Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie6Guerre di civiltà, inciviltà dell...L’Europa e la guerra agli inizi d...

Guerre di civiltà, inciviltà della guerra

L’Europa e la guerra agli inizi del Ventunesimo secolo

Europe and War at the Beginning of the Twenty-First Century
Alessandro Colombo
p. 23-47

Abstract

The form of war has been dramatically changing within Europe, as has Europe’s role within the international system. Until 1945, Europe was at the center of the international system, and the European wars were the pivotal events of international politics, whether due to a change in the hierarchy of power and prestige among the great powers, or because they went so far as to escalate into world wars. Currently, by contrast, Europe is no longer at the center of the international system, and war has come to play a marginal role in the European states-system. On the one hand, no major wars have taken place (and are expected to take place) on the European soil, whereas only secondary states or non-state actors have turned out to be the protagonists of the so-called «new wars». On the other hand, although the principal European states have repeatedly resorted to the use of force, their wars have been fought at a distance, at the periphery of the continent or, more often, outside Europe itself. This article addresses such a mutual change, by focusing on the ongoing transformations of war. In the first part, a brief overview is provided of the cultural and theoretical attitudes of Europe towards war, from the traditional emphasis on the political and legal relationship between state and war, to the experience of the Long Peace following the Second World War, up to the proliferation of non-state actors involved in both politics and political violence. The second part shifts its attention to the threefold nature of war in the contemporary Europe: the so-called «new wars» fought in such «peripheral» areas as former Yugoslavia, Georgia or Eastern Ukraine; the military interventions conducted by the strongest European states «out of area», and legitimized by the narrative of the Just War tradition; the terrorist attacks brought by external actors back to the European soil. The last part focuses on some basic features which all three kinds of war share: the disappearance of any shared conception of what a war is or should be like; the eclipse of the «public» dimension of violence; the blurring of any clear distinctions between internal and external, military and civilian, war and violence short of war; the impossibility to draw a clear distinction between peace and war.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1Il mutamento del posto e della forma della guerra in Europa riassume, nello stesso tempo, la nuova morfologia della violenza e la nuova collocazione dell’Europa nell’arena internazionale. In un senso, le guerre europee del dopoguerra fredda —dalla conflagrazione jugoslava degli anni Novanta alla guerra ucraina del 2014— riflettono le trasformazioni che il fenomeno bellico ha subito negli ultimi decenni, tanto da perdere la propria stessa riconoscibilità rispetto alla condizione ormai solo in linea di principio opposta della pace.

  • 1 Hardt e Negri, 2003: 29.

2Nell’altro senso, la marginalità —sebbene niente affatto l’estraneità— dell’Europa rispetto al fenomeno-guerra traduce anche sul terreno della violenza la detronizzazione dell’Europa da centro del mondo. Fino a che fu al centro del sistema politico internazionale, infatti, l’Europa fu anche al centro delle sue guerre (comprese le due guerre «mondiali» del Novecento), tanto sul piano diplomatico e strategico quanto su quello delle rappresentazioni collettive. Nel contesto internazionale post-eurocentrico di oggi, invece, le residue guerre europee hanno una natura periferica rispetto alle dinamiche emergenti del sistema internazionale, tanto da poter essere svalutate a fenomeni marginali o persino patologici (come la guerra jugoslava degli anni Novanta e, almeno in parte, quella ucraina di oggi), oppure ridotte (come la cosiddetta guerra al terrore condotta fuori dall’Europa dagli Stati europei) al rango di semplici operazioni di polizia internazionali che assolutizzano il nemico (facendone una minaccia assoluta nei confronti dell’ordine politico, giuridico ed etico) ma, allo stesso tempo, lo banalizzano (riducendolo a oggetto di una semplice routine repressiva)1.

1. L’Europa e la guerra. Da Marte a Venere?

1.1. Le amnesie del continente di ferro

3Cominciamo allora dal rapporto divenuto quasi inconfessabile fra Europa e guerra. In che senso è possibile dire, contrariamente all’immagine irenica di oggi, che quello tra l’Europa e la guerra è un rapporto politicamente e giuridicamente costitutivo? Tanto per cominciare, naturalmente, per il ruolo che la guerra ha svolto nella storia politica, economica e persino istituzionale del continente. Nel senso più superficiale, in quanto la guerra è stata una presenza costante nella storia europea mentre, per effetto della sua centralità, proprio in Europa si sono combattute alcune fra le guerre più importanti e cruente degli ultimi secoli: la guerra dei Trent’anni all’inizio del Seicento, le guerre di Luigi XIV all’inizio del Settecento, le guerre napoleoniche tra Settecento e Ottocento, le due guerre mondiali nella prima metà del Novecento.

  • 2 Hintze, 1970: 53.

4In un senso meno scontato, poi, la guerra —e la possibilità e il timore della guerra— ha operato come il costante e paradossale meccanismo regolatore dell’ordine europeo: selezionando prima di tutto gli attori destinati a sopravvivere, e cancellandone altri persino fra i maggiori protagonisti dell’età precedente (come il ducato di Borgogna nella seconda metà del Quattrocento, la repubblica di Venezia alla fine del Settecento e gli imperi asburgico e ottomano all’inizio del Novecento); modellando almeno in parte la stessa costituzione politica ed economica interna degli Stati sopravvissuti, almeno nel senso sottolineato da Otto Hintze che «ogni costituzione statale è originariamente una costituzione per la guerra, una costituzione militare»2; definendo e ridefinendo i confini tra gli Stati e le rispettive sfere di influenza, insieme alla gerarchia più comprensiva del potere e del prestigio internazionale; dettando, con questa gerarchia, gli standard di normalità politica, economica e ideologica del dopoguerra, insieme alla lingua franca chiamata a farli circolare fra le élite e, nell’ultimo secolo, le masse subordinate; più in generale, operando come fonte dell’ordinamento politico e giuridico successivo, come nelle grandi imprese costituenti del Congresso di Vienna nel 1815, del Covenant della Società delle Nazioni nel 1919 e della Carta delle Nazioni Unite nel 1945.

  • 3 Jones, 1984; Kennedy, 1989: 35-71.
  • 4 Bouthoul, 1982: 473.

5Ma costitutiva la guerra lo è stata non soltanto all’interno dell’Europa, ma anche nei rapporti tra Europa e Mondo. Dall’inizio del Seicento alla metà del Novecento, cioè nell’epoca in cui si andava strutturando l’architettura globale del sistema internazionale, l’Europa conservò saldamente il titolo di campione mondiale della guerra, un «continente di ferro», appunto, definitivamente forgiato dal «secolo di ferro» seicentesco. Proprio l’assenza di una autorità comune si rivelò, contrariamente a quello che ci suggerisce la cultura politica e giuridica dell’ultimo secolo, uno dei suoi più formidabili vantaggi competitivi3. La dispersione del potere fece sì che nessuna autorità centrale potesse mai imporre a tutto il sistema una decisione e, a maggior ragione, una decisione contraria al mutamento. Contrariamente a quanto avveniva negli spazi unitari e centralizzati che si erano consolidati in Cina, in India, in Giappone e in Russia agli albori dell’espansione europea, il pluralismo degli stati offrì anzi un incentivo continuo al miglioramento delle capacità politiche, economiche e, in ultima istanza, militari degli attori. Mentre, a propria volta, questo gioco competitivo portò gli stati europei ad acquisire un primato sempre più schiacciante nei confronti delle altre civiltà e degli altri centri di potere, fino a trasformare il tipo stesso della guerra coloniale in una «spedizione senza rischio»4.

6La globalizzazione del sistema internazionale è stata, tra le altre cose, il prodotto di questo squilibrio militare, destinato a riservare all’Europa almeno tre forme di centralità. Tanto per cominciare, una centralità di iniziativa: mentre l’Europa acquisiva la capacità di proiettarsi militarmente nelle altre aree regionali, gli attori extra-europei perdevano —con l’arretramento dell’impero ottomano— la capacità di proiettarsi in Europa. In questo senso, l’Europa poté operare come centro di irradiazione dei conflitti, sia nella forma delle spedizioni coloniali sia in quella dei grandi conflitti mondiali dell’età moderna e contemporanea, dalla guerra dei sette anni tra il 1756 e il 1763 alle due guerre mondiali del Novecento. L’orizzonte mondiale di queste guerre restò sempre, infatti, il prodotto dell’irradiazione di protagonisti e antagonismi specificamente europei mentre, non a caso, il fronte europeo conservò un indubbio primato rispetto a tutti gli altri.

7La seconda forma di centralità è un sottoprodotto della precedente. Persino una volta che le due guerre mondiali l’ebbero detronizzata da centro del mondo, l’Europa riuscì a conservare una sorta di centralità capovolta rispetto al passato, di oggetto invece che di soggetto delle vicende dominanti. Nella geopolitica globale della guerra fredda, l’Europa rimase pur sempre il fronte principale, cioè il luogo nel quale si sarebbe combattuta, in caso di guerra, la battaglia decisiva e nel quale, nel frattempo, non se ne poteva combattere nessuna. Mentre, grazie a ciò, essa poté continuare a percepirsi e a essere percepita come uno spazio separato e, sebbene non più come protagonista ma come posta in gioco, più importante degli altri.

8Infine, questa secolare centralità materiale era destinata a lasciare la propria impronta anche sulla riflessione strategica, politica e giuridica attorno alla guerra. Il nostro modello normativo di che cosa è o, almeno, dovrebbe essere una guerra resta, infatti, il paradigma europeo della guerra interstatale: un paradigma storicamente e geograficamente eccezionale, maturato in Europa solo a partire dal sedicesimo e diciassettesimo secolo e inoperante almeno fino alla metà del ventesimo beyond the line dell’Occidente prima europeo e poi euro-americano. Sebbene sfidato e in buona parte già eroso dalla proliferazione di guerre irriducibili alle sue regole (dalla resistenza partigiana durante la Seconda guerra mondiale alle lotte di liberazione anticoloniale alle guerre del Vietnam e dell’Afghanistan), questo paradigma è ancora in grado di dettare le coordinate del discorso globale sulla pace e sulla guerra. Come ha notato uno dei maggiori storici militari britannici,

  • 5 Howard, 2002: 17.

sulla pace e sul modo di instaurarla noi pensiamo ancora in termini che risalgono all’Illuminismo europeo e che da allora non sono cambiati quasi per nulla; sulla guerra utilizziamo le categorie elaborate da Clausewitz, come pure dalla pratica occidentale nel corso degli ultimi cinquecento anni; e sulla relazione tra pace e guerra ragioniamo in termini che vanno rintracciati nell’insegnamento delle chiese cristiane così come si è svolto da duemila anni a questa parte e nella tradizione giuridica occidentale degli ultimi quattrocento anni. Nessun altro contributo, vuoi classico o europeo, è stato così profondamente interiorizzato che pochissimi di noi —temo— sono consapevoli della sua stessa esistenza5.

1.2. La «lunga pace» e la retorica dell’anacronismo della guerra

  • 6 Bobbio, 1979: 60.
  • 7 Citato in Bonanate, 1998: 102.

9Che cosa resta, allora, di questo lungo matrimonio dell’Europa con la guerra? A sentire la nostra cultura politica e giuridica, niente o quasi niente. Dopo la catastrofe inaudita delle due guerre mondiali, la guerra sarebbe diventata, almeno in Europa, sostanzialmente impensabile: sul terreno culturale e psicologico, in seguito alla diffusione di una cultura di massa pacifista incline a vedere nella guerra un crimine, una malattia e, dal punto di vista dello «sviluppo» politico, una manifestazione di immaturità o primitivismo; sul terreno politico e strategico, per l’apparente estraneità della guerra nucleare a «ogni possibile criterio di legittimazione e di legalizzazione», vista la sua natura «incontrollata e incontrollabile dal diritto», paragonabile a quella di «un terremoto o [di] una tempesta»6; e sullo stesso terreno giuridico, infine, dopo la recezione nella carta delle Nazioni Unite (e in diverse Costituzioni post-belliche, compresa quella italiana) della prospettiva kantiana e poi kelseniana del divieto della guerra, cioè del principio per il quale «la guerra è permessa solo come una reazione ad un torto sofferto —vale a dire, come una sanzione— e che ogni guerra che non ha questo carattere è un delitto, cioè una violazione del diritto internazionale»7.

  • 8 Deutsch, 1957.

10Dalla fine della guerra di Corea a oggi, poi, questa impensabilità della guerra ha trovato apparente conferma nella scomparsa della guerra diretta fra le principali potenze. Questo vale per il sistema internazionale nel suo complesso, cioè per le relazioni reciproche di Stati Uniti e Cina, Cina e Russia, Russia e Stati Uniti e così via. Ma questo vale prima di tutto proprio per il continente europeo che, da terreno tradizionale di conflitto, si è andato trasformando in una esemplare «comunità di sicurezza»8, all’interno della quale tutti i principali stati si sono abituati a escludere l’eventualità dell’uso della forza nei loro rapporti reciproci. Tanto che proprio l’impensabilità della guerra generale tra grandi potenze sembra costituire la discontinuità più promettente tra il mondo attuale e quello degli inizi del secolo scorso, quando, al contrario, l’aspettativa di una prossima guerra era tanto pervasiva da plasmare completamente tanto i piani di riarmo, quanto la pianificazione strategica quanto, sul versante diplomatico, la politica delle alleanze di tutte le principali potenze.

  • 9 Van Creveld, 2006: 97.
  • 10 Mandelbaum, 1998-99; Kaysen, 1990.
  • 11 Kaysen, 1990: 54-56; Liberman, 1996.

11Resta da stabilire, piuttosto, se e quanto questa obsolescenza della guerra diretta fra grandi potenze costituisca —come sostengono i più ottimisti— un mutamento epocale nella natura della politica internazionale o soltanto una fase reversibile nella oscillazione ciclica fra pace e guerra. I sostenitori della prima tesi possono far leva, prima di tutto, sulla spettacolare alterazione dei rapporti fra costi e benefici della guerra. Se, infatti, la «guerra di materiali» del Novecento aveva già innalzato in modo inaccettabile i costi umani e materiali della guerra, l’avvento dell’«arma assoluta» nucleare avrebbe portato una volta per tutte la guerra alle soglie dell’impensabilità, spezzando il nesso tra vittoria e sopravvivenza9 e spostando, se mai, la riflessione teorica e strategica sul tema della dissuasione reciproca. Non solo: mentre, in passato, l’aspettativa di patire costi anche molto alti poteva almeno essere compensata da quella di ottenere, in caso di vittoria, vantaggi ancora maggiori, oggi la guerra tra grandi potenze si rivelerebbe allo stesso tempo sempre più costosa e sempre meno vantaggiosa10, a causa di fattori quali la perdita di valore dell’appropriazione territoriale o la difficoltà stessa di controllare i territori occupati, per effetto dell’aumento della volontà e della capacità di resistenza delle popolazioni11.

  • 12 Wallensteen, 1984.
  • 13 Holsti, 2006: 141-145; Mueller, 2007: 66-67; Spruyt, 2006: 185-206.
  • 14 Zacher, 2001.

12Altri fautori dell’obsolescenza della guerra puntano il dito sull’evoluzione complessiva dell’ordinamento giuridico internazionale dalla seconda metà del Novecento a oggi12. Innovando radicalmente rispetto al diritto internazionale precedente (europeo o classico o vestfaliano), due trasformazioni in particolare avrebbero contribuito a delegittimare la guerra, incrinandone nella stessa misura la razionalità strategica. La prima, che aumenta a propria volta i costi del ricorso alla guerra, è il divieto esplicito contenuto nella Carta delle Nazioni Unite. Trasformando la guerra in un illecito internazionale, tale divieto ha alzato il prezzo diplomatico del ricorso a essa incoraggiando, se mai, i potenziali violatori a nascondere la violazione dietro una spericolata (ma, a propria volta, costosa) batteria di travestimenti, eufemismi, ipocrisie e giustificazioni. L’altra trasformazione, diretta ad annullare il più tradizionale vantaggio associato al ricorso all’uso della forza, è il divieto della conquista territoriale13. Tanto più che, a differenza che nel caso di prima, qui la violazione è molto più difficile da nascondere o travestire, come prova la sorprendente efficacia della norma nel corso del tempo14 e come conferma —almeno in Europa— l’altissimo prezzo diplomatico pagato dalla Turchia per l’invasione di Cipro del 1974 e dalla Russia per l’annessione della Crimea del 2014.

  • 15 Mueller, 1989: 219.
  • 16 Ivi: 11.
  • 17 Mueller, 2006: 65-66.
  • 18 Mueller, 1989: 9-12.
  • 19 Ivi: 19-21.

13I più ottimisti, infine, allargano la prospettiva al mutamento ancora più comprensivo degli orientamenti culturali e psicologici verso la violenza, fino a sostenere che la guerra sia diventata non tanto svantaggiosa, quanto «sub-razionalmente impensabile e, quindi, obsoleta» (subrationally unthinkable and therefore obsolescent)15: una opzione «indesiderabile, persino ridicola»16, che non può neppure essere oggetto di calcolo in quanto appare sin dal principio inconcepibile o assurda. Diversi fattori avrebbero concorso a questo esito, almeno nell’ambito di «paesi sviluppati» quali quelli europei: la lezione durissima delle due guerre mondiali; il lento ma inarrestabile ripiegamento dell’intensità ideologica, inaugurato dalla progressiva socializzazione dell’Unione Sovietica e giunto a compimento con la fine del bipolarismo; il cambiamento dell’attitudine stessa verso la violenza, espressa in una repulsione sempre più diffusa nei confronti dell’omicidio e, insieme a essa, nel rifiuto di pratiche considerate accettabili o addirittura onorevoli in passato, dal linciaggio alla faida alla stessa pena di morte17. La parabola storica della guerra non farebbe che ripercorrere, in sostanza, quella di altre istituzioni secolari come la schiavitù e il duello precipitate, a un certo punto della storia, nell’anacronismo18. Dapprima l’istituzione, da scontata che era, diventa imbarazzante e, quindi, meritevole di una messe sempre più ampia di giustificazioni e ipocrisie; più tardi alcuni soggetti trovano il coraggio di ripudiarla, anche a costo di ritirarsi dal gioco delle grandi potenze —quello che Mueller definisce «olandesizzazione» (Hollandization), con riferimento alla scelta dei Paesi Bassi dopo il 171319; infine, questo ripudio si generalizza, fino ad abbracciare anche i soggetti che, in passato, si erano immedesimati più a fondo con l’istituzione in declino— come la Germania e il Giappone dopo il 1945.

1.3. La violenza sotto la cenere

  • 20 Waltz, 1987.
  • 21 Mearsheimer, 1990; Waltz, 1993; 2000.

14La retorica dell’anacronismo della guerra è sempre stata vulnerabile, tuttavia, ad almeno tre argomenti, che sembrano diventare via via più forti mano a mano che ci si allontana dalla pace armata della guerra fredda. Il primo e più diffuso è quello di chi non nega che una drastica diminuzione del fenomeno-guerra abbia avuto luogo in Europa negli ultimi settant’anni, ma sostiene che esistano modi migliori (e, soprattutto, per niente inediti) di spiegarla. È la posizione abbracciata, nella teoria contemporanea delle Relazioni Internazionali, dagli studiosi di orientamento realista e neorealista. Tra il 1945 e il 1990, in particolare, la presunta obsolescenza della guerra non sarebbe stata altro che un prodotto dell’eccezionale semplicità delle relazioni in un sistema bipolare20. In un senso, il bipolarismo avrebbe generato forti pressioni moderatrici sulle due superpotenze, dettate dal rischio dell’escalation di qualunque conflitto parziale in un unico e distruttivo conflitto globale. Nell’altro senso, il bipolarismo avrebbe reso del tutto impensabile la guerra all’interno di ciascuno dei due blocchi, non per qualche maturazione ideologica e istituzionale delle parti (secondo l’interpretazione offerta per l’Europa occidentale dalla teoria della pace democratica) ma per la consueta, ferrea relazione tra coesione interna e polarizzazione esterna. Con la fine del bipolarismo, invece, questa «vacanza dalla storia» sarebbe condannata a lasciare spazio, anche in Europa, a un «ritorno al futuro» della competizione fra grandi potenze21, le cui prime tracce sarebbero già rinvenibili nella crescente militarizzazione dei rapporti tra Nato e Russia, oltre che nella guerra ibrida tra Russia e Ucraina e negli incidenti tra Russia e Turchia.

  • 22 Wallensteen, 2006: 82-83.
  • 23 Van Creveld, 1991.
  • 24 Kaldor, 1999; Van Creveld, 1991: 192-223.

15Il secondo argomento fa leva, invece che sulla natura del sistema internazionale, sulla natura della guerra. Dalla sua prospettiva, la tesi dell’anacronismo della guerra non farebbe che scambiare per fine della guerra quella che, in realtà, è solo la fine di un suo tipo determinato; in altre parole, ipostatizzerebbe quale mutamento epocale quella che, in realtà, è solo una delle periodiche trasformazioni della guerra. Non solo: da una prospettiva storica di lungo periodo, a risultare anomala non sarebbe tanto l’attuale fase di presunto declino quanto, piuttosto, la parentesi «prussiana»22 o «clausewitziana»23 delle guerre combattute tra il 1870 e il 1945 da grandi eserciti di massa, con enormi dotazioni di materiali e la «mobilitazione totale» delle rispettive società. Dietro l’apparente declino della guerra ci sarebbe, appunto, la fuoriuscita da questo modello storicamente eccezionale, e la transizione a «nuove guerre»24 che, oltre tutto, nuove in realtà non lo sono affatto: guerre civili e di frammentazione territoriale come quella jugoslava e quella ucraina, ma anche guerre di disegno imperiale —l’altro tipo storico più ricorrente della guerra, insieme a quella civile— come le spedizioni di «polizia internazionale», di «ingerenza umanitaria» o di «caccia» ai terroristi condotte dai principali Stati europei nei Balcani, sulla sponda sud del Mediterraneo e in Medio Oriente.

  • 25 Schmitt, 1972a.

16L’ultimo argomento, più radicale, lega direttamente il declino della guerra al declino dello Stato o, più precisamente, al suo andamento ineguale, quasi contraddittorio, meno pronunciato al momento sul terreno tecnico-burocratico che su quello più specificamente «politico» (nel senso schmittiano della capacità di dettare l’amico e il nemico)25. È l’interpretazione prefigurata, all’epoca della «guerra civile europea» del Novecento, da Carl Schmitt. Da un lato, lo stato rimane ciò che negli ultimi secoli è sempre stato: la più efficiente macchina per la guerra dell’arena internazionale, tanto per capacità militari quanto per capacità organizzative. Dall’altro lato, questa efficienza appare sempre meno «mobilitabile» politicamente, mano a mano che diminuisce la disponibilità dei cittadini a uccidere o morire in suo nome, senza che diminuisca necessariamente la disponibilità a uccidere o morire in nome di qualcun altro, come i partiti e i movimenti rivoluzionari o contro-rivoluzionari del Novecento.

17In questa impasse della violenza sta anche il seme di una nuova, possibile spiegazione del declino della guerra. Che non sarebbe più da ricercare in qualche crescente divaricazione tra costi e benefici né, tanto meno, in qualche «maturazione» del sistema internazionale, degli stati o dei singoli individui. Al contrario, il declino della guerra sarebbe soltanto il prodotto di una condizione paradossale e, quel che più conta, transitoria, nella quale i soggetti (gli stati) che dispongono di maggiori capacità di impiegare la violenza organizzata non sono più in grado di convogliare intensità politica, mentre i soggetti portatori di intensità politica non dispongono ancora delle capacità militari e organizzative per impiegare la violenza su vasta scala.

  • 26 Ivi: 122.

18In questo rovesciamento niente, neppure il pacifismo, conserverebbe il significato di prima. Invece che l’espressione di qualche diminuzione dell’attitudine individuale alla violenza, il pacifismo si rivelerebbe soltanto una manifestazione della crescente inadeguatezza degli stati a chiedere sacrifici (a cominciare dal sacrificio estremo) ai propri cittadini. Non una traccia di universalismo, anzi nella peggiore delle ipotesi proprio l’opposto: il prodotto del ripiegamento narcisistico in una dimensione «privata» incapace di concepire, insieme alla guerra, qualunque forma di impegno politico e, prima ancora, di identificazione super-individuale; o, in una variante più «politica», il prodotto della ricoperta di identità e antagonismi alternativi (sociali, religiosi, etno-culturali), magari non ancora abbastanza intensi da spezzare lo stato dall’interno, ma già abbastanza da svuotare ogni sua pretesa «eccessiva» di ubbidienza26.

  • 27 Schmitt, 1972b.
  • 28 Schmitt, 1981: 11.
  • 29 Huntington, 1993; 2000.

19Soprattutto, la fusione del declino della guerra con quello dello stato cambierebbe in modo radicale il senso storico del processo. Invece che un compimento, il declino della guerra segnerebbe soltanto uno stato di sospensione: una di quelle fasi di «neutralizzazione e spoliticizzazione» nelle quali forme, linguaggi e protagonisti dell’intensità politica del passato hanno perduto la propria presa, mentre non sono ancora comparsi quelli nuovi destinati a trasformare, presto o tardi, il terreno neutrale appena conquistato nel nuovo campo di battaglia27. Dietro il velo della pacificazione, il collasso dell’endiadi moderna tra stato e guerra preluderebbe in definitiva all’emergere di nuovi soggetti politici capaci —come il partigiano novecentesco— di restituire serietà alla politica legando «a sé i propri membri, in un modo così definitivo»28 quanto non riesce e non può più riuscire allo stato: nuovi partiti rivoluzionari, per esempio, o soggetti subnazionali, oppure le civiltà stesse prefigurate da Samuel Huntington29 quali future portatrici dell’intensità politica e della guerra.

2. Il ritorno della guerra in Europa e il camaleonte delle nuove guerre

20Resta il fatto che la fine della lunga pace bipolare ha già coinciso con un ritorno della guerra in Europa; ma un ritorno in tono minore e, in ogni caso, lontanissimo dall’esperienza moderna e contemporanea —per non parlare di quella catastrofica delle due guerre mondiali. Rispetto a questi precedenti storici, la posta in gioco delle guerre attuali non è più la lotta per l’egemonia tra le principali potenze del sistema internazionale, ma solo qualche posta secondaria tra potenze minori (come Armenia e Azerbaidjian), o tra una potenza maggiore e una potenza minore (come Russia e Georgia, Nato e Jugoslavia o Russia e Ucraina), oppure tra una potenza o coalizione di potenze e gruppi non statuali di natura criminale o terroristica (come la cosiddetta «guerra globale al terrore»). Le dimensioni spaziali non sono più quelle globali delle due guerre mondiali o quelle continentali delle guerre napoleoniche, ma si sono ristrette a una scala locale o, tutt’al più, sub-regionale come le guerre balcaniche degli anni novanta. Il grado di coinvolgimento delle società è sceso a livelli più prossimi a quelli delle guerre limitate del diciottesimo secolo (e di quelle coloniali del diciannovesimo) che ai livelli senza precedenti della mobilitazione totale del trentennio 1914-1945. Le strategie di legittimazione, infine, i linguaggi (compreso quello del diritto), la simbologia della guerra, sono passati dalle grandi narrazioni ideologiche del Novecento a una combinazione paradossale di richiami alla guerra giusta e di travestimenti della guerra.

21Soprattutto, i conflitti armati degli ultimi venticinque anni hanno mostrato un grado altissimo e continuamente crescente di eterogeneità. Se Clausewitz, pur rappresentando già la guerra come un «camaleonte», lo faceva pur sempre sullo sfondo della persistenza della guerra interstatale, oggi anche questo sfondo sembra essere sul punto di cedere, tanto da rendere la guerra quasi non rappresentabile— e, nella stessa misura, non regolabile.

2.1. Le guerre di frammentazione territoriale dalla Jugoslavia all’Ucraina

22Un primo tipo di guerre, anche in ordine di tempo, è quello che ha cominciato a diffondersi sin dall’inizio degli anni Novanta sulle rovine dell’Unione sovietica e della Federazione jugoslava: la guerra in Croazia e in Bosnia-Erzegovina tra il 1991 e il 1995, la guerra in Transnistria nel 1992, la guerra tra Armenia e Azerbaidijan tra il 1992 e il 1994, la guerra in Kosovo tra 1998 e 1999, la guerra tra Russia e Georgia nel 2008, la guerra in Ucraina orientale nel 2014.

23Di tutte le guerre del dopoguerra fredda, queste sono le uniche considerabili, in senso proprio, guerre infra-europee: perché tutte e le parti in causa appartengono al contesto regionale europeo; perché persino gli Stati Uniti, cioè l’unica potenza autenticamente globale dell’attuale contesto internazionale, vi sono intervenuti (militarmente, in Bosnia e in Kosovo, o diplomaticamente come in Ucraina) attraverso lo schermo di una istituzione di sicurezza primariamente europea quale la Nato; perché, soprattutto, la posta in gioco e l’esito finale di questi conflitti sarà la riorganizzazione geopolitica e istituzionale dell’Europa nel ventunesimo secolo.

  • 30 Kaldor, 2001: 107-128.

24Sebbene diverse per intensità e portata diplomatica, tutte queste guerre condividono le caratteristiche di quelle che, dall’inizio degli anni novanta, sono state designate come «nuove guerre». Le parti che si combattono appartengono a tipologie diverse (forze armate regolari o loro residui, gruppi paramilitari, unità di autodifesa, mercenari stranieri, contingenti internazionali) e non condividono, quindi, né la medesima struttura organizzativa, né qualche codice di comportamento comune né, tanto meno, una idea e una pratica di regolarità capace di socializzarle tutte a uno stesso modello. I contrassegni di riconoscimento, quando anche ci sono, non rispondono più a un codice di simboli condiviso (gradi, mostrine ecc.), anzi sono spesso degradati —come è avvenuto recentemente in Ucraina— al livello di camouflage, se non di semplice mascherata: uniformi private delle mostrine, colonne corazzate senza insegne, gradi propri degli eserciti regolari distribuiti all’interno di bande di irregolari. L’esercizio permanente e il sistema di sanzioni e di vigilanze gerarchiche propri degli eserciti regolari del passato cedono spesso il passo a una raccolta disordinata di volontari, avventurieri, foreign fighters, poco addestrati e ancora meno «inquadrati» in qualche organizzazione disciplinata comune. L’economia centralizzata, totalizzante e autarchica propria delle «vecchie guerre» è sostituita da una economia di guerra decentralizzata, con una bassa partecipazione al conflitto, un’altissima disoccupazione e una forte dipendenza dall’esterno (gruppi della diaspora, «tassazione» dell’assistenza umanitaria, sostegno da governi amici, traffici illegali)30. La struttura stessa delle forze in campo passa dal modello gerarchico e centralizzato proprio non soltanto degli eserciti statuali ma anche dell’esercito partigiano di Mao a un modello altamente decentralizzato, articolato per piccoli gruppi indipendenti spesso eterogenei a propria volta tra loro o, nel caso dei principali eserciti statuali, per piccole unità di forze speciali coordinate con miliziani locali o compagnie di sicurezza private. Non casualmente, insieme alla coerenza e all’efficacia della catena di comando si indebolisce anche la tenuta generale della disciplina, favorendo la destrutturazione del conflitto armato in una guerra per bande, inclini a iniziative autonome, politicamente irresponsabili e, non di rado, criminali.

25Questa morfologia superficiale rispecchia tutti i principali caratteri delle cosiddette «nuove guerre». Il primo e più fondamentale è il cedimento del monopolio statuale sulla guerra, caduto vittima di pretese di nuovo tipo, caratterizzate (come in ogni fase genetica) da una fortissima conflittualità verso l’esterno e capaci di introdurre nuove contrapposizioni e nuovi raggruppamenti indifferenti alla contrapposizione (cittadino/straniero) propria dell’ordinamento statuale, governati da principi diversi (territorialità/non territorialità; esclusività/inclusività; obbligazione politica/contratto) e non necessariamente chiusi l’uno nei confronti degli altri.

  • 31 Tilly, 1993: 19.

26Il secondo tratto distintivo è la ricaduta spaziale del precedente: la mancanza di demarcazioni nette tra territori «pubblici» e domini «privati», e tra sfera «interna» e sfera «esterna». Come le situazioni rivoluzionarie, anche quelle di frammentazione territoriale comportano «una sovranità multipla»31 e, nella rappresentazione cartografica, una geografia caotica, a macchie di leopardo. In un senso, poiché si moltiplicano i casi in cui i governi «nazionali» sono costretti a negoziare su un piede di parità con soggetti substatali all’interno del proprio territorio, magari con la partecipazione o sotto l’auspicio di potenze esterne. Nell’altro senso, poiché diventa sempre più difficile arginare i fenomeni di aggiramento dei confini da parte di soggetti statali o sub-statali (movimenti politici, etnici, religiosi), i quali, dopo avere eroso dall’interno il vincolo di cittadinanza, cercano di stabilire (e spesso stabiliscono) rapporti diretti tra loro o con altri stati.

27A ciò si collega un terzo tratto distintivo, lontano anche questo dal carattere temporalmente e spazialmente conchiuso delle guerre interstatali. Collegate come sono alla proliferazione di failing o failed states (gli Stati falliti o in via di fallimento), le nuove guerre possiedono una fortissima capacità contaminante sugli spazi circostanti, a partire da quelli limitrofi. Anzi, come altrettanti «buchi neri», esse tendono a risucchiare anche le potenze esterne nelle propri dinamiche ormai solo nominalmente interne, secondo un movimento a spirale perfettamente esemplificato dalla frammentazione della Jugoslavia negli anni Novanta del secolo scorso e già in parte in atto anche attorno alla guerra ucraina, almeno in termini di sostegno diplomatico, economico e militare delle parti in causa e degli Stati vicini più coinvolti.

28Ad aggravare gli effetti di questa capacità contaminante contribuisce, infine, la logica corrosiva delle nuove guerre, capace di minare tutte le divisioni di ruolo e di rango tra gli attori fino a «degradare» persino le grandi e le medie potenze allo stesso livello (se non a un livello più basso) dei gruppi locali. La cesura, costitutiva dell’ordine internazionale, tra il «piccolo numero» delle grandi potenze e tutti gli altri attori cede il posto a un gioco di contrattazioni, promesse e deleghe, nel quale può accadere (e accade sempre più spesso) che attori minori come l’UCK in Kosovo riescano a strappare un prezzo di partecipazione spropositato agli attori maggiori, fino a imporre la propria agenda o a costringere gli altri a una rincorsa senza fine.

2.2. Guerra a distanza e guerra giusta. La violenza ineffabile della Venere democratica

  • 32 Mueller, 2007: 116.
  • 33 Ivi: 85-116.
  • 34 Mueller, 2003: 507.

29Guerre di frammentazione quali quelle nella ex Jugoslavia e in Ucraina, tuttavia, si prestano ancora a essere liquidate —come fa, non a caso, larga parte dell’informazione e come non esitano a fare anche diversi studiosi— come un residuo anacronistico («distruttivo», «criminale» e «patetico» allo stesso tempo)32, confinato alle periferie dell’Europa politicamente ed economicamente «sviluppata» e riservato a frazioni a propria volta marginali e devianti delle rispettive società33: non guerre in senso proprio, anzi, bensì «attività predatorie quasi opportunistiche condotte da gruppi spesso molto piccoli di criminali, banditi e teppisti»34.

30Sennonché non si può dire che, nel frattempo, la propensione alla guerra abbia risparmiato gli Stati democratici e, perché no, le loro opinioni pubbliche. Tutto al contrario: se non si vuole restare aggrappati a ogni costo al nesso pace-democrazia, occorre riconoscere che proprio gli Stati democratici (a cominciare dagli Stati Uniti) sono stati i protagonisti assoluti della guerra nel sistema internazionale post-bipolare. Dal 1990 a oggi, pur continuando a non farsi la guerra tra loro in Europa, gli stessi Stati democratici europei hanno continuato a condurre operazioni militari sia alla periferia dell’Europa comunitaria sia, ancora più spesso, al di fuori del continente europeo: nel 1991 in Iraq, tra il 1992 e il 1993 in Somalia, nel 1994-95 in Bosnia, nel 1999 in Kosovo, dal 2003 ancora in Iraq e in Afghanistan, nel 2011 in Libia, dal 2014 in Siria. L’uso della forza è tornato a essere una opzione normale nella conduzione delle politiche estere, anche in paesi che vi avevano sostanzialmente rinunciato all’indomani della Seconda guerra mondiale come Italia e Germania. Mentre, anche in queste settimane, la chiamata alla mobilitazione militare contro l’Isis non incontra opposizioni significative in nessuno dei principali paesi europei, indifferentemente dalla tradizionale distinzione tra destra e sinistra.

  • 35 Elshtain, 1992: 64.

31Qui l’eccezione rispetto al presunto anacronismo della guerra appare già più significativa. E solleva, oltre tutto, questioni politicamente e culturalmente spinose: come è possibile conciliare questa rinnovata propensione all’uso della forza con la tenuta di una cultura di massa pacifista? Se è vero che una cultura pacifista dovrebbe iniziare almeno con una petizione di principio contro l’uso della forza, allora l’eccezione dovrebbe superare almeno qualcosa di simile a un imbarazzo morale, e non dovrebbe poterlo fare senza scuotere la personalità stessa di chi affronta il dilemma. A maggior ragione, questo dovrebbe valere proprio per quelle guerre che si arriva a dichiarare «giuste». «I principi della guerra giusta», ammonisce Jean Bethke Elshtain35, «non dovrebbero mai tranquillizzare; dovrebbero sempre allarmare e inquietare».

32Niente di simile è avvenuto, al contrario, nelle condizioni concrete in cui hanno operato le democrazie liberali dall’inizio del ventunesimo secolo. La rilegittimazione dell’uso della forza non ha implicato qualche (dura) assunzione di responsabilità da parte delle élite politiche e intellettuali o delle opinioni pubbliche. Al contrario, favorite da un processo di distanziamento culturale e psicologico dall’esperienza della violenza, le operazioni militari sono avvenute per lo più nella totale indifferenza delle masse e degli stessi Parlamenti, e nell’assenza di grandi movimenti collettivi contro la guerra anche lontanamente paragonabili a quelli del Novecento. La Venere democratica, si potrebbe dire, si è riconciliata con Marte, ma a condizione di non farsi raccontare quasi niente di quello che Marte fa lontano da casa.

  • 36 Colombo, 2006.
  • 37 Clausewitz, 1990: 130.
  • 38 Foucault, 1976: 220-221.

33Una prima potentissima condizione di questa «presa di distanza» sta già nell’abissale superiorità della quale le democrazie godono nei confronti dei propri nemici36. La consapevolezza di questa superiorità tende sin dall’inizio a togliere serietà alla decisione di ricorrere alla guerra, sostituendo alla dimensione clausewitziana dell’azzardo la certezza dell’impunità. A differenza che nelle guerre del recente passato —e con la significativa eccezione, non casualmente, delle guerre coloniali— l’avversario non è più in condizione di imporre la propria volontà ma, immobilizzato dall’air power e dalla guerra elettronica, si trasforma in «un oggetto vivente ma passivo, senza reazione»37: un oggetto con il quale la guerra può finalmente trasformarsi in un gioco a costo zero (come il bombardamento della Nato contro la Jugoslavia nel 1999 e quello contro la Libia nel 2011) o, almeno, in un gioco eccezionalmente parsimonioso se confrontato con i costi del nemico (quale resta, dietro i toni apocalittici della minaccia terroristica, la stessa guerra globale al terrore). Al riparo di questo squilibrio, la guerra ad alta tecnologia —come nel Panopticon di Foucault— può persino permettersi di figurare e legittimarsi come «lieve», ma solo in virtù della garanzia di «una perpetua vittoria che evita ogni scontro fisico e che è sempre giocata in anticipo»38.

  • 39 Baudrillard, 2011.
  • 40 Ivi: 47.

34Questa pretesa di leggerezza è rafforzata e, per molti versi, completata da una seconda condizione permissiva, non più sul terreno del potere ma direttamente sul terreno spaziale. Tutto, nelle guerre «umanitarie» e «chirurgiche» degli ultimi venticinque anni, è predisposto perché la violenza non disturbi il corso normale (e pacifico) delle cose, cioè rapporti umani, scambi economici, consumi, persino turismo, anzi perché dia loro persino qualche nuova opportunità, come nel voyeurismo del dark tourism o di certe «esperienze» ed esibizioni umanitarie. A garantire il confinamento provvede, prima di tutto, la concezione e la pratica della «guerra a distanza» o, appunto, «lontano da casa», assicurata dalla riorganizzazione delle forze armate dai grandi eserciti stanziali ai corpi di spedizione, dall’impiego di missili di crociera in grado di colpire da migliaia di chilometri di distanza, e persino dalla smaterializzazione della violenza contenuta (e celebrata) nei filmati ripresi dalle bombe «intelligenti» e dai droni ed esibiti dai responsabili politici e militari dei paesi più forti a testimonianza della precisione dei bombardamenti. Sebbene l’effetto distruttivo del bombardamento non sia nascosto, anzi sia riprodotto fino all’ultimo dettaglio, questa riproduzione avviene in una forma esacerbata e trasparente che, invece di aggiungere realtà, gliela toglie. È il «più vero del vero» di Baudrillard39, la simulazione come prodotto del cedimento della realtà non a vantaggio dell’immaginario, ma dell’iperreale: «Ovunque il virus del potenziamento e della myse en abyme trionfa, ci trasporta verso un’estasi che è anche quella dell’indifferenza»40.

35A questa asimmetria geopolitica si aggiungono le misure diplomatiche e militari preordinatamente dirette a mantenere a distanza la violenza, garantendo di colpire senza poter essere colpiti, di fare scorrerie senza poterne subire, di tenere sotto controllo senza poter essere controllati: il rafforzamento delle misure dirette a «santuarizzare» il proprio territorio, come l’irrigidimento del controllo sui confini esterni dell’Unione Europea, il congelamento della libera circolazione al suo interno e il complesso delle misure anti-terrorismo; la predisposizione di forze di reazione rapida in grado di proiettare la potenza a distanze sempre più ampie e in tempi sempre più rapidi; l’orientamento corrispondente a spostare lo scontro lontano da casa, attraverso la cooperazione anche militare con Stati o milizie locali alleate (come l’UCK in Kosovo, le milizie anti-Gheddafi in Libia e, oggi, i peshmerga curdi in Siria) e, in ultima istanza, il ricorso preventivo all’uso della forza, preferibilmente attraverso l’impiego del solo air power.

  • 41 Finer, 1984.

36Infine, a perfezionare questa presa di distanza provvede la «smobilitazione totale» delle società occidentali, assicurata dalla trasformazione non casuale dei format militari41. Le dimensioni delle forze armate europee e americane sono diminuite fino a livelli precedenti a quelli del Novecento. Il passaggio, avvenuto in modo graduale negli Stati Uniti e in tutti i paesi del continente europeo, dalla coscrizione obbligatoria agli eserciti di professionisti, ha aumentato la separatezza tra le istituzioni militari e i rispettivi contesti sociali, circoscrivendo nuovamente (come era prima delle guerre totali del Novecento) l’esperienza del rischio e della morte. Allo stesso tempo, non ha cessato di crescere la tendenza —più diffusa, non a caso, proprio nei paesi che ricorrono con maggiore frequenza all’uso della forza, Stati Uniti e Gran Bretagna— ad appaltare funzioni tradizionalmente affidate agli eserciti regolari (comprese diverse missioni di combattimento) a compagnie private o, ancora meglio, a strumenti tecnologici perfettamente disumanizzati come i droni.

  • 42 Walzer, 2004: 5-24.

37Ma il vero e proprio segreto della conciliazione tra pacifismo teorico e militarismo pratico si trova sul terreno del linguaggio o, più precisamente, delle strategie di legittimazione. Oltre a non essere dichiarate, le guerre democratiche sono state trasfigurate, attraverso il richiamo alla giustizia, in pure e semplici sanzioni collettive, operazioni di polizia internazionale, strumenti per il mantenimento della pace, come negli interventi «umanitari» contro la Jugoslavia nel 1999 e contro la Libia nel 2011, ma anche nella narrativa della cosiddetta «guerra globale al terrore» dal 2001 a oggi. È quello che Michael Walzer è arrivato a definire il «trionfo della guerra giusta»42, intendendo con ciò non soltanto il recupero di una tradizione a lungo eclissata nella politica e nel diritto moderno —quella della guerra giusta, appunto— ma anche il ritorno della pratica della guerra nella politica estera degli Stati Uniti e dei paesi europei.

38In questa apparente reviviscenza, il richiamo alla giustizia non è più impiegato per distinguere guerre giuste e guerre ingiuste ma, invece, per stemperare o nascondere del tutto il riferimento esplicito alla guerra. Tanto che, si potrebbe dire, oggi la guerra può figurare tanto meno come guerra quanto più si presenta come giusta. È il paradosso messo in luce già settant’anni fa da Carl Schmitt. Nella misura in cui

  • 43 Schmitt, 1991: 138.

la guerra diviene azione penale nel senso del moderno diritto criminale [...] l’azione contro [il nemico] è tanto poco guerra quanto lo è l’azione della polizia statale contro un gangster: è semplice esecuzione e infine —in seguito alla moderna trasformazione del diritto penale in disinfestazione sociale— soltanto provvedimento contro un elemento nocivo o di disturbo, contro un perturbateur, che può essere reso innocuo ricorrendo a tutti i mezzi della tecnica moderna, ad esempio mediante un police bombing. La guerra è così eliminata, ma solo perché i nemici non si riconoscono più reciprocamente sul medesimo piano morale e giuridico43.

39In questa deriva eufemistica, il richiamo alla giustizia si presta a placare fino in fondo l’effetto perturbante della parola «guerra». In una situazione storica nella quale le guerre possono (o, meglio, devono) non essere nominate, ricorrere alla guerra non richiede più neppure quell’assunzione minima di responsabilità che consiste nel riconoscere almeno che lo si sta facendo. Anzi, la combinazione tra il minimo dei rischi e il massimo del narcisismo etico fa piazza pulita di ogni freno inibitorio. Da un lato, il ricorso all’uso della forza è legittimato in nome di valori dichiarati irrinunciabili, come il rispetto dei diritti umani, la promozione della democrazia o la difesa della civiltà contro la barbarie e il fanatismo; dall’altro lato, chi rivendica l’irrinunciabilità di questi diritti sa fin dal principio di non dovere mettere in gioco, per difenderli, né la propria vita né il proprio benessere (e si può facilmente illudere sul fatto che non siano messi in gioco neppure la vita e il benessere degli altri). La rilegittimazione della guerra contenuta in espressioni quali peace enforcing, peace making o ingerenza umanitaria deve la propria forza al fatto di collocarsi a metà strada tra etica e irresponsabilità; la prima dà una maschera alla seconda e la seconda toglie serietà alla prima.

2.3. Dal confinamento alla contaminazione. Il terrorismo e il ritorno della guerra in casa

40Questa simbiosi tra ri-militarizzazione e distanziamento della violenza rischia di cronicizzare anche il terzo tipo di guerra che ha investito l’Europa nel dopoguerra fredda: l’incursione terroristica del tipo di quelle già avvenute a Madrid nel 2004, a Londra nel 2005 e a Parigi nel 2015.

  • 44 Citato in Kepel, 2006: 241-242.

41Nonostante l’insistenza con la quale politici, commentatori e persino studiosi si ostinano ad affermare il contrario, gli attacchi terroristici hanno un rapporto quasi perfettamente speculare con la pratica della guerra distanza. Intanto, essi ne capovolgono per così dire il disegno geografico: mentre le spedizioni in Iraq, in Afghanistan, in Libia e in Siria procedono dall’Europa (e dall’America) verso le aree di intervento, l’attacco terroristico procede a ritroso dalle aree d’intervento verso l’Europa (e l’America). «Per questo» scrive l’ideologo di Al-Qaeda, Ayman Al-Zawahiri, «dobbiamo spostare il combattimento nel campo del nemico, per bruciare le mani a quelli che accendono il fuoco da noi»44.

42In questo riorientamento è implicita una brutale redistribuzione della vulnerabilità. Sebbene tanto all’indomani dell’11 settembre 2001 quanto all’indomani degli attacchi a Parigi del 2015 governi e intellettuali abbiano fatto a gara nell’imputare la minaccia e l’uso del terrore a puro e semplice fanatismo, rivolto non contro le intenzioni o le scelte del nemico bensì contro i suoi principi e il suo modo di vivere, il rapporto con le politiche (e le guerre) dei paesi oggetto degli attacchi non è mai assente nelle strategie di legittimazione dei terroristi. Come recitava il messaggio di rivendicazione dell’attacco a Londra, solo due anni dopo l’invasione anglo-americana dell’Iraq, «è tempo per noi di essere uguali, come voi uccidete noi, noi uccideremo voi. Come noi, anche voi sarete bombardati».

  • 45 Schelling, 1966: 1-34.

43Ma dove l’atto terroristico ha un rapporto più stretto con la guerra a distanza è proprio sul terreno della razionalità strategica. Per la stessa ragione per la quale gli attori più forti hanno un ovvio incentivo a perseguire una strategia di confinamento della violenza, cioè a tenere la guerra a distanza in modo da ritagliare per sé e per i propri cittadini uno spazio della normalità, i terroristi fanno irrompere la guerra in questo spazio in modo che la normalità non sia più possibile per nessuno. Il loro obiettivo è la contaminazione della violenza, che non incontra più neppure il vincolo di mezzi di distruzione irrisori e, anzi, può piegare a proprio vantaggio il mondo s-confinato della globalizzazione. Disancorato dalle regole novecentesche della seduzione ideologica, il terrorismo può tornare alla sua forma pura di «diplomazia della violenza»45: uno strumento degradato ma, nelle intenzioni, razionale, per alzare i costi della guerra a chi sembra disposto a sostenerla (o almeno a tollerarla) solo a condizione di non pagarne le conseguenze, anzi, se possibile: a condizione di non sentirne neppure parlare.

3. La guerra dopo la guerra

44I tre tipi di guerra che abbiamo appena visto sono eterogenei al massimo grado: nella natura dei protagonisti, nella forma dello scontro, nei linguaggi impiegati e nella localizzazione della violenza. Ma questo non toglie che essi condividano almeno un carattere politicamente e giuridicamente cruciale: l’estraneità all’apparato categoriale della politica e della guerra moderna, cioè proprio al tipo di guerra che siamo abituati a considerare «normale».

3.1. L’erosione di ogni standard di normalità

45Questo modello normativo valido, almeno in linea di principio, all’interno dell’Europa, sebbene mai nelle guerre coloniali contro i popoli extra-europei, era fondato essenzialmente su un principio di reciprocità —e non casualmente, vista l’omologia della guerra con le nozioni altrettanto reciproche di sovranità e territorialità. Già al livello più superficiale, le guerre interstatali europee erano guerre tra simili, cioè tra eserciti «regolari» strutturati secondo linee gerarchiche e ordinamenti paralleli (la distinzione orizzontale fra le tre armi principali— fanteria, artiglieria, cavalleria; quella verticale tra ufficiali e truppa; l’unità del reggimento) e accomunati da uno stesso codice comportamentale bellico, destinato a essere riversato nelle norme dello jus in bello.

46Una analoga reciprocità aveva luogo sul terreno dell’esperienza. Attraverso atti cerimoniali quali la dichiarazione di guerra —che non denotava, come noto, l’atto concreto del combattere, ma solo il passaggio a uno stato giuridico diverso da quello della pace— nessuna delle due parti poteva sentirsi in condizione di guerra senza che anche l’altra si sentisse nella stessa condizione. Tempo e spazio della guerra erano, per così dire, definiti in comune: grazie alla sua cornice cerimoniale, la guerra era una fenomeno discreto nel tempo e nello spazio, un hortus clausus chiaramente delimitato rispetto alla condizione altrettanto definita della pace, in modo che non ci potessero essere incertezze su quando e dove ci fosse guerra e quando e dove ci fosse pace.

  • 46 Clausewitz, 1990: 22-23.

47Infine, e soprattutto, la reciprocità riguardava la posizione di ciascuna parte rispetto all’altra. In senso materiale, essa comportava che ciascuna delle due parti avesse o, almeno, sperasse di avere il potere di imporre la propria volontà all’altra. La guerra, poteva scrivere Clausewitz, è una «azione reciproca; finché non abbiamo battuto l’avversario, dobbiamo tenere noi stessi di esserne abbattuti»46. In senso giuridico, poi, la reciprocità comportava che ciascuna delle due parti avesse non soltanto il potere ma anche il diritto di combattere e, potenzialmente, di vincere. È ciò che Carl Schmitt avrebbe riassunto, al tramonto di questa vicenda storica, nell’etichetta di «guerra non discriminante»:

  • 47 Schmitt, 1991: 166-167.

Ovviamente nel diritto internazionale sono permesse soltanto guerre giuste. Ma la giustizia della guerra ora non consiste più nella concordanza con determinati contenuti di norme teologiche, morali o giuridiche, bensì nella qualità istituzionale e strutturale di entità politiche che si muovono guerra su uno stesso piano e che, malgrado la guerra, non si considerano reciprocamente come traditori e criminali, ma come iusti hostes47.

48La presunta «novità» o, come altri la esprimono, l’anomalia della guerre contemporanee consiste, appunto, nella disgregazione di questo edificio-finzione. Tutte le guerre contemporanee, dalle guerre di frammentazione alle guerre a distanza alle incursioni terroristiche, sono per antonomasia non-reciproche. Le due o più parti in causa non si somigliano e, anzi, si guardano bene dall’aspirare a somigliarsi. L’esperienza della paura e della morte è distribuita in modo ineguale e, comunque, non sincronico: al posto dell’unità spazio-temporale della battaglia, ciascuna delle due parti attacca quando e dove l’altra non si aspetta di combattere anzi, se possibile, proprio quando e dove l’altra si sente in pace. Soprattutto, non c’è più traccia di reciprocità nella posizione di ciascuna parte rispetto all’altra. Sul terreno materiale, per l’abissale diseguaglianza di potere che separa quasi sempre i contendenti: la Nato e la Jugoslavia nel 1999, la Russia e la Georgia nel 2008, la Russia e l’Ucraina nel 2014, la coalizione internazionale e l’Isis oggi. Sul terreno giuridico e cerimoniale, poi, nessuno dei due contendenti è più disposto a riconoscere eguale legittimità all’altro. Con l’aggravante che il possesso di strumenti e abilità del tutto diverse e inconciliabili nel combattere rende impossibile anche concordare su quali forme di aggressione siano «lecite» o «onorevoli» o degne di «veri» combattenti.

49Il risultato di tutto ciò è, ancora una volta, una condizione paradossale. Da un lato resiste e, anzi, tende ad accentuarsi la condanna etico-giuridica della guerra illegittima (come quella terroristica); dall’altro, questa condanna è sbalzata dalle categorie politico-giuridiche che la rendevano concretamente praticabile. Che ci piaccia no, nell’attuale contesto storico non disponiamo più di una nozione condivisa di che cosa sia o di che cosa dovrebbe essere una guerra «normale» —col risultato di rendere persino surreale la contrapposizione tra guerra convenzionale e guerra non convenzionale alla quale, malgrado tutto, non sembriamo disposti a rinunciare.

3.2. Lo sprofondamento della pubblicità

  • 48 Questo paragrafo riprende considerazioni che, in forma più estesa, sono sviluppate in Colombo, 201 (...)

50A questa dissoluzione di ogni standard di normalità della guerra corrisponde, non casualmente, lo sprofondamento della sua pubblicità48. Da violenza «pubblica» nel senso dello Stato, solennemente dichiarata e altrettanto pubblicamente ostentata (nelle parate dei combattenti così come nelle cerimonie «sacre» della memoria collettiva), la guerra è riappropriata da attori per definizione non pubblici quali le bande di insorti o i gruppi terroristici, oppure banalizzata dagli stessi Stati al livello di un’attività di routine, a metà tra l’operazione di polizia e la misura di emergenza umanitaria e aperta, come queste, al concorso di operatori specializzati di natura privata (compagnie private di sicurezza, ONG, mercenari) o quanto meno civile (come buona parte dei professionisti impegnati nella guerra dei droni).

51In questa eclissi dello spazio pubblico della guerra —che riflette, inutile sottolinearlo, il riflusso molto più comprensivo della dimensione pubblica nelle relazioni politiche ed economiche contemporanee— si mischiano a propria volta dimensioni diverse, che corrispondono ad almeno tre diversi possibili significati dell’aggettivo «pubblico». La prima dimensione è, appunto, quella della privatizzazione in senso proprio dei soggetti della guerra: lo sviluppo, a margine dell’offerta di sicurezza «pubblica» garantita dalle Forze Armate dello Stato, di una pletora di soggetti non statali quali quelli mobilitatisi da sé nelle guerre jugoslave o come foreign fighters nelle schiere dell’Isis, o mobilitati informalmente da qualche stato nel quadro di proxy wars o guerre ibride o azioni coperte, oppure assoldati apertamente in un mercato di compagnie private di sicurezza (Private Security Firms) già tanto fiorente da riportare il ricorso a combattenti «privati» ai livelli del diciottesimo secolo.

  • 49 Miglio, 1988: 779.
  • 50 Ivi: 781.

52Diversi fattori, di segno anche molto diverso tra loro, contribuiscono a questa «sconcertante “privatizzazione”»49 della guerra: la smobilitazione militare di massa seguita alla fine della guerra fredda, che ha immesso sul mercato decine di migliaia di ex militari; la continua diminuzione dei costi e della difficoltà d’impiego delle armi leggere che, abbassando a livelli storicamente eccezionali la soglia d’accesso alla violenza, mette in crisi nella stessa misura ogni pretesa al monopolio legittimo della forza; l’accorciamento delle distanze tra tecnologie civili e tecnologie militari, che consente a chi è in possesso delle abilità richieste per le prime di adattarle o piegarle alle esigenze delle seconde; la «contrazione dell’esperienza politica»50 che, come sempre nelle fasi storiche e nei contesti sociali in cui la febbre politica è più bassa, tende a spezzare il nesso tra portare le armi e «partecipare alla politica» e a riservare il «mestiere della guerra» a professionisti pagati (nativi o stranieri); la marginalità stessa (reale o percepita) della posta in gioco di molte guerre contemporanee, almeno per gli Stati europei impegnati a distanza. Ma quello che interessa di più è che questo processo rovescia il rapporto tra dimensione pubblica e dimensione privata della violenza. Mentre, nella mobilitazione totale del Novecento, tutte le attività private erano convogliate nella grande impresa pubblica della guerra —in una sorta di militarizzazione del luogo comune novecentesco del «tutto è politica»— oggi persino l’impresa tradizionalmente pubblica della guerra si disperde in una moltitudine di imprese private, alcune delle quali —come le compagnie di sicurezza— dichiaratamente rivolte all’obiettivo del guadagno invece che a qualche impegno politico intensivo.

  • 51 Panebianco, 1997: 120-124.

53La seconda dimensione ha una natura direttamente istituzionale e riguarda in particolare le imprese militari degli Stati democratici. La tensione tra il principio democratico di pubblicità e trasparenza delle decisioni e gli arcana imperii della Ragion di Stato costituisce, come noto, uno dei dilemmi ineliminabili della politica estera delle democrazie51. È vero che anche queste ultime devono venire periodicamente a patti con gli imperativi di segretezza e di libertà dai vincoli legali della Ragion di Stato, come era già stato con la promulgazione del Patriot Act negli Stati Uniti all’indomani dell’11 settembre 2001 e come è nuovamente oggi in Europa di fronte alle minacce terroristiche dell’Isis. Ma, almeno in linea di principio, gli Stati democratici dovrebbero sempre informare la propria politica estera ai principi di pubblicità, trasparenza, legalità e responsabilità, a maggior ragione ogni volta che è in gioco l’alternativa decisiva tra pace e guerra.

54Nel contesto attuale, invece, anche questo rapporto tra pubblicità e segretezza tende a deformarsi. Non perché si sia inceppata la macchina pubblica della propaganda che, anzi, continua a fabbricare immagini di nemici politicamente, moralmente e, quasi sempre, anche psicologicamente abnormi. Ma perché, per ironia della storia, alla propaganda di guerra non corrisponde più il riconoscimento dell’esistenza di una vera guerra. Sul terreno materiale, le grandi (e riconoscibili) operazioni militari del passato sono sostituite sempre più spesso da azioni segrete —omicidi e rapimenti mirati, azioni coperte, cyber-warfare, impiego dei droni anche al di fuori del «teatro» dichiarato delle operazioni— sottratte di fatto al controllo dell’opinione pubblica, tra le altre cose in quanto giocate sulla confusione politicamente paralizzante tra azione di guerra e azione di polizia. Sul terreno discorsivo, poi, la pubblicità e la trasparenza della decisione di ricorrere alla guerra è svuotata dalla consuetudine (più europea che americana, e ancora più italiana che europea) a travestire la guerra stessa dietro una cortina di eufemismi politici e giuridici: operazione di polizia internazionale, peace enforcing, intervento umanitario, missione di pace. In una situazione storica nella quale le guerre non soltanto non vengono dichiarate, ma neppure nominate, a sprofondare nel segreto non è più la decisione di ricorrere alla forza, ma la sua vera natura. Mentre, una volta operato questo travestimento, lo spazio pubblico non è ancora svuotato di discussioni, ma è saturato di discussioni senza senso.

55Infine, «pubblica» la guerra può essere considerata anche in quanto le parti si combattano «a viso aperto», come sopra un palcoscenico e, in qualche caso, davanti a un pubblico, quale era appunto il «teatro» della battaglia tanto per coloro che vi si scontravano —e che, sulla scena, vedevano i propri nemici sapendo di essere visti da loro— quanto per coloro che la seguivano dai suoi margini, fisicamente, come poteva ancora avvenire attorno ai campi di battaglia della prima modernità; oppure grazie ai mezzi di comunicazione di massa, come i telespettatori non soltanto americani dell’epoca della guerra in Vietnam. Anche questo tratto di pubblicità tende a sprofondare sempre di più in una penombra di camouflage strategici e giuridici. Qui sta, anzi, uno dei più paradossali punti di incontro tra forme di violenza per il resto diversissime fra loro quali il terrorismo, la guerra ibrida dei paramilitari filo-russi in Ucraina e la guerra ad alta tecnologia degli interventi dei grandi Stati europei out of area. Alla superficie trasparente della battaglia esse affiancano una dimensione più oscura di irriconoscibilità, una dimensione nella quale chi colpisce sbuca dal nulla per scomparire subito dopo nel nulla. Almeno in questo senso la bomba del terrorista suicida, l’imboscata dell’irregolare e l’attacco «chirurgico» del drone appartengono allo stesso tipo. Regolare e irregolare continuano a combattere ciascuno nella propria dimensione ma portandola, in tutti e due i casi, alle soglie dell’abisso.

  • 52 Schmitt, 1981: 57.
  • 53 Art. 1 del Regolamento relativo alle leggi e agli usi della guerra terrestre, 1907, in Greppi e Ve (...)

56Nessuna «buona regola» può sopravvivere a questa scomparsa nel buio. «Una vita associata» scriveva già Carl Schmitt a commento della guerra partigiana e di quella sottomarina, «esiste come res publica, come pubblicità, e viene messa in discussione ogniqualvolta in essa viene a crearsi uno spazio di non-pubblicità, che disattende la prima in maniera efficace»52. In particolare, perde del tutto significato la tradizionale prescrizione che imponeva ai combattenti, compresi quelli irregolari, di «avere un segno distintivo fisso e riconoscibile a distanza» e «portare le armi apertamente»53. Questa prescrizione, che era già contraddittoria con i modi propri della guerra partigiana e di quella sottomarina, diviene addirittura grottesca alla luce dello sviluppo contemporaneo delle tecnologie militari. Che cosa può significare avere un contrassegno visibile o portare apertamente le armi per missili di crociera che colpiscono a migliaia di distanza di chilometri? E che cosa dovrebbe indurre a osservare la prescrizione chi, come i militanti jihadisti, è consapevole di potere essere colpito in qualunque momento da un missile lanciato da una piattaforma (aerea o navale) che riconoscibile a distanza non lo è affatto?

3.3. La crisi delle distinzioni

  • 54 Walzer, 2000: 179-180.
  • 55 Smith, 2009: 345-389.

57Qui arriviamo alla forma più radicale di estraneità delle guerre contemporanee al paradigma della guerra interstatale. Portando all’estremo una tendenza già ben avviata, in realtà, nelle guerre totali del Novecento, la guerra perde a uno a uno tutti i suoi tratti di discrezione. Guerre interne e guerre esterne, guerre civili e guerre internazionali sono sempre più saldamente fuse insieme, a maggior ragione ogniqualvolta è in gioco la conservazione o lo smembramento dell’unità nazionale di un Paese (come è stato nella ex Jugoslavia, nel Naborno-Karabach, nell’Ucraina orientale, in Georgia e in Moldavia). I combattenti non sono più chiaramente distinti dai non combattenti, o perché proprio i non combattenti diventano l’obiettivo prioritario degli atti di violenza (come nella pulizia etnica o negli atti terroristici) o perché, come avviene sia nelle guerre civili che nelle guerre irregolari, donne e uomini passano continuamente da una condizione all’altra, rendendo più difficile anche per i loro nemici accordare status e diritti diversi agli uni e agli altri54. Reciprocamente, persino tra i combattenti al servizio dei rispettivi Stati sfuma sempre di più la distinzione tra militari e civili, o perché sono i civili a svolgere funzioni militari (come i contractor o i «tecnici» della guerra dei droni), o perché sono i militari a svolgere funzioni «civili» (come nei programmi di ricostruzione delle «missioni di pace»). Infine, al posto della «battaglia decisiva» della grammatica clausewitziana, i combattimenti tendono a diventare interminabili, diffusi, mai decisivi, in luoghi non più sgombrati dalla presenza di civili ma saturi della loro presenza55.

  • 56 Girard, 1982: 43.

58Liberata dal suo vecchio recinto giuridico e strategico, la violenza riacquisisce la sua attitudine originaria all’in-differenza: militari e civili, combattenti e non combattenti, donne e uomini, tutto viene confuso e trascinato via nella stessa corrente di vendette, sospetti e rappresaglie. Una volta che non esiste più un criterio giuridico o cerimoniale per estrarre una violenza legittima dallo sfondo indistinto delle violenze illegittime, «il legittimo e l’illegittimo della violenza sono definitivamente lasciati all’opinione di ciascuno, cioè all’oscillazione vertiginosa e alla scomparsa»56. Mentre, con l’esaurimento della capacità mediatrice dello stato, la diminuzione delle guerre inter-statali procede fianco a fianco con la diffusione di guerre informi, estranee all’opposizione tra «interno» e «internazionale» forgiata dall’età moderna insieme al repertorio completo delle proprie «chiare distinzioni» (pubblico/privato, civile/militare, guerra/pace) e, per questo, difficili da contenere sia sul terreno strategico che su quello giuridico.

3.4. L’irresistibile osmosi tra pace e guerra

59Infine, in assenza di soglie cerimoniali e solenni quale era, in passato, la dichiarazione di guerra, e mano a mano che si moltiplicano le forme coperte o non-convenzionali di aggressione, persino pace e guerra diventano concretamente indistinguibili e, quel che è peggio, non sono più distinte da tutti nello stesso modo. Quando un blocco navale o un embargo —come quello distruttivo contro l’Iraq negli anni novanta— diventa un atto di violenza? E quando un atto di violenza —come l’attacco terroristico di Parigi del novembre 2015— diventa un atto di guerra? È possibile che tutte le parti concordino sempre sulla stessa soglia? Oppure può persino avvenire che una parte si consideri in guerra (e si comporti di conseguenza) mentre l’altra si considera in pace, non necessariamente perché la prima sia più bellicosa della seconda ma, per esempio, perché è più vicina al luogo della scontro o perché, a differenza dell’altra, sta già patendo su di sé la violenza (che, dalla sua prospettiva, è già guerra)?

60Prima ancora che impudente, la pretesa di George Bush nel 2001 e di Francois Holland del 2015 di designare gli attacchi terroristici che avevano appena colpito i rispettivi paesi quali altrettante «dichiarazioni di guerra» è clamorosamente e pateticamente irrealistica. Perché quello che manca alla guerra contemporanea è proprio, e prima di tutto, una soglia in grado di demarcarla senza ambiguità rispetto alla pace. Questa demarcazione era già progressivamente sfumata lungo il corso del Novecento, per effetto dapprima della trentennale «guerra civile europea» e, più tardi, della guerra fredda, né «vera» pace, appunto, ma neppure «vera» guerra. Ma quella che sperimentiamo oggi è la radicalizzazione di quel processo, riflessa non casualmente in espressioni quali «guerra globale», «guerra infinita» o «guerra ibrida» che, sebbene diverse tra loro, alludono tutte al medesimo stato di indistinzione politica e giuridica. Proprio la cosiddetta della guerra globale al terrore ne è un caso esemplare. Dalla prospettiva americana, quella guerra sarebbe cominciata solo l’11 settembre 2001, così come da quelle francese si sarebbe propagata all’Europa solo il 13 novembre 2015. Ma, in realtà, gli Stati Uniti non avevano mai cessato di condurre operazioni militari in Medio Oriente per tutti gli anni Novanta, così come la Francia era già direttamente impegnata contro i gruppi jihadisti in Mali e in Siria, dopo averli combattuti anche negli anni Novanta con il sostegno al colpo di stato algerino e alla successiva, cruenta repressione dell’insurrezione islamista. Rieccoci allora al solito rompicapo. Ciascuna delle due parti colloca inevitabilmente l’inizio della guerra nel momento in cui comincia a patire i mali (la paura, il sospetto e la morte) che alla guerra sono normalmente associati. Ma questa esperienza, a differenza che nelle guerre «normali» del passato, avviene in due momenti e in due luoghi diversi, tanto da rendere impossibile concordare su quando e dove sarebbe avvenuto il passaggio.

  • 57 Galli, 2002: 58-59.
  • 58 Vattel, 1758: Libro III, cap. XII, § 19.

61In questo senso, ma in questo soltanto, è possibile dire che la profezia della fine della guerra all’insegna della quale si era aperto il ventesimo secolo si sia pienamente realizzata agli inizi del successivo. La guerra è scomparsa non perché sia scomparsa la violenza nella politica internazionale, ma perché sono franate tutte le chiare distinzioni (pace/guerra, pubblico/privato, militari/civili, interno/esterno) che consentivano di racchiuderla entro contorni definiti. Qui sta anche il significato quasi letterale dell’espressione impiegata per designare la guerra al terrore, «guerra infinita»: «in-finita» in quanto, appunto, priva di confini spaziali e temporali, amorfa, contaminante57. L’imprendibilità politica e giuridica di tutte le guerre dell’ultimo decennio è tutt’uno con questa fluidità. Nella crisi delle mediazioni istituzionali del passato, la mancanza di una distinzione formale con la pace imprime sulla guerra contemporanea il sigillo vero e proprio della sua novità rispetto alla guerre en forme58 dell’ordinamento politico-giuridico moderno: il fatto che, appunto, essa non comincia e non finisce mai.

Torna su

Bibliografia

Baudrillard, J. (2011). Les stratégies fatales, Grasset&Fasquelle (1983), tr. it. Le strategie fatali, Milano, Feltrinelli.

Bobbio, N. (1979). Il problema della guerra e le vie della pace, Bologna, Il Mulino.

Bonanate, L. (1998). La guerra, Roma-Bari 1998, Laterza.

Bouthoul, G. (1982). Les guerres: éléments de polémologie, Parigi, Payot (1951), tr. it. Le guerre. Elementi di polemologia, Milano, Longanesi.

Bull, H. (1977). The Anarchical Society. A Study of Order in World Politics, New York, Columbia UP.

Clausewitz, K. (1990). Vom Kriege (1832), tr. it. Della guerra, Milano, Mondadori.

Colombo, A. (2006). La guerra ineguale. Pace e violenza nel tramonto della società internazionale, Bologna, Il Mulino.

Colombo, A.(2015). La grande trasformazione della guerra contemporanea, Milano, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Deutsch, K. W. et al. (1957). Political Community and the North Atlantic Area. International Organization in the Light of Historical Experience, Princeton, Princeton UP.

Elshtain, J. B. (1992). La guerra giusta come politica. Quel che la Guerra del Golfo ci ha insegnato sulla vita Americana contemporanea, in AA.VV., Giusta o ingiusta? Considerazioni sul carattere morale della guerra del golfo, Milano, Anabasi, 1992, 57-76.

Finer, S. E. (1984). La formazione dello stato e della nazione in Europa: la funzione del «militare», in C. Tilly (ed.), The Formation of National States in Western Europe, Princeton, Princeton UP (1975), tr. it. La formazione degli stati nazionali nell’Europa occidentale, Bologna, Il Mulino, 79-152.

Foucault, M. (1976). Surveiller et punir. Naissance da la prison, Paris, Gallimard (1975), tr. it. Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Torino, Einaudi.

Galli, C. (2002). La guerra globale, Roma-Bari, Laterza.

Girard, R. (1980). La Violence et le sacré, Bernard Grasset (1972), Paris, tr. it. La violenza e il sacro, Milano, Adelphi.

Greppi, E. G. Venturini (ed.) (2003). Codice di Diritto Internazionale Umanitario, Torino, Giappichelli.

Hardt, M. e A. Negri (2003). Empire (2000), tr. it. Impero. Il nuovo ordine della globalizzazione, Milano, Rizzoli.

Hintze, O. (1970). Staatsverfassung und Heeresverfassung, in Id. Staat und Verfassung. Gesammelte Abhandlungen zur Allgemein Verfassungsgeschichte, Göttingen, Vandenhoek & Ruprecht.

Holsti, K. J. (2006). The decline of interstate war: pondering systemic explanations, in Väyrynen, R. (ed.), The Waning of Major War. Theories and Debates, London & New York, Routledge.

Howard, M. (2002). The Invention of Peace. Reflections on War and International Order, London, Profile Books Ltd., (2001), tr. it. L’invenzione della pace. Guerre e relazioni internazionali, Bologna, Il Mulino.

Huntington, S. P. (1993). The Clash of Civilizations?, «Foreign Affairs», Summer, 22-49.

Huntington, S. P.(2000). The Clash of Civilizations and the Remaking of World Order, New York (1996), tr. it. Il conflitto delle civiltà, Milano, Mondadori.

Jones, E. L. (1984). The European Miracle, Cambridge (1981), tr. it. Il miracolo europeo, Il Mulino, Bologna.

Kaldor, M. (2001). New and Old Wars. Organized Violence in a Global Era, Polity Press (1999), tr. it. Le nuove guerre. La violenza organizzata nell’età globale, Roma, Carocci.

Kaysen, C. (1990). Is War Obsolete?: A Review Essay, «International Security», 14, 4, 42-64.

Kennedy P. (1989). The Rise and Fall of the Great Powers, Random House, (1987), tr. it. Ascesa e declino delle grandi potenze, Milano, Garzanti.

Kepel, G. (ed.) (2006). Al-Qaeda. I testi, Roma-Bari, Laterza.

Liberman, P. (1996). Does Conquest Pay? The Exploitation of Occupied Industrial Societies, Princeton, Princeton UP.

Mandelbaum, M. (1998-99). Is Major War Obsolete?, «Survival», 40, 4, 20-30.

Mearsheimer J. J. (1990). Back to the Future: Instability in Europe after the Cold War, «International Security», 15, 1.

Miglio, G. (1988). Guerra, pace, diritto. Una ipotesi generale sulle regolarità del ciclo politico, in Id., Le regolarità della politica, II, Milano, Giuffrè, 761-790.

Mueller, J. (1989). Retreat from Doomsday: The Obsolescence of Major War, New York, Basic Books.

Mueller, J.(2003). Policing the Remnants of War, «Journal of Peace Research», 40, 5, 507-518.

Mueller, J.(2006). Accounting for the waning of major war, in Väyrynen, R. (ed.), The Waning of Major War. Theories and Debates, London & New York, Routledge.

Mueller, J.(2007). The Remnants of War, Ithaca and London, Cornell UP.

Panebianco, A. (1997). Guerrieri democratici. Le democrazie e la politica di potenza, Bologna, Il Mulino.

Schelling, T. C. (1966). Arms and Influence, New Haven & London, Yale UP.

Schmitt, C. (1972a). Begriff des Politischen, Berlin, Walter Rothschild (1932), tr. it. Il concetto di «politico», in Id., Le categorie del “politico”, Bologna, Il Mulino, 87-165.

Schmitt, C.(1972b). Das Zeitalter der Neutralisierungen und Entpolitisierungen, (1929), tr. it. L’epoca delle neutralizzazioni e delle spoliticizzazioni, in Id., Le categorie del “politico”, Bologna, Il Mulino, 167-183.

Schmitt, C. (1981). Theorie des Partisanen, Duncker e Humblot, Berlino (1963), tr. it. Teoria del partigiano, Milano, Il Saggiatore.

Schmitt, C.(1991). Der Nomos der Erde im Voelkerrecht des Jus Publicum Europaeum, Köln, Greven Verlag (1950), tr. it. Il Nomos della Terra, Milano, Adelphi.

Smith, R. (2009). The Utility of Force: The Art of War in the Modern World, London, Penguin Books (2006), tr. it. L’arte della guerra nel mondo contemporaneo, Bologna, Il Mulino.

Spruyt, H. (2006). Normative transformations in international relations and the waning of major war, in Väyrynen, R. (ed.), The Waning of Major War. Theories and Debates, London & New York, Routledge.

Tilly, C. (1993). European Revolutions, 1492-1992, Oxford, 1993, tr. it. Le rivoluzioni europee 1492-1992, Roma-Bari.

Van Creveld, M. (1991). The Transformation of War, New York, The Free Press.

Van Creveld, M.(2006). The waning of major war, in Väyrynen, R. (ed.), The Waning of Major War. Theories and Debates, London & New York, Routledge.

de Vattel, E. (1758). Le Droît des Gens, ou Principes de la Loi naturelle, appliqués à la conduit et aux affaires des Nations et des Souverains, London (Neuchâtel).

Wallensteen, P. (1984). Universalism vs. Particularism: On the Limits of Major Power Order, «Journal of Peace Research», 21, 3, 243-257.

Walzer, M. (2000). Just and Unjust Wars. A Moral Argument with Historical Illustrations, New York, Basic Books.

Walzer, M.(2004). Arguing about war, New Haven & London, Yale UP (2004), tr. it. Sulla guerra, Bari-Roma, Laterza.

Waltz K. N. (1987). Theory of International Politics, Reading, Addison-Wesley, (1979), tr. it., Teoria della politica internazionale, Bologna, Il Mulino.

Waltz K. N.(1993). The Emerging Structure of International Politics, «International Security», 18, 2, Fall, 44-79.

Waltz K. N.(2000). Structural Realism after the Cold War, «International Security», 25, 1, Summer 2000, 5-41.

Zacher, M. W. (2001). The Territorial Integrity Norm: International Boundaries and the Use of Force, «International Organization», 55, 2, 215-250.

Torna su

Note

1 Hardt e Negri, 2003: 29.

2 Hintze, 1970: 53.

3 Jones, 1984; Kennedy, 1989: 35-71.

4 Bouthoul, 1982: 473.

5 Howard, 2002: 17.

6 Bobbio, 1979: 60.

7 Citato in Bonanate, 1998: 102.

8 Deutsch, 1957.

9 Van Creveld, 2006: 97.

10 Mandelbaum, 1998-99; Kaysen, 1990.

11 Kaysen, 1990: 54-56; Liberman, 1996.

12 Wallensteen, 1984.

13 Holsti, 2006: 141-145; Mueller, 2007: 66-67; Spruyt, 2006: 185-206.

14 Zacher, 2001.

15 Mueller, 1989: 219.

16 Ivi: 11.

17 Mueller, 2006: 65-66.

18 Mueller, 1989: 9-12.

19 Ivi: 19-21.

20 Waltz, 1987.

21 Mearsheimer, 1990; Waltz, 1993; 2000.

22 Wallensteen, 2006: 82-83.

23 Van Creveld, 1991.

24 Kaldor, 1999; Van Creveld, 1991: 192-223.

25 Schmitt, 1972a.

26 Ivi: 122.

27 Schmitt, 1972b.

28 Schmitt, 1981: 11.

29 Huntington, 1993; 2000.

30 Kaldor, 2001: 107-128.

31 Tilly, 1993: 19.

32 Mueller, 2007: 116.

33 Ivi: 85-116.

34 Mueller, 2003: 507.

35 Elshtain, 1992: 64.

36 Colombo, 2006.

37 Clausewitz, 1990: 130.

38 Foucault, 1976: 220-221.

39 Baudrillard, 2011.

40 Ivi: 47.

41 Finer, 1984.

42 Walzer, 2004: 5-24.

43 Schmitt, 1991: 138.

44 Citato in Kepel, 2006: 241-242.

45 Schelling, 1966: 1-34.

46 Clausewitz, 1990: 22-23.

47 Schmitt, 1991: 166-167.

48 Questo paragrafo riprende considerazioni che, in forma più estesa, sono sviluppate in Colombo, 2015.

49 Miglio, 1988: 779.

50 Ivi: 781.

51 Panebianco, 1997: 120-124.

52 Schmitt, 1981: 57.

53 Art. 1 del Regolamento relativo alle leggi e agli usi della guerra terrestre, 1907, in Greppi e Venturini, 2003: 5.

54 Walzer, 2000: 179-180.

55 Smith, 2009: 345-389.

56 Girard, 1982: 43.

57 Galli, 2002: 58-59.

58 Vattel, 1758: Libro III, cap. XII, § 19.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alessandro Colombo, «L’Europa e la guerra agli inizi del Ventunesimo secolo»Teoria politica. Nuova serie Annali, 6 | 2016, 23-47.

Notizia bibliografica digitale

Alessandro Colombo, «L’Europa e la guerra agli inizi del Ventunesimo secolo»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 6 | 2016, online dal 26 mai 2020, consultato il 28 juin 2022. URL: http://journals.openedition.org/tp/603

Torna su

Autore

Alessandro Colombo

Università degli Studi di Milano,

alessandro.colombo@unimi.it.

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search