istituzioni svolgendo un ruolo di “semplificazione cognitiva”18: invece di informarsi autonomamente, cioè, l’elettore dovrebbe fidarsi di loro. Negli studi in argomento si sono succeduti il Columbia approach, concentrato sulla base sociale dei votanti19, e il Michigan approach, che teorizza l’identificazione con un partito20. Approcci più recenti, invece, partono dalla mediatizzazione e personalizzazione della politica in leader e partiti detti appunto personali21.

  • 22 Cfr. Mair (2013): mentre nei decenni dai Cinquanta ai Sessanta i livelli medi di partecipazione ele (...)
  • 23 Cfr. Scarrow (2000): dai dati relativi alle iscrizioni emerge che in circa tredici democrazie europ (...)
  • 24 “La casta” è anche il titolo del best seller dei giornalisti Stella e Rizzo.

14Sullo sfondo di questi fenomeni si affacciano anche i primi partiti digitali o digitalizzati (qui 3.3), che reagiscono a, e accelerano la crisi dei partiti tradizionali, misurabile in calo della partecipazione alle elezioni22 e in drastica diminuzione degli iscritti23. Se nel caso del giornalismo il frame emergente nella psicologia di massa è il persuasore occulto, nel caso dei partiti è l’establishment: i partiti, in altri termini, sono percepiti come parte di una “casta”, con interessi a parte rispetto al resto della popolazione24.

  • 25 È questo il caso delle emergenze, e talora isterie prima securitarie, poi migratorie e oggi anche s (...)
  • 26 I partiti e anche i parlamenti, storicamente, sono state organizzazioni in grado di collegare i cit (...)

15La crisi di legittimità dei partiti, qui, si confonde con quella della democrazia parlamentare. Tutte le varie emergenze di cui è costellata la storia del Novecento —rivoluzioni, guerre, terrorismo, epidemie, migrazioni, crisi economiche...— costringono i governi a decidere in prima persona, senza passare per il Parlamento, alimentando lo scetticismo sul ruolo dei partiti25. Ma non è l’emergenza permanente a dare il colpo definitivo alla loro legittimità: è la mediatizzazione, che bypassa organizzazioni (partitiche) ed istituzioni (parlamentari) collegando cittadini e potere tramite i media26.

  • 27 Cfr. Mazzoleni, Sfardini, 2009.

16Se il potere comunica tramite i media, però, finisce per assumerne gli stili e le logiche (adattandosi alle affordances mediali). La classe politica e le sue stesse divisioni partitiche, così, diventano parte dell’intrattenimento mediatico, si fanno “politica pop”27. Così, con l’indebolimento della dimensione “contenutistica” della politica a favore di quella comunicativa, il sospetto contro i partiti si generalizza, e si votano soggetti politici sempre nuovi, in una sorta di ricerca infinita perché destinata a non essere mai soddisfatta.

 

2.2.3. Ai due mediatori tradizionali fra popolo e governo aggiungeremmo —controcorrente— lo stesso Parlamento. Questa aggiunta suona controcorrente per due ragioni interessanti. La prima è che da almeno due secoli il Parlamento è ufficialmente ritenuto il cuore del government: altre istituzioni —governo e giudici— sarebbero non decisionali ma esecutive, à la Montesquieu. La seconda ragione è che il Parlamento viene sempre più percepito come rappresentativo (non del popolo, ma) della classe politica.

17La nostra opinione, invece, è che lungi dall’essere centrale o sovrano —com’è ritenuto, forse, solo nel Regno Unito— lo stesso Parlamento nasce, e nei momenti migliori funziona, come organo di controllo del governo. Nato per approvare il bilancio, senza il quale il re prima e il governo parlamentare poi non potevano governare, funge da strumento tramite il quale il popolo —ammesso sia mai esistito indipendentemente— controlla il governo, prima dandogli la fiducia poi approvandone i provvedimenti.

  • 28 Sul caso italiano, cfr. Ferrajoli, 2018. Più in generale, cfr. Bovero, 2015.

18Da questo punto di vista, dunque, il Parlamento non è solo uno degli intermediari fra popolo e istituzioni, come stampa e partiti, ma è l’intermediario per antonomasia, travolto come e più degli altri dai processi di disintermediazione. Qui è inutile citare dati: basti dire che a partire dall’irruzione novecentesca delle masse sulla scena politica, prima ancora che dalla prima guerra mondiale, il Parlamento non è stato più progressivamente il centro delle istituzioni democratiche, ammesso che lo sia mai stato28.

19La stessa funzione legislativa attribuitagli da Montesquieu è passata progressivamente ai governi. Anche nei sistemi parlamentari, forse, il Parlamento si sarebbe già trasformato ufficialmente in organo di controllo, se non fosse per i sempre possibili cambi di maggioranza. La rivoluzione digitale, infine, ha offerto nuove motivazioni alla tradizionale diffidenza contro partiti e Parlamento: basti pensare alla piattaforma Rousseau del M5S, progettata come strumento per passare dalla democrazia rappresentativa alla democrazia diretta.

  • 29 Cfr. Casaleggio, 2018.
  • 30 Il fenomeno, del resto, è più generale: cfr. Tormey, 2015.

20Da questo punto di vista, la proposta dei proprietari del marchio Cinquestelle, la famiglia Casaleggio, di sostituire il Parlamento con votazioni online29, è significativa non solo come tale, ma ancor più per non essere stata accolta da una generale indignazione. Del resto, basta pensare al referendum recentemente tenutosi in Italia per la riduzione del numero dei parlamentari per capire come ormai siamo ben oltre l’anti-parlamentarismo tradizionale: il Parlamento stesso è progressivamente percepito come irrilevante30.

 

2.3. Contro la nozione di disintermediazione, usata per concettualizzare, descrivere ed eventualmente deplorare questi fenomeni, ma non per spiegarli, si possono muovere almeno tre ordini di obiezioni: non fini a se stesse, beninteso, ma forse utili a spiegare. Anticipando la nostra terza obiezione, si potrebbe dire che la nozione di disintermediazione fa ancora parte del problema, non della sua soluzione: appartiene alla percezione, non alla realtà, ammesso che vi sia ancora differenza.

21La prima obiezione è che la nozione di disintermediazione ha un vizio di origine: l’economicismo volgare, un’idea ormai superata dell’economia. «Disintermediazione», s’è visto, viene dal lessico dell’intermediazione prima finanziaria, poi commerciale: tutte attività nelle quali è in gioco la ricchezza materiale, monetizzabile e massimizzabile. L’obiezione suona appunto così: ma neppure in economia si tratta solo di questo. Pure lì, un ruolo decisivo è giocato dall’informazione.

  • 31 Questa è la tesi centrale di Hayek, 1945, che resterà quella di Hayek, 1997: cfr. Schmidtz, 2016. L (...)

22Ce l’ha insegnato il padre dell’economia liberista, e nonno di quella neo-liberista, Friedrich Hayek: il mercato è solo uno strumento per trasmettere informazioni circa il valore di beni o servizi, fissato tramite il meccanismo dei prezzi31. Nessun singolo individuo, e meno che mai un pianificatore centrale, può fare gli interessi della società nel suo complesso, già perché non li conosce. Ognuno conosce, o crede di conoscere, solo i propri interessi: conoscenza fatalmente dispersa poi trasmessa dai prezzi di mercato.

23Allo stesso modo, del resto, funziona la democrazia politica, con i voti, o i sondaggi, al posto dei prezzi: non abbiamo altro modo di sapere quel che pensa il popolo. Mercato e democrazia sono entrambi, in questo senso, mezzi di comunicazione o di mediazione. Nella divisione del lavoro sociale, questa mediazione era affidata sino a ieri a mediatori professionali: stampa, partiti, lo stesso Parlamento. Oggi è affidata sempre meno a tali soggetti e sempre più a media televisivi e digitali: ecco tutta la cosiddetta disintermediazione.

  • 32 Cfr. Leoni, 1997.

24La seconda obiezione a tale nozione deriva da una conseguenza fallace dell’analogia fra mercato e politica: ma forse, di nuovo, si tratta di qualcosa di più di un’analogia, una volta concepiti entrambi come strumenti comunicativi. A differenza di quanto sembrano pensare i neoliberisti, infatti, il mercato non produce solo libera concorrenza, ma monopoli: ai quali, oltretutto, il liberista Hayek era contrario, mentre già il neoliberista Bruno Leoni li accettava, purché fossero prodotti dal mercato e non dallo Stato32.

  • 33 I riferimenti sono a classici della politologia come Mosca, 1922, e Michels, 1966, richiamati recen (...)

25A differenza di quanto pensano i democratici, in effetti, le elezioni non producono solo un ricambio delle élite. Secondo la legge ferrea dell’oligarchia di Roberto Michels, anzi, le elezioni producono necessariamente blocchi di potere, come la classe politica di Gaetano Mosca. Certo, deve poi darsi un certo ricambio nella classe politica perché la democrazia non si trasformi ufficialmente in oligarchia: ma ci sarà sempre un’élite, à la Schumpeter, a mediare fra popolo e istituzioni33.

  • 34 Questi fenomeni di chiusura del mercato (lock in) sono spesso considerati applicazioni della cosidd (...)
  • 35 Una critica sistematica di tale fiducia si trova in uno dei libri migliori su questi temi, Hindman, (...)

26La comunicazione via internet, infine, ha sì prodotto frammentazione e “orizzontalità”, ma poi ha generato monopoli enormi (e “verticistici”): i cosiddetti giganti del digitale. Quando una piattaforma come Facebook supera una certa soglia di mercato, monopolizza il proprio settore34: non ce ne sarà mai un’altra concorrente, ma solo piattaforme che inventano e poi monopolizzano altri settori. La nozione di disintermediazione, insomma, risale al periodo pionieristico del digitale35: poi sono venuti i monopoli.

27La terza obiezione non colpisce solo i presupposti economici(stici) del concetto, ma la nozione stessa. Il termine «disintermediazione» corrisponde all’immaginario dei consumatori di politica subito dopo la rivoluzione digitale. Applicare questo stesso frame al passaggio dagli intermediari tradizionali ai media elettronici, in altri termini, connota tale passaggio in modo favorevole, come una sorta di liberazione del consumatore-utente-cittadino dai filtri precedenti, per restituirgli una libertà o sovranità originaria.

28Il senso di liberazione era già la percezione del teleutente quando si diffuse l’uso del telecomando. Questo è anche il mood dell’utente del web, specie se ricorda ancora l’era pre-digitale. Il consumatore-utente-cittadino, cioè, è convinto di partecipare in prima persona al gioco politico, senza l’intermediazione dei rappresentanti tradizionali. E questa, si badi, non è solo un’illusione: al cuore della politica digitale si forma davvero un circolo, virtuoso per i partecipanti, vizioso per i critici.

  • 36 La distinzione punto di vista del partecipante/dell’osservatore, qui solo evocata, ne richiama ovvi (...)

29Funziona, di nuovo, come nel gioco economico della domanda e dell’offerta, che devono incontrarsi perché il mercato funzioni: anche domanda e offerta politica devono adattarsi l’una all’altra. Ma già notare questo comporta vedere il fenomeno da un punto di vista diverso da quello del partecipante: dal punto di vista dell’osservatore, per quanto empatico o simpatetico36. L’osservatore, in particolare, non può ignorare in che moneta paghiamo questa liberazione: la cessione dei nostri dati (cfr. qui, 3.3 in fine).

30Riassumendo: il frame della disintermediazione, per chiunque osservi con un minimo di distacco la politica odierna, pare equivoco sino al limite dell’inservibilità. L’usura del ruolo dei mediatori “storici” della politica democratica, giornali, partiti e Parlamento, non produce certo la fine di qualsiasi mediazione, semmai mediazioni di tipo nuovo, che vanno esaminate anche nei loro effetti di coinvolgimento emotivo. Proprio a questo, del resto, serve una nuova nozione: quella di neo- o re-intermediazione.

3. Neo- o re-intermediazione

  • 37 Cfr. già Goldsmith, Wu, 2006: 70 («la nascita della rete non ha eliminato gli intermediari, li ha s (...)

31Per neo-, o re-intermediazione, intendiamo l’integrazione e/o la sostituzione degli intermediari tradizionali della politica democratica —stampa e altri media, partiti tradizionali e, al limite, lo stesso Parlamento— con mediatori specificamente digitali37. Chiamiamo neo-intermediari fra popolo e istituzioni proprio questi nuovi intermediari, i quali, è il caso di ripetere, normalmente si aggiungono a, e solo talora sostituiscono o ambiscono a sostituire gli intermediari tradizionali.

32Di questi neo-intermediari, qui di seguito, distinguiamo tre tipi. Anzitutto, gli info-mediari: soggetti individuali che influiscono sull’opinione pubblica tramite i loro siti o blog personali. Poi, le grandi piattaforme digitali (i giganti del digitale) che esercitano, spesso in condizioni di quasi-monopolio, la re-intermediazione del traffico informatico, e quindi anche della politica online. Infine, i partiti digitali, a loro volta distinti in partiti-piattaforma, nati sul e per il web, e meri partiti digitalizzati.

 

3.1. Il termine «info-mediari» ha un senso stretto e uno ampio. In senso stretto indica quei soggetti semi-professionali che aiutano i consumatori a districarsi fra le trappole del marketing, confrontando prezzi in un settore di mercato (viaggi, assicurazioni, mutui...). In senso ampio, invece, «info-mediari» indica chiunque (si) assuma la funzione di orientare l’opinione pubblica online: siti d’informazione, blog personali poi accolti dai siti... Anche qui, si direbbe, con il solito meccanismo di aggregazione.

  • 38 In realtà, nella breve storia tracciata ad esempio in McNamee, 2019: 45-68, il digitale nasce prima (...)
  • 39 Per il daily me —la tendenza a farsi un menu d’informazioni personalizzate— cfr. già Negroponte, 19 (...)

33Anche il processo di re-intermediazione, in particolare, potrebbe schematizzarsi in tre passaggi. Prima, l’apparente individualizzazione e frammentazione dell’informazione prodotta dai media digitali: la disintermediazione propriamente detta38. Poi, l’aggregazione delle fonti individuali in fonti collettive informali: tipicamente, comunità digitali di amici e/o follower, che cominciano a funzionare come nicchie informative, bolle di filtraggio o camere dell’eco, di cui si denuncia subito la polarizzazione39.

34Infine, con la fidelizzazione degli utenti di internet attorno a opinion leader, blog o siti —scelti in base a criteri fra i quali la sinergia con i media tradizionali— alcune pagine Facebook, alcuni blog, alcuni siti, finiscono per fungere da info-mediari (non semplicemente di un settore di mercato, ma) dell’informazione in genere, e di quella politica in specie. Questo cambia anche i media tradizionali: non più letti tanto per le notizie, reperibili anche online, quanto per i commenti di alcuni opinion leader.

 

  • 40 La storia del digitale, di cui si ricordano solo i vincitori, è disseminata di imprese fallite o pe (...)

3.2. I neo-intermediari digitali per antonomasia sono i grandi intermediari della rete: le piattaforme che, prima letteralmente inventandosi il settore di mercato in cui operano, poi vincendo la concorrenza di altri intermediari40, sono diventate di fatto monopolisti in quel settore. Prima di esaminare i tre principali esempi —Google, Twitter, Facebook— consideriamo, in generale, come funziona il potere di neo-intermediazione di cui i giganti del digitale costituiscono altrettanti esempi.

35Tale potere d’intermediazione è duplice. Intanto, le piattaforme fungono da filtri o gatekeeper: nel flusso d’informazioni, cioè, selezionano le notizie abbastanza rilevanti da meritare di arrivare agli utenti. È appena il caso di segnalare che nel web 2.0, attraverso i cookies, la ricerca di notizie è sempre personalizzata (targeted), non tanto per aiutarci quanto per estrarre dati su di noi. Quanto più aumentano le informazioni, del resto, tanto più occorrono motori di ricerca come Google, i quali le ordinano tramite algoritmi.

36Poi, come s’è visto a proposito dei giornali, i media digitali determinano indirettamente anche l’agenda setting pubblica: mettendo le notizie in un certo ordine (ranking), infatti, essi influiscono sulla loro fruizione. Certo, non lo fanno più in modo “artigianale”, come farebbe una redazione con il proprio giornale, ma in maniera “algoritmica”, decidendo, in modo spesso automatizzato ma comunque discrezionale, la pesatura dei criteri con cui una informazione appare in risalto.

  • 41 Così Iyenger, Kinder, 1987.

37I meccanismi di filtraggio e ranking, di selezione e agenda setting, erano già noti per esperimenti fatti sulla stampa cartacea. Dividendo i soggetti dell’esperimento in due gruppi, e fornendo loro, rispettivamente, notiziari “normali” e modificati con notizie su temi specifici (inflazione, inquinamento, controllo delle armi...), il gruppo esposto a notizie modificate, a differenza del gruppo di controllo, riteneva più importanti i temi inseriti artificialmente dagli sperimentatori41.

  • 42 Cfr. Kramer, Guillory, Hancock, 2014.

38Per i media digitali, un esperimento simile è stato fatto anche da Facebook su 689.003 propri utenti, selezionati casualmente e divisi in tre gruppi. Al primo era inibita la visualizzazione di post con contenuti emotivamente positivi, al secondo succedeva lo stesso con contenuti negativi, mentre il terzo gruppo, di controllo, riceveva i contenuti normalmente selezionati dall’algoritmo di Facebook. Riducendo i contenuti positivi o negativi, gli utenti producevano meno post positivi o negativi, rispettivamente42.

  • 43 Damasio, 1995, Kahneman, 2011.

39Questi esperimenti, isolando le variabili da indagare, e quindi astraendo almeno in parte dal contesto di sfondo, evidenziano la presenza di meccanismi di filtraggio e di agenda setting che, complessivamente, rimangono costanti nel passaggio dai media analogici, specie la televisione, ai media digitali. Gli psicologi cognitivi ritengono che ciò corrisponda, ancor più profondamente, a genuine esigenze biologico-cognitive, sedimentatesi a seguito degli adattamenti evolutivi di homo sapiens43.

  • 44 Il classico degli studi sulla bounded rationality è Simon, 1982.
  • 45 Nel senso di Eco, 1964.

40La razionalità umana è limitata, per adempiere alle sue funzioni evolutive44. Dare risposte rapide a un pericolo favoriva la sopravvivenza dei nostri avi, lasciando in noi scorciatoie cognitive, le euristiche, che possono portare a errori (bias). Informandosi rapidamente, gli individui risparmiano energie cognitive ma semplificano drasticamente le informazioni. A proposito dei tre casi paradigmatici di intermediari digitali, qui, cercheremo appunto di accreditare la seguente ipotesi, vagamente “apocalittica”45.

  • 46 Cfr. Giacomini, 2018b.
  • 47 Cfr. Walzer, 2001.
  • 48 Cfr. Carr, 2010.

41La razionalità limitata è una costante cognitiva di ogni epoca e di ogni sistema politico, tale da determinare la “crisi cronica” della democrazia, in tutte le sue fasi storiche46. Elementi come la mobilitazione o la dimostrazione erano già tipici del cosiddetto “trentennio d’oro” delle democrazie occidentali47. In questi ultimi anni, tuttavia, ci si interroga sempre più sugli effetti del digitale per quanto riguarda l’attenzione, la concentrazione, la “decantazione riflessiva” di cui sono capaci gli utenti48.

  • 49 È la nota tesi di Popper, 2019 e Sartori, 2000.
  • 50 Cfr. rispettivamente Calasso, 2018: 77, e Zuboff, 2019: 477 e 480, che parla appunto di «prossima n (...)

42Probabilmente ci sono importanti differenze fra media comparativamente “lenti” o “riflessivi”, come i documenti cartacei (giornali, libri), media basati sul suono (radio) e poi anche sulle immagini (cinema, televisione)49, e infine media dominati da un flusso veloce e continuo di testi-suoni-immagini (pc, tablet, smartphone). Questi non determinano forse la «morte del pensiero», come qualcuno ha radicalmente sostenuto, ma almeno un rischio altrettanto grave: «il ritorno al branco»50.

 

  • 51 Cfr., sin dal titolo, Vaidhyanathan, 2012. Per Zuboff, 2019: 73: «Google sta al capitalismo della s (...)

3.2.1. Una delle piattaforme più caratteristiche dell’ambiente digitale, in quanto principale motore di ricerca, è Google: per certi versi, anzi, si tratta della meta-piattaforma —la piattaforma delle piattaforme— perché ormai tutto nasce e tutto passa di lì51. Il core business dell’omonima azienda californiana, cresciuta intorno al motore di ricerca Google Search, inventato da Larry Page e Sergey Brin nel 1997, è sempre stato la ricerca di informazioni in rete: attività di cui Google è sempre rimasta leader nonostante le crisi attraversate e le sfide portate da altre aziende.

  • 52 Sulle vicende societarie di Google, in effetti, Zuboff, 2019: 73-108, costruisce la narrazione dell (...)

43Oggi, chiunque cerchi un ristorante, un idraulico o un prestito, sa di poterli trovare su Google, grazie all’intermediazione dell’algoritmo PageRank: un mistero, quest’ultimo, meglio custodito del Terzo segreto di Fatima. Non è forse altrettanto noto, invece, che l’azienda ha rischiato di sparire, come tante start-up californiane inizialmente incapaci di generare profitti, nella bolla delle dot-com del 2000. Google è uscita dalla crisi, divenendo una superpotenza commerciale, solo a patto di perdere l’innocenza originaria52.

  • 53 Così Pariser, 2012: 9: gli indicatori vanno «dal luogo in cui siamo al browser che stiamo usando, f (...)

44Dalla crisi delle dot-com, infatti, Google è uscita accettando la pubblicità (advertising), che prima sdegnava. Una seconda svolta s’è avuta nel 2009 quando l’azienda ha adottato ufficialmente la personalizzazione degli utenti praticata anche prima: il targeting. Quando facciamo una ricerca su Google crediamo di trovare gli stessi dati di tutti gli altri. Ma, almeno dal 2009, la selezione e il ranking dei temi delle nostre ricerche è determinato da un algoritmo che personalizza i dati in base a 57 indicatori53.

  • 54 Cfr. Duhigg, 2018.
  • 55 Introna, Nissembaum, 2000.
  • 56 Grimmelmann, 2008-2009.

45Personalizzazione e monopolio, di nuovo, vanno insieme: Google non avrebbe mai raggiunto l’attuale predominio, noie legali e multe miliardarie comprese54, se avesse fornito le stesse informazioni a un operaio dell’Ohio e a una modista ungherese. In quel caso, infatti, qualche piattaforma più spregiudicata l’avrebbe fatalmente soppiantata. Resta il fatto che il ruolo d’intermediazione di Google, noto sin dall’inizio del millennio55, lo espone allo stesso dilemma cui sono esposti gli altri intermediari digitali: servilismo o paternalismo56?

  • 57 Così ancora Pariser, 2012: 62.

46Il paternalismo è il difetto ancora attribuito dagli entusiasti di internet ai “vecchi” intermediari: decidono loro, insindacabilmente, cosa vada ritenuto più importante per il lettore. Il servilismo è il difetto opposto, attribuito dai critici ai neo-intermediari: dicono all’utente esattamente quel che vuole sentirsi dire57. Che il servilismo stia prevalendo, però, non dipende solo dall’avidità dei capitalisti del web. Se si vuole aumentare il traffico in rete e restare sul mercato, non c’è alternativa ad asservirsi ai gusti degli utenti.

 

3.2.2. Una seconda piattaforma celeberrima, specie da quando il candidato prima e poi presidente Donald Trump la usa sistematicamente, è Twitter: un servizio di micro-blogging —originariamente 140 battute, ora il doppio— detto anche l’sms di internet. Curiosa l’origine: la start-up californiana ripiegò sul micro-blogging dopo essere stata preceduta da Apple sulla fornitura di altri servizi. Il nome stesso fu adottato, secondo Wikipedia, solo perché significava «una raffica di informazioni irrilevanti».

  • 58 Lo segnala Gillespie, 2012, ma è un esempio che ritorna continuamente in letteratura.

47La neutralità della neo-intermediazione assicurata da Twitter ha fatto anch’essa molto discutere, come risulta dal pluri-citato episodio seguente58. Durante le manifestazioni di Occupy Wall Street, a New York (2011), gli attivisti usavano strumenti digitali, fra cui Twitter. Eppure la discussione online, svolta sotto l’hashtag #occupywallstreet, non compariva fra i trend topic: gli argomenti che “fanno tendenza”. Allora, molti attivisti, utenti e commentatori protestarono, accusando Twitter di censurare il movimento.

48Le accuse, già allora, non avrebbero dovuto rivolgersi a Twitter ma agli algoritmi adottati dalla piattaforma: evidentemente opachi, se non permettevano a hashtag di movimenti quali Occupy Wall Street di diventare trendy. Altrettanto evidentemente, i trend topic di Twitter non sono neutrali, ma includono valutazioni quali le seguenti. L’hashtag è impiegato per la prima volta? L’uso accelera rapidamente o cresce con regolarità? È impiegato in un’area geograficamente e socialmente specifica oppure è trasversale?

  • 59 Così Morozov, 2013.

49Pare che l’algoritmo “preferisca” le novità piuttosto che i fenomeni più importanti ma costanti: cosa che capitava già ai giornali, interessati ai postini che mordono i cani e non viceversa. Per contro, lo stesso algoritmo sembra considerare le discussioni fra utenti della stessa area geografica o sociale meno meritevoli di comparire come trend topic, rispetto a discussioni trasversali fra gruppi diversi. Evidentemente, adottando quell’algoritmo, s’è scelto di preferire l’ampiezza alla profondità59.

  • 60 Giacomini, 2018a: 101 ss.

50In ogni caso, è evidente che Twitter, stabilendo i criteri di rilevanza e di ranking di certi messaggi, ed escludendone altri, contribuisce a influenzare e anche a orientare, intenzionalmente o meno, il dibattito pubblico. Le piattaforme digitali come Twitter, ovviamente, esercitano una selezione e un’agenda setting dei messaggi. Benché questa sia diversa da quella compiuta dai media tradizionali, è almeno altrettanto capillare, sistematica e pervasiva. Del resto, si tratta di neo-intermediazione proprio per questo60.

 

3.2.3. La terza piattaforma digitale, ormai il caso paradigmatico di social network, è Facebook, lanciata solo nel 2004 dal suo inventore e proprietario, Mark Zuckerberg. Nata per mettere in contatto le persone, compresi gli autori di questo articolo, per mezzo di post, immagini e foto, senza i limiti di spazio dei tweet, è cresciuta esponenzialmente sino a due miliardi e duecento milioni di utenti: più degli aderenti al cristianesimo, e con un traffico giornaliero a sua volta superiore al numero dei fedeli musulmani.

51Anzi, con l’acquisizione di altri due social media analoghi, Whatsapp e Instagram, i cui utenti non coincidono neppure con i suoi, Facebook connette ormai oltre tre miliardi di utenti: più di un abitante del pianeta su tre. Anche a seguito di scandali come Cambridge Analytica, che ne hanno definitivamente minato le pretese di neutralità, è rispetto a questo social network in particolare che si pongono i tre tipici problemi della neo-intermediazione: moderazione, infiltrazione e gestione dei dati.

52Il primo problema è la cosiddetta “moderazione”, in realtà sorveglianza ed eventuale censura, dei contenuti dei post. Più esattamente, prima c’è l’adozione degli algoritmi, che già determinano l’ambiente del social. Poi c’è la moderazione vera e propria, esercitata originariamente da personale impreparato e sottopagato e ora, in modo crescente, da altri algoritmi. Infine, ci sono gli interventi d’autorità dei vertici dell’azienda, ove ciò sia richiesto per rispondere ad allarmi morali, politici e sociali.

  • 61 State, Adam, 2015.

53Prendiamo solo due interventi compiuti dall’azienda di Zuckerberg, uno in positivo e l’altro in negativo. L’intervento positivo è il supporto alla decisione della Corte suprema statunitense sui matrimoni gay (26 giugno 2015), con l’introduzione della possibilità per l’utente di dichiarare il proprio sostegno/appartenenza alla comunità LGBT61. L’intervento negativo è la chiusura di 23 pagine italiane, con oltre due milioni di follower, due settimane prima delle elezioni europee del 2019, per diffusione di fake news e hate speech.

54Il problema, evidentemente, è: chi decide, in base a quali criteri? I signori del digitale, almeno in questo fedeli all’etica originaria della rete, avevano sempre respinto ogni controllo statale, anche solo per fissare parametri. Solo dopo le multe miliardarie subite per lo scandalo Cambridge Analytica, Zuckerberg s’è spinto a chiedere una regolamentazione, sul modello del RGPD dell’Unione Europea. Ma quando un servizio come questo è esercitato in condizioni di monopolio non dovrebbe essere controllato dagli Stati?

  • 62 È questa, nella sostanza, l’accusa mossa a Zuckerberg da McNamee, 2019.

55Il secondo problema è l’infiltrazione: la strumentalizzazione dei social network da parte di individui, gruppi, organizzazioni che, conoscendone l’architettura, lo usano ai propri fini legali o illegali. È qui che appare a luce meridiana la non-neutralità della rete, secondo la già citata legge di Kranzberg. Social come Facebook non sono affatto innocenti per le strumentalizzazioni compiute da soggetti diversissimi come governi, polizia postale, hacker, aziende private, servizi segreti, che comunque si guardano bene dall’impedire62.

56Prendiamo il caso Cambridge Analytica, ormai universalmente noto. Il caso non è grave solo in sé, per aver contribuito all’elezione di un irresponsabile leader populista a presidente della maggiore democrazia del pianeta. E neppure per le modalità di svolgimento della manipolazione, con la cessione indebita a una società di consulenza dei dati personali accumulati su milioni di utenti senza il loro consenso. La cosa davvero grave è la manipolabilità strutturale delle grandi piattaforme.

57Perché la diffusione di fake news, hate speech, e simili, non è ancora, e probabilmente non sarà mai efficacemente impedita —salvo eccezioni che confermano la regola— da giganti del digitale come Facebook? Perché impedirla sarebbe in contrasto con le leggi di mercato grazie alle quali sono diventati le aziende più remunerative del capitalismo globale. Un tweet di Trump, specie se razzista, sessista ed estremista, produce più traffico digitale, e guadagni per le aziende, di qualsiasi post politicamente corretto.

  • 63 Han, 2016: specie la critica devastante del datismo (datism) in 66 ss.

58Il terzo problema, sottostante ai primi due e ancor più pervasivo, riguarda ciò che l’enorme pubblicistica anti-internet chiama di volta in volta economia dell’attenzione, dittatura degli algoritmi, capitalismo della sorveglianza e via demonizzando: il controllo dei dati. La viralità dei social media, la circolazione delle informazioni anche più private, e in generale tutto il complesso dei fenomeni che, per lodarli, erano stati chiamati disintermediazione, risponde a un meccanismo semplicissimo, denunciato da Byung-Chul Han63.

59Come aveva già capito Hayek, infatti, sono i dati, le informazioni, l’oro nero del capitalismo odierno. Non è un caso che Google, Facebook, Twitter, Amazon, Microsoft —le cinque sorelle del digitale— abbiano superato, per capitalizzazione in borsa, le aziende petrolifere e dell’energia. Connettersi non è gratuito: ognuno di noi paga cedendo i propri dati, che serviranno poi a personalizzare la pubblicità propria e altrui. Persino a denunciare in rete le malefatte del capitalismo digitale si finisce per alimentarlo.

 

  • 64 Questa seconda denominazione non è comune in letteratura. Ad esempio Gerbaudo, 2018: 13, parla a qu (...)
  • 65 Così, quasi letteralmente, Calasso, 2018: 77.

3.3. Il terzo tipo di neo-intermediari, sempre fra popolo e istituzioni, sono i partiti digitali e digitalizzati64. Entrambi hanno imitato la disintermediazione informatica realizzata da infomediari e piattaforme digitali: se si usa internet per prenotare un aereo, perché non usarlo anche in politica?65. Partiti digitali e digitalizzati, del resto, costituiscono un altro passaggio nel processo di mediatizzazione e personalizzazione dei partiti tradizionali, già avviato nella seconda metà del secolo scorso.

  • 66 Sul quale i contributi migliori restano —al di là del livore che qua e là trapela— Dal Lago, 2017, (...)

60Il caso paradigmatico di partito digitale resta il Movimento Cinquestelle66: benché non manchino altri esempi, dai partiti pirata del Nordeuropa sino a Podemos. Trattandosi di fenomeni ancora relativamente nuovi, qui le categorie sono ancora da elaborare —con il metodo del tipo ideale, insegnatoci da Max Weber— a partire da tipi, od originali, reali. Se si volesse indicare un criterio distintivo fra partiti digitali e meramente digitalizzati, allora, si potrebbe forse indicare il seguente.

  • 67 Così Gerbaudo, 2018: 14: «Il partito piattaforma è tale [in primo luogo] perché integra nel suo fun (...)
  • 68 Cfr. ancora Gerbaudo, 2020: 193-211 (che parla questo proposito di iper-leader) e, per una testimon (...)

61Chiamiamo digitali i partiti-piattaforma67, nati sulla e per la rete, a opera di spin doctor che spesso continuano a controllarli anche dopo averli ideati68. Accanto ai due elementi più noti del populismo mediatico, i media e il leader, emerge qui un terzo elemento, non del tutto inedito ma distintivo: lo spin doctor. Questi è colui che costruisce la macchina mediatica, poi la gestisce pianificando le campagne di propaganda online, conservando una tale importanza da assumere talvolta la funzione di leader.

62È appunto questo il caso del M5S, partito-azienda della Casaleggio Associati, di cui è garante un altro guru della rete e prim’ancora personaggio televisivo, Beppe Grillo. La piattaforma Rousseau, infatti, è stata creata da Gianroberto e oggi è ancora gestita da Davide Casaleggio. Analogo il caso di Podemos, partito ideato da Pablo Iglesias, già consulente di leader mediatici latino-americani come Hugo Chávez e personaggio televisivo, che alla fine s’è messo in proprio, creando un proprio partito nel 2014.

  • 69 Cfr. Gometz, 2018.
  • 70 Cfr. Corbetta, Gualmini, 2013, 2017.

63Fra le funzioni di neo-intermediazione svolte dai partiti digitali, però, non c’è forse più sostituire il Parlamento: promessa impallidita man mano che si assumevano responsabilità di governo69. Fra le funzioni davvero svolte dalla piattaforma Rousseau, però, ci sono lo sharing (condivisione di proposte di legge e atti elaborati a livello comunale e regionale), il fundraising (la raccolta di fondi), l’e-learning (corsi online sull’attività istituzionale) e lo “scudo della rete” (per il sostegno legale ai blogger querelati)70.

64Sono digitalizzati, invece, quei partiti che, nati come partiti tradizionali, e trasformati in partiti personali del leader, si sono poi dotati di una poderosa macchina digitale. Tramite quest’ultima il leader è, al contempo, sempre connesso con i propri follower sui social ma anche onnipresente sui media tradizionali. Pure qui la definizione del fenomeno è ricalcata su un tipo reale, la Lega di Matteo Salvini, il quale però combina le tecniche comunicative di altri leader populisti, da Trump a Viktor Orbán.

65Proprio per i partiti digitalizzati, anzi, diviene palese la continuità con i partiti tradizionali, oscurata dalle pretese movimentiste dei partiti digitali e dalla comune retorica anti-establishment. La Lega, ma anche molti altri movimenti di destra e di estrema destra europei, sono cioè cresciuti esponenzialmente anche perché, grazie al web, potevano giocare entrambi i ruoli in commedia. Da un lato, critici feroci dell’élite e dei partiti tradizionali, dall’altro nuove élites e nuovi partiti, a volte esistenti quasi solo online.

  • 71 Lo ricordano Lijphart, 1977 e da ultimo ancora Pasquino, 2014. Sul compromesso —oggi spesso liquida (...)

66Insomma, contro la retorica della disintermediazione, appare chiaro che i partiti digitali e/o digitalizzati soddisfano, in modi differenti, le stesse esigenze d’intermediazione non più soddisfatte dai partiti tradizionali. Infatti, anche quando, in omaggio a tale retorica, essi pretendono di non essere più partiti ma meri movimenti, pare chiaro che essi svolgono le stesse funzioni dei partiti tradizionali: aggregare opinioni disperse, dar forma all’elettorato riducendone la complessità, e persino consentire il compromesso71.

67Si apre qui il problema, che sarà al centro della prossima sezione, del ruolo rispettivo giocato dalla macchina mediatica e dal leader. Il problema potrebbe essere già salomonicamente risolto notando che la macchina mediatica è più importante nei partiti digitali, nonostante l’iniziale riluttanza del M5S a servirsi della televisione, mentre il leader è più importante nei partiti digitalizzati, che sono una sorta di partito personale 2.0. Per confrontarsi con tale problema, però, bisogna affrontarne un altro sinora rinviato: il populismo.

4. Populismo mediatico e rappresentanza diretta

  • 72 Barberis, 2020, usava ancora l’espressione «populismo digitale», benché riferita a un sistema media (...)

68Si sarà forse notato che, intenzionalmente, non è stato sinora speso l’inflazionato termine «populismo» e, meno ancora, la sua migliore specificazione per i fenomeni odierni: «populismo mediatico»72. La ragione non è che termine e specificazione siano difficili da definire: tutt’altro, come vediamo subito. Piuttosto, prima di definirli, si volevano accumulare le condizioni che hanno trasformato il populismo, da anomalia democratica, in poco meno che scelta di default per chi voglia fare politica oggi.

  • 73 Urbinati, 2019. Ma cfr. anche Pappas, 2019.

69Qui di seguito si fornirà prima una definizione di «populismo» e «populismo mediatico», poi s’ipotizzerà il principale meccanismo populista odierno, il cortocircuito fra istituzioni e media, infine si esaminerà l’ingrediente meno ovvio della nostra definizione: la nozione di rappresentanza diretta. Quest’ultima costituisce l’apporto principale agli studi sul populismo del miglior libro sinora uscito sul tema —Io, il popolo, della Urbinati—73 ma anche una possibile alternativa alla stessa nozione di neo-intermediazione.

 

4.1. «Populismo», in genere, può definirsi come discorso politico caratterizzato da 1) appello al popolo, 2) demonizzazione di élites e minoranze in genere (anti-pluralismo) e, come anticipato, 3) rappresentanza diretta, nel senso che vedremo. Questa definizione fornisce intanto, qualitativamente, una lista dei criteri in base ai quali una posizione, un partito o un leader possono dirsi populisti, poi, quantitativamente, tre indici in base ai quali tutti questi soggetti possono ritenersi più o meno populisti.

70«Populismo», e ancor più «populista», sono termini valutativi, usati per lodare una posizione (se si è populisti) o per criticarla (se si è anti-populisti). Già questo genera disaccordi su cosa sia il populismo, ma ancor più ne genera la circostanza che si possa essere più o meno populisti. In effetti, tutti saremmo d’accordo a etichettare come populisti Juan Domingo Perón o Trump; minore accordo vi sarebbe già su Viktor Orbán e Boris Johnson; ancor meno su Matteo Renzi o Emmanuel Macron.

71La ragione principale per cui il populismo, da eccezione della politica democratica, si sta trasformando in regola, consiste nella crescente mediatizzazione della politica, il cui apice è stato sinora toccato con la digitalizzazione. Come la comunicazione face to face della politica ateniese rendeva efficace la demagogia, così il populismo —fenomeno più specifico della mera demagogia— sembra reso quasi obbligatorio dal trasferimento della politica sul circuito integrato dei media, analogici e digitali.

  • 74 Cfr. Barberis, 2020: 122-163, aggiornato in Barberis, 2021.

72È questo a rendere necessaria la specificazione «mediatici» a proposito dei populismi odierni. A distinguerli dalla millenaria demagogia e dal secolare populismo “storico”, infatti, è proprio l’uso sistematico dei media. L’ondata populista che nel 2016 ha travolto le più antiche democrazie consolidate, Regno Unito e Usa, si spiega certo non solo, ma principalmente così. Senza le condizioni mediatiche, le condizioni politiche, economiche e psicologiche non sarebbero state sufficienti a determinarla74.

  • 75 Barberis, 2020: 37-39.

73I media digitali, soprattutto gli smartphone, hanno catalizzato gli altri processi: crisi della democrazia parlamentare e dei partiti, disuguaglianze innescate dalla globalizzazione, risentimento prodotto da tali diseguaglianze. L’aspetto distintivo della politica odierna sin dal Novecento, la mediatizzazione, ha finito per occupare le istituzioni. Vediamo subito come a proposito del rapporto strettissimo instauratosi fra circuito istituzionale e circuito mediatico possa parlarsi di un vero e proprio cortocircuito75.

 

  • 76 Cfr. Urbinati, 2014.

4.2. Per «cortocircuito fra istituzioni e media» —altra espressione imparentata con «disintermediazione», forse più precisa, certo più allarmistica— intendiamo al contempo il funzionamento del populismo mediatico e il suo principale rischio. Le istituzioni in genere sono dispositivi salva-razionalità: le istituzioni democratiche, in particolare, permettono di deliberare in modo consensuale, ma anche riflessivo. Bene, il populismo mediatico rischia di sfigurare la democrazia —verbo impiegato dalla Urbinati—76 confondendo i ruoli.

  • 77 Lo nota Orsina, 2020: 86, che formula così i due punti: «Pretendiamo che chi è stato eletto vada ne (...)

74Può un presidente degli Stati Uniti anticipare le proprie decisioni su Twitter? Può un ministro degli interni essere in campagna elettorale permanente, in perenne diretta Facebook? Può la presidente della Banca centrale europea far crollare i mercati con dichiarazioni incaute ai giornali? Se lo stesso modo di procedere s’estendesse alle istituzioni di garanzia, ci sentiremmo più tranquilli, o meno? Non è un caso, forse, che queste preoccupazioni compaiano ai primi due punti del programma antipopulista del Movimento delle Sardine77.

  • 78 L’esempio, nel quale i lettori italiani riconosceranno il vice-premier Luigi Di Maio, si trova anch (...)

75Pubblico/privato, politico/tecnico, etica della responsabilità/etica della convinzione: queste sono solo alcune delle tante distinzioni travolte dal discorso populista, rivelatosi altrettanto efficace a conservare il potere che a conquistarlo. Del resto, quando un ministro populista risponde alle critiche rivoltegli dalla Banca d’Italia «se non siete d’accordo, presentatevi pure voi alle elezioni», mostra che il cortocircuito non è più solo una risorsa comunicativa, ma un attentato alla razionalità delle istituzioni78.

 

4.3. Come s’è anticipato, il libro della Urbinati è forse il contributo migliore uscito dopo il diluvio di pubblicazioni, non sempre perspicue, prodotto dall’ondata populista del 2016. A opinione di chi scrive, ma forse della stessa autrice, il libro fornisce un’analisi preziosa —benché come vedremo ancora insufficiente— del peculiare rapporto che si crea fra “popolo” populista e suoi esponenti politici. Si tratta di una specificazione dello stesso rapporto da noi concettualizzato come neo-intermediazione e cortocircuito media/istituzioni.

76La concettualizzazione di Urbinati, s’è detto, è formulata in termini di rappresentanza diretta: ossimoro indicante la particolare relazione —un tertium quid fra democrazia diretta degli antichi e democrazia rappresentativa dei moderni— che la democrazia populista tituirebbe fra popolo e leader, tanto di opposizione quanto, a maggior ragione, di governo. Il titolo stesso del libro, Io, il popolo, evoca questa relazione speciale fra popolo e leader, sintetizzata da una frase del già citato Chávez.

  • 79 Citato in Urbinati, 2020: 203 (anche per i riferimenti testuali).

77Il presidente venezuelano, nel corso di uno dei suoi torrenziali discorsi televisivi, nel 2010 avrebbe affermato: «Io non sono un individuo: io sono il popolo». E ancora: «Solo il popolo può salvare il popolo, io sarò il vostro strumento»79. L’esempio mostra cosa Urbinati intenda quando, con dovizia di riferimenti storici e filosofici, parla di rappresentanza per incorporazione, tramite il corpo stesso del leader, come modo per superare il problema più profondo del populismo, la sua possibile contraddizione interna.

78Il populismo, come risulta anche dai due primi punti della nostra definizione —apparentemente condivisi non solo dalla Urbinati, ma da tutti i teorici del populismo— si appella al popolo contro le élites: tecnica che gli basta per fare opposizione e anche per conquistare il potere. Quando il potere è conquistato, però, i populisti rischiano sempre di essere percepiti come una nuova élite, non meno repressiva e autoritaria delle precedenti. La rappresentanza diretta per incorporazione li salva appunto da tale rischio.

  • 80 La metafora dell’incarnazione, con tutte le implicazioni teologico-politiche che comporta, è della (...)

79Il leader populista, oltre a presentarsi come un outsider rispetto all’élite precedente, una volta conquistato il potere starà sempre in pubblico, in campagna elettorale permanente: così il popolo si tranquillizzerà sul fatto di poterlo controllare. Se poi, come tutti i governanti, dovrà fatalmente fare compromessi con altri governanti, o con le élites precedenti o rivali, ciò avverrà ben lontano dalle telecamere: queste dovranno mostrare solo l’ossessiva presenza con la quale il leader incarna il popolo80.

  • 81 Cfr. Urbinati, 2020: 196-200.

80Urbinati è consapevole che questa (ri-)proposizione della figura del leader come neo-intermediario fra popolo e governo, anche per il populismo odierno, suscita immediate obiezioni: a due di esse, anzi, risponde preliminarmente81. Restano però tre altre obiezioni. Intanto, l’autrice finisce per associare il populismo ai totalitarismi e autoritarismi novecenteschi: benché poi lei stessa lo ritenga una variante della democrazia. Poi, la teoria della Urbinati non dà conto dei vari movimenti populisti senza leader.

  • 82 Ibidem: 251.

81Proprio per contrastare la seconda obiezione, l’autrice dedica l’ultimo capitolo del libro, intitolato appunto “Rappresentanza diretta”, a esaminare i casi più vistosi di populismi senza leader mediatico —il M5S e, forse, Podemos— che sono anche quelli dei partiti digitali. Urbinati mette le mani avanti, per così dire, parlando a loro proposito di «iperleaderismo, innescato mediante dispositivi digitali da due movimenti nati all’insegna dell’orizzontalismo e della rappresentanza diretta»82.

  • 83 Ibidem: 254.

82«Iper-leader» è il nome dato da Gerbaudo (2018), citato anche dall’autrice83, agli spin doctor dei partiti-piattaforma, i Casaleggio, i Grillo e gli Iglesias. Creata la piattaforma, cioè, questi continuano a controllarla anche dopo che il movimento s’è diffuso offline, e magari è andato al potere. Ora, il prefisso «iper-» lascerebbe pensare che costoro siano leader “più forti” degli altri: il che dovrebbe servire a confermare a fortiori la tesi della Urbinati che anche i populismi odierni richiedano un leader per incarnare il popolo.

  • 84 Ibidem: 282.
  • 85 Ibidem: 300. Riportiamo la citazione integrale, mettendo in corsivo il riferimento al populismo dig (...)

83Eppure non è esattamente così: almeno per i partiti digitali. Può forse esserlo per i partiti digitalizzati: dove però il leader è persona diversa dallo spin doctor. M5S, Podemos, le stesse primavere arabe —per Urbinati, caso paradigmatico di rappresentanza diretta—84 sono movimenti populisti senza leader tradizionali. Il M5S ha avuto un leader carismatico, Beppe Grillo, solo quando era una “startup”, mentre i leader successivi sono stati tutto tranne che carismatici. Del M5S non può dirsi, in particolare, che «prende [...] il nome del suo leader»85, come vorrebbe Urbinati pensando a Perón.

84Qui, fatalmente, si affaccia una terza obiezione, ancor più imbarazzate della prima (l’assimilazione dei populismi odierni a totalitarismi, autoritarismi e populismi novecenteschi), e della seconda (il leaderismo non è condizione né necessaria né sufficiente perché si dia populismo). La terza obiezione suona così: benché la teoria di Urbinati denoti correttamente i fenomeni rilevanti —soprattutto la mediatizzazione e il leader— li connota equivocamente, facendo dipendere la mediatizzazione dal leader.

  • 86 Sulla depoliticizzazione, cfr. almeno Anselmi, De Nardis, 2018.

85Detto altrimenti, le due teorie, quella di Urbinati e la nostra, sono co-estensive, cioè denotano gli stessi fenomeni, ma li connotano diversamente: la prima in termini di leader, sia pure mediatico, la seconda direttamente in termini di mediatizzazione. La teoria di Urbinati, in particolare, indica nel leader l’intermediario populista: come se non fosse esso stesso un’euristica cognitiva, già trasformatasi in bias nei totalitarismi del Novecento e oggi divenuta, piuttosto, un rimedio alla depoliticizzazione86.

  • 87 Cfr. Urbinati, 2020: 251, che li caratterizza ulteriormente come «applicazioni decisionali on-line (...)

86I media sono invece derubricati dalla Urbinati a «“strumenti partecipativi” offerti dal web»87: meri facilitatori del populismo, dunque. La nostra teoria li prende più sul serio: ne fa un elemento definitorio dei populismi mediatici (televisivi, digitali o digitalizzati), concepiti come neo-intermediari che sostituiscono gli intermediari tradizionali. Poi li considera (non strumenti, ma) l’ambiente vitale stesso di un populismo nuovo, appunto mediatico, esemplificato ancor meglio dai partiti digitalizzati che dai partiti digitali.

87L’ultimo capitolo di Io, il popolo, in effetti, non menziona la Lega di Salvini, dando per scontato che pure lì, as usual, il rapporto popolo-istituzioni sia mediato dal leader. Già, ma come il leader della Lega “rappresenta direttamente” il proprio popolo? Si direbbe appunto tramite il cortocircuito populista fra istituzioni e media: ossia, nel caso, mettendo in scena la vita del leader su Facebook, pure qui seguendo le indicazioni della “Bestia”, l’apparato digitale manovrato dallo spin doctor Luca Morisi.

88Insomma, la teoria della Urbinati vale forse per i populismi “storici”, otto-novecenteschi, ma per quelli odierni, mediatici, pare più plausibile la nostra. E non solo perché imprime una sorta di rivoluzione copernicana a questi studi, facendo dei media, da meri strumenti, il cuore dei populismi odierni. In più, la nostra teoria asseconda, e promuove, l’estensione del campo degli studi sul populismo dalla politologia e/o dalla filosofia politica a discipline come economia, psicologia, mediologia...

5. Conclusione

89Superato il mito della disintermediazione, questo lavoro segnala la presenza di una duplice neo- o re-intermediazione: una prevalentemente mediatica, l’altra politica. La prima neo-intermediazione riguarda i media: gli infomediari individuali, ma soprattutto le grandi piattaforme digitali. Queste affidano ad algoritmi, moderatori, e in casi estremi ai loro stessi vertici aziendali, decisioni certo non più neutrali, o meno pervasive, di quelle compiute “artigianalmente” dagli intermediari tradizionali.

90I credenti nella disintermediazione affermano che essa evita il paternalismo dei media tradizionali. Ma già le televisioni, specie se commerciali, selezionano i contenuti secondo le leggi dell’audience, della pubblicità e del marketing: leggi forse più “democratiche” delle intermediazioni tradizionali, ma al punto da risultare servili rispetto ai gusti del pubblico. Le grandi piattaforme digitali, poi hanno trovato la quadratura del cerchio: il massimo del paternalismo combinato con il massimo del servilismo.

91La seconda neo-intermediazione è rappresentata dai partiti, sia digitali sia digitalizzati, ma presenta dinamiche simili alla prima. Alla promozione della partecipazione “orizzontale” tramite il digitale, infatti, pure qui corrisponde —forse necessariamente— un’ancora più forte gestione “verticale”, tramite una leadership personale fortissima. Sta qui la contraddizione interna dei movimenti populisti: da un lato si presentano come ultra-democratici, dall’altro sono ancora più verticistici dei partiti tradizionali.

92La mediatizzazione, ben più del leaderismo, permette ai partiti digitalizzati, ancor più che a quelli digitali, di soppiantare i partiti tradizionali, accusati di essere organici all’élite. Mediatizzazione e leaderismo, anzi, fanno percepire tali partiti come più adatti all’emergenza perenne del mondo globalizzato delle tradizionali mediazioni parlamentari. Così, però, la neo-intermediazione populista finisce per confermare la legge ferrea dell’oligarchia, alimentando dubbi sul futuro stesso della democrazia.

Torna su

Bibliografia

Anselmi, M., De Nardis, F. (2018). Italian Politics between Multipopulism and Depoliticization, «Revista internacional de sociología», 76/4, https://doi.org/10.3989/ris.2018.76.4.18.006.

Azzolini, G. (2019). Umberto Eco e il problema del populismo, «Filosofia italiana», 14: 125-137.

Barberis, M. (2017). Non c’è sicurezza senza libertà. Il fallimento delle politiche antiterrorismo, Bologna, Il Mulino.

Barberis, M. (2020). Come internet sta uccidendo la democrazia, Milano, Chiarelettere.

Barberis, M. (2021). Populismo (mediático): definición, explicación, remedios, in corso di stampa per «Doxa».

Barisione, M. (2006): L’immagine del leader: quanto conta per gli elettori?, Bologna, Il Mulino.

Bentivegna, S. (2000). Al voto con i media. Le campagne elettorali nell’età della Tv, Roma, Carocci.

Biancalana, C. (a cura di), Disintermediazione e nuove forme di mediazione, Milano, Fondazione Feltrinelli (e.book).

Bovero, M. (2015). Autocrazia elettiva, in «Costituzionalismo.it», https://www.costituzionalismo.it/download/Costituzionalismo_201502_529.pdf.

Calasso, R. (2018). L’innominabile attuale, Milano, Adelphi.

Calise, M. (2000). Il partito personale, Roma-Bari, Laterza.

Campbell et al. (1960). The American Voter, New York-London, John Wiley & Sons.

Campus, D. (2000). L’elettore pigro, Bologna, Il Mulino.

Carr, N. (2011). Internet ci rende stupidi? Come la rete sta cambiando il nostro cervello (2011), tr. it. Milano, Raffaello Cortina.

Casaleggio, D. (2018). L’intervista integrale di Davide Casaleggio a La Verità, https: www.ilblogdellestelle.it/2018/07/lintervista_integrale_di_davide_casaleggio_a_la_verita.html.

Chadwick, A. (2007). Disintermediation, voce in Bevir, M. (ed.), The Encyclopedia of Governance, London, Sage, 918.

Chadwick, A. (2013). The Hybrid Media System: Politics and Power, Oxford, Oxford University Pres.

Chircu, A. M., Kauffman, R. J. (1999). Strategies for Internet Middlemen in the Intermediation/Distintermediation/Reintermediation Cycle, «Electronic Markets», 9, 1-2: 109-117.

Corbetta P., Gualmini, E. (a cura di) (2013). Il partito di Grillo, Bologna, Il Mulino.

Corbetta P., Gualmini, E. (a cura di) (2017). M5S, come cambia il partito di Grillo, Bologna, Il Mulino.

Cuono, M. (2015). In principio era il mercato, poi venne la rete. Disintermediazione, spontaneità, legittimità, «Iride», 18: 305-317.

Da Empoli, G. (2017). La rabbia e l’algoritmo. Il grillismo presi sul serio, Venezia, Marsilio.

Dal Lago, A. (2017). Populismo digitale. La crisi, la rete e la nuova destra, Milano, Cortina.

Damasio, A. (1995). L’errore di Cartesio, Milano, Adelphi.

Duhigg, Ch. (2018). The Case against Google, «New York Times Magazine», https://www.nytimes.com/2018/02/20/magazine/the-case-against-google.html.

Eco, U. (1964). Apocalittici e integrati: comunicazioni di massa e teoria della cultura di massa, Milano, Bompiani.

Eco, U. (2018). Sulla televisione. Scritti 1956-2015, a cura di G. Marrone, Milano, La Nave di Teseo.

Ferrajoli, F. (2018). Rappresentanza politica e responsabilità. La crisi della forma di governo parlamentare in Italia, Napoli, Editoriale scientifica.

Gerbaudo, P. (2018). Il partito piattaforma. La trasformazione dell’organizzazione politica nell’era digitale, Milano, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Gerbaudo, P. (2020). I partiti digitali. L’organizzazione politica nell’era delle piattaforme (2019), trad. it., Bologna, Il Mulino.

Giacomini, G. (2016). Psicodemocrazia. Quanto l’irrazionalità condiziona il discorso pubblico, Milano-Udine, Mimesis.

Giacomini, G. (2018a). Potere digitale. Come internet sta cambiando la sfera pubblica e la democrazia, Milano, Meltemi.

Giacomini, G. (2018b). La crisi cronica della democrazia. La razionalità limitata come condizione pre-politica del disagio democratico, «Notizie di Politeia», 34, 131: 105-124.

Gillespie, T. (2012). The Politics of Platforms, «New Media & Society», 12/3: 347-364.

Goldsmith, J., Wu, T. (2006). Who Controls the Internet. Illusions of a Borderless World, New York, Oxford University Press.

Gometz, M. (2018). Democrazia elettronica. Teoria e tecniche, Pisa, Ets.

Grimmelmann J. (2008-2009). The Google Dilemma, «New York Law School Law Review», 53: 939-950.

Han, B.-Ch. (2016). Psicopolitica. Il neoliberalismo e le nuove tecniche del potere (2014), tr. it. Roma, Nottetempo.

Hawken, G. (1983). The Next Economy, New York, Henry Holt & C.

Hayek, F. (1945). The Use of Knowledge in Society, «American Economic Review», 35/4: 519-530.

Hayek, F. (1997). La presunzione fatale. Gli errori del socialismo (1988), tr. it. Milano, Rusconi.

Hindman, M. (2019). La trappola di internet. Come l’economia digitale costruisce monopoli e mina la democrazia (2018), tr. it. Torino, Einaudi.

Ignazi, P. (2020). Partito e democrazia. L’incerto percorso della legittimazione dei partiti (2017), tr. it. Bologna, Il Mulino, 2017.

Introna L., Nissenbaum, H. (2000). Shaping the Web: Why the Politics of Search Engine Matters, «The Information Society», 16/3: 1-17.

Iyenger S., Kinder, D. (1987). News that Matter, Chicago, University of Chicago Press.

Kahneman, (2012). Pensieri lenti e veloci (2011), tr. it. Milano, Mondadori.

Kelsen, H. (1982). Il primato del Parlamento, Milano, Giuffrè.

Kramer A., Guillory, J. E., Hancock, J. T. (2014). Experimental Evidence of Massive-scale Emotional Contagion through Social Networks, PNAS, 111, 24: 8788-8790.

Lazarsfeld, P. F., Berelson, B., Gaudet, H. (1944). The People’s Choice, New York, Columbia University Press.

Leoni, B. (1997). La sovranità del consumatore, a cura di S. Ricossa, Milano, Ideazione.

Lijphart, A. (1977). Democracies. Patterns of Majoritarian and Consensus Government in Twenty One Countries, New Haven (Ct.), Yale University Press.

Magrini, D. (2020). È l’algoritmo, bellezza. Disintermediazione giornalistica, social media, egocrazia, Arcidosso (Gr.), Effigi.

Mair, P., (2013). Ruling the Void. The Hollowing of Western Democracy, London, Verso.

Mancini, P. (2002). Il sistema fragile. I mass media in Italia tra politica e mercato, Roma, Carocci.

Manin, B. (2010). La democrazia del pubblico rivisitata, in Id., Principi del governo rappresentativo (1997), tr. it. Bologna, Il Mulino: 267-287.

Mastropaolo, A. (2018). La democrazia nei partiti, in Biancalana, cit.: 21-31.

Mazzoleni, G., Sfardini, A. (2009). Politica pop: da «Porta a Porta» a «L’Isola dei famosi», Bologna, Il Mulino.

McNamee, R. (2019). Zuked. Come aprire gli occhi sulla catastrofe di Facebook, tr. it. Roma, Nutrimenti.

Michels, R. (1966). La sociologia del partito politico (1911), tr. it. Bologna, Il Mulino.

Morosini, M. (2019). Snaturati. Dalla social-ecologia al populismo, Roma, Castelvecchi.

Morozov, E. (2013). To Save Everything, Click Here: The Folly of Technological Solutionism, New York, PublicAffairs.

Mosca, G. (1896). Elementi di scienza politica, Torino, Fratelli Bocca, 1923.

Negroponte, N. (1995). Essere digitali, tr. it. Milano, Sperling.

Orsina, G. (2020). Sardine, sovranisti e sinistra. Un’interpretazione storico-politica, in E. de Blasio et al., Sardine. Fenomenologia di un movimento di piazza, Roma, Luiss University Press: 73-98.

Packard, V. (2005). I persuasori occulti (1957), tr. it. Torino, Einaudi.

Pappas, T. (2019). Populism and Liberal Democracy. A Comparative and Theoretical Analysis, Oxford, Oxford University Press.

Pasquino, G. (2014). Partiti, istituzioni, democrazie, Bologna, Il Mulino.

Popper, K. (2019). Cattiva maestra televisione (1994), tr. it. Venezia, Marsilio.

Sartori, G. (2000). Homo videns. Televisione e post-pensiero, Roma-Bari, Laterza.

Scarrow, S. E. (2000). Parties Without Members?, in Dalton, R. J., Wattenberg, M. P. (eds.), Parties Without Partisans: Political Change in Advanced Industrial Democracies, Oxford, Oxford University Press: 79-101.

Schmidtz, D. (2016). Friedrich Hayek, voce della Stanford Encyclopedia of Philosophy, in htpps: plato.stanford.edu.

Simon, H. A. (1982). Models of Bounded Rationality, Cambridge (Mass.), Mit Press.

Splendore, S. (2018). La professione giornalistica disintermediata, in Biancalana, cit.: 92-101.

Srnicek, N. (2017). Capitalismo digitale. Google, Facebook, Amazon e la nuova economia del web (2016), tr. it. Roma, Luiss University Press.

Stigler, G. (1961). The Economics of Information, «Journal of Political Economy», 69/3: 213-225.

Sunstein, C. (2017). #Republic. La democrazia nell’epoca dei social media, tr. it. Bologna, Il Mulino.

Toffler A. (1980). The Third Wave, New York, Bantam Books.

Tormey, S. (2015). The End of Representative Politics, Cambridge, Polity Press.

Urbinati, N. (2014). Democrazia sfigurata. Il popolo fra opinione e verità, tr. it. Milano, Università Bocconi Editore.

Urbinati, N. (2019). Me, il popolo. Come il populismo trasforma la democrazia (2018), tr. it. Bologna, Il Mulino.

Vaudhyanathan, S. (2012). La googlizzazione di ogni cosa (2011), tr. it. Milano, Rizzoli Etas.

Walzer, M. (2001). Ragione e passione. Per una critica del liberalismo, tr. it. Milano, Feltrinelli.

White, D. M. (1950). The Gatekeeper: a Case Study in the Selection of News, «Journalism Quarterly», 27, 4: 383-390.

Zuboff, S. (2019). Il capitalismo della sorveglianza. Il futuro dell’umanità nell’era dei nuovi poteri, tr. it. Roma, Luiss University Press.

Torna su

Note

1 Il riferimento è soprattutto a Giacomini, 2016 e 2018a, e a Barberis, 2020. Nel presente lavoro, i paragrafi 1 e 4 sono di Barberis, i paragrafi 2, 3 e 5 di Giacomini.

2 Un importante lavoro di demistificazione si trova già, oltre che in Giacomini, 2018a: 87-114, in alcuni dei saggi raccolti in Biancalana (a cura di), 2018. Ma cfr. Pariser, 2012: 53: «La disintermediazione è più un mito che un fatto concreto».

3 La differenza, se c’è, è sottile. Di fatto, tende a parlare di re-intermediazione soprattutto chi pensa a cicli di intermediazione-disintermediazione-re-intermediazione: cfr., sin dal titolo, Chircu, Kauffman, 1999.

4 Così già Hawken, 1983.

5 Cfr. la pluri-citata definizione di Chadwick, 2007: 918: «Disintermediation means removing intermediaries from a supply chain, a transaction, or, more broadly, any set of social, economic, or politicas relations».

6 Cfr., sin dal titolo, Cuono, 2015.

7 Il rapporto fra informazione e disinformazione, in realtà, è sempre stato stretto e, in un certo senso, insuperabile, in quanto inscritto in dinamiche cognitive tipicamente umane: si tratta di due facce della stessa medaglia, insomma. Come si legge in Giacomini, 2016, l’elettore razionale, perfettamente consapevole delle opzioni in campo, in grado di ordinare coerentemente informazioni complete, non esiste e non è mai esistito. Già nel dopoguerra, negli anni d’oro dei partiti di massa, il grado di sofisticazione informativa dei cittadini era bassissimo, e l’ignoranza politica molto alta. Recandosi presso un circolo di partito, un militante s’informava ma anche si disinformava, facendosi condizionare pesantemente dalla forza delle opinioni del gruppo di riferimento. Con la (presunta) disintermediazione gli individui non si emancipano da questa doppia faccia: il rapporto fra informazione e disinformazione, piuttosto, scivola su nuovi piani e si posiziona in nuove arene.

8 Cfr. Manin, 2010.

9 O meglio, sembra suggerire una (pretesa) “liberazione” dei cittadini dalle “morse” dei mediatori tradizionali, come le organizzazioni dei partiti di massa.

10 Pariser, 2012: 21.

11 Barberis, 2020.

12 Per questa espressione, cfr., sin dal titolo, White, 1950.

13 La crisi è confermata dai dati forniti da una recente ricerca di Mediobanca: cfr. https://www.mbres.it/sites/default/files/resources/rs_Editoria%202018_PRESENTAZIONE.pdf. Per quanto riguarda i ricavi, il giro d’affari mondiale dell’industria dei quotidiani continua a diminuire, attestandosi nel 2017 a 150 miliardi di dollari (–8,6 % sul 2013). Il calo riguarda in particolar modo i ricavi della pubblicità, che segnano un –30,8 % dal 2013 al 2017. In Italia, l’occupazione nel settore si riduce di 3.301 unità dal 2013 al 2017, scendendo a 11.886 dipendenti a fine 2017 (–21,7 % rispetto al 2013 e –8,8 % sul 2016). Sempre in Italia, i ricavi aggregati degli otto principali gruppi editoriali continuano a diminuire, attestandosi nel 2017 a 3,5 miliardi (–20,2 % sul 2013 e –6 % sul 2016). Il calo delle vendite dei quotidiani è netto (–15,4 % del 2017), a fronte di una maggiore stabilità a livello mondiale (–0,1 % nel 2017 e –0,4 % dal 2013), dovuta però alla spinta dell’Asia che compensa i cali nei mercati occidentali: anche Gran Bretagna, Germania e Spagna, infatti, vedono flettere la diffusione di quotidiani come il Sun (–7,8 %), la Bild (–10 %), El Pais (–9,8 %). In controtendenza la Francia, dove Le Figaro e Le Monde hanno aumentato le vendite rispettivamente dello 0,6 % e del 4,1 %.

14 Cfr. Magrini, 2020, e Splendore 2018: 92: le ragioni della crisi andrebbero «dall’affiancamento delle forme digitalizzate di produzione di news a quelle tradizionali, passando dalla affermazione e diffusione dei social media fino ad arrivare alla immanenza dei dati, intesi come traffico da indirizzare al sito attraverso algoritmi imperscrutabili. Tutti questi cambiamenti sono stati letti come un progressivo esautoramento del giornalismo come agente di mediazione».

15 Il citizen journalism, forse, è uno dei modi di essere del “prosumer”: espressione coniata da Toffler (1980) come crasi di “producer” e “consumer”, e indicante un consumatore che diventa anche produttore.

16 Sul frame “persuasore occulto” si rimanda all’ormai classico Packard (2005). In Italia, come spiega Mancini (2002), il rapporto particolarmente stretto fra politica e giornalismo esaspera ancora di più la fragilità del sistema mediatico tradizionale.

17 Sulle vicissitudini incontrate dai partiti di massa è illuminante Ignazi (2020), peraltro apparentemente inconsapevole degli aspetti mediatici.

18 Cfr. Campus, 2000, e Giacomini, 2016.

19 Lazarsfeld, Berelson, Gaudet, 1944.

20 Campbell et al., 1960.

21 Calise, 2000; Bentivegna, 2000, Barisione, 2006.

22 Cfr. Mair (2013): mentre nei decenni dai Cinquanta ai Sessanta i livelli medi di partecipazione elettorale, in Europa occidentale, oscillavano attorno all’84 %, il calo li porta dall’83,9 % degli anni Settanta all’81,7 % degli anni Ottanta, accelerandosi negli anni Novanta e raggiungendo il 75,8 % nel primo decennio del nuovo millennio.

23 Cfr. Scarrow (2000): dai dati relativi alle iscrizioni emerge che in circa tredici democrazie europee, mentre agli inizi del 1980 una media del 9,8 % dell’elettorato era iscritto a un partito, alla fine del 1990 la media scendeva al 5,7 %. L’emorragia che già allora faceva parlare l’autore di «partiti senza iscritti» è divenuta drammatica con il nuovo secolo: la riduzione dell’iscrizione ai partiti va dal 27,2 % della Germania al 66,1 % nel Regno Unito.

24 “La casta” è anche il titolo del best seller dei giornalisti Stella e Rizzo.

25 È questo il caso delle emergenze, e talora isterie prima securitarie, poi migratorie e oggi anche sanitarie. Per una analisi delle prime due, che potrebbe estendersi agevolmente alla terza, cfr. Barberis, 2017 e Barberis, 2020: 88-121.

26 I partiti e anche i parlamenti, storicamente, sono state organizzazioni in grado di collegare i cittadini al potere politico, attraverso i media

27 Cfr. Mazzoleni, Sfardini, 2009.

28 Sul caso italiano, cfr. Ferrajoli, 2018. Più in generale, cfr. Bovero, 2015.

29 Cfr. Casaleggio, 2018.

30 Il fenomeno, del resto, è più generale: cfr. Tormey, 2015.

31 Questa è la tesi centrale di Hayek, 1945, che resterà quella di Hayek, 1997: cfr. Schmidtz, 2016. L’economista che ha fornito il contributo seminale sull’economia dell’informazione, peraltro, è Stigler, 1961.

32 Cfr. Leoni, 1997.

33 I riferimenti sono a classici della politologia come Mosca, 1922, e Michels, 1966, richiamati recentemente a questo proposito da Mastropaolo, 2018.

34 Questi fenomeni di chiusura del mercato (lock in) sono spesso considerati applicazioni della cosiddetta legge di Metcalfe, per cui «L’utilità e il valore di una rete sono proporzionali al quadrato del numero degli utenti».

35 Una critica sistematica di tale fiducia si trova in uno dei libri migliori su questi temi, Hindman, 2018: specie 8: «Preferenze eterogenee possono servire a concentrare il pubblico piuttosto che a sparpagliarlo»; «la nostra comprensione di internet è asimmetrica. Le forze che disperdono l’attenzione digitale sono ampiamente comprese, mentre quelle che la concentrano no» (corsivi nel testo).

36 La distinzione punto di vista del partecipante/dell’osservatore, qui solo evocata, ne richiama ovviamente molte altre correnti in metodologia delle scienze umane e sociali, quali punto di vista interno/esterno, e comprensione/spiegazione.

37 Cfr. già Goldsmith, Wu, 2006: 70 («la nascita della rete non ha eliminato gli intermediari, li ha solo cambiati»).

38 In realtà, nella breve storia tracciata ad esempio in McNamee, 2019: 45-68, il digitale nasce prima per servire le esigenze dell’amministrazione Usa, poi delle imprese, e solo infine dei singoli consumatori.

39 Per il daily me —la tendenza a farsi un menu d’informazioni personalizzate— cfr. già Negroponte, 1995, e per una riformulazione successiva, Sunstein, 2017.

40 La storia del digitale, di cui si ricordano solo i vincitori, è disseminata di imprese fallite o perdenti, secondo il topos della distruzione creatrice: cfr. ancora McNamee, 2019, ma prima ancora N. Srnicek (2017).

41 Così Iyenger, Kinder, 1987.

42 Cfr. Kramer, Guillory, Hancock, 2014.

43 Damasio, 1995, Kahneman, 2011.

44 Il classico degli studi sulla bounded rationality è Simon, 1982.

45 Nel senso di Eco, 1964.

46 Cfr. Giacomini, 2018b.

47 Cfr. Walzer, 2001.

48 Cfr. Carr, 2010.

49 È la nota tesi di Popper, 2019 e Sartori, 2000.

50 Cfr. rispettivamente Calasso, 2018: 77, e Zuboff, 2019: 477 e 480, che parla appunto di «prossima natura umana» e di «ritornare al branco».

51 Cfr., sin dal titolo, Vaidhyanathan, 2012. Per Zuboff, 2019: 73: «Google sta al capitalismo della sorveglianza come la Ford Motor Company e la General Motors stanno al capitalismo manageriale».

52 Sulle vicende societarie di Google, in effetti, Zuboff, 2019: 73-108, costruisce la narrazione della “Scoperta del surplus comportamentale” e, più in generale, dell’avvento del capitalismo della sorveglianza.

53 Così Pariser, 2012: 9: gli indicatori vanno «dal luogo in cui siamo al browser che stiamo usando, fino al tipo di ricerche che abbiamo fatto in precedenza».

54 Cfr. Duhigg, 2018.

55 Introna, Nissembaum, 2000.

56 Grimmelmann, 2008-2009.

57 Così ancora Pariser, 2012: 62.

58 Lo segnala Gillespie, 2012, ma è un esempio che ritorna continuamente in letteratura.

59 Così Morozov, 2013.

60 Giacomini, 2018a: 101 ss.

61 State, Adam, 2015.

62 È questa, nella sostanza, l’accusa mossa a Zuckerberg da McNamee, 2019.

63 Han, 2016: specie la critica devastante del datismo (datism) in 66 ss.

64 Questa seconda denominazione non è comune in letteratura. Ad esempio Gerbaudo, 2018: 13, parla a questo proposito di partiti «ibridi».

65 Così, quasi letteralmente, Calasso, 2018: 77.

66 Sul quale i contributi migliori restano —al di là del livore che qua e là trapela— Dal Lago, 2017, e da Empoli, 2017.

67 Così Gerbaudo, 2018: 14: «Il partito piattaforma è tale [in primo luogo] perché integra nel suo funzionamento una serie di piattaforme online a partire dai social come Facebook e Twitter, per la comunicazione esterna, e vari servizi di messaggistica istantanea come WhatsApp e Telegram per la comunicazione interna. In secondo luogo essi sono partiti piattaforma perché sviluppano essi stessi piattaforme dedicate di discussione e votazione: le tanto celebrate “piattaforme democratiche digitali” che sono diventate un simbolo del loro tentativo di costruire forme di democrazia diretta e partecipativa».

68 Cfr. ancora Gerbaudo, 2020: 193-211 (che parla questo proposito di iper-leader) e, per una testimonianza dall’interno, Morosini, 2018.

69 Cfr. Gometz, 2018.

70 Cfr. Corbetta, Gualmini, 2013, 2017.

71 Lo ricordano Lijphart, 1977 e da ultimo ancora Pasquino, 2014. Sul compromesso —oggi spesso liquidato come “inciucio”— insisteva già, nei suoi scritti degli anni Venti, Kelsen, 1982.

72 Barberis, 2020, usava ancora l’espressione «populismo digitale», benché riferita a un sistema mediatico ibrido nel senso di Chadwick, 2017, ossia tale da integrare più media. La rilettura di Eco, 2018, suggerita da Azzolini, 2019, ci ha convinto a usare quest’altra espressione, più lata ma meno equivoca.

73 Urbinati, 2019. Ma cfr. anche Pappas, 2019.

74 Cfr. Barberis, 2020: 122-163, aggiornato in Barberis, 2021.

75 Barberis, 2020: 37-39.

76 Cfr. Urbinati, 2014.

77 Lo nota Orsina, 2020: 86, che formula così i due punti: «Pretendiamo che chi è stato eletto vada nelle sedi istituzionali a fare politica invece che fare campagna elettorale permanente», e soprattutto «chiunque ricopra la carica di ministro comunichi solamente nei canali istituzionali».

78 L’esempio, nel quale i lettori italiani riconosceranno il vice-premier Luigi Di Maio, si trova anch’esso in Barberis, 2020: 171-172.

79 Citato in Urbinati, 2020: 203 (anche per i riferimenti testuali).

80 La metafora dell’incarnazione, con tutte le implicazioni teologico-politiche che comporta, è della stessa Urbinati, 2020: 250: «La rappresentanza come incarnazione è la chiave per cogliere il “miracolo” del leader che sfugge alla trappola dell’establishment e si spoglia della responsabilità politica».

81 Cfr. Urbinati, 2020: 196-200.

82 Ibidem: 251.

83 Ibidem: 254.

84 Ibidem: 282.

85 Ibidem: 300. Riportiamo la citazione integrale, mettendo in corsivo il riferimento al populismo digitale: «In definitiva, il populismo, sia esso tradizionale o digitale, si traduce in una sorta di emendamento monarchico della democrazia rappresentativa: un movimento che prende, appunto, il nome del suo leader».

86 Sulla depoliticizzazione, cfr. almeno Anselmi, De Nardis, 2018.

87 Cfr. Urbinati, 2020: 251, che li caratterizza ulteriormente come «applicazioni decisionali on-line che facilitano la partecipazione dei membri a varie discussioni, deliberazioni ed elezioni digitali».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mauro Barberis e Gabriele Giacomini, «La neo-intermediazione populista. Popolo, istituzioni, media»Teoria politica. Nuova serie Annali, 10 | 2020, 317-340.

Notizia bibliografica digitale

Mauro Barberis e Gabriele Giacomini, «La neo-intermediazione populista. Popolo, istituzioni, media»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 10 | 2020, online dal 01 décembre 2020, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/1372

Torna su

Autori

Mauro Barberis

Università di Trieste, barberis@units.it

Gabriele Giacomini

Università di Udine, gabrielegiacomini@hotmail.it

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search