Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie7In questo numero. Nei prossimi nu...

In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire

Michelangelo Bovero
p. 9-14
Traduzione(i):
This issue. Next issue. Call for contributions [en]

Testo integrale

In questo numero

1Il presente volume di Teoria politica si articola in cinque sezioni.

2La prima sezione è intitolata Populismi. Da qualche tempo, molte parti del globo pur separate da grandi distanze non solo geografiche sono attraversate da movimenti collettivi che sembrano condividere una medesima concezione della politica, almeno nei tratti essenziali, e questa somiglianza sembra altrettanto se non più rilevante, come connotato di identificazione della loro natura, rispetto alla divergenza nelle opzioni ideologiche dichiarate ed esibite. Si tratta di quella che Teoria politica, nell’editoriale di apertura del volume VI/2016, aveva suggerito di considerare come la «famiglia dei populismi», sollecitando contributi per la ridefinizione di una categoria, appunto quella di «populismo», in cui vengono fatti rientrare fenomeni prima facie divisi da molteplici e marcati tratti di eterogeneità.

3A questo problema complesso è stato dedicato il Sesto seminario di Teoria politica, organizzato a Torino nell’ottobre 2016. I primi cinque saggi compresi in questa sezione corrispondono ai testi riveduti e corretti delle relazioni pronunciate in quella sede. Il contributo di Yves Mény delimita il proprio oggetto di studio ai populismi comparsi nelle società democratiche alla fine del Novecento, rintraccia la causa prima della loro nascita nella «frustrazione democratica» di buona parte dei cittadini, che viene indirizzata verso la contestazione degli istituti fondamentali della rappresentanza, e illustra la tendenza di questi soggetti politici ad una progressiva radicalizzazione «a destra», benché essi per lo più rifiutino la contrapposizione stessa fra destra e sinistra. L’articolo di Loris Zanatta richiama l’attenzione sull’America latina, da sempre considerata il laboratorio dei populismi, ma soprattutto di quelli definiti «di sinistra», chiarisce in che senso lo schema concettuale destra-sinistra sia inadeguato a capire il fenomeno populista come tale, e di questo propone una ridefinizione minima, centrata sulla «nostalgia unanimista» che caratterizza la visione di tutti i soggetti populisti e sulla conseguente repulsione verso ogni sorta di pluralismo. Il saggio di Roberto Escobar è dedicato alle forme di «illusionismo politico» che occupano la scena pubblica, considerate nel quadro di un modello concettuale che oppone alla democrazia, definita come «discussione priva di limiti al dissenso», tanto il populismo quanto la tecnocrazia. Il contributo di Ida Dominijanni riconduce il fenomeno populista nell’ambito delle trasformazioni radicali provocate dal neoliberalismo nelle democrazie occidentali, e focalizza lo sguardo sulle quattro specie di populismi che hanno dominato la vita politica in Italia negli ultimi trent’anni, quello etnico della Lega, quello telecratico di Berlusconi, quello istituzionale di Renzi e quello digitale del Movimento 5 Stelle. Il saggio di Valentina Pazé discute le due tesi simmetriche, presenti in letteratura, secondo cui non si dà populismo senza democrazia e/o non si dà democrazia senza populismo, e attraverso una ridefinizione di entrambe le nozioni-chiave costruisce un modello concettuale in cui tali nozioni risultano chiaramente antitetiche.

4A questi cinque saggi si affiancano due contributi originali, pervenuti in risposta al nostro più ampio invito alla riflessione sul tema. L’articolo di Guadalupe Salmorán ricostruisce la visione del mondo populista come un’ideologia alquanto versatile ma sempre antidemocratica, e rintraccia nelle differenti rappresentazioni dell’identità del «popolo», che i movimenti populisti di volta in volta costruiscono, un principio di spiegazione della loro variabile ubicazione lungo l’asse destra-sinistra. L’articolo di Nico De Federicis richiama in particolare l’utilità delle classiche analisi weberiane sul plebiscitarismo per l’interpretazione delle vicende politiche contemporanee che vedono l’affermarsi del fenomeno populista.

5La seconda sezione, intitolata Squilibri di potere, accosta due articoli dedicati a tematiche apparentemente diverse ma in realtà complementari, ed anzi convergenti in un unico fuoco problematico: la perdita di peso e di rango del potere politico, anzitutto e specificamente del potere degli Stati. L’articolo di Maria Rosaria Ferrarese ricostruisce come l’indebolimento progressivo del ruolo dello Stato nell’assetto dei poteri globali sia stato promosso in larga misura, negli ultimi decenni, dagli Stati stessi, ed anzi da essi attivamente ricercato in (quasi) unanime ossequio all’egemonia ideologica neoliberale. Ma proprio per questo —paradossalmente— si può dire, come mostra l’articolo di Claudio de Fiores dedicato ai rapporti tra ordinamenti statali e Unione europea dopo Brexit, non già che la trionfante globalizzazione abbia dissolto gli Stati, bensì piuttosto che gli Stati si sono subordinati ai poteri trans-nazionali da essi stessi creati.

6La terza sezione, intitolata Massa e potere, oggi, riunisce quattro saggi dedicati al capolavoro di Elias Canetti. Il contributo di Leonard Mazzone passa in rassegna le ragioni della sfortuna canettiana presso la cultura accademica «ufficiale», proponendo dell’opera maggiore di Canetti una radicale rivalutazione. Il saggio di Penka Angelova ripercorre le principali interpretazioni di Massa e potere e richiama in particolare l’attenzione sul categoria di metamorfosi, che rivela l’anti-storicismo dell’autore. L’articolo di Olivier Agard ricostruisce i caratteri originali dell’antropologia filosofico-politica di Canetti. L’articolo di Luigi Alfieri mette a confronto le rappresentazioni e le interpretazioni della violenza di massa offerte da Canetti e da René Girard.

7La quarta sezione, intitolata Saggi, come di consueto di carattere miscellaneo, comprende quattro contributi. L’ampio saggio di Francesco Remotti pone le basi di una teoria generale delle somiglianze, o meglio delle somiglienze e delle differenze, attraverso la ricostruzione meditata e il confronto dialettico, di grande rilevanza filosofico-politica, tra le visioni del mondo di Protagora, di Erodoto e di Platone. L’articolo di Marcelo Torelly studia il ricorso alle norme del diritto internazionale da parte delle Corti chiamate a giudicare di gravi violazioni dei diritti fondamentali, nel quadro delle transizioni post-autoritarie in Argentina, Brasile e Cile. Il saggio di Sara Lagi ricostruisce lo sviluppo della teoria della democrazia parlamentare di Hans Kelsen nel contesto storico in cui nacque e in relazione agli obiettivi politici che l’autore ebbe di mira. Il contributo di Michelangelo Bovero prende spunto da una riconsiderazione della legge di riforma costituzionale promossa in Italia dal governo Renzi e respinta con il referendum del 4 dicembre 2016, per delineare una critica radicale della cosiddetta «democrazia maggioritaria».

8La quinta sezione chiude il presente volume con due contributi, di Fulvia de Luise e di Cesare Pianciola, dedicati al recente libro di Giuseppe Cambiano, Come nave in tempesta. Il governo della città in Platone e Aristotele.

Nei prossimi numeri

9Teoria politica intende dedicare ampio spazio sul prossimo volume (VIII, 2018) ai mutamenti sulla scena politica dei regimi di democrazia reale, invitando ad una considerazione complessiva del ciclo di elezioni cruciali che nell’anno in corso sta investendo l’Europa.

10Nel 2016, alcune consultazioni popolari di grande rilevanza avevano prodotto, con i loro risultati largamente sorprendenti, notevoli trasformazioni nel paesaggio politico del mondo occidentale, quasi assimilabili a esiti di terremoti. Ed è da notare che gli sconvolgimenti più incisivi sono conseguiti da forme «dirette» di provocatio ad populum: il referendum (peraltro, con valore soltanto consultivo) che ha rivelato la volontà della maggioranza, sia pure risicata, dei cittadini britannici di uscire dall’Unione europea; l’elezione del Presidente degli Stati Uniti d’America, da sempre congegnata istituzionalmente come un duello maggioritario per la conquista del consenso popolare ma questa volta rivestita di una speciale enfasi plebiscitaria, a causa dell’identità peculiare di uno dei due contendenti, poi risultato vincitore; ma anche, voglio aggiungere, il referendum col quale in Italia la maggioranza, questa sì abbondante, dei cittadini ha respinto la riforma costituzionale fortemente voluta dal governo in carica. I due terremoti politici di portata globale, la cosiddetta Brexit e l’elezione di Donald Trump, hanno indotto molti osservatori e gran parte dell’opinione pubblica ad attendersi l’arrivo di nuovi sconvolgimenti attraverso la sequenza delle competizioni elettorali previste per il 2017 in Europa, quasi prefigurandole come uno sciame sismico, di maggiore o minore gravità, inevitabile seguito delle scosse catastrofiche dell’anno precedente.

11Al momento in cui scrivo queste note (luglio 2017), si può dire che dalle consultazioni sin qui svolte sono bensì conseguiti alcuni mutamenti notevoli, ma non così sconvolgenti. Non si sono verificati altri terremoti; almeno, non quelli previsti e da molti temuti. Una folta schiera di osservatori paventava che le elezioni politiche in Olanda del 16 marzo potessero sancire il successo, se non il trionfo, del «Partito per la Libertà» di Geert Wilders, di marcata impronta nazional-populista, e che una tale affermazione avrebbe contribuito a rafforzare il vento già potentemente favorevole al «Front National» in Francia, aprendo le porte dell’Eliseo a Marine Le Pen. Nulla di tutto ciò è avvenuto, né in Olanda né in Francia. Il che non vuol dire affatto che le sorti dei populismi europei siano in declino, né che si stia affievolendo la tendenza che li vede convergere in una progressiva e simmetrica radicalizzazione «a destra» (su cui, v. il saggio di Yves Mény nel presente volume). Partiti e movimenti populisti sono, se non (ancora?) un blocco solidale, certo una componente corposa e omogenea, persistente e forse crescente, nell’arena pubblica europea; e le faglie da essi provocate nella cultura politica dei cittadini non accennano a colmarsi, al contrario si approfondiscono.

12Piuttosto, si può dire che procede inesorabile l’erosione del vecchio assetto politico-partitico. In Francia, la novità più vistosa, rappresentata dalla vittoria di Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali di aprile e maggio e dal netto successo del suo partito neo-inventato alle elezioni parlamentari di giugno —­peraltro, con una sproporzione scandalosa tra la percentuale maggioritaria dei seggi conquistati e l’infima minoranza dei voti ottenuti, se misurata sulla platea degli aventi diritto—, è bensì riconducibile, almeno in parte e in una certa prospettiva, a un movimento di contrapposizione, di contenimento e di contrasto alle «nuove» (relativamente) tendenze populiste rappresentate dall’indirizzo politico che Marine Le Pen ha impresso al «Front National»; ma nondimeno quel successo è stato costruito sulla frana dei «vecchi» partiti tradizionali. E non solo. Non si tratta semplicemente della sostituzione di nuovi soggetti politici al posto degli antichi. Il sistema istituzionale-elettorale francese occulta la vera trasformazione, che è «in marcia» (si può ben dire) quasi dovunque nel panorama europeo: la crisi del modello bipolare. In Gran Bretagna, le impreviste elezioni politiche dell’8 giugno hanno riproposto un esito simile a quello che si era già presentato soltanto pochi anni prima, nel 2010, e allora accolto da molti come una disdicevole deviazione rispetto al funzionamento «normale» del sistema per collegi uninominali: nessun partito ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi, e di conseguenza si è dovuto costruire (in modo improvvisato, forzoso e anche oneroso) un governo di coalizione. Il «formato» dei sistemi politici in Europa non è più —se mai lo è stato davvero— dicotomico. Bipartitismo e bipolarismo, modello maggioritario e «democrazia dell’alternanza» hanno visto sgretolarsi le loro basi empiriche, le loro condizioni di possibilità, a colpi di scosse sismiche. In queste circostanze diventa difficile, se non implausibile, riproporre tale paradigma come un orizzonte desiderabile e al contempo come una meta attingibile. E di conseguenza, sempre più controversa e conflittuale appare la ricerca di regole nuove per le competizioni elettorali.

13Peraltro, la trasformazione dei sistemi politici europei investe certamente il loro formato, ma riguarda anzitutto la natura dei loro protagonisti: i partiti (e/o i movimenti, insomma i soggetti che competono nell’arena pubblica). Sulle mutazioni dei partiti e della «forma partito», sulle metamorfosi dei partiti tradizionali e sulla genesi di specie nuove di soggetti politici —«post-ideologici», «né di destra, né di sinistra», ecc.—, così come sulla crisi dei partiti nell’ambito della più generale crisi dello Stato e anzi della politica, molti studiosi continuano ad esercitarsi offrendo una messe abbondante di analisi condotte dalle diverse prospettive disciplinari. Teoria politica invita a considerare l’anno elettorale europeo come un’occasione propizia e un campo di indagine particolarmente fecondo per sviluppare la riflessione collegiale e interdisciplinare sulla fenomenologia politica del nostro tempo.

14Ma nello stesso tempo Teoria politica rinnova la sollecitazione a riascoltare la «lezione dei classici» intorno alle grandi categorie della politica. Sta per giungere a compimento un’ammirevole iniziativa nel settore degli studi sul pensiero antico: la nuova edizione critica con traduzione e commento della Politica di Aristotele, diretta da Lucio Bertelli e Mauro Moggi per i tipi de «L’Erma» di Bretschneider (Roma, 2011 ss.). Norberto Bobbio, nella voce «Stato» dell’Enciclopedia Einaudi, redatta all’inizio degli anni Ottanta, invitava alla «constatazione» che «un trattato di politica come quello di Aristotele volto all’analisi della città greca non ha perso nulla della sua efficacia descrittiva ed esplicativa nei riguardi degli ordinamenti politici che si sono susseguiti da allora sino ad oggi». Teoria politica suggerisce ai suoi lettori e contributori, e non soltanto agli studiosi della cultura classica, di tornare ad attingere al pensiero di Aristotele, sottolineando in particolare l’opportunità di ripercorrere la trama delle tesi e delle argomentazioni teoriche sviluppate nel libro terzo della Politica, fin dall’antichità riconosciuto come il libro delle «definizioni» (horoi), dei principi e fondamenti del sapere politico. Tra i problemi centrali affrontati in questo libro, emergono quelli concernenti i concetti di costituzione e di cittadinanza. Sono temi ricorrenti e sempre attuali, sui quali la lezione di Aristotele può risultare illuminante ed anzi utile a correggere la miopia di uno sguardo troppo ancorato alle contingenze del presente.

Inviti a contribuire

1.Ancora terremoti? Il paesaggio politico dopo un anno elettorale

15Dopo Brexit e la vittoria di Donald Trump, che hanno violentemente scosso la scena politica globale nel 2016, c’era davvero da attendersi che le elezioni politiche fissate per il 2017 in zone cruciali d’Europa —Olanda, Francia, Germania, cui si è aggiunta inopinatamente la Gran Bretagna, e l’Italia è sempre sul punto di entrare in competizione— avrebbero provocato altri terremoti? In quale grado le previsioni sono state smentite o confermate? Analizzando post festum il paesaggio politico, quali trasformazioni si possono osservare, e quanto incisive, nei sistemi politici europei? L’onda sismica nazional-populista è cresciuta o diminuita in intensità e pervasività? Quanto hanno influito le spinte telluriche contrapposte tra partiti e anti-partiti? Ancora: i quadri istituzionali e le regole per le competizioni politiche reggono alle scosse o mostrano crepe, fragilità e inadeguatezze? Quale è stata l’incidenza delle forme nuove o nuovissime della comunicazione politica, nel passaggio dalla democrazia del pubblico passivo a quella del pubblico interattivo, come fattori di sommovimento? Quali movimenti si possono registrare nelle grandi «placche» delle culture politiche? E quali potenziali si celano nel grande mare dell’astensione?

16Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • le trasformazioni nei sistemi politici europei;

  • i casi nazionali: analisi e comparazioni;

  • tendenze e prospettive dei populismi in Europa;

  • quali regole per quali competizioni politiche?

  • quali trasformazioni nelle culture politiche?

  • i non rappresentati: la gaslassia dell’astensione.

2.Ripensare Aristotele. Principi e fondamenti del sapere politico

17Che cos’è la polis, la città, la comunità politica, lo Stato? Quand’è che una città, una comunità politica si deve dire la stessa, oppure non più la stessa ma diversa? Quando mantiene e quando cambia la sua identità? La mantiene finché i suoi membri permangono della stessa stirpe e discendenza, oppure cambia quando cambia la costituzione, la forma della convivenza? Quanti e quali sono i tipi di costituzioni, le forme della vita collettiva, e con quali criteri si possono distinguere le forme rette dalle forme deviate e corrotte? Che cos’è un cittadino, in che cosa consiste lo status di cittadino, quali sono le attribuzioni, i diritti e i doveri, che spettano al cittadino? E quali sono i requisiti che un individuo deve possedere per poter essere riconosciuto come cittadino?

18Sono solo alcuni dei problemi fondamentali che Aristotele affronta nella Politica, e specialmente nel libro terzo. Molte sono le ragioni, anche di attualità, che ne raccomandano la rilettura, attenta e meditata, filosofica e filologica, specialmente ora che disponiamo di una nuova edizione critica commentata.

19Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • costituzione e tipi di costituzione, per Aristotele e per noi;

  • politeia e politeuma: costituzione formale e costituzione materiale;

  • chi deve essere sovrano? Aristotele e il potere politico;

  • chi deve essere cittadino? Aristotele su requisiti e attributi della cittadinanza;

  • Aristotele, la democrazia, la demagogia;

  • Aristotele e Platone: visioni opposte della politica?

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali, 7 | 2017, 9-14.

Notizia bibliografica digitale

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 7 | 2017, online dal 26 mai 2020, consultato il 26 février 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/504

Torna su

Autore

Michelangelo Bovero

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search