Navigation – Plan du site

AccueilAppels à contributionsAppels closL’anomalia in question(i)

L’anomalia in question(i)

Non appena Gregor Samsa e le persone che lo circondano realizzano che l’eroe kafkiano de La Metamorfosi è diventato una blatta, il loro mondo non è scosso tanto dal fatto che questi non sia più un uomo quanto dal fatto che non può più andare a lavorare. La metamorfosi di Gregor non è dunque interessante per la fiction che a partire dal momento in cui l’irruzione di un nuovo modo di percepire le cose mette in evidenza le costrizioni di una società imprigionata da preoccupazioni materiali. Lo stesso discorso vale per la sabbia che aumenta gradualmente atto dopo atto in Giorni felici di Beckett: l’assenza di reazione da parte del personaggio sul punto di essere seppellito obbliga lo spettatore a spostare i termini degli interrogativi esistenziali sollevati dal monologo e a dar loro un significato altro, forse ancora più radicale. In entrambi i casi, c’è uno scarto relativamente a una regolarità che permette al lettore di rimettere in questione il mondo in cui vive. Questi testi traggono il loro potere dall’anomalia. Nell’estrema libertà che ha la letteratura di immaginare il nuovo, l’anomalia è senza dubbio lo strumento più radicale di cui possa servirsi. Al contempo, l’anomalo è spesso stato caratterizzato come infrazione, volontaria o involontaria, di norme e di regole, ed è stato legato all’“anormale” La confusione terminologica che ne è conseguita ha a lungo ostacolato qualsiasi riflessione precisa sulle caratteristiche intrinseche del concetto di anomalia.

È Georges Canguilhem che, ne Il normale e il patologico, porta l’attenzione su questa confusione etimologica: l’anomalia non è il contrario di «nomos», della norma, ma un sostantivo la cui etimologia greca, «anomalia», si oppone a ciò che è regolare, uguale, liscio (omalos). Di conseguenza, il contrario di anomalo non sarebbe il normale, bensì ciò che è uniforme, ciò che non ha sbalzi o perturbazioni, perché è regolare. L’apparizione dell’anomalia sconvolge così la linearità degli eventi conosciuti e riconosciuti, non opponendo loro l’irruzione di una trasgressione della norma, ma situando in prossimità un fenomeno altro, possibile certo, ma improbabile.

  • 1 Traduciamo. « Brisure, relief ou hiatus dans la linéarité des choses, l’anomalie pourrait aussi bie (...)

Rottura, rilievo o iato nella linearità delle cose, l’anomalia potrebbe anche essere al contempo fonte di inquietudine e manifestazione salutare del «problema che nasce a lungo andare dalla permanenza dello stato normale»1.

Oggi ci sarebbero verosimilmente due difficoltà a pensare l’anomalia come strumento di riflessione o di analisi letteraria. La prima deriva dalla simbiosi che nel corso tempo si è operata con l’«anormalità».

  • 2 Traduciamo. « En toute rigueur sémantique, anomalie désigne un fait, c’est un terme descriptif, alo (...)

A rigore semantico, l’anomalia designa un fatto, è un termine descrittivo, mentre anormale implica il riferimento a un valore, è un termine valutativo, normativo; ma lo scambio dei buoni procedimenti grammaticali ha portato a una collusione dei rispettivi sensi di anomalia e di anormale. Anormale è diventato un concetto descrittivo e anomalia è diventato un concetto normativo2.

Bisognerebbe dunque fare un lavoro per arrivare a pensare l’anomalia come indipendente e in quanto esperienza estrema in sé, confrontata ai limiti del quadro da cui sorge, con l’obiettivo di mettere in primo piano la percezione epistemica rinnovata del mondo che si sprigiona da essa.

La seconda difficoltà, derivante dalla prima, consisterebbe nello stabilire un quadro esplicativo critico che permetta di applicare il concetto di anomalia in letteratura in una maniera non restrittiva. Ora, accade spesso che le « irregolarità », in letteratura, vengano incluse nelle categorie che appartengono agli «scarti» attesi dai discorsi e le credenze che spiegano il mondo, anche come elemento “disturbante” nel ordine della narrazione (Jean-Michel Adam, Raphaël Baroni). L’anomalia è così stata integrata in alcuni generi specifici che, secondo la critica, comportano le loro proprie « irregolarità regolari », come il fantastico (Todorov nella sua Introduzione alla letteratura fantastica), il meraviglioso o il magico (per esempio con le varianti del «reale meraviglioso» o del «realismo magico», presenti nella letteratura del Boom latino-americano del secolo scorso) : casi del discorso ufficiale che sminuiscono e semplificano il lato problematico – e problematizzante – del sorgere stesso dell’anomalo nell’ambito di un immaginario (che finisce per andare in pezzi).

Che quadro di riferimento concepire per queste irregolarità? Come costruire un discorso che badi a non ridurre l’individualità dello scarto che l’anomalia oppone – e appone – alle norme, alla normalità, senza essere, per questo, «anormale»? Quali rotture produce l’irruzione dell’anomalia di fronte ai pregiudizi sociali, psicologici e/o artistici e dei quadri stabiliti? In che modo forza la limitatezza del nostro orizzonte di attesa e delle nostre esperienze?

Le proposte di contributo (3000 battute), accompagnate da una breve bibliografia e includendo unicamente il titolo, devono essere inviate entro il 6 gennaio 2020 in formato .DOC o .RTF all’indirizzo lgcrevue@gmail.com. In un file a parte, la collaboratrice o il collaboratore invieranno la propria presentazione personale. Gli articoli selezionati dovranno essere inviati entro mercoledì 25 marzo 2020. Ricordiamo che la rivista di letteratura generale e comparata TRANS- accetta articoli scritti in francese, inglese, spagnolo e italiano. Il Comitato valuta le proposte in base alla loro pertinenza all’appello, all’originalità del corpus scelto, all’approccio comparatista o alla qualità della riflessione teorica sulla tematica proposta. Gli articoli già oggetto di una pubblicazione precedente (articolo, monografia, capitolo di libro), compreso in un’altra lingua, non saranno accettati. Un testo contenente le norme redazionali riguardanti le proposte e gli articoli è disponibile sul nostro sito all’indirizzo:

Notes

1 Traduciamo. « Brisure, relief ou hiatus dans la linéarité des choses, l’anomalie pourrait aussi bien être source d’inquiétude que manifestation salutaire du ‘ trouble qui naît à la longue de la permanence de de l’état normal ’ », (Canguilhem, 1966 : 216).

2 Traduciamo. « En toute rigueur sémantique, anomalie désigne un fait, c’est un terme descriptif, alors que anormal implique référence à une valeur, c’est un terme appréciatif, normatif ; mais l’échange des bons procédés grammaticaux a entraîné une collusion des sens respectifs d’anomalie et d’anormal. Anormal est devenu un concept descriptif et anomalie est devenue un concept normatif », (Canguilhem, 1966 : 81).

Haut de page
  • Logo Presses Sorbonne Nouvelle
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search