Navigazione – Mappa del sito

In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire

Michelangelo Bovero
p. 9-17
Traduzione(i):
This Issue. Next Issue. Call for Papers [en]

Testo integrale

In questo numero

1Il presente volume di Teoria politica si articola in tre sezioni.

2La prima sezione è dedicata al tema Malgoverno, oggetto dell’«invito a contribuire» lanciato da Teoria politica in apertura del volume VIII/2018. Gran parte degli articoli compresi in questa sezione traggono origine dai testi presentati come relazioni all’Ottavo seminario di Teoria politica, svoltosi a Torino nei giorni 25 e 26 ottobre 2018.

3Nel saggio iniziale, Geminello Preterossi prende in considerazione lo scenario più ampio della globalizzazione neoliberale, che tende ad erodere lo stato costituzionale di diritto e con esso il principio classico del buongoverno come governo delle leggi. Questo viene soverchiato e soppiantato in vari modi da forme esplicite o mascherate di potere «personale», il potere arbitrario dell’uomo sull’uomo. Una delle più profonde radici del malgoverno risiede oggi nell’arbitrio dei poteri privati e nella loro prevaricazione o colonizzazione dei poteri pubblici. Il medesimo scenario viene riconsiderato da Roberto Schiattarella nel secondo contributo, che focalizza l’attenzione sulle variazioni della distribuzione del potere nella società: queste vengono ricondotte alle differenti concezioni dei rapporti tra politica ed economia che si sono imposte nel passaggio dall’epoca del New Deal alla nostra. Quando la politica ha delegato al mercato (finanziario) il compito di stabilire le regole della convivenza, ne è conseguito il progressivo svuotamento della democrazia insieme alla crescita delle diseguaglianze e all’approfondimento dell’ingiustizia sociale.

4Dopo questa coppia di contributi dedicati alle forme prevalenti di malgoverno politico ed economico nel modo contemporaneo, i tre saggi successivi riprendono e ricostruiscono le tre categorie paradigmatiche del malgoverno elaborate fin dalle origini classiche della cultura occidentale. L’articolo di Giovanni Giorgini è dedicato al concetto di tirannide, di cui rintraccia la genesi e le declinazioni nella cultura greca, nonché la riemersione lungo la storia del pensiero come emblema del male politico, soffermandosi in particolare sugli usi della nozione presenti nelle opere di Machiavelli e di Tocqueville. Il saggio di Mario Tesini, dedicato alla categoria di dispotismo, inizia col ricostruire l’interpretazione che ne dà Montesquieu, prosegue con l’esame delle metamorfosi della nozione nel pensiero del Novecento, e richiama l’attenzione sulla fecondità e pertinenza della figura montesquieuviana del «dispotismo teocratico», in particolare per inquadrare l’analisi del regime iraniano contemporaneo. Il contributo di Pier Paolo Portinaro ripercorre le linee della riflessione teorica sulla dittatura che attraversa l’intero arco del pensiero politico, a partire dallo studio delle magistrature antiche, per giungere alla dicotomia schmittiana tra dittatura commissaria e dittatura sovrana, e concludersi con la rinnovata fortuna della categoria nel tempo della crisi della democrazia costituzionale.

5I tre saggi seguenti portano l’attenzione sulla famiglia delle figure innovative e controverse che sono state plasmate dal pensiero politico dei secoli più recenti, non senza prendere ispirazione e attingere esempi dai secoli più antichi: il cesarismo, il bonapartismo, il potere carismatico. Massimo Luciani si dedica a fissare i connotati delle categorie di cesarismo e di bonapartismo, classificando quest’ultimo come una specie del genere indicato con il nome del primo, rispetto al quale la specie bonapartista è identificata da caratteri aggiuntivi legati alla modernità politica, e chiarendo di entrambe le differenze essenziali con le categorie classiche o neoclassiche di tirannide, dispotismo, dittatura; e conclude la riflessione rintracciando nel nostro tempo condizioni e segnali favorevoli a nuove avventure cesariste o bonapartiste. Dimitri D’Andrea prende in esame il pensiero di Max Weber, l’inventore della categoria di potere carismatico, ma focalizza l’analisi sulla concezione weberiana della democrazia, di cui difende la sostanziale continuità nei riferimenti di valore, non intaccata —secondo D’Andrea— dalla svolta plebiscitaria, qui interpretata come una «accentuazione» dell’immediatezza della relazione tra governanti e governati, funzionale a una «democrazia della decisione». Lucilla Moliterno ricostruisce la figura del demagogo, variante esemplare —insieme a quelle del condottiero e del profeta— del potere carismatico weberiano, identificata dall’autrice con i caratteri costanti attraverso cui il pensiero politico d’ogni tempo ha riconosciuto il suo «eterno ritorno» in tutti i regimi fondati sull’appello al popolo: le strategie comunicative, le tecniche di persuasione o (meglio) di seduzione e di corruzione del popolo, e infine lo scopo di istituire una «tirannide democratica».

6Gli ultimi tre saggi di questa prima sezione alimentano l’interesse per tre casi di studio particolarmente rilevanti e vistosi, quasi proponendosi come le tessere di partenza di un mosaico la cui composizione potrebbe essere l’obiettivo di una ricerca collettiva, caldeggiata da Teoria politica: un atlante geografico e storico del malgoverno. L’articolo di Nadia Urbinati —redatto in risposta al nostro specifico invito a contribuire— costruisce la figura del «trumpismo» come modello esemplare del populismo al potere, di cui prende in esame la retorica, l’ideologia, gli scopi e i risultati conseguiti; e indica nella «democrazia populista» una nuova forma di governo rappresentativo, fondato sulla relazione im-mediata tra il leader e il «popolo retto» o «buono» e sull’autorità suprema dell’audience. Giuseppe Tosi —anch’egli rispondendo al nostro invito— illustra e analizza il caso del Brasile nei suoi sviluppi politici più recenti, presentandolo come esito estremo di una dinamica globalmente diffusa, in cui l’affermazione del neoliberalismo —qui interpretata come sopraffazione del liberalismo economico sul liberalismo politico— culmina nell’avvento di quello che l’autore chiama «populismo autoritario». Chiude la sezione il saggio di Remo Bodei, che prende in esame la natura e i caratteri della forma estrema di malgoverno instaurata dai conquistadores nel Nuovo Mondo, e poi tornata a riproporsi in varie forme e con alterne vicende nella storia politica dell’America latina, come se si trattasse di un destino inemendabile di violenza, corruzione e oppressione.

7La seconda sezione ha per titolo un’espressione «logicamente strana» (logically odd), Pensieri eguali e diseguali, quasi a metà tra un’ellissi e un anacoluto, che vuol alludere alla peculiare natura di questo grande tema ricorrente del pensiero politico, alla forma dilemmatica, di opposizione e tensione indisgiungibile, in cui sempre si ripresenta, e alla insuperabile difficoltà di pensarlo. Era il titolo della giornata di studio organizzata a Brescia dall’Arifs (Associazione per la ricerca e l’insegnamento di filosofia e storia) il 4 novembre 2017: Teoria politica pubblica qui i testi riveduti e corretti delle relazioni presentate in quell’occasione, con l’aggiunta di un contributo del tutto nuovo. Nel primo saggio, Valentina Pazé prende in esame le tre specie principali in cui si presenta, e i modi in cui viene giustificata, la diseguaglianza nel mondo antico, distinte in base alla natura del soggetto svantaggiato in ciascuna di esse, la donna, lo schiavo e il meteco (lo straniero residente), rispetto all’unico soggetto privilegiato, il cittadino (che è tale in quanto) maschio, libero e autoctono; e considera che il principio di eguaglianza affermatosi nel mondo moderno non è ancora riuscito ad erodere la terza specie di discriminazione. Il secondo contributo, di Massimo Cuono, è dedicato al pensiero del primo grande filosofo egualitario, Jean-Jacques Rousseau, nel quale l’autore individua e analizza le relazioni complesse, sfuggenti, controverse tra due dicotomie fondamentali, quella che oppone (diverse forme di) eguaglianza e diseguaglianza e quella che separa natura e artificio; rintracciando echi e riflessi, ma anche perversi rovesciamenti di questo intreccio di relazioni concettuali, nel pensiero ideologico neoliberale. Nel terzo saggio Ermanno Vitale, prendendo le mosse dalla tipologia dell’eguaglianza delineata da Norberto Bobbio, ripropone meritoriamente all’attenzione degli studiosi il pensiero del più radicale partigiano dell’egualitarismo, Gracchus Babeuf: ne mette in evidenza il genuino valore teorico e lo strenuo vigore morale, ma rintraccia anche le inesorabili cadute distopiche del suo disegno, pur frontalmente opposto alla «distopia realizzata» del neoliberalismo attuale; rispetto alla quale, anche il più moderato egualitarismo bobbiano appare a Vitale un ideale ineffettivo e inefficace. L’articolo di Gianfranco Ragona è dedicato a Karl Marx, nei cui scritti giovanili l’autore ricostruisce le prime formulazioni, più propriamente politiche, dell’interesse verso i temi della diseguaglianza e dell’egualgianza; per poi passare ad esaminare la declinazione che assume questa problematica nell’opera matura e specificamente nel Capitale, dove all’opposizione tra eguaglianza politica e diseguaglianza sociale indicata nella Questione ebraica si affianca e si sostituisce la scissione tra il regno «egualitario» del mercato e la diseguaglianza che domina i rapporti di produzione: una condizione storica dalla quale, mutatis mutandis, pare ancor oggi difficile immaginare di potersi emancipare. L’ultimo saggio di questa sezione è stato composto da Agustín Menéndez accogliendo l’esplicito invito rivoltogli da Teoria politica a considerare l’incidenza del problema «eguaglianza» nel pensiero contemporaneo: l’autore prende in esame specificamente la filosofia politica, rinnovatasi nell’ultimo scorcio del xx secolo focalizzando l’interesse sull’eguaglianza come «virtù sovrana» (Dworkin), nel contesto dell’affermazione dello stato democratico e sociale; ma osserva come questa discussione teorica filo-egualitaria, paradossalmente, sia cresciuta (forse a dismisura) nello stesso tempo e con gli stessi ritmi in cui la diseguaglianza reale, in tutti i suoi parametri, ha intrapreso un opposto cammino inarrestabile, favorendo il riemergere di concezioni politiche autoritarie, anche per la debolezza o l’assenza di movimenti orientati sulla «stella polare» dell’eguaglianza; ciò nonostante, le strutture costituzionali dell’eguaglianza mostrano di saper resistere e possono ancora essere difese e migliorate.

8La terza sezione, intitolata Saggi, come di consueto di carattere miscellaneo, comprende cinque contributi. Il saggio di Maria Vittoria Ballestrero offre un illuminante quadro concettuale per comprendere e affrontare una complessa patologia sociale del nostro tempo: il divorzio tra lavoro e reddito; guardando per un verso al «lavoro senza (sufficiente) reddito», ricostruisce il dibattito sull’introduzione per legge di un salario minimo inderogabile; considerando per l’altro verso le proposte di «reddito senza lavoro», intese come forme di contrasto alla povertà dovuta a mancanza di lavoro, discute le discipline normative variamente denominate «reddito di inclusione» o «reddito di cittadinanza». L’articolo di Luigi Bonanate riconsidera, nella prospettiva delle relazioni internazionali, la problematica connessione —concettuale e fattuale— tra «nazione» e «stato», sottolineando come il secondo sia di per sé legato all’instaurazione di strutture per la convivenza, mentre la prima sia intimamente connessa allo sprigionarsi della conflittualità, e inferendone la conclusione che sia necessario, su tutti i piani, mantenere l’una separata dall’altro. Il saggio di Luigi Ferrajoli, richiamando vigorosamente l’attenzione sulle abnormi violazioni di diritti umani provocate dall’esercizio incontrollato dei poteri globali, politici ed economici, propone di designarle come «crimini di sistema» e di riconoscerle come illeciti giuridici, benché non possano essere considerate propriamente illeciti penali; e sottolinea la necessità di denunciare le responsabilità politiche e morali di quei soggetti che potrebbero impedire o contrastare i crimini di sistema istituendo adeguate garanzie di diritto internazionale. Chiudono la sezione due contributi dedicati al pensiero di Hobbes, da tempo tornato al centro dell’interesse degli studiosi. L’articolo di Mauro Farnesi Camellone invita a rinnovare la riflessione sulla famosa controversia tra Hobbes e l’arcivescovo anglicano Bramhall intorno alla libertà e alla tensione tra l’onnipotenza divina e il libero arbitrio, sottolineando la sua intrinseca rilevanza teologico-politica. L’articolo di Francesco Toto ricostruisce l’atteggiamento di Hobbes verso il cristianesimo delle origini nella sua dimensione etico-politica e avanza ipotesi sul grado di compatibilità della pretesa autonomia della comunità cristiana con i capisaldi della teoria hobbesiana.

Nei prossimi numeri

9Teoria politica invita a riprendere e sviluppare la ricerca multidisciplinare su entrambi i nuclei tematici sui quali è articolato il presente volume, il malgoverno e l’antitesi tra eguaglianza e diseguaglianza. Del resto, anche una semplice scorsa ai contributi qui compresi vale a confermare che i temi sono tra loro connessi strettamente: ogni malgoverno riposa su diseguaglianze e/o genera diseguaglianze, anche quando si ammanta di un qualche travestimento opposto; diverse forme di diseguaglianza instaurano diverse forme di malgoverno, su entrambi i paramentri classici, ossia il disprezzo per l’interesse pubblico e l’imposizione di potere arbitrario; la ricerca dell’eguaglianza, o meglio di differenti e incrementali eguaglianze, ha guidato molti soggetti politici moderni nella battaglia contro differenti forme di malgoverno.

10La riflessione collettiva sul primo nucleo tematico avviata con il presente volume si è incanalata in due direzioni complementari: verso la composizione di un dizionario e di un atlante storico-geografico del malgoverno. Teoria politica invita ora a considerare il fenomeno più vasto, che sembra non tanto accompagnare la (ri)fioritura contemporanea di antiche e nuove forme di malgoverno —in senso lato, di cattiva politica, e in senso stretto, di regimi deviati e degenerati—, quanto offrire ad esse le condizioni ambientali migliori per svilupparsi: il mutamento della forma di stato che si è affermata come prevalente nella modernità, lo stato rappresentativo (sottolineo: ritengo opportuno designarla e riconoscerla come una «forma di stato», non una «forma di governo», né una «forma di regime»; l’espressione di uso corrente «governo rappresentativo» a me pare inappropriata e foriera di confusioni). Ha scritto Norberto Bobbio: «Con l’avvento dello Stato rappresentativo, sotto forma di monarchia prima costituzionale e poi parlamentare, in Inghilterra dopo la “grande ribellione”, nel resto d’Europa dopo la rivoluzione francese, e sotto forma di repubblica presidenziale negli Stati Uniti d’America dopo la rivolta delle tredici colonie contro la madrepatria, ha inizio una [...] fase della traformazione dello Stato, che dura tuttora. [...] Lo Stato rappresentativo quale si è venuto formando in Europa negli ultimi tre secoli è ancora oggi il modello ideale delle costituzioni scritte che si sono venute affermando in questi ultimi decenni». (Si noti bene: le «forme» della «monarchia prima costituzionale e poi parlamentare» e della «repubblica presidenziale» —nonché, si deve aggiungere, della repubblica parlamentare— sono per l’appunto riconoscibili e designabili come differenti forme di governo alternative possibili dell’unica forma di stato rappresentativo).

11In estrema sintesi, e scontando inevitabili ambiguità e imprecisioni, questo modello di stato è identificato dalla presenza in posizione eminente, nell’architettura delle istituzioni, di un organo collegiale elettivo, titolare della suprema funzione politica, ossia del potere legislativo, la cui composizione è determinata dai cittadini in quanto individui egualmente dotati del diritto di partecipare alle decisioni collettive, ossia le decisioni vincolanti erga omnes, specificamente mediante l’esercizio del diritto di elettorato attivo e passivo, e non in quanto membri di ceti o corporazioni; e che pertanto si pone come organo della «rappresentanza politica»: della polis e del suo interesse generale, non di ceti o corpi sociali frazionari e dei loro interessi particolari. In altri termini, il potere politico nel suo complesso, ovvero il potere di stabilire, eseguire e applicare la volontà pubblica, in questa forma di stato divenuta quasi universalmente diffusa viene suddiviso e articolato (variamente) in una pluralità di organi distinti; ma nel suo modello ideale, quello che ha ispirato le costituzioni scritte del dopoguerra, questo sistema di organi trova il proprio baricentro —il luogo preponderante nella determinazione delle decisioni collettive— nell’organo collegiale elettivo che «rappresenta» la collettività come tale: che agisce in suo nome perché la rispecchia. Ebbene, nei tempi più recenti la forma di stato rappresentativo a poteri divisi ha subíto un po’ dovunque un processo degenerativo, che ha per un verso deformato, e per l’altro depotenziato l’organo della rappresentanza politica. Per effetto combinato delle distorsioni indotte dai sistemi elettorali (e spesso invocate, in nome della cosiddetta «governabilità») e delle trasformazioni nella dinamica dell’aggregazione del consenso (la cosiddetta «crisi dei partiti», che ha cause molteplici e complesse), gli organi rappresentativi, i parlamenti, sono in moltissimi casi divenuti progressivamente meno rappresentativi: l’immagine —appunto, la «rappresentazione»— della collettività politica che essi esibiscono nella loro composizione risulta (in diverse misure) deformata, per esclusione di alcuni orientamenti che non superano soglie di sbarramento, e per alterazione delle proporzioni relative tra quelli che vi accedono. Parallelamente, il baricentro del potere politico si è spostato in modo sempre più accentuato dalle assemblee rappresentative agli organi cosiddetti esecutivi, che diventano i veri organi decisivi; in realtà, questo processo ha origini più lontane nel tempo, ma nel periodo più recente ha raggiunto esiti estremi: in alcuni casi, i parlamenti appaiono non solo depotenziati ma pressoché esautorati dai vertici governativi.

12Le patologie della rappresentanza —che Teoria politica invita a ricostruire e analizzare nella molteplicità dei loro aspetti e nella complessità delle cause e delle conseguenze— sono a mio giudizio da vedersi nel loro insieme come il volto istituzionale complementare, e rivelatore, di quel fenomeno polimorfo eppure omogeneo che molti studiosi hanno da qualche tempo preso a chiamare «dis-intermediazione». In breve: l’istituto stesso della rappresentanza politica non è altro che la forma della mediazione tra il cittadino e lo stato, tra la volontà individuale e la volontà collettiva, è il modo —il «medio» (il medium)— attraverso cui le molte volontà individuali si trasformano nella volontà colletiva. E’ il «mezzo» (di nuovo: il medium) con cui i moderni hanno provato a realizzare, per gradi, la democrazia. Ma per alcuni —le nuove «élites del potere»— la democrazia dei moderni è troppo esigente, è pericolosa, va addomesticata snaturando e depotenziando la rappresentanza, fino a ridurla ad una apparenza di democrazia che riveste e traveste il potere im-mediato di un’autocrazia elettiva; per altri, sfiduciati dal funzionamento effettivo degli istituti della rappresentanza, la democrazia rappresentativa è impossibile, è un adynaton, anzi un inganno, e bisogna trovare il modo (il mezzo, la via) per fare a meno della mediazione rappresentativa, cominciando con l’erodere progressivamente i poteri dell’organo della rappresentanza: ridurre il numero dei parlamentari, abolire il divieto di mandato imperativo, decidere per referendum, designare per sorteggio… Evocando, persino nelle formule ufficiali che enunciano le attribuzioni di un ministero, il fantasma roussoviano della democrazia diretta, o un suo ectoplasma virtuale, «in rete»; e inducendo quindi a considerare i rappresentanti in quanto tali come usurpatori, almeno potenziali, della volontà del popolo sovrano, e dunque della democrazia.

13Il fantasma di Rousseau, ovviamente, vuol essere un fantasma egualitario; anche nella sua riproposizione virtuale, pretende di essere tale. Egualitario in modo più chiaro, senza ambiguità, era il fantasma evocato da Marx nel Manifesto del 1848. Il fantasma dell’eguaglianza è sempre un fantasma «sinistro», sia nel senso che si presenta ogni volta come una minaccia inquietante a turbare la tranquillità dei «diseguali», dei privilegiati; sia nel senso che appare di volta in volta «a sinistra» dello schieramento politico. Secondo una rappresentazione semplificata ma attendibile (almeno sino a un certo momento), nella storia moderna le correnti e i movimenti che hanno assunto l’eguaglianza —o meglio, di volta in volta una determinata specifica eguaglianza— come principio di orientamento politico si sono succeduti l’un l’altro «scavalcandosi a sinistra». I liberali nacquero «a sinistra», battendosi per la costituzionalizzazione dei diritti individuali di libertà contro i fautori dell’ancien régime e della restaurazione; ma in seguito «scivolarono» a destra perché furono «scavalcati» a sinistra, prima dai democratici, che si battevano per l’estensione dei diritti politici al di là delle barriere censitarie, poi dai socialisti, che assunsero (in svariate e anche contradditorie maniere) come obiettivo politico l’emancipazione economico-sociale al di là di quella politica.

14Ricostruita così, sembra che la storia moderna abbia un senso. Un verso di marcia chiaro ed univoco. Ma non è andata così. Soprattutto, non è andata a finire così. Questo è un racconto, una «grande narrazione» —come si usa dire seguendo una moda francese— che ha via via perso credibilità. Anzitutto: nell’ultimo secolo, la storia è stata attraversata e devastata da ideologie, movimenti e regimi radicalmente antimoderni, e perciò comunemente definiti «reazionari», negatori del principio di eguaglianza in qualsiasi modo inteso, fautori dell’imposizione autoritaria e della gerarchia come solo principio (naturale) di ordine politico. Sono quelle che nella semplificazione del linguaggio comune designiamo come «dittature di destra», e che collochiamo, in quanto nemiche anzitutto della (egual) libertà degli individui in ogni aspetto, «a destra» dei movimenti liberali, anche dei più conservatori: quindi, alla «estrema destra». Poi, ma forse dovremmo dire allo stesso tempo, il cosiddetto «socialismo reale» ha dato luogo a quelle che nel linguaggio corrente si sono chiamate «dittature di sinistra», che hanno fatto nascere nuove terribili diseguaglianze tra oppressori ed oppressi, con ciò scompaginando la connessione tra sinistra ed eguaglianza. Nel secondo dopoguerra, con l’affermazione e la diffusione del modello della democrazia costituzionale, a molti sembrò che la storia moderna potesse riprendere un suo cammino lineare, incrementale, «verso sinistra»: come storia dell’eguaglianza. Invece, intorno alla metà degli anni ’70 abbiamo assistito all’aprirsi di una diffusa e rovinosa crisi culturale, prima ancora che politica, del valore dell’eguaglianza, all’imporsi graduale ma inarrestabile e sempre più rapido dell’egemonia neoliberale, e alla progressiva scomparsa della sinistra. La sinistra è diventata un fantasma. In un significato opposto a quello del Manifesto di Marx. Non più come uno spauracchio minaccioso per le classi dominanti, per i «diseguali», pronto a materializzarsi, a prendere corpo e vita; bensì come la parvenza residua, umbratile ed esangue lasciata da qualcuno che non c’è più: un lenzuolo vuoto. «A sinistra» si è fatto un vuoto. E con la sinistra è scomparsa l’eguaglianza: la ricerca dell’eguaglianza, l’aspirazione all’eguaglianza. Situazione inedita e paradossale: proprio nel tempo in cui sono esplose in forme e dimensioni inaudite le diseguaglianze globali, quasi tutti i partiti della (ex?) sinistra hanno smesso di orientare il proprio cammino sulla «stella polare» dell’eguaglianza (come la chiamava Bobbio; ma si veda l’articolo di Menéndez nel presente volume).

15Così «i diseguali», le élites globali, il famigerato «uno per cento», sembra sia­no riusciti ad imporre il proprio dominio quasi senza incontrare opposizioni efficaci. Suscitando ondate clamorose di protesta, ovviamente; che hanno fatto nascere, in alcuni casi, movimenti di reazione politica anti-elitistica di relativo successo. Ma là dove non si trovano vie di sfogo credibili a sinistra, la protesta non può che riversarsi nei soli canali di destra. Vecchi e nuovi. Senonché, alcuni dei soggetti che si propongono come nuovi rivendicano, a loro (ambiguo) modo, identità egualitarie: tra questi, i fautori della nuova democrazia diretta, la pretesa e presunta democrazia digitale. Qui mi limito a far osservare —offrendo questo granello di lievito alla riflessione comune— che delle due dimensioni categoriali dell’eguaglianza, l’inclusività e l’equivalenza, questi nuovi egualitari sembrano aver acquisito la seconda (in formule semplificate, «uno vale uno», poi disattese nella pratica dell’agire politico), ma non aver assimilato (digerito?) la prima: l’ostilità verso i migranti pare confinarli nell’ossimoro di un egualitarismo escludente.

16Teoria politica invita a rinnovare e approfondire la riflessione sulle più recenti paradossali vicende del sinistro fantasma dell’eguaglianza.

Inviti a contribuire

1. Oltre lo stato rappresentativo?

17La trasformazione dei poteri e delle funzioni dei parlamenti è un processo multiforme che si osserva fin dalle origini dell’istituzione moderna della rappresentanza politica. Più recente, e specificamente diverso, è il fenomeno della tendenziale mutazione della forma di governo parlamentare, che è stato chiamato «presidenzializzazione dei parlamentarismi». Ma ancora diverso, e più radicale, appare il processo di mutamento, di erosione e forse di avvio all’estinzione della forma di stato rappresentativo come tale, qualunque sia la forma di governo in cui si articola il disegno delle istituzioni nei diversi paesi. La rappresentanza politica in sé stessa ha forse esaurito il suo ciclo storico? Ha perso la sua funzione, e dunque la sua ragion d’essere? Ma quali sono le ragioni della rappresentanza? Quali erano quelle addotte e rivendicate dai fautori dell’instaurazione della forma di stato rappresentativo, nel passaggio —evolutivo o rivoluzionario— dalla rappresentanza cetuale alla rappresentanza politica? Sono ragioni ancora sostenibili? O possono essere sostituite da altre ragioni? E ancora: rappresentanza e democrazia sono istanze compatibili, compossibili? La loro coniugazione istituzionale è auspicabile? O sono preferibili, per ragioni di efficienza, istituzioni della rappresentanza meno «rappresentative»? E queste istituzioni sarebbero (sono) per ciò stesso meno democratiche? Oppure la rappresentanza implica di per sé meno democrazia, e per avere democrazia occorrerebbe fare a meno della rappresentanza? È divenuta possibile la democrazia senza rappresentanza? In che modo, con quali processi decisionali? E sarebbe auspicabile? O non si rivelerebbe come tale una forma di malgoverno, proprio come pensavano i grandi classici antichi?

18Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • ripensare il significato di «rappresentanza politica»;

  •  declino della democrazia rappresentativa e della rappresentanza democratica;

  • i poteri e i non-poteri dei parlamenti, oggi;

  • addomesticare i rappresentanti: il vincolo di mandato;

  •  decidere direttamente: il referendum;

  • evitare di eleggere: il sorteggio;

  • chi non è e chi non vuol essere rappresentato.

2. La congiura dei diseguali, la reazione contro i diversi

19Secondo la celebre caratterizzazione di Norberto Bobbio, è l’eguaglianza la categoria che ispira la visione del mondo, e il principio ideale che orienta i programmi d’azione, delle correnti e dei movimento «di sinistra». Da quando si è affermata —con i parlamenti moderni, con l’avvento del moderne régime— la rappresentazione orizzontale dello spazio politico, i soggetti «di sinistra» sono (di volta in volta, nelle diverse e successive circostanze storiche) i promotori dell’emancipazione dei subordinati: il terzo stato, il quarto stato… e poi, quanti altri? Il loro obiettivo è sconfiggere privilegi per eliminare discriminazioni, il loro nemico è la diseguaglianza, anzi le diseguaglianze, vecchie e nuove, economiche sociali politiche: in risorse, in diritti, in poteri. La lotta tra i «partiti» degli eguali e dei diseguali ha segnato i secoli della modernità politica, una storia tutt’altro che lineare, né magnifica né progressiva. Dopo il tramonto del «socialismo reale» come utopia capovolta —appunto: un’utopia dell’eguaglianza rovesciatasi nel suo contrario— la «libertà selvaggia» (Kant) dei neoliberali ha travolto l’aspirazione all’eguaglianza: nello spazio politico, la sinistra si è spopolata. E ha vinto la diseguaglianza, nel mondo reale e nelle immagini diffuse che lo rappresentano: da un lato —anzi, «in alto», quasi un ritorno alla configurazione verticale dell’ancien régime— l’élite, l’establishment, i ricchi, i privilegiati...; dall’altro —«in basso»— chi? La massa, il «popolo», gli impoveriti, i deprivati? Ma ancora più in basso gli esclusi, gli ultimi e gli ultimissimi, gli stranieri, i migranti... E sovente le reazioni «popolari» anti-elitiste degli impoveriti, dei soggetti sospinti verso il basso, vengono catturate nelle reti demagogiche di imprenditori del consenso che appartengono al mondo dei privilegiati e ne perpetuano il dominio, convogliando il risentimento e le paure dei penultimi contro gli ultimi, dei «diseguali in basso» contro i «diversi».

20Teoria politica incoraggia contributi sui seguenti temi specifici:

  • forme dell’eguaglianza e della diseguaglianza: tempi e fasi di un conflitto perenne;

  • la «congiura dei diseguali»: soggetti, istituzioni e poteri dell’ordine globale;

  • diseguaglianze radicali: la democrazia è senza futuro?

  • diseguaglianze radicali: l’età dei diritti è esaurita?

  • i diseguali e i diversi: logiche della discriminazione e dell’esclusione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michelangelo Bovero, « In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire »Teoria politica. Nuova serie Annali, 9 | 2019, 9-17.

Notizia bibliografica digitale

Michelangelo Bovero, « In questo numero. Nei prossimi numeri. Invito a contribuire »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 9 | 2019, online dal 26 mai 2020, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/tp/775

Torna su

Autore

Michelangelo Bovero

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
  • Logo Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università degli Studi di Torino
  • Logo Marcial Pons éditeur
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • OpenEdition Journals