Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie10Saggi | EssaysTerrorismo, terrore, sovranità. S...

Saggi | Essays

Terrorismo, terrore, sovranità. Su un rapporto di reciproca embricazione 

Terrorism, Terror, and Sovereignty. On a Mutual Relationship of Imbrication
Francescomaria Tedesco
p. 363-378

Abstract

Terrorism in its current form (what has been seen at work on European soil, but not only there) is not a war of one state against another, but a phenomenon entirely internal to the state itself, which manages it with the means of management of the emergency rather than with the military and political instruments typical of armed conflicts. The emergency management of terrorism corresponds to the exercise of power through the terror that is typical of the modern state. Therefore terrorism and terror are imbricate, they intersect dialectically, entirely within the logic of modern sovereignty, which responds to the terrorist threat by its own citizens with the dispositive of exclusion-inclusion that is the characteristic of modern citizenship.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

Desidero ringraziare, per il loro contributo critico e per i commenti a questo scritto: Luca Baccelli, Paolo Bianchi, Andrea Cardone, Massimo Cuono, Emanuele Sommario, Sara Spuntarelli. Naturalmente gli eventuali errori qui contenuti sono da imputare soltanto a me.

1. Cittadini e combattenti?

  • 1 Erlenbusch-Anderson, 2013: 53.
  • 2 Fioravanti, 2009: 40-43.

1La storia dello stato di emergenza in Francia risale alle carte rivoluzionarie: tra 1791 e 1793 lo stato d’assedio serve a contrastare tendenze anti-rivoluzionarie; ed è sempre nella Francia rivoluzionaria che emerge il termine ‘terrorismo’1. Dopo il 1795 il dispositivo emergenziale viene capovolto, dalla resistenza contro l’oppressore esterno al nemico interno: «L’ordinamento costituzionale dal 1789, salvo il caso eccezionale dello stato d’assedio, non attribuiva al governo formalmente alcun potere normativo. Durante l’Ancien Régime non erano previste istituzioni civili di emergenza poiché l’esercizio del potere straordinario era radicato nella natura stessa della sovranità regia. La prima legge sullo stato d’assedio in Francia, emanata il 10 luglio 1791 e concernente la sicurezza e la conservazione delle zone di guerra, stabiliva che in caso di attacco da parte del nemico tutti i poteri passavano nelle mani del comando militare, ma solo nelle aree fortificate. Il passaggio dal campo militare a quello civile si ebbe con la legge del 10 fruttidoro anno V (27 agosto 1797) che accomunava i luoghi di guerra previsti dalla legge del 1791 a tutti i comuni della Francia, estendendo la disciplina dello stato d’assedio all’état des troubles civils per il mantenimento dell’ordine pubblico. L’affermarsi del moderno stato d’assedio cominciò solo con la fine della Monarchia di luglio e con l’assemblea costituente del 1848 che affidò il governo della città di Parigi a una commissione dittatoriale. In Francia furono emanati numerosi atti che disciplinavano lo stato di eccezione quali il decreto del 24 dicembre 1811, l’art. 106 della costituzione del 1848, la legge del 9 agosto 1849, l’art. 12 della costituzione del 14 gennaio 1852, le leggi del 3 aprile 1878 e 27 aprile 1916»2.

  • 3 Lo stato d’assedio implica l’intervento dei poteri militari, mentre lo stato d’urgenza delega la ge (...)

2Con legge del 3 aprile 1955 n. 385 (e successive modifiche) è stato istituito l’état d’urgence, una misura diversa dal precedente (ma poi costituzionalizzato nel 1958) stato d’assedio3. Dopo gli attentati terroristici del 13 novembre 2015 al Bataclan, allo Stade de France e in altre zone della città di Parigi, la risposta della presidenza Hollande è passata proprio per la dichiarazione dello stato d’urgenza. La misura era stata applicata tre volte in precedenza: nel 1961 (per i fatti d’Algeria, per i quali era stata promulgata), nel 1985 (sommosse in Nuova Caledonia) e nel 2005 (rivolta delle banlieues). La legge è stata modificata pochi giorni dopo i fatti mediante il voto dell’Assemblea nazionale, che ha approvato la modifica proposta dal governo promulgando la legge 2015-1501. Con questo provvedimento, lo stato d’urgenza è stato prorogato di 3 mesi, e da allora è stato prorogato con legge molte volte, ed è cessato, dopo due anni, in corrispondenza all’entrata in vigore della Loi renforçant la sécurité intérieure et la lutte contre le terrorisme n. 2017-1510. Voluta dal successore di Hollande, Macron, quest’ultima ha modificato alcuni aspetti del codice di sicurezza interna.

  • 4 L’art. 36 recita: «Lo stato d’assedio è decretato dal Consiglio dei ministri. Non può essere prorog (...)
  • 5 Décision nº 2016-536 QPC du 19 février 2016.
  • 6 Hollande, 2015.
  • 7 E così evidentemente non è: tra i tanti contributi, si veda (specifico sulla Francia) Cavino, 2015.
  • 8 Si noti che, simbolicamente, la déchéance avrebbe dovuto essere inserita nel titolo I, De la souver (...)
  • 9 Conseil d’ État, 2015: 2.

3La reazione che Hollande ebbe nell’immediato si può leggere nel compte rendu della seduta del 16 novembre 2015 presso l’Assemblea nazionale. In quell’occasione il presidente francese aveva affermato che l’art. 16 e l’art. 36 della Costituzione (rispettivamente disciplinanti poteri eccezionali per il presidente della République e lo stato d’assedio) erano insufficienti per fronteggiare il terrorismo4, e aveva proposto la costituzionalizzazione della decadenza dalla nazionalità (già prevista dal Codice civile) e dello stato d’urgenza. Facendo seguito a quel discorso, il 10 febbraio 2016 l’Assemblea nazionale approvava il progetto di legge recante la riforma costituzionale con l’inserimento nella carta fondamentale dello stato d’urgenza, e il provvedimento di déchéance de nationalité (decadenza dalla nazionalità) per coloro che, con doppia cittadinanza, avessero attentato alla sicurezza dello Stato. Nel frattempo il 19 febbraio 2016 il Conseil Constitutionnel si è pronunciato su una question prioritaire de constitutionnalité relativa alla legge del ’55 così come modificata nel 2015, confermando in sostanza l’impianto della legge e di tutta la disciplina dello stato di urgenza, ritenendo che le esigenze di sicurezza nazionale non siano da considerarsi ‘recessive’ rispetto ai diritti degli individui, e intervenendo solo su un punto specifico riguardante il rispetto della privacy5. In ogni caso, poco tempo dopo Hollande ha dovuto riconoscere che il progetto di riforma costituzionale si era arenato, in particolare proprio a causa della misura della perdita di cittadinanza prevista dall’art. 2. Ma durante la seduta del 16 novembre, Hollande aveva affermato, assai icasticamente ai nostri fini: «La France est en guerre. Les actes commis vendredi soir à Paris et près du Stade de France, sont des actes de guerre. Ils ont fait au moins 129 morts et de nombreux blessés. Ils constituent une agression contre notre pays, contre ses valeurs, contre sa jeunesse, contre son mode de vie»6. Una questione di ordine pubblico si è trasformata in qualcosa d’altro che apre una fenditura attraverso la quale guardare il rapporto tra sovranità e terrore. Come può pensarsi la decadenza della cittadinanza quando si parla di guerra? Anche ammesso e non concesso che i terroristi che l’ISIS ha rivendicato come propri affiliati siano da considerare agenti o soldati di uno Stato straniero (quale poi: il cosiddetto ‘Califfato’ islamico?)7, come è pensabile la guerra dal momento che si trattava comunque di cittadini francesi (o tutt’al più belgi)? Si dovrà dunque pensare a una guerra civile? Una guerra interna messa in atto da cittadini dello Stato vittima degli attacchi? C’è qualcosa che non torna, e non solo denuncia che la lettura di un attacco ‘bellico’ non funziona, ma mette in luce che siamo di fronte a un attacco tutto interno alla logica dello Stato. Tanto più che la proposta di riforma riguardava la possibilità di estendere la decadenza anche ai cittadini nati francesi, e non solo ai diventati (anche) francesi. Difatti, l’art. 25 del Codice civile prevedeva la perdita della cittadinanza per i cittadini non originari (che però avessero una seconda cittadinanza) ma non per i cittadini originari (i quali sarebbero altrimenti diventati, come nel caso dei non originari senza altra cittadinanza, degli apolidi). Il Conseil constitutionnel si è espresso più volte ritenendo ragionevole la disparità di trattamento tra gli originari e i non originari: una compressione dei diritti resa possibile in vista della tutela dell’interesse dello Stato, e attenuata dal fatto che per la decadenza dei non originari il Codice civile prevede un termine (non oltre i 10 anni dall’acquisizione) volto a evitare che questi ultimi vivano nel limbo della minaccia perenne di perdere la cittadinanza. La proposta di riforma, dal momento che prevedeva l’estendibilità della déchéance agli originari con doppia cittadinanza, faceva venir meno il limite temporale a garanzia dei non originari, mentre la pretesa di costituzionalizzazione avrebbe dovuto blindare la decisione da dubbi di costituzionalità8. Insomma, per la riforma qualunque francese nato o diventato tale, ma con doppia cittadinanza, avrebbe potuto essere privato della cittadinanza francese per condanne definitive per atti di terrorismo. Infatti, come riporta il parere del Conseil d’État, «Par ailleurs, le Conseil constitutionnel a jugé que les personnes nées françaises et celles ayant obtenu la qualité de Français par acquisition étaient dans la même situation au regard du droit de la nationalité. Dès lors, en élargissant aux personnes nées françaises la sanction de la déchéance déjà autorisée par le code civil pour les personnes devenues françaises par acquisition, la disposition envisagée ne crée pas non plus une rupture d’égalité entre ces deux catégories de personnes»9.

4Dunque misure di contrasto ben strane, per una ‘guerra’: rivolte all’interno, ai propri cittadini, e addirittura estese non più solo a coloro che francesi erano diventati, ma anche a quelli che lo erano per nascita. A rafforzare questa lettura tutta ripiegata all’interno, il fatto che nelle motivazioni che accompagnavano la proposta di costituzionalizzazione ed estensione della déchéance si sosteneva che essa intedeva «sanctionner ceux qui par leurs comportements visent à détruire le lien social». Dunque non il nemico, ma colui che, partecipe —per nascita o per acquisizione, ma comunque di diritto— al legame sociale, lo voglia distruggere dall’interno. Un lessico da guerra civile. Un’ottica nella quale l’esterno (o il parzialmente tale: colui che francese è diventato) e l’interno sono uguali. Entrambi minacce.

  • 10 Che andrebbe letta di concerto con la nuova disciplina dell’immigrazione voluta nel 2018 dal presid (...)
  • 11 Se si fa eccezione per una pronuncia del Conseil a proposito del soggiorno obbligato: Décision nº 2 (...)
  • 12 De Vivo, 2018.

5Come abbiamo riportato, lo stato d’urgenza è cessato con la promulgazione della nuova disciplina voluta da Macron10. Tuttavia, se il legislatore francese e gli organi di controllo costituzionale non hanno sostanzialmente messo in dubbio il nuovo impianto11, c’è da rilevare che la nuova legge presenta le criticità tipiche della legislazione emergenziale: slittamento dall’autorità giudiziaria all’autorità amministrativa del potere decisionale sulle misure preventive e repressive (previa semplice informazione al procuratore della Repubblica) e affievolimento delle esigenze di accertamento della responsabilità degli individui colpiti dalle misure, dal momento che spesso è ancora l’autorità amministrativa a decidere, sulla base di un quadro indiziario risultante da ‘valutazioni’ dell’autorità12.

6Ma qui non si vuole e non si può procedere oltre all’approfondimento degli aspetti strettamente giuridici dei provvedimenti appena menzionati. L’intento è di tracciare, partendo dal caso francese —dacché la Francia è stato il paese più colpito, di recente, dagli attacchi terroristici rivendicati poi dall’ISIS— una genealogia del nesso indicibile tra sovranità e terrore cercando di decostruire l’allegoria manichea che vuole lo Stato moderno europeo-occidentale come il risultato del dispiegarsi della razionalità politico-giuridica in contrapposizione alla barbarie pre-statuale del terrorismo di matrice ‘islamista’.

  • 13 Naturalmente quello francese non è l’unico caso in cui emerge con forza il tema dell’inclusione-esc (...)

7Naturalmente c’è un salto di oltre duecento anni tra i primi provvedimenti citati e quello che accade in questo periodo nella Ve République, ma oggi possiamo rintracciare alcune ricorrenze: lo stato di emergenza dichiarato dalla Francia13 è infatti rivolto sia all’interno, al suolo francese metropolitano, sia all’esterno, ovvero riguarda le istituzioni internazionali e il rispetto dei trattati. Da quest’ultimo punto di vista, spiccano due fatti.

2. Il punto di vista esterno

  • 14 Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dopo gli attacchi terroristici del novembre 2015 a Pa (...)
  • 15 Art. 39; il meccanismo ha un precedente nel ruolo assegnato dal Covenant alla Società delle Nazioni (...)
  • 16 Lo Statuto della Corte Penale Internazionale, aggiornato nella conferenza degli Stati membri tenuta (...)
  • 17 Glennon, 1999, che torna anche sulla inefficacia della categoria di ‘cross-border attack’.

8Il primo è la ‘scomparsa’ dell’ONU, considerata con tutta evidenza ormai un non-interlocutore14. A questo proposito è interessante segnalare le evoluzioni della nozione di guerra e della ‘riconoscibilità’ dell’aggressione: sebbene gli sforzi definitori dell’atto di aggressione in termini giuridici non abbiano raggiunto risultati soddisfacenti, e nonostante dopo la Seconda guerra mondiale l’idea che la guerra iniziasse con una ‘dichiarazione’ fosse tramontata, la Carta delle Nazioni Unite attribuiva comunque al Consiglio di sicurezza l’accertamento dell’esistenza «di una minaccia alla pace, di una violazione della pace, o di un atto di aggressione»15. Tuttavia, non solo non è possibile pervenire a una definizione soddisfacente dell’aggressione, ma non è neanche scontato individuare, nei termini del diritto internazionale classico e ‘westfaliano’ (ovvero strutturato tutto attorno al suo attore principale, lo Stato), chi sia l’aggressore nel contesto degli attacchi terroristici, in modo che da questa individuazione derivino conseguenze ‘giuridiche’16. Chiaramente, la questione dell’identificazione degli ‘aggressori’ e dell’individuazione dei soggetti del conflitto ha conseguenze politiche (e militari) incalcolabili. Già nel 1999 il giurista internazionalista Michael J. Glennon aveva affermato che l’intervento in Kosovo della NATO, nonostante fosse in palese violazione della Carta ONU, poneva la pietra tombale sulle ‘antiquate’ (ma tuttora vigenti) regole del diritto internazionale in tema di peacekeeping e peacemaking da questa stabilite. Aveva aggiunto che della morte di tale sistema di regole —che prevedono l’intervento del Consiglio di Sicurezza solo in caso di ‘cross-border attack’ e «sotto le quali i più sanguinosi conflitti erano stati liquidati come ‘questioni interne’ [agli Stati]»—17 non c’era da rammaricarsi in quanto esso collide con le ‘moderne idee di giustizia’ e risulta ‘fuori sincrono’ poiché si attarda a considerare la violenza fra gli Stati come la maggiore minaccia alla sicurezza internazionale, laddove invece i più sanguinosi scontri avvengono nell’ambito della ‘domestic jurisdiction’. Nell’ambito della lotta al terrorismo, l’estensione della soggettività di diritto internazionale a soggetti non statali e ad alcuni Stati in modo indebito o dubbio prosegue lungo l’asse delineato da Glennon (cfr. Tedesco, 2005), ovvero del superamento tutto dottrinale o ‘pratico’ delle ancora vigenti norme della Carta.

9Ciò che in questo contesto risalta è che l’atto di aggressione venga riconosciuto unilateralmente dalle vittime, le quali peraltro (come la Francia) avevano già in corso azioni militari contro i paesi indicati come ‘fiancheggiatori’ del terrorismo jihadista.

  • 18 La France informe le Secrétaire Général de sa décision de déroger à la Convention européenne des dr (...)
  • 19 Che è utile riportare interamente: «Deroga in caso di stato d’urgenza: 1. In caso di guerra o in ca (...)
  • 20 C.N.703.2015.TREATIES-IV.4, Notification under art. 4(3).

10Il secondo riguarda la deroga ai trattati internazionali in tema di diritti umani per ragioni legate alla sicurezza e al terrorismo. La dichiarazione del governo francese rivolta al Consiglio d’Europa18 e alla Corte europea dei diritti umani ha annunciato la sospensione del rispetto di alcuni principi contenuti nella Convenzione europea dei diritti umani, alla luce della clausola derogatoria contenuta nella stessa Convenzione all’art. 1519; una analoga notifica ha riguardato l’intenzione di derogare al Patto sui diritti civili e politici del 1966 specificando che: «Certaines d’entre ells [misure eccezionali], prévues par les décrets du 14 novembre 2015 et 18 novembre 2015 ainsi que par la loi du 20 novembre 2015, sont susceptibles d’impliquer une dérogation aux obligations résultant du Pacte International relatif aux droits civils et politiques, notamment de ses art. 9, 12 et 17. C’est pourquoi je vous prie de bien vouloir considérer que la présente lettre constitue une information au titre de l’art. 4 du Pacte»20.

  • 21 Sommario, 2018: 87.
  • 22 A questo proposito occorre ricordare che il General Comment (2014) del Comitato delle Nazioni Unite (...)
  • 23 Qui ci si riferisce alla riserva, ovvero a «una dichiarazione unilaterale, quale che sia la sua art (...)
  • 24 Sommario, 2016, corsivo mio.

11I contenuti della deroga non sono chiari. Come ha scritto Emanuele Sommario con riferimento alla CEDU «la prassi più recente degli Stati deroganti sembra indicare una tendenza a non inserire riferimenti espressi agli articoli della Convenzione cui si intende derogare»21. È utile comunque ricordare che, con riferimento al Patto, gli articoli menzionati riguardano nell’ordine: la libertà personale e le garanzie di habeas corpus in termini di tutela da arresti e detenzioni arbitrarie, diritto di difesa, giudice naturale, durata del processo, detenzione preventiva (art. 9)22, la libertà di movimento (art. 12), la privacy della vita privata, della famiglia, del domicilio e della corrispondenza (art. 17). Tornando alla CEDU, due punti messi in luce da Emanuele Sommario sono degni di considerazione23: innanzi tutto «la riserva non si riferisce a uno degli articoli sostanziali della Convenzione, ma va invece ad intaccare l’efficacia dell’opera di monitoraggio della Corte», e in secondo luogo «La seconda parte della riserva verte sul principio di proporzionalità nell’adozione delle misure derogatorie sancito dall’art. 15. [...] Trattasi di un tentativo di subordinare in maniera generica gli obblighi imposti dalla CEDU alle decisioni del Presidente francese»24.

  • 25 Il condizionale è d’obbligo, da momento che la Corte non è stata investita della questione: «non sa (...)
  • 26 Sommario, 2016.

12Ora, entrambe queste condizioni avrebbero reso25 —continua Sommario— la condotta francese eccedente rispetto allo scopo e all’oggetto del trattato, e di conseguenza «La Corte, che in sede di contenzioso ha competenza a valutare l’effetto giuridico delle riserve apposte dagli Stati, potrebbe dunque decretarne l’invalidità e, in linea con la propria giurisprudenza pregressa (v. per tutti, Belilos c. Svizzera), considerarla come non apposta»26.

  • 27 Zagato, 2006: 139.
  • 28 Si noti (sentenza Irlanda c. Regno Unito, Sentenza del 18 gennaio 1978, Seria A, Nº 25) che la Cort (...)

13Tuttavia occorre ricordare che in sede di ratifica della CEDU, la Francia sostenne che l’art. 15 della Convenzione andava letto di concerto con l’art. 16 della Costituzione del ’58, laddove esso prevede che il presidente della repubblica adotti le ‘misure richieste dalle circostanze’ quando «le istituzioni della Repubblica, l’indipendenza della nazione, l’integrità del territorio o l’esecuzione degli impegni internazionali sono minacciati in maniera grave ed immediata e il regolare funzionamento dei poteri pubblici costituzionali è interrotto»27. L’intento era di sganciare i provvedimenti eccezionali dalla «stretta misura in cui la situazione lo esiga» prevista dall’art. 15. La dottrina che ne consegue riguarda il ‘margine di apprezzamento’, che consentirebbe di proporzionarli alla situazione concreta, permettendo alla Corte di valutarli alla luce di tali parametri e di fatto lasciando alla sovranità degli Stati ampia facoltà di valutazione28.

  • 29 Per questo aspetto e per una ricostruzione generale dei travaux préparatoires del Patto cfr. Sommar (...)

14Ancora nel contesto delle deroghe ai patti internazionali sui diritti umani, è rivelatoria la discussione attorno all’approvazione dell’art. 4 del Covenant sui diritti civili e politici del 1966 menzionato in precedenza. La Francia, in un primo momento contraria all’inserimento di clausole derogatorie, ritenute pericolose per gli ordinamenti democratici, cambiò parere e ritenne che la deroga non dovesse essere limitata al caso di guerra, e che anzi il termine ‘guerra’ dovesse essere espunto, parlando piuttosto di ‘public disaster’, laddove le Filippine, per esempio, sostenevano al contrario che in caso di conflitto armato ciò che doveva bastare era il diritto bellico, non essendovi necessità di alcuna clausola derogatoria. Quel che qui interessa è la delimitazione del campo di applicazione, nonché l’ambito a cui la clausola derogatoria è diretta. Poiché, pur escludendo dai ‘disastri’ le crisi economiche29, il campo di applicazione ha più a che fare con le vicende interne allo Stato che con le minacce esterne. Ne è traccia consistente —ma possiamo qui limitarci solo a un accenno— lo slittamento semantico che ha caratterizzato l’idea di ‘catastrofe’ da evento naturale imprevisto a ‘grande evento’. Uno slittamento che si inserisce pienamente nel discorso sin qui svolto, nella misura in cui esso riproduce una ‘delega’ a favore del potere amministrativo che è del tutto ripiegata all’interno.

  • 30 Un’estensione «potenzialmente eversiva» (Cardone, 2011: 181, 126-127).
  • 31 Cardone, 2011: 181. Sulle difficoltà di individuazione della fattispecie ‘grande evento’ cfr. Cardo (...)
  • 32 Il D.L. 343/2001 risulta abrogato dal D.LGS. n. 1/2018 (Codice della protezione civile) che sostitu (...)
  • 33 È simbolicamente significativo che un evento politico gestito secondo la logica emergenziale di cui (...)

15Se la legge 55-385 del 1955 su cui si basa l’attuale stato d’emergenza francese parla di ‘calamité publique’, secondo uno schema che esclude, nel lessico, la dimensione politica e bellica, è utile ricordare il caso italiano del sistema di protezione civile, nel quale la gestione dell’emergenza naturale, questione del tutto interna (anche fisicamente) ai confini dello Stato, con la compressione dei diritti, ha gradualmente consentito uno scivolamento verso la gestione amministrativa (concentrata nella Presidenza del Consiglio) di diritti costituzionalmente garantiti in nome dell’estensione del concetto di ‘evento’30. Anche in quel caso, la legge individuava ‘catastrofi naturali’, escludendo l’elemento politico o bellico, ma di fatto facendo riferimento a una condizione ‘emergenziale’. Mentre l’estensione è avvenuta ben oltre l’emergenza: «Per la prima volta nella storia dell’ordinamento italiano il legislatore sembra aver autorizzato il Governo all’esercizio del potere derogatorio anche in assenza di una situazione emergenziale (qui come sinonimo di contingibile e urgente) in atto»31. La legge italiana del 1992 parlava di «altri eventi calamitosi» (art. 1, L. 225/1992), espressione sostituita nel 2001 (D.L. 343/2001)32 da «grandi eventi» (nei quali sono rientrate, per esempio, anche delle manifestazioni veliche —come la Coppa Louis Vuitton—, o i Mondiali di nuoto, o l’organizzazione del G8 della Maddalena, poi svoltosi all’Aquila33, o il congresso nazionale eucaristico a Bari, o la beatificazione di Madre Teresa di Calcutta). In altri termini, la vaghezza giuridica dei ‘grandi eventi’ e soprattutto lo scollamento temporale, che non richiede un’emergenza ‘in atto’, conferiscono al potere politico una facoltà ‘preventiva’ di compressione degli spazi politico-giuridici ordinari.

  • 34 Ackerman, 2006: 13.
  • 35 Ibidem: 38, enfasi in tondo mia. La House of Lords, con decisione poi avallata dalla Corte europea (...)
  • 36 Cardone, 2011: 59.
  • 37 Bartoli, 2008: 194.
  • 38 In connessione con il discorso qui svolto a proposito della gestione dell’emergenza anche oltre i c (...)
  • 39 Stimilli, 2019: 229.
  • 40 La ‘crisi della sovranità’ è antica quanto l’idea stessa di potere sovrano nell’epoca moderna: essa (...)

16Bruce Ackerman ha scritto che il terrorismo non è guerra, non è il prodotto di un tracotante potere statuale, bensì «a product of the free market in a world of high technology»34. In realtà gli attacchi terroristici non sono atti di guerra, ma evocano la questione dello Stato e della sovranità lì dove essi vengono compiuti. In altri termini, essi fanno sì che la domanda non sia tanto ‘l’ISIS è uno Stato?’ quanto ‘la Francia è uno Stato? E quali sono le sue caratteristiche?’. Di fronte a questa interrogazione, è comprensibile che gli Stati rispondano sul fronte interno (i confini, la cittadinanza, i poteri, l’eccezione), territorio sul quale si gioca la dialettica tra sovranità e terrore. In questo, il caso francese è paradigmatico: mentre dalla Seconda guerra mondiale (con l’internamento dei residenti giapponesi) agli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti hanno teorizzato e praticato la compressione dei diritti nei confronti degli aliens, il caso francese ha rappresentato l’emersione del problema della ‘guerra’ dello Stato contro i propri cittadini. Come sostiene Ackerman in relazione allo stato di emergenza, «it is simply irrational to target aliens. We should be focusing on likely terrorists, whatever their citizenship status»35. La contiguità tra legislazione emergenziale e risposta alla minaccia terroristica non è casuale: «La legislazione su calamità e catastrofi attributiva dei poteri d’ordinanza può essere accomunata a quella di emergenza sul terrorismo»36. E tuttavia la reazione ‘in tempo di pace’ a un attacco terroristico gode di poteri derogatori più ampi rispetto al conflitto bellico. Se si scontrano due (o più) sovranità, «la tendenza è a tutelare i diritti umani nella forma più estesa possibile», laddove se l’uomo è «solo davanti a uno Stato»37, allora le deroghe saranno più consistenti. Nonostante una guerra dichiarata al terrore, si tende al contrario a gestire la minaccia terroristica secondo un regime derogatorio più tipico del ‘tempo di pace’; di fronte alla retorica della guerra, l’emergenza tende invece ad essere assimilata a quella per i grandi eventi e per gli avvenimenti naturali imprevedibili. Non c’è bisogno di attivare il conflitto bellico: basta la sovranità con la sua gestione dell’endiadi amico-nemico. Anche le azioni di lotta al terrorismo fuori dai confini territoriali dello Stato si configurano come azioni di esercizio di potestà sovrane di gestione dell’emergenza38. Si tratta di un esercizio esorbitante, in particolare da parte di iper-sovranità che svolgono le tipiche funzioni interne (giurisdizione su un territorio, polizia, sicurezza) anche al di fuori dei loro confini. Elettra Stimilli ha giustamente sottolineato che gli Stati si limitano a svolgere operazioni di polizia e che anche le guerre tradizionali si sono trasformate in operazioni di sicurezza, con il corollario della drammatica confusione tra popolazioni civili e nemici combattenti. Tuttavia questa confusione è sintomatica dell’estensione dell’esercizio della sovranità all’esterno. Allo stesso modo, non sono affatto sicuro che —come sostiene Stimilli— il mutamento in questione derivi «da una profonda crisi del potere sovrano»39, ché al contrario —nel caso degli interventi militari o di polizia fuori dal territorio statale— siamo di fronte a iper-sovranità per le quali il compito di amministrare un territorio (sicurezza, polizia, gestione dell’emergenza) perde una delle sue caratteristiche fondamentali, ciò che segnava il perimetro di azione: il territorio stesso. Non c’è territorio da amministrare, poiché esso è ovunque vi siano interessi vitali degli Stati che intervengono. È il paradosso della sovranità nell’epoca della lotta al terrorismo40.

  • 41 Sotto la presidenza Obama gli attacchi con droni sono raddoppiati: cfr. Ralph, 2013: 47.
  • 42 O’Connell, 2004: 350.
  • 43 Ralph, 2013: 48.
  • 44 Ralph, 2013: 48, enfasi in tondo mia.

17I targeted killings attraverso l’uso di droni (famigerato il cosiddetto reaper di Obama)41 e in generale l’intensificarsi dell’impegno in Afghanistan dell’amministrazione statunitense guidata dal presidente Obama, accompagnato dal progressivo ritiro in Iraq, segnalano proprio questo. In Afghanistan l’impegno ‘bellico’ era contro un soggetto non governativo, non pubblico: Al Qaeda. Di più: come ricorda Mary Ellen O’Connell, secondo l’amministrazione USA (a guida Bush jr.) «wherever a suspected member of a terrorist organization is, there is an armed conflict»42. In questo, sottolinea Jason Ralph, «There has been continuities between the two administration»43, riportando quanto ebbe a dire il consulente legale del Dipartimento di Stato dell’amministrazione Obama, Harold Koh, secondo il quale gli Stati Uniti: «Is in an armed conflict with al-Qaeda, as well as the Taliban and associated forces, in response to the horrific 9/11 attacks, and may use force consistent with its inherent right to self-defense under international law. As a matter of domestic law, Congress authorized the use of all necessary and appropriate force through the 2001 Authorization for Use of Military Force (AUMF). These domestic and international legal authorities continue to this day»44.

  • 45 Ginzburg, 2015: 75. Sarà necessario tornare altrove sul fatto che per Ginzburg, Hobbes sostiene tut (...)
  • 46 «Bredekamp partiva da Hobbes per arrivare al presente, all’influenza esercitata dalle idee di Leo S (...)
  • 47 Ginzburg, 2015: 79, enfasi in tondo mia.

18Tradurrei tuttavia così: dovunque vi sia un terrorista, lì è territorio (e dunque lì è amministrazione, non guerra). A sostegno della tesi di una sostanziale centralità delle funzioni dello Stato sovrano nella lotta al terrorismo sia sul proprio territorio che fuori di esso, potremmo ancora ricordare che Carlo Ginzburg, in un illuminante saggio su Hobbes, fa notare che la parola usata da quest’ultimo per parlare della paura che incute lo Stato è awe, la cui ‘vera traduzione’, secondo Ginzburg, è proprio ‘terrore’45, per l’appunto, più che ‘paura’. Ed è ancora Ginzburg che, riprendendo gli studi di Horst Bredekamp, segnala la sinistra connessione tra la fondazione dello Stato in Hobbes e l’espressione Shock and Awe, che indica in codice l’operazione bellica statunitense che diede avvio all’ultima Guerra del Golfo nel 200346. ‘Sciocca e terrorizza’, poiché viviamo in un mondo «in cui gli Stati minacciano il terrore, lo esercitano, talvolta lo subiscono»47.

  • 48 «Il terrorismo è lo spettro della sovranità moderna che, a sua volta, è sempre virtualmente terrori (...)
  • 49 Schmitt, 2005: 20-21. In realtà la Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri d (...)

19È indubbio che il terrore intrattenga una relazione stretta, di reciproca implicazione, con la formazione —e con la vita— dello Stato48. Carl Schmitt ha sostenuto che se la guerra è regolata, il partigiano, in quanto combattente irregolare, è fuori da quel paradigma, al di fuori della limitazione —della ‘messa in forma’— del conflitto bellico: «Il partigiano moderno non si aspetta dal nemico né diritto né pietà. Egli si è posto al di fuori dell’inimicizia convenzionale della guerra controllata e circoscritta, trasferendosi in un’altra dimensione: quella della vera inimicizia, che attraverso il terrore e le misure antiterroristiche cresce continuamente fino alla volontà di annientamento»49.

  • 50 Sullo Stato di polizia e sulla Polizeiwissenschaft, Schiera, 1990: 1118-1122. Naturalmente l’espres (...)

20Ma in verità l’esercizio delle funzioni di polizia interna (e la loro estensione extraterritoriale) non pone il terrorista fuori dalla giurisdizione dello Stato e fuori dalla regolazione della guerra: lo colloca, al contrario, entro l’orizzonte di una statualità abnorme che lo tratta come un oggetto emergenziale da amministrare. Non belligerante, egli è oggetto della presa da parte di uno Stato di polizia50 che, nel caso delle iper-sovranità planetarie, diventa globale. Il terrorista è dunque dentro-e-fuori, è al contempo amico-e-nemico.

  • 51 Elden, 2009: 172. È bene ricordare che se lo humanitarian intervention è il paravento delle scorrer (...)
  • 52 Erlenbusch-Anderson, 2013: 144.
  • 53 Ibidem: 148, corsivi miei.

21Del resto, a proposito di tali iper-sovranità, la logica dello humanitarian intervention consiste esattamente nell’estensione globale di funzioni di polizia al di là della sovranità degli Stati: «The U.S. National Defense Strategy, for example, argues that it is unacceptable for states to invoke a sovereign ‘shield’»51. Ma l’estensione delle funzioni non corrisponde all’idea di espansione territoriale degli imperi, tutt’al più a una sorta di ‘iper-sovranità temporanea’. È possibile vederla all’opera nell’esercizio di quella ragion di Stato che è stata invocata per giustificare l’interventismo umanitario statunitense. In quel caso, infatti, la protezione dei cittadini statunitensi in patria e all’estero ha consentito, secondo i consulenti legali della Casa Bianca, l’uso della violenza (per lo più ampiamente illegale: «Summary executions; apprehension, rendition, and detention of terrorist suspects; and enhanced interrogation techniques, or torture»)52 sia nei confronti degli stranieri (e fuori dal territorio nazionale) che sui cittadini. Come scrive Verena Erlenbusch-Anderson, «previously distinct spheres of internal order, or police power, and external peace, or military power, began to converge in a general peace-enforcing function of the state. [...] both internal and external enemies appeared as threats to the life and health of populations»53.

3. Stato e terrore

  • 54 Digesto, 50.16.239.8, enfasi in tondo mia.
  • 55 Elden, 2009: xxviii ss.
  • 56 Non vorrei tuttavia incorrere a mia volta nell’uso disinvolto dell’etimologia in filosofia segnalat (...)
  • 57 Cfr. Schiavone, 2002: 187. L’etimologia di Varrone appare invero più plausibile cfr. Somaini, 2013: (...)
  • 58 Una ricostruzione di questi tre diversi significati è anche in (Grozio, 1632: 322). Secondo Vico, q (...)
  • 59 Costa, 1999: 45.
  • 60 Zendri, 2016: 116.

22Pomponio, nel Liber singuralis enchiridii, afferma che «‘Territorium’ est universitas agrorum intra fines cuiusque civitatis: quod ab eo dictum quidam aiunt, quod magistratus eius loci intra eos fines terrendi, id est summovendi ius habent»54. Territorio deriverebbe da terrere, dunque, secondo il giurista romano. Questa etimologia, invero —come ricorda Stuart Elden—55 piuttosto dubbia, segnala comunque56 un legame tra la gestione del territorio e l’esercizio su di esso di una violenza come dispositivo di inclusione ed esclusione. Pomponio qui si discosta da Varrone57, rimanendo nel solco di Frontino (per il quale ‘territorio’ è quidquid hostis terrendi causa constitutum est) e Siculo Flacco. Ma mentre per questi ultimi ‘territorio’ ha a che fare tout court con il terrore, per Pomponio terreo richiama il potere dei magistrati di submovere, di allontanare. Dunque il territorio è quello spazio circoscritto sul quale i magistrati esercitano il potere di mettere al bando, espellere58. Il bandito così non è l’estraneo, lo straniero: «Il bannum [...] esprime in negativo [...] il senso, insieme dell’estraneità e dell’appartenenza»59. Il bando, stando alla dottrina di Bartolo da Sassoferrato, non è assimilabile ad altri istituti romanistici e canonistici pur consolidati nella Glossa come la deportatio, la relegatio o la excommunicatio, bensì al transfuga, ovvero all’hostis civitatis suae60. Nello da San Gimignano preciserà in seguito rispetto a Bartolo che la ‘ribellione’ di un bandito in quanto hostis civitatis suae non scatena alcuna ‘guerra’: il bandito, lungi dal poter essere ucciso impune (cosa che a onor del vero lo stesso Bartolo riconosceva), non è un nemico, e dunque non è uccidibile tout court senza conseguenze.

  • 61 Nel caso francese, si ricorderà che la proposta riguardò i cittadini per acquisizione, ma anche que (...)
  • 62 Su cui si veda invece, diversamente da qui, il classico Agamben, 2005: 145-147.
  • 63 Come scriveva Hobbes illustrando il bellum omnium contra omnes «Si può forse pensare che non vi sia (...)
  • 64 Abbiamo prima accennato al dibattito sui fratelli Tsarnaev. È qui sintomatico notare, nel contesto (...)
  • 65 Freud citato in Bhabha, 2006: 132.
  • 66 Che però nel discorso di Bhabha elabora una strategia di resistenza che l’autore definisce sly civi (...)
  • 67 «This is not simply an exclusion of the terrorist other from the fabric of citizenship but rather t (...)

23La decadenza della cittadinanza, di cui abbiamo discusso, è un caso assai emblematico di esclusione che include (o di inclusione che esclude): il terrorista può essere —nel progetto di riforma francese— afferrato e espulso dalla nazionalità solo se egli è già cittadino61. E non si tratta di afferrare la nuda vita per includerla/escluderla da parte del potere sovrano62: ciò che il sovrano afferra è già politico, è già cittadino pleno iure. E se il colonialismo ha funzionato come banco di prova della sovranità interna, proiezione che si riverbera sul Vecchio Continente63, allora qui si può importare ciò che Homi Bhabha ha scritto a proposito di sovranità, confine e territorio nella relazione coloniale tra dominante e nativo64. Il potere sovrano, preso nella morsa tra narcisismo e paranoia, chiede al cittadino di ‘parlare’, di narrare la sua ‘versione dei fatti’, con un’insistenza inquisitoriale. Il potere sovrano si aspetta dai cittadini, come il paranoico di Freud nel suo delirio di riferimento, un atteggiamento d’amore. Ma l’estraneo —qui il cittadino-terrorista— si rifiuta: egli è estraneo a quella richiesta: «Se si considera la fondamentale affinità che esiste fra il concetto di ‘estraneo’ e quello di ‘nemico’, il paranoico non ha poi tutti i torti se sente come avversione quest’indifferenza contro cui si scontra la sua richiesta d’amore»65. Lo Stato necessita di essere ‘riconosciuto’ nel proprio potere dal cittadino, il narcisismo del controllo del territorio si trasforma nella paranoia scatenata dall’estraneità. Nel nostro discorso, al nativo litigioso e mendace, infedele, estraneo/nemico66 si è sostituito il cittadino: egli è però dentro-e-fuori, è intraneo/estraneo, amico/nemico allo stesso tempo67. Ed è per questo che provoca perturbamento. E autorizza la presa del potere sovrano su di esso.

Una postilla

24Il presente saggio è stato licenziato prima dell’esplodere dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19. Quest’ultima è un formidabile laboratorio di messa alla prova di quel regime derogatorio autorizzato dall’estensione della categoria dell’emergenza di cui si parla in questo lavoro. Non posso qui svolgere il tema, mi limiterò dunque ad alcune rapidissime considerazioni, rimandando un approfondimento a future riflessioni.

25L’emergenza sanitaria ha portato al parossismo la questione dell’eccezione, poiché se l’attacco terroristico era un evento violento gestito con le modalità del tempo di pace, con il Covid ci troviamo di fronte all’assenza di qualsivoglia ‘nemico’, interno o esterno che sia. Quello che risalta, anche in relazione al concetto di awe sopra menzionato, è che —a quadro costituzionale, almeno per quel che riguarda l’Italia, immutato— la produzione normativa ha fatto ampiamente ricorso a un diritto dell’emergenza ‘inventato’. Inventato perché il regime derogatorio rispetto alle libertà fondamentali si è fondato su un impianto giuridico quanto mai traballante, in un rimando di norme in cui fonti inferiori pretendevano (pretendono) di derogare a fonti costituzionali, decreti dei presidenti delle giunte regionali —autorizzati in questo da leggi ordinarie— ambiscono a limitare libertà costituzionalmente garantite, e così via.

26Ma il diritto inventato ha una sua funzione preventiva: trasforma ciò che è falso in vero, secondo il modello della fictio di origine romanistica, e si regge sull’auspicio che i cittadini ottemperino alle norme emanate nella piena incertezza circa la loro stessa validità, alla quale invece si auspica che si presti fede. Ma mentre la curvatura eccezionale della logica dell’emergenza analizzata nel lavoro qui presentato sollevava numerosi dubbi e critiche (che qui ho cercato di svolgere), l’estensione semantica dell’emergenza e il diritto inventato che l’ha disciplinata ci interrogano crudamente sull’opportunità che i cittadini seguano le disposizioni contenute negli ormai famigerati —e spesso giuridicamente assai deboli— decreti del presidente del consiglio dei ministri, nonostante se ne riconoscano i limiti sul piano della gerarchia delle fonti e più in generale i rischi sul piano istituzionale e politico.

Torna su

Bibliografia

Ackerman, B. (2006). Before the Next Attack: Preserving Civil Liberties in an Age of Terrorism, New Haven, Yale University Press.

Agamben, G. (2005). Homo sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Torino, Einaudi.

Azzariti, G. (2010). L’eccezione e il sovrano. Quando l’emergenza diventa ordinaria amministrazione, «Costituzionalismo.it», www.costituzionalismo.it/leccezione-e-il-sovrano-quando-lemergenza-diventa-ordinaria-amministrazione-di-gaetano-azzariti/.

Bartoli, R. (2008). Lotta al terrorismo internazionale. Tra diritto penale del nemico e jus in bello del criminale e annientamento del nemico assoluto, Torino, Giappichelli.

Bhabha, H. K. (2006). I luoghi della cultura, Roma, Meltemi.

Cardone, A. (2011). La ‘normalizzazione’ dell’emergenza. Contributo allo studio del potere extra ordinem del Governo, Torino, Giappichelli.

Cavasino, E. (2019). Ridisegnare il confine fra “noi” e “loro”: interrogativi sulla revoca della cittadinanza, «Diritto, immigrazione e cittadinanza», 1.

Cavino, M. (2015). Sécurité, égalité, fraternité. La fragilità costituzionale della Francia. (osservazioni a un mese dagli attentati di Parigi), «Consulta Online», III.

Conseil d’ État (2015). Avis sur le projet de loi constitutionnelle, 11 dicembre, n. 390866.

Costa, P. (1999). Civitas. Storia della cittadinanza in Europa, 1. Dalla civiltà comunale al Settecento, Roma-Bari, Laterza.

Cuono, M. (2016). Crise de légitimité ou légitimation par les crises ? Etats d’urgence, d’exception et de nécessité, «Societés Politiques Comparées», 40.

De Vivo, J. (2018). Francia: dallo stato di emergenza alla nuova legge antiterrorismo, «Forum di Quaderni costituzionali», 1.

Di Cesare, D. (2017). Terrore e modernità, Torino, Einaudi.

Elden, S. (2009). Terror and Territory. The Spatial Extent of Sovereignty, Minneapolis-London, University of Minnesota Press.

Erlenbusch-Anderson, V. (2013). Genealogies of Terrorism. Revolution, State Violence, Empire, New York, Columbia University Press.

Faschilli, C. (2017). Il ricorso all’etimologia in ambito filosofico: uno studio analitico di un atteggiamento continentale, «Rivista di filosofia», 3.

Fioravanti, M. (2009). Le potestà normative del governo. Dalla Francia Ancien Régime all’Italia liberale, Milano, Giuffrè.

Foucault, M. (2004). Sécurité, territoire, population. Cours au Collège de France (1977-1978), Paris, Seuil/Gallimard.

Ginzburg, C. (2015). Rileggere Hobbes oggi, in Id., Paura reverenza terrore. Cinque saggi di iconografia politica, Milano, Adelphi.

Glennon, M. (1999). The New Interventionism: The Search for a Just International Law, «Foreign Affairs», 78:3.

Grozio, U. (1632). De iure belli ac pacis, Amsterdam, William Blaeu.

Hobbes, Th. (2003). Leviatano, Roma-Bari, Laterza.

Hollande, F. (2015). Les messages du Président de la République au Parlement, 16 novembre, www.senat.fr/evenement/archives/D46/hollande.html.

O’Connell, M. E. (2004). The Legal Case against the Global War on Terror, «Case Western Reserve Journal of International Law», 36: 349.

Ralph, J. (2013). America’s War on Terror: The State of the 9/11 Exception from Bush to Obama, Oxford, Oxford University Press.

Schiavone, A. (2002). Nota di lettura, D. Nörr, Pomponio o “della intelligenza storica dei giuristi romani”, «Rivista di diritto romano», II.

Schiera, P. (1990). Stato di polizia, in Bobbio, N., Matteucci, N., Pasquino, G. (a cura di), Dizionario di politica, Torino, UTET.

Schmitt, C. (2005). Teoria del partigiano, Milano, Adelphi.

Somaini, F. (2013). Spazi complessi, territorialità plurime. Spunti di riflessione attorno ai concetti di territorio, territorializzazione e territorialità (ed al loro utilizzo in ambito storiografico), «Itinerari di ricerca storica», XXVII: 1.

Sommario, E. (2016). Attentati di Parigi: la Francia deroga alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, «SIDIBlog - Blog della società italiana di diritto internazionale e di diritto dell’unione europea», www.sidi-isil.org/sidiblog/?p=1658.

Sommario, E. (2018). Stati d’emergenza e trattati a tutela dei diritti umani, Torino, Giappichelli.

Stimilli, E. (2019). Fanatismi e guerra civile mondiale, in Petrucciani, S. (a cura di), Macropolitica. I nodi della politica globale, Milano-Udine, Mimesis.

Tavernier, P. (1999). Article 15, in Pettiti, L.-E., Decaux, E., Imbert, P.-H. (sous la direction de), La Convention européenne des droits de l’homme, Paris, Economica.

Tedesco, F. (2003). Affrettate tanatografie. Verso un nomos imperiale?, «Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto», LXXX: 1.

Tedesco, F. (2005). L’Onu idealista rispolvera la dottrina della guerra giusta, «Jura Gentium», I:1.

Tedesco, F. (2006). L’impero latino e l’idea di Europa. Riflessioni a partire da un saggio (parzialmente) inedito di Alexandre Kojève, «Quaderni Fiorentini per la Storia del Pensiero Giuridico Moderno», 35.

Vico, G. (1936). Il diritto universale, parte II, De constantia jurisprudentis, Bari, Laterza.

Vico, G. (2013). Principj di scienza nuova, in Id., La scienza nuova e altri scritti, Torino, UTET.

Zagato, L. (2006). L’eccezione per motivi di emergenza nel diritto internazionale dei diritti umani, «DEP», 5/6.

Zendri, Ch. (2016). Banniti nostri temporis. Studi su bando e consuetudine nel diritto comune, Trento, Università degli Studi di Trento.

Torna su

Note

1 Erlenbusch-Anderson, 2013: 53.

2 Fioravanti, 2009: 40-43.

3 Lo stato d’assedio implica l’intervento dei poteri militari, mentre lo stato d’urgenza delega la gestione dell’emergenza ai poteri civili.

4 L’art. 36 recita: «Lo stato d’assedio è decretato dal Consiglio dei ministri. Non può essere prorogato oltre dodici giorni senza autorizzazione del Parlamento».

5 Décision nº 2016-536 QPC du 19 février 2016.

6 Hollande, 2015.

7 E così evidentemente non è: tra i tanti contributi, si veda (specifico sulla Francia) Cavino, 2015.

8 Si noti che, simbolicamente, la déchéance avrebbe dovuto essere inserita nel titolo I, De la souveraineté.

9 Conseil d’ État, 2015: 2.

10 Che andrebbe letta di concerto con la nuova disciplina dell’immigrazione voluta nel 2018 dal presidente francese.

11 Se si fa eccezione per una pronuncia del Conseil a proposito del soggiorno obbligato: Décision nº 2017-684 QPC du 11 janvier 2018.

12 De Vivo, 2018.

13 Naturalmente quello francese non è l’unico caso in cui emerge con forza il tema dell’inclusione-esclusione del cittadino-terrorista: si veda il dibattito attorno ai fratelli Tsarnaev, attentatori della Maratona di Boston (aprile 2013) (cfr. Erlenbusch-Anderson, 2013: 153 ss).

14 Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dopo gli attacchi terroristici del novembre 2015 a Parigi si è limitato a sollecitare gli Stati membri “that have the capacity to do so to take all necessary measures, in compliance with international law, in particular with the United Nations Charter, as well as international human rights, refugee and humanitarian law, on the territory under the control of ISIL also known as Da’esh, in Syria and Iraq, to redouble and coordinate their efforts to prevent and suppress terrorist acts committed specifically by ISIL also known as Da’esh” [S/RES/2249 (2015) del 20 novembre 2015].

15 Art. 39; il meccanismo ha un precedente nel ruolo assegnato dal Covenant alla Società delle Nazioni per l’individuazione dell’aggressore e l’accertamento delle responsabilità del conflitto.

16 Lo Statuto della Corte Penale Internazionale, aggiornato nella conferenza degli Stati membri tenutasi in Uganda nel 2010, all’art. 8 bis definisce —in accordo con la risoluzione dell’Assemblea generale dell’ONU del 1974 (A/RES/29/3314) sulla definizione di aggressione— il ‘crime of aggression’: esso «means the planning, preparation, initiation or execution, by a person in a position effectively to exercise control over or to direct the political or military action of a State, of an act of aggression which, by its character, gravity and scale, constitutes a manifest violation of the Charter of the United Nations». Dopo questo primo tautologico passaggio (l’aggressione «means [...] an act of aggression»), lo Statuto cerca di definire meglio il crimine di aggressione attraverso una casistica in 7 punti, tutti molto legati tuttavia a una concezione dei conflitti bellici come ‘cross-border attacks’ di uno Stato sovrano contro il territorio di un altro Stato sovrano. L’unico punto che potrebbe riferirsi al terrorismo è l’ultimo: «The sending by or on behalf of a State of armed bands, groups, irregulars or mercenaries, which carry out acts of armed force against another State of such gravity as to amount to the acts listed above, or its substantial involvement therein». Tuttavia, anche in questo caso si tratterebbe di individuare uno Stato ‘mandante’, col paradosso che ciò porterebbe a colpire o gli Stati finanziatori dell’ISIS che sono tradizionalmente ottimi alleati e partner commerciali dell’Occidente, oppure l’ISIS (o IS, ISIL, Da’esh), che però dovrebbe a rigore essere considerato davvero uno ‘Stato’ sovrano.

17 Glennon, 1999, che torna anche sulla inefficacia della categoria di ‘cross-border attack’.

18 La France informe le Secrétaire Général de sa décision de déroger à la Convention européenne des droits de l’homme en application de son art. 15, Consiglio d’Europa. Nella «Declaration contained in a Note verbale from the Permanent Representation of France, dated 24 November 2015, registered at the Secretariat General on 24 November 2015» si afferma che le misure previste dall’état d’urgence «may involve a derogation from the obligations under the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms. I would therefore kindly request you to consider that this letter constitutes information for the purposes of Article 15 of the Convention». Il documento è stato aggiornato alla comunicazione del governo francese della cessazione dello stato d’urgenza (2 novembre 2017).

19 Che è utile riportare interamente: «Deroga in caso di stato d’urgenza: 1. In caso di guerra o in caso di altro pericolo pubblico che minacci la vita della nazione, ogni Alta Parte contraente può adottare delle misure in deroga agli obblighi previsti dalla presente Convenzione, nella stretta misura in cui la situazione lo richieda e a condizione che tali misure non siano in conflitto con gli altri obblighi derivanti dal diritto internazionale. 2. La disposizione precedente non autorizza alcuna deroga all’art. 2, salvo il caso di decesso causato da legittimi atti di guerra, e agli art. 3, 4 § 1 e 7. 3. Ogni Alta Parte contraente che eserciti tale diritto di deroga tiene informato nel modo più completo il Segretario generale del Consiglio d’Europa sulle misure prese e sui motivi che le hanno determinate. Deve ugualmente informare il Segretario generale del Consiglio d’Europa della data in cui queste misure cessano d’essere in vigore e in cui le disposizioni della Convenzione riacquistano piena applicazione».

20 C.N.703.2015.TREATIES-IV.4, Notification under art. 4(3).

21 Sommario, 2018: 87.

22 A questo proposito occorre ricordare che il General Comment (2014) del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani si occupa dell’art. 9 e sostiene che pur non essendo esso incluso nella lista degli articoli inderogabili, gode di una tutela rafforzata che prevede numerosi paletti: cfr. Human Rights Committee, General comment No. 35 - Art. 9 (Liberty and security of person), CCPR/C/GC/35, pp. 19-20.

23 Qui ci si riferisce alla riserva, ovvero a «una dichiarazione unilaterale, quale che sia la sua articolazione e denominazione, fatta da uno Stato quando sottoscrive, ratifica, accetta o approva un trattato o vi aderisce, attraverso la quale esso mira ad escludere o modificare l’effetto giuridico di alcune disposizioni del trattato nella loro applicazione allo Stato medesimo» [art. 2, lett. d), Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati].

24 Sommario, 2016, corsivo mio.

25 Il condizionale è d’obbligo, da momento che la Corte non è stata investita della questione: «non sarebbe sorprendente se, qualora fosse chiamata ad esprimersi circa la validità della riserva francese, la Corte dovesse reputarla contraria all’oggetto e allo scopo del trattato» (Sommario, 2018: 96). Nel senso di una riserva non apposta anche (Tavernier, 1999).

26 Sommario, 2016.

27 Zagato, 2006: 139.

28 Si noti (sentenza Irlanda c. Regno Unito, Sentenza del 18 gennaio 1978, Seria A, Nº 25) che la Corte è arrivata ad ammettere che la detenzione extra-giudiziale per contrastare il terrorismo ricadesse nel margine di apprezzamento.

29 Per questo aspetto e per una ricostruzione generale dei travaux préparatoires del Patto cfr. Sommario, 2018: 105-115. Sul concetto di crisi rimando a Cuono, 2016. Cuono sostiene che vi sono tre dimensioni che concorrono a definire tale concetto: «L’urgence, l’exception et la nécessité», legate a loro volta «à leurs critères de légitimation respectifs: rapidité de la prise de décision, effectivité concrète de l’action gouvernementale et spontanéité dans la recherche de solutions aux problèmes politiques» (Cuono, 2016: 2).

30 Un’estensione «potenzialmente eversiva» (Cardone, 2011: 181, 126-127).

31 Cardone, 2011: 181. Sulle difficoltà di individuazione della fattispecie ‘grande evento’ cfr. Cardone, 2011; 192. Sulla nozione di ‘grande evento’ come destinata ad autorizzare «l’uso potenzialmente generalizzato dei poteri straordinari. Facendo fatalmente venir meno il rapporto tra regola ed eccezione» (Azzariti, 2010).

32 Il D.L. 343/2001 risulta abrogato dal D.LGS. n. 1/2018 (Codice della protezione civile) che sostituisce la L. 225/92. In fatto di norme, merita ricordare che il D.L. 90/2008 sottraeva l’esercizio dei poteri di emergenza al controllo preventivo della Corte dei Conti, nonché al controllo giurisdizionale (cfr. Azzariti, 2010).

33 È simbolicamente significativo che un evento politico gestito secondo la logica emergenziale di cui stiamo discutendo e che doveva svolgersi sull’isola sarda si sia poi svolto in un luogo, L’Aquila, già interessato a sua volta —e indipendentemente dal G8— da una medesima gestione emergenziale, ma per fini legati alle catastrofi naturali.

34 Ackerman, 2006: 13.

35 Ibidem: 38, enfasi in tondo mia. La House of Lords, con decisione poi avallata dalla Corte europea dei diritti umani, ha seguito esattamente questo ragionamento, con la motivazione di evitare misure discriminatorie nei confronti degli stranieri, ma con l’esito ‘paradossale’ di una estensione delle misure emergenziali ai cittadini. Come ha sostenuto il Giudice Lord Scott of Foscote: «The differentiation between suspected terrorists who are immigrants with no right of residence and suspected terrorists who are British nationals is, in my opinion, plainly discriminatory. The difference between the two groups, namely, that one group has the right of residence and the other group does not, seems to me to be irrelevant to the issue as to what measures are required in order to combat the threat of terrorism that their presence in this country may be thought by the Secretary of State to present» (Sommario, 2018: 82-83).

36 Cardone, 2011: 59.

37 Bartoli, 2008: 194.

38 In connessione con il discorso qui svolto a proposito della gestione dell’emergenza anche oltre i confini territoriali, viene in mente che l’Italia, con l’art. 9 del D.L. 90/2005 («Disposizioni urgenti in materia di protezione civile») ha stabilito uno stanziamento finanziario al fine di «assicurare adeguati interventi, in occasione di catastrofi naturali, eventi bellici, o comunque in situazioni di emergenza all’estero».

39 Stimilli, 2019: 229.

40 La ‘crisi della sovranità’ è antica quanto l’idea stessa di potere sovrano nell’epoca moderna: essa si configura come un tramonto che non tramonta mai, e le affrettate tanatografie che lo descrivono a oggi non sembrano coglierne la natura (cfr. Tedesco, 2003: 101-118).

41 Sotto la presidenza Obama gli attacchi con droni sono raddoppiati: cfr. Ralph, 2013: 47.

42 O’Connell, 2004: 350.

43 Ralph, 2013: 48.

44 Ralph, 2013: 48, enfasi in tondo mia.

45 Ginzburg, 2015: 75. Sarà necessario tornare altrove sul fatto che per Ginzburg, Hobbes sostiene tuttavia che il terrore non basta, e che tra il terrore e la soggezione che esso incute occorra un elemento di connessione rappresentato dalla finzione, la quale a sua volta affonda le sue radici nella religione.

46 «Bredekamp partiva da Hobbes per arrivare al presente, all’influenza esercitata dalle idee di Leo Strauss sui neoncoservatori americani» (Ginzburg, 2015: 78). Sui neocons, Strauss, Kojève e Allan Bloom: Tedesco, 2006.

47 Ginzburg, 2015: 79, enfasi in tondo mia.

48 «Il terrorismo è lo spettro della sovranità moderna che, a sua volta, è sempre virtualmente terrorista» (Di Cesare, 2017: 50).

49 Schmitt, 2005: 20-21. In realtà la Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri di guerra del 1949 (così come il Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali del 1977) riconosce la tutela anche alle forze resistenti, ma ad alcune condizioni (per esempio l’‘organizzazione’) che Schmitt criticò: Schmitt, 2005: 28, 35.

50 Sullo Stato di polizia e sulla Polizeiwissenschaft, Schiera, 1990: 1118-1122. Naturalmente l’espressione storicamente non indica solo l’esercizio di funzioni di polizia —sebbene Schiera ricordi che questo uso peggiorativo è invalso a lungo— ma ha a che fare con una concezione paternalistica ed eudemonistica dello Stato e del suo obiettivo di realizzazione del benessere (Wohlfahrt, da cui il Wohlfahrt Staat e poi Welfare state) della popolazione. Su questo tema, e sulla sua curvatura governamentale-biopolitica: Foucault, 2004.

51 Elden, 2009: 172. È bene ricordare che se lo humanitarian intervention è il paravento delle scorrerie delle iper-sovranità formalmente in nome dei diritti umani (con il corollario della rivendicazione di un ‘eccezionalismo’ che esenti tali iper-sovranità da giudizi sulla loro condotta all’interno dei confini nazionali), di contro è altrettanto vero che la rivendicazione della domestic jurisdiction è stata spesso usata strumentalmente da paesi che conculcano i diritti umani per negare ogni ingerenza, laddove invece i diritti umani sono una questione di legittimo interesse della comunità internazionale.

52 Erlenbusch-Anderson, 2013: 144.

53 Ibidem: 148, corsivi miei.

54 Digesto, 50.16.239.8, enfasi in tondo mia.

55 Elden, 2009: xxviii ss.

56 Non vorrei tuttavia incorrere a mia volta nell’uso disinvolto dell’etimologia in filosofia segnalato da Claudio Faschilli (Faschilli, 2017). Tanto più che uno degli autori più versati in questa pratica fu proprio Vico, di cui si parlerà fra un istante, e a cui Faschilli intitola il suo «presupposto della sapienza antica»: «ovvero, che le parole delle lingue classiche (a seconda dei casi e degli autori si può trattare del latino, del greco, dell’ebraico ecc.) descrivano meglio la realtà perché le popolazioni antiche che parlavano tali lingue avevano una conoscenza più chiara e più profonda di essa e la vollero trasmettere per mezzo del loro linguaggio» (Faschilli, 2017: 384, corsivo nell’originale).

57 Cfr. Schiavone, 2002: 187. L’etimologia di Varrone appare invero più plausibile cfr. Somaini, 2013: 18.

58 Una ricostruzione di questi tre diversi significati è anche in (Grozio, 1632: 322). Secondo Vico, questa etimologia non aveva ragione d’essere dal momento che a quel tempo «non vi era troppa folla in Roma» tale da richiedere degli sgomberi (Vico, 2013). Tuttavia nelle opere latine Vico attribuisce falsamente a Varrone (mentre per l’appunto di Pomponio si tratta) l’etimologia di territorium all’endiadi terrere-submovere: cfr. Vico, 1936: 474.

59 Costa, 1999: 45.

60 Zendri, 2016: 116.

61 Nel caso francese, si ricorderà che la proposta riguardò i cittadini per acquisizione, ma anche quelli per nascita. Ai primi è riservato invece il D.L. 118/2018, che ha introdotto nell’ordinamento italiano il caso di revoca della cittadinanza mediante l’inserimento di un art. 10-bis nella L. 91/1992: cfr. Cavasino 2019.

62 Su cui si veda invece, diversamente da qui, il classico Agamben, 2005: 145-147.

63 Come scriveva Hobbes illustrando il bellum omnium contra omnes «Si può forse pensare che non vi sia mai stato un tempo e uno stato di guerra come questo [...]; ma vi sono molti luoghi ove attualmente si vive in tal modo» (Hobbes, 2003: 102), per esempio l’America, dove i ‘selvaggi’ vivono senza governo.

64 Abbiamo prima accennato al dibattito sui fratelli Tsarnaev. È qui sintomatico notare, nel contesto del discorso sul colonialismo, che tale dibattito si svolse anche, da un lato, attorno alla ‘bianchezza’ dei fratelli Tsarnaev per escluderne la loro cittadinanza (laddove due persone di origini cecene sono, per lo U.S. Census Bureau, a tutti gli effetti ‘bianchi’) e, d’altro canto, all’abbigliamento ritenuto più nello stile ‘Columbine’ che in quello Al Qaeda, per negarne la natura di ‘enemy combatant’.

65 Freud citato in Bhabha, 2006: 132.

66 Che però nel discorso di Bhabha elabora una strategia di resistenza che l’autore definisce sly civility, cortesia astuta: un modo di utilizzare, rovesciandoli, gli stigmi, e di colpire il dominante dall’interno.

67 «This is not simply an exclusion of the terrorist other from the fabric of citizenship but rather the simultaneous production of citizen and terrorist as ‘reciprocal and incompatible’ identities. [...] it becomes possible to simultaneously be ‘one of us’, that is, a citizen in both the legal and inclusive sense, and a terrorist» (Erlenbusch-Anderson, 2013: 152-153).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francescomaria Tedesco, «Terrorismo, terrore, sovranità. Su un rapporto di reciproca embricazione »Teoria politica. Nuova serie Annali, 10 | 2020, 363-378.

Notizia bibliografica digitale

Francescomaria Tedesco, «Terrorismo, terrore, sovranità. Su un rapporto di reciproca embricazione »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 10 | 2020, online dal 01 décembre 2020, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/1412

Torna su

Autore

Francescomaria Tedesco

Università di Camerino, francescomaria.tedesco@unicam.it

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search