Navigazione – Mappa del sito
Guerre di civiltà, inciviltà della guerra

La politica come alternativa alla guerra?

Politics as the Unique Alternative to War
Luigi Bonanate
p. 115-128

Abstract

The aim of this paper is to discuss if after and as a consequence of the attack to the Twin Towers and the «war on terrorism» promulgated by Bush, Jr. – the notion of war has been altered. In order to respond to this question, the Clausewitzian definition of war is re-discussed in the light of the fundamental difference between war and politics. It is almost always maintained that the two have the same logical status and that they recall each other. Here is argued that in reality whereas politics determine war, the reverse is impossibile. The most important classical literature on the topic, from Aristotle to Hobbes, Hegel, and the most well known contemporary scholars, is revisited. The most startling thinker is E. Luttwak, who considers that war must be let free to unchain all the violence it intrinsically possesses in order «to give the war a chance», as he himself says. Many minor wars are unable —according to Luttwak— to exhaust the violence intrinsic in the crises around the world. Wars always end, he thinks, only if/when winner has been able to destroy completely the adversary. But this would realize the Clausewitzian absolute war. Notwithstanding, also if many continue to think that the recently varied «underwars» that have appeared (private military forces, battles zero-deads, drones, et cetera) may produce a change in the nature of war, a correct reading of the Clausewitzian thought demonstrates that this is impossible because what may change is not war but politics. War is not the opposite of politics, but a consequence of it, to the rules of which war is obliged to obey. This means that the most important task for our times is not so much reduce the occurrences of war but to introduce in politics a growing rate of democracy, which is, by nature, non-violent.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

«Inter arma silent leges»
Cicerone, Pro Milone

1. La cangiante natura della guerra

  • 1 von Clausewitz, 1970: 40. I conoscitori già sanno che dopo queste parole giungono quelle altre, st (...)

1Avessi una sola opportunità per dire che cosa significhi la parola «guerra», ripeterei rigorosamente la seguente proposizione clausewitziana: «la guerra non solo rassomiglia al camaleonte perché cambia di natura in ogni caso concreto, ma si presenta inoltre nel suo aspetto generale, sotto il rapporto delle tendenze che regnano in essa»1.

  • 2 Aron, 1967: 170.

2Per strano o sconcertante che possa apparire, è proprio perché la guerra è siffatta che potrei introdurre il mio argomento tanto con l’affermazione: «È scoppiata la guerra!» (o: siamo sempre in qualche modo in guerra) quanto con il suo contrario: «la guerra è finita» (o: abbiamo a che fare con sue imitazioni, ma non con qualcosa di paragonabile a quelle del passato). Non è un caso che tanta ambiguità presieda a ogni riferimento alla guerra «reale». Per un verso infatti, se guardiamo all’indietro, possiamo pensare che davvero l’era delle guerre mondiali sia ormai finita. Basta constatare che uno dei più grandi sconvolgimenti della storia —la fine del bipolarismo e il crollo dell’Unione Sovietica, con tutti i loro annessi e connessi, simbolizzati nel 9 novembre 1989— si è realizzato in modo pacifico, grazie a quella «terza guerra mondiale non combattuta ma vinta» alla quale ho tante volte fatto riferimento. D’altra parte però, possiamo ritenere perfettamente vano avventurarsi sulle strade della previsione o della sentenze perché, come ha amaramente ma consapevolmente ricordato una volta Raymond Aron, «ci troviamo dinanzi ad un argomento che è in sostanza scoraggiante, in quanto il fenomeno [guerra] è endemico e conserva in ultima analisi qualcosa di misterioso»2.

  • 3 Mi si permetta di rinviare, a proposito dell’importanza di quell’evento, al mio Undicisettembre (B (...)
  • 4 Si sarebbe sviluppato un circuito perverso: il terrorismo che genera una guerra la quale, a sua vo (...)
  • 5 Basterà ricordare la famosa formula clausewitziana, «La guerra non è che la continuazione della po (...)

3Per provare a sciogliere questo nodo a prima vista inestricabile, farò un piccolo esperimento: traguardare le nostre abitudini interpretative sulla guerra in rapporto a un evento assolutamente straordinario ed eccezionale, capace di intercettare tanto le nostre idee su essa quanto le variazioni sul suo tema che si potrebbero dare. Si tratta dell’11 settembre 20013, che può essere visto come la forma di guerra più parossistica mai vista (anche per la sua istantaneità: 3000 morti in pochi istanti) ma anche come il contrario di una guerra (una forma insensata di violenza civile), che funge, per così dire, da pivot di tutta quanta la storia contemporanea, il punto cioè in cui quest’ultima ha cambiato bruscamente direzione e senso (potrebbe essere, il nostro, un tempo straordinario ed eccezionale, più che bello o brutto) senza che ce ne accorgessimo. Se chi ha voluto quell’evento credeva di far scoppiare una guerra, ebbene si è sbagliato (e la cosa era impossibile); chi invece aveva pensato di poter semplicemente perseguire i responsabili dell’atto ha finito per scatenare una guerra che si è propagata dall’Afghanistan all’Iraq (non aggiungo gli ulteriori allargamenti, che pur ci sono stati, per non dilatare eccessivamente il quadro). Potremmo in altri termini dire che l’11 settembre abbia sconvolto tutte le concezioni normali della guerra introducendo in essa innovazioni che erano sempre state considerate o impossibili o incompatibili con la guerra stessa, che l’avrebbero privata dei connotati che le riconoscevamo da secoli. Era un’azione terroristica ed è stata definita «guerra»; l’azione repressiva avverso i responsabili si è trasformata nella proclamazione di una «guerra al terrorismo» (espressione che è in se stessa una contraddizione in termini)4 che in quanto tale potrebbe non finire mai (mentre guerre per un verso, e azioni terroristiche per un altro, possono sempre darsi). Insomma, sembra che per la prima volta nella storia si sia infranto il nesso indissolubile ed esclusivo «stato (politica)/guerra», che almeno da Clausewitz in poi non era mai stato revocato in dubbio5.

2. Guerra e natura

4Benché le singole guerre in quanto tali abbiano una loro specificità concettuale che possiamo individuare nella peculiarità delle circostanze storico-evenemenziali che le connotano, le loro dimensioni empiriche sono tali e tante (ad esempio: la guerra internazionale si distingue dalla guerriglia, e dalla guerra civile; può essere grande o limitata, breve o di lunga durata; di liberazione o di conquista; di indipendenza o imperiale, eccetera) da farci dubitare della possibilità che tutte quante rientrino in una medesima tipologia, con semplici differenziazioni di species all’interno di uno stesso genus. E quindi, se l’unitarietà del concetto di guerra si spezzetta, ciò potrebbe significare addirittura che quel «salto di qualità» che sarebbe stato causato dalla «guerra non combattuta ma vinta» (cioè, un’immensa novità) sia non soltanto possibile ma addirittura già avvenuto.

  • 6 Scioglierò, alla fine, il dubbio relativo.

5Il 9 novembre dell’Ottantanove, e l’11 settembre del 2001: una non-guerra e una guerra-istantanea. Siamo di fronte a eventi reali che poco sembrano avere a che fare con la nozione di guerra a cui eravamo abituati, e che certamente hanno inciso e ancora stanno incidendo sulla natura della guerra. Un mutamento di natura non è cosa che possa succedere facilmente, anzi è un qualche cosa che s-natura una qualche entità —quando succede qualcosa di tal genere, si ricorre normalmente al termine «rivoluzione», che indica non continuità ma cesura, interruzione e non evoluzione. Ora, se la natura della guerra dovesse aver subito tale mutazione6, il suo ruolo nella storia e nella società dovrebbe correlativamente mutare altrettanto. Dobbiamo quindi ora rivolgerci a questo aspetto: la guerra ha una sua specifica e unitaria natura, ovvero nella realtà esistono guerre che vagano e che vanno ricollegate a entità superiori?

  • 7 von Clausewitz, 1970: 774. I corsivi sono nell’originale.
  • 8 Aron, 1976; mi riferisco alle pp. 92-93 e alla Note XVI, pp. 405-406, del primo volume, L’âge euro (...)

6Ma prima ancora dovremo interrogarci non tanto sulle species di guerra esistenti o immaginabili, quanto piuttosto sull’ipotetica capienza di un genus che le raccolga tutte: ma che questa identità di genere esista è forse proprio ciò che va revocato in dubbio anche se sembra scontrarsi con il caposaldo assoluto della concettualizzazione clausewitziana. La questione verte intorno al nesso celebre tra politica e guerra, in più punti di Della guerra riproposto, che —in se stesso— è chiaro, mentre quale sia la natura del loro rapporto, rectius, l’importanza comparativa tra le due, questo resta da capire. Ovvero, che guerra e politica siano collegate nella concettualizzazione clausewitziana non implica che esse abbiano la stessa collocazione sintattica, o lo stesso status logico: mentre «la politica» ne è un elemento necessario e sufficiente, «la guerra» si trova ad avere un ruolo ancillare, necessario ma non sufficiente a configurare lo stato di guerra. La guerra decide la politica o la politica utilizza la guerra? A Clausewitz la distinzione è chiarissima: «Non si comincia alcuna guerra [...] senza dirsi ciò che si intendere realizzare mediante la guerra e nella guerra»; e subito dopo aggiunge: «L’uno è lo scopo, l’altro è l’obbiettivo finale»7: distinzione chiarissima ad Aron, che la commenta lungo due pagine del suo libro su Clausewitz, più una delle Note-osservazioni che lo corredano (intitolata Zweck et Ziel)8, per mezzo della quale Clausewitz separava tra loro l’obiettivo militare della guerra (che ha per fine semplicemente la vittoria) e quello politico che riguarda lo scopo per il raggiungimento del quale la guerra combattuta è lo strumento (sono moltissime le affermazioni di Clausewitz che precisano la distinzione, specie nel Libro VIII).

  • 9 Che è invece proprio ciò che faceva R. Girard, che (forse più precisamente) ne offriva una lettura (...)
  • 10 Rusconi, 1999: 15.

7Il punto è questo: se noi accettiamo il nesso «politica-guerra», la funzione strumentale della seconda rispetto alla prima si fa evidente. Senza tradire Clausewitz9, possiamo allora dire che a decidere la guerra è la politica e ciò che decide l’esito della guerra è il combattimento, che è innescato a sua volta e diretto dalla politica. La politica non combatte sempre ed esclusivamente, e la guerra quindi non è l’unico strumento di cui quella dispone per raggiungere il successo. È ben vero quel che afferma G. Rusconi, e cioè che «il principio del primato della politica non è, di per sé, la parte più originale del pensiero di Clausewitz»10; ma non sufficientemente considerato è che se la politica può fare a meno della guerra evitandola, la guerra non può fare a meno della politica, che si trova a un rango superiore a quello della guerra. Troviamo così una prima, preliminare, risposta al dubbio che poneva il mio titolo, e la risposta è affermativa per quanto riguarda la politica: ben più che essere alternativa alla guerra, la politica la determina e la comanda. Ma seppure corretta, questa prima risposta ha una portata limitata e preliminare e richiede di essere sviluppata.

3. Guerra e cultura di guerra

  • 11 Potremmo aggiungere che lo scandalo della violenza di guerra va imputato dunque non alla guerra, m (...)

8Questo primo risultato, anche se solo formale, implica comunque il superamento del tradizionale collegamento tra politica e guerra, e anche la notissima frase con la quale Mao Tse-tung ribaltava la formula clausewitziana —la politica non è altro che la continuazione della guerra con altri mezzi— si svuota, denotando l’inconsistenza di una endiadi politica-guerra, pur non perdendo il suo significato metaforico e ideologico. La conseguenza più importante di questa «scoperta» è che la guerra non è altro che una possibilità della politica, oltre che naturalmente una delle sue possibili continuazioni. Tale precisazione (in se stessa ovvia) ci ricorda che la politica dispone di tante (o diverse) alternative alla guerra per raggiungere i suoi scopi (il clausewitziano Zweck). Appare così una conseguenza di grande momento: le teorie della guerra che ne individuano la causa (o le cause) in eventi naturali, spontanei o casuali si ritrovano a dover sostenere l’obbligo della prova: discenda da ragioni climatiche o demografiche, oppure che sia come i terremoti o i temporali, ogni guerra deve far fronte alla richiesta di spiegare perché non ognuno di quegli eventi (ciascuno dei quali si è ripetuto varie volte nella storia) abbia portato con sé una guerra. Non esiste guerra che non discenda da una politica; ogni guerra serve una politica e/o combatte un’altra politica. La ragione è semplicissima: la guerra non è un fatto individuale ma collettivo, riguarda migliaia o milioni di persone, dunque «è» politica; non può quindi né essere un castigo divino né un evento naturale. Allo stesso modo, diremo che la guerra non può essere considerata, in se stessa, irrazionale, per il semplice fatto che discende da una decisione politica —toccherà semmai a quest’ultima accollarsene la responsabilità11.

  • 12 Aristotele, 1986: 1177b.

9La rottura del nesso tradizionalmente assodato tra politica e guerra mira non soltanto a ristabilire quello che mi sembra un corretto ordine dei fattori e a predicare la loro consequenzialità al posto di una impossibile simmetria, ma più che altro a collocare su piani ben distinti tra loro la politica e la guerra, essendo la seconda uno strumento che tende al conseguimento della prima, che è il programma politico (Zweck). In questo modo si spazza via una quantità di inutili o ovvie elucubrazioni sulla guerra, la quale in quanto tale interesserà soltanto chi la deve fare. Un esempio? Molto frequentemente le dottrine della “guerra giusta” fanno riferimento alla violenza (quantità, modalità, ecc.) sprigionata in guerra per valutarne la giustificabilità o meno (S. Tomaso sopra tutti); ebbene, se ci rendiamo conto che non è la guerra combattuta a incidere sulla politica, ne risulterà che a dover essere sottoposta a giudizio sarà soltanto la politica che l’ha decisa e non la guerra che si è combattuta in suo nome. Non sono le modalità del combattimento o la sua crudeltà a essere in gioco, ma il suo effettuarsi. Il giudizio morale sulla guerra si eserciterà su chi e perché, non su come, l’abbia combattuta. È difficile che sotto il fuoco nemico un soldato sappia «moderare» la sua violenza. Aristotele lo aveva già capito, quando osservava «nessuno sceglie di far guerra, né prepara la guerra al solo scopo di guerra, giacché sembrerebbe un vero sanguinario che si rendesse nemici gli amici per far sorgere battaglie e uccisioni»12.

  • 13 So benissimo che c’è chi lo pensa.
  • 14 Con buona pace di ogni tipo di «creazionismo», come quello etologico, che comporta un rimando a ca (...)

10Soltanto se la considerassimo un desiderio naturale, oggettivo e incoercibile13, la guerra (quella vera, non quella dei libri) sfuggirebbe alla sentenza aristotelica, che condanna chi facesse la guerra soltanto per gioco o per piacere. Per Tucidide la guerra si faceva per la gloria, per paura o nella ricerca dell’utile; Hobbes la considerava segno di competizione, diffidenza, gloria; per Hegel rafforzava lo spirito dei popoli. È evidente che soltanto se le guerre non sono considerate eventi naturali, ma prodotti umani, si può mettere in campo il concetto di responsabilità, sottraendo la guerra al regno della «natura» e affidandola a quello della «cultura»14. E così, se la guerra «segue» la politica, potremmo anche dire che essa— piuttosto che un’alternativa della politica —ne è prevalentemente il fallimento: se scoppia una guerra è perché la politica che la precedeva è fallita o, più semplicemente, la aveva voluta. Ma questa affermazione è tanto perentoria e, in un certo senso, conclusiva o definitiva, che non può essere meramente enunciata ma richiede a sua volta qualche approfondimento, anche perché quella qui avanzata non è certo condivisa da tutti, specialmente nel XX secolo, sovente guardato come il «secolo delle grandi guerre», mentre andrebbe semmai definito il «secolo delle grandi politiche». Non manca comunque chi ritiene che senza guerra manchi vita: per ragioni oggettive, oppure altre, di tipo strategico.

4. Le trasformazioni della guerra

  • 15 Croce, 1928: 30.
  • 16 Croce, 1951: 206.

11Certamente non avrebbe derubricato la guerra Eraclito nel mondo antico, per il quale «polemos è padre di tutte le cose» evocando una sorta panteismo naturalistico, che ben più recentemente è stata riproposto da Benedetto Croce, ancor prima che la Grande guerra attirasse su di sé grande attenzione da parte della cultura del tempo, quando sostiene che «vita è lotta, e lotta senza pietà, [...] la guerra è la sua legge, e [...] la storia è storia di guerra e non di pace, di atti di forza e non già di acquiescenze»15, come se fosse la guerra a decider le politiche (oltre che, addirittura, a disegnare la storia) e non viceversa. Anni dopo (anzi, esattamente il 22 luglio 1919), a Croce scapperà detto addirittura che «le lotte degli Stati, le guerre, sono azioni divine»16.

12Ma vista la difficoltà di tagliare definitivamente il nodo —dal che discenderebbe l’esigenza di accantonare il modo corrente di studiare la guerra— proviamo ad ascoltare una brillante e intrigante affermazione di Edward Luttwak (personalità non soltanto ben nota anche al di fuori del mondo degli studi, ma anche seguita da una pessima opinione tra i colleghi), il quale non si fa domande retoriche, ma prende il toro per le corna. «Diamo un’occasione alla guerra», invoca Luttwak:

  • 17 Luttwak, 1999: 36. Tale speciale fase culminante non è altro che quella cui si riferiva Clausewitz (...)

è una spiacevole verità sovente trascurata quella secondo cui, anche se la guerra è un gran male, ha comunque una grande virtù: essa può risolvere i conflitti politici e condurre alla pace. [...] La guerra arriva alla pace soltanto dopo essere passata attraverso una fase culminante di violenza17.

  • 18 Un grande studioso, Ken Organski, per nulla chiacchierato invece, aveva ipotizzato, intanto, che t (...)

13Ed è ben più che una chance quella a cui Luttwak si riferisce: soltanto l’esaurimento di tutte forze che in un conflitto si gettano può garantire che a un «fine-guerra/pace» si giungerà realmente e che ci sarà una pace di esaurimento, dunque solida e durevole (almeno fin tanto che non abbiano tutti ristorato le loro forze)!18 In altri termini, nella logica di Luttwak la guerra finisce quando non se ne può più! Affermazione tanto ovvia quanto inquietante per la condizione che Luttwak mette in luce: se alla singola guerra non si consente di esaurire tutte le sue potenzialità ma ci si affiderà a tentativi vari di mediazione, interposizione, tregua, trattative, eccetera, esse resteranno tali e pronte a ri-esplodere alla prima occasione.

  • 19 Non so come Luttwak difenderebbe la sua tesi di fronte all’esito della Guerra dei sei giorni del 1 (...)

14In un certo e paradossale (oltre che brutale) modo, l’argomento di Luttwak è fondato, e nel suo esibito cinismo suggerisce che le «piccole» guerre che contraddistinguono il mondo contemporaneo siano destinate a diventare ricorrenti e inevitabili perché nessuna di esse è terminata per davvero: l’esempio classico e più clamoroso è quello delle guerre arabo-israeliane, nessuna delle quali —nonostante la perentorietà degli esiti— ha mai portato a una definizione conclusiva (e per di più, quando ne scoppia una, ci si affanna per fermarla o sopirla, senza sradicarla)19. Si tratta di una notizia di non poco conto e che riveste una capacità predittiva immensa: «a ogni (piccola) guerra ne seguirà un’altra», e dunque basta guardarci intorno per conoscere il nostro futuro bellicoso. Luttwak dedurrebbe che sia meglio non frenare le guerre perché ciascuna di esse, una volta consumata, aumenterebbe il bene del mondo riducendone il male e la quantità di nuove guerre cui altrimenti si andrebbe incontro.

  • 20 Dico una volta per tutte (e per evitarmi una critica che potrebbe altrimenti essere giustificatiss (...)
  • 21 Non escluderei che questa «confusione» possa essere elencata tra gli argomenti che sorreggevano la (...)
  • 22 Clausewitz, 1970: 38 (il corsivo è aggiunto).
  • 23 Clausewitz, 1970: 811.

15Tanto Croce quanto Luttwak (due esempi, non due capi-scuola sul tema) toccano aspetti di grande interesse: per il primo le guerre ci sono sempre state e —più che altro— ce ne saranno sempre; per il secondo, se ce ne sono, è perché non siamo capaci a condurle a termine (anche se il retro-pensiero potrebbe essere: non siamo abbastanza forti nel combatterle). Ma di nuovo, come è evidente, nulla dicono del rapporto che la guerra ha con la politica20. C’è una forte ragione di fondo per ciò e con riferimento all’ultimo mezzo secolo: dal 1945 al 1989, la politica internazionale si è trovata a vivere «sull’orlo dell’abisso», cioè nell’equilibrio del terrore, cosicché guerra e politica diventavano tutt’uno —producendo un vero e proprio «totalitarismo» della Bomba21. Ma l’aporia è sempre lì: sembra che la guerra domini la politica, diventandone autonoma e indipendente, mentre essa non è altro che uno strumento —si direbbe che sottolinearne la strumentalità ne diminuisca il fascino, e gli studi sulla guerra perdano di centralità; ma Clausewitz, intanto, già a suo tempo l’aveva ben detto: dopo la famosa proposizione («la guerra non è altro che la continuazione della guerra con altri mezzi») infatti continua: «quanto alla guerra rimane di proprio non si riferisce che alla natura particolare dei suoi mezzi»22, e alla fine aggiunge che «essa [la guerra] non è affatto una cosa a se stante»23.

16Quel che Clausewitz aveva intuito ma non esplicitò è che la guerra in quanto «continuazione» non può avere, per questo solo fatto, lo stesso status analitico che ha la politica. La «guerra assoluta» (Della guerra, VIII, II) di cui egli parla —intendendosi che la sua «ascensione agli estremi» riguardi entrambi i contendenti— si trova ad annunciare addirittura la fine della politica perché il suo obbiettivo sarebbe l’«atterramento» dell’avversario, cioè la sua fine, la sua sottomissione e, per così dire, la «fine» della politica. Come dire: ciò che la politica inizia, la guerra completa.

5. Quella delle «nuove guerre» è una storia vecchia

  • 24 Nel libro meno recente tra i classici contemporanei dell’argomento, la tripartizione era tra guerr (...)

17Non intendo sostenere che si debba mandare in soffitta il messaggio clausewitziano, ma che vada rapportato allo sconcerto che attanaglia la teoria delle relazioni internazionali che non riesce più a collocare le guerre contemporanee in una delle classi a cui eravamo storicamente abituati (guerre di potenza, guerre imperial-coloniali, guerre civili)24, come emerge dalle considerazioni di uno studioso che espone una serie di perplessità sullo stato della guerra al giorno d’oggi (non staremo, né lui né io, a ricostruire la storia del presente che tutti conosciamo, consapevoli comunque della quantità di guerre che lo contraddistinguono), dato che almeno dall’Ottantanove a oggi sembra ne siano comparse diverse fattispecie.

  • 25 Definizione tante volte ri-definita da non poter essere qui ri-discussa. L’antesignana ne è stata (...)
  • 26 Badie, 2014: 15-21. Anche in questo caso, le mie citazioni hanno la funzione di esempi, e sono anc (...)

18Tra le cosiddette «nuove guerre»25, B. Badie trova quelle che derivano dalla crisi dello stato, dalla sua debolezza e dalla sopravvenuta incapacità di affermarsi; la maggior parte di esse è ormai infra- e non inter-statale, e fanno nascere società guerriere e autoreferenziali nelle quali lo stato di guerra tende a diventare permanente, e gli interventi militari esterni non riescono a dare vita a ordinamenti democratici, cosicché questi nuovi tipi di conflitto rifletterebbero delle patologie sociali26, e danno l’idea comunque —si potrebbe aggiungere— della fine delle concezioni classiche della guerra, come se quest’ultima non trovasse più il suo posto, non avesse più il suo storico significato e non adempiesse più ai suoi compiti (come quelli espletati nel classico immaginario della battaglia campale). Ma è possibile?

  • 27 Per la sua storia cfr. Bonanate, 2010: 13-14.

19La risposta a questa domanda si colloca tra due estremi: se la guerra fosse «natura» potrebbe cambiare soltanto se, dapprima, a cambiare fosse la politica; se invece è «cultura», dovrà venir osservata in quanto ancella della politica (per i motivi che abbiamo già discusso) ben più che nei suoi diversi modi di comparire, per capirne la strumentalità (invece che di «nuove guerre», dovremmo parlare di «nuove politiche»). La storia può aiutarci: la guerra è stata, negli ultimi cinquecento anni (dacché lo stato moderno ha incominciato a diffondersi e consolidarsi), il fondamentale elemento di scansione e separazione tra una età e l’altra: tanto più grande la guerra, tanto più significativa e importante l’innovazione introdotta. Si trattava della formazione di stati territorialmente delimitati, ascrivibili al patrimonio vero e proprio (ed ereditario) di chi era in grado di controllarli, governati assolutisticamente e quindi ordinati: è allora che nasce quella nuova forma politica che si chiama «internazionale» (anche se la parola appare soltanto nel 1789)27, destinata a strutturare la vita di relazione tra gli stati, che verranno intesi da quel momento in poi non più come puri e semplici aggregati utili che creano un tessuto economico-sociale «locale» e auto-delimitato, ma come portatori di rivalità, sogni di potenza, aspirazioni di dominazione.

  • 28 Faccio appena notare, ma perché affronterò il problema più avanti, che non ho precisato nulla a ri (...)

20La guerra intesa come modalità per la definizione degli esiti delle competizioni internazionali nasce in quello stesso momento —non che non ci fossero guerre nelle età precedenti, ma non avevano effetti che locali e determinati; riguardavano chi le combatteva, non il sistema internazionale in quanto tale. Ovvero, la centralità della guerra si manifesta nel momento in cui gli stati diventano quel che sono oggi (anche se ovviamente la loro conformazione interna è andata dal «semplice» al «complesso»). E così sarà una vera e propria guerra «mondiale» a officiare lo scontro epico tra Carlo V e Francesco I nel XVI secolo; il XVII sarà quello della Guerra dei trent’anni; il XVIII, della guerra di successione spagnola, mentre il XIX sarà aperto dalle guerre napoleoniche e il XX dalla Grande guerra (forse ricongiungibile, in una nuova guerra dei trent’anni, con la Seconda). Potremmo continuare su questa linea di lettura storiografica28, se non fosse che il nesso storia/guerra —che ci racconta lo sviluppo della vita politico-internazionale nella sua progressiva compattezza e coerenza— conosce a un certo punto, dopo mezzo millennio di continua efficacia, una battuta di arresto assolutamente eccezionale, meglio, anomala, che interrompe il flusso storiografico. Si tratta del 9 novembre 1989, di cui cercherò di mostrare ora come richieda una spiegazione che sia alla sua altezza, perché deve affrontare un’eccezione della storia. Preciso intanto che se sono le grandi guerre quelle che scandiscono la storia, non per questo le altre guerre (minori) sono insignificanti divagazioni storiche. Semplicemente non tocca a loro di mutare la direzione della storia: la guerra del Vietnam ha avuto una mortalità altissima (1.250.000 circa di vittime), che la colloca tra le «peggiori» della storia, ma non per questo essa ha innovato la politica internazionale del suo tempo in modo drastico —anzi potrebbe essere addirittura considerata una guerra «nel» sistema, che addirittura rinverdiva il modello storico della guerriglia, e non avere quindi nulla di inconcepibile o inspiegabile. Il fatto è che è proprio vero che le guerre non sono tutte uguali— e lo vedremo.

  • 29 La chiamo così senza alcun investimento propositivo, ma come pura scorciatoia dell’insieme degli s (...)
  • 30 Quanto imponenti (e trascurate) siano tali differenze materiali è quanto ho cercato di chiarire in (...)
  • 31 Non dico se ciò fosse un bene o un male.

21Ciò che succede il 9 novembre 1989 (cui continuo a ricorrere semplicemente come data-simbolo) non corrisponde né alla concezione della guerra-automatica (sempiterna e uguale a se stessa), né a quella della guerra-ancella (che discende da altro), perché non giunge né al termine di una specifica corsa agli armamenti, né consegue a minacce particolarmente precise e credibili, senza per altro consistere in scontri militari tra forze armate, né sembra che il ciclo politico-internazionale si sia a sua volta interrotto (o si sia innovato). Ma produce una discontinuità storica grandiosa, del tipo di quelle che si sono realizzate al termine delle grandi guerre del passato (una coalizione che si dissolve; uno stato egemone che si trova nella posizione dello sconfitto; una serie di alleati che si ritirano dalla lotta, un impero che si dissolve —tutto come da copione, verrebbe da dire, se non fosse che sull’altro lato, quello dei vincitori, non si consegue quella capacità di ri-costruire il mondo dandogli un nuovo ordine internazionale, che era ciò che si realizzava nelle altre guerre). Non abbiamo avuto, nell’Ottantanove, il tipo di guerra che spontaneamente scoppia nel momento in cui lo scontro tra le parti si è fatto ormai indifferibile, tant’è vero che abbiamo avuto gli stessi risultati di una guerra senza che la si combattesse. Per di più, anche un’altra anomalia si manifesta: non sembra infatti che i vincitori abbiano saputo sfruttare la nuova situazione per consolidare la propria situazione di potenza. Una vittoria vera e propria avrebbe dato luogo (come sottolineavo appena sopra) a un nuovo ordine internazionale, che è invece esattamente ciò che non succede dopo l’89. Come i posteri poterono (e possono) vedere, da allora, nella società internazionale29 si avviò lo smantellamento di ogni gerarchia internazionale costituita, a favore di una specie di egualizzazione planetaria in base alla quale tutti gli stati diventavano —si fa per dire— simili, anche se le rispettive situazioni materiali li differenziavano enormemente30. Una situazione assolutamente originale, che è stata «celebrata», nel peggiore dei modi possibili, dall’altra data fatale del nostro tempo, l’11 settembre, che non soltanto ha il significato intrinseco che conosciamo, ma ci introduce in una nuova età, nella quale per la prima volta nella storia la guerra incomincia a perdere i connotati elementari che le conoscevamo. Compare infatti un sistema internazionale «finalmente» anarchico, condizione per secoli annunciata e teorizzata ma mai effettivamente concretizzatasi, mentre ora l’inesistenza di un principio di ordine internazionale, la disseminazione di centri di potere e poi di lotta, risultano dalla totale assenza di quelle capacità di controllo che nei secoli precedenti avevano creato limiti freni e dimensioni delle guerre31.

  • 32 Mi si permetta di rinviare a questo proposito a Bonanate, 2006: 23 e 63.

22Sembra che oggi la guerra sia andata a impattare nel suo contrario, il terrorismo, che è per l’appunto «la guerra di chi non può fare la guerra»32: due pratiche che non possono cumularsi o combattersi tra di loro perché occupano piani etici, strategici, organizzativi totalmente distinti tra loro. Non averlo capito ha obnubilato le nostre capacità di comprensione e qualcuno ha pensato che si potesse fare anche una war on terrorism. Ma guerra e terrorismo sono due differenti forme di violenza politica, che quindi corrispondono a fini specifici e rispettivamente «altri». Se una war on terrorism ci fa passare da una guerra all’altra (dall’Afghanistan in Iraq, dall’Iraq in Libia, dalla Libia in Siria, e così via) è proprio perché la guerra non è terrorismo, né quest’ultimo è o può combattere una guerra. La dissoluzione dello stato è ben altro che l’attacco terroristico che esso può subire anche senza perdere la sua soggettività. Più semplicemente, non può esistere la guerra a un soggetto che non è titolare di un diritto di guerra.

23Ma non ci si può nascondere che —trascurando l’infelicità della formula proposta, e la sua inconsistenza logica— la «distanza» tra guerra e terrorismo sembri accorciarsi. Potremmo far discendere da tutto ciò che il vecchio mondo si sia dissolto senza che uno nuovo si sia ancora formato e affermato. Addirittura, sulla base delle informazioni che a partire dall’11 settembre si sono accumulate sui nostri giornali potremmo concludere che un nuovo ordine internazionale non possa sorgere e lo stato del mondo stia peggiorando continuamente, o meglio, che esso non faccia più riferimento a quelle regole e a quei parametri grazie allo scostamento dai quali potevamo valutare l’andamento delle cose, senza che nulla si sia posto in cambio. Se noi ora, invece, consideriamo la situazione attuale (che comporta le guerre in corso, civili e internazionali; le crisi finanziarie che attanagliano settori decisivi dell’economia internazionale; i movimenti migratori di massa, le difficoltà di politica interna che si manifestano qua e là, e da cui conseguono fattori di destabilizzazione locali, ma non irrilevanti) potremmo pensare che non si tratti di pure e semplici coincidenze, di casi della vita, o di difficoltà congiunturali, ma che —crollato il sistema di ordine internazionale dato— non se ne possa o riesca costruire uno nuovo e dunque il mondo si avvii verso un declino complessivo, una crisi epocale, l’auto-distruzione, o che, meno drammaticamente, siamo di fronte a un mondo che potremmo non riuscire a capire.

6. Tra bilanci e previsioni, tra programmi e consuntivi

24Uno scenario tanto fosco ci può spingere a porre una domanda soltanto apparentemente ingenua: dov’è andata a finire la politica, che cosa faceva mentre il mondo crollava? O meglio, il declino del mondo è il declino della politica, perché essa non lo ha saputo reggere e correggere? Non è in discussione qui se i politici siano inetti e abbiano condotto cattive politiche mentre se ne avessero svolte di buone il mondo andrebbe meglio, quanto semmai se la politica abbia (ancora) la forza di regolare il gioco e sia essa che decide la guerra e la pace, il meglio e il peggio, e così via, e non stia succedendo il contrario. Non è tanto importante neppure sapere se il mondo migliorerà, ma capire perché sia tanto declinato, senza cercare la risposta in eventi e contingenze casuali o impreviste: cambiamenti tanto grandi non possono essere «sfuggiti» alla nostra osservazione (non possiamo rifugiarci nel destino o nella volontà degli dei). Ed ecco che allora una sola possibile linea interpretativa si affaccia: non che la guerra sia «sfuggita» alla politica o le si sia ribellata, ma che la politica sia sempre stata una «cattiva» politica, non soltanto nelle sue manifestazioni materiali, ma strutturalmente: la politica che facciamo e discutiamo non è capace a risolvere i problemi dell’umanità.

  • 33 Smith, 2009: 43-44. Non è senza interesse sapere che l’autore di guerre si intende, avendo alle su (...)
  • 34 In questo senso, ma solo in questo, anche la lettura di Clausewitz comporta una revisione.
  • 35 Dio non voglia che queste due pratiche un giorno si fondessero: si avvererebbe davvero l’età della (...)
  • 36 Uno per tutti: «la politica estera non esige l’uso di quasi nessuna delle qualità che sono proprie (...)

25Usciamo infine dall’astrattezza dei discorsi generali e cerchiamo di calarci nella realtà del nostro tempo, ben sapendo che ogni età è destinata a produrre le analisi adeguate al suo mondo. Che senso ha, ad esempio, dire che «la guerra non esiste più» e che essa, in quanto «imponente evento decisivo in una disputa riguardante gli affari internazionali» è uscita dai nostri orizzonti, visto che «l’intero concetto di guerra [...] è cambiato»33, come mostrerebbe anche la proliferazione delle sue ri-definizioni? E per rendere la questione più bruscamente realistica: ha ancora senso, oggi come oggi, la nozione di «battaglia»? È chiaro che l’importanza di queste domande non sta tanto nella ricerca di una specifica nuova guida per l’azione, ma nello smascheramento dell’obsolescenza dei dibattiti sulla guerra, nell’inutilità di tenerci stretti a pregiudizi, nozioni, parametri ormai superati da una realtà che si è radicalmente innovata34. Possiamo cercare di collegare il vecchio e il nuovo mondo, constatando che ormai la guerra non appare più come una prova di potenza (tra potenze) ma di impotenza, ovvero di degrado non soltanto dell’ordine internazionale ma anche della tenuta delle istituzioni civili di una gran parte di stati. Per cinque secoli la guerra è stata la costruttrice di imperi prima e di nazioni poi; ma ora pare che quel cammino sia compiuto e che la guerra sappia soltanto più esser distruttiva. Senza vincitori né vinti non esiste più una sorgente di ordine, ma soltanto l’entropia crescente di un ambiente nel quale le difficoltà e l’affaticamento del vecchio non riescono a far sorgere del nuovo. Il mondo potrebbe essere passato da un’età di grandi guerre a una di guerre piccole, oppure da una situazione nella quale le guerre scoppiavano tra grandi potenze (quasi «immaterialmente») per poi diradarsi nella bellicosità sorta da crisi interne, locali, che poi si internazionalizzavano, o comunque a una conflittualità non-statuale e proprio per questo meno controllabile, che è quella che prevalentemente viene esorcizzata in quanto terroristica e che avrebbe la funzione di denunciare la perdita, di tenuta e di consistenza, dell’ordine internazionale35. Non è cambiata la guerra, ma ne sono variate storicamente le congiunture: se non ci possono essere, oggi, guerre di potenza e di conquista è perché tutto il mondo ne è già stato oggetto. La guerra è destinata, nel futuro prossimo, a iniziare all’interno degli stati e poi diffondersi tra gli altri. Ma se la guerra non ha più capacità fondative e la politica —almeno per quanto ne riguarda le dimensioni internazionali— continua a ritenere che la struttura della vita internazionale sia anarchica, che le politiche estere degli stati non possano che essere aggressive, egoistiche e ciniche36, e che le guerre siano in quanto tali inevitabili (anche se non se ne conosce il ritmo), ebbene, non saremo capaci di dotarci di strumenti di analisi, dapprima, e di capacità «positive» poi, per fondare una cultura politica internazionalistica idonea ad affrontare i problemi dell’oggi e le sue novità.

  • 37 La «pace dello spirito» è una gran bella cosa, ma temo che nessuno di noi sia ancora in grado di v (...)

26Ho cercato in queste pagine di esorcizzare la guerra sfatandone alcuni miti, primo tra tutti quello della sua inevitabilità, ridimensionandone poi la funzione creativa: la guerra è un mezzo e non un fine, a cui ho cercato di sostituire l’argomento secondo cui la politica è l’unica speranza (finora, purtroppo, sempre mancata) che possiamo nutrire affinché il XXI secolo sfugga alla tragica profezia che prevede una grande guerra per ciascun secolo. La guerra continuerà a rimanere ciò che è stata per millenni; dobbiamo semplicemente de-sacralizzarla e sconsacrarla. Mentre non esiste guerra che non sia politica, la politica non richiede guerre per svilupparsi. E la politica raggiungerà la consapevolezza di essere l’unica chance di cui l’umanità dispone. Alla domanda posta nel mio titolo c’è una sola possibile risposta, affermativa, perché l’unica alternativa alla guerra è proprio la politica. Non è nella guerra che dobbiamo cercare alternative alla politica, che deve invece creare alternative alla guerra. Gli avvenimenti recenti ci fanno ricordare che la grande e fondamentale legge di natura hobbesiana (pax est quaerenda) ben di ciò avvertiva: solo la pace può sconfiggere la guerra, ma deve riuscire a politicizzarsi. Sciogliamo il dubbio: soltanto la politica è alternativa alla guerra e la può evitare37. E l’unica politica che non richiede violenza è quella proposta dalla teoria democratica.

Torna su

Bibliografia

Aristotele (1986). Etica nicomachea, Milano, Bur.

Aron, R. (1967). Vincere la guerra, tr. it. in AA.VV., La violenza, Roma, A.V.E.

Aron, R. (1976). Penser la guerre, Clausewitz, Paris, Gallimard.

Badie, B. (2014). Introduction a Badie, B., e Vidal, D. (a cura di), Nouvelles guerres. L’état du monde 2015, Paris, La Découverte.

Bobbio N. (1989). Il conflitto termonucleare e le tradizionali giustificazioni della guerra (1962), in Id., Il terzo assente, Milano, Edizioni Sonda.

Bonanate, L. (2006). Il terrorismo come prospettiva simbolica, Torino, Aragno.

Bonanate, L.(2010). Prima lezione di relazioni internazionali, Roma-Bari, Laterza.

Bonanate, L.(2011). Undicisettembre, Milano, Bruno Mondatori.

Bonanate, L.(2015). Anarchia o democrazia, Roma, Carocci.

von Clausewitz, K. (1970). Della guerra (1832), tr. it. Milano, Mondatori.

Croce, B. (1928). Pagine sulla guerra, Bari, Laterza.

Croce, B.(1951). Carteggio con Vossler 1889-1949, Bari, Laterza.

Girard, R. (2007). Achever Clausewitz, Paris, CarnetNord.

Gros, F. (2006). Etats de violence. Essai sur la fin de la guerre, Paris, Gallimard.

Kaldor, M. (1999). Le nuove guerre, tr. it. Roma, Carocci.

Le Roy Ladurie, E. (1967). Historie du climat depuis l’an mil, Paris, Flammarion.

Luttwak, E. N. (1999). Give War a Chance, «Foreign Affairs», 78, 4, 36-44.

Organski, A. F. K., e Kugler, J. (1977). The Costs of Major Wars: the Phenix Factor, «The American Political Science Review», 71, 4, 1347-1366.

Rusconi, G. E. (1999). Clausewitz, il prussiano. La politica della guerra nell’equilibrio europeo, Torino, Einaudi.

Small, M., e Singer, J. D. (1982). Resort to Arms, Beverly Hills, Sage.

Smith, R. (2009). L’arte della guerra nel mondo contemporaneo, tr. it., Bologna, Il Mulino.

Tarrow, S. (2015). War, States and Contention. A Comparative Historical Study, Ithaca, Cornell University Press.

de Tocqueville, A. (1981). La democrazia in America (1835), tr. it. Torino, Utet.

Zhang, D. D., Brecke, P., Lee, H. F., He, Y., e Zhang, J. (2007), Global climate change, war and population decline in recent human history, «Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America», 104, 49.

Torna su

Note

1 von Clausewitz, 1970: 40. I conoscitori già sanno che dopo queste parole giungono quelle altre, straordinarie, della famosa definizione «trinitaria», così come R. Aron la definì (Aron, 1976).

2 Aron, 1967: 170.

3 Mi si permetta di rinviare, a proposito dell’importanza di quell’evento, al mio Undicisettembre (Bonanate, 2011).

4 Si sarebbe sviluppato un circuito perverso: il terrorismo che genera una guerra la quale, a sua volta, scatena nuovo terrorismo.

5 Basterà ricordare la famosa formula clausewitziana, «La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi» (von Clausewitz, 1970: 30). Avverto subito che più avanti cercherò di far emergere qualche nuovo aspetto di questa famosissima proposizione.

6 Scioglierò, alla fine, il dubbio relativo.

7 von Clausewitz, 1970: 774. I corsivi sono nell’originale.

8 Aron, 1976; mi riferisco alle pp. 92-93 e alla Note XVI, pp. 405-406, del primo volume, L’âge européen.

9 Che è invece proprio ciò che faceva R. Girard, che (forse più precisamente) ne offriva una lettura fuorviante, come quando attribuisce a Della guerra la sua propria ispirazione, «religiosa», addirittura, grazie alla quale egli pensa di poter addirittura «finirla con Clausewitz»! (Girard, 2007: spec. 15).

10 Rusconi, 1999: 15.

11 Potremmo aggiungere che lo scandalo della violenza di guerra va imputato dunque non alla guerra, ma alla politica che vi ricorre.

12 Aristotele, 1986: 1177b.

13 So benissimo che c’è chi lo pensa.

14 Con buona pace di ogni tipo di «creazionismo», come quello etologico, che comporta un rimando a causalità meccaniche indipendenti dalla volontà umana, e che si accontentano di scoprire delle correlazioni, come quelle legate al nesso clima-guerra; cfr. Zhang, Brecke, Lee, He, Zhang, 2007, che «trovano» che i cicli di guerra e pace, le dinamiche demografiche e dei prezzi, sono stati guidati nei secoli recenti da modificazioni a lungo termine del clima della terra (ho scelto un esempio tra tanti. Tra i primi ad aver riflettuto sul punto, va ricordato Le Roy Ladurie, 1967).

15 Croce, 1928: 30.

16 Croce, 1951: 206.

17 Luttwak, 1999: 36. Tale speciale fase culminante non è altro che quella cui si riferiva Clausewitz (Clausewitz, 1970). Aron aveva già coniato, a suo tempo, la formula della «ascension aux extrêmes», in Aron 1976).

18 Un grande studioso, Ken Organski, per nulla chiacchierato invece, aveva ipotizzato, intanto, che tra un fine-guerra e la nuova-guerra passi mediamente e all’incirca un ventennio; cfr. Organski e Kugler, 1977.

19 Non so come Luttwak difenderebbe la sua tesi di fronte all’esito della Guerra dei sei giorni del 1967, una delle più violente e intense guerre di annientamento del mondo contemporaneo alla quale ne sono seguite diverse altre.

20 Dico una volta per tutte (e per evitarmi una critica che potrebbe altrimenti essere giustificatissima) che tra le «alternative» della guerra c’è anche —e prioritariamente— la pace. Ma trattare questa coppia ci porterebbe su tutto un altro terreno.

21 Non escluderei che questa «confusione» possa essere elencata tra gli argomenti che sorreggevano la tesi del «salto qualitativo» operato con la comparsa della bomba atomica. Cfr. per tutti, Bobbio, 1989.

22 Clausewitz, 1970: 38 (il corsivo è aggiunto).

23 Clausewitz, 1970: 811.

24 Nel libro meno recente tra i classici contemporanei dell’argomento, la tripartizione era tra guerre sistemiche, extra-sistemiche e civili (Small e Singer, 1982); nel più recente (Tarrow, 2015: 19) si parla invece di guerre inter-statali, extra-statali e civili.

25 Definizione tante volte ri-definita da non poter essere qui ri-discussa. L’antesignana ne è stata comunque Kaldor, 1999. Va dato atto a Gros, 2006: spec. 215 ss., di aver precocemente suggerito (senza tuttavia portare a compimento l’argomento) che le varie «novità» avrebbero potuto condurre a nuove ipotesi sulla guerra.

26 Badie, 2014: 15-21. Anche in questo caso, le mie citazioni hanno la funzione di esempi, e sono anche «esemplari» in quanto non oggetto di critica, da parte mia, ma di impostazioni che discutono con la mia.

27 Per la sua storia cfr. Bonanate, 2010: 13-14.

28 Faccio appena notare, ma perché affronterò il problema più avanti, che non ho precisato nulla a riguardo della prossima scadenza.

29 La chiamo così senza alcun investimento propositivo, ma come pura scorciatoia dell’insieme degli stati del mondo.

30 Quanto imponenti (e trascurate) siano tali differenze materiali è quanto ho cercato di chiarire in Bonanate, 2015: 21-22.

31 Non dico se ciò fosse un bene o un male.

32 Mi si permetta di rinviare a questo proposito a Bonanate, 2006: 23 e 63.

33 Smith, 2009: 43-44. Non è senza interesse sapere che l’autore di guerre si intende, avendo alle sue spalle una carriera sviluppatasi lungo 40 anni di servizio nell’Esercito britannico.

34 In questo senso, ma solo in questo, anche la lettura di Clausewitz comporta una revisione.

35 Dio non voglia che queste due pratiche un giorno si fondessero: si avvererebbe davvero l’età della «guerra civile mondiale» schmittiana.

36 Uno per tutti: «la politica estera non esige l’uso di quasi nessuna delle qualità che sono proprie alla democrazia, e comanda invece lo sviluppo di quasi tutte quelle che le mancano» (Tocqueville, 1981: 268.

37 La «pace dello spirito» è una gran bella cosa, ma temo che nessuno di noi sia ancora in grado di viverla compiutamente.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luigi Bonanate, « La politica come alternativa alla guerra? »Teoria politica. Nuova serie Annali, 6 | 2016, 115-128.

Notizia bibliografica digitale

Luigi Bonanate, « La politica come alternativa alla guerra? »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 6 | 2016, online dal 26 mai 2020, consultato il 10 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/tp/633

Torna su

Autore

Luigi Bonanate

Università di Torino, luigi.bonanate@unito.it.

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
  • Logo Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università degli Studi di Torino
  • Logo Marcial Pons éditeur
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • OpenEdition Journals