Navigazione – Mappa del sito
Malgoverno

Il potere del denaro. Oligarchie nell’età globale

The Power of Money. Oligarchy in the Global Age
Roberto Schiattarella
p. 57-74

Abstract

The New Deal experience, later consolidated in the post-war «reformist» culture, was the most conscious expression of the need, in every democratic society, to avoid the concentration of power favored by the market. The loss of awareness of the fact that every interventionist policy in economy is also a policy that distributes power might be considered as a sign of the transition to a new era; in which an opposing objective to the New Deal is posited: a new redistribution in favor of the strong, as a necessary product of the functioning of the market. In the Bretton Woods’ world, the rules allowed for a wider autonomy to handle internal balance and protect the weaker members of society through public policy as well as public visibility. In the world of the rules established by Reagan and Thatcher, the room left for national economic policy was drastically reduced. National States have lost an important part of their ability to decide in favor of the markets. It is not the former who control the latter; but the latter —financial markets in particular— who have become the supervisors of the States’ behavior. The effect of this change is the increasing distance between strong and weak countries and, internally, of social inequality. National politics, crushed by the logic of the markets and the new international rules, is no longer able to gather the consensus of citizens. It is therefore urgent to find its legitimacy in international markets and institutions, rather than in society. Citizens no longer have an interlocutor in politics who responds to their needs and lose the ability to understand what is happening. The market culture, which has become hegemonic, narrated what was happening as the inevitable result of technical facts, while in reality it was a change in the rules of civil coexistence.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Economia e potere

1Il modo in cui il potere è distribuito nella società condiziona il funzionamento di un sistema economico? La teoria economica oggi prevalente non ci aiuta a dare una risposta a questa domanda. Guardando invece più indietro nel tempo, ci sono stati periodi, anche lunghi, nei quali la questione ha assunto un ruolo centrale nelle analisi degli economisti e periodi altrettanto lunghi in cui è tornata a scomparire, o almeno a diventare un elemento secondario del dibattito. Questo è appunto quanto è successo negli ultimi trenta anni nei quali lo spazio lasciato dagli studiosi di economia al potere come chiave di interpretazione del funzionamento dei sistemi economici è stato estremamente marginale. Marginale sia nelle analisi che hanno guardato al modo di funzionare delle economie nazionali, sia in quelle sviluppate sul sistema economico internazionale.

2La convinzione che sembra oggi prevalere è dunque quella secondo la quale i rapporti economici sono regolati da logiche sostanzialmente di natura tecnica. La significativa concentrazione dei redditi e della ricchezza in atto in tutti i paesi occidentali negli ultimi decenni non sembra aver messo in discussione questa convinzione.

3La scelta di affrontare la questione del potere come un elemento che ha a che fare con la dimensione economica, e dunque che non può essere trascurato, pone l’analisi fuori dai sentieri più frequentati dalla riflessione economica contemporanea. Costringe a ragionare con meno punti di riferimento consolidati ma, a giudizio di chi scrive, mette anche in condizione di comprendere meglio quello che sta succedendo e di rendere meno ardua l’individuazione delle possibili vie di uscita al continuo allargamento delle disuguaglianze e all’approfondirsi della ingiustizia sociale.

4Un risultato che è possibile raggiungere soprattutto se si guarda alle esperienze di un passato non troppo lontano. La storia e, come abbiamo appena detto, la storia delle idee del novecento mettono a disposizione di chi voglia approfondire la questione molti materiali che possono essere di grande utilità per la comprensione del presente.

5Ci riferiamo in particolare al patrimonio di conoscenze che si è accumulato con l’esperienza iniziata negli anni trenta negli Stati Uniti che va sotto il nome di New Deal. La rilettura di quanto è successo ed è stato fatto in quegli anni può aiutarci a comprendere perché Roosevelt abbia attribuito una importanza cruciale alla questione del potere nella sua lettura della crisi che era succeduta al crollo di Wall Street nel 1929. Può collocare la sua analisi all’interno della situazione economica del tempo; può farne capire il retroterra culturale, ma anche politico. Potremo in sostanza chiarirci l’intero disegno della sua politica di intervento. Un progetto che si poneva l’obiettivo di dare una risposta non temporanea ai problemi di squilibrio tra i poteri presenti nella società statunitense. Potremo approfondire come la logica del New Deal si sia andata consolidando nel tempo e abbia dato vita ad un’esperienza più complessa: sia stata all’origine di quello che sarà chiamato il riformismo. Un’esperienza politica e culturale che ha trasformato profondamente il sistema istituzionale del mondo occidentale ed ha avuto un ruolo cruciale nella creazione del sistema di Bretton Woods, con le sue regole ed i suoi obiettivi.

6Potremo capire meglio: a) cosa è accaduto quando quel mondo si è andato sfaldando negli anni della crisi petrolifera; b) il significato delle regole intorno alle quali si è andato strutturando il sistema internazionale all’inizio degli anni ottanta; c) quali sono stati i probabili obiettivi che si sono posti Reagan e Thatcher nel momento in cui hanno disegnato le nuove regole, quale è stato il nuovo ordine sociale e internazionale che hanno immaginato, quali obiettivi in termini di distribuzione del potere tra i paesi, e all’interno di ciascuno, si sono voluti raggiungere. Potremo infine individuare i processi inter-istituzionali che si sono determinati per effetto delle nuove regole, come sono cambiati gli equilibri di potere che si erano determinati fino ad allora tra paesi ed all’interno dei paesi e come questi nuovi equilibri hanno inciso sul funzionamento dei sistemi economici del mondo occidentale e sulle strutture delle loro democrazie.

  • 1 La struttura che abbiamo dato all’esposizione ha seguito la logica della teoria dei sistemi ­compl (...)

7Ripercorrendo con la nostra esposizione la logica della teoria dei sistemi complessi1, potremo riflettere, per concludere, sul ruolo della cultura, del cosiddetto neoliberismo nel determinare i cambiamenti e la stabilizzazione dei nuovi equilibri. Sul modo in cui si è venuta a costruire una egemonia culturale che ha fatto apparire indiscutibile, ha fatto diventare senso comune, la coincidenza tra gli interessi dei soggetti socialmente forti e l’interesse generale. Come, in altre parole, la cultura stessa abbia assunto un ruolo essenziale di strumento di potere.

2. Roosevelt e il New Deal

  • 2 Si veda su questo tema la nuova traduzione del libro di Roosevelt riportata in Roosevelt, 2018.

8Con l’inizio della presidenza Roosevelt, nei primi anni trenta, si è aperta una stagione che ha inciso profondamente sul funzionamento dell’economia americana e, col tempo, sul modo di essere dell’intero sistema economico internazionale. Un arco di quattro decenni in cui sono andati modificandosi gli equilibri sociali in tutti i paesi occidentali; in cui la politica non solo ha preceduto la cultura economica, ma è stata capace di elaborare un radicale cambiamento del suo ruolo e dei suoi obiettivi rispetto alla prima parte del secolo. Il futuro presidente degli Stati Uniti, già durante la sua campagna elettorale, e spesso davanti a un pubblico di imprenditori, ha reso esplicita la sua diagnosi sulle cause della crisi apertasi nel 1929. Secondo Roosevelt, le difficoltà che il sistema economico e sociale americano stava incontrando nei primi anni trenta erano legate alla presenza sempre più estesa di grandi concentrazioni di potere economico; concentrazioni che si erano potute tollerare nel momento in cui il paese andava formandosi come potenza industriale, ma che erano, a suo giudizio, incompatibili con i valori del sogno americano e il modo in cui questo sogno si era trasformato in una organizzazione sociale. In contraddizione quindi, in primo luogo, con i valori a cui si era ispirata la costituzione degli Stati Uniti. Roosevelt ha dedicato tutta la prima parte del libro che scrisse già nel 1933 a riflettere su questi valori2. Ma in contraddizione anche con le necessità dello sviluppo economico del paese: il concentrarsi del potere in poche mani costituiva infatti, secondo Roosevelt, un elemento di distorsione tale da impedire il buon funzionamento di un sistema centrato sul mercato e sulla concorrenza.

  • 3 Su questo punto si veda anche Villari, 2014.

9Il compito che derivava alla politica d’intervento da questa analisi era semplice. Se si voleva dare continuità all’idea di convivenza civile dei padri fondatori e rimettere in moto il paese dal punto di vista economico occorreva procedere a uno smantellamento delle concentrazioni di potere e ad una redistribuzione dello stesso nella società3.

10Un’analisi che, a ben vedere, indicava contemporaneamente anche il principale strumento del New Deal: lo stato e le istituzioni pubbliche. I soggetti cioè che, secondo Roosevelt, erano dotati del potere necessario per realizzare il suo progetto di redistribuzione del potere all’interno del sistema sociale. Una centralità delle istituzioni pubbliche che si accompagnava, sul piano strettamente operativo, a un atteggiamento di grande pragmatismo. La combinazione di questi due elementi ha dato vita ad una politica istituzionale che ha assunto talvolta caratteri esplicitamente sperimentali ma che ha trovato la sua unitarietà nell’obiettivo di proteggere le componenti più deboli della società. Un obiettivo perseguito sia direttamente attraverso la costruzione di primi elementi di welfare, sia indirettamente attribuendo alle istituzioni pubbliche un ruolo di mediazione sociale, sia infine supportando l’attività del sindacato. Una mediazione che di per sé rafforzava le posizioni delle fasce più deboli della società sul piano contrattuale.

  • 4 Roosevelt, 2018.

11Una politica che si è dovuta misurare con le resistenze che venivano dai gruppi sociali forti, ma che col tempo ha potuto raggiungere i suoi obiettivi, sia pure con qualche discontinuità, soprattutto grazie all’eccezionale consenso che quella politica economica è riuscita ad aggregare nella realtà americana4. Un consenso che si è manifestato in maniera evidente nei tre rinnovi successivi del mandato presidenziale.

3. Il retroterra culturale

  • 5 Villari, 2014.

12La politica economica di Roosevelt non nasceva dal nulla. Si radicava in un retroterra culturale che la politica aveva fatto proprio e aveva elaborato sotto la spinta di una crisi finanziaria che stava mettendo a nudo tutti gli elementi di insensatezza di un modello di sviluppo centrato sulla finanza. Una situazione per molti aspetti simile a quella attuale —e questo non può non farci pensare alle distanze che ci sono rispetto ai programmi politici attuali— ma diversa da due punti di vista molto importanti. In primo luogo perché il contesto politico internazionale era segnato dal consolidarsi dell’esperienza comunista in Unione Sovietica. Nessuno in quegli anni negli Stati Uniti poteva non avvertire la sfida che veniva al modello economico e sociale americano dal nuovo ordine che si stava affermando in quel paese. Una sfida che, rileggendo gli scritti del tempo, era particolarmente sentita dagli intellettuali che circondavano il presidente e che avevano elaborato il suo programma politico5.

  • 6 Su questo tema si veda Easley, 1973: 81ss., ma anche de Finetti, 1962 e de Finetti, 1989.

13E, in secondo luogo, perché la risposta a questa sfida nasceva in un contesto profondamente cambiato sul piano della cultura; un cambiamento che si era avviato nei decenni precedenti e che coinvolgeva i fondamenti epistemologici del processo scientifico. La visione deterministica del mondo all’interno della quale si erano andate consolidando le due grandi letture del funzionamento dei sistemi economici —quella marxista e quella del mercato— era stata messa in discussione dalla svolta di metodo che si era sviluppata all’interno della fisica. Il mondo si presentava nuovamente troppo complesso per poter essere ridotto a poche leggi che ne costituivano la struttura essenziale6. Nel nuovo ambiente scientifico la ricerca non doveva essere più indirizzata a scoprire le presunte leggi sottostanti al caos apparente. Molto più semplicemente era un modo attraverso il quale lo studioso provava a costruire schemi (temporanei e parziali) capaci ad aiutarlo a comprendere la complessità della realtà che studiava. La distanza tra lo studioso che guardava la realtà e i «fatti» era di nuovo aumentata.

14Un cambiamento di prospettiva scientifica che, se si guarda ai problemi nell’ottica della politica economica, creava una grande discontinuità rispetto al passato. In primo luogo perché l’economia, nella nuova lettura, nel momento in cui poneva al centro la soggettività dello studioso, tornava ad essere scienza essenzialmente normativa. Doveva essere infatti costruita intorno agli obiettivi —e, sullo sfondo, ai valori— che lo studioso stesso si voleva dare; in sostanza, tornava ad essere scienza dei mezzi e dei fini e non solo dei mezzi. In secondo luogo perché i vincoli economici non potevano che apparire meno stringenti. La volontà di cambiamento non doveva scontrarsi o essere condizionata dall’esistenza di leggi economiche assimilabili a quelle naturali; il modo di funzionare di un sistema economico era semplicemente espressione di scelte fatte in passato dagli uomini, che, come tali, potevano essere superate da altre scelte capaci di indirizzare la costruzione della convivenza civile ed economica nelle direzioni volute.

  • 7 Schiattarella, 2019.

15Il carattere pragmatico della politica economica di Roosevelt va letto, a giudizio di chi scrive, all’interno di quanto si è appena detto: come espressione cioè di qualcosa di più di una componente tradizionale della cultura anglosassone. Come punto di arrivo invece di un nuovo atteggiamento culturale7.

  • 8 Carabelli, Cedrini, 2018.
  • 9 Schiattarella, 2019.

16Il New Deal, da questo punto di vista, è stato da un lato un segnale del consolidarsi di un diverso clima culturale e, dall’altro, ha funzionato, soprattutto in campo economico, come una sorta di acceleratore del processo di metabolizzazione della svolta in atto. Se solo attraverso Keynes la collettività scientifica ha preso pienamente coscienza del mutamento del punto di vista implicito nel nuovo paradigma metodologico8, è verso la fine degli anni trenta, quando cioè si è manifestato il bisogno di costruire una nuova classe dirigente capace di interpretare e sviluppare le politiche istituzionali e di intervento del New Deal9, che il pensiero keynesiano ha cominciato ad essere studiato in maniera sistematica in alcune grandi università americane. Solo in quegli anni queste stesse università sono diventate i luoghi di aggregazione di una cultura che, con il tempo, ha teso ad assumere una forma sempre più compiuta.

17Una cultura che, proprio perché centrata su obiettivi e valori, poteva rendere nuovamente esplicita la questione del potere in una società di mercato. E lo poteva fare non solo perché considerava la sua redistribuzione nella società l’asse centrale del progetto di politica di intervento, ma anche perché proponeva qualcosa di socialmente accettabile e politicamente spendibile, come è appunto un programma di redistribuzione del potere dalle aree forti a quelle deboli della società.

18Una cultura che, col tempo, si è andata consolidando fino a prendere la forma di una nuova lettura dei processi economici, e poi, nel decennio successivo alla guerra, a trasformarsi in una vera e propria visione del mondo. Una visione che ha preso il nome di riformismo economico, non solo per distinguersi da un lato dal sostanziale conservatorismo della tradizione del liberismo e, dall’altro, dagli elementi di radicalismo impliciti nell’approccio marxista ed esaltati dall’esperienza sovietica; ma anche perché con il termine riformismo si voleva sottolineare la convinzione che era sempre possibile trovare un modo per far convivere democrazia e mercato. O, per essere più precisi, che era sempre possibile plasmare il modo di essere di un sistema economico per renderlo compatibile, per metterlo al servizio delle esigenze della democrazia.

4. Il riformismo

19Il riformismo nasce da due convinzioni: la prima è che la società che tende a definirsi conformemente alle logiche del mercato non è né l’unica né la migliore possibile; la seconda è quella di cui abbiamo appena parlato, in base alla quale il modo di funzionare dei mercati non crea ostacoli insormontabili alla costruzione di una società democratica. E dunque, non solo si può sempre intervenire sul sistema economico, ma si deve intervenire. L’obiettivo che si pone il riformismo è appunto quello di riuscire a costruire un compromesso accettabile, e stabile nel tempo, tra le regole dell’economia, o per essere più espliciti, tra le spinte che vengono dal modo di funzionare dei mercati e quelle collegate al buon funzionamento di una democrazia. Il riformismo va visto dunque essenzialmente come un orizzonte culturale e politico. Come un modo di affrontare i problemi dell’economia che non può essere in nessun caso ridotto all’insieme delle tecniche attraverso le quali questo progetto si è espresso storicamente. Come abbiamo visto, nel riformismo c’è una componente strutturalmente pragmatica, che non può portare in nessun caso a ricette preconfezionate; nella sua logica, al contrario, si può cogliere un invito alla ricerca di sempre nuove soluzioni tecniche per la politica d’intervento.

20E’ il bisogno di trovare questo compromesso che rende fondamentale l’esplicitazione della questione del potere. Il problema con cui il progetto riformista si deve misurare è infatti il seguente: come è possibile evitare che la tendenza alla concentrazione del potere che accompagna lo sviluppo di una economia di mercato metta in crisi il buon funzionamento di una democrazia, delle sue istituzioni e, a lungo andare, anche dello stesso operare del mercato?

  • 10 Il potere di definire le regole sul piano internazionale dipende strettamente dal ruolo politico e (...)

21La politica economica elaborata dal riformismo nel dopoguerra si è posta ovviamente nella scia di quelle sviluppate da Roosevelt non tanto nel tipo di interventi attuati —che pure, col tempo, hanno assunto una loro identità consolidata— quanto nel suo carattere sperimentale. Questo non significa che non possano essere individuati dei tratti che identificano il riformismo. Il primo elemento caratterizzante è, a giudizio di chi scrive, il ruolo attribuito ai valori come elementi di riferimento delle scelte economiche. Sono i valori della democrazia quelli che devono guidare queste scelte. Il secondo è l’importanza che viene data alla questione del potere. Due elementi che hanno portato il riformismo a identificare lo stato come il soggetto cruciale del suo progetto di convivenza civile, di civiltà possibile. Lo stato infatti, in quella visione, è l’unica istituzione che ha le due caratteristiche necessarie per affrontare i problemi con i quali si deve misurare il riformismo: può rappresentare un’idea di interesse generale diversa e più complessa di quella proposta più o meno implicitamente dal mercato; e ha gli strumenti per intervenire con successo sulla distribuzione del potere all’interno della società, perché, come abbiamo già sottolineato, è esso stesso dotato di potere10.

22È attraverso la creazione di istituzioni pubbliche con compiti di mediazione tra interessi diversi e riequilibrio dei rapporti di forza che si possono riaffermare i valori che una società vuol prendere a riferimento, e si può, contemporaneamente, mantenere nella società una distribuzione diffusa del potere. È attraverso le istituzioni pubbliche che si possono sostenere le componenti deboli di una società, si può impedire che gli interessi delle aree sociali forti alterino gli equilibri a loro favore, si può evitare infine che il crearsi di posizioni di potere dia vita a processi cumulativi pericolosi dal punto di vista del funzionamento della democrazia, ma anche della stessa crescita di lungo periodo.

5. Il riformismo e l’organizzazione del sistema economico internazionale

23La questione del potere assume un ruolo ancora più centrale nel momento in cui ci si occupa del modo di funzionare del sistema economico internazionale. Le regole intorno alle quali si organizzano questi sistemi finiscono con l’essere considerate come un dato sostanzialmente indiscutibile, soprattutto quando la memoria delle loro origini diminuisce. Col tempo, le regole appaiono ai più un’espressione di decisioni sostanzialmente tecniche; si tende a dimenticare il fatto che le regole cambiano nel tempo, e i sistemi di regole sono molto diversi tra loro; e che ci sono periodi di mancanza di regole, o almeno in cui le regole condivise sono relativamente poche. Il modo in cui si è sviluppato il dibattito in Italia in questi ultimi anni —e ancor di più negli ultimi mesi— sui rapporti con l’Europa è significativo di questa mancanza di consapevolezza.

  • 11 Sulla questione delle regole si è soffermato Schumpeter nella sua opera più famosa, Storia dell’an (...)

24Sono proprio gli accordi di Bretton Woods, quelli pensati dalla cultura del riformismo, che possono farci comprendere come le regole, in particolare quelle internazionali, debbano essere viste piuttosto come la materializzazione di progetti politici costruiti in funzione di interessi e di equilibri di potere interni ed internazionali. Regole delle quali la politica economica deve tener conto, almeno nel breve periodo, perché definiscono l’area all’interno della quale la politica d’intervento di un paese può muoversi; senza mai dimenticare tuttavia che esse sono espressione di decisioni politiche prese in passato in funzione di situazioni diverse e con obiettivi specifici e che, proprio per questo motivo11, possono essere modificate o quanto meno ridiscusse.

25Il fatto che questi accordi siano stati pensati nel 1944, quando cioè l’esito della guerra era ormai evidente, ci dice in primo luogo che sono i paesi più forti che disegnano, attraverso le regole, il quadro di riferimento. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna le avevano pensate in funzione di due esigenze: quella di mantenere al centro del sistema internazionale le loro economie, traendone evidentemente un qualche vantaggio. E quella di disegnare un mondo politicamente inclusivo, capace di aggregare un blocco di paesi coeso che fosse in grado di rispondere alla sfida che veniva dal mondo comunista, non solo sul piano della crescita ma anche su quello della giustizia sociale all’interno dei paesi.

  • 12 Carabelli, Cedrini, 2011.
  • 13 Carabelli, Cedrini, 2014.

26E’ avendo in mente questo obiettivo che occorre guardare a come il sistema di Bretton Woods ha affrontato e risolto il problema centrale di ogni sistema internazionale: quello dei margini di autonomia che devono essere lasciati a ciascun paese, senza che questa autonomia costituisca una minaccia per la stabilità del sistema nel suo insieme. Nel 1944 Keynes ebbe facile gioco a imporre regole che lasciavano ai singoli paesi ampi spazi di scelta nelle politiche economiche12. Ampi spazi che, nella visione dell’economista inglese, erano indispensabili per tutelare le diversità tra i paesi e per lasciare maggiori possibilità alle politiche nazionali di perseguire progetti sociali diversi tra loro, sia pure all’interno di un quadro di regole comuni. Per lasciare alle classi dirigenti nazionali, in altre parole, lo spazio necessario per il governo di una democrazia. Uno spazio che veniva bilanciato dalla creazione del Fondo Monetario e della Banca Mondiale, istituzioni di indirizzo, salvaguardia e controllo del sistema internazionale, che, almeno nelle intenzioni di Keynes, dovevano intervenire, in una logica di rafforzamento della coesione tra paesi, a sostegno di quelli deboli, agendo dunque come correttivi dei rapporti di forza esistenti. Quello che ci raccontano gli accordi di Bretton Woods e il modo in cui ci si è arrivati —il dibattito che si ebbe è ormai ampiamente noto13— è un’idea di distribuzione del potere sul piano internazionale coerente con gli interessi politici degli Usa (e della Gran Bretagna) di quegli anni, ma anche generosa verso l’insieme dei paesi del mondo occidentale, e in particolare verso quelli più deboli. Coerentemente peraltro con una cultura che considerava le regole della democrazia, dell’inclusione di tutti i membri di una collettività, come la parte fondamentale del compromesso riformista.

  • 14 Nel dopoguerra il PIL Degli Stati Uniti costituiva quasi il 50% del PIL mondiale. Alla fine degli (...)

27Come tutti i sistemi di regole, anche quello di Bretton Woods ha finito col tempo col non riuscire a svolgere il compito per cui era stato costruito, col non rispondere più alle esigenze dei paesi che l’avevano costruito. È difficile riassumere le cause tecniche e politiche che hanno impedito a quel mondo di continuare a funzionare. Tutte queste cause sono comunque riconducibili al fatto che, col tempo, il contesto internazionale in cui quegli accordi erano nati era andato cambiando, così come erano mutati i rapporti di forza tra i paesi. La Gran Bretagna prima e gli stessi Stati Uniti poi avevano perso terreno rispetto alle altre economie europee, e soprattutto rispetto al Giappone. In particolare, due erano gli elementi di novità importanti: il primo era che il peso dell’economia USA nel sistema internazionale si era molto ridimensionato14; il secondo era che la sfida che veniva al modello sociale occidentale dal mondo comunista, che tanto era stata influente nel determinare le regole di Bretton Woods, stava diventando molto meno importante sul piano politico.

6. Il nuovo modo di organizzarsi dello sviluppo

28Il cambiamento del contesto internazionale, diventato molto più policentrico rispetto al dopoguerra, ha spinto gli Stati Uniti (e la Gran Bretagna) a ripensare le regole e a tentare di costruire nuovi equilibri, sia politici sia economici. Ciò è avvenuto all’inizio degli anni ottanta con Reagan e Thatcher, che hanno ridisegnato il sistema internazionale e gli equilibri sociali all’interno dei paesi, secondo un progetto che può essere visto come espressione, da un lato, della volontà di rilanciare la centralità dei due paesi nel sistema economico, e dall’altro, di costruire società organizzate dal mercato e per il mercato. Un progetto pensato quindi intorno a valori profondamente diversi da quelli del dopoguerra e che si poneva un obiettivo sostanzialmente opposto. L’obiettivo era quello, più in particolare, di mettere in moto una redistribuzione del potere a favore dei paesi anglosassoni e, sul piano interno, di ridisegnare gli equilibri sociali spostandoli a vantaggio dei gruppi più forti. Quella che è stata fatta da Reagan e Thatcher è stata una scommessa sulle capacità del capitalismo —finanziario— di garantire il predominio economico di Stati Uniti e Gran Bretagna nel lungo periodo; ma anche, contemporaneamente, la messa in moto di meccanismi di redistribuzione del potere attraverso nuove regole e un radicale ripensamento delle istituzioni, o almeno del loro ruolo, all’interno del funzionamento del sistema economico. Questo nuovo modo di essere si è consolidato intorno ad una cultura anch’essa nuova —individuata inizialmente con l’espressione Washington Consensus, e più in generale col termine neoliberismo— che ha trasformato profondamente la logica delle politiche di intervento.

29E’ (stata) la fine della stagione del riformismo. Una fine segnata da due cambiamenti importanti: da una inversione di ruoli tra stato e mercato, che ha spostato quest’ultimo, e in particolare i mercati finanziari, al centro dei sistemi economici; dalla drastica riduzione degli spazi di autonomia delle politiche economiche nazionali. I mercati finanziari, che il riformismo aveva fortemente regolamentato proprio per garantire maggiore autonomia agli stati nazionali dal punto di vista della politica d’intervento, sono tornati al centro del sistema economico diventando, con le nuove regole, i tutori del nuovo ordine internazionale. Attraverso la regola della libertà dei movimenti di capitali sono i mercati finanziari, con le loro istituzioni, che controllano nel nuovo contesto l’operare dello stato, e non più viceversa.

30Il processo di redistribuzione del potere che si è realizzato è strettamente collegato al cambiamento dei rapporti tra stato e mercato. E, più in particolare, ai cambiamenti indotti attraverso: a) il ridisegnarsi dei compiti attribuiti alle Banche centrali, che hanno rafforzato gli elementi di autonomia dalla politica nelle scelte fatte da queste istituzioni, un’autonomia che si è trasformata in nuovi vincoli al finanziamento della spesa pubblica; b) lo svilupparsi di politiche di privatizzazione che, sollecitate dalle istituzioni internazionali, sono state nei fatti imposte soprattutto ai paesi più deboli. Una redistribuzione che ha trovato il suo retroterra culturale nella delegittimazione del ruolo dello stato, costruita attraverso una cultura che lo ha rappresentato con gli occhi e attraverso i valori del mercato. In questa lettura, lo stato non è più visto come il soggetto che tutela i diritti, come il portatore dell’interesse generale; viene invece rappresentato come il luogo dell’inefficienza (burocrazia), della sopraffazione fiscale e della corruzione.

  • 15 Stefano Rodotà (2011) parla da un lato di de-costituzionalizzazione per indicare la spinta che è p (...)

31È significativo che in questo nuovo contesto culturale la questione del potere scompaia nelle analisi degli economisti (ma non solo), così come la sua redistribuzione a favore dei gruppi sociali forti venga nascosta dietro i miti, tra loro connessi, dell’efficienza e dello sviluppo del reddito. Scompare per un motivo che è facilmente intuibile. Le scelte che ne conseguono sono difficili da presentare, sono poco spendibili politicamente e socialmente. Vanno dunque rielaborate sul piano culturale per renderle accettabili. Ed è attraverso la cultura che si riesce ad evitare che si sviluppino politiche volte a contrastare le situazioni di asimmetria di potere e i processi cumulativi che si vengono a creare all’interno di una società di mercato. Una cultura che considera sbagliato ogni tentativo di correzione di queste asimmetrie, in nome della modernità15. Una modernità che viene chiamata in causa anche allo scopo di far considerare le resistenze al cambiamento che vengono dai gruppi sociali più deboli come espressioni di una visione conservatrice della società.

32Il nuovo riformismo si sviluppa lungo una linea il cui significato è abbastanza facile da cogliere. Il suo obiettivo, in ultima analisi, è quello di mettere in discussione, prima, e smantellare poi, tutte le istituzioni di mediazione sociale, e più in generale i corpi intermedi della democrazia creati dal riformismo, facendoli apparire più come ostacoli che come strumenti in vista del raggiungimento di un interesse generale. Un interesse generale, si badi bene, che non è più definito dalla società ma dal mercato e quindi che ha dietro di sé altri valori. Presentando l’attività di questi corpi intermedi come un ostacolo —i famosi lacci e laccioli— al pieno e benefico dispiegarsi del mercato stesso. Un tipo di narrazione che avrebbe scarse possibilità di successo se non si fosse prima fatta scomparire dall’agenda degli studiosi di economia la questione del potere.

7. I processi di accumulazione in una economia finanziarizzata

  • 16 Sulla questione dei cambiamenti in atto nel modo di funzionare di un capitalismo finanziario, si v (...)
  • 17 Su questo tema, e in riferimento alla specifica esperienza del nostro paese, si veda De Bernardi, (...)
  • 18 È emblematico del cambiamento dei soggetti di riferimento dell’accumulazione il fatto che l’impren (...)

33Il cambiamento delle regole, così come la centralità dei mercati finanziari, ha modificato profondamente il modo di funzionare dei sistemi economici. I processi di accumulazione, in questo nuovo contesto, sono mossi da logiche che tendono ad accentuare la redistribuzione del potere all’interno della società16. Una redistribuzione legittimata da un cambiamento dell’idea di interesse generale: l’obiettivo della politica d’intervento e, più in generale, delle istituzioni pubbliche, non è più quello dell’alto livello di occupazione. Un obiettivo reso più difficile da perseguire anche da un mondo produttivo differente, non più segnato dal fordismo17. Ma un mondo diverso anche e forse soprattutto perché gli attori sociali che mettono in moto i processi di accumulazione e li governano non sono più gli stessi. E’ il capitalista, inteso come colui che possiede i capitali, la nuova figura chiave; è il perseguimento dei suoi obiettivi che muove i processi economici. Un obiettivo che non è più quello del profitto, ma quello dell’aumento dei valori patrimoniali18. Tutte le sue iniziative sono collegate alla volontà di far aumentare i valori patrimoniali. Un cambiamento che sposta il cuore del sistema economico dal mondo della produzione verso il luogo dove i capitali si valorizzano, cioè i mercati finanziari. Mercati in continua espansione anche per effetto dell’estendersi continuo delle posizioni debitorie e creditorie —pubbliche o private— che accompagnano questo processo a livello internazionale.

34Questo spostamento ha avuto ed ha effetti rilevanti sul piano della distribuzione geografica della produzione, ma anche su quello sociale. In primo luogo perché ha cambiato l’orizzonte temporale delle scelte economiche. In un mondo dominato dalla finanza l’orizzonte è molto più breve rispetto a quello di un sistema centrato sulla produzione. Chi possiede capitali non è sostanzialmente interessato agli effetti di lungo periodo delle proprie scelte. Ciò che è rilevante dal suo punto di vista è quanto accade nell’immediato e come questo cambia i valori patrimoniali. Un modo di guardare alla realtà che ha tre conseguenze. La prima è che i processi economici —e quindi anche quelli di redistribuzione del potere— risultano più accelerati. Tutti i cambiamenti si realizzano in tempi più brevi. La seconda è che aumentano le distanze tra i tempi dell’economia e quelli delle società. Quest’ultima ha come orizzonte temporale quello delle generazioni; la finanza quello dei mesi, se non dei giorni. La terza è che i processi che si attivano in un sistema con forte presenza della finanza tendono ad alterare profondamente gli equilibri sociali, ma lo fanno in una maniera che non è immediatamente percepibile dalla società stessa. In un sistema centrato sulla produzione, infatti, la crescita dei profitti trova un limite nella consapevolezza degli imprenditori che maggiori profitti implicano una minore retribuzione del lavoro, almeno nel breve periodo, e dunque che ogni spinta all’aumento dei profitti genera tensioni crescenti all’interno dell’impresa e nella società. Nel caso invece di processi centrati sulla crescita dei valori patrimoniali, questa può avvenire senza ostacoli immediati o almeno avvertibili sul piano sociale. La dimensione sociale dei processi economici diventa evanescente nel mondo della finanza. Il mondo del lavoro e quello della finanza si muovono su dimensioni apparentemente diverse.

  • 19 Cfr. Leon, 2014.
  • 20 La politica seguita da molte imprese di cambiare relativamente spesso i manager, gli imprenditori, (...)

35Ma questa diversità scompare nel momento in cui si guarda a questi processi in termini di potere. Ponendosi da questo punto di vista si può vedere che la dimensione del potere è molto più presente nel mondo della finanza19. Ogni crescita economica mossa dal desiderio di accumulare ricchezza si traduce infatti in una concentrazione di potere all’interno della società che, a sua volta, crea le premesse per l’accumulazione di altro potere e di altra ricchezza20. In altre parole: più un soggetto è in grado di accumulare potere e ricchezza, più sarà in condizione di accumularne altra. Quello che si vuol sottolineare è che nel capitalismo finanziario vi è una tendenza strutturale alla concentrazione del potere molto più forte di quella che si può rilevare nel capitalismo industriale. Più forte e anche tendenzialmente senza fine. Nessun livello dei valori patrimoniali, nessun livello di potere raggiunto può essere infatti considerato punto di arrivo stabile, se si è in un contesto oligopolistico: in un contesto in cui altri centri di potere e ricchezza si stanno muovendo con lo stesso obiettivo.

36L’attuale modo di essere dello sviluppo tende, in altre parole, a forzare continuamente le situazioni, a renderle perennemente instabili in un processo che non conosce soste e che tende a divaricare le posizioni all’interno della società, anche perché stravolge continuamente i rapporti di potere. Incide su una società che ha difficoltà a capire il significato di quello che sta avvenendo e a reagire a questi cambiamenti.

  • 21 Per rappresentare plasticamente il cambiamento di prospettiva che si ha nel capitalismo finanziari (...)

37Un aumento del valore del capitale (o una sua diminuzione), può essere utile ripeterlo, non cambia di per sé la condizione del lavoro nell’immediato21; quello che fa è incidere sulla distribuzione del potere nella società, e di conseguenza sui rapporti di forza; crea dunque le condizioni per una divaricazione sempre più accentuata tra gruppi sociali forti e deboli. Una divaricazione di cui si perde il senso se non si guarda al potere come una delle dimensioni dell’economia.

8. La politica cambia il suo ruolo

38Nel mondo disegnato dagli accordi di Bretton Woods la politica disponeva di molti strumenti per gestire gli equilibri sociali; aveva in primo luogo il ruolo di mediatore tra gli interessi contrapposti presenti nella società. Un’attività di mediazione che, al di là dei singoli programmi politici, nel momento in cui si traduceva nei fatti in un rafforzamento della capacità contrattuale dei gruppi economicamente più deboli, attribuiva alla politica una legittimità sociale.

39Con il cambiamento delle regole che si è avuto nei primi anni ottanta, il quadro si è modificato profondamente. E si è modificata anche la distribuzione del potere. Il fatto che si siano ristretti gli orizzonti sui quali la politica poteva intervenire, ha finito col restringere lo spazio di decisione della politica nazionale spostandolo a favore delle istituzioni internazionali pubbliche, come il Fondo Monetario o la Banca Mondiale, o private come le società di rating o gli stessi mercati finanziari. Minori spazi di intervento per la politica, ma anche minore capacità di intervenire visto il de-potenziamento del ruolo dello stato che ha privato la politica del suo principale strumento.

  • 22 La convinzione di una parte non trascurabile della letteratura economica è che un governo diventa (...)

40Minore capacità infine di legittimazione a livello sociale. Per una questione culturale e per problemi sostanziali. Sul piano della legittimazione, l’egemonia della nuova cultura del mercato ha finito con l’assimilare il ruolo della politica a quello (negativo) dello stato. Sul piano sostanziale, la politica non poteva sperare di mantenere la sua capacità di consenso all’interno di una collettività, quella dei cittadini, quando la sua azione non può che essere finalizzata a ottenere il consenso di un’altra collettività, quella delle istituzioni internazionali pubbliche o private. E non lo può sperare perché la necessità di omologarsi alle indicazioni che vengono dal contesto internazionale tenderà necessariamente ad appiattire ogni diversità di proposta tra i diversi gruppi politici, ma anche perché dietro le istituzioni internazionali c’è un’idea di interesse generale che coincide con il buon funzionamento del mercato. Un’idea di interesse generale che non può coincidere —e non deve coincidere22— con quella dei cittadini che hanno come riferimento evidentemente le costituzioni.

41Una situazione che, evidentemente, apre un problema strutturale nel funzionamento della democrazia. Un problema che la politica ha cercato di superare cercando il consenso attraverso narrazioni sempre meno legate alla realtà. Lanciando in questo modo un processo continuo di creazione di aspettative e disinganni che, col tempo, ha annientato ogni credibilità dei partiti e della politica stessa.

42Per riassumere, le nuove regole che si sono andate consolidando verso la fine del secolo scorso hanno determinato uno spostamento del potere decisionale dalla politica (nazionale), e quindi anche dai cittadini, al contesto internazionale ed al mercato finanziario. Uno spostamento che ha indebolito le democrazie dando vita a fenomeni di degrado politico che sono in atto in tutti i paesi. E che, parallelamente, ha determinato lo sviluppo di grandi aggregazioni economiche e di potere. Questi due fenomeni non possono non far pensare che, col tempo, la politica finisca con lo schiacciare le proprie posizioni su quelle degli affari, fino a diventare essa stessa uno strumento della redistribuzione inegualitaria del potere. Mettendo in questo caso a rischio la stessa sopravvivenza delle democrazie, almeno quelle che abbiamo conosciuto negli ultimi settanta anni.

9. Le regole europee

43Nel dopoguerra le classi dirigenti europee si erano servite della dimensione economica per costruire un processo che voleva essere essenzialmente politico. Ciò che aveva spinto nella direzione di un Europa politica era la coscienza da un lato degli esiti catastrofici di due guerre, e dall’altro dell’esistenza di squilibri strutturali nel sistema economico europeo che si manifestavano anche nella storica contrapposizione tra Francia e Germania. Di fronte a una Germania forte sul piano economico, spettava alla dimensione politica il compito di trovare le strade per governare uno squilibrio che era stato causa di due guerre. Non è un caso che siano stati proprio i politici tedeschi a spingere nella direzione di maggiore unità politica a livello europeo, almeno fino alla metà degli anni ottanta.

44Il momento di discontinuità in questo progetto perseguito per quasi quarant’anni si è avuto con il trattato istitutivo dell’euro. E ciò non solo perché questo patto è nato in collegamento con l’unificazione tedesca —che ha rafforzato gli elementi di squilibrio potenziale tra i paesi europei— ma soprattutto perché questo patto è stato elaborato all’interno del nuovo contesto di regole internazionali e di un altrettanto nuovo ambiente culturale. Un ambiente che, come abbiamo visto, schiacciando la politica sugli interessi del mercato, ha teso in generale a farle perdere autonomia e qualità; in fin dei conti, a cambiarle ruolo.

45In qualche modo, con l’istituzione della moneta unica il tradizionale rapporto tra economia e politica del dopoguerra si è invertito. Lo spessore della politica europea è venuto meno proprio nel momento in cui avrebbe dovuto giocare un ruolo più importante. Da una fase storica in cui la politica ha usato gli interessi economici per creare una convergenza tra popoli che erano appena usciti dalla stagione dei nazionalismi, si è passati ad un’altra in cui il mercato, e probabilmente gli interessi dei grandi gruppi economici e finanziari, hanno assunto un ruolo non trascurabile nel dettare l’agenda alla politica. La coscienza della necessità di un riequilibrio politico tra paesi differenti, che pure era stata un elemento fondante della politica tedesca del dopoguerra, si disperde sotto la pressione della difesa degli interessi economici nazionali, e viene nascosta nel mare dei tecnicismi delle regole europee.

  • 23 Federico Caffè ha più volte sottolineato, soprattutto nella sua attività pubblicistica, i rischi d (...)
  • 24 Caffè, nei suoi scritti, ha messo in evidenza come la convergenza economica con un paese economica (...)

46Lo spazio della politica, già ridotto dalle regole internazionali, si riduce ulteriormente in paesi come l’Italia che hanno un problema di alto debito pubblico. Le possibilità per questi paesi di tutelare i propri equilibri politico-sociali si riducono enormemente. E senza la mediazione della politica, in un’Europa in cui la voce del mercato è quella più forte, non possono che ripresentarsi gli stessi squilibri dell’anteguerra, ovviamente sotto una forma nuova. Si presentano tutti quei problemi dei quali aveva parlato in maniera lungimirante Federico Caffè23. Quelli determinati da regole che, facendo perno sul mercato, rendono la convivenza tra realtà profondamente diverse —e destinate a rimanere tali per lungo tempo— di difficile sostenibilità nel lungo periodo24.

47Al tentativo del dopoguerra di governare le diversità delle esperienze nazionali attraverso una politica europea consapevole di queste diversità, ma anche della sua responsabilità nel disegnare i processi di convergenza, si è sostituita una politica che ha delegato al mercato il compito di stabilire le regole di convivenza. Alla logica della contaminazione e della solidarietà tra diversi si è sostituita la logica della competizione, che non poteva se non sancire la fine di un progetto politico comune. In un contesto europeo in cui la diversità è tornata ad apparire inadeguatezza, in cui è semplicemente scomparsa dall’agenda della riflessione la questione del potere, in cui quindi è stata messa in discussione la stessa idea di solidarietà tra diversi, non sorprende che col tempo si sia andato perdendo ogni interesse a cercare percorsi politici di convergenza.

10. Cultura ed immaginario nei sistemi economici

  • 25 Si veda, a questo proposito, oltre a quanto si è già detto nella nota 1, Lane, Van der Leeuw, Puma (...)

48Secondo D. Lane25, un sistema sociale complesso —come è certamente quello economico-sociale— ha bisogno di un immaginario condiviso per poter rimanere stabile nel tempo; un immaginario capace di far convergere i comportamenti dei soggetti e le scelte delle istituzioni nelle direzioni necessarie a rafforzare la struttura interna del sistema stesso. Ogni distribuzione del potere nella società ha bisogno, in altre parole, di una cultura che la giustifichi, la faccia apparire legittima.

49Ovviamente ci sono molte affermazioni nella cultura economica del mercato che possono essere considerate tasselli fondamentali intorno ai quali si è costruito l’immaginario collettivo degli ultimi decenni e si sono poste le basi per il buon funzionamento dell’attuale modello di sviluppo. Ma ce n’è una che riassume in sé in maniera quasi emblematica quanto un’egemonia culturale possa plasmare il senso comune: quella secondo la quale tutelare gli interessi delle imprese vuol dire creare le condizioni che possono garantire il benessere per tutta la società. Si tratta di un’affermazione che sicuramente riavvicina il sentire di chi opera sui mercati alla teoria economica e dunque è comprensibile che abbia avuto e abbia una certa presa almeno su una parte della società. Dopo gli anni del keynesismo e della cultura macroeconomica, con l’affermarsi dell’idea che ciò che va bene all’impresa va bene per tutti, la cultura del mercato riesce a realizzare due cose: ritrova la sua base sociale e si riappropria della teoria economica, definendo una visione dell’economia che per un verso si dà una veste scientifica, o in ogni caso inserisce i comportamenti, i valori e gli obiettivi che caratterizzano il funzionamento dei mercati in un contesto più generale; per l’altro, li trasforma in categorie di analisi e, in questo modo, finisce col renderli legittimi.

50Ma è proprio questo tentativo di porsi come analisi scientifica che fa emergere in maniera trasparente il carattere di parte di questa lettura dell’economia. In primo luogo perché è una lettura che fa esplicitamente coincidere l’interesse di una sezione della società, la componente forte, con l’interesse generale; e, in secondo luogo perché, per arrivare a questo risultato, compie un’operazione palesemente stravagante: l’inversione tra mezzi e fini. In questa lettura, infatti, l’impresa cessa di essere uno strumento di cui dispone la società per assicurarsi condizioni di benessere collettivo, e si trasforma in un fine in sé. L’intero processo logico attraverso il quale si arriva a far coincidere gli interessi dell’impresa con quello generale rende evidenti tutte le ambiguità implicite in un progetto scientifico che tende alla riduzione della complessità.

51Una semplificazione che spesso è un modo per escludere dall’analisi tutto ciò che si vuole ignorare. La prima semplificazione consiste nel far coincidere il benessere con quello economico, con la crescita del reddito, che diventa in questo modo l’unico obiettivo rilevante per la politica d’intervento. Un unico obiettivo che, come osserva Besset, nel lungo periodo può essere incompatibile con l’esistenza stessa di una democrazia. La seconda semplificazione consiste nell’affermare che il successo di un’impresa genera automaticamente la crescita del sistema. Un’affermazione semplicemente inconsistente: il risultato finale dipenderà evidentemente da quel che succede alle altre imprese del sistema. La terza semplificazione consiste nel far credere che l’«impresa» sia un organismo unitario, privo di articolazioni al suo interno. Si valutano come irrilevanti, in altre parole, i conflitti di interesse e di potere. Quando si dice «ciò che va bene all’impresa», in realtà si sta dicendo «ciò che va bene a chi governa l’impresa» va bene per tutti. La quarta semplificazione consiste nel considerare la competizione (implicita nell’idea di impresa) l’unico modo in cui si migliora il benessere. La quinta semplificazione consiste nel far credere che la competizione a cui si fa riferimento sia una competizione tra eguali, o almeno tra potenzialmente eguali, in cui quindi tutti hanno le stesse possibilità di vincere. Ogni dato strutturale che può sottolineare le diseguaglianze esistenti è dimenticato; le differenze di storia, nei punti di partenza, nel potere, nei contesti culturali non vengono semplicemente prese in considerazione. La competizione non è il modo in cui chi ha vantaggi di qualche natura può consolidarli mettendo in moto processi cumulativi; è invece il modo in cui riescono a emergere i più capaci a scapito di quelli che lo sono meno. È il modo in cui un sistema socio-economico tende a migliorare costantemente se stesso.

  • 26 O meglio, lo sono le sue imprese; o meglio ancora, lo sono i sistemi socio-economici che non metto (...)

52Una chiave di lettura suggestiva, ma che indica nel sistema nazionale che non «vince» il solo responsabile del suo insuccesso26. Con una conclusione di policy neanche troppo implicita. Per vincere bisogna essere eguali ai vincitori. Cioè, bisogna fare qualcosa che è impossibile fare, se non con i tempi della storia. Un problema che, se lo si guarda dal punto di vista dei vincitori, fa diventare la diversità un demerito. E la vittoria un merito.

53Dimenticando che un mondo centrato sulla competizione, e quindi con vincitori e vinti, è un mondo che accumula tensioni tra i centri di potere economici e politici; un mondo nel quale si genera una redistribuzione di risorse e di potere con pochi vincitori (si dice, per merito) e molti vinti (per demerito, anche se l’allusione è fatta in maniera più o meno sommessa) sia sul piano sociale, ossia all’interno dei paesi, sia tra questi medesimi, e quindi a livello internazionale. Una conflittualità che, se si guarda di nuovo alla storia, quasi mai è rimasta a lungo sul solo piano economico e a livello latente.

Torna su

Bibliografia

Amari, G., Del Rossi M. P. (a cura di) (2018). Franklin D. Roosevelt, Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi, Roma, Castelvecchi.

Caffè, F. (1979). I problemi della moneta europea, relazione al convegno Stare in Europa: quali implicazioni per l’Italia?, atti e rendiconti non pubblicati.

Carabelli, A. M., Cedrini, M. A. (2011). Chapter 18 of the General Theory «Further Analysed»: The Theory of Economics as a Method, in Pubblicazioni del Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Quantitativi, Novara, Università del Piemonte Orientale A. Avogadro.

Carabelli, A. M., Cedrini, M. A.(2014). Secondo Keynes, Il disordine del neoliberismo e le speranze di una nuova Bretton Woods, Roma, Castelvecchi.

Carabelli, A. M., Cedrini, M. A.(2018). Great Expectation and Final Delusion. Keynes and the Ultimate Values of Capitalism, «Cambridge Journal of Economics», 42, 5, 1183-1204.

De Bernardi, A. (2014). Un paese in bilico. L’Italia negli ultimi trent’anni, Roma-Bari, Laterza.

de Finetti, B. (1962). Obiettività e oggettività: critica ad un miraggio, «La Rivista Trimestrale», vol. 1, n. 2.

de Finetti, B. (1989). La logica dell’incerto, Roma, Il Saggiatore.

Easley, B. (1973). Liberation and the Aims of Science, London, Sussex University Press.

Lane, D. (2006), Hierarchy, Complexity, Society, in Pumain, D. (ed.), Hierarchy in Natural and Social Sciences, Dordrecht, Springer.

Lane, D., Van der Leeuw, S. E., Pumain, D., West, G. (ed.) (2009). Complexity Perspectives in Innovation and Social Change, Dordrecht, Springer.

Leon, V. P. (2014). Il capitalismo e lo stato, Roma, Castelvecchi.

Polanyi, K. (2013). Il contributo dell’analisi istituzionale alle scienze sociali, tr. it. in Id., Per un nuovo occidente, scritti 1919-1958, Milano, Il Saggiatore.

Rodotà, S. (2011). Elogio del moralismo, Roma-Bari, Laterza.

Roosevelt, F. D. (2018). Guardare al futuro, tr. it. in Amari, Del Rossi, 2018.

Schiattarella, R. (2019), I valori e l’economia. La riscoperta dell’economia del benessere, in corso di pubblicazione.

Schumpeter, J. A. (1972). Storia dell’analisi economica, tr. it. Torino, Bollati Boringhieri.

Villari, F. (2014). New Deal. Gli anni di FD Roosvelt, Roma, Memory.

Torna su

Note

1 La struttura che abbiamo dato all’esposizione ha seguito la logica della teoria dei sistemi ­complessi suggerita da David Lane. Cfr., al riguardo, Lane, 2006. E, più in generale, Polanyi, 2013.

2 Si veda su questo tema la nuova traduzione del libro di Roosevelt riportata in Roosevelt, 2018.

3 Su questo punto si veda anche Villari, 2014.

4 Roosevelt, 2018.

5 Villari, 2014.

6 Su questo tema si veda Easley, 1973: 81ss., ma anche de Finetti, 1962 e de Finetti, 1989.

7 Schiattarella, 2019.

8 Carabelli, Cedrini, 2018.

9 Schiattarella, 2019.

10 Il potere di definire le regole sul piano internazionale dipende strettamente dal ruolo politico ed economico del paese; sul piano interno il potere è viceversa illimitato ma è condizionato, anche all’interno dei paesi più importanti, dagli equilibri politici e sociali. Cfr. anche in Roosevelt, 2018.

11 Sulla questione delle regole si è soffermato Schumpeter nella sua opera più famosa, Storia dell’analisi economica, proprio per sottolineare gli elementi di inerzia che si porta con sé ogni organizzazione del sistema economico internazionale. Un’inerzia legata al fatto che le regole si traducono in istituzioni, e queste tendono a perpetuarle; ma anche al fatto che esistono le inerzie culturali. Cfr. Schumpeter, 1972.

12 Carabelli, Cedrini, 2011.

13 Carabelli, Cedrini, 2014.

14 Nel dopoguerra il PIL Degli Stati Uniti costituiva quasi il 50% del PIL mondiale. Alla fine degli anni ’70 questa percentuale era scesa al 25%. Attualmente oscilla intorno al 20%.

15 Stefano Rodotà (2011) parla da un lato di de-costituzionalizzazione per indicare la spinta che è presente nella politica a sottrarsi alle regole del gioco e parla di tirannia della maggioranza come una delle forme in cui si esprime il fastidio verso i processi decisionali democratici. Fenomeni che hanno entrambi a che fare con processo di concentrazione del potere in atto nella nostra società.

16 Sulla questione dei cambiamenti in atto nel modo di funzionare di un capitalismo finanziario, si veda Leon, 2014.

17 Su questo tema, e in riferimento alla specifica esperienza del nostro paese, si veda De Bernardi, 2014.

18 È emblematico del cambiamento dei soggetti di riferimento dell’accumulazione il fatto che l’imprenditore venga retribuito attraverso stock options, cioè attraverso azioni. Una modalità che fa convergere gli interessi dell’imprenditore con quelli dell’azionista, cioè il possessore di capitali. L’imprenditore sa che la sua retribuzione sarà tanto più elevata quanto più riuscirà con la sua azione a far aumentare il valore del patrimonio negli anni in cui svolgerà la sua attività.

19 Cfr. Leon, 2014.

20 La politica seguita da molte imprese di cambiare relativamente spesso i manager, gli imprenditori, si può comprendere all’interno di questa logica. Costringe infatti il manager a porsi obiettivi coerenti sul piano temporale con la sua permanenza all’interno dell’impresa. Di breve periodo appunto.

21 Per rappresentare plasticamente il cambiamento di prospettiva che si ha nel capitalismo finanziario rispetto a quello industriale, Leon sottolinea come nel secondo il documento contabile fondamentale fosse il conto economico e quindi la distribuzione tra salari e profitti, mentre nel capitalismo finanziario il documento centrale è il conto patrimoniale, nel quale si riporta l’andamento del patrimonio netto.

22 La convinzione di una parte non trascurabile della letteratura economica è che un governo diventa credibile, si costruisce una reputazione positiva, quanto più tiene conto delle indicazioni delle istituzioni internazionali, che vengono considerate le uniche corrette sul piano «tecnico»; e quanto meno tiene conto delle richieste dai cittadini. Quando un governo si muove in quest’ultima direzione, si parla di manovra elettoralistica. E questo perché i cittadini vengono considerati strutturalmente incapaci di comprendere il significato dell’interesse generale. Ovviamente quello definito dal mercato.

23 Federico Caffè ha più volte sottolineato, soprattutto nella sua attività pubblicistica, i rischi di un processo di unificazione troppo accelerato tra paesi con realtà economiche profondamente diverse tra loro. In particolare ha sottolineato la necessità di creare istituzioni politiche comuni e di avviare un processo di convergenza per ridurre le diversità, prima della creazione di un’unica moneta. Una creazione che avrebbe portato con sé la necessità di politiche fortemente restrittive se non accompagnata da una volontà politica (e da una politica fiscale) fortemente solidaristica. Cfr. Caffè, 1979.

24 Caffè, nei suoi scritti, ha messo in evidenza come la convergenza economica con un paese economicamente più forte come la Germania poteva essere sostenibile nel tempo solo se la politica economica italiana avesse potuto avvalersi di molti strumenti per intervenire sugli squilibri che si sarebbero determinati. Esattamente l’opposto di quello che è poi avvenuto.

25 Si veda, a questo proposito, oltre a quanto si è già detto nella nota 1, Lane, Van der Leeuw, Pumain, West, 2009.

26 O meglio, lo sono le sue imprese; o meglio ancora, lo sono i sistemi socio-economici che non mettono le imprese in condizioni di vincere, perché non sanno rispondere (nel loro insieme) alle sfide della globalizzazione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Roberto Schiattarella, « Il potere del denaro. Oligarchie nell’età globale »Teoria politica. Nuova serie Annali, 9 | 2019, 57-74.

Notizia bibliografica digitale

Roberto Schiattarella, « Il potere del denaro. Oligarchie nell’età globale »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 9 | 2019, online dal 26 mai 2020, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/tp/781

Torna su

Autore

Roberto Schiattarella

Università di Camerino, r.schiattarella@libero.it.

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
  • Logo Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università degli Studi di Torino
  • Logo Marcial Pons éditeur
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • OpenEdition Journals