Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie8Dopo le elezioni. Il panorama pol...La crisi del modello maggioritari...

Dopo le elezioni. Il panorama politico europeo

La crisi del modello maggioritario tra sistemi elettorali e forme di governo

The crisis of the majority model between electoral systems and forms of government
Mauro Volpi
p. 183-202

Abstract

The starting point of the analysis is the crisis of representation and participation that hits the modern democracies, causing the separation of broad grass roots from institutions and politics. In particular, the status of the model of majoritarian democracy is examined, on one side, for a theoretical reason, since it has been taken as a reference point to imitate, especially in Italy in the last twenty-five years, and on the other side for a practical reason, due to the application of original Westminster model to various continental European countries, though with various adaptations. The five countries taken into consideration (Germany, France, Italy, the United Kingdom and Spain) are significant experiences and are assimilated because the political elections were held in the last two years. The first element to note is the crisis of bipolar political systems (in France and in Italy), of the two-party tendencies systems, based on government coalitions with a hegemonic party (Germany), and of single-party governments supported by minor parties (Spain) which have moved towards multiparty structures. Only the United Kingdom seems to go in the opposite direction, thanks to the strongly two-party result of the 2017 elections, which, however, didn’t produce an absolute mono party majority. In the new political framework, selective electoral systems no longer guarantee the existence of certain majorities and the formation of stable governments. This is true for the correct proportional systems tested in Italy (where in the last twenty-five years four different electoral laws were approved, two of which were partially declared unconstitutional), and for those applied in Germany (with the formation of the Government of the Great Coalition at six months away from the vote) and in Spain (where a minority government was formed). About the majority electoral systems, the English one had a selective but not decisive effect, as evidenced by the occurrence of the hung parliament hypothesis for the second time in the last three legislatures, while the French one was decisive (also thanks to the effect of dragging on the parliamentary elections determined by the popular election of the President of the Republic), but it has not been selective determining a multipartitism that calls into question some pillars of the majority model (left-right bipolarism and no influence of a center party). The greater political weakness of the governments doesn’t lead to a strengthening of the Parliament, but pushes the executives to use the mechanisms, that allow them to impose their political will. This is evident in Italy, but there are similar signs in the other parliamentary systems and especially in France, where the traditional state of subjection of the Parliament is genetic after the reforms of 2000/01 (reduction to five years of presidential term and postponement of the parliamentary elections to the presidential elections) and this is confirmed by the first acts adopted by the government appointed by Macron. Finally, there is also a crisis of the leader’s role, subject to a strong load of questions and expectations, that must be quickly disappointed with the consequent collapse of its popularity. In conclusion, the majority is no longer a model to be adopted and indeed the political and social complexity of many democracies dissuades the simplification inherent in the adoption of majority mechanisms.

Torna su

Testo integrale

1. La crisi della democrazia

  • 1 Sul significato passivo del termine «governabilità», come attitudine delle persone ad essere gover (...)

1In via preliminare mi pare indispensabile tenere conto del contesto generale odierno, contrassegnato da una crisi della democrazia rappresentativa che accomuna, anche se in modo differenziato, tutti i Paesi occidentali. Negli anni scorsi nel quadro dell’affermazione di concezioni elitiste ed economiciste della democrazia ha avuto ampio spazio l’idea che si fosse in presenza di una crisi di «governabilità», vale a dire, per essere fedeli al significato etimologico delle parole, della non disponibilità di società sempre più complesse ad essere governate1. In realtà si tratta soprattutto di una crisi di rappresentanza e di partecipazione, fondata sul distacco di ampi settori della popolazione dalle istituzioni democratico-rappresentative e dalla politica, distacco che rende difficile il governo democratico della società. Lo dimostra il fatto che anche governi sostenuti da ampie maggioranze emerse dal voto popolare, come è stato in Italia il quarto governo Berlusconi (2008/20011), hanno faticato a mantenere il consenso e sono entrati in crisi ben prima della fine della legislatura. E per converso sono state sempre più frequenti le situazioni di «non governo», caratterizzate dalla difficoltà e dai tempi lunghi richiesti per dare vita ad un esecutivo all’indomani delle elezioni. Questo stato di cose ha accomunato negli anni più recenti vari Paesi, come Belgio, Spagna, Paesi Bassi, Germania, e ha prodotto esiti tutt’altro che negativi sul terreno economico, a dimostrazione del peso giocato sull’evoluzione della situazione economico-finanziaria da condizionamenti esterni e di natura sovranazionale.

  • 2 Vedi i risultati della inchiesta condotta dalla Fondation pour l’innovation politique, riportati e (...)

2La conferma della crisi della democrazia quale crisi di rappresentanza e partecipazione viene da una recente ricerca, fondata su un questionario diffuso in ventisei Paesi, di cui ventitré membri dell’Unione Europea (compreso il Regno Unito) e tre che non ne fanno parte (Norvegia, Svizzera e Stati Uniti), la quale dimostra quanto sia in calo il consenso verso il regime democratico e sia in aumento la preferenza per l’affidamento del potere ad un «uomo forte» o ai tecnici2. Questa tendenza è più contenuta nei Paesi del Nord Europa (comprese Germania e Regno Unito), è molto forte in quelli del Sud Europa (compresa la Francia) ed è dirompente negli Stati ex comunisti dell’Europa centro-orientale. Se si prendono in considerazione le cinque democrazie consolidate sulle quali intendo concentrare l’analisi (Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna), dall’inchiesta citata emerge un quadro preoccupante anche se diversificato. Il livello di insoddisfazione per il funzionamento della democrazia è più elevato in Italia (79% degli intervistati), in Spagna (60%) e in Francia (53%), mentre è meno forte nel Regno Unito (40%) e in Germania (37%). Circa un terzo degli intervistati ritiene che il regime democratico non sia insostituibile: il 36% in Francia, il 35% in Spagna, il 32% nel Regno Unito, il 31% in Italia, “solo” il 24% in Germania. Infine la preferenza per «un uomo forte che non deve preoccuparsi del Parlamento e delle elezioni» è condivisa dal 41% degli intervistati in Italia, dal 35% in Germania e in Francia, dal 22% in Spagna, dal 19% nel Regno Unito. La situazione più negativa è quella dell’Italia, seguita a non lunga distanza dalla Francia e dalla Spagna, dove però la critica forte al funzionamento della democrazia non si traduce nella propensione per un governo autoritario (pesa in tal senso la memoria non lontana del regime franchista). Meno negativo è lo stato della democrazia in Germania e nel Regno Unito, dove comunque si manifestano alcuni segnali preoccupanti.

2. Le ragioni del riferimento al modello maggioritario

  • 3 Più diffusamente Volpi, 2015.

3Di fronte a questo stato di cose come si giustifica la scelta di concentrare l’analisi sulla crisi del modello maggioritario? Due sono le ragioni: una di carattere teorico ed una di natura pratica. Dal punto di vista teorico la democrazia maggioritaria negli ultimi decenni è stata propagandata come un modello da recepire. In particolare in Italia ne è stata divulgata una concezione estrema e non del tutto corrispondente a quanto avviene nelle democrazie maggioritarie realmente esistenti3.

  • 4 Nel Regno Unito dopo la seconda guerra mondiale si registrano sette casi di dimissioni volontarie (...)
  • 5 Sulla «eccezione francese», che «conosce due elezioni governative», a differenza delle altre «demo (...)

4Così è stato per la concezione della necessaria legittimazione popolare del Governo e della elezione popolare di fatto del Presidente del Consiglio, che ne avrebbe comportato l’inamovibilità nel corso della legislatura, e per la condanna del cd «ribaltone» (termine che non ha eguale negli altri Paesi democratici), con il conseguente obbligo del Presidente della Repubblica di sciogliere le Camere qualora venisse meno il Governo voluto dagli elettori. Si tratta di una concezione che non solo è stata smentita dalla realtà che ha visto la nomina di governi e di Presidenti del Consiglio diversi da quelli iniziali senza alcun ricorso allo scioglimento anticipato del Parlamento (nel 1995, 1998 e 2011), ma che non trova conferma neppure nelle altre democrazie parlamentari di tipo maggioritario come il Regno Unito, nelle quali non c’è nessuna inamovibilità del Primo Ministro nel corso della legislatura4. Quanto alla democrazia «semipresidenziale» della Francia, vi è l’espressa previsione costituzionale della elezione popolare del Presidente della Repubblica, ma la formazione del Governo dipende dall’esito di due elezioni, quelle presidenziali e quelle legislative, e dalla coincidenza politica o meno del risultato nei due pronunciamenti popolari5.

5Altrettanto mitica è stata l’idea secondo la quale il funzionamento maggioritario del sistema parlamentare potesse essere garantito solo da sistemi elettorali prevalentemente maggioritari (come il Mattarellum) o proporzionali con correttivi ipermaggioritari (come il Porcellum e l’Italicum), che avrebbero prodotto la formazione del Governo «la sera del voto» caratterizzandolo come «governo di legislatura». Ora, solo in due legislature (nel 2001 e nel 2008) il Governo ha potuto contare su una solida maggioranza parlamentare in entrambe le Camere e nel corso di quattro delle ultime sei legislature (1994/1996, 1996/2001, 2008/2013, 2013/2018) si sono formati governi fondati su maggioranze diverse da quelle iniziali. Va detto poi che, ad eccezione di Regno Unito e Francia, che adottano sistemi maggioritari, nella grande maggioranza degli Stati democratici europei sono vigenti sistemi proporzionali corretti che in passato hanno consentito la formazione di governi stabili (come in Germania e in Spagna). Quanto al Governo, neppure in Francia l’esito della elezione popolare del Presidente della Repubblica consente la formazione del Governo «la sera del voto», ma solo la nomina di un governo presidenziale interinale in attesa del risultato delle elezioni legislative.

  • 6 Frosini, 2006.
  • 7 Duverger, 1960 e 1982.

6Infine, sempre sotto il profilo teorico, ha avuto vari sostenitori l’ideologia che concepisce la democrazia maggioritaria, intesa come scelta popolare del Governo, come l’inveramento del principio della sovranità popolare, concepito in termini assolutistici e direttisti. Si è quindi sostenuto che la classica distinzione tra forme di governo parlamentari e presidenziali fosse stata soppiantata da quella tra forme di governo «a legittimazione diretta» e «a legittimazione indiretta» dell’esecutivo6, sulla scorta della distinzione fra «democrazie immediate» e «democrazie mediate» proposta da un’autorevole dottrina7. Una concezione questa che considera come non pienamente democratici gli ordinamenti non fondati sull’elezione diretta del vertice del potere esecutivo e finisce per avallare una torsione plebiscitaria e personalistica del funzionamento dello Stato democratico.

  • 8 Vassallo e Ceccanti, 2004.
  • 9 Luciani, 2001.

7Che in Italia l’esito maggioritario fosse considerato ineluttabile è dimostrato dall’abuso che dal 1994 in poi è stato fatto del ricorso all’espressione «fase di transizione» per qualificare lo stato della democrazia italiana, fase della quale ogni tanto si vaticinava come prossima la chiusura che doveva risolversi nell’adeguamento della Costituzione a quanto si era già verificato nel sistema politico8. Tale terminologia è stata giustamente criticata alla luce della considerazione che il verificarsi o meno di una transizione può essere accertato solo ex post al momento del suo compimento9. La verità è che fino al 2013 vi è stata in Italia una tendenza verso un funzionamento maggioritario della forma di governo, innervato sul bipolarismo del sistema politico e sull’alternanza al Governo fra le due coalizioni, non privo di difficoltà e di contraccolpi (come dimostra la formazione di due governi tecnici nel 1995 e nel 2011). Ma i presupposti del funzionamento maggioritario sono ormai entrati in crisi come hanno dimostrato le ultime due elezioni politiche (2013 e 2018).

  • 10 Lijphart, 2014: 32 ss.

8Vi è anche una ragione pratica che giustifica la scelta di porre sotto osservazione lo stato del modello maggioritario. Questa consiste nella diffusione che si è verificata dell’originario «modello Westminster» in vari Paesi dell’Europa continentale (come Germania, Grecia, Portogallo, Spagna e Svezia), anche se con adattamenti alle diverse realtà. In considerazione di tale evoluzione ritengo che, rispetto alle caratteristiche indicate da Lijphart come costitutive del modello maggioritario in contrapposizione a quello consensuale10, debbano essere considerate tre variabili importanti. In primo luogo quel modello può combinarsi non solo con sistemi politici bipartitici, ma anche bipolari purché caratterizzati dalla presenza di un partito egemone nella coalizione di governo. In secondo luogo il modello può affermarsi grazie all’adozione sia di sistemi elettorali maggioritari, sia di sistemi elettorali proporzionali che producano effetti riduttivi sul numero dei partiti rappresentati. Infine esso può realizzarsi all’interno di forme di governo varie, di tipo parlamentare o semipresidenziale.

  • 11 Ibidem: 285 ss.

9La diffusione del modello maggioritario ha prodotto la convinzione di una sua superiorità-preferibilità nel quadro della evoluzione delle democrazie contemporanee. Ma questa idea è entrata in crisi nei tempi più recenti. Per la verità già il più importante teorizzatore del modello non la condivideva, sostenendo che vari indici istituzionali, economici e sociali dimostravano il miglior rendimento delle democrazie consensuali11. Ovviamente si tratta di un’opinione, della quale tuttavia non si può negare l’autorevolezza. Dal punto di vista pratico, poi, si è posto un problema di adeguatezza del modello maggioritario al contesto. In effetti la sua diffusione si era fondata su un processo di omogeneizzazione delle società occidentali e di riduzione progressiva dei cleavages politico-ideologici che nel secondo dopoguerra avevano caratterizzato alcuni Paesi (come la Francia e l’Italia). Di conseguenza il modello consensuale risultava residuale e veniva considerato più adatto solo ai Paesi caratterizzati da significative fratture territoriali, etniche o religiose. Ma dal 2007 la crisi economico-finanziaria con le sue ricadute sul terreno sociale ha scompaginato il quadro determinando nuove fratture o accentuando quelle esistenti: fra ricchi e poveri, garantiti e precari, territori sviluppati e arretrati, centro e periferie. In questo nuovo contesto il modello maggioritario arranca perché fatica a realizzare la finalità proclamata di assicurare un governo funzionale ed efficiente in società non più pacificate ma attraversate da profonde contraddizioni.

10Per l’analisi dello stato attuale della democrazia maggioritaria intendo prendere in considerazione le esperienze di cinque Paesi che hanno adottato il modello maggioritario, anche se rivisitato in base ai diversi contesti, o che si sono ispirati ad esso. Si tratta, come già anticipato, di Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Spagna, Paesi nei quali si sono tenute recentemente le elezioni politiche (in Spagna nel 2016, in Italia all’inizio del 2018 e negli altri tre nel 2017). Gli indici di valutazione presi in considerazione e interconnessi sono tre: il sistema dei partiti, il sistema elettorale, la forma di governo.

3. L’evoluzione dei sistemi di partito

  • 12 Cfr. l’autorevole testimonianza di uno dei protagonisti della Terza Via: Amato, 2017.
  • 13 Diamanti e Lazar, 2018.

11Nelle democrazie maggioritarie si è avuto un appannamento di uno dei principali presupposti che ne era alla base: la natura bipartitica o bipolare del sistema politico. Tale caratteristica risulta in crisi in gran parte dei Paesi europei. Ciò è dovuto da un lato alla caduta verticale dei partiti socialdemocratici, che è derivata per molti di essi dal fallimento della cosiddetta “Terza Via”, che si proponeva di ridurre l’intervento pubblico e lasciare più spazio al mercato nella prospettiva di una «“cetomedizzazione” dei ceti proletari», sottovalutando le ricadute della globalizzazione in termini di «crescenti disuguaglianze e perdite di reddito, di patrimonio, di posti di lavoro» che hanno impoverito il ceto medio, e trascurando la necessità di un intervento pubblico anche per «la promozione dell’innovazione tecnologica»12. D’altro lato, anche grazie agli spazi lasciati vuoti dalla politica tradizionale, si sono affermati nuovi partiti e movimenti populisti, di diversa natura e orientamento, ma accomunati dalla idea del popolo come soggetto unitario contrapposto alle élites e dall’ostilità verso le mediazioni istituzionali e politiche. Inoltre si è avuta una radicalizzazione degli orientamenti del corpo elettorale in direzione di partiti e movimenti di destra, di sinistra o «né di destra né di sinistra», che vengono tanto più premiati quanto più si fanno interpreti della ostilità contro gli attori politici tradizionali. Al di là della loro ascesa o meno al governo, i nuovi populismi sono in grado di condizionare l’intera vita politica e istituzionale, dando vita ad una «popolocrazia» che mette in discussione la democrazia rappresentativa13.

  • 14 Pasquino e Ventura, 2010: 174 ss.

12La crisi del bipolarismo è evidente sia in Francia sia in Italia. In Francia l’assetto bipolare del sistema politico, dopo l’affermarsi del fait majoritaire nelle elezioni del 1962 e la rifondazione del Partito socialista nel 1971, aveva caratterizzato la storia della Quinta Repubblica. Negli anni Duemila si era parlato di una potenziale tendenza verso il bipartitismo14, derivante dalla netta egemonia dei due maggiori partiti a destra e a sinistra, uno dei quali era in grado di conquistare la maggioranza assoluta dei seggi nell’Assemblea Nazionale (nel 2002 e nel 2007 il partito gollista con le varie denominazioni via assunte, nel 2012 il Partito socialista). Con le elezioni del 2017 viene superato lo storico cleavage destra/sinistra a causa della crisi dei due maggiori partiti, i cui candidati non riescono ad essere ammessi al secondo turno delle elezioni presidenziali; alle elezioni dell’Assemblea Nazionale Les Républicains (ultima denominazione del partito gollista) calano al 22,23% dei voti e ottengono 112 seggi (meno di un quinto del totale) e vi è una vera e propria disfatta del Partito socialista con il 5,68% dei voti e 30 seggi in tutto (erano 295 nella precedente Assemblea). Il nuovo sistema politico scaturito dalle elezioni risulta di tipo multipartitico con al centro un forte partito maggioritario (La République en marche), strettamente legato alla persona del Presidente, che ne sceglie personalmente i candidati alle elezioni, e con una composizione varia ed eterogenea (centristi, ex repubblicani, ex socialisti, neofiti della politica) che suscita più di un interrogativo sulla sua evoluzione futura.

  • 15 Lippolis, Pitruzzella (2007).

13In Italia a partire dalle elezioni del 2006 e fino a quelle del 2013 si è realizzato un bipolarismo fra centro-destra e centro-sinistra, anche se “imperfetto” sia per la eterogeneità delle coalizioni sia per la mancanza di una legittimazione reciproca a governare e per la conseguente configurazione avversariale del modello maggioritario15. Con la nascita dei due partiti «a vocazione maggioritaria» (PD e PDL), che alle elezioni del 2008 hanno ottenuto insieme quasi il 71% dei voti alla Camera dei deputati, è nata l’illusione di una possibile evoluzione in direzione di un sistema bipartitico. Ma già le elezioni del 2013 hanno prodotto il superamento del bipolarismo con l’emergere del Movimento 5 Stelle (primo partito alla Camera per i voti espressi in Italia) e con i due partiti egemoni nelle coalizioni che insieme hanno superato di poco il 47% dei voti alla Camera. Infine le elezioni del 2018 hanno sancito la morte del bipolarismo d‘antan con il successo del M5S, che ne dimostra il carattere non congiunturale, con i due partiti (PD e FI), ormai a vocazione minoritaria, che hanno avuto insieme meno del 33% dei voti e con FI superata nella coalizione di centro-destra dalla Lega di Salvini. Insomma si è prodotto un vero e proprio tsunami politico che ha posto al centro della scena due formazioni politiche, in precedenza l’una emarginata, l’altra collocata in posizione minoritaria all’interno della coalizione di centro-destra.

  • 16 Galli, 1967, con riferimento alla posizione asimmetrica attribuita ai due maggiori partiti: la DC (...)

14Non meno evidente è la crisi del bipartitismo che, in un significato diverso da quello utilizzato da Galli per l’Italia16, possiamo definire «imperfetto», al fine di segnalarne la differenza rispetto al prototipo britannico, nel quale di regola uno dei due maggiori partiti ottiene la maggioranza assoluta dei seggi ed è quindi in grado di governare da solo. Così in Germania solo nel 1957 l’Unione dei partiti democristiani (CDU e CSU) ha conquistato la maggioranza assoluta dei seggi, mentre ciò non si è più verificato in seguito e quindi si sono avuti più frequentemente governi di coalizione tra il partito di maggioranza relativa e un partito minore o più raramente di Grosse Koalition fra CDU-CSU e Partito socialdemocratico. In Spagna sono pochi i casi in cui uno dei due partiti maggiori ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi (nel 1982 e nel 1986 il Partito socialista, nel 2000 e nel 2011 il Partito popolare), mentre più frequentemente uno dei due ha avuto la maggioranza relativa ma ha potuto governare grazie all’appoggio esterno di partiti minori regionali.

  • 17 Furlan, 2017: 4-6.

15In Germania il bipartitismo aveva già mostrato la corda in conseguenza del calo costante del Partito socialdemocratico, che ha facilitato nelle ultime legislature la formazione di governi di «grande coalizione» sotto la leadership della CDU-CSU, verificatasi in passato solo tra il 1966 e il 1969 e poi riproposta tra il 2005 e il 2009, tra il 2013 e il 2017 e nel 2018. Le elezioni del 2017 hanno segnato un cambiamento di duplice natura. In primo luogo si è assistito ad un calo significativo dei consensi due maggiori partiti: la CDU-CSU ha perso l’8,6% dei voti, la SPD il 5,2%. I due partiti insieme hanno ottenuto il 53,4% dei voti, mentre nelle elezioni del 2013 avevano avuto il 67,2% dei voti. La seconda novità è consistita nell’ingresso al Bundestag di ben altri quattro partiti di media consistenza, che ha portato a sei i partiti rappresentati, mentre in passato il numero aveva oscillato fra tre e cinque (nella legislatura precedente erano solo quattro, non avendo il Partito liberale superato la soglia di sbarramento del 5%). Ma soprattutto è stata una novità assoluta il successo con il 12,64% dei voti del partito di estrema destra e antisistema Alternative für Deutschland, che si è inserita nel quadro dell’ascesa dell’estrema destra populista in vari Paesi europei17.

16In Spagna le ultime due elezioni (2015 e 2016) hanno sancito la trasformazione del sistema politico, che non è più fondato su due soli partiti, ma su quattro formazioni politiche di dimensione nazionale. I due maggiori partiti, che nelle elezioni del 2011 avevano avuto il 73,35% dei voti, sono scesi al 50,71% dei consensi nel 2015 e hanno avuto una piccola ripresa nel 2016 con il 55,64% (grazie soprattutto al Partito popolare che è passato dal 28,71% al 33,01%). Al loro fianco si sono affermate due nuove formazioni politiche: a destra Ciudadanos (con il 13,94% e il 13,06% dei voti nelle due elezioni), a sinistra Podemos (20,68% nel 2015 e 21,15% nel 2016 in coalizione con Izquierda Unida). Quindi il sistema politico si è trasformato da bipartitico in multipartitico.

  • 18 Rosa, 2017.

17L’unico Paese che è sembrato muoversi in controtendenza è il Regno Unito. In effetti nelle elezioni del 2017 Partito conservatore e Partito laburista hanno ottenuto insieme l’82,4% dei voti, una percentuale che non raggiungevano dal 1979, mentre dopo tale data erano prima scesi sotto l’80% e nelle tre elezioni precedenti sotto il 70% (rispettivamente 67,6% nel 2005, 65,1% nel 2010 e 67,2% nel 2015). Inoltre vi era stata la crescita di terze forze, come il Partito liberale (che aveva superato il 20% nel 1983, 2005 e 2010) e, nelle elezioni del 2015, lo Scottish National Party, che era diventato il terzo partito conquistando in Scozia il 50% dei voti e 56 seggi sui 59, e l’United Kingdom Independence Party (che era stato il primo partito inglese alle elezioni europee del 2014) con il 12,6% dei voti. Nelle elezioni del 2017, a parte la tenuta del Partito liberale (con il 7,4% dei voti), ha perso terreno l’SNP con il 37,9% dei voti e 35 seggi in Scozia e ha avuto un tracollo l’UKIP ridotto all’1,18% dei suffragi. Ma paradossalmente la conferma del bipartitismo si è tradotta in un indebolimento del partito di maggioranza, determinato dalla forte crescita del Partito laburista e dall’emergere di forti divisioni all’interno del Partito conservatore. Più in generale sul funzionamento del sistema politico sono destinati a pesare il risultato inaspettato del referendum sulla Brexit del 26 giugno 2016 e l’accentuazione delle fratture geografiche che può consentire ai partiti regionali di incidere sugli equilibri di governo18.

4. La crisi dei sistemi elettorali selettivi e la difficile formazione del Governo

  • 19 Duhamel, 2009: 445.

18I cinque Paesi pressi in considerazione hanno utilizzato sistemi elettorali selettivi, maggioritari o proporzionali corretti, al fine di garantire la formazione di una maggioranza all’indomani delle elezioni e la stabilità del Governo. Come emerge dalle elezioni più recenti nei quattro ordinamenti che adottano una forma di governo parlamentare i sistemi elettorali non sono stati in grado di assicurare con certezza una maggioranza chiara e omogenea, il che ha prodotto difficoltà più o meno serie nella formazione del Governo. Ciò non è avvenuto nella forma di governo semipresidenziale francese, che ha funzionato come un regime «presidenzialista a eccezione coabitazionista»19, attribuendo un ruolo politico attivo e determinante al Presidente della Repubblica eletto dal popolo, ma anche in questo caso si è verificato, come si vedrà, qualche problema relativo sia alla composizione del Parlamento sia al funzionamento maggioritario della forma di governo.

  • 20 Volpi, 2015a: 8 ss.
  • 21 Fusaro, 2015: 13, n. 26.
  • 22 Pasquino, P, 2017: 7.

19L’Italia rappresenta un caso particolarmente negativo, nel quale si è fatto ricorso ad un uso smodato della ingegneria elettorale nell’illusione che un nuovo sistema elettorale potesse risolvere i problemi del sistema politico-istituzionale. In ventiquattro anni (dal 1993 al 2017) sono stati adottati ben quattro diversi sistemi elettorali: uno misto a prevalenza maggioritaria (Mattarellum nel 1993), due proporzionali corretti da un forte premio di maggioranza (Porcellum nel 2005 e Italicum, valido solo per la Camera dei deputati, nel 2015), l’ultimo misto a prevalenza proporzionale (il Rosatellum bis, con il quale si è votato il 4 marzo 2018). Due di questi sono stati dichiarati parzialmente incostituzionali dalla Corte costituzionale (rispettivamente con le sentenze n. 1 del 2014 e n. 35 del 2017), in particolare perché adottavano un premio di maggioranza senza soglia minima di voti (il Porcellum) o attribuito al ballottaggio tra le due maggiori liste (l’Italicum) che violava i principi della rappresentatività e dell’eguaglianza del voto. Di fronte alla constatazione che il premio di maggioranza adottato dall’Italicum è un correttivo della proporzionale molto raro nelle democrazie consolidate20, si è replicato che esso «assomiglia alla legge elettorale della Repubblica di San Marino del 2006» e che «ad esso sembrano ispirarsi i riformatori della forma di governo dell’Armenia» con la revisione costituzionale del 201521. Insomma si è fatto riferimento ad esperienze che non costituiscono certo modelli significativi, mentre la prospettiva, ventilata dal Presidente del Consiglio Renzi nel marzo del 2015, che quel sistema sarebbe stato imitato in tutta Europa è rimasta lettera morta. Non è mancato chi ha criticato la sentenza sull’Italicum in quanto avrebbe colpito un meccanismo eccellente come il ballottaggio utilmente impiegato in Francia22. Ma il sistema maggioritario a doppio turno vigente in Francia è completamente diverso in quanto può consentire ad un partito di conquistare la maggioranza assoluta dei seggi a patto che i suoi candidati abbiano vinto al primo o al secondo turno nella maggioranza dei collegi uninominali e risponde ad una logica ben distinta da quella che è alla base di un sistema proporzionale con premio di maggioranza, che attribuisce una protesi artificiale di seggi ad una lista o coalizione di minoranza.

  • 23 Sui guasti del Rosatellum bis vedi Floridia, 2018.

20In ogni caso i sistemi praticati non sono stati in grado di produrre maggioranze coese né di garantire la stabilità e l’efficienza del Governo, a dimostrazione del fatto che i marchingegni maggioritari, anche quando producono coattivamente una maggioranza, non assicurano né il consenso sociale né il buon funzionamento dell’esecutivo. Dal 1994 al 2011 vi sono stati undici governi, di cui due composti da tecnici, e governi di larga maggioranza (come il Berlusconi bis nel 2001 e il Berlusconi quater nel 2008) hanno avuto una vita travagliata o si sono dimessi prima della fine della legislatura. In seguito alle elezioni del 2013, che hanno prodotto un esito tripolare e l’assenza di una maggioranza al Senato, si sono formati tre governi trasversali fondati su più o meno ampi accordi di coalizione postelettorali. L’ultimo sistema elettorale, il Rosatellum bis (legge n. 165 del 2017), è stato calibrato sugli interessi dei partiti che lo hanno approvato, come dimostra la previsione della formazione di coalizioni in poco più di un terzo dei collegi (uninominali) che avrebbe dovuto danneggiare i partiti senza capacità coalizionale e privi di candidati autorevoli nei territori. In realtà il mancato obbligo della indicazione del programma e del capo della coalizione ha premiato soprattutto il centro-destra e penalizzato il PD e, con una classica “eterogenesi dei fini”, ha avvantaggiato il M5S in quanto il voto di opinione ha prevalso su quello personalizzato. Inoltre il nuovo sistema ha prodotto la compressione della libertà del voto degli elettori (con il voto bloccato e il divieto del voto disgiunto) senza poter garantire né una maggioranza parlamentare né una riduzione della frammentazione politica e ha determinato effetti perversi sulla assegnazione territoriale dei seggi23, che hanno consentito di avere il quadro definitivo degli eletti alla Camera a diciotto giorni di distanza dal voto. Era quindi inevitabile, anche per l’attitudine attuale del PD a ragionare come se vi sia ancora un contesto maggioritario e bipolare e a rifiutare il confronto politico-parlamentare, che la formazione del nuovo Governo di coalizione (5 Stelle e Lega) fosse faticosa e contraddittoria.

  • 24 De Petris, 2014.
  • 25 Furlan, 2017.

21In Germania il sistema proporzionale “personalizzato” e con soglia di sbarramento del 5% (o di almeno tre seggi nei collegi uninominali) ha garantito per lungo tempo la formazione di maggioranze di coalizione coese e notevolmente stabili. Ciò è stato possibile anche per la disponibilità alla ricerca del compromesso dei partiti non considerati antisistema che ha dato vita a veri e propri «accordi di coalizione» ampiamente discussi, dettagliati e cogenti per i contraenti24. Non vi è dubbio che il risultato delle elezioni del 24 settembre 2017 ha reso più difficile la formazione del nuovo Governo. Dapprima la Cancelliera uscente Merkel ha tentato la via di un governo tripartito fondato sull’accordo tra CDU-CSU, liberali e verdi (la cosiddetta «coalizione Giamaica»), ma di fronte alla indisponibilità manifestata alla fine dai liberali, ha dovuto riproporre la Grosse Koalition con l’SPD, che aveva dichiarato all’indomani del voto la sua collocazione all’opposizione. In tal senso è stato importante il ruolo di persuasione svolto dal Presidente federale Steinmeier, che alla fine ha indotto l’SPD a far votare la proposta di nuova grande coalizione in un congresso straordinario, dove è stata condivisa dal 56,4% dei delegati, poi a sottoporre l’accordo di coalizione stipulato con la CDU-CSU al referendum tra gli iscritti che l’hanno approvato con il 66% dei voti favorevoli. Il quarto governo Merkel si è potuto così costituire il 14 marzo 2018 dopo il voto favorevole al nuovo Cancelliere da parte del Bundestag a quasi sei mesi di distanza dallo svolgimento delle elezioni. Quindi alla fine è uscito confermato il metodo della ricerca dell’accordo di coalizione, anche se si pongono alcuni interrogativi sulla futura evoluzione del sistema politico e sui nuovi equilibri della forma di governo25.

  • 26 Aguiar de Luque, 1995.

22In Spagna fino al 2015 il sistema per l’elezione del Congresso dei deputati ha avuto effetti notevolmente selettivi consentendo la formazione di governi monopartitici26. Infatti il sistema è proporzionale, ma con importanti correttivi: la ridotta ampiezza delle circoscrizioni elettorali (con una media di sette seggi ciascuna), il mancato recupero dei resti, la soglia di sbarramento del 3% a livello circoscrizionale. Il sistema quindi ha fortemente sovrarappresentato i due maggiori partiti nazionali, consentendo ai partiti regionali in grado di superare la soglia del 3% di ottenere un numero ridotto di seggi. L’effetto selettivo del sistema si è notevolmente ridotto nelle elezioni del 2015 e del 2016 a causa della trasformazione in senso multipartitico del sistema politico. Dopo le prime non è stato possibile formare un nuovo governo, mentre dopo le seconde si è formato a dieci mesi di distanza dal voto del 2015 un governo monocolore del Partito popolare di minoranza, nato grazie al sostegno esterno di Ciudadanos e all’astensione del Partito socialista, a sua volta sostituito nel giugno 2018 da un governo monocolore socialista, appoggiato da Podemos e da vari partiti nazionalisti.

  • 27 Cfr. rispettivamente Gay, Schleiter, Belu, 2015 e Chessa, 2015.

23Nel Regno Unito il sistema maggioritario a turno unico ha avuto storicamente un effetto selettivo con una forte savrarappresentazione dei due partiti nazionali ed è stato quasi sempre decisivo in quanto ha consentito ad un partito di conquistare la maggioranza assoluta dei seggi e la conseguente formazione di un governo monopartitico. Nel secondo dopoguerra fino al 2010 solo nel 1974 il sistema non è stato decisivo e si è verificata l’ipotesi dell’hung Parliament, cioè di una Camera dei Comuni priva di una maggioranza assoluta monopartitica. Ebbene, tale situazione si è riproposta in due delle ultime tre legislature. Nel 2010 il Partito conservatore ha dovuto dare vita ad un governo di coalizione con il Partito liberal-democratico che è restato in carica per cinque anni, durante i quali è stato approvato il Fixed Term Parliaments Act 2011. La legge, oltre a stabilire la durata fissa della Camera dei Comuni, ha fortemente limitato il potere del Primo ministro di deciderne di fatto lo scioglimento, che può derivare solo da un voto a maggioranza dei due terzi dei componenti della stessa Camera oppure dall’approvazione di una mozione di sfiducia alla quale non faccia seguito l’investitura di un nuovo Governo entro quattordici giorni. Nel 2017 il Conservative Party ha formato un governo di minoranza che si regge sull’appoggio esterno del Democratic and Unionist Party dell’Irlanda del Nord sulla base di un accordo il quale prevede il sostegno del DUP ai progetti finanziari e alle leggi sull’attuazione della Brexit e sulla sicurezza nazionale in cambio di cospicui trasferimenti finanziari all’Irlanda del Nord. Si tratta di un accordo fragile che ha accentuato la tensione sia nel CP sia all’interno dell’Irlanda del Nord. Inoltre il Governo, oltre a non avere la maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni si trova in minoranza alla Camera dei Lord, dove sono in maggioranza laburisti e liberal-democratici. Vi è quindi una crisi del modello Westminster, che ha fatto parlare negli anni più recenti del suo «declino» o della sua «fine»27.

  • 28 Viala, 2017.

24All’opposto del Regno Unito nelle elezioni del 2017 il sistema elettorale maggioritario a doppio turno francese è stato decisivo, in quanto ha attribuito al partito del Presidente neoeletto un’ampia maggioranza di deputati, ma è stato meno selettivo che nel passato, determinando una frammentazione dell’Assemblea Nazionale, nella quale si sono costituiti sette gruppi parlamentari, ad esclusione del Front National che non ha un numero sufficiente di seggi, ma è stato «dédiabolisé» nelle ultime elezioni presidenziali. Ma soprattutto dalle elezioni emerge il venir meno dei due presupposti politici sui quali poggiava la democrazia maggioritaria in Francia: un sistema di partiti bipolare e la irrilevante influenza di una forza politica di centro. Il bipolarismo è stato sostituito da una pluralità di forze politiche che vanno dalla estrema destra alla estrema sinistra con al centro un partito maggioritario estremamente composito e unito per il momento solo dalla fedeltà agli indirizzi politici del Presidente della Repubblica. Come è stato efficacemente scritto, al conflitto tra due diverse visioni della società si è sostituito quello tra «una razionalità liberale (di destra come di sinistra), che si ammanta di una pretesa obiettività scientifica nell’intento non confessato di imporre l’evidenza di una sola visione del mondo di fronte alla quale le opposizioni, ormai frammentate, si trovano relegate nel campo di quelli che hanno torto —e non hanno quindi altra prospettiva, per esistere, che quella di radicalizzarsi—»28. Si pone quindi la questione di quale sarà l’evoluzione futura del modello maggioritario e nell’attuale legislatura di quale sarà il soggetto che farà l’opposizione candidandosi al ruolo di futura maggioranza. Nel contesto attuale è inevitabile che l’opposizione si faccia soprattutto nelle piazze, com’è avvenuto periodicamente nella storia della Francia.

5. L’evoluzione della forma di governo: i rapporti Governo-Parlamento e il ruolo della leadership

25Quale incidenza possono avere le trasformazioni del sistema politico e il rendimento del sistema elettorale sul funzionamento della forma di governo?

26Il primo aspetto da considerare è quello dei rapporti tra Governo e Parlamento. Nel modello maggioritario l’esistenza di una solida maggioranza parlamentare dà vita a un Governo “forte” che svolge il ruolo di “comitato direttivo” del Parlamento, in quanto grazie ad una maggioranza disciplinata ne regola e ne finalizza l’attività all’attuazione del proprio programma. La crisi del modello fa sì che, con l’unica eccezione della Francia dove il Governo è nelle mani del Presidente eletto dal popolo, vengano costituiti dopo le ultime elezioni governi di coalizione (Germania e Italia) o governi di minoranza (Regno Unito e Spagna). Tuttavia non è scontato che ciò si traduca automaticamente in una rivalutazione del ruolo del Parlamento; al contrario l’esecutivo può essere spinto dal carattere composito o incerto della maggioranza parlamentare a fare un uso, anche eccessivo o distorto, di tutti i meccanismi di razionalizzazione che gli consentono di imporre la sua volontà al Parlamento.

  • 29 I dati citati sono tratti da http://www.openpolis.it, il sito che monitora costantemente lo stato (...)
  • 30 Il record spetta al governo Gentiloni, che ha utilizzato la questione di fiducia 31 volte, in medi (...)

27Un esito di questo tipo si è verificato con particolare evidenza in Italia, dove il Governo ha dominato sul Parlamento e lo ha in gran parte sostituito nell’esercizio della potestà materialmente legislativa. Lo confermano i dati dell’ultima legislatura, la XVII (2013-2018)29. Il Governo dal 2013 ha varato cento decreti legge (circa due al mese) e 266 decreti legislativi (più di uno a settimana). Inoltre ha fatto un ricorso smodato (per 107 volte) alla questione di fiducia, per cui il 30,23% delle 354 leggi entrate in vigore hanno richiesto almeno un voto di fiducia30. Il meccanismo è diventato infernale quando la fiducia è stata posta su un maxiemendamento governativo che nel corso del procedimento di conversione modificava ampiamente il testo originario di un decreto legge, annullando la potestà emendativa delle Camere ma vanificando anche il controllo del Presidente della Repubblica esercitato in sede di emanazione su un atto avente un contenuto diverso. Più in generale la debolezza del Parlamento nella XVII legislatura è derivata dal venir meno della sua legittimazione, determinata dalla sentenza n. 1 del 2014 con la quale la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la legge con la quale era stato eletto, ed è stata accentuata dall’incredibile ricorso al trasformismo di gruppi neocostituiti e di singoli parlamentari, praticato in vista del sostegno al Governo e, specie nell’ultima fase della legislatura, del miglior posizionamento per sperare in una rielezione. I passaggi di gruppo sono stati 566 e hanno coinvolto 347 parlamentari (il 36,53% degli eletti), di cui 207 deputati (32,86%) e 140 senatori (43,57%).

28In Spagna la vicenda sviluppatasi in Catalogna con l’avventuristica proclamazione della indipendenza da parte della maggioranza della Generalitat fra ottobre e dicembre del 2017, ha dato modo al debole governo Rajoy, che ha potuto approfittare della reazione nazionalista determinatasi in larga parte della Spagna, di fare applicazione dell’art. 155 della Costituzione, che, con il consenso del Senato, dove il Partito popolare ha la maggioranza assoluta, gli ha attribuito il potere di sciogliere il Parlamento catalano e di esercitare i poteri di governo nella Comunità. Certo, l’esito delle elezioni catalane del 21 dicembre 2017, che hanno riassegnato la maggioranza parlamentare alle forze indipendentiste, ha riproposto il problema di una soluzione politica il più possibile consensuale, ma resta il fatto che il Governo ha continuato a manifestare una totale intransigenza scavalcando il Congresso dei deputati nel quale si trova in minoranza.

29In Germania è interamente da verificare quanto il nuovo accordo di coalizione potrà incidere sulla dialettica fra Governo e Parlamento e in particolare fra l’esecutivo e la sua maggioranza. A questo proposito occorre tener conto sia del carattere dettagliato del programma della coalizione, che dovrebbe dare poco spazio a proposte di origine parlamentare, sia dello scarso margine con il quale il quarto governo Merkel è stato investito dal Bundestag con soli quattordici voti in più della maggioranza assoluta, il che richiederà una forte disciplina della maggioranza parlamentare.

  • 31 Caravale, 2017.

30Nel Regno Unito le ricadute della Brexit sono destinate ad incidere non solo sul terreno politico, ma anche su quello dei rapporti tra Governo e Parlamento31. Varie questioni di rilievo costituzionale sono emerse durante la discussione della più importante legge per l’attuazione della Brexit, l’European Union (Withdrawal) Bill 2017-2019, presentato dal Governo alla Camera dei Comuni nel luglio 2017 e approvato in terza lettura il 17 gennaio 2018 con 324 voti favorevoli e 295 contrari. In particolare il Bill contiene disposizioni di dubbia compatibilità con il tradizionale principio della «sovranità parlamentare». Così è per la creazione di una nuova fonte del diritto, le retained EU laws, competenti a rendere effettiva la normativa europea e destinate a prevalere sulle leggi interne. Problemi di costituzionalità pone anche l’applicazione della cosiddetta «Henry VIII clause», che delega ai ministri la potestà di modificare o abrogare mediante regolamenti gli atti di derivazione europea al fine di adeguarli alla situazione che si determinerà dopo l’uscita dalla UE. D’altro lato nel corso dell’iter legislativo si è manifestata la debolezza politica del governo May, derivante da varie ragioni: dall’accordo con gli unionisti nordirlandesi, che ha creato tensioni in Irlanda del Nord e nel rapporto con le altre autonomie regionali alle quali non è stato concesso un analogo finanziamento; dalla opposizione manifestata dai governi regionali alla previsione che attribuisce a Londra la competenza di convertire la normativa europea anche nelle materie di loro competenza; dalla opposizione del Senato a maggioranza laburista-liberale; dalle divisioni all’interno del Partito conservatore, che hanno determinato la sconfitta del Governo con l’approvazione da parte dei Comuni il 13 dicembre 2017 di un emendamento che dà al Parlamento la potestà di pronunciarsi sull’accordo finale che verrà stipulato tra Regno Unito e UE.

  • 32 Pfersmann, 2017.
  • 33 La legge è stata oggetto di aspre critiche; Derosier, 2017.
  • 34 Groupe de travail du Sénat sur la révision constitutionnelle, 40 propositions pour une révision de (...)

31In Francia la debolezza del Parlamento, che è stata una delle caratteristiche del funzionamento della Quinta Repubblica, tanto da essere uno dei motivi ispiratori dell’ampia riforma costituzionale approvata nel 2008 (che tuttavia non ha risolto il problema), è diventata genetica a partire dalle riforme del 2000/2001 che hanno equiparato la durata del mandato presidenziale a quella dell’Assemblea nazionale e hanno posposto le elezioni legislative a quelle presidenziali. Ciò ha determinato un effetto di trascinamento delle elezioni presidenziali su quelle legislative che ha prodotto una crescita massiccia dell’astensionismo nelle elezioni parlamentari. Così nel secondo turno per l’elezione dell’Assemblea Nazionale tenutosi il 18 giugno 2017 si è astenuto il 57,36% degli elettori, dato che, sommato al 9,9% delle schede bianche e nulle tra i votanti, ha fissato al 38,4% la percentuale dei voti positivamente espressi. In pratica, se si tiene conto che al primo turno delle elezioni presidenziali del 23 aprile l’astensione è stata del 21,77%, è giocoforza constatare che le elezioni parlamentari di due mesi dopo sono state considerate da più di un terzo degli elettori come un’inutile appendice di quelle che hanno attribuito al Presidente il potere di governo. Ciò non può non incidere sulla autorevolezza e sulla legittimazione dell’Assemblea nazionale e sulla accentuazione della connotazione personalistico-plebiscitaria della forma di governo32. Tanto più che fra i primi atti proposti dal nuovo Governo due in particolare sono stati rivelatori del predominio dell’esecutivo. Si tratta in primo luogo della loi d’habilitation n. 2017-1340, che ha autorizzato il Governo a intervenire mediante ordinanze poi ratificate dal Parlamento su una materia socialmente sensibile come il lavoro, contro le quali si è manifestata una forte protesta sociale. È stata poi approvata la legge n. 2017-1510 in materia di sicurezza interna e lotta al terrorismo che ha inserito nel diritto comune lo stato d’urgenza, in precedenza misura eccezionale decretata dal Governo ma soggetta a proroga con legge del Parlamento, rafforzando i poteri di polizia limitativi dei diritti fondamentali senza l’intervento dell’autorità giudiziaria, sostituito da una semplice informazione al pubblico ministero circa le misure adottate33. A livello parlamentare l’opposizione più significativa potrebbe essere svolta dal Senato, dove le elezioni per il rinnovo di metà dei senatori del 24 settembre 2017 hanno rafforzato la maggioranza dei Républicains (passata da 142 a 146 seggi) e indebolito il partito presidenziale (da 29 a 21 seggi). La Camera alta potrebbe condizionare soprattutto le proposte di revisione costituzionale, sulle quali ha prodotto un documento che non è in sintonia su vari punti con gli orientamenti presidenziali34.

  • 35 Poguntke, Webb, 2005.
  • 36 Calise, 2016: 39.

32Il secondo aspetto che attiene alla evoluzione della forma di governo riguarda il ruolo della leadership della personalità collocata alla testa del potere esecutivo. Nel modello maggioritario si è verificata una progressiva «presidenzializzazione», consistente nella utilizzazione da parte dei Primi ministri di comportamenti e di tecniche di esercizio del potere analoghi a quelli a disposizione del Presidente degli Stati Uniti35. Di recente tale caratteristica è stata assolutizzata definendo quella contemporanea come «democrazia del leader», caratterizzata dalla personalizzazione sotto tre diversi profili: «il rafforzamento dei poteri del primo ministro all’interno del Governo», il «primato del leader/premier» nell’ambito del partito, la legittimazione diretta che trasforma il «circuito elettorale in un canale costante di dialogo tra leader e opinione pubblica, imperniato sui media»36.

  • 37 Giordano, P., La solitudine dei numeri primi, Milano, Mondadori, 2009.

33Ora, nella crisi della democrazia maggioritaria rientra anche non certo la scomparsa, ma l’appannamento della leadership, una sorta, per parafrasare il titolo di un romanzo di successo, di «solitudine dei numeri primi»37, derivante dallo scarto che viene a instaurarsi tra posizione acquisita e capacità/possibilità di rispondere alle domande popolari. In particolare nei confronti del leader posto al centro del sistema politico-istituzionale si manifesta una fortissima aspettativa popolare sulla sua capacità di risolvere i problemi; di fronte alla constatazione che i problemi restano e non vengono risolti se non molto parzialmente, subentrano in tempi abbastanza rapidi una delusione altrettanto forte per le aspettative frustrate e un netto calo di popolarità del leader di turno.

  • 38 De Rita, 2017.
  • 39 L’espressione è di Bordignon, 2014.
  • 40 Diamanti, 2017.

34Un andamento di questo tipo si è verificato quasi dovunque e si è rivelato tanto più significativo quanto maggiori sono stati il potere posseduto e l’esposizione mediatica. Anche qui l’Italia costituisce quasi un caso di scuola. La caduta della leadership di Renzi dal tetto raggiunto dal PD alle elezioni europee del 2014 al risultato del referendum costituzionale (da lui fortemente personalizzato) del 4 dicembre 2016 ha determinato un calo netto della sua popolarità nei sondaggi che ha trovato piena conferma nell’esito disastroso delle elezioni politiche del 4 marzo 2018. I sondaggi nella fase precedente alle ultime elezioni hanno espresso la netta preferenza per una personalità «inavvertita» come il Presidente del Consiglio uscente Gentiloni. A questo proposito si è parlato di «declino» della personalizzazione della politica derivante da due fattori: dal ricorso alla semplificazione e alla verticalizzazione nell’affrontare problemi che hanno natura complessa e orizzontale; dal protagonismo mediatico che determina l’usura di un leader che parla troppo e decide poco38. E si è sostenuta la crisi del «partito del capo»39 a causa della stanchezza nei confronti del leader, determinata dall’aggravamento dei problemi economici e sociali e dal diffondersi dell’insicurezza sociale e della sfiducia verso le istituzioni, crisi che dà spazio all’affermarsi di un «partito im-personale e s-radicato» che accentua la liquidità della politica40.

  • 41 Rosa, 2017: 5.

35L’impopolarità ha fortemente colpito anche il Primo ministro del Regno Unito. Nel febbraio 2017 i sondaggi davano i conservatori al 44% e i laburisti al 26%. In aprile Theresa May ha presentato una mozione alla Camera dei Comuni per la convocazione delle elezioni politiche al fine di avere una maggioranza assoluta più cospicua per il suo partito. Va sottolineato che la mozione è stata approvata da una larghissima maggioranza grazie al sostegno dell’opposizione e quindi lo scioglimento del 2017, in attuazione della citata legge del 2011, «non può essere ascritto né nella forma né integralmente nella sostanza» alla volontà del Primo ministro41. Il risultato delle elezioni con il mancato raggiungimento della maggioranza assoluta dei seggi ha fortemente indebolito la leadership del Primo ministro sia nel partito sia nel Paese (dove i sondaggi successivi alle elezioni danno in testa i laburisti), tanto che si può sostenere che la May rimanga in carica più che per i suoi meriti per l’impossibilità attuale da parte dei conservatori di trovare un’alternativa convincente.

  • 42 Marchi, 2017.

36Anche il Presidente francese Macron, che è sembrato a molti l’astro nascente della politica europea, ha conosciuto indici di popolarità altamente variabili, ma comunque nettamente inferiori al 64% di opinioni favorevoli registrato all’indomani dello svolgimento delle elezioni. Già a quattro mesi dalle elezioni il suo indice di gradimento è sceso al 40%; i sondaggi di inizio 2018 (in particolare quelli resi pubblici dalla rivista «L’Express») hanno collocato la valutazione positiva fra il 30% e il 41% e quella negativa fra il 58% e il 52% dei francesi. Il calo di popolarità è stato spiegato con due ragioni: la collocazione al centro, che coagula le opposizioni di destra e di sinistra, sia estreme sia classiche; la sovra-esposizione «monarchica» del Presidente che mal si concilia con l’ambiguità dell’esecutivo bicefalo previsto dalla Costituzione42.

  • 43 Blanco Valdés, 2018.

37Il Primo ministro spagnolo Rajoy dopo la formazione del suo secondo governo (di minoranza) ha avuto un vero e proprio crollo di popolarità, attestato dai sondaggi del luglio 2017 che hanno registrato il giudizio negativo dell’80% degli spagnoli, esito al quale hanno contribuito gli scandali e le inchieste giudiziarie che hanno colpito il Partito popolare. Successivamente la vicenda catalana ha sviato l’attenzione dell’opinione pubblica, ma la solidità del governo Rajoy è stata solo apparente, come ha confermato l’approvazione a fine maggio 2018 di una mozione di sfiducia costruttiva (per la prima volta dall’entrata in vigore della Costituzione del 1978) e la conseguente elezione a Presidente del Governo del socialista Pedro Sánchez43.

38L’unico leader che ha mantenuto un alto indice di popolarità è la Cancelliera Merkel, anche se l’opinione favorevole nei suoi confronti è passata dal 59% nell’anno antecedente alle elezioni al 47/48% nel periodo elettorale. Si tratta comunque di un dato significativo che riguarda un Paese che adotta una forma di governo parlamentare e un sistema elettorale proporzionale corretto.

6. Conclusioni

  • 44 Panebianco, 2017.

39I fattori di crisi segnalati non autorizzano a decretare la fine del modello maggioritario che continua ad ispirare, anche se con qualche problema, il funzionamento della forma di governo nel Regno Unito e in Francia. Ma rimettono in discussione la sua appetibilità per altre importanti democrazie continentali che ad esso, anche se con vari adattamenti legati al contesto, si erano ispirate. La questione di fondo è come rispondere alla crisi che ha colpito le democrazie contemporanee. La risposta all’interrogativo si collega strettamente alla valutazione sulla natura della crisi. Se si ritiene che si tratti di una crisi di «governabilità», ne deriva che l’obiettivo determinante è quello di avere un governo forte che in sistemi politici sempre meno bipolari può essere prodotto solo da meccanismi maggioritari coattivi o dal ricorso alla elezione popolare di un leader indiscusso che deve svolgere il ruolo di «uomo solo al comando»44. Tale ipotesi ha il grave difetto di considerare come causa della crisi l’instabilità di governo, che se mai ne costituisce un effetto. Ma soprattutto non garantisce il raggiungimento dell’obiettivo auspicato, in quanto la pretesa di semplificare situazioni socio-politiche complesse dà vita a leader ed esecutivi fondati su maggioranze artificiali e quindi carenti di un effettivo consenso popolare.

  • 45 Corte costituzionale, sentenza n. 1/2014, p. 3.1 del considerato in diritto.
  • 46 Floridia, 2016.

40Al contrario, se si ritiene che ci si trovi in presenza di una crisi della legittimazione democratica delle istituzioni, occorre rivalutare la rappresentanza, rafforzare la partecipazione e ricostruire partiti aperti, legati alla società e capaci di elaborare programmi e proporre politiche e anche di produrre adeguate leadership incaricate di darvi attuazione. La questione della stabilità del Governo, che è, per usare le parole della Corte costituzionale italiana, «un obiettivo di rilievo costituzionale»45, può essere meglio soddisfatta da governi legittimati e fondati su chiari accordi di programma e può essere rafforzata da dispositivi di razionalizzazione della forma di governo come quelli esistenti in Germania (elezione parlamentare del Cancelliere, che propone la nomina e la revoca dei ministri e invia a questi direttive, sfiducia costruttiva). Quanto al sistema elettorale sono preferibili quelli non eccessivamente distorsivi della volontà popolare. Tali possono essere le formule maggioritarie ma solo in contesti bipartitici o bipolari. Il problema si pone quando sistemi politici di questo tipo entrano in crisi. In tale ipotesi un sistema proporzionale, corretto in modo da ridurre la frammentazione politico-parlamentare, può favorire la partecipazione, rilegittimare la rappresentanza e costringere i partiti a dialogare e a stringere alleanze fondate sulla condivisione di obiettivi programmatici46. Sono invece decisamente da respingere artifici maggioritari, collocati all’interno di una formula proporzionale che, come il premio di maggioranza, producono effetti perversi o diversi da quelli auspicati (quando non siano dichiarati incostituzionali com’è avvenuto in Italia) o, come le liste bloccate e i voti congiunti alle liste e ai candidati nei collegi uninominali, riducono la libertà di scelta degli elettori e consegnano ai capipartito il potere di controllare le candidature e di imporre la loro volontà personale. In ogni caso va superata l’illusione che dalla crisi della democrazia si possa sicuramente uscire con l’ingegneria istituzionale ed elettorale, senza affrontare il nodo fondamentale rappresentato dalla esigenza di dare risposte credibili ai problemi e alle esigenze che la società esprime.

Torna su

Bibliografia

Aguiar de Luque, L. (1995). Forma di governo e sistema elettorale in Spagna, in Luciani, M., Volpi, M. (a cura di), Riforme elettorali, Roma-Bari, Laterza, 362 ss.

Amato, G. (2017). Il populismo non è sconfitto. La Terza via? Un fallimento per la sinistra, «Corriere della Sera», 13 giugno.

Blanco Valdés, L. (2018). Spagna: La fine della stabilità? Cambia-menti del sistema partitico e della forma di governo, «Diritto pubblico comparato ed europeo», XX, 2, 349-378.

Bordignon, F. (2014). Il partito del capo. Da Berlusconi a Renzi, Rimini, Maggioli.

Calise, M. (2016). La democrazia del leader, Roma-Bari, Laterza.

Caravale, G. (2017). Il rapporto Governo-Parlamento ai tempi della Brexit e le nuove sfide per la Costituzione britannica, «Nomos», 3, http://www.nomos-leattualitaneldiritto.it, 2230 ss.

Chessa, O. (2015). La fine del modello Westminster. Il nuovo parlamentarismo razionalizzato del Regno Unito, «Diritto Pubblico», 3, 2015, 809 ss.

De Petris, A. (2014). Sunt pacta politica etiam servanda? Gli accordi di coalizione nella forma di governo tedesca, «Diritto Pubblico Comparato ed Europeo», 761 ss.

De Rita, G. (2017). Perché la personalizzazione della politica è in declino (irreversibile), «Corriere della Sera», 27 luglio.

Derosier, J.-P. (2017). Non à l’État liberticide, http://constitutiondecodee.blog.lemonde.fr, 9 octobre.

Diamanti, I. (2017). Ora avanza il Partito impersonale: dai leader troppe delusioni, «La Repubblica», 31 luglio.

Diamanti, I., Lazar, M. (2018). Popolocrazia. La metamorfosi delle nostre democrazie, Bari-Roma, Laterza.

Duhamel, O. (2002). Vive la VIe République, Paris, Seuil.

Duhamel, O. (2009). Droit constitutionnel et institutions politiques, Paris, Seuil.

Duverger, M. (1960). La Repubblica tradita (1958), tr. it., Milano, Comunità.

Duverger, M. (1982). La République des citoyens, Paris, Ramsay.

Floridia, A. (2016). Ma il “governo di una minoranza” può ancora dirsi “democratico”? Italicum, modelli di democrazia, sistemi elettorali: alcune riflessioni a partire da un intervento di Carlo Fusaro, «Rassegna di Forum costituzionale», 10 febbraio 2016, www.forumcostituzionale.it.

Floridia, A. (2018). Il diavolo, le pentole e i coperchi: effetti imprevisti ed effetti perversi dell’ultima riforma elettorale, lacostituzione.info, 25 marzo.

Frosini, T. E. (2006). Forme di governo e partecipazione popolare, 2.ª ed., Torino, Giappichelli.

Furlan, F. (2017). Dopo le elezioni federali del 24 settembre 2017: la Germania alla ricerca di nuovi equilibri, «Osservatorio Costituzionale AIC», 3, www.osservatorioaic.it.

Fusaro, C. (2015). Le trasformazioni del modello Westminster e le difficoltà crescenti del modello parlamentare in Europa, «Rassegna di Forum costituzionale», 12/2015, www.forumcostituzionale.it.

Galli, G. (1967). Il bipartitismo imperfetto, Bologna, Il Mulino.

Gay, O., Schleiter, P., Belu, V. (2015). The Coalition and the Decline of Majoritarism in the UK, «The Political Quarterly», 86, 1, 118 ss.

Lijphart, A. (2014). Le democrazie contemporanee (2012), 2.ª ed., tr. it., Bologna, Il Mulino.

Lippolis, V., Pitruzzella, G. (2007). Il bipolarismo conflittuale. Il regime politico della Seconda Repubblica, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Luciani, M. (2000). Il Parlamento negli anni Novanta, in Storia d’Italia, Annali, 17, Il Parlamento, a cura di L. Violante, Torino, Einaudi, 419 ss.

Marchi, M. (2017), Macron presidente: quattro mesi e luna di miele finita?, www.mentepolitica.it, 6 settembre.

Panebianco, A. (2017), L’Europa dei leader deboli e l’eccezione Macron, «Corriere della Sera», 8 ottobre.

Pasquino, G., Ventura, S. (2010). Il sistema elettorale a doppio turno e le sue conseguenze politiche, in Pasquino, G., Ventura, S. (a cura di), Una splendida cinquantenne. La Quinta Repubblica francese, Bologna, Il Mulino, 151 ss.

Pasquino, P. (2017) (Elezioni francesi 2017). La vittoria di Emmanuel Macron: virtù, fortuna e istituzioni, «Osservatorio Costituzionale AIC», 3, www.osservatorioaic.it.

Pfersmann, O. (2017). Quattro turni di elezioni. La metamorfosi unipersonale del paesaggio politico francese, «Lo Stato», 8, 275 ss.

Pogunkte, T., Webb, P. (2005). The Presidentialization of Politics. A Comparative Study of Modern Democracies, Oxford, Oxford University Press.

Reynié, D. (sous la direction de) (2017). Où va la démocratie?, Paris, Plon.

Rosa, F. (2017). Le inaspettate elezioni britanniche del 2017, «Osservatorio Costituzionale AIC», 3, www.osservatorioaic.it.

Vassallo, S., Ceccanti, S. (2004). Il sistema politico italiano tra cambiamento, apprendimento e adattamento, in Vassallo, S., Ceccanti, S. (a cura di), Come chiudere la transizione, Bologna, Il Mulino, 15 ss.

Viala, A. (2017). Le macronisme ou le spectre de l’épistocratie, «Le Monde», 19 octobre.

Volpi, M. (2015a). Bilancio di un ventennio, in Volpi, M. (a cura di), Istituzioni e sistema politico in Italia: bilancio di un ventennio, Bologna, Il Mulino, 7 ss.

Volpi, M. (2015b). Italicum: un sistema anomalo e antidemocratico, www.costituzionalismo.it, 1.

Zagrebelsky, G. (2015). Moscacieca, Roma-Bari, Laterza.

Torna su

Note

1 Sul significato passivo del termine «governabilità», come attitudine delle persone ad essere governate, e sulla sua non corrispondenza con il concetto di governo democratico, che richiede consenso e partecipazione, vedi Zagrebelsky, 2015: 51-52.

2 Vedi i risultati della inchiesta condotta dalla Fondation pour l’innovation politique, riportati e commentati in Reynié, 2017.

3 Più diffusamente Volpi, 2015.

4 Nel Regno Unito dopo la seconda guerra mondiale si registrano sette casi di dimissioni volontarie del Primo ministro sostituito nel corso della legislatura da un altro esponente del partito al governo: Churchill (1955), Eden (1957), Macmillan (1963), Wilson (1976), Thatcher (1990), Blair (2007), Cameron (2016). Ciò deriva dal fatto che viene nominato Primo ministro il leader del partito maggioritario e questi rimane tale finché mantiene saldamente la leadership del partito.

5 Sulla «eccezione francese», che «conosce due elezioni governative», a differenza delle altre «democrazie consolidate» nelle quali «una sola elezione fa il governo del paese», cfr. Duhamel, 2002: 80-81.

6 Frosini, 2006.

7 Duverger, 1960 e 1982.

8 Vassallo e Ceccanti, 2004.

9 Luciani, 2001.

10 Lijphart, 2014: 32 ss.

11 Ibidem: 285 ss.

12 Cfr. l’autorevole testimonianza di uno dei protagonisti della Terza Via: Amato, 2017.

13 Diamanti e Lazar, 2018.

14 Pasquino e Ventura, 2010: 174 ss.

15 Lippolis, Pitruzzella (2007).

16 Galli, 1967, con riferimento alla posizione asimmetrica attribuita ai due maggiori partiti: la DC all’interno del Governo e il PCI nell’ambito della opposizione.

17 Furlan, 2017: 4-6.

18 Rosa, 2017.

19 Duhamel, 2009: 445.

20 Volpi, 2015a: 8 ss.

21 Fusaro, 2015: 13, n. 26.

22 Pasquino, P, 2017: 7.

23 Sui guasti del Rosatellum bis vedi Floridia, 2018.

24 De Petris, 2014.

25 Furlan, 2017.

26 Aguiar de Luque, 1995.

27 Cfr. rispettivamente Gay, Schleiter, Belu, 2015 e Chessa, 2015.

28 Viala, 2017.

29 I dati citati sono tratti da http://www.openpolis.it, il sito che monitora costantemente lo stato del Parlamento.

30 Il record spetta al governo Gentiloni, che ha utilizzato la questione di fiducia 31 volte, in media 2,58 volte al mese.

31 Caravale, 2017.

32 Pfersmann, 2017.

33 La legge è stata oggetto di aspre critiche; Derosier, 2017.

34 Groupe de travail du Sénat sur la révision constitutionnelle, 40 propositions pour une révision de la Constitution utile à la France, 24 janvier 2018, http://www.senat.fr.

35 Poguntke, Webb, 2005.

36 Calise, 2016: 39.

37 Giordano, P., La solitudine dei numeri primi, Milano, Mondadori, 2009.

38 De Rita, 2017.

39 L’espressione è di Bordignon, 2014.

40 Diamanti, 2017.

41 Rosa, 2017: 5.

42 Marchi, 2017.

43 Blanco Valdés, 2018.

44 Panebianco, 2017.

45 Corte costituzionale, sentenza n. 1/2014, p. 3.1 del considerato in diritto.

46 Floridia, 2016.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mauro Volpi, «La crisi del modello maggioritario tra sistemi elettorali e forme di governo»Teoria politica, 8 | 2018, 183-202.

Notizia bibliografica digitale

Mauro Volpi, «La crisi del modello maggioritario tra sistemi elettorali e forme di governo»Teoria politica [Online], 8 | 2018, online dal 26 mai 2020, consultato il 20 avril 2024. URL: http://journals.openedition.org/tp/329

Torna su

Autore

Mauro Volpi

Università degli studi di Perugia, mauro.volpi[at]unipg.it

Torna su

Diritti d'autore

Tutti i diritti riservati". Salvo diversa indicazione, non è autorizzata la copia del testo né degli altri elementi (illustrazioni, allegati importati).

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search