Navigation – Plan du site

AccueilNuméros26L’« umanesimo etnografico » nelle...

L’« umanesimo etnografico » nelle anomalie collettive. Uno studio su Cinacittà di Tommaso Pincio e Sirene di Laura Pugno

Humanism in Collective Anomalies. A study on Tommaso Pincio’s Cinacittà and Laura Pugno’s Sirene
L’« humanisme ethnographique » dans les anomalies collectives. Étude sur Cinacittà de Tommaso Pincio et Sirene de Laura Pugno
Davide Magoni

Résumés

L'ère des découvertes géographiques et par conséquent des représentations avec lesquelles les nouveaux mondes sont représentés, entraîne avec soi un nouveau regard porté sur les espaces et les cultures qui les habitent. La découverte de l'ailleurs conduit à une lecture de l'autre qui s'inscrit dans un rapport de force dans lequel la culture dominante élabore une vision ethnocentrique, se définissant elle-même, c'est-à-dire un centre à partir duquel élaborer un discours sur les différences. Dans les deux romans analysés ici, le phénomène apocalyptique permet l'établissement d'un nouvel ordre dont découlent des éléments anomaux. L'anomalie devient ainsi l'occasion de soulever un discours sur l'altérité, proposant une nouvelle « possibilité humaniste ».

Haut de page

Texte intégral

La caccia ai mostri

  • 2 Cristoforo Colombo, Diari del primo viaggio, in Gli Scritti, Einaudi, Torino, 1992, p. 147.

Il giorno avanti, andando l’Ammiraglio alla volta del Río del Oro, disse aver vedute tre sirene, che uscirono fuori dal mare, le quali purtuttavia non erano belle quanto le si dipinge, ché in nessun modo avevano sembianze umane; disse che, altre volte, ne aveva visto qualcuna in Guinea, sulla Costa Managueta2.

1Le rappresentazioni cartografiche medievali operano non solo una prima fondamentale suddivisione dello spazio, ma – insita alla loro rappresentazione – anche una sua conseguente valorizzazione. I criteri di conoscibilità e di alterità tendono a guidare questo processo: ai confini precisi e dettagliati delle nazioni europee lo scrupolo cartografico occidentale, rappresentando l’altrove, cade in una fosca approssimazione. Ad indicare le Africa pars, le terre dell’Africa, compare una scritta: Hic sunt leones. Da qui in poi i leoni, le bestie, i mostri.

2Una delle opere più importanti della letteratura antropologica, Tristi Tropici di Lévi-Strauss, costituendo le basi dell’antropologia strutturale, tenta di problematizzare il rapporto di dominanza culturale in cui cade lo studioso occidentale nell’osservare i costumi sociali e religiosi di alcune tribù amazzoniche. I precetti scientifici e etnologici di cui si serve l’antropologo per studiare i loro comportamenti si ritrovano impregnati di un sistema di pensiero in cui sopravvive la dimensione della propria cultura, che elaborerà un discorso sulle differenze collocando l’altro alla periferia di un mondo del quale continuerà ad occupare la posizione centrale/dominante.

  • 3 Franco Moretti, Atlante del romanzo europeo 1800-1900, Einaudi, Torino, 1997, p. 5.

3In questo senso, lo studio della cartografia permette di osservare l’immagine che una cultura dà di sé rappresentandosi e allo stesso tempo dipingendo gli altri. « Poiché una carta è appunto un rapporto, tra un dato spazio e un dato fenomeno »3.

Figura 1 Rappresentazione dell’Europa in una mappa del 1664.

Figura 1 Rappresentazione dell’Europa in una mappa del 1664.

4Il fenomeno coloniale o etnocentrico prende forma in seno a un gruppo culturale il quale elaborerà una serie di raffigurazioni del mondo in cui l’appropriazione del lontano, in quanto necessariamente diverso, verrà filtrata a partire da una rosa di codici che ne medierà la ricezione. I bestiari medievali accompagnano i disegni di animali fantastici con frammenti biblici al fine di guidarne l’interpretazione; la traumatizzante esperienza dell’anomalo viene così tematizzata secondo i precetti della propria cultura di appartenenza.

5Durante la Controriforma, le rappresentazioni dei santi entrano al centro di una polemica sulla trasmissibilità della fede agli incolti: il loro culto in quanto idoli poteva condurre ad una ricezione pagana del cristianesimo. Di conseguenza, la disinvoltura raffinata del manierismo, la tendenza alla ricercatezza e al lusso, considerate come espressioni distorte delle scritture, verranno duramente condannate. Gli stessi bestiari e le figurazioni enigmatiche di creature fantastiche verranno proibite. Il Discorso intorno alle immagini sacre e profane (1582) dell’arcivescovo di Bologna Gabriele Paleotti, intende indicare agli artisti della Controriforma la sobria austerità che andava perseguita. Nel lungo trattato che si presenta come applicazione del decreto conciliare, tutto quanto concerne il mostruoso dovrà imperativamente aderire ad un insegnamento morale, o rimandare ad un significato allegorico che ne giustifichi la presenza o il valore.

  • 4 Gabriele Paleotti, Discorso intorno alle immagine sacre e profane, Fondazione Memofonte onlus. Stud (...)

Così chi figurasse le cose di Africa o de’ paesi nuovamente trovati, potria senza biasimo pingere varii mostri et umani e ferini, narrati dagli scrittori autentici di quei luoghi. Mostri imaginati si possono pigliare in due modi, cioè o che sono falsamente finti dalla pura nostra imaginazione, overo che sono formati dalla imaginazione nostra, mossa però da cause superiori e divina revelazione. Nel primo modo si comprendono quelli che si hanno finti i poeti, come sono sirene, sfingi, arpie, pegasi e dette da Omero chimere […]. Nel secondo modo intendiamo quelli che non nascono da finzione vana d’uomini, ma si trovano narrati nelli sacri volumi, o dai dottori santi, a’ quali per divina grazia, come cose sopranaturali e piene di gran misterii, sono state revelate, onde li chiamiamo allegorici e misteriosi […]4.

Figura 2 Immagine di un viaggiatore, Andreas Rodunderus, che nel XVII°, sulle Alpi, s’imbatté in un esemplare di «felinosauro».

Figura 2 Immagine di un viaggiatore, Andreas Rodunderus, che nel XVII°, sulle Alpi, s’imbatté in un esemplare di «felinosauro».
  • 5 Duccio Canestrini, Freaks. Antropologia dell’anomalia, in Annali del museo civico di Rovereto, vol. (...)

6Permane tuttavia un’ambiguità che sembra propria del fenomeno anomalo, o quantomeno della sua ricezione nella cultura occidentale, che tende a esprimersi mediante « l’atavico e forse insondabile complesso di attrazione/repulsione che tutti proviamo nei confronti dell’abnorme »5.

  • 6 Claude Lévi-Strauss, Tristi Tropici, Il Saggiatore, Milano, 2015, p. 13.
  • 7 Duccio Canestrini, op. cit., p. 288.

7Lévi-Strauss, prima di salpare per il grande viaggio oltre l’oceano atlantico, racconta in Tristi Tropici di alcune lezioni di psicologia in una sala della clinica Sant’Anna, a Parigi, « che aveva la parete di fronte alle finestre interamente coperta di pitture di alienati. Ci sentivamo già esposti ad una particolare specie di esotismo »6. L’altrove viene rappresentato tramite il misterioso e il grottesco; il fascino che suscita l’inesplorato viene così inserito in un sistema figurativo che mette l’accento sull’aspetto pittoresco. Nel corso del Settecento, si sviluppa un metodo critico, proto-positivista, con il fine di elaborare una teoria di classificazione delle razze: Georges-Louis Leclerc conte di Buffon « traccia una gerarchia delle razze umane, ponendo al culmine della scala l’europeo, seguito dall’asiatico, dall’africano e in ultima posizione dal selvaggio americano »7.

  • 8 Ivi.

Etica ed estetica si alleano nella filosofia dei pensatori europei, i quali eleggono loro stessi a metro di paragone per stabilire la distanza che separa gli altri popoli dalla compiutezza. « La natura al suo massimo grado di perfezione ha creato gli uomini bianchi », scrive ancora Buffon in De l’homme 8.

  • 9 Ivi.

8Non solo gli animali fantastici o i mostri marini, anche le deformità fisiche ma soprattutto le differenze somatiche verranno tematizzate al fine di costituire un catalogo e una corretta nomenclatura in grado di farsi sistema. Sarà questa l’epoca che Lévi-Strauss definirà il « “peccato originale dell’antropologo”, vale a dire la confusione fra il concetto biologico di razza e le produzioni sociologiche e psicologiche delle culture umane »9. Tali formulazioni imboccheranno le ramificazioni scientifiche più disparate: basti pensare alla frenologia, secondo la quale una corretta misurazione morfologica del cranio può stabilire un legame con le funzioni psichiche dell’individuo.

Figura 3 Una pagina dell’Histoire naturelle du genre humain del medico Julian Joseph Virey (1775-1847)

Figura 3 Una pagina dell’Histoire naturelle du genre humain del medico Julian Joseph Virey (1775-1847)

Nella seguente pagina viene dimostrata una credenza dell’epoca, secondo la quale il cranio dello schiavo africano somigliasse molto di più a quello dell’orango rispetto a quello dell’uomo bianco, il quale veniva considerato l’ideale di “bellezza” dell’espressione umana.

Figura 4 Immagine che ritrae l’applicazione di misurazione del goniometro facciale

Figura 4 Immagine che ritrae l’applicazione di misurazione del goniometro facciale

Vige una semplicistica equazione tra bruttezza fisica e degenerazione spirituale. La polizia nella prima e nella seconda metà del XIX secolo, affiancata dalle teorie antropologiche dell’epoca, stabilisce, nell’intercettazione e catalogazione dei criminali, relazioni tra le misurazioni e le forme del volto e la delinquenza cronica.

La « crisi della presenza »

  • 10 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 172.

In che modo è possibile distinguere il normale e l’anormale nei comportamenti umani? Per tale distinzione occorre l’analisi del “senso” del comportamento, e questa analisi non può aver luogo se non in riferimento al “senso” della cultura universale e al “senso” della civiltà particolare il cui comportamento in questione è storicamente inserito […]. Proprio a motivo della finezza storica del giudizio di normalità l’errore è particolarmente frequente quando l’apprezzamento concerne i comportamenti di individui appartenenti a civiltà estranee al mondo euroamericano o occidentale che si dica10.

9Nei due romanzi che qui vorremmo analizzare, Sirene di Laura Pugno (2007) e Cinacittà di Tommaso Pincio (2011), l’elemento anomalo risulta decisivo nello sviluppo di entrambe le opere.

10In Sirene, l’autrice racconta di un mondo distopico in cui una violenta forma di tumore alla pelle – il cancro nero – provocato dal contatto prolungato con la luce del sole, ha decimato la popolazione. Il romanzo si svolge nei sotterranei della riserva marina yakuza, dove in grandi vasche vengono allevate esemplari di sirene.

  • 11 Laura Pugno, Sirene, Marsilio, Venezia, 2017, p. 10.

I maschi erano dugonghi di piccola taglia, non avevano niente di umano. Le femmine erano bestie da latte e da carne e insieme erano donne, prive di parola, prive di gambe, il muscolo unico della coda capace di spezzare in due la schiena di un uomo, la vagina liscia, protetta dall’abrasione dell’acqua di mare da uno smegma madreperlaceo, priva di peli. Ti guardavano con occhi vuoti, spenti, verde mare o oltremare, con le membrane nittitanti delle palpebre come pezzi di plastica sporca, i visi poco più che musi […], ma a complicare il loro corpo c’erano quei capelli lunghi, se poi si potevano dire capelli, un’unica massa elastica verdeazzurra o azzurro vivo che scendeva sulla schiena, che ondeggiava nell’acqua come le trecce della più splendida delle adolescenti, e le braccia verde chiaro con le mani palmate, il seno sempre grande e pesante con i capezzoli verde cupo, durissimi, da cui nell’estro usciva un latte dolciastro […]. La coda era coperta di squame, verdi o azzurre, viola in età avanzata, ma nei macelli le sirene non arrivavano a invecchiare11.

11Le creature sono rappresentate senza l’alone mitico che è loro normalmente attribuito: vengono allevate per la loro carne, e in caso di sterilità inviate in bordelli dove gli uomini possono abusarne sessualmente. Il protagonista del romanzo, Samuel, memore del mondo prima del cancro nero e dell’esistenza delle sirene, lavora nelle vasche, selezionando gli esemplari da inviare al macello, supervisionando l’accoppiamento, curando la manutenzione dell’impianto, fino al momento in cui sceglie di scivolare in una vasca per accoppiarsi con una « mezzoalbina », una sirena con « screziatura d’argento, e gli occhi, e la coda e la palmatura delle mani più azzurra che verde ». Nascerà, da questa insolita unione, una sirena dai tratti ancora più umanoidi rispetto agli altri esemplari, Mia, che l’eroe tenterà di sottrarre al suo destino liberandola in mare aperto.

  • 12 Tommaso Pincio, Cinacittà. Memorie del mio delitto efferato, Einaudi, Torino, 2008, p. 6.

12In Cinacittà, come conseguenza del cambiamento climatico, « un’enorme e famosa estate che non è mai finita »12 si è sparsa ovunque nel mondo. Le alte temperature hanno prodotto massicci flussi migratori verso il nord; solo Marcello, il protagonista del romanzo, sceglie di rimanere nella sua città natale, Roma, la quale per il resto è gremita esclusivamente di cinesi, che si occupano del loro sostentamento con spettrale abnegazione. Il romanzo si presenta come un libro di memorie, che Marcello scrive in carcere dopo aver commesso un « delitto efferato » nei confronti di una prostituta cinese, Yin, della quale era follemente innamorato.

  • 13 « Il Dasein di De Martino non è deiezione negativa, ma un esserci in cui il ci si configura storica (...)

13In entrambi i romanzi, il personaggio principale funge da mediatore tra due epoche: è stato testimone dello sconvolgimento che ha alterato l’equilibrio di una realtà a cui però non ha smesso di indirizzarsi. Sia Samuel in Sirene, che Marcello in Cinacittà, sviluppano un discorso che esprime una dolorosa condizione di inappartenenza al periodo storico che vivono; la nostalgia con cui riesumano il passato cancellato dall’evento cataclismatico, riflette un disorientamento costitutivo, un’ubicazione impossibile, quello che l’antropologo italiano Ernesto de Martino definisce una « crisi della presenza », intesa in quanto esserci heideggeriano (Dasein), o meglio ancora in quanto « crisi dell’esserci nel mondo »13.

  • 14 Ibid., p. 176.

14De Martino svilupperà la propria nozione di « crisi della presenza » in chiave antropologica, in quanto perdita con « la propria storia individuale e di gruppo, con i valori (con la realtà) della propria società e della propria cultura »14, occupandosi in particolare di soggetti schizofrenici in stadio avanzato che hanno sviluppato forme di « delirio di fine del mondo ». Nei propri studi sulle « apocalissi culturali », de Martino riflette sulla tensione della fine verso la quale propendono i popoli, analizzando diversi casi in società tribali, soffermandosi su quei riti e quelle pratiche con le quali la fine viene celebrata ed insieme esorcizzata. Il fine dei riti, paradossalmente, risulta essere quello di arginare l’idea di una fine ripetendo una serie di gesti che comunque sia ne simbolizzano l’ineluttabilità.

  • 15 Ibid., p. 201.

15Uno dei casi clinici che più è stato commentato da parte dello studioso napoletano è il « caso del contadino bernese » – descritto dagli psichiatri Storch e Kulenkamff. De Martino riflette su quanto un episodio eccezionale vissuto come intrusione – tutto comincia con il precipitare di un aeroplano militare alla fine della Seconda guerra mondiale in Svizzera, a cui il paziente schizofrenico assiste e di cui si ritiene colpevole – minando l’equilibrio di quella che era la sua lettura del mondo, conduca poi ad un collasso di quest’ultima, in forma di psicosi, che si ramifica nella totale distorsione di tutti gli elementi che precedentemente la componevano. I monti crollano. Il cielo sprofonda. Il sole è cambiato. L’aria è tossica. Gli alberi si torcono. « In un siffatto progetto del mondo, il divenire viene perduto su tutto il fronte del possibile: cessa ogni forma del produrre »15. La vita oltre la catastrofe si arena, non potrà che dispiegarsi, agli occhi di colui che la percepisce, come menomazione, come irrimediabile difetto di quello che era.

16In una prospettiva collettiva, la percezione della fine non si oppone però alla codificazione della realtà, ma ne predispone pienamente la conformazione. Il mondo è effettivamente cambiato. In Sirene:

  • 16 Laura Pugno, Sirene, op. cit., p. 14.

Qualcosa era cambiato nell’atmosfera, negli strati di protezione che separavano la Terra dalla stella del suo sistema, e ora il sole sembrava voler divorare l’umanità come un dio maligno16.

  • 17 Tommaso Pincio, Cinacittà, op. cit., p. 47.
  • 18 Ibid., p. 7.
  • 19 Ibid., p. 6.
  • 20 Ibid., p. 97.
  • 21 Ibid., p. 215.

17Mentre in Cinacittà, Roma si è trasformata in un « luogo di morte e dell’assurdo »17, dove le alte temperature fanno esplodere le automobili « con improvvise fiammate»18, e l’asfalto si squaglia « come il burro in padella »19. L’immediata conseguenza di questo sconvolgimento risulta essere il disorientamento che si ritrovano a soffrire i protagonisti dei due romanzi. In Cinacittà, Marcello dice: « come persona mi sentivo fuori posto, nei sobborghi dell’esistere, ai margini del consorzio umano che conta »20, tanto da perdere credibilità nei confronti di ogni forma di « speranza »21. L’avvenimento cataclismatico spinge Marcello « ai margini », verso la periferia di una realtà di cui, prima della violenta crisi climatica, occupava una posizione, se non migliore, certamente più centrata, che coinvolgeva la sua presenza, il suo « essere al mondo ».

  • 22 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 196.

18È interessante notare quanto la perdita di appartenenza al mondo nel caso del contadino bernese acuisca, al contrario, un senso di responsabilità per gli altri e per lo spazio che ha intorno. Il paziente intavola tutto un insieme di gesti, quasi in simbiosi con il rapporto con i riti intrattenuti dai membri delle società tribali, tesi a ripristinare l’ordine della realtà, e quindi a scongiurare la « fine del mondo ». Una recrudescenza del suo disturbo avviene, pochi anni dopo il caso dell’aereo precipitato, nel momento in cui il padre sradica una quercia nell’appezzamento di terra davanti casa, e dal buco rimasto dal terreno comincia a sgorgare dell’acqua. Come la prima volta, il paziente accusa quello che de Martino chiama un « delirio da fine del mondo »: un esiguo cambiamento innesca un processo di inesorabile capitolazione. Del padre dice: « Non lo avrebbe dovuto fare »22.A seguito di quel buco nella terra, gli uomini vi vengono inghiottiti, gli alberi non potranno più crescere normalmente.

  • 23 Ibid., p. 199.

Ma avendo segato la quercia, uomini e cose sono sprofondati. Non vi erano più radici, e il suolo quindi non era più stabile. La gente è sprofondata e l’acqua è affluita. Non è più allo stesso posto, come prima. Gli uomini giusti, i viventi, sono precipitati 23.

  • 24 Ibid., p. 197-198.

19Tuttavia, il paziente « ha arrestato la forza dell’acqua facendo girare un interruttore », o ancora, « ha cercato di salvare gli uomini che si trovano nello spazio sotterraneo trasportandoli su terreno stabile », poiché egli mantiene il « rapporto con gli uomini smarriti »24. Il delirio da fine del mondo nel caso del contadino bernese non conduce ad un’astensione dal mondo in senso lato, egli si ricopre addirittura del ruolo di « salvatore », ma ad un collasso nell’interazione e nella comunicazione con il mondo degli « altri ». Come afferma de Martino:

  • 25 Ibid., p. 169.

In realtà l’esserci-nel-mondo appartiene alla vita della cultura, e i pretesi «mondi» degli psicotici sono coglibili solo come sistematica negazione di qualsiasi mondo possibile25.

  • 26 Ibid., p. 175.
  • 27 Laura Pugno, Sirene, op. cit., p. 32.
  • 28 « Se Samuel avesse voluto distruggere tutto, poteva farlo. Questo pensiero gli era di grande confor (...)

20Nel caso dei romanzi analizzati, i due personaggi non perdono il contatto con il resto del mondo, ma negano se stessi non riconoscendosi in esso. Il loro « non-esserci-nel-mondo » concerne la fine della « possibilità della cultura », intesa come perdita di « un sistema di valori intersoggettivi»26. Questo comportamento genera una vera e propria tensione « verso la fine » che Samuel e Marcello sembrano ricercare, più o meno direttamente. Il romanzo Sirene si apre con l’immersione di Samuel nelle vasche delle sirene durante la monta: da subito si capisce che è un gesto scellerato, punibile con la morte da parte dei famelici proprietari dell’impianto, che il personaggio compie disinteressatamente, senza nemmeno « sapere perché »27 avesse deciso di farlo. Ma sarà appunto questo gesto che gli riserverà un destino fatale. Lo stesso vale per Marcello in Cinacittà: il quale, dopo essersi tenuto a distanza dalle ragazze della Città Proibita, infine cede al desiderio che lo porterà, circuito dal magnaccia Yang, alla rovina. In entrambe le narrazioni il fenomeno apocalittico produce una forma di apatia, di negazione, di spossata acquiescenza, tanto da rendere l’eventualità della fine un sollievo, la possibilità di distruggersi e distruggere tutto, spesso, perfino una consolazione28.

L’« umanesimo etnografico »

  • 29 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 172.

21La « rinuncia » che contraddistingue i personaggi dei due romanzi sembra addurre ad una pratica di demondanizzazione e depresentificazione: « il mondo delirante è delirante proprio perché manca della comunicabilità culturale, perché isola il rischio, o disarticola la dialettica rischio-reintegrazione»29. In questo senso, la « crisi della presenza » di cui abbiamo parlato, vuole sottolineare l’impossibilità di una reintegrazione di Samuel e Marcello al mondo dei loro simili.

  • 30 Ibid., p. 73
  • 31 Id., La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 2019, p (...)

22La nozione di fine del mondo tematizzata da de Martino non va intesa in senso naturalistico, « in quanto catastrofe cosmica che può rendere inabitabile il pianeta terra »30, ma come « fine della cultura », ovvero, come abbiamo già detto, della perdita « del senso dei valori intersoggettivi della vita umana»31. In una prima parte, in entrambi i romanzi, l’elemento anomalo come conseguenza cataclismatica sembra il fattore determinante che segna l’apocalisse culturale del mondo che i protagonisti abitano.

23Tuttavia, in una dimensione iniziale percepita come « anomala », non sarà un caso che il processo di reintegrazione al mondo, ovvero di « reinserimento » tramite la cultura, avverrà proprio a partire da coloro che rispecchiavano l’anormalità del mondo post-catastrofe. Il cancro nero in Sirene, e il caldo asfissiante in Cinacittà, inducono un ribaltamento dell’ordine a cui Samuel e Marcello erano improntati: le creature oceaniche nel primo caso, e i cinesi nel secondo – la cui presenza cozza durante tutto il corso del libro con l’identità del luogo (Roma) di cui risultano i detentori – rappresentano la manifestazione tangibile dello sconvolgimento della realtà a cui appartenevano prima dell’evento cataclismatico. Ma saranno proprio loro, la mezzoalbina Mia, e la ragazza cinese Yin, a favorire quel processo di « reinserimento ». In entrambi i casi, quindi, entra in gioco una nozione fondamentale: l’elemento « anomalo » che inizialmente partecipava nell’isolare il soggetto dal mondo, conduce in seguito alla rinnovata fiducia nella nozione di un « divenire » comune.

24Sia Samuel che Marcello infatti, nel lento autoannientamento a cui sembrano votarsi, l’uno sacrificando se stesso per salvare un esemplare di sirena, l’altro scrivendo le sue memorie, scelgono di partecipare al destino della storia di cui sono testimoni. L’elemento anomalo si presenta quindi come opportunità per riformulare una realtà estranea, ritratteggiando l’orientamento nel mondo dei personaggi, reinterpretando la forma di una partecipazione che si era smarrita.

25Quando de Martino parla di « umanesimo etnografico » a seguito delle scoperte geografiche, scrive:

  • 32 Id., La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 1997, p (...)

La scoperta delle genti transoceaniche - sia pure nel quadro di interessi coloniali e missionari - poneva in primo piano una nuova modalità di rapporto con l’umano: la modalità dell'incontro sincronico con umanità aliene rispetto alla storia dell'occidente, e quindi anche la modalità dello scandalo e la sfida di tale alienità […]. La dimensione del confronto non più soltanto interno e diacronico fra epoche successive della storia culturale dell'occidente, ma esterno e sincronico con umanità aliene rispetto alla totalità di tale storia e alla successione delle sue epoche. Con ciò la storia dell'occidente guadagnava potenzialmente una nuova possibilità umanistica: quella di mettere in causa se stessa, di problematizzare il proprio corso32.

  • 33 Ivi. Le parentesi sono mie.

26In una prospettiva soggettiva, quello che produce un cambiamento in Marcello e Samuel è proprio la possibilità di problematizzare il loro « corso », di « attingere un nuovo orizzonte (antropologico) mediante la confrontante misurazione di sé con altri modi di essere uomini in società »33. Non solo di esseri uomini, ma più in generale di essere umani.

27Sembra essere questo, in effetti, una dei presupposti generali di tutte le narrazioni apocalittiche. Come scrive Nicolò Scaffai in Letteratura ed ecologia:

  • 34 Niccolò Scaffai, Letteratura e ecologia, Carocci, Roma, 2017, p. 102-105.

La gran parte delle narrazioni apocalittiche si basa infatti sulla rivelazione di un ordine sotteso al reale conosciuto […]. A terrorizzare non è tanto la diversità dei valori che l’altro può incarnare, quanto la scoperta che l’altro è già qui e non ce n’eravamo accorti; […] che la nostra Umwelt si sovrappone alla sua34.

28Non quindi quanto l’altro sia diverso, ma quanto sia vicino, quanto sia sempre stato « qui ». Quello a cui i personaggi dei romanzi analizzati sembrano votarsi sarà allora :

  • 35 Clara Gallini, op. cit., p. XIV.

lo sforzo teorico di individuare il nucleo originario di quelle drammatiche potenzialità di crollo e assieme di superamento, che si contendono lo stesso realizzarsi dell'essere della presenza-al-mondo35.

29In effetti, quello che Samuel e Marcello sembrano rappresentare, e che il genere del romanzo permette, è di problematizzare la nozione di « presenza », l’esserci soggettivo in senso heideggeriano, immerso in un dato periodo storico, in una cerchia sociale e culturale con precisi vincoli. Nel nostro caso, in questo studio, si è voluto riflettere sulla possibilità del fenomeno anomalo, esteso su larga scala, inteso come opportunità per guadagnare un nuovo « orizzonte », senza necessariamente servirsene, come domanderebbe la sua accezione più comune e abusata, opponendola ovvero ad una posizione o ad un fenomeno dominante, ma facendone un’esplorazione, non espansionistica ma di scoperta, di « possibilità umanistica », nel senso di possibilità umana.

Haut de page

Bibliographie

Colombo, Cristoforo, Diari del primo viaggio, in Gli Scritti, Einaudi, Torino, 1992.

Canestrini, Duccio, Antropologia dell’anomalia, in Annali del museo civico di Rovereto, vol. 14 (1998), 2000, pp. 281-300.

De Martino, Ernesto, La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 1997.

De Martino, Ernesto, La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Nuova edizione, Einaudi, Torino, 2019.

Farinelli, Franco, La crisi della ragione cartografica, Einaudi, Torino, 2009.

Harvey, David, Geografia del dominio. Capitalismo e produzione dello spazio, Verona, Ombre corte, 2018.

Lévi-Strauss, Claude, Parole date : le lezioni al Collège de France e all'École pratique des hautes études, 1951-1982, Einaudi, Torino, 1992.

Lévi-Strauss, Claude, Tristi Tropici, Il Saggiatore, Milano, 2015.

Moretti, Franco, Atlante del romanzo europeo 1800-1900, Einaudi, Torino, 1997.

Moretti, Franco, La letteratura vista da lontano, Einaudi, Torino, 2005.

Pincio, Tommaso, Cinacittà. Memorie del mio delitto efferato, Einaudi, Torino, 2008.

Pugno, Laura, Sirene, Einaudi, Torino, 2007.

Paleotti, Gabriele, 1582, Discorso intorno alle immagine sacre e profane, Fondazione memofonte onlus. Studio per l’elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche, URL :
(http://www.memofonte.it/home/files/pdf/scritti_paleotti.pdf).

Said, Edward, Cultura e Imperialismo. Letteratura e consenso nel progetto coloniale dell’Occidente, Gamberetti, Roma 1998.

Scaffai, Niccolò, Letteratura e ecologia: forme e temi di una relazione narrativa, Carocci, Roma, 2017.

Haut de page

Notes

1 Ernesto de Martino, La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 1997, p. 396.

2 Cristoforo Colombo, Diari del primo viaggio, in Gli Scritti, Einaudi, Torino, 1992, p. 147.

3 Franco Moretti, Atlante del romanzo europeo 1800-1900, Einaudi, Torino, 1997, p. 5.

4 Gabriele Paleotti, Discorso intorno alle immagine sacre e profane, Fondazione Memofonte onlus. Studio per l’elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche, (http://www.memofonte.it/home/files/pdf/scritti_paleotti.pdf), p. 164-165.

5 Duccio Canestrini, Freaks. Antropologia dell’anomalia, in Annali del museo civico di Rovereto, vol. 14 (1998), 2000, p. 283.

6 Claude Lévi-Strauss, Tristi Tropici, Il Saggiatore, Milano, 2015, p. 13.

7 Duccio Canestrini, op. cit., p. 288.

8 Ivi.

9 Ivi.

10 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 172.

11 Laura Pugno, Sirene, Marsilio, Venezia, 2017, p. 10.

12 Tommaso Pincio, Cinacittà. Memorie del mio delitto efferato, Einaudi, Torino, 2008, p. 6.

13 « Il Dasein di De Martino non è deiezione negativa, ma un esserci in cui il ci si configura storicamente entro contesti storicoculturali determinati; […] l’esserci è soprattutto un dover-esserci, in cui la dimensione doverosa si tradurrebbe in un imperativo etico di trascendimento verso l'oltre » (Clara Gallini, Introduzione, in Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. LII). E ancora: « Il farsi della presenza e del mondo si realizza nella costituzione di orizzonti storico-culturali determinati. Ma è anche costantemente minacciato dal rischio del crollo di tali orizzonti, che comporta di necessità anche il rischio di crollo della presenza al mondo. Questa minaccia, che si annida nel cuore dello stesso esserci, costituisce un rischio antropologico costante, che peraltro il mito e il rito si fanno carico di segnalare e di controllare, per operare sempre nuove forme di reintegrazione culturale » (Ibid., p. XIII).

14 Ibid., p. 176.

15 Ibid., p. 201.

16 Laura Pugno, Sirene, op. cit., p. 14.

17 Tommaso Pincio, Cinacittà, op. cit., p. 47.

18 Ibid., p. 7.

19 Ibid., p. 6.

20 Ibid., p. 97.

21 Ibid., p. 215.

22 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 196.

23 Ibid., p. 199.

24 Ibid., p. 197-198.

25 Ibid., p. 169.

26 Ibid., p. 175.

27 Laura Pugno, Sirene, op. cit., p. 32.

28 « Se Samuel avesse voluto distruggere tutto, poteva farlo. Questo pensiero gli era di grande conforto » (Ibid., p. 9).

29 Ernesto de Martino, La fine del mondo, op. cit., p. 172.

30 Ibid., p. 73

31 Id., La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 2019, p. 73.

32 Id., La fine del mondo. Contributo all’analisi delle apocalissi culturali, Einaudi, Torino, 1997, p. 395-396.

33 Ivi. Le parentesi sono mie.

34 Niccolò Scaffai, Letteratura e ecologia, Carocci, Roma, 2017, p. 102-105.

35 Clara Gallini, op. cit., p. XIV.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Figura 1 Rappresentazione dell’Europa in una mappa del 1664.
URL http://journals.openedition.org/trans/docannexe/image/4674/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 137k
Titre Figura 2 Immagine di un viaggiatore, Andreas Rodunderus, che nel XVII°, sulle Alpi, s’imbatté in un esemplare di «felinosauro».
URL http://journals.openedition.org/trans/docannexe/image/4674/img-2.png
Fichier image/png, 210k
Titre Figura 3 Una pagina dell’Histoire naturelle du genre humain del medico Julian Joseph Virey (1775-1847)
Légende Nella seguente pagina viene dimostrata una credenza dell’epoca, secondo la quale il cranio dello schiavo africano somigliasse molto di più a quello dell’orango rispetto a quello dell’uomo bianco, il quale veniva considerato l’ideale di “bellezza” dell’espressione umana.
URL http://journals.openedition.org/trans/docannexe/image/4674/img-3.png
Fichier image/png, 227k
Titre Figura 4 Immagine che ritrae l’applicazione di misurazione del goniometro facciale
Légende Vige una semplicistica equazione tra bruttezza fisica e degenerazione spirituale. La polizia nella prima e nella seconda metà del XIX secolo, affiancata dalle teorie antropologiche dell’epoca, stabilisce, nell’intercettazione e catalogazione dei criminali, relazioni tra le misurazioni e le forme del volto e la delinquenza cronica.
URL http://journals.openedition.org/trans/docannexe/image/4674/img-4.png
Fichier image/png, 79k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Davide Magoni, « L’« umanesimo etnografico » nelle anomalie collettive. Uno studio su Cinacittà di Tommaso Pincio e Sirene di Laura Pugno »TRANS- [En ligne], 26 | 2021, mis en ligne le 26 février 2021, consulté le 13 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/trans/4674 ; DOI : https://doi.org/10.4000/trans.4674

Haut de page

Auteur

Davide Magoni

Davide Magoni sta lavorando ad un progetto di ricerca sullo spazio narrativo in letteratura contemporanea. Ha studiato Lettere presso l’Università di Bologna e in seguito si è iscritto ad un Master alla Sorbonne-Nouvelle in Littérature Générale et Comparée. Durante l’anno scolastico 2018-2019 ha lavorato come assistente di lingua italiana per l’Accadémie de Versailles. Collabora con il blog Doppiozero, dove si occupa di recensioni di romanzi contemporanei (principalmente francesi). Per la casa editrice Prehistorica lavora sporadicamente come interprete, dal francese all’italiano, e come mediatore culturale. Abita attualmente a Bologna.

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Logo Presses Sorbonne Nouvelle
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search