Navigazione – Mappa del sito
Malgoverno

Demagoghi democratici. Un eterno ritorno?

Democratic Demagogues. An Eternal Return?
Lucilla Guendalina Moliterno
p. 193-207

Abstract

This essay deals with the recurrent return of the demagogue figure in democracy, between ancient and contemporary ages. Starting from the assumption that the use of language is the main tool of democratic politics in general and of demagogic mystification in particular, the author reflects firstly on the communication strategies of the demagogue. An example may be found in the diffusion —through «informational cascades»— of keywords and slogans aimed at generating negative feelings in public opinion and impoverishing public debate in an extreme manner. This dynamic was already noted by Bernard de Mandeville; but is particularly visible in the current era of microtargeting and social networks. Secondly, the article examines the techniques of persuasion adopted by the demagogue, which seem to be particularly similar to current commercial and market strategies (for example the fan service). In particular, the different self-portraying images offered by the demagogue, which change according to the audience that, from time to time, the demagogue wants to entice, are examined. The most relevant representation would seem to be the «proletarian-billionaire tribune», or the self-made man: a contradictory self-representation that the author explains through the Orwellian notion of doublethink. Subsequently, the article analyzes the different corruptive techniques employed by the demagogue; namely the electoral promises and the granting, at public expense, of concrete and calculated favors for the citizens: panem et circenses. In this case some analogies are found between the strategies of the demagogue and those of marketing. The article concludes by examining the ultimate goal of demagogues, ancient and contemporary. It is hypothesized that the purpose of the demagogue is the de facto transformation of the democratic regime into an autocratic form of government. In this case the notion used for the better understanding of this phenomenon is that of a tacit and veiled tyranny propter titulum used by Bartolus of Saxoferrato. By instilling into public opinion the erroneous equivalence between democracy and the power of the majority, the factual change of the regime is proposed as a return to an authentic and complete democracy.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione: demagoghi democratici

1La demagogia è un fenomeno legato a ogni regime in cui l’appello al popolo, la provocatio ad populum —nella forma di una captatio benevolentiae è rilevante, perché in tutte queste forme di convivenza è necessario che, rivolgendosi ai propri concittadini, la personalità politica riesca a stabilire un’intesa con essi.

  • 1 Bobbio, 1999: 380.
  • 2 Cfr. Moliterno, 2016: 364-365; Moliterno, 2018: 71.
  • 3 Cfr. Weber, 1993: 106.
  • 4 Cfr. Moliterno, 2016: 374-375.

2Oggetto specifico di questo saggio è il demagogo come figura che appare in democrazia, ovvero in quel regime regolato da norme che «debbono servire a prendere le decisioni [...] che interessano tutta la collettività, col massimo di consenso e col minimo di violenza»1, secondo una delle definizioni di Norberto Bobbio. Nelle democrazie di ieri, ma anche e soprattutto di oggi, la riflessione sul demagogo risulta centrale proprio a causa del peso che la cittadinanza ha in questo regime. In questa prospettiva, sembrerebbe essere la democrazia stessa che invita a servirsi di espedienti demagogici perché in questo regime i più possono rovesciare il governante, così come possono legittimarlo. Non da oggi ma sin dagli antichi tempi, la democrazia è accompagnata dalla presenza di chi —come il pifferaio magico della fiaba dei fratelli Grimm— conduce, ma in realtà seduce fatalmente, la cittadinanza. Da Platone2 a Max Weber3, passando per Polibio4 e numerosi altri classici, una certa dose di demagogia è considerata congeniale a ogni regime democratico. Questa dimensione sta diventando particolarmente palese oggi in occidente, a causa dell’esteso uso populista dei nuovi media, di reti televisive e sociali da parte dei governanti o dei candidati alle elezioni.

  • 5 Cfr. infra § 4.

3Nella letteratura politica, spesso la demagogia non è solamente una possibile disfunzione della democrazia: per opera dei demagoghi, e per processo naturale, questo regime sarebbe necessariamente destinato a degradarsi in demagogia. Demagogia intesa, in questo caso, come qualcosa di più —e di diverso— da un semplice stile dell’agire politico5. Non soltanto la figura del demagogo si presenta nell’esperienza democratica, vi sarebbe bensì connaturata, secondo autori come Platone o Polibio.

  • 6 Per la distinzione tra le due nozioni «forma di regime» (configurazioni, alternative tra loro, del (...)

4Innanzitutto è opportuno individuare quelle che sembrano essere le principali strategie di persuasione, e di corruzione, demagogica; e infine interrogarsi sullo scopo ultimo del demagogo di ogni tempo: che potrebbe essere la riorganizzazione della forma di governo6 rebus sic stantibus, ovvero facendo funzionare —piegando— le norme democratiche a proprio vantaggio.

2. Strategie comunicative

  • 7 Aristotele, 2006: XXVIII, 3.

Non è piccola la parte di rovina procurata dagli
uomini più bravi a usare le parole7.

  • 8 Cfr. infra § 4.
  • 9 Questo saggio tenta di adoperare la categoria di demagogia —ricostruita sull’uso dei classici, in (...)

5Nella letteratura politica, dunque —soprattutto, ma non esclusivamente, in quella classica— il termine demagogia ha due sfere di significato prevalenti. La seconda sarà affrontata in conclusione8, qui di seguito si rifletterà innanzitutto sulla prima. Con demagogia si può intendere una gamma di fenomeni, di prassi particolari della comunicazione, di tecniche di persuasione e di stili dell’agire politico9. Tanto nell’antica democrazia diretta quanto in quella rappresentativa contemporanea, il linguaggio e i simboli hanno un ruolo preminente tra gli strumenti del potere politico.

  • 10 Prospero, 2010: 30. Per approfondire, cfr. la «autobiografia» di Silvio Berlusconi: Friedman, 2015

6Qual è il modo di comunicare caratteristico del demagogo? Egli si rivolge —direttamente oppure attraverso mezzi di comunicazione unidirezionali— al «popolo sovrano», cui tende a presentarsi come unico interprete e portavoce della presunta volontà generale. Uno tra i numerosi esempi contemporanei di questo modo di porsi può essere il discorso (effettivamente pronunciato) in cui un uomo politico dichiara che il suo partito è «l’unico movimento che realizza il sogno di un popolo, le speranze di un popolo, le attese di un popolo, l’unico partito che definisce l’identità del nostro popolo»10.

7Il demagogo si presenta come «difensore» della collettività in base all’empatia che riesce a creare, coinvolgendo emotivamente i suoi uditori. Si propone come «guida» dei concittadini che riesce ad appassionare attraverso dichiarazioni eclatanti di adesione a princìpi ideali. A questo scopo, il demagogo ricorre sempre all’uso ripetuto di parole-chiave, spesso svuotate di significato: tra cui «libertà», «patria», «democrazia», «diritti», «crescita economica», ma anche «cambiamento», «popolo», «cittadinanza», eccetera.

  • 11 «Slogan semplici e comprensibili a tutti, studiati per smuovere emozioni basiche come rabbia, riva (...)
  • 12 Cfr. Origgi, 2016: 47-51. Come variante della nozione di «cascate informative», Cass Sunstein ha s (...)
  • 13 Tocqueville, 2004: 258.
  • 14 «Se quindi un legislatore o un politico, per cui avessero grande venerazione, dovesse dire loro ch (...)
  • 15 Cfr. Cialdini, 2017: 122-123.

8Si serve altresì di formule sintetiche volte a ottenere un effetto persuasivo immediato e atte ad essere facilmente memorizzabili11. In ciò, in qualche modo il demagogo (di ogni tempo, mutatis mutandis) sembra servirsi delle «cascate informative»12, uno dei possibili processi di formazione delle credenze sociali. Una «cascata» si verifica allorché un insieme di individui accetta un’opinione, oppure una formula, pur senza aver riflettuto sulla questione che ne è argomento. Quando altre persone riprendono la credenza, o lo slogan, assimilato dal primo gruppo, ne diventano a loro volta portatori, nuovamente in maniera irriflessa e acritica. In questa operazione si affidano a una sorta cognizione collettiva, simile a quella che Tocqueville avrebbe forse chiamato tirannia dell’«opinione pubblica [...] che rappresenta la maggioranza»13, ovvero la tirannide del conformismo sociale esercitata della maggioranza della popolazione su chi la pensa diversamente. Una dinamica simile era già stata rilevata da Bernard de Mandeville nella sua Indagine sulla natura della società, dove afferma che se è possibile convincere anche un unico individuo ad abbracciare una certa opinione, immediatamente numerosi altri la sosterranno e in questo modo il politico dovrà semplicemente far leva su questo gruppo di persone affinché esso continui a difendere la sua iniziale affermazione14. In termini contemporanei, si tratta del principio psicologico della riprova sociale —una sorta di ignoranza collettiva per contagio—: quanto è maggiore il numero di individui che trova convincente una certa idea, tanto più quella stessa idea sarà considerata fondata e valida da un numero sempre crescente di altre persone15.

  • 16 Cfr. Parisier, 2012.
  • 17 Sul microtargeting elettorale, più in particolare negli States, cfr. Balz, 2006; Kettle, 2006; Bla (...)
  • 18 Per una riflessione sull’informazione nell’età degli algoritmi informatici, cfr. Agostino, 2018. S (...)
  • 19 Cfr. Durante, 2013: 49, Dominijanni, 2017: 98.
  • 20 È stato altresì osservato come, per mezzo dei social network, il sistema di Merisi invii dei segna (...)
  • 21 Cfr. Fittipaldi, 2018: 35-36. Per approfondire le specificità dell’hate speech on-line cfr. Ziccar (...)

9Oggi, nell’era dei social network, questo meccanismo di «cascata» è facilitato, anche grazie all’uso di codici tecnologici e di algoritmi informatici che creano «bolle culturali/ideologiche di filtraggio»16. Attraverso algoritmi, le piattaforme on-line decidono quali contenuti mostrare e a quali utenti, permettendo —grazie al microtargeting17 la rapida diffusione di pseudo-notizie, in qualche modo personalizzate18. Ciò avviene per mezzo di meccanismi che tendono a confermare convincimenti superficiali piuttosto che favorire una libera informazione19. Ultimamente si è parlato della cosiddetta «Bestia»: si tratta di un sistema informatico, ideato da Luca Merisi, in grado di analizzare quali sono i messaggi on-line che ottengono un maggior numero di visualizzazioni e da parte di quali fruitori20. Su questa base vengono rapidamente studiati nuovi post e video, coerenti con le tendenze prevalenti dell’opinione pubblica. Questi semplificano il dibattito politico in maniera estrema, fomentando per lo più sentimenti negativi —aggressività, rabbia, timore, eccetera—, e sono finalizzati a moltiplicarsi, diventando «virali»21. L’aggettivo si riferisce a contenuti che attraverso lo scambio in rete, soprattutto mediante la condivisione sui social, acquistano una larghissima popolarità in tempi significativamente brevi.

  • 22 Cfr. Ferraro, 1986: 90.
  • 23 Uno dei caratteri tipici del demagogo già sottolineati da Aristotele è l’adulazione, che spesso si (...)
  • 24 Davies, 1978: 120.

10Il demagogo è capace di mobilitare le masse facendo leva su stereotipi attinti tra i pregiudizi diffusi, che più facilmente possono trovare un riscontro positivo nell’opinione pubblica. Egli costruisce dunque i propri discorsi sulle premesse largamente condivise degli endoxa, ovvero delle opinioni comuni22. Riesce a suscitare entusiasmo, per un verso ingraziandosi il suo uditorio23 con l’adulazione, e per un altro stimolando i sentimenti popolari meno nobili, ad esempio esasperando le fratture sociali ed enfatizzandone i problemi a proprio vantaggio, una dinamica particolarmente diffusa oggi in pressoché tutte le realtà occidentali. Nell’antichità ellenica, il demagogo paradigmatico per questi profili è Cleone, del quale le principali fonti tracciano il ritratto «sinistro»24 di un oratore sfrontato, la cui eloquenza è volgare e superficiale.

11A quanto si evince dalle opere di Aristofane, Tucidide e Aristotele, Cleone non pare interessato a indicare un qualche indirizzo politico effettivo ai suoi concittadini: è un imbonitore, il suo discorso è mistificante e ingannevole. Il vernacolo napoletano ha un termine metaforicamente appropriato per descrivere un personaggio di tal genere, «magliaro», che designa il venditore di tessuti di scarsa qualità, proposti però come un acquisto vantaggioso. Per estensione, magliaro è il commerciante disonesto, imbroglione e truffatore.

  • 25 Bobbio, 1984: 216.

12Espressione fenomenica di questa inclinazione in politica è la propensione a deformare sfacciatamente la realtà nei propri discorsi, con espressioni iperboliche ma anche con «semplici» menzogne: nel Futuro della democrazia, Bobbio qualifica come «naturale» questa tendenza del politico a «nascondersi, [...] dichiarando in pubblico le proprie intenzioni [...] in forma menzognera»25.

2.1. Tecniche di persuasione: il fan service

13Il baricentro del rapporto tra il demagogo e il suo popolo-pubblico è sempre dinamico, in movimento, e le tecniche di adescamento di cui si serve sono scandite in più fasi.

  • 26 Per le particolari strategie di sfruttamento di Twitter e di altre piattaforme on-line, volte a ri (...)

14Innanzitutto, il demagogo saggia l’opinione pubblica e ne esplora l’atteggiamento generale. Nell’età contemporanea, si può servire dei sondaggi. Poi, nelle sue dichiarazioni finge di far proprio il sentire diffuso delle masse, tentando di anticipare l’evolversi delle loro tendenze. Quindi, con le sue provocazioni, punta ad adescare i molti, cercando di suscitare determinati umori e di ottenere le reazioni desiderate. Ciò che rende convincente la comunicazione del demagogo è la capacità di sintonizzarsi con i sentimenti diffusi: quando il risultato dei suoi discorsi —e dei suoi tweet26 non è quello sperato, egli varia il linguaggio commisurandolo all’effetto prodotto, cerca di adattarsi nei contenuti riformulandoli, sempre al fine d’incanalare le reazioni degli uditori nella direzione voluta. All’occorrenza, quando gli è utile, dev’essere capace di alterare, smentire, negare quel che ha precedentemente sostenuto. Insomma: per persuadere, il demagogo deve intuire la base del sentire comune, fingere di condividerlo, per poi modificarlo incanalandolo a suo piacimento e, infine, ritrasmetterlo al suo pubblico.

  • 27 Prospero, 2010: 148. Cfr anche 142.
  • 28 Cfr. Platone, 2010a: 481d-e. Per un’analisi di questo passo mi permetto di rinviare a Moliterno, 2 (...)
  • 29 Cfr. Pazé, 2016: 108.

15La storia politica italiana ha conosciuto personaggi che sono stati particolarmente sfrontati nel ritrattare le proprie dichiarazioni, magari accusando «gli altri di fraintendimenti o equivoci interpretativi»27: Ma guardando alla letteratura classica, l’esempio eccellente è Callicle nel Gorgia platonico. In questo dialogo, Socrate rileva che qualora l’assemblea non sembrasse condividere i discorsi del giovane retore, egli cambierebbe sùbito opinione rivolgendo al demos ateniese le parole che esso vuole sentirsi dire, sempre mantenendo lo scopo di manipolarlo28. Ne risulta che il demagogo abile sembra avere una particolare predisposizione ad anticipare l’opinione popolare e adattarvi il proprio discorso, così da riuscire a catturarne il consenso indipendentemente dalle tesi sostenute, nonché dalle proprie convinzioni, ammesso che ne abbia. Il suo intento non è descrittivo o informativo, bensì meramente persuasivo29: il demagogo è un venditore di se stesso.

  • 30 Bobbio, 1984: 135-136.
  • 31 Cfr. Suzuki, 2011: 134-137.

16Come osserva Bobbio, ancora nel Futuro della democrazia, in questo regime «l’abilità del politico consiste, esattamente come nel mercato, [nel] comprendere i gusti del pubblico e magari [nell’]orientarli»30. Non è fuorviante sottolineare l’analogia con ciò che, nella promozione commerciale, si indica con l’espressione fan service. Si tratta di una strategia di mercato (soprattutto editoriale e cinematografico) che, dopo aver individuato un «tipo» potenziale consumatore, richiama attenzione e valorizza determinati aspetti dei prodotti che possono soddisfarlo. Allo scopo, appunto, d’illudere gli appassionati (fan) di fornir loro un servizio. È una dimensione dell’agire persuasivo che è divenuta indispensabile quando ci si rivolge al grande pubblico, e che può presentarsi sotto molteplici forme. Il fenomeno è particolarmente diffuso nel settore dei manga (i fumetti giapponesi) e dei videogiochi31. Come il discorso politico-demagogico, anche il fan service si basa su stereotipi e dà l’impressione di offrire al pubblico «ciò che vuole». Ma l’unico scopo è quello di incrementare le vendite.

2.2. Tecniche di persuasione: il doublethink

  • 32 Cfr. Moliterno, 2016: 364.

17Al demagogo sembra non interessare realmente, dunque, l’argomentazione in favore di una determinata tesi, la diffusione una certa rappresentazione della realtà, la proposta di una visione delle cose credibile e coerente. Il suo scopo pare essere, semplicemente, quello di «convincere», di attrarre dalla propria parte il maggior numero di concittadini. Ma proprio per questo il discorso demagogico è sovente mutevole ed anzi camaleontico: a seconda delle circostanze cambiano le immagini evocate per influenzare la cittadinanza, per stimolare determinate reazioni e comportamenti. Appellandosi in modo spregiudicato e strumentale a diversi principi ideali, il demagogo si atteggia in forme differenti —e talvolta contraddittorie— al mutare sia degli umori della piazza, sia dei suoi effettivi scopi personali del momento. Il demagogo «intelligente» sa che il (suo) popolo non esiste come un soggetto da sé omogeneo, sa di non rivolgersi a un’unità effettivamente indifferenziata, perciò varia il suo discorso a seconda delle circostanze e dei gruppi determinati cui s’indirizza di volta in volta. Nell’Atene del quinto secolo a. C., questo atteggiamento era chiamato «coturnismo»: il coturno era un sandalo che poteva essere calzato indifferentemente a entrambi i piedi. A Teramene, generale e oratore noto per il suo trasformismo politico, venne affibbiato il soprannome di «coturno»32.

  • 33 A titolo di esempio, cfr. Carlier, 2011: 117 su Demostene.
  • 34 Sul Movimento dell’Uomo Qualunque cfr. Colarizi, 2007: 24-26.

18L’esperienza storica mostra che il demagogo può scegliere di usare differenti registri: anzitutto, per quanto riguarda la rappresentazione di se stesso. Per un verso, può mostrarsi come una persona qualsiasi, uno qualunque, come tanti altri. Alcuni retori antichi si sforzavano di accentuare i loro tratti «popolari» usando un lessico volutamente semplice33 e affermando, con falsa modestia, di non essere abili a parlare in pubblico. Di questa fattispecie, è significativo il nome scelto nel 1944 da Guglielmo Giannini, commediografo, per il suo partito: il Movimento dell’Uomo Qualunque34. Le strategie demagogiche per mostrarsi una persona qualunque possono essere tante: usare espressioni colloquiali e vernacolari nei propri messaggi pubblici, o sbagliare la coniugazione dei verbi; partecipare a manifestazioni folkloristiche, religiose o sportive; optare per la bicicletta anziché per l’«auto blu»; volare in classe economy anziché business.

19Per un altro verso, e all’opposto, il demagogo può scegliere di presentarsi come una persona da ammirare, da invidiare, e perciò da seguire: un individuo qualitativamente superiore, più virtuoso, più onesto, oppure più competente, di grande e meritato successo; infine, come un personaggio carismatico con una missione da compiere. In tempi recenti abbiamo potuto osservare, da parte di certi leader di partito, la costruzione dell’immagine di sé come politici rapidi ed efficaci nelle decisioni, con capacità speciali e rare simili a quelle richieste per i grandi dirigenti aziendali.

  • 35 Cfr. ad esempio Isocrate, 2011: 255-259.
  • 36 «Ma ne siete voi i responsabili, gli organizzatori maldestri di tali gare; voi che di natura siete (...)

20Un esempio classico di retore che adopera entrambi questi registri è ancora Cleone, così come viene descritto nella Guerra del Peloponneso di Tucidide. Nei suoi discorsi dal tono adulatorio, caratterizzati dall’uso del «noi», egli stimola le pulsioni più basse dei concittadini ponendosi al livello degli strati inferiori. In altre orazioni, ad esempio nel discorso su Mitilene, Cleone indulge nell’uso della dicotomia «io-voi», enfatizzando una pretesa differenza di valore tra sé e gli ateniesi. In questo modo si pone su un piano di superiorità rispetto al demos, cui si rivolge con un tono quasi denigratorio. Imitando l’attitudine educativa di Isocrate35, oppure del Pericle ricostruito da Tucidide, tradizionalmente ritenuti «buoni oratori», rimprovera i cittadini per la loro la volubilità e per la facilità con cui si lasciano persuadere dagli altri retori36.

  • 37 Ne deduce Marcel Gauchet: «Di qui la passività, la smobilitazione, la non-partecipazione che penet (...)
  • 38 Taguieff, 2003: 136.
  • 39 Tarchi, 2004: 426.
  • 40 Citato da Prospero, 2010: 53.

21Secondo le circostanze, il demagogo può dunque offrire immagini opposte di se stesso. È stato anche osservato che la «società dell’informazione» stessa, attraverso l’uso dei media, per un verso «riporta vicini [i governanti] e suscita il rassicurante sentimento di tenerli sotto controllo; contemporaneamente l’immagine li derealizza e li fa letteralmente apparire su un’altra scena sociale»37. Se è particolarmente abile, il demagogo può riuscire a coniugare i due aspetti in una stessa narrazione, auto-rappresentandosi come quello che Pierre-André Taguieff ha chiamato un «tribuno proletario-miliardario»38 —un self made man—. Osserva Marco Tarchi, nel caratterizzare la figura del capo populista: «Il leader populista non va [...] assimilato al capo carismatico: deve, sì, mostrare qualità non comuni, ma non deve mai incorrere nell’errore di mostrarsi fatto di un’altra pasta rispetto all’uomo comune al quale si rivolge»39. L’«uomo che si è fatto da solo» è il tipo di colui che, azzimato e affermato, nonostante le fortune accumulate mostra di non voler allentare i legami con le sue —presunte— modeste origini. Il self made man si propone come una persona sicura di sé ma semplice, che ha faticato a raggiungere il successo e che ora si sente pronto ad affrontare l’agone politico unicamente per generoso senso civico, allo scopo di rendere il proprio paese finalmente prospero, così come lo sono i suoi affari e le sue aziende. E’ un registro discorsivo che gioca sulla propria assimilazione al popolo e contemporaneamente sulla distanza da esso per la posizione raggiunta, e che sembra alludere al proprio successo come ad un obiettivo —un sogno americano— realizzabile anche dai più umili. Così costruisce questo mito un personaggio emblematico della nostra storia recente: «Gli italiani si riconoscono in me, sono stato povero, mi sono costruito da solo, ho i loro stessi sentimenti e interessi: mi piace il calcio, amo la vita e amo divertirmi, non ho la faccia triste dei comunisti alla Soru. E amo soprattutto le belle donne, che devono lasciare il loro numero di telefono»40.

22L’incoerenza delle narrazioni, quindi, non ne pregiudica l’effetto persuasivo. Ma perché il demagogo sceglie di non dare sempre la stessa immagine di sé? E soprattutto: come possono gli uditori non accorgersi della contraddizione?

  • 41 Sulla costruzione del newspeak in questo romanzo, cfr. Manferlotti, 1984.
  • 42 Bobbio, 2008: 60.
  • 43 «The essential act of the Party is to use conscious deception while retaining the firmness of purp (...)
  • 44 «Doublethink means the power of holding two contradictory beliefs in one’s mind simultaneosly, and (...)

23In 1984, George Orwell sembra suggerire una risposta attraverso la nozione di «bipensiero» (o, con traduzione più letterale, «bipensare»). Come numerosi termini del newspeak orwelliano41 è «bicefalo», ad esso sono riconducibili due nozioni eguali e contrarie: tanto l’«infallibile capacità di darla ad intendere»42 del politico, quanto la disposizione della massa a farsi imbonire da quest’ultimo. Peraltro, nel romanzo questa distinzione non appare così netta, bensì alquanto sfumata. Da un lato, per ciò che riguarda i leader, Orwell afferma che «l’azione essenziale» del bipensiero «è l’uso conscio dell’inganno mantenendo la fermezza di propositi che si accompagna con l’onestà completa. Raccontare deliberatamente menzogne [...], dimenticare ogni fatto che sia diventato sconveniente, e poi, quando si renda nuovamente necessario, prelevarlo dall’oblio giusto per il tempo in cui serve, negare l’esistenza di una realtà oggettiva e al tempo stesso prendere atto di quella stessa realtà negata [...]. Chi voglia governare, comandare, e voglia continuare a farlo, dev’essere in grado di spostare il senso della realtà [...]. È un immenso sistema d’imbroglio mentale»43. Dall’altro lato, per quanto riguarda i destinatari delle narrazioni politiche, «bipensare significa poter mantenere simultaneamente due pensieri contraddittori nella propria mente, accettandoli entrambi. [...] Attraverso la pratica» —ma forse Orwell intende: attraverso l’assuefazione— «il bipensiero permette di ritenere che la realtà non sia violata»44.

  • 45 Cialdini, 2017: 66.
  • 46 Il saggio schmittiano cui si riferisce Dal Lago è Cattolicesimo romano e forma politica, pubblicat (...)
  • 47 Dal Lago, 2013: 53-55. Un’altra risposta, assai meno complessa, a questo interrogativo si potrebbe (...)

24L’incongruenza provoca disagio psichico nella persona che, inconsciamente, attiva dei processi mentali per tentare di compensare lo squilibrio, giacché «ci sono delle cose disturbanti di cui preferiamo non renderci conto»45 per salvare il principio psicologico di coerenza. Nel suo saggio sulla demagogia elettronica, Alessandro Dal Lago sostiene che la riduzione delle dissonanze «in termini politici [...] si potrebbe definire una forma di complexio oppositorum. L’espressione [...] è stata immortalata nella teoria politica da un saggio giovanile di Carl Schmitt46 [...]. In questo senso, significa aggregazione degli opposti [...] “tenere insieme” tendenze opposte»47.

3. Tecniche di corruzione: le promesse

  • 48 Cfr. Aristofane, 2007a: vv. 1152 sgg.
  • 49 Cfr. Hobbes, 2016: 89; Moliterno, 2019a.
  • 50 Aristofane, 2007b: v. 701.

25Il demagogo non è sono un parlatore efficace, in qualche modo è anche un «corruttore». Uno tra gli espedienti demagogici più praticati è l’assunzione di falsi impegni verso il proprio uditorio, o l’elettorato, e la concessione di favori spiccioli. Emblematica è la scena dei Cavalieri di Aristofane in cui, in un crescendo spudorato e sgangherato, i due demagoghi che competono per il favore del demos riversano su di lui promesse sempre più sbalorditive48. Questo tipo di agire, parodiato da Aristofane, trova le sue radici nell’oratoria classica. Sin dai tempi di Pericle, le promesse ma anche l’elargizione di piccoli benefici sono esche efficaci per farsi apprezzare e conquistare popolarità («la reputazione di amare il proprio paese», secondo la definizione hobbesiana)49: ad esempio quello che Aristofane, nelle Vespe, chiama il «miserabile salario»50 per la partecipazione alle assemblee.

  • 51 Corsivo mio. Bobbio, 1984: 142.
  • 52 Cfr. Platone, 2010a: 518e-519a, 518e-519a; 2010b: 565a.
  • 53 Cfr. Bobbio, 1984: 153.

26Nel saggio su Contratto e contrattualismo, Bobbio fa osservare che «l’uomo politico, non a caso assimilato già da Schumpeter a un imprenditore, ricava dalle risorse pubbliche di cui è in grado di disporre, o di far credere di disporre»51, il proprio consenso. Potrebbero venire in mente, per analogia, la promessa elettorale di un cosiddetto salario di cittadinanza, oppure la concessione di un bonus, in base a un decreto che assegna una cifra contenuta ai lavoratori dipendenti con reddito inferiore a una certa soglia. Il demagogo è solito promettere benefici da finanziare con denaro pubblico: si tratta di un topos ricorrente, osservato già da Platone nel Gorgia e nella Repubblica52. Quando l’arena politica si trasforma in un mercato, come nei Cavalieri, si instaura una relazione do ut des in cui i cittadini si trasformano in «clienti» dei politici: una delle due figure del «cittadino non educato» di Bobbio53.

  • 54 Platone, 2010b: 565a.

27Naturalmente non esiste un criterio sicuro che permetta di distinguere tra una promessa auto-interessata oppure animata da genuino spirito filo-popolare. È comunque importante osservare che in democrazia questa dinamica, la promessa di benefici in cambio di voti, sembra fisiologica. È questa, peraltro, la strategia grazie alla quale il demagogo riesce effettivamente a interessare anche gli annoiati, gli apatici, gli astensionisti, qualificati da Platone come apragmones, «coloro che non si occupano di politica»54 —ovvero quanti rientrano nella seconda figura del «cittadino non educato» di Bobbio—: sono pronti a recarsi in assemblea, e oggi alle urne, qualora vengano indotti a credere di poterne ricavare un qualche beneficio.

4. Per quale scopo?

  • 55 Yourcenar, 1988: 110-111.

Si possono immaginare forme di schiavitù
peggiori [...], perché più insidiose [...]
che riesca[no] a trasformare gli uomini in
macchine stupide e appagate, che si
credono libere mentre sono asservite
55.

28Attraverso la manipolazione dei concittadini, l’agire del demagogo ha come scopi immediati l’acquisizione, il mantenimento e il consolidamento del consenso e, conseguentemente, del potere. Ma il suo fine ultimo potrebbe essere rappresentato come un mutamento de facto della democrazia. È possibile che i demagoghi inducano un cambiamento della forma di governo tale da snaturare la democrazia? Da stravolgerla, sino a trasformarla in un regime che democratico non è più?

  • 56 Cfr. supra § 2.
  • 57 Cfr. Aristotele, 2013: 1292a.

29Se, per un verso, il termine demagogia evoca una gamma di prassi della comunicazione e di tecniche di persuasione politica56, dalla letteratura —soprattutto, ma non esclusivamente dell’antichità classica— emerge anche un secondo significato. In base ad esso, la demagogia appare come qualcosa di più e di diverso da una semplice «maniera» —uno «stile»— dell’agire politico. Ha a che fare con l’equilibrio dei poteri e, per questo, potrebbe essere considerata una specie a sé nel genere delle forme di governo. In quest’accezione, il termine demagogia è impiegato —nel libro IV della Politica di Aristotele— per designare un eidos particolarmente corrotto del genos democrazia: la sua estrema deviazione, una forma di governo in cui i demagoghi, esercitando il loro potere al di sopra delle leggi, controllano l’assemblea democratica. Secondo lo stagitira, una delle caratteristiche che permettono di individuare questa distorsione della democrazia consiste nel fatto che la decisione collettiva non assume la forma prevalente della legge, bensì quella di decreto particolare. Formalmente il popolo è titolare del potere politico, ma nei fatti sono i demagoghi a esercitarlo: il governo attraverso i decreti è opera dei demagoghi, che influenzano e irretiscono l’assemblea. Aristotele afferma: il demos è padrone di tutto ma i demagoghi lo sono, a loro volta, dell’opinione del demos che li segue, incantato e sobillato57.

  • 58 Cfr. Bartolo da Sassoferrato, 2017: XII. Sul De Tyranno di Bartolo da Sassoferrato cfr. Quaglioni, (...)
  • 59 Calasso, 1965: 263.
  • 60 Ibidem.

30Da un certo punto di vista, si potrebbe dire che in questo modo i demagoghi riescono a rendere il regime democratico simile a quella che Bartolo da Sassoferrato, nel xiv secolo, chiama una tirannide tacita e velata propter titulum58. In questa forma celata di tirannia, nell’apparente rispetto delle regole le norme stesse vengono alterate e ciò permette al cripto-tiranno di concentrare su di sé numerosi poteri che non gli spettano. Si tratta di una forma di eversione occulta, esercitata «sulla base apparente delle regole costituzionali, ma con la sostanziale alterazione di queste», ovvero «sotto la maschera del rispetto delle forme costituzionali»59. Il demagogo si riveste di una carica alla quale —nonostante l’apparenza— non spetta legittimamente il potere che egli si arroga. In questo modo, «viene in tanta potenza, da costringere il governo a fare quello ch’egli vuole»60.

31Nelle democrazie contemporanee, un fenomeno di questo genere si può osservare nelle dinamiche che intercorrono tra potere legislativo ed esecutivo. Quest’ultimo è il luogo istituzionale in cui, oggi, più spesso si colloca il demagogo. Il ricorso alla decretazione d’urgenza, alla legislazione delegata e, in generale, la supremazia delle decisioni governative sul potere legislativo dell’assemblea deliberante sono segni dello sbilanciamento del potere politico in favore del governo, a scapito dell’organo rappresentativo. Si osserva una trasformazione delle prassi che porta a uno spostamento del potere politico in un centro di fatto autocratico, pur rimanendo formalmente in vigore le regole del gioco democratiche. Questa alterazione autocratica non è imposta con la forza, bensì incontra consenso; anche perché, paradossalmente, è presentata come il conseguimento di una forma di democrazia compiuta, «disintermediata», un ritorno a una democrazia autentica. In Italia i cittadini hanno avuto —nel mese di settembre 2018, e in diretta Facebook— l’esempio di un’argomentazione di questo tipo: il messaggio video in cui ministro si riferisce a se stesso come «un organo dello stato eletto», al quale pertanto sarebbe stato richiesto (dal «popolo», s’intende) di assumere determinate decisioni; al contempo si riferisce alla magistratura, che ha aperto un’indagine su di lui, come un organo dello stato «non eletto da nessuno» e dunque privo di legittimazione nei suoi atti, in quanto non ne risponde ai cittadini elettori61.

  • 62 Bobbio, 1999: 327. Cfr. anche Gauchet, 2008: 145.

32Nel nostro tempo —in cui «non c’è nessun regime, anche il più autocratico, che non ami farsi chiamare democratico»62— i demagoghi, quando riescono a usare l’influenza sulle masse per la propria investitura personale, possono deformare le regole del gioco a loro vantaggio senza bisogno di colpi di stato.

Torna su

Bibliografia

Agostino, L. (2018). La rete a maglie strette e larghe: l’informazione e i giornalisti fra media tradizionali, web e social, in Cattaneo, F., Vitale, E. (a cura di), Web e società democratica. Un matrimonio difficile, Torino, Accademia University Press, 157-166.

Ammar, K., Barr, C., Giuffrida, A. (2018). Revealed. How Italy’s populists used Facebook to win power. Matteo Salvini and Luigi Di Maio eclipsed rivals in online election battle, data shows, «The Guardian», 17 dicembre.

Aristofane (2007a). Cavalieri, in Commedie, tr. it. Mastromarco, G., Torino, UTET.

Aristofane  (2007b). Vespe, in Commedie, tr. it. Mastromarco, G., Torino, UTET.

Aristotele (2006). Politica e costituzione di Atene, tr. it. Viano, A., Torino, UTET.

Aristotele  (2013). Politica, tr. it. Viano, A., Milano, Rizzoli.

Balz, D. (2006). Democrats Aim to Regain Edge In Getting Voters to the Polls, «Washington Post», 8 ottobre.

Bartolo da Sassoferrato (2017). Trattato sulla tirannide, Foligno, Il formichiere.

Blakely, R. (2016). Data scientist target 20 million new voters for Trump, «The Times», 22 settembre.

Bobbio, N. (1984). Il futuro della democrazia, Torino, Einaudi.

Bobbio, N. (1999). Teoria generale della politica, Torino, Einaudi.

Bobbio, N. (2008). Contro i nuovi dispotismi. Scritti sul berlusconismo, Bari, Dedalo.

Bovero, M. (2017). Pleonocrazia. Critica della democrazia maggioritaria, «Teoria politica», VII, 389-403.

Calasso, F. (1965). Gli ordinamenti giuridici del Rinascimento medievale, Milano, Giuffré.

Carlier, P. (2011). Introduzione, in Demostene, Orazioni, Milano, Rizzoli, 5-121.

Cialdini, R. B. (2017). Le armi della persuasione. Come e perché si finisce col dire sì, Firenze, Giunti.

Colarizi, S. (2007). Storia politica della Repubblica 1943-2006, Bari, Laterza.

Connor, W. R. (1971). The new politicians of Fifthy-Century Athens, Indianapolis, Hackett publishing company.

Cortelazzo, M., Zolli, P. (2008). Il nuovo etimologico. Dizionario etimologico della lingua italiana, Bologna, Zanichelli.

Dal Lago, A. (2013). Clic! Grillo, Casaleggio e la demagogia elettronica, Napoli, Cronopio.

Davies, J. K. (1978). La Grecia classica, Bologna, Il Mulino.

De Luca, D. M. (2018). L’estremista. Come Matteo Salvini ha usato l’estrema destra per costruire la nuova Lega e cosa significa per il futuro del suo partito, «Il Post», 10 dicembre.

Dominijanni, I. (2017). Fare e disfare il popolo. Un’ipotesi sul caso italiano, «Teoria politica», 7, 87-109.

Durante, M. (2013). Informazione e regolazione. Internet come problema democratico, «Teoria politica», 3, 39-65.

Escobar, R. (2008). La paura, in marcia, «Iride», XXI, 55, 521-526.

Ferraro, G. (1986). Strategie comunicative e codici di massa, Torino, Loescher.

Fittipaldi, E. (2018). Il ministero della propaganda. Italia selfie, Italia crac, «L’Espresso», 35, 32-37.

Friedman, A. (2015) My way. Berlusconi si racconta a Friedman, Milano, Rizzoli.

Gauchet, M. (2008) Un mondo disincantato? Tra laicismo e riflusso clericale, Bari, Dedalo.

Hobbes, T. (2016). Leviatano, Milano, Rizzoli.

Isocrate, (2011). Orazioni, tr. it. Ghirga, C., Romussi, R., Milano, Rizzoli.

Le Bon, G. (1895). Psychologie des foules, Parigi, Alcan.

Kettle, M. (2006). How Democrats missed the vote, «The Guardian», 3 novembre.

Mandeville, B. (2008). La favola delle api, Bari, Laterza.

Manferlotti, S. (1984). Pozzo di Babele. Parola e morte in «1984», in «Belfagor», XXXIX, 397-408.

Moliterno, L. G. (2016). Quale demagogia? Riflessioni a partire da Platone, «Teoria politica», 6, 361-381.

Moliterno, L. G. (2018). La figura del demos: un’invenzione dei demagoghi?, in de Luise, F. (ed.), Cittadinanza. Inclusi ed esclusi tra gli antichi e i moderni, Trento, Università degli Studi, 71-92.

Moliterno, L. G. (2019a). Il grande demagogo: reputazione, prestigio, carisma, «Il Ponte», II, 144-156.

Moliterno, L. G. (2019b). La figura del demagogo come antidemiurgo. Da Platone a Filippo Burzio, «Storia del pensiero politico» (in corso di stampa).

Origgi, G. (2016). La reputazione. Chi dice che cosa di chi, Milano, Università Bocconi.

Orwell, G. (1990). 1984, London, Penguin books.

Parisier, E. (2012). The Filter Bubble: What The Internet Is Hiding From You, London, Penguin books.

Pazé, V. (2016). Cittadini senza politica. Politica senza cittadini, Torino, Gruppo Abele.

Pianigiani, O. (1926). Vocabolario etimologico della lingua italiana, Firenze, Ariani.

Platone (2010a). Gorgia, tr. it. Adorno, F., Bari, Laterza.

Platone (2010b). Repubblica, tr. it. Vegetti, M., Napoli, Biblliopolis.

Quaglioni, D. (1983). Politica e diritto nel Trecento italiano. Il “De tyranno“ di Bartolo da Sassoferrato (1314-1357), Firenze, Leo S. Olschki.

Prospero, M. (2010). Il comico della politica. Nichilismo e aziendalismo nella comunicazione di Silvio Berlusconi, Roma, Ediesse.

Sofri, L. (2015). Notizie che non lo erano. Perché certe storie sono troppo belle per essere vere, Milano, Rizzoli.

Sunstein, C. R. (2004). Precautions against What? The Availability Heuristic and Cross-Cultural Risk Perceptions, «John M. Olin Program in Law and Economics Working Paper», 220.

Sunstein, C. R.(2005). The Availability Heuristic, Intuitive Cost-Benefit Analysis, and Climate Change, «John M. Olin Program in Law and Economics Working Paper», 263.

Sunstein, C. R., Kuran, T. (2007). Availability Cascades and Risk Regulation, «John M. Olin Program in Law and Economics Working Paper», http://www.law.uchicago.edu/academics/publiclaw/index.html.

Suzuki, H. (2011). A Study on Scoring Customer Satisfaction, Experience Value, and Loyalty: A Case Study of Professional Baseball Teams in Japan, «Proceedings of the 13th International Conference of American Society of Business & Behavioral Science», 132-139.

Taguieff, P. A. (2003). L’illusione populista, Milano, Bruno Mondadori.

Tarchi, M. (2004). Il populismo e la scienza politica: come liberarsi del «complesso di Cenerentola», «Filosofia politica», XVIII, 3, 411-432.

Tocqueville, A. (2004). La democrazia in America, Milano, Rizzoli.

Tucidide (2013). La guerra del Peloponneso, tr. it. Savino, E., Garzanti, Milano.

Yourcenar, M. (1988). Memorie di Adriano, Torino, Einaudi.

Weber, M. (1993). Parlamento e governo. Per la critica politica della democrazia e del sistema dei partiti, Roma-Bari, Laterza.

Ziccardi, G. (2018). Espressioni d’odio online: una «valuta» per ottenere consenso, Cattaneo, F., Vitale, E. (a cura di), Web e società democratica. Un matrimonio difficile, Torino, Accademia University Press, 39-65.

Torna su

Note

1 Bobbio, 1999: 380.

2 Cfr. Moliterno, 2016: 364-365; Moliterno, 2018: 71.

3 Cfr. Weber, 1993: 106.

4 Cfr. Moliterno, 2016: 374-375.

5 Cfr. infra § 4.

6 Per la distinzione tra le due nozioni «forma di regime» (configurazioni, alternative tra loro, della relazione tra governanti e governati, definite dalle norme che disciplinano la titolarità e l’esercizio dei diritti politici, ovvero dalle leggi che riguardano la partecipazione degli individui alla formazione delle decisioni collettive) e «forma di governo» (le possibili varianti dell’architettura istituzionale di una forma di stato, lo specifico complesso di rapporti tra gli organi politici —collegiali o meno che siano—, l’articolazione e distribuzione delle funzioni politiche) cfr. Bovero, 2017: 392-394.

7 Aristotele, 2006: XXVIII, 3.

8 Cfr. infra § 4.

9 Questo saggio tenta di adoperare la categoria di demagogia —ricostruita sull’uso dei classici, in particolar modo sulle opere di Platone— per denotare fenomeni non soltanto antichi ma anche contemporanei. Per la costruzione di questa definizione stipulativa di demagogia mi permetto di rimandare a Moliterno, 2016; in particolare al § 2, per una riflessione sulla storia dei termini del ceppo di demagogos, che nel quinto secolo a. C. nascono come adiafori e soltanto successivamente assumono i significati negativi attribuiti alla nuova classe politica (per questa transizione semantica, cfr. anche Connor, 1971); e al § 7, per l’ambiguità intrinseca alle figure di «trascinatori di popolo»: a seconda della valutazione assiologica, la forma di governo del protos aner (Th. II,65,9) —eidos storico ricorrente— si può declinare in forme tanto negative quanto positive (ad esempio, guardando all’Atene storica, Tucidide ne assume come esempi paradigmatici rispettivamente Cleone e Pericle). Per distinguerle teoricamente si può seguire la tradizione classica —soprattutto aristotelica— che adopera il criterio del sympheron; tuttavia, nella realtà storica non esiste un discrimine netto tra le due, giacché la determinazione di questo stesso criterio dipende dalla relatività dei giudizi di valore.

10 Prospero, 2010: 30. Per approfondire, cfr. la «autobiografia» di Silvio Berlusconi: Friedman, 2015.

11 «Slogan semplici e comprensibili a tutti, studiati per smuovere emozioni basiche come rabbia, rivalsa, paura». Fittipaldi, 2018: 34.

12 Cfr. Origgi, 2016: 47-51. Come variante della nozione di «cascate informative», Cass Sunstein ha sviluppato l’idea di «availability cascade», che spiega il complesso processo di formazione delle credenze collettive, soprattutto attraverso l’uso di social network. Il concetto di «availability cascade» ha trovato applicazione in particolar modo nella teoria finanziaria e nell’analisi e valutazione del rischio. Cfr. Sunstein, 2004; 2005; Sunstein, Kuran, 2007.

13 Tocqueville, 2004: 258.

14 «Se quindi un legislatore o un politico, per cui avessero grande venerazione, dovesse dire loro che la massima parte degli uomini ha in sé un principio di valore [...] e che quelli che ne hanno di più sono i migliori della loro specie, è del tutto verosimile che molti di loro, pur non sentendo in sé questo principio, lo prenderebbero per vero. Ma se anche uno solo su dieci può essere convinto a dichiarare apertamente di possedere tale principio, e a difenderlo contro tutti i detrattori, subito sosterranno la stessa cosa in sei [...] e il politico non deve fare altro che adulare con tutta l’attenzione possibile l’orgoglio di quelli che si vantano di averlo [...]. L’orgoglio che li ha spinti la prima volta ad affermare tale principio, li costringe poi a difendere la loro affermazione». Mandeville, 2008: 140.

15 Cfr. Cialdini, 2017: 122-123.

16 Cfr. Parisier, 2012.

17 Sul microtargeting elettorale, più in particolare negli States, cfr. Balz, 2006; Kettle, 2006; Blakely, 2016.

18 Per una riflessione sull’informazione nell’età degli algoritmi informatici, cfr. Agostino, 2018. Sul tema delle fake news cfr. Sofri, 2015.

19 Cfr. Durante, 2013: 49, Dominijanni, 2017: 98.

20 È stato altresì osservato come, per mezzo dei social network, il sistema di Merisi invii dei segnali in qualche modo «codificati» agli estremisti attraverso il meccanismo noto in letteratura come «dog-whistling». Cfr. De Luca, 2018.

21 Cfr. Fittipaldi, 2018: 35-36. Per approfondire le specificità dell’hate speech on-line cfr. Ziccardi, 2018; sull’«uso» strumentale di sentimenti come odio, paura, xenofobia per mobilitare le masse e ottenere consenso (o semplicemente audience) cfr. Escobar, 2008. In particolare, per questo uso «populista» dei social network da parte dei governanti italiani cfr. Ammar, Barr, Giuffrida, 2018.

22 Cfr. Ferraro, 1986: 90.

23 Uno dei caratteri tipici del demagogo già sottolineati da Aristotele è l’adulazione, che spesso si concreta in un elogio del pubblico. Cfr. Aristotele, 2013: 1292a.

24 Davies, 1978: 120.

25 Bobbio, 1984: 216.

26 Per le particolari strategie di sfruttamento di Twitter e di altre piattaforme on-line, volte a rilevare il «sentimento» prevalente dei fruitori al fine di soddisfarli e moltiplicare la diffusione dei post, cfr. Fittipaldi, 2018: 34.

27 Prospero, 2010: 148. Cfr anche 142.

28 Cfr. Platone, 2010a: 481d-e. Per un’analisi di questo passo mi permetto di rinviare a Moliterno, 2016: 367.

29 Cfr. Pazé, 2016: 108.

30 Bobbio, 1984: 135-136.

31 Cfr. Suzuki, 2011: 134-137.

32 Cfr. Moliterno, 2016: 364.

33 A titolo di esempio, cfr. Carlier, 2011: 117 su Demostene.

34 Sul Movimento dell’Uomo Qualunque cfr. Colarizi, 2007: 24-26.

35 Cfr. ad esempio Isocrate, 2011: 255-259.

36 «Ma ne siete voi i responsabili, gli organizzatori maldestri di tali gare; voi che di natura siete soliti assistere agli interventi degli oratori come si accorre ad uno spettacolo, e farvi uditori delle gesta compiute; voi che modellate la vostra valutazione delle imprese future sullo splendore oratorio di chi vi fa balenare la possibilità di realizzarle, mentre sui fatti già accaduti non vi risolvete ad adottare come più indiscutibile e cosciente metro di riflessione la concreta, tangibile realtà degli eventi, fidandovi piuttosto di ciò che udite nelle sfolgoranti arringhe di chi ve ne porge, a parole, un resoconto già criticamente elaborato. Siete prontissimi all’esca di una eloquenza ammantata da una vernice d’originalità [...]. ciascuno di voi smania per la febbre d’esser valente nella parola [...]: non scorgete con sufficiente chiarezza i concreti contorni del reale. Vi ammalia il musicale incanto della dialettica: vi si direbbe un pubblico intento ai duelli spettacolari dei sofisti, più che un popolo di cittadini». Tucidide, 2013: III, 37-40. Per l’analisi del discorso di Mitilene mi permetto di rinviare a Moliterno, 2018: 75-78.

37 Ne deduce Marcel Gauchet: «Di qui la passività, la smobilitazione, la non-partecipazione che penetra i nostri costumi politici e che costituisce la vera minaccia che grava oggi sulle nostre democrazie». Gauchet, 2008: 41.

38 Taguieff, 2003: 136.

39 Tarchi, 2004: 426.

40 Citato da Prospero, 2010: 53.

41 Sulla costruzione del newspeak in questo romanzo, cfr. Manferlotti, 1984.

42 Bobbio, 2008: 60.

43 «The essential act of the Party is to use conscious deception while retaining the firmness of purpose that goes with complete honesty. To tell deliberate lies [...], to forget any fact that has become inconvenient, and then, when it becomes necessary again, to draw it back from oblivion for just so long as it is needed, to deny the existence of objective reality and all the while to take account of the reality which one denies [...]. If one is to rule, and to continue ruling, one must be able to dislocate the sense of reality. [...] It is a vast system of mental cheating». Orwell, 1990: 223-224, traduzione e corsivo miei.

44 «Doublethink means the power of holding two contradictory beliefs in one’s mind simultaneosly, and accepting both of them. [...] But by the exercise of doublethink he also satisfies himself that reality is not violated». Orwell, 1990: 223, traduzione mia.

45 Cialdini, 2017: 66.

46 Il saggio schmittiano cui si riferisce Dal Lago è Cattolicesimo romano e forma politica, pubblicato originariamente nel 1923 (n.d.a.).

47 Dal Lago, 2013: 53-55. Un’altra risposta, assai meno complessa, a questo interrogativo si potrebbe rintracciare nella Psychologie des foules di Gustave Le Bon, uno tra i primi tentativi di studiare scientificamente l’influenza dei fenomeni collettivi sul comportamento dei singoli. Il sociologo francese sostiene che quando un individuo si trova in un assembramento di persone la ragione risulta come «sospesa», privando i componenti di una folla dell’attitudine a formulare giudizi: per questo motivo il messaggio del meneur des foules può essere estremamente flessibile. In seno a questa «anima collettiva», infatti, possono essere evocate anche idee e immagini in contraddizione tra loro: l’incoerenza non risulterebbe evidente alla folla a causa di questa interdizione dello spirito critico individuale. Ne consegue che la ricerca ponderata del lessico non è utile al meneur e può, anzi, rivelarsi uno sforzo controproducente. Cfr. Le Bon, 1895: I, III, §§ 1, 2, 3. Per una trattazione più estesa dell’argomento, rinvio a Moliterno, 2018: § 1, Moliterno, 2019b: § 1.

48 Cfr. Aristofane, 2007a: vv. 1152 sgg.

49 Cfr. Hobbes, 2016: 89; Moliterno, 2019a.

50 Aristofane, 2007b: v. 701.

51 Corsivo mio. Bobbio, 1984: 142.

52 Cfr. Platone, 2010a: 518e-519a, 518e-519a; 2010b: 565a.

53 Cfr. Bobbio, 1984: 153.

54 Platone, 2010b: 565a.

55 Yourcenar, 1988: 110-111.

56 Cfr. supra § 2.

57 Cfr. Aristotele, 2013: 1292a.

58 Cfr. Bartolo da Sassoferrato, 2017: XII. Sul De Tyranno di Bartolo da Sassoferrato cfr. Quaglioni, 1983.

59 Calasso, 1965: 263.

60 Ibidem.

61 Video disponibile su https://it-it.facebook.com/salviniofficial/videos. Forse il ministro non sa che il termine «magistrato» è legato al latino magis, «più», con il suffisso -ter che indica comparazione tra due. Speculare e opposta la costruzione della parola «ministro», composto da minus, «meno», e -ter. Cfr. Cortelazzo, Zolli, 2008; Pianigiani, 1926.

62 Bobbio, 1999: 327. Cfr. anche Gauchet, 2008: 145.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Lucilla Guendalina Moliterno, « Demagoghi democratici. Un eterno ritorno? »Teoria politica. Nuova serie Annali, 9 | 2019, 193-207.

Notizia bibliografica digitale

Lucilla Guendalina Moliterno, « Demagoghi democratici. Un eterno ritorno? »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 9 | 2019, online dal 26 mai 2020, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/tp/815

Torna su

Autore

Lucilla Guendalina Moliterno

Università degli studi di Torino, lmoliter@unito.it.

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
  • Logo Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università degli Studi di Torino
  • Logo Marcial Pons éditeur
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • OpenEdition Journals