Navigation – Plan du site

Call for papers - appello a contributi per il n°24 della rivista TRANS-: "À contre-pont"

Scadenza per l’invio di proposte : 20 settembre 2018

Simbolo evidente di passaggi, transizioni e traversate iniziatiche, il ponte, figura ricorrente della letteratura, è una facile metafora per rappresentare l’unione o la circolazione. La sua storia risale alle origini dell’umanità e rinvia ai nostri viaggi e alle nostre guerre, alle imprese commerciali e al progresso delle nostre tecniche, e non possiamo che sottoscrivere con partecipazione l’omaggio reso dallo scrittore serbo-croato Ivo Andrić  : « Di tutte le cose che l’uomo, nel suo slancio vitale, innalza o costruisce, nulla ai miei occhi è più prezioso dei ponti. Più importanti delle case, hanno un carattere più sacro, perché più condiviso da tutti, dei templi »1. È tuttavia « à contre-pont », verso il superamento di una visione rassicurante di questa figura, che questo appello vorrebbe andare.

  • 2 Simmel, G., « Pont et porte » (tradotto dal tedesco par Sabine Cornille et Philippe Ivernel), in S (...)

L’immaginario del ponte può infatti occultare l’evidenza della sua origine : non esiste ponte senza ostacolo, senza un vuoto, una differenza nell’ordine del mondo. Nel suo breve articolo intitolato « Ponte e Porta », Simmel invitava a diffidare della promessa di unione offerta dalla figura dei ponti : se stabilisce un contatto, il ponte rende anche sensibile la separazione tra le due rive2. I ponti invitano perciò a interrogarsi non soltanto sul contatto, ma anche sulle discontinuità tra le parti che mettono in relazione. Alle aspirazioni di fusione, all’illusione di simbiosi, il ponte oppone un pensiero del rapporto all’altro che integra in sé la distanza. E non sorprende dunque ritrovare, tra gli amanti dei ponti, scrittori che praticano il frammento, come Rimbaud o, tra i più vicini a noi, Pascal Quignard.

Lo studio attento delle figure di ponte attraverso le opere letterarie può aiutare a mettere in crisi la metafora del ponte affinché, da pontificante, divenga significante. Per cogliere la complessità di questo movimento, sembra essenziale situarsi all’incrocio di diversi approcci critici e disciplinari. Saranno particolarmente benvenute quelle proposte in cui gli studi letterari incontrano le riflessioni d’ingegneri, architetti, filosofi, storici, geopolitici e urbanisti. Nutrita dagli apporti provenienti da altre discipline, la figura del ponte dovrà essere interrogata come riconfigurazione e costruzione « discorsiva » di questi immaginari e di questi saperi plurali.

Il luogo di un passaggio

  • 3 Félicité de Genlis, Œuvres complètes, t.V, Histoires, mémoires et romans historiques, Bruxelles, P (...)

Un ponte sembra definirsi come un luogo che fa legame. Nell’antichità pontos designava un luogo di passaggio, nello specifico il Mar Nero, il Ponto Eusino, al di là del quale secondo i greci si trovavano i barbari. Ecco allora porsi tutta una serie di domande sulle modalità del passaggio. quale può essere la natura di uno spazio che non esiste al di fuori dei margini che lo collegano a un altro ? In Il ponte attraversato, Paulhan sottolinea come l’espressione attraversare un ponte sia apparentemente illogica, visto che « una strada si attraversa solo in larghezza : percorrerla in lunghezza significa seguirla »3. Paulhan stesso però sceglie quest’espressione come titolo per suo libro, quasi a suggerire che unire due ponti separati è un gesto più complesso e accidentato di seguire una strada. La stranezza dell’espressione attraversare un ponte apre allora un primo sentiero di riflessione che incoraggia a pensare la relazione non soltanto come avvicinamento, ma anche come scoperta di ciò che resiste al passaggio, di qualche cosa contro la quale inciampiamo e che ci fa vacillare.

Legare al passato, al futuro

  • 4 Camille de Toledo, Oublier, trahir puis disparaître, Paris, Seuil, 2014, p.118.
  • 5 Vitaliano Trevisan, Le pont : un effondrement, Paris, Gallimard, 2009.
  • 6 Mathias Enard, Parle-leur de batailles, de rois et d’éléphants, Paris, Actes sud, 2010.
  • 7 Francesco Pecoraro, La vie en temps de paix, Paris, J.-C. Lattès, [2013] 2017.
  • 8 Tarjei Vesaas, Les ponts, Paris, Autrement, [1966] 2003.
  • 9 Maylis de Kerangal, Naissance d’un pont, Paris, Verticales, 2010.

Considerato à contre-espace perché in termini di ostacolo e di distanza, il ponte invita a considerare anche il tempo in termini di continuità e discontinuità. Quando pubblica Il ponte sulla Drina, Ivo Andrić crede ancora in un mondo suscettibile di essere reso coerente dall’accumulazione positiva di tempo, un mondo nel quale i ponti si saldino tra loro per sfidare la morte e l’oblio. In Oublier , trahir puis disparaitre [Dimenticare, tradire e poi scomparire], lo scrittore francese Camille de Toledo ricorda che « non è affatto raro trovare, qua e là, nei libri della nostra epoca, figure di ponti. Noi gli ultimi nati del ventesimo secolo, abbiamo il compito di legare tra loro due epoche, due mondi che si danno le spalle »4. Ma questo compito sembra divenuto ormai troppo oneroso. Le figure di ponti che i romanzieri contemporanei integrano nei propri romanzi sono spesso sfuggenti o inafferrabili. I ponti crollano (Vitaliano Trevisan5), si rivelano un miraggio (Mathias Enard6) o vestigia (Francesco Pecoraro7), addirittura pozzi (Tarjei Vesaas8). Anche quando la nascita di un ponte segna la promessa di un nuovo ordine di relazioni, essa si accompagna a compromessi e rotture (Maylis de Kerangal9). Interrogarsi sui ponti che popolano (e forse infestano) la letteratura contemporanea significa allora chiedersi in che modo le nostre relazioni riflettono o alterano il nostro rapporto al tempo. Se per rappresentare il passaggio del tempo pensiamo spontaneamente all’acqua che scorre o al fiume nel quale non ci si può bagnare due volte, il fallimento di questi ponti sembra rinviare a un tempo che non scorre o, meglio, che scorre attraverso.

Politiche del ponte

I ponti sono spesso al centro di tensioni geopolitiche : luoghi di passaggio per i migranti, come il ponte Simon Bolivar tra Colombia e Venezuela, ma anche punti di controllo, come il ponte Allenby in Cisgiordania. Mentre in Europa ponti di carta circolano sulle banconote come simboli di riconciliazione, apertura e unione, i ponti reali divengono spesso l’ultimo rifugio per i richiedenti asilo, prova lampante di uno iato tra le dichiarazioni d’unità dei paesi europei e la loro realizzazione. Ecco perché i ponti meriterebbero senza dubbio di essere liberati della mistica del legame a vantaggio di un’osservazione più sottile delle forme di vita che li rendono possibili o che vi si oppongono.

Non appena l’attenzione si concentra sul singolare, il simbolo si diffrange, lasciando il posto a oggetti di riflessione più opachi, incerti e conflittuali, immagini della nostra epoca affaticata dal moto contraddittorio del ripiegamento e dell’apertura. Potranno qui essere analizzate le implicazioni più strettamente politiche della figura del ponte, che quest’ultima potrebbe aiutarci a chiarire o a immaginare nuove forme di socialità.

Questo numero della rivista TRANS- sarà dunque consacrato non al ponte, ma a dei ponti, reali o immaginari, dipinti, scolpiti, filmati, raccontati o decostruiti. Senza escludere alcun periodo o genere, questa riflessione dovrà essere condotta con approccio comparativo, nella forma di un confronto tra diversi oggetti- tra ponti geografici, storici, letterari, o tra tecniche diverse- oppure intenso come l’incontro di più metodi – l’esplorazione di un romanzo con uno sguardo scientifico, o l’approccio storico di un concetto. Le proposte per i contributi (3000 battute), accompagnate da una breve bibliografia e da una presentazione dell’autore, devono essere inviate entro il 20 settembre 2018 in versione .DOC ou .RTF all’indirizzo lgcrevue@gmail.com. Gli articoli selezionati dovranno essere invati entro il 10 gennaio 2019. Si ricorda che la rivista di letteratura generale e comparata TRANS- accetta articoli scritti in francese, inglese, italiano e spagnolo.

Notes

1 Ivo Andrić, Mostovi, 1933, http://www.yurope.com/people/nena/Zabeleske/Ivo_Andric/Mostovi.html, consultato il 06/05/18 ; tradotto in francese da Alain Cappon, « Les Ponts », Europe n°960, aprile 2009, p. 308-310.

2 Simmel, G., « Pont et porte » (tradotto dal tedesco par Sabine Cornille et Philippe Ivernel), in Simmel, G., La Tragédie de la culture, Paris, Rivages, 1988.

3 Félicité de Genlis, Œuvres complètes, t.V, Histoires, mémoires et romans historiques, Bruxelles, P.J. de Mat, 1828, p.90. Passaggio citato da Paulhan in Le pont traversé (1921), Œuvres complètes, t.1, Paris, Gallimard, 2006, p.158.

4 Camille de Toledo, Oublier, trahir puis disparaître, Paris, Seuil, 2014, p.118.

5 Vitaliano Trevisan, Le pont : un effondrement, Paris, Gallimard, 2009.

6 Mathias Enard, Parle-leur de batailles, de rois et d’éléphants, Paris, Actes sud, 2010.

7 Francesco Pecoraro, La vie en temps de paix, Paris, J.-C. Lattès, [2013] 2017.

8 Tarjei Vesaas, Les ponts, Paris, Autrement, [1966] 2003.

9 Maylis de Kerangal, Naissance d’un pont, Paris, Verticales, 2010.

Haut de page