Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie8In questo numero. Nei prossimi nu...

In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire

Michelangelo Bovero
p. 9-14
Traduzione(i):
This issue. Next issues. Call for papers [en]

Testo integrale

In questo numero

1Il presente volume di Teoria politica si articola in tre sezioni.

2La prima sezione, intitolata Aristotele. I fondamenti della politica, trae origine dal seminario svoltosi a Torino nei giorni 11 e 12 maggio del 2017, nel quale alcuni studiosi della cultura classica hanno aperto un confronto con filosofi non specialisti del mondo antico intorno alla natura della politica, del potere, della costituzione, della cittadinanza, della democrazia, a partire dal pensiero di Aristotele e in particolare dal libro III della Politica. Il confronto fu avviato da Mario Vegetti, con un’analisi di amplissimo orizzonte e limpida profondità sulla concezione aristotelica dei fondamenti del sapere politico, nella sua tensione con la concezione platonica. Mesi avanti, Vegetti aveva accolto l’invito ad aprire il seminario con qualche preoccupazione ma senza esitazioni: la proposta del tema lo aveva convinto. Durante l’incontro, in un momento conviviale, mi disse sottovoce che era molto contento di essere giunto all’appuntamento torinese con la nostra piccola comunità di dialogo. Animò il dibattito dopo ogni relazione. Fece commenti e osservazioni puntuali ad Alberto Maffi, impegnato a dipanare le intricate argomentazioni di Aristotele su politeia, politeuma e legislazione; a Silvia Gastaldi, che affrontava il tema del kyrion, centrale nel libro III; a Lucio Bertelli, che si dedicava a ricostruire il complesso pensiero aristotelico sulla democrazia; a Fulvia de Luise, che riesaminava, con tesi da lui giudicate «innovative», il controverso problema del rapporto tra uomo buono e buon cittadino; alle dotte divagazioni di Giuseppe Farinetti su virtù, felicità e politica; alla teoria «funzionale» della cittadinanza formulata da Patricia Mindus ripartendo dal pensiero di Aristotele; a José Luis Martí, che ricostruiva la fortuna moderna della tesi aristotelica secondo cui i molti giudicano e decidono meglio dei pochi o di uno solo; alle proposte avanzate da Bovero di ritraduzione e ridefinizione dei termini fondamentali del logos aristotelico che condividono la radice poli-. Quando giunse il momento di trasformare le relazioni negli articoli che ora compongono questa sezione del volume, Alberto Maffi ebbe il merito aggiuntivo di sollecitare gli altri studiosi, in particolare gli specialisti di Aristotele, ad un confronto epistolare sulle rispettive tesi interpretative, sui problemi incontrati, sui dubbi persistenti. In questo dialogo aneu phonés, ripreso e rinnovato dopo l’incontro torinese, sono certo che ciascuno ha riascoltato l’eco silenziosa della voce di Vegetti, è tornato a discutere con lui. Ma non solo questi studiosi, tutti i partecipanti al seminario ed ora i lettori di questo volume potranno continuare a fruire del suo insegnamento attraverso il testo che Vegetti ha inviato a Teoria politica nell’autunno scorso, dopo una prima revisione della sua relazione. Mario Vegetti verrà ancora a trovarci spesso nei nostri pensieri, rimarrà tra le voci e le luci più chiare del nostro mondo interiore. Caro Mario, a te dedichiamo questi nostri modesti lavori.

3La seconda sezione, intitolata Dopo le elezioni. Il panorama politico europeo, vuole anzitutto offrire, attraverso analisi dei singoli casi rilevanti e considerazioni comparative, una visione complessiva delle trasformazioni nello scenario europeo conseguenti al ciclo di elezioni politiche celebrate in molti paesi del continente nell’anno 2017. Anche questa sezione trae in gran parte origine da un incontro tra studiosi di varie discipline: il Settimo seminario di Teoria politica, svoltosi a Torino nei giorni 26 e 27 ottobre di quell’anno, con l’obiettivo di tentare un bilancio della serie di consultazioni elettorali iniziata in marzo con l’Olanda e poi proseguita con la Francia, la Gran Bretagna, l’Austria, la Germania. Alla serie si sarebbe poi aggiunta, nel marzo dell’anno nuovo, l’Italia. Ma il caso italiano, con un esito elettorale che ha dato luogo ad un lunghissimo processo per la formazione di una maggioranza parlamentare e di un nuovo governo, entrambi di natura e composizione inedita, per ovvie ragioni di tempo non ha potuto essere preso in esame se non di riflesso, e in modo marginale e parziale solo in alcuni contributi di questa sezione, rivisti più di recente dagli autori. E vi sarebbe ancora da aggiungere, nel novero dei mutamenti sulla scena pubblica europea, il cambio di governo e di indirizzo politico in Spagna nel 2018, non conseguito a nuove elezioni ma alla dialettica del sistema parlamentare. Teoria politica si impegna fin d’ora a promuovere nuove analisi per completare la ricostruzione del panorama complessivo e l’identificazione delle tendenze in atto. Compito tutt’altro che facile. In Europa, nell’anno elettorale 2017 circolava tra gli osservatori partecipanti la paura che un’onda generale di malcontento sociale e sfiducia politica si gonfiasse al punto da sconvolgere gli equilibri di tutti i sistemi politici, portando al potere o vicino al potere un po’ dovunque i movimenti (cosiddetti) populisti e in particolare quelli in via di radicalizzazione destrorsa. Qualcosa di simile era successo l’anno precedente in Gran Bretagna con la Brexit, e negli Stati Uniti con l’elezione di Trump. Non pare invece sia accaduto in Europa con le elezioni del 2017, certo non nelle forme e proporzioni da molti temute, anche se numerosi passi sono stati mossi in quella direzione. Ma forse è accaduto o sta accadendo proprio in Italia nel 2018, dove, al di là dello stesso esito elettorale, è il processo politico post-elettorale a svelare il significato e il verso di marcia della trasformazione, e insieme a sciogliere i dubbi sull’identità potenziale del (non) partito di maggioranza relativa. Un processo in fieri, che avanza incerto e forse fragile, con ampi margini di ambiguità; e che andrà comunque inquadrato per consonanza o dissonanza nel panorama complessivo alla cui analisi questa sezione del presente volume offre un contributo. Gli articoli di Mauro Volpi, che richiama l’attenzione sulla crisi del modello maggioritario come esito generale delle consultazioni europee; di Michel Troper, che invita a riflettere su vizi e virtù del sistema francese dopo il 2017; di Gian Enrico Rusconi, che delinea il profilo dell’alternativa populista in Germania; di Edoardo Bressanelli, che ricostruisce gli aspetti peculiari del caso britannico; di Mario Caciagli, che offre una significativa analisi della cultura politica degli italiani anteriore alle elezioni; di Dario Tuorto, che esamina il fenomeno dell’astensione in Italia prima e dopo il voto del 2018; di Andrea Greppi, che analizza le prospettive del non-partito spagnolo Podemos, sono tutti originati dalle relazioni da essi presentate al Settimo seminario di Teoria politica dell’ottobre 2017, riviste e rimaneggiate alla luce degli sviluppi successivi. Per omogeneità tematica, arricchiscono la sezione due articoli originati da un’altra iniziativa di discussione pubblica, promossa dalla Scuola per la buona politica di Torino: quello di Michele Prospero, che riflette sulle regole per la competizione politica attraverso la ricostruzione delle rocambolesche vicende delle leggi elettorali in Italia; e quello di Damiano Palano, che offre un contributo teorico e insieme storico-concettuale sulla forma «partito», sulla sua crisi e sul suo futuro.

4La terza sezione, intitolata Saggi, come di consueto di carattere miscellaneo, comprende quattro contributi. L’articolo di Pier Paolo Portinaro è dedicato alla rivisitazione critica della vasta letteratura sulla categoria di «potere», in relazione a quelle di «violenza» e «autorità». Il saggio di Marco Solinas analizza la svolta neo-hegeliana impressa da Honneth alla tradizione della teoria critica francofortese. Il contributo di Antonio Campati prende spunto dalla recente (e tardiva) traduzione italiana del Il concetto di rappresentanza di Hanna Pitkin, per ragionare sulle trasformazioni della rappresentanza democratica. L’articolo di Gianluca Dioni conduce una rigorosa analisi teorica e filologica dell’idea di dignitas naturae humanae nell’opera Christian Wolff.

Nei prossimi numeri

5Come confermano anche i risultati delle analisi scientifiche pubblicati sul presente volume di Teoria politica, in molti paesi il malcontento sociale e la sfiducia politica si sono manifestati nelle forme di un voto di protesta che presenta molte somiglianze da luogo a luogo, e che è risultato quasi sempre rilevante, se non determinante, per gli esiti delle più recenti consultazioni popolari. Ma la percezione diffusa, non per questo rubricabile come banale o superficiale, che le comunità umane a tutti i livelli siano per lo più malgovernate è più ampia del bacino, pur molto esteso, in cui si è riversato un po’ dovunque il voto di protesta. Peraltro, le trasformazioni avviate direttamente o indirettamente e in modo più o meno incisivo da questo voto reattivo, e spesso reazionario, non sembrano affatto aver migliorato la qualità degli indirizzi di governo e delle classi politiche. Al contrario, si potrebbe dire che l’andamento del mondo procede di malgoverno in peggior governo. Beninteso, i giudizi assiologici, in politica come in ogni campo, sono di per sé controversi e controvertibili: dipendono dalle scale di valori che ciascun soggetto assume e impiega come parametro. E tuttavia, i volti, i caratteri, i connotati della «cattiva politica», delle diverse forme di cattiva politica, lungo i secoli della cultura occidentale sono stati identificati, classificati e ordinati in una fenomenologia prevalente e persistente: in un «nozionario» e un immaginario che continuano ad operare con efficacia paradigmatica. Teoria politica intende dedicare un’ampia sezione monografica, nel prossimo volume, alla fenomenologia del malgoverno, invitando alla collaborazione filosofi, storici, sociologi, politologi, giuristi: analisti dei concetti e dei fatti, teorici del potere e delle norme, specialisti del presente e del passato, e studiosi di mondi e culture diverse.

6L’antichità classica ha elaborato e trasmesso ai secoli successivi due criteri generali prevalenti per distinguere il malgoverno dal buongoverno. In base al primo, il buongoverno è quello che persegue l’interesse pubblico, il bonum commune, mentre il malgoverno è tale perché insegue l’interesse privato, il bonum proprium del governante. In base al secondo criterio, il buongoverno è quello di chi esercita il potere in conformità a leggi prestabilite, il malgoverno è quello di chi lo esercita a proprio arbitrio.

7Peraltro, nessuno dei due criteri si è imposto in modo indiscusso. Fin dall’origine, il realismo politico ha contestato la possibilità di distinguere il bene della collettività dall’interesse dei governanti. Trasimaco dà per scontato che «ogni forma di regime stabilisce le leggi in funzione del proprio utile: la democrazia le farà democratiche, la tirannide tiranniche, e similmente le altre» (Rep. 338e). Del resto, anche a voler prendere le distanze dalle tesi più estreme del realismo politico, è difficile respingere l’obiezione che la nozione stessa di interesse pubblico sopporta sempre interpretazioni differenti e persino opposte: non esiste un parametro oggettivo che permetta di determinare in modo univoco, di volta in volta, in che cosa consista il bene comune. Ciò nonostante, il governante che persegue il proprio vantaggio a danno della collettività, comunque sia inteso l’interesse di questa, è sempre stato identificato come una figura emblematica del malgoverno. Si apre qui il tema tenacemente persistente della corruzione. Ma, come diceva Norberto Bobbio in tempi molto risalenti (e perciò, come si usa dire, «non sospetti»), «il governo degli onesti non basta». Si rivela una pericolosa illusione, compagna di una concezione ingenuamente semplificata dell’esercizio del potere politico; un inganno o auto-inganno foriero di esiti catastrofici.

8Se passiamo al secondo criterio, anche la superiorità del governo delle leggi, razionale e imparziale, di contro all’irrazionale arbitrio del governo degli uomini, o peggio dell’uomo, riaffermata e declinata in infinite varianti attraverso i secoli del costituzionalismo antico e moderno, è stata ricorrentemente messa in discussione, e ancora una volta fin dall’origine, ammettendo la possibilità dell’avvento di una personalità eccezionale, capace di governare meglio delle migliori leggi. È il fascino perverso del tiranno buono, l’uomo del destino, l’eroe cosmico-storico dotato di potere carismatico, che occhieggia dalle pagine di Platone e si ripresenta in diverse vesti al variare dei tempi e delle mode. E tuttavia, l’esperienza ha insegnato ogni volta a ribadire la necessità di fissare limiti al potere e a riproporre il primato del governo delle leggi. La figura del tiranno è sempre ritornata nei secoli al centro della riflessione come il modello esemplare del malgoverno.

9Attingendo al canone delle più tipiche forme di malgoverno identificate fin dalle origini della nostra cultura, accanto alla tirannide, prototipo del potere personale e arbitrario, incontriamo l’oligarchia, nel significato aristotelico di potere del denaro, ma anche di potere dei sapienti, delle caste sacerdotali e intellettuali, reincarnatosi ai nostri giorni nel potere elitario degli esperti, dei detentori di saperi specializzati ed esclusivi, la tecnocrazia o come anche si dice oggi l’epistocrazia, dai volti cangianti secondo l’evolversi delle scienze e delle tecniche socialmente dominanti; e ancora oltre, troviamo l’oclocrazia nel senso polibiano di potere delle folle, ritornata sulla scena nei tempi più recenti con le vesti policrome di una famiglia di fenomeni cui si attribuisce l’identità generica di populismi.

10La tirannide, a partire dal nome, può apparire una nozione desueta. Eppure, la straordinaria ricchezza delle riflessioni condotte in tutte le età della nostra cultura su questa forma di malgoverno, sulle sue dimensioni e le sue varianti —i regimi della forza e della frode, della violenza e dell’inganno—, può essere recuperata e messa a frutto per ricostruire i profili di certe forme di potere monocratico tornate sulla scena dei regimi contemporanei comunemente considerati democratici, almeno secondo una nozione lata, diffusa quanto imprecisa, che risolve la democrazia nell’istituto delle elezioni e nella decisione a maggioranza.

11Nella medesima prospettiva di una feconda ripresa della lezione dei classici, sembra utile ripensare e restaurare le distinzioni antiche, poi rinnovate nelle diverse epoche, tra la nozione di tirannide e altre nozioni affini di «potere dell’uomo», circondate prevalentemente da un’aura negativa: come quelle di dispotismo e di dittatura. Da Artistotele a Montesquieu e oltre, il dispotismo è rigorosamente distinto sia dalla monarchia «regia», sia dalla tirannide: indica una forma di regime a sé stante, definita da proprie coordinate storiche e geografiche, è una categoria coniata da un punto di vista eurocentrico per comprendere il genere di fenomeni percepiti come peculiari delle realtà politiche orientali. Non è ozioso indagare quanto sia persistente il pregiudizio eurocentrico, quante volte sia stato ripreso e riformulato per adattarlo a nuove realtà, e al contempo quante apparenti ragioni si possano addurre in favore della pertinenza di questa autonomia concettuale. Ma con Montesquieu il dispotismo diventa il tipo emblematico del malgoverno come tale; e ciò avviene perché l’autore dell’Esprit des lois ne paventa il «trapianto» in occidente. Anche in questo caso, però, non mancano giudizi opposti, nell’ambito della medesima temperie culturale: ne è chiaro esempio la fortuna della categoria di dispotismo illuminato. E non mancano varianti significative nella declinazione del concetto, come l’interpretazione kantiana che identifica nel paternalismo, piuttosto che nel patrimonialismo, una forma estrema di governo dispotico; o come l’invenzione tocquevilliana del «dispotismo mite (doux)».

12Nel dizionario politico del Novecento, la nozione di dittatura ha gradualmente preso il sopravvento su quelle di tirannide e di dispotismo. Nel periodo fra le due guerre comincia a divenire corrente l’uso del nome «dittatura» per indicare il malgoverno per eccellenza, in un significato affatto diverso da quello originario, che denota una magistratura romana. Si deve al celebre studio di Carl Schmitt (1921) la distinzione tra dittatura delegata o «commissaria», un potere eccezionale ma costituito e perciò limitato, e dittatura sovrana, rivoluzionaria e come tale sovvertitrice dell’ordine legale precedente. Con riferimento a questa seconda accezione si viene progressivamente affermando, nel linguaggio corrente e nella mentalità diffusa in Occidente, la contrapposizione tra dittatura e democrazia, intesa anche e soprattutto come un’antitesi assiologica. Ancora una volta, non mancano usi differenti, come quelli di origine marxiana. Ma in ogni caso, la stessa storia peculiare della parola dittatura porta alla sedimentazione di un nucleo comune di significato descrittivo, sia pure nebuloso e impreciso, che appare distinto e autonomo dai significati associati sia a tirannide, sia a dispotismo: una differenza semantica che merita di essere ricostruita, chiarita ed esplicitata.

13Negli usi correnti, le tre nozioni di tirannide, dispotismo e dittatura indicano per lo più forme di potere monocratico. Ma questa connotazione non è affatto esclusiva. Basti menzionare a titolo d’esempio i trenta tiranni e la dittatura giacobina; a cui si può affiancare un’espressione rara, anzi un vero hapax in Montesquieu, che in un certo contesto parla del «dispotismo di tutti», in un’accezione stravagante ma alquanto interessante. Tuttavia, l’identificazione più comune di queste tre nozioni con forme di potere monocratico è di per sé significativa: nell’immaginario condiviso, il pericolo di malgoverno è insito nel potere personale, singolare. Una conferma viene dalle tre figure innovative che sono state escogitate e modellate negli ultimi due secoli dal pensiero politico europeo, da Constant a Marx, a Roscher, a Treitschke, a Max Weber: il cesarismo, il bonapartismo, il potere carismatico. Tre specie di «potere dell’uomo», con molte varianti. Di nuovo, troviamo qui l’oscillazione e talvolta il ribaltamento nei giudizi di valore, come e ancor più che nel caso classico della tirannide: basta pensare all’inesauribile apologetica sugli eroi eponimi, Cesare e Napoleone, e all’invocazione ricorrente, a partire dallo stesso Weber, della democrazia plebiscitaria; ma l’identificazione di queste tre figure con forme di malgoverno rimane prevalente, anche e soprattutto imputata alla concentrazione dei poteri nelle mani di una sola persona.

14Il tema complesso della mescolanza, fusione e confusione dei poteri apre ampi orizzonti alla fenomenologia del malgoverno: vengono in evidenza, per un verso, le molteplici figure della fusione o della sinergia tra potere politico e potere economico; per l’altro, le forme della coniugazione tra politica e religione, tra potere temporale e potere spirituale, i confessionalismi delle più diverse fedi e, al massimo grado, le teocrazie: il potere dei padroni delle anime.

Invito a contribuire

Fenomenologia del malgoverno

15Teoria politica propone una ricerca collegiale e interdisciplinare volta a rintracciare e ricostruire nel dizionario e nel nozionario della cultura politica i nomi e i concetti del malgoverno, delle forme di cattiva politica che sono state individuate e giudicate come tali in tempi e luoghi diversi non senza infinite controversie; invita a saggiare l’efficacia esplicativa e interpretativa —l’utilità diagnostica— dei concetti così ricostruiti nei confronti delle diverse realtà geografiche e storiche cui sono stati o possono essere applicati.

16In particolare, Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  •  tirannie degli antichi e dei moderni;

  •  oligarchie degli antichi e dei moderni;

  •  oclocrazie degli antichi e dei moderni;

  •  dispotismi orientali e occidentali;

  •  dittature: i volti del potere feroce;

  •  cesarismi e bonapartismi, ieri e oggi;

  •  poteri carismatici, tragici e grotteschi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali, 8 | 2018, 9-14.

Notizia bibliografica digitale

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 8 | 2018, online dal 26 mai 2020, consultato il 26 février 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/278

Torna su

Autore

Michelangelo Bovero

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search