Navigazione – Mappa del sito
Malgoverno

Un malgoverno dell’altro mondo. Corruzione, avidità e violenza alle origini dell’America latina

A Bad Government from the Other World. Corruption, Greed and Violence at the Origins of Latin America
Remo Bodei
p. 251-262

Abstract

The article begins by reconstructing the original behavior of the conquistadores of the New World, in which the immense greed of riches was combined with ruthless violence against the Amerindians, and this was accompanied by a moral disengagement, or rather by the skill to perform acts of extreme cruelty without feeling any guilt. In this acute ethical corruption syndrome, the author identifies the roots of bad government established by the Spanish in the New World and then continued in various forms in the political history of Latin America, almost as if it were an original sin beyond repair and capable of generating a sort of destiny which it seems impossible to escape. The continuous revolutions and/or abrupt regime changes that have characterized the affairs of almost all Latin American states have often had among their motivations (real or presumed) that, solemnly announced, of wanting to abolish the corruption of previous governments; but the intention to clean up, to «drain the swamp of corruption», has frequently led to authoritarian or dictatorial changes, and in most cases has not avoided relapse into the same type of vice. The greed and ruthlessness of the conquistadores led not only to the despoliation of the territories and the extermination of millions of people, but to the establishment of fact or the right to slavery, first of the natives, then also of the blacks. The article reconstructs the alternating phases of tension and compromise between the conquering soldiers and the settlers on the one hand, and the Crown and the Church on the other, on how to treat the Indians. The repeatedly ratified laws in defense of the natives were mostly disregarded and, in any case, failed to constrain a generalized regime of oppression. What is more important to note is was born then, by way of some thinkers like Francisco de Vitoria: the grandiose project of educating whole peoples into civilization, with the underlying corollary of dominating them to instruct them, but also with the intention of including them in the large family of humanity. It must be emphasized that this was not just a simple ideological masking to hide the horrors of oppression. A great philosophical, theological and political confrontation opened up in sixteenth century Spain which became, on the one hand, the field for sowing and cultivating the modern idea of human rights. On the other hand, however, it also became the setting of the dispute —its protagonists being Sepúlveda and Las Casas— on the natural serfdom of the Indians and the legitimacy of leading a «just war» against them. The peak of political and human corruption was reached when violence and oppression were called justice.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Oro e spietatezza

  • 1 Cfr. Greenblatt, 2017: X.
  • 2 Citato da Neill, 1977: 170.
  • 3 Cfr. Todorov, 1996: 8-15.

1Interrogato sul perché fosse venuto nel Nuovo Mondo, Cortés replicò: «Io e i miei compagni soffriamo di una malattia del cuore che può essere curata solo dall’oro»1. In maniera analoga, quando un religioso chiese a Pizarro di porre fine alla spoliazione dei nativi del Perù e di preoccuparsi piuttosto della loro evangelizzazione, la risposta fu: «Non sono venuto qui a questo scopo. Sono venuto per portare via il loro oro»2. Del resto, già con Cristoforo Colombo, i conquistatori si erano mostrati portatori di hambre monetaria. Colombo, addirittura il giorno dopo il suo arrivo nel Nuovo Mondo (13 ottobre 1492), riferendosi ai suoi abitanti, rivelò che il primo pensiero che gli aveva attraversato la mente era stato questo: «Facevo attenzione e cercavo di comprendere se avessero dell’oro». Il 23 dicembre dello stesso anno si rivolse così a Dio nelle sue preghiere: «Nostro Signore nella sua bontà mi faccia trovare quest’oro». Egli però non era mosso da personale cupidigia, ma dal desiderio di gloria, dalla volontà di compiacere i Sovrani e, addirittura, dal sogno di riconquistare il Santo Sepolcro di Gerusalemme convincendo Fernando e Isabella a usare per questo scopo le ricchezze derivanti dalla sua scoperta3. Quali che siano state le sue motivazioni, il destino di oppressione degli indios ovviamente non cambiò. L’ardente desiderio di oro colpì già gli abitanti dei Caraibi, che Colombo vendeva non trovando in quelle isole sufficiente oro.

  • 4 Cit. da León-Portilla, 1965: 97.
  • 5 Si veda, per la spiegazione del fenomeno, Bandura, 2017.

2Visto dalla parte dei vinti, il comportamento dei conquistadores è così descritto da una fonte azteca: «Come scimmie, portavano l’oro a piene mani, poi li si vedeva sedere e fremere di piacere»4. Pur avendo constatato che i nativi scambiavano oro e oggetti preziosi con vetri colorati e oggetti metallici di poco prezzo, gli spagnoli non avevano capito che il valore da attribuire alle cose è soggetto a codici culturali. L’auri sacra fames (da cui gli amerindiani sembravano esenti) non è nella storia una novità. Nuova, nel caso del Nuovo Mondo, è non solo la magnitudo in cui si manifesta e la subordinazione di tutti i valori politici e religiosi ufficialmente professati al metallo prezioso, ma anche la particolare forma di corruzione che, nel privarne gli indios con la violenza, si manifesta come «disimpegno morale», ossia quale attitudine a compiere atti di estrema crudeltà senza avvertire alcuna colpa, o perdita di autostima o rispetto per se stessi5. Il contrasto tra il messaggio cristiano e il comportamento dei soldati e dei coloni spagnoli non poteva essere più stridente.

  • 6 Las Casas, 1992: 47.

3Tra i tanti episodi di crudeltà, il più noto è forse quello del re cubano Hatuey, che aveva proclamato l’oro il dio dei cristiani. Legato al palo prima di essere bruciato al rogo —«solo perché fuggiva», dice Las Casas, «da gente tanto iniqua e crudele, e si difendeva da chi voleva ammazzarlo e angariarlo a morte con tutta la sua discendenza»—, quando un frate francescano cercò di consolarlo e di convertirlo parlandogli del paradiso, chiese se in cielo andassero anche i cristiani e, alla risposta positiva del frate, disse che «voleva andare piuttosto all’inferno che ritrovarsi con loro e vedere ancora gente tanto trista e crudele»6. Per non essersi convertito, Hatuey venne quindi arso vivo e cosciente senza essere in precedenza garrotato o stordito con delle pozioni.

  • 7 Ivi: 35 e cfr. Baccelli, 2016: 241.
  • 8 Las Casas, 1992: 35.
  • 9 Sull’episodio di Caonao, cfr. Mann-Lot, 1985: 30-31. Da una simile frenesia sembrano essere stati (...)
  • 10 Las Casas, 1992: 47-48.

4Altri episodi di estrema spietatezza, di fatto gratuita, ma derivanti dal disprezzo per coloro cui non veniva riconosciuta pari umanità, sono raccontati sempre da Las Casas. In uno di questi, gli spagnoli, mentre uccidevano degli indios («incatenati, come se fossero branchi di porci»), si scambiavano parole come queste: «Prestami un quarto di uno di questi bastardi, ché ho da dar da mangiare ai miei cani; quando ne ammazzo uno io, te lo rendo»7. In un altro «facevano scommesse su chi sarebbe riuscito a fendere un uomo in due con una sola sciabolata, a tagliargli la testa d’un colpo di picca oppure a sviscerarlo»8. Nel 1513 lo stesso Las Casas aveva personalmente assistito a Cuba, nella località di Caonao, allo sterminio di circa duemila pacifici indios a opera dei soldati al comando di Pánfilo de Narváez. Tutto ebbe inizio quando uno di questi militi, senza motivo, ammazzò con un sol colpo un nativo. Subito dopo, colti da una improvvisa frenesia omicida, tutti gli altri si misero a sterminare gli altri abitanti del villaggio9. Lo stesso Las Casas accolse tra le sue braccia un indio, sventrato e morente, che cercava di fuggire con i propri visceri in mano10.

5Innumerevoli altri episodi di spietatezza simili a questo si verificarono in tutti i domini spagnoli. I motivi non consistevano solo nel tentativo di costringere gli indios a consegnare l’oro, l’argento o i beni preziosi (come le perle), ma anche nel gusto gratuito di uccidere uomini che si ritenevano perros o perros cochinos (ossia, in quest’ultima espressione, cani da porcaio, analogamente all’offesa tedesca Schweinhunde), cannibali, sodomiti, vili, animali incapaci di vivere in una comunità politica.

2. Corruzione e sfruttamento della schiavitù

  • 11 Cfr. Hegel, 1972: 104, quando difende Machiavelli dall’accusa di immoralità per la violenza consig (...)

6Tale fame di oro, sineddoche del guadagno rapido tramite violento assoggettamento e sfruttamento, è alla base della corruzione e del malgoverno instaurato dagli spagnoli nel Nuovo Mondo. Dei suoi effetti deleteri si possono rinvenire le tracce anche oggi in forma di inemendabile peccato originale o di destino cui sembra quasi impossibile sottrarsi. Si potrebbe addirittura azzardare l’ipotesi che le continue rivoluzioni o i bruschi cambiamenti di regime che caratterizzano gli Stati latinoamericani abbiano tra le loro motivazioni (vere o presunte) quella, solennemente annunciata, di voler abolire la corruzione dei governi precedenti. Certo è —per citare Hegel che si riferisce a Machiavelli— che la rinuncia all’uso dell’«acqua di colonia», quando uno Stato o una società mostrano segni di irreversibile decomposizione11, non è quasi mai disinteressata e che l’intenzione di fare pulizia e di introdurre una nuova purezza dei costumi (il «prosciugare la palude della corruzione») non è affatto angelica e conduce spesso a svolte autoritarie o dittatoriali.

7La «malattia del cuore» di cui parlava Cortés ha, infatti, minato e indebolito gli Stati scaturiti dalle rivoluzioni dell’America latina, inquinato in misura diversa le loro società, scavato un solco tra ceti dirigenti e popolazioni, legato strettamente l’avidità di guadagno al privilegio e alla sopraffazione. Ma è stata, soprattutto e per molti secoli, sia la principale causa della schiavitù delle popolazioni locali, sia, da parte dei coloni nel corso del Cinquecento, dell’accettazione per sentito dire delle raffinate teorie in favore della servidumbre natural degli indios.

  • 12 Cfr. Byrd, 1982.
  • 13 Cfr. Imbruglia, 1983: 22-23, 27.

8Già nel 1509 Diego Colón, figlio di Cristoforo Colombo, cominciò ad applicare su larga scala il metodo delle encomiendas, concedendo cento indios a ogni ufficiale, ottanta a ogni cavaliere sposato, sessanta a ogni scudiero sposato, trenta a ogni lavoratore sposato (si arrivò in seguito a encomenderos che ne avevano trecento o addirittura mille e cento, come il segretario particolare del re Ferdinando). Nate per analogia con le commende, che attribuivano una certa rendita ecclesiastica anche a individui che non pronunciavano i voti, le encomiendas furono già sporadicamente introdotte, in misura ridotta, nel 1503 dopo un periodo di iniziale esitazione sul modo di comportarsi con gli amerindiani12. Nella prospettiva della lunga durata, solo i gesuiti, tra Seicento e Settecento e nelle loro «riduzioni» in Paraguay, abolirono la sottomissione degli indios all’encomendero e li difesero (all’occasione armandoli) dai coloni spagnoli che partivano da Asunción e dai bandeirantes, i razziatori brasiliani di schiavi, che avevano la loro base a São Paulo13.

  • 14 Ben prima della «tratta atlantica», sia indios sia neri erano stati spediti per mare da una parte (...)

9Una istituzione parallela alle encomiendas era, a partire dal 1518, quella dell’asiento de negros, un contratto di appalto di diritto pubblico mediante il quale si concedeva la licenza di tratta a privati in cambio del pagamento di un tributo alla Corona. Un ulteriore introito derivante dal traffico di schiavi fu rappresentato dalla tassa regia di due ducati per ogni schiavo che veniva spedito in una determinata colonia. L’affare più consistente per la monarchia spagnola si ebbe, a questo proposito, nel 1592, a un secolo esatto dalla scoperta dell’America, quando un certo Gómes Reynal pagò quasi un milione di ducati per l’importazione in nove anni di 38.250 schiavi da consegnare al ritmo di 4.250 l’anno, di cui almeno 3.500 dovevano arrivare vivi (anche da un simile documento si evince l’alta percentuale dei morti durante le traversate)14.

3. Dall’oro all’argento

  • 15 Se, come spesso accadeva, il ritorno in patria diventava un irraggiungibile miraggio, in questi sp (...)

10Si può ben immaginare come la prospettiva di uno sfruttamento intensivo di manodopera gratuita, all’inizio diffusa e facilmente reperibile, sia diventato un moltiplicatore del desiderio di veloci guadagni e abbia attratto uomini, specie soldati e avventurieri, che per lo più erano partiti con l’intenzione di guadagnare abbastanza per poi tornare in patria15. Non mancava, tuttavia, di attrarre anche dei potenti privati, come i banchieri Fugger, che utilizzarono i primi sistemi di sfruttamento sistematico dei minatori e delle risorse.

11L’avidità di oro venne scatenata, già nel 1501, dalla scoperta di una pepita di sedici chilogrammi nei monti Cibao di Hispaniola, l’attuale Repubblica Dominicana che fino al 1530 comprendeva anche Haiti. Il fatto, poi, che nel Messico Montezuma, i maggiorenti e i templi possedessero oro accumulato e tesaurizzato nel tempo fece credere erroneamente nella sua abbondanza, per cui quando i nativi non erano più in grado di consegnarlo, venivano torturati o uccisi ritenendo che mentissero.

12Nell’impero spagnolo la quantità di oro ottenuta fu, tuttavia, inferiore alle attese (tranne che in Perù, come dirò subito, ma ciò grazie ai tesori sottratti agli Inca), mentre furono invece ingenti i ricavi derivanti dalle più numerose e redditizie miniere d’argento. Ricchissime erano quella di Zacatecas, in Messico, aperta nel 1546 e quella di Potosí, nell’attuale Bolivia, che cominciò a essere produttiva a partire dal 1541; ma attive a pieno ritmo dal 1591, e non meno importanti per diversi aspetti, sono altre, come quella di Huancavelica, a circa trecento chilometri da Lima, dove si estraeva anche il mercurio secondo le innovative tecniche estrattive per l’argento e per l’oro inizialmente importate da tecnici tedeschi nel Messico.

13Diversa era, appunto, la situazione nel Perù, dove, in effetti, l’oro esisteva in maggiore quantità. Quando infatti Pizarro catturò (e poi uccise) Atahualpa, per la sua liberazione quest’ultimo promise di dare tanto oro quanto ne poteva contenere una stanza fin dove arrivava il suo braccio alzato e altrettanta quantità di argento quanto potevano contenerne due stanze uguali alla prima. Una volta arrivata questa smisurata quantità di metalli preziosi, Pizarro li fece fondere. A lui toccarono 2.350 marcos d’argento e 57.220 pesos d’oro; agli altri cavalieri 362 marcos d’argento e 8.880 pesos d’oro; a ciascun soldato 135 marcos d’argento e 3.330 pesos d’oro. Cifre che nessuno avrebbe potuto nemmeno sognare di possedere.

4. Leggi inapplicate, potere arbitrario

14Nel corso del Cinquecento, la «malattia del cuore» si era estesa al punto da portare, da un lato, alla schiavitù e allo sterminio di milioni di persone, ma anche al trasferimento di massicce quantità di oro e argento dalle Americhe all’Europa, generando in Spagna una inflazione che aveva dimostrato per gli economisti del periodo successivo (si pensi soltanto ad Adam Smith e a David Ricardo) come la ricchezza dipenda dal lavoro e non solo dal possesso di metalli nobili. Il valore dell’oro, inoltre, come mostrano anche le banche centrali attuali, è dato dalla fiducia, che è più di una speranza e meno di una certezza, e non dalla loro effettiva quantità. E se questa fiducia vacilla, le conseguenze sono nefaste. Questo effetto ritardato produsse a sua volta, nel mondo iberico, ulteriore corruzione nei domini spagnoli del Vecchio Continente, costretti a opprimere, ancor più, finanziariamente i loro sudditi.

15Tra i soldati che avevano partecipato alla Conquista e i coloni, da un lato, e la Corona e la Chiesa, dall’altro, vi furono fasi alterne di tensione e di compromesso, raramente di effettivo accordo. La Corona, che guadagnava un quinto di tutte le entrate (el quinto del Rey), era partita con Fernando e Isabella dalla volontà di proteggere gli indios e di evitare soprusi nei loro confronti. Anche in seguito, nel 1510, furono infatti emanate le benevole leggi di Burgos.

16Più duro fu l’atteggiamento di Carlo V e, in parte, di Filippo II, che avevano bisogno di enormi quantità di denaro per le guerre europee contro la Francia e contro i turchi e che quindi non guardavano tanto per il sottile all’origine delle risorse, dovute soprattutto al lavoro forzato degli indios e, ben presto, dei negri.

17Una delle cause di ulteriore corruzione —come nel caso delle «grida» manzoniane nello spagnolo Ducato di Milano del Seicento— fu lo iato tra le leggi che venivano promulgate, pur sapendo che sarebbero state scarsamente applicate, e la loro messa in pratica. Sul piano finanziario, la risposta più frequente all’inefficacia delle grida consisteva nell’ulteriore aggravio delle imposte, che nel caso degli indios aveva come contraccolpo la vendita agli usurai delle terre e dei figli per pagarle. La scarsa incidenza delle leggi provocava, inoltre, il minore rispetto per le istituzioni e l’abitudine di ottenere con il denaro e le raccomandazioni ciò che era dovuto. Per non parlare del carattere sempre più discrezionale e arbitrario del potere (anche perché, come diceva Giovanni Giolitti, le leggi per i nemici si applicano, per gli amici si interpretano). Del resto, nel periodo in cui gli Asburgo reggevano una monarchia su cui «non tramontava il sole», la lontana periferia delle Americhe non avvertiva sufficientemente il peso del potere centrale, tanto che il viceré del Perù, dove le notizie da Madrid arrivavano dopo circa due mesi, aveva escogitato una ingegnosa tecnica di governo in caso di urgenza: si ponevano le insegne reali su un tavolo, il viceré si toglieva il cappello e, come se fosse davanti al sovrano, decretava le leggi ed emetteva le grida, tenendo anche conto della volontà dei coloni, la cui ribellione costrinse Carlo V, nel 1545, ad abolire le norme delle Nuevas Leyes che proibivano la schiavitù e promettevano la scomparsa delle encomiendas alla morte dei proprietari.

5. Discrasie. Conquista spirituale e conquista militare

18Per comprendere e inquadrare questa situazione è necessario evitare un duplice errore: il primo è quello di pensare che le leggi a difesa degli indios e contro la corruzione dei magistrati (che pure esistevano) costituiscano puro fumo ideologico per nascondere gli orrori dell’oppressione; il secondo è quello di credere che tali questioni possano essere oggi facilmente intese attraverso le nostre categorie mentali e i nostri principi morali. Con qualche approssimazione, si riescono a comprendere le ragioni addotte per giustificare i metodi violenti della Conquista, oppure la libertà degli indios dall’oppressione, unicamente a partire dallo sforzo concettuale dei nuovi venuti di dar forma a esperienze inedite attraverso categorie inadeguate perché sorte in circostanze radicalmente diverse.

  • 16 Per un inquadramento di questa vicenda, cfr. Carro, 1944; Santamaría, 1977; Gil, 1981; Bataillon, (...)

19La Conquista si svolse nel periodo di massima fioritura del Rinascimento europeo e in un clima fortemente segnato dal pacifismo erasmiano (in questo caso, sia dalla dichiarata inconciliabilità tra cristianesimo e guerra, tra vangelo e violenza16, sia da elementi utopici, che si trasmisero presto alla cultura spagnola). In tale prospettiva, si dovevano convertire gli infedeli con la persuasione e, anche nel caso di guerra contro di loro, trattarli come prigionieri e non come schiavi, senza privarli, quindi, dei loro averi. Nelle speranze dei pensatori più sensibili, come Francisco de Vitoria, nacque allora, per la prima volta, il grandioso progetto di educare alla civiltà interi popoli (con il nascosto codicillo di dominarli per istruirli, ma anche con l’intenzione di includerli nella grande famiglia dell’umanità in cui prevale la parola articolata a scapito della violenza e della sottomissione perpetua).

  • 17 Ricard, 2017.

20Si attraversava un’epoca in cui si accresceva la consapevolezza di vivere in un mondo in espansione, spesso identificato con un allargamento dell’orbis christianus, segnato dalla «conquista spirituale» di innumerevoli anime a Dio e dal trionfo della «vera religione». Questo, peraltro, accadeva in una fase storica in cui i Turchi minacciavano l’Europa centro-meridionale e il protestantesimo disgregava in quella settentrionale l’unità della Chiesa d’Occidente. Si avvertiva perciò, da parte di molti, un clima da fine dei tempi. La conquista spirituale17 dovette, tuttavia, misurarsi, ad armi impari, con la conquista militare.

6. La chiesa e l’impero di fronte alla conquista

21Sul come trattare gli indios e sulla liceità di condurre una «guerra giusta» contro di loro —mettendo a contrasto, da un lato, lo ius gentium e la tradizione cristiana e, dall’altro, l’Aristotele della schiavitù per natura— si apre il grande confronto filosofico, teologico e politico che dura nel Cinquecento spagnolo per circa sei decenni, con alterni scontri e compromessi tra la Chiesa cattolica e l’Impero e che ha per posta quelli che verranno più tardi chiamati i diritti umani.

  • 18 Stark, 2003: 331.
  • 19 Hanke, 1937: 77.

22L’erasmiano papa Paolo III nella bolla Sublimis Deus e nella Veritas ipsa sostenne, infatti, nel 1537 che Satana è il padre della schiavitù18, che gli indiani «sono veri uomini», condannando pertanto «il comportamento di coloro che trattano gli indiani come se fossero bestie selvagge e animali bruti», fino a minacciare nel Pastorale officium, del 1537, la scomunica per chi avesse trasformato gli indios in schiavi. Sebbene avesse abolito la schiavitù nel 1530, per poi ripensarci nel 1534, Carlo V non accettò le posizioni del papa e, cosa inaudita, nel 1538 lo costrinse a cambiare pubblicamente opinione. Paolo III obbedì mediante la pubblicazione del breve Non indecens videtur19.

  • 20 Baccelli, 2016: 96.

23Le oscillazioni della Chiesa e della politica nell’approvare o disapprovare la servidumbre natural degli indios trovavano però un limite intrinseco nel fatto che «negare agli indiani l’anima razionale e la capacità di convertirsi —ciò che verrà fatto anche da alcuni prelati— avrebbe messo a repentaglio la giustificazione della conquista sulla base del mandato di evangelizzazione, e ciò è evitato dai principali teorici del dibattito sulla conquista»20.

  • 21 Su quest’ultimo punto, cfr. Tuck, 1979: 58-63.

24La monarchia spagnola era «apostolica», aveva ricevuto dalla Santa Sede il compito di evangelizzare le Americhe, accettando con ciò, per delega, una missione religiosa. Eppure, contro l’illegittimità della conquista spagnola e il mandato pontificio mirante a evangelizzare gli abitanti del Nuovo Mondo si era battuto, facendo infuriare Carlo V, il teologo Francisco de Vitoria, che negò sia il diritto del papa Alessandro VI di attribuire alla Spagna le terre americane grazie alla bolla del 1493 (perché il papa ha solo potere spirituale e non temporale), sia quello dell’imperatore di essere dominus mundi21.

25Anche la discrasia tra la dottrina del Vangelo, predicata da domenicani come Montesinos, Las Casas o Vitoria, e quella dei loro confratelli o superiori, provocava la corruzione del messaggio cristiano, tanto che i domini canes avevano fama di far poco per gli indios e di favorire piuttosto gli spagnoli: il vivere in mezzo ai conquistatori, si diceva, aveva finito per trasformarli in perros mudos, sin voz para ladrar, publicar y defender la verdad.

  • 22 Sulle argomentazioni usate in difesa o contro la schiavitù, cfr. García Añoveros, 2000.

26Vitoria non voleva che il Vangelo fosse predicato armis ac bombardis, «con la bocca rotonda del cannone», sia perché il cristianesimo non si può imporre con la forza, sia perché la giustizia non fonda le sue teorie sulla Bibbia o sul potere universale dei papi, ma sul diritto naturale per cui tutti gli individui e tutti i popoli fanno parte del genere umano e devono basarsi su rapporti reciproci di amicizia e di fraternità22, sia, infine, perché gli abitanti dell’America sono veri domini delle loro terre e della loro vita.

7. Sulla «guerra giusta»

  • 23 Per un inquadramento di queste dispute, cfr. Nodau, Saada, 2009.

27Nei dibattiti sul tema della guerra giusta, di cui Sepúlveda e Las Casas sono stati i maggiori protagonisti, si possono notare delle differenze significative23. Entrambi si basano su questo concetto, ma lo declinano diversamente. Mentre, infatti, il primo è più legato alla tradizione agostiniana e medioevale, ossia ai motivi per cui si dichiara giusta una guerra da parte di chi ha l’autorità riconosciuta per farlo (e insiste, quindi, sullo ius ad bellum), il secondo è più interessato a un aspetto del tutto moderno, che resta sostanzialmente subordinato in Sepúlveda, vale a dire allo ius in bello, alle norme che regolano l’uso della violenza in guerra e il trattamento «umano» dei nemici vinti (Las Casas giustifica la guerra solo nel caso in cui sia assolutamente necessaria).

  • 24 Cfr. Pietropaoli, 2012: 160: «Il nemico non era più automaticamente un “nemico ingiusto” (come era (...)
  • 25 Cfr. Pietropaoli, 2012: 166: «Se tra Stati civilizzati la guerra era limitabile, tra Stati civiliz (...)

28Ora, è vero che il diritto moderno è incentrato sullo ius in bello, ma esso ha anche prodotto una nuova versione dello ius ad bellum relativa al diritto soggettivo e assoluto degli Stati di muovere guerra nei confronti di un nemico altrettanto giusto24. Lo ius in bello moderno è valso, tuttavia, per le guerre combattute tra paesi «civilizzati» e non si è applicato in altri casi25, in cui si può annientare chi è dichiarato nemico. Ormai le guerre non si fanno più in nome di Dio, ma in nome della civiltà o dell’umanità che le rendono giuste. Con il declino del diritto naturale è la civiltà a stabilire le gerarchie tra i popoli e a orientare il diritto internazionale, anche e soprattutto attraverso il richiamo a valori umanitari.

29Nello ius ad bellum moderno non sempre il nemico è però dichiarato «ugualmente giusto». Anzi esso è considerato spesso, specie nei grandi totalitarismi del Novecento, come un essere ignobile. Carl Schmitt e Martin Heidegger, tra gli altri —assolutizzando la figura del nemico attraverso l’inasprimento di una logica che presuppone una negazione da negare, un nemico e un male assoluti da combattere senza quartiere—, non solo hanno aggirato la questione dello ius in bello, ma sono passati, implicitamente o esplicitamente, all’annientamento del nemico, privandolo radicalmente della propria umanità e riducendolo a nemico assoluto. Per usare una tipica espressione del nazionalsocialismo, hanno, di fatto e per un certo periodo, approvato la degradazione dell’uomo a Untermensch.

  • 26 Fernández de Oviedo, 1851.
  • 27 Sepúlveda, 2009: 59.
  • 28 Ibidem.

30Sepúlveda, invece, che non era mai stato nelle Americhe e aveva attinto le sue informazioni o direttamente da Cortés o da libri come quello di Gonzalo Fernández de Oviedo, Historia general y natural de las Indias26, riassume così le informazioni raccolte: gli indios «ritenevano di sacrificare vittime umane svellendo i cuori dai petti lacerati degli uomini e, offertili su nefande are, credevano di placare gli dèi offrendo sacrifici secondo i riti, mentre essi stessi si nutrivano delle carni degli uomini uccisi. Questi delitti, poiché superano ogni umana malvagità, i filosofi li rubricano tra le infamie immani e feroci»27. Per questo —argomentava— è giusto e umano muovere una guerra, che è pia Deoque gratissima, in difesa degli innocenti, contro quelle popolazioni che praticano simili nefandezze, in modo da far prevalere la civiltà sulla barbarie ut a Chistianis humanitatem discant. Si tratta, infatti, di uomini che, con il loro «vergognosissimo genere di idolatria», si comportano «come se mai avessero ammirato il cielo, sempre a terra proni secondo l’abitudine dei porci»28.

  • 29 Si veda Headley, 2008; Geuna, 2014; Bellamy, 2006.
  • 30 Cfr., in particolare, Sepúlveda, 2009. Sul pensiero di Sepúlveda, cfr. Losada, 1949-1973; Mechoula (...)
  • 31 Sepúlveda, 2009: 45.

31Ci troviamo qui di fronte alla prima formulazione non soltanto delle moderne guerre coloniali per esportare la «civiltà», ma anche delle contemporanee «guerre umanitarie» e degli interventi armati per esportare la democrazia e la libertà. Le guerre, talvolta spinte fino allo sterminio delle popolazioni dei paesi invasi, si muovono e si giustificano anche ora in nome di un universalismo di origine occidentale, che si presenta come valido per tutto il genere umano, e della conseguente responsibility to protect29. Da simili premesse consegue per Sepúlveda che, nel condurre una guerra giusta tesa a salvare migliaia di vite innocenti, il cristianesimo è, a maggior ragione, compatibile con le virtù militari della fortitudo e della magnanimitas; che la Conquista è una punizione degli indios, analoga a quella di Sodoma e Gomorra; che quel che conta non è la salvaguardia dei loro corpi, ma la salute delle loro anime; che gli amerindiani sono schiavi per natura, destinati a obbedire a chi è loro superiore, alla maniera in cui il corpo deve obbedire all’anima; che sono meritevoli di essere cacciati come belve se si rifiutano di servire30. Per questo, sebbene i conquistatori siano stati talvolta feroci e iniqui (come Sepúlveda non manca di riconoscere), la guerra rimane giusta ed è utile tanto ai vincitori, quanto ai vinti: «Se qualcosa di rapace, di crudele, di infame è stato commesso da uomini pessimi e ingiusti, come sento essere spesso accaduto, questo non rende peggiore la causa del principe e dei buoni, a meno che gli atti turpi fossero perpetrati con la loro negligenza o col loro permesso»31.

  • 32 Cfr. Sepúlveda, 1995-2010: vol. 7.
  • 33 Sul riferimento a Machiavelli si veda Prosperi, 1977-1978 e 1994.

32Le idee di Sepúlveda appaiono in parte basate su una implicita accettazione della tesi di Machiavelli, secondo cui gli Stati non si governano con i Pater Noster32. Ancor prima della pubblicazione delle opere di Machiavelli (del Principe, dei Discorsi e delle Storie fiorentine nel 1532), Sepúlveda può aver avuto notizia delle idee del segretario fiorentino attraverso i manoscritti che circolavano tra Firenze e Roma. Egli condivideva, comunque, il suo rifiuto di un cristianesimo incapace di ricuperare le antiche virtù militari della gloria e della fortitudo33 e riteneva che tale forma di religiosità «femminea» potesse valere sul piano privato, ma fosse inadeguata al livello pubblico. La negazione dell’idea di guerra giusta e delle virtù militari non avrebbe, infatti, fiaccato soltanto l’Italia, ma indebolito l’intera cristianità in un periodo in cui la minaccia turca e protestante avevano raggiunto una massima intensità, mentre in America si aprivano ampi spazi alla colonizzazione e alla conquista.

33La corruzione maggiore della politica e dell’umanità raggiunge qui il suo culmine, quando violenze e oppressione si chiamano giustizia.

Torna su

Bibliografia

Baccelli, L. (2016). Bartolomé de Las Casas. La conquista senza fondamento, Milano, Feltrinelli.

Bandura, A. (2017). Moral Disengagment. How Peole Do Harm and Live with Themselves, London, Worth Publishers (2016), tr. it. Disimpegno morale. Come facciamo del male continuando a vivere bene, Trento, Erikson.

Bataillon, M. (1991). Erasme et l’Espagne, nouvelle edition, Genève, Droz.

Belda Plans, J. (2016). Juan Ginés de Sepúlveda. Estudio crítico, Madrid, Biblioteca Virtual Ignacio Larramendi de Polígrafos.

Bellamy, A. J. (2006). Just Wars. From Cicero to Iraq, Cambridge, Polity Press.

Byrd, S. L. (1982). The Encomienda in New Spain. Forced Native Labor in the Spanish Colonies, 1492-1550 [1929], Berkeley, University of California Press.

Carro, V. (1944). La Teología y los Teólogos-juristas españoles ante la conquista de América, Madrid, Biblioteca de teólogos españoles, 1944.

Castillo Urbano, F. (1992). Juan Ginés de Sepúlveda. Entorno a una idea de civilización, in «Revista de Indias», 52.

Castillo Urbano, F.(2013). El pensamiento de Juan Ginés de Sepúlveda, Vida activa, humanismo y guerra en el Renacimiento, Madrid, Centro de Estudios Políticos.

Fernández de Oviedo, G. (1851). Historia general y natural de las Indias (1535), Madrid, Imprenta de la Real Academia de la Historia (ne è stata tradotta una sintesi: Sommario della naturale e generale istoria dell’Indie occidentali, da G. B. Ramusio in Navigazioni e viaggi, Torino, Einaudi, 1985).

Fernández Santamaría, J. (1975). Juan Ginés de Sepúlveda on the Nature of the American Indians, in «The Americas», 31.

García Añoveros, J. M. (2000). El pensamiento y los argumentos sobre la esclavitud en Europa en el siglo xvi y su aplicación a los Indios americanos y a los negros africanos, Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas.

Geuna, M. (2014). Ripensare Sepúlveda e la tradizione della guerra giusta, Introduzione a Guerra giusta e schiavitù naturale. Juan Gines de Sepulveda e Il dibattito sulla Conquista, Milano, Edizioni Biblioteca Francescana.

Gil, L. (1981). Panorama social del humanesimo español (1500-1800), Madrid, Alhambra.

Greenblatt, S. (2017). Marvellous Possessions. The Wonder of the New World, Chicago, Chicago University Press.

Hanke, L. (1937). Pope Paul III and the American Indians, in «Harvard Theological Review», 30.

Headley, J. M. (2008). The Europeanization of the World. On the Origins of Human Rights and Democracy, Princeton, Princeton University Press,

Hegel, G. W. F. (1972). Die Verfassung Deutschlands, in Schriften zur Politik und Rechtsphilosophie (1913), tr. it. La costituzione della Germania, in Scritti politici, Torino, Einaudi.

Hersch, S. M. (2005). My Lai 4: A Report on the Massacre and Its Aftermath (1970), tr. it. My Lai Vietnam, Segrate (Milano), Piemme.

Imbruglia, G. (1983). L’invenzione del Paraguay. Studio sull’idea di comunità tra Seicento e Settecento, Napoli, Bibliopolis.

Las Casas, B. de (1992). Brevísima relación de la destrucción de las Indias (1552), tr. it. Brevissima relazione della distruzione delle Indie, Milano, Mondadori.

León-Portilla, M. (1965). Visión de los vencidos. Relaciones indigenas de la Conquista, (1959), tr. fr. Le Crépuscule des Aztèques, Paris, Casterman.

Losada, A. (1949-1973). Juan Ginés de Sepúlveda. A través de su epistolario y nuevos documentos, 2 voll., Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas.

Mann-Lot, M. (1985). Bartolomé de Las Casas et les droits des Indiens (1982), tr. it. Bartolomeo de Las Casas e i diritti degli indiani, Milano, Java book.

Martínez Burgos, P. (a cura di) (2003). Erasmo en España. La recepción del humanismo en el primer Renacimiento español, Madrid, Universidad de Salamanca-Seacex, Sociedad Estatal para la Acción Cultural Exterior.

Mechoulan, H. (1974). L’anti-humanisme de Juan Ginés de Sepúlveda. Étude sur le Democrates Primus, Paris-La Haye, Mouton.

Neill, S. (1977). A History of Christian Missions, Harmondsworth, Penguin.

Nodau, C., Saada, J. (2009). Guerre juste, guerre injuste. Histories, theories et critiques, Paris, Presses Universitaires de France.

Pietropaoli, S. (2012). Las Casas e Sepúlveda: due modelli del diritto internazionale moderno, in Guerra giusta e schiavitù naturale. Juan Ginés de Sepúlveda e il dibattito sulla Conquista, Milano, Edizioni Biblioteca Francescana, 157-168

Pietschmann, H. (1987). Aristotelischer Humanismus und Inhumanität? Sepúlveda und die amerikanischen Ureinwohner, in Reinhard, W. (ed.), Humanismus und die Neue Welt, Weinheim, Acta Humaniora.

Prosperi, A. (1977-1978). La religione, il potere, le élites. Incontri italo-spagnoli nell’età della Controriforma, «Annuario dell’Istituto Storico Italiano per l’età moderna e contemporanea», XXI-XXX.

Prosperi, A. (1994). I cristiani e la guerra: una controversia fra ‘500 e ‘700, «Rivista di Storia e Letteratura religiosa», 30.

Ricard, R. (2017). La conquista espiritual de México, México, D. F., Fundo de cultura economica.

Santamaría, J. A. (1977). The State, War and Peace. Spanish Political Thought in the Renaissance 1516-1599, Cambridge, Cambridge University Press.

Schmitt, C. (2004). Theorie des Partisanen. Zwischenbemerkungen zum Begriff des Politischen (1962), tr. it. Teoria del partigiano. Integrazione al concetto del politico, Milano, Adelphi.

Sepúlveda, J. G. de (1995-2010). Cohortatio ad Carolum V imperatorem invictissimum, ut facta cum christianis pace, bellum suscipiat in Turcos in Obras completas Pozoblanco, Excmo. Ayuntamiento de Pozoblanco, vol. 7.

Sepúlveda, J. G. (2009). Democrate secondo ovvero sulle giuste cause di guerra, tr. it. Macerata, Quodlibet.

Stark, R. (2003). For the Glory of God. How Monotheism Led to Reformation, Science, Witch-Hunts, and the End of Slavery, Princeton, Princeton University Press.

Todorov, T. (1996). La conquête de l’Amérique. La question de l’Autre (1982), tr. it. La conquista dell’America. Il problema dell’altro, Torino, Einaudi.

Tuck, R. (1979). Natural Rights Theories, Cambridge, Cambridge University Press.

Torna su

Note

1 Cfr. Greenblatt, 2017: X.

2 Citato da Neill, 1977: 170.

3 Cfr. Todorov, 1996: 8-15.

4 Cit. da León-Portilla, 1965: 97.

5 Si veda, per la spiegazione del fenomeno, Bandura, 2017.

6 Las Casas, 1992: 47.

7 Ivi: 35 e cfr. Baccelli, 2016: 241.

8 Las Casas, 1992: 35.

9 Sull’episodio di Caonao, cfr. Mann-Lot, 1985: 30-31. Da una simile frenesia sembrano essere stati colti i soldati americani il 16 marzo 1968 nella strage di My Lai, che vide lo sterminio di quasi l’intera popolazione di un villaggio vietnamita, cfr. Hersch, 2005.

10 Las Casas, 1992: 47-48.

11 Cfr. Hegel, 1972: 104, quando difende Machiavelli dall’accusa di immoralità per la violenza consigliata nel principe per frenare la corruzione degli Stati che muoiono: «Ma qui non ha senso discutere sulla scelta dei mezzi, le membra cancrenose non possono essere curate con l’acqua di lavanda [...]. Una vita prossima alla putrefazione può essere riorganizzata solo con la più dura energia».

12 Cfr. Byrd, 1982.

13 Cfr. Imbruglia, 1983: 22-23, 27.

14 Ben prima della «tratta atlantica», sia indios sia neri erano stati spediti per mare da una parte all’altra dei domini spagnoli in America.

15 Se, come spesso accadeva, il ritorno in patria diventava un irraggiungibile miraggio, in questi spagnoli sradicati, desterrados, sorgeva quella nostalgia della patria lontana che ha segnato la mentalità e la sensibilità collettive di molti paesi dell’America latina, un atteggiamento efficacemente espresso in questi versi: Si muero en tierras ajenas, / lejos de donde nací, /¿quién habrá dolor de mí? / ¿Quién me terná [sic] compasión / donde no soy conocido? / ¡Oh triste amador perdido / cautivo sin redención! / Extraño de mi.

16 Per un inquadramento di questa vicenda, cfr. Carro, 1944; Santamaría, 1977; Gil, 1981; Bataillon, 1991; Martínez Burgos, 2003.

17 Ricard, 2017.

18 Stark, 2003: 331.

19 Hanke, 1937: 77.

20 Baccelli, 2016: 96.

21 Su quest’ultimo punto, cfr. Tuck, 1979: 58-63.

22 Sulle argomentazioni usate in difesa o contro la schiavitù, cfr. García Añoveros, 2000.

23 Per un inquadramento di queste dispute, cfr. Nodau, Saada, 2009.

24 Cfr. Pietropaoli, 2012: 160: «Il nemico non era più automaticamente un “nemico ingiusto” (come era invece il nemico della “guerra giusta” medioevale), ma era uno justus hostis, un nemico che aveva il medesimo statuto morale e giuridico del suo avversario e che poteva anche “avere ragione”». L’idea del nemico ugualmente giusto viene esplicitata da Schmitt, 2004: 119. Si vedano anche Pietschmann, 1987: 43-166; Castillo Urbano, 1992: 329-348; e Fernández Santamaría, 1975: 434-451.

25 Cfr. Pietropaoli, 2012: 166: «Se tra Stati civilizzati la guerra era limitabile, tra Stati civilizzati e popoli non civilizzati nessuna regola doveva essere rispettata. In questo senso, anche nel diritto internazionale moderno possiamo trovare una manifestazione logica della “guerra giusta”. La civilizzazione —e dunque la colonizzazione— è una justa causa, che giustifica qualsiasi causa di guerra contro il non civile».

26 Fernández de Oviedo, 1851.

27 Sepúlveda, 2009: 59.

28 Ibidem.

29 Si veda Headley, 2008; Geuna, 2014; Bellamy, 2006.

30 Cfr., in particolare, Sepúlveda, 2009. Sul pensiero di Sepúlveda, cfr. Losada, 1949-1973; Mechoulan, 1974; Castilla Urbano, 2013; Belda Plans, 2016.

31 Sepúlveda, 2009: 45.

32 Cfr. Sepúlveda, 1995-2010: vol. 7.

33 Sul riferimento a Machiavelli si veda Prosperi, 1977-1978 e 1994.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Remo Bodei, « Un malgoverno dell’altro mondo. Corruzione, avidità e violenza alle origini dell’America latina »Teoria politica. Nuova serie Annali, 9 | 2019, 251-262.

Notizia bibliografica digitale

Remo Bodei, « Un malgoverno dell’altro mondo. Corruzione, avidità e violenza alle origini dell’America latina »Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 9 | 2019, online dal 26 mai 2020, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/tp/831

Torna su

Autore

Remo Bodei

University of California, Los Angeles, bodei@humnet.ucla.edu.

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
  • Logo Dipartimento di Culture, Politica e Società - Università degli Studi di Torino
  • Logo Marcial Pons éditeur
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • OpenEdition Journals