Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie6In questo numero. Nei prossimi nu...

In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire

Michelangelo Bovero
p. 9-13
Traduzione(i):
This issue. Next issue. Call for Papers [en]

Testo integrale

In questo numero

1Il presente volume di Teoria politica si articola in quattro sezioni.

2La prima sezione è intitolata Guerre di civiltà, inciviltà della guerra. Si propone anzitutto come contributo ad un possibile bilancio sulle sedicenti «nuove guerre», che a partire dagli anni Novanta del secolo scorso sono state condotte in nome della «civiltà occidentale» contro terrorismi, fondamentalismi e regimi «canaglia»; ma anche come riflessione più generale sul ritorno della guerra, dopo il secolo breve, al ruolo di condizione normale della vita internazionale, e sui destini del pacifismo nel nostro tempo. A questo tema complesso, sul quale Teoria politica ha sottolineato nel numero scorso (vol. V, 2015) l’opportunità di riaccendere l’attenzione, sono state dedicate due iniziative parallele: un ciclo di lezioni promosso dalla Scuola per la buona politica di Torino tra gennaio e giugno 2015, e un seminario internazionale organizzato da Ermanno Vitale presso l’Università della Valle d’Aosta tra aprile e maggio dello stesso anno. Gli articoli di Alessandro Colombo, Enzo Pace, Massimo Campanini, Gian Paolo Calchi Novati, Stephen Holmes e Luigi Bonanate riprendono e sviluppano i temi da essi affrontati a lezione nell’ambito del ciclo torinese, in alcuni casi aggiungendo considerazioni analitiche sulla più recente recrudescenza del terrorismo internazionale; gli articoli di Francisco J. Laporta, Giulio Itzcovich e Fabrizio Cattaneo costituiscono le versioni rivedute e corrette dei loro interventi al seminario aostano.

3La seconda sezione è intitolata Eurotecnocrazia. A questo tema —sul quale Teoria politica ha promosso, sempre nel numero scorso (vol. V, 2015), una riflessione collettiva intesa come sviluppo specifico di quella avviata nei due volumi precedenti, sulla crisi del capitalismo e della democrazia e sul conseguente aggravarsi della questione sociale— è stato dedicato il Quinto seminario di Teoria politica, organizzato a Torino nell’ottobre 2015. I cinque saggi che compongono questa sezione corrispondono ai testi riveduti e corretti delle relazioni pronunciate in quella sede. L’articolo di Luigi Ferrajoli riconsidera il progetto politico e giuridico dell’Unione europea alla luce dello stato fallimentare della sua realizzazione attuale; l’articolo di Sergio Dellavalle affronta il difficile problema della natura e della legittimazione del potere istituzionale dell’Ue; il contributo di Rafael Escudero approfondisce il tema dell’imposizione da parte europea dell’equilibrio di bilancio agli stati nazionali, proseguendo l’analisi avviata da Agustin J. Menéndez e da Alessandra Cerruti e Francesco Pallante nel numero scorso; l’articolo di Giuseppe Bronzini sottopone ad un approfondito esame il grado di effettività della Carta europea dei diritti; il saggio di Annamaria Rivera considera la «crisi dei rifugiati» come drammatico fulcro della crisi europea. Tutti i contributi a questa sezione sono stati ultimati dagli autori e consegnati alla redazione di Teoria politica in una data anteriore alla celebrazione del referendum che ha ­avviato il processo di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. La natura di questo evento storico e delle sue conseguenze, per ora difficilmente prevedibili e valutabili, richiederà tempi adeguati di riflessione e di approfondimento. Teoria politica sollecita sin d’ora nuovi contributi su questo problema.

4La terza sezione, intitolata Saggi, come di consueto di carattere miscellaneo, comprende cinque contributi. L’articolo di Luc Boltanski e Arnaud Esquerre, dedicato ad un aspetto caratteristico degli sviluppi recenti del capitalismo, e il susseguente commento di Nancy Fraser, rappresentano il frutto di un seminario organizzato a Torino nel marzo del 2016, che ha offerto agli autori l’occasione per un fecondo dialogo. L’articolo di Amando Basurto riprende il tema del giudizio morale e politico nel pensiero di Hannah Arendt. Il contributo di Marco Segatti tratta del diritto di accesso alla giustizia a partire dall’approccio delle capacità elaborato da Amartya Sen. Il saggio di Lucilla G. Moliterno offre una ricostruzione del concetto classico di demagogia, a partire dal pensiero di Platone, e una proposta articolata di ridefinizione delle sue dimensioni semantiche.

5La quarta sezione chiude il volume con due Rassegne di studi: la prima, di Camilla Emmenegger, è dedicata alla discussione intorno a due opere di Pierre Bourdieu recentemente tradotte in italiano; la seconda, di Carlo Blengino, prende in esame gli scritti recenti del «cyberpessimista» Evgenij Morozov, molto critici nei confronti degli usi politici di internet.

Nei prossimi numeri

6Teoria politica invita a ripartire dagli scenari di potere sin qui scandagliati, in particolare nella seconda sezione del presente volume, per spingere lo sguardo oltre, verso la geografia dei poteri globali. Le istituzioni tecnocratiche dell’Unione europea, e i loro partner internazionali e transnazionali, si presentano come poteri visibili, soggetti chiaramente identificabili con i loro nomi e soprannomi —la Commissione, l’Eurogruppo, la BCE, la troika...—, ubicabili nelle loro sedi ufficiali, tracciabili nei loro spostamenti itineranti verso i mutevoli luoghi in cui celebrano riunioni «di vertice». Sono membri formali dell’oligarchia globale, dell’«esecutivo» del mondo, se vogliamo seguire l’uso ormai invalso di designare con questo termine i poteri veramente decisivi in ogni ambito e ad ogni livello. Un uso, peraltro, distorto e ingannevole: «esecutivo», in senso proprio, sarebbe un potere subordinato, cui spetta il compito di applicare le decisioni di un potere superiore; ovvero, nel lessico che abbiamo ereditato da Montesquieu, le decisioni di un organo legislativo. Ma non esiste un «legislativo» del mondo. Tale non è certamente l’assemblea delle Nazioni Unite. Come non è sicuramente un organo legislativo sovraordinato ad un esecutivo il Parlamento europeo rispetto alla Commissione europea. Nella dialettica politica del nostro tempo, quasi dovunque gli organi formalmente legislativi sono svigoriti, depotenziati se non esautorati dai cosiddetti e sedicenti «esecutivi», che tendono a diventare non solo sovrani bensì assoluti, liberi da vincoli effettivi e limiti efficaci ad arginarne l’arbitrio.

7Ma non è (soltanto) questo il problema su cui Teoria politica intende ora invitare a riflettere con maggiore attenzione. Accanto o intorno o al di sotto dei poteri visibili, in certo senso ufficiali, istituiti e costituiti, rivestiti in un modo o nell’altro di una qualche autorizzazione giuridica, percepiamo chiaramente la presenza di altri poteri, capaci di condizionare e talora determinare i destini dei popoli e dell’intero genere umano. Poteri di fatto, invisibili o non visti da un diritto distratto, de-regolati e pre-potenti. Alcuni illegittimi e illegali in ogni senso; anzi, criminali. Altri invisibili perché «nascosti», paradossalmente, nel regno dell’ultra-visibile: la grande rete e i suoi attori oligopolisti, detentori di un sapere non-pubblico sul pubblico, dunque di un potere di controllo universale senza filtri e senza contropoteri. Altri non ubicabili, quasi fossero protetti da qualcosa di simile al principio di indeterminazione di Heisenberg: tale appare, per esempio, al comune sentire della parte di gran lunga maggiore dell’umanità, il «potere dei mercati», il potere dei flussi finanziari e dei loro esiti casuali (convergenze e mescolanze di scopi intenzionati) non meno che travolgenti. Ma sono davvero poteri senza soggetto, non imputabili? Di sicuro non lo sono molti centri di potere (in largo senso) economico che si muovono tra de-regolazione e irregolarità, per di più traendo e portando alimento ai cosiddetti paradisi fiscali: i gruppi di interesse le cui dimensioni e ramificazioni pervasive vanno molto al di là di quanto suggerito dalla qualificazione comune di lobby. Ad esempio, la «lobby delle armi»: un’espressione e un’immagine che ci paiono fortemente inadeguate se le commisuriamo alla realtà drammatica delle violenze e delle guerre che pervadono il mondo, come mostrano i saggi compresi nella prima sezione del presente volume.

8In sintesi: Teoria politica invita ad affrontare in modo sistematico lo studio della «geografia dei poteri» nel mondo contemporaneo. Il profilo di molte regioni appare incerto, e ampi territori sono ancora poco esplorati. In ogni caso, e soprattutto, pare che manchi una chiara visione d’insieme. Quel che forse si può dire con una certa sicurezza, adottando lo schema tripartito di Norberto Bobbio, è che il potere politico tende ovunque ad assumere un ruolo ridimensionato e subordinato rispetto al potere economico e al potere ideologico. I mercati e la rete stringono d’assedio il Leviatano, dove non lo hanno già asservito.

9Ciò nonostante, la lotta per la conquista del potere politico non sembra perdere vigore. Ha perduto piuttosto, negli stati che abitualmente consideriamo democratici, l’interesse di una parte rilevante della cittadinanza: l’astensione dalle competizioni elettorali, la disaffezione nei confronti della vita pubblica, il disprezzo e anzi il risentimento verso i suoi attori tradizionali e le sue istituzioni consolidate, sono fenomeni da tempo diffusi. Le analisi e le spiegazioni offerte dagli studiosi sono molteplici e controverse. Ma è certo che proprio dalla risacca di sfiducia e diffidenza, conseguente alla caduta dell’attenzione politica e al ritiro dalle forme e dai canali consueti della partecipazione, si è generato e manifestato in ondate successive su ogni lido del mondo un insieme complesso di fenomeni reattivi, estremamente differenziati eppure accomunati da un’aria di famiglia: la famiglia dei populismi.

10La nozione corrente di populismo è quanto mai confusa ed equivoca, il termine è soggetto ad usi e abusi incontrollati nel linguaggio comune e non solo in esso. Tuttavia non si tratta di un neologismo, come altri —antipolitica, postdemocrazia, controdemocrazia...— che sono stati coniati per catalogare le patologie contemporanee (senili?) della democrazia dei moderni. Ha una storia e una dignità scientifica, cui non sembra inutile tornare ad attingere. Cercando di mettere (un primo) ordine nella varietà delle connotazioni e delle denotazioni associate agli usi più e meno recenti, il nome «populismo» appare anzitutto impiegato per designare uno «stile» e/o una «strategia» politica: per questo aspetto, richiama la nozione classica e sempre attuale di demagogia, che ha accompagnato come un’ombra inquietante le vicende antiche e moderne della democrazia. Per un altro verso, il «populismo» viene anche inteso come un’ideologia sui generis, una visione politica del mondo alquanto varia nei colori e molto sfumata nei confini, assunta da partiti o movimenti con indirizzi politici diversi e persino divergenti, ma sempre fondata sulla rivendicazione della volontà autentica del «popolo», o dell’interesse genuino della «gente (comune)», contro la volontà e gli interessi di un ceto politico privilegiato e parassitario, usurpatore e prevaricatore. Per questo aspetto, si potrebbe dire che l’ideologia populista si presenta come una specie di rovesciamento speculare della classica teoria dell’élite moschiana e paretiana, di cui ripropone a termini invertiti la dicotomia essenziale, ovviamente impoverita e semplificata in una sorta di manicheismo intuitivo, orientato alla ribellione delle masse. In una terza dimensione di significato, tende ad essere qualificato come «populismo» un tipo di regime, caratterizzato da una peculiare relazione immediata e simpatetica tra il popolo, concepito come un soggetto omogeneo, e l’individuo che non solo si offre come guida, «amico del popolo» e suo protettore, ma pretende di esprimerne l’essenza e di garantirne l’integrità; per questo aspetto, il «populismo» si delinea come una variante o sottoclasse dell’autocrazia, favorita da forme di governo marcatamente verticalizzate, ma non agevolmente collocabile in modo univoco —almeno, non prima facie— da una parte sola dello spettro politico.

11Teoria politica suggerisce a storici e teorici, sociologi, politologi e giuristi, di convergere verso una riconsiderazione critica della categoria di populismo, a partire sia dal confronto degli usi molteplici riscontrabili nella letteratura scientifica, sia dall’analisi comparativa della varietà di fenomeni che in tale categoria vengono fatti rientrare. Come per tentare di rispondere, con una feconda interazione di prospettive disciplinari, alla domanda: è identificabile una classe sufficientemente omogenea di fenomeni politici che appaia plausibile designare come «populismo»?

Inviti a contribuire

1. Geografia dei poteri

12Dov’è il potere nel mondo attuale? Chi lo detiene? Esiste un «Palazzo d’inverno» nell’era globale? Nei periodi più acuti della crisi greca, è stato chiaramente percebibile un flusso di potere discendente —come tale, tipicamente autocratico— capace di imporre dall’alto le proprie direttive di «austerità» ad un paese in condizioni sociali disastrose, travolgendo ogni resistenza democratica. Ma questo flusso di potere non proviene soltanto dai vertici istituzionali, dall’«esecutivo del mondo»: è diffusa la convinzione che il peso forse maggiore nel determinare i destini globali è attribuibile ai (cosiddetti) mercati e alla rete, incarnazioni disincarnate del potere economico e del potere ideologico, rispetto ai quali i poteri delle istituzioni politiche appaiono subordinati e residuali.

13Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • da chi è composto l’«esecutivo del mondo»?

  • il potere dei mercati e sui mercati: ha un’identità il capitale finanziario?

  • Internet: il potere della rete e sulla rete

  • gli stati e i governi sono poteri residuali?

  • è ancora concepibile una difesa democratica dai poteri globali?

2. Populismi

14Che cos’hanno in comune i partiti sciovinisti e xenofobi, sedicenti difensori di nazioni illustri o di piccole patrie più o meno inventate, che negli ultimi decenni del Novecento si sono progressivamente affermati in molte parti d’Europa, con i movimenti socialisteggianti, spesso rivestiti di identità etno-pauperiste, che hanno ottenuto vistosi successi verso la fine del secolo in America latina, in alcuni casi portando all’instaurazione di regimi plebiscitari? In che senso e con quale fondamento gli uni e gli altri vengono qualificati come «populisti»? Ha senso distinguere populismi «di destra» e «di sinistra», classificandoli come due varianti di una medesima categoria politica? E quale parentela si può rintracciare tra questi fenomeni politici più recenti e quelli che classicamente furono identificati con il nome di «populismo» in periodi anteriori, a partire dal regime di Perón in Argentina? Le ambiguità che accompagnano gli usi, anche i più controllati, della categoria di populismo sono molteplici: riguardano non solo la collocazione di movimenti, partiti e regimi lungo l’asse tradizionale destra-sinistra, ma anche il loro rapporto con la democrazia, per un verso, e con il fascismo (cioè, con l’antidemocrazia), per l’altro; e ancora, l’atteggiamento verso il capitalismo e le politiche neo-liberiste e tecnocratiche. Mentre scrivo queste note (giugno 2016) un personaggio che a molti pare la sintesi caricaturale del plutocrate ignorante e dell’imbonitore da fiera si affaccia alla competizione per la carica politica più potente del mondo: la presidenza degli Stati Uniti. Insomma, qual è la consistenza teorica di una categoria che pretende di abbracciare fenomeni politici tanto eterogenei?

15Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • populismi di destra e di sinistra;

  • le avventure del populismo in Europa e in America latina;

  • populismo e democrazia;

  • populismo e fascismo;

  • populismo e tecnocrazia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali, 6 | 2016, 9-13.

Notizia bibliografica digitale

Michelangelo Bovero, «In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 6 | 2016, online dal 26 mai 2020, consultato il 26 février 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/601

Torna su

Autore

Michelangelo Bovero

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search