Navigation – Plan du site

AccueilNuméros10Lectures et réceptions de CarducciCarducci e l’identità nazionale

Lectures et réceptions de Carducci

Carducci e l’identità nazionale

Anna Storti Abate
p. 37-50

Résumés

Après la conclusion du processus d’unification politique italienne, Carducci s’engagea avec détermination, dépassant ses positions précédentes, dans la « mission » de contribuer à créer dans le pays la concorde nationale, qui paraissait nécessaire afin de renforcer la fragile unité politique à peine atteinte. Pour réaliser cet objectif, d’après lui, il était nécessaire que le peuple italien apprenne à se reconnaître et à être fier de son identité nationale : quelques traits distinctifs et quelques valeurs partagées, issues de son histoire et de sa culture. L’activité pédagogique, politique, critique et surtout poétique du « vate » pendant les vingt dernières années du XIXe siècle fut toute orientée vers l’identification et la célébration de quelques mythes capables de renforcer l’identité nationale, dans le tableau d’un projet éducatif global de la nation, fondé sur les études classiques. On propose ici l’analyse de quelques textes – poésies et essais – qui exemplifient le contenu de son projet éducatif de la nation et en révèlent les limites.

Haut de page

Texte intégral

1Il mio intervento sarà centrato prevalentemente sull’attività di Carducci nell’ultimo quarto dell’Ottocento e, in particolare, sarà dedicato all’obiettivo che mi sembra si possa considerare centrale negli interessi del poeta in questo periodo : quello di contribuire alla costruzione della nuova Italia su basi stabili, attraverso un’opera di formazione nei suoi cittadini di una cultura comune e condivisa, capace di rafforzare in loro la coscienza nazionale.

  • 1 L’incontro con la famiglia reale avvenne, come è noto, a Bologna il 6 novembre 1878. Umberto I era (...)

2La data che i critici tradizionalmente indicano come momento di svolta nel pensiero politico carducciano è il 1878, l’anno dell’incontro con la regina, a seguito del quale il poeta avrebbe compiuto un clamoroso voltafaccia nel suo giudizio verso la monarchia sabauda1. In realtà, quella data convenzionale, più che una conversione improvvisa, segna il momento culminante di una riflessione politica, iniziata subito dopo il completamento del processo di unificazione della penisola con la presa di Roma, che portò gradualmente il poeta ad assumere, nei confronti del governo, della casa regnante, perfino della chiesa, posizioni più morbide di quelle manifestate in precedenza e a comprendere le ragioni storiche e l’utilità sociale e politica delle istituzioni che prima aveva avversato.

  • 2 I versi conclusivi dell’epodo Per Vincenzo Caldesi otto mesi dopo la sua morte (« Impronta Italia d (...)
  • 3 « Vate », « missione » sono tutti termini caratteristici del vocabolario mazziniano. Come è noto, C (...)

3Negli anni Sessanta, Carducci era stato un portavoce dell’opposizione antigovernativa repubblicana anticlericale, e cioè di una frazione, rumorosa e battagliera ma pur sempre minoritaria, dello schieramento politico. Le liriche confluite poi nella raccolta dei Giambi ed Epodi, con i loro ritmi da battaglia e con i modi violenti dell’invettiva e della satira, avevano espresso compiutamente questa ideologia di opposizione a una politica governativa giudicata antieroica e priva di ideali : qui il poeta aveva criticato le scelte di politica interna e soprattutto estera dei primi governi postunitari, aveva denunciato l’atteggiamento esitante con cui la Destra aveva affrontato la cosiddetta « questione romana » ed era stato colui che più aveva contribuito ad alimentare il mito del cosiddetto « Risorgimento tradito », sottolineando lo stridente contrasto esistente tra gli alti ideali in nome dei quali si era combattuta la lotta per l’unificazione con la meschinità della politica attuale2. Ma dopo la soluzione della questione romana, nuove preoccupazioni cominciarono a turbare la sua visione della vita pubblica italiana e lo indussero a rinunciare alle polemiche e alle faziosità per proporsi come un sostenitore appassionato e super partes dell’unità del paese. In tutti i campi della sua attività, da quella didattica a quella di saggista e soprattutto di poeta, cominciò a prendere forma un impegno nuovo : operare con ogni mezzo per contribuire al rafforzamento della coesione nazionale e al superamento di tutti i possibili fattori di divisione – culturale, politica, ideale – tra gli italiani, che potevano indebolire l’unità nazionale appena raggiunta. Volle proporsi quindi non più come il veemente e battagliero sostenitore di polemiche antitiranniche, anticlericali e talvolta perfino antiborghesi, ma piuttosto come il « vate » della nazione, capace di parlare in nome di un interesse superiore, collettivo e di additare al paese intero – alla classe dirigente come al popolo – gli ideali ai quali ispirarsi e la « missione » da svolgere in campo internazionale3.

  • 4 Alludo naturalmente all’amore per Lina Cristofori Piva e al richiamo di pubblico esercitato dalle s (...)
  • 5 L’importanza di questi aspetti della biografia carducciana è stata sottolineata, in particolare, da (...)

4La spiegazione di questo diverso orientamento ideale non va cercata esclusivamente nei cambiamenti intervenuti nella vita privata del poeta. Certamente, dopo il Settanta, egli aveva visto con compiacimento aumentare la sua notorietà nel paese, aveva ottenuto gratificanti riconoscimenti letterari e anche successi in campo sentimentale e mondano4, era stato affiliato alla massoneria : tutto questo gli aveva aperto le porte degli ambienti più prestigiosi della città di Bologna, ma aveva anche favorito la richiesta di collaborazione da parte del Ministero della Pubblica Istruzione per delicati incarichi ispettivi e di consulenza5. Se l’essere entrato a far parte dell’establishment del paese poteva averlo indotto inconsapevolmente a smussare le punte più acute della sua polemica politico-sociale, tuttavia è nel clima politico italiano e internazionale di quegli anni che possiamo trovare le motivazioni più profonde della nuova missione nazionale cui il poeta ispirò tutta la sua attività successiva.

5Fu soprattutto la riflessione su alcuni aspetti della situazione del paese a convincerlo a rinunciare alle polemiche e alle faziosità, per impegnarsi, dopo il completamento dell’unificazione politica del paese, nella costruzione di un’altra unità, quella morale, civile, culturale, ideale della nazione. Inchieste parlamentari, reportage giornalistici, le opere degli scrittori veristi, infatti, stavano scoprendo in quegli anni che la popolazione italiana era molto più variegata per usi, tradizioni e parlate di quanto non si pensasse nell’età risorgimentale. Più pressante che mai appariva allora l’obiettivo – indicato con celebri parole da Massimo D’Azeglio – di « fare gli italiani », di impegnarsi concretamente per trasformare una moltitudine di genti che per secoli erano vissute separate e sotto regimi politici diversi in una nazione anche culturalmente unitaria.

6A queste ragioni di debolezza del nuovo Stato si aggiungevano altri fatti preoccupanti, che potevano essere interpretati, almeno da una parte dell’opinione pubblica, come agenti disgregatori dell’unità appena raggiunta : da un lato, il non expedit papale (10 settembre 1874), imponendo ai cattolici di tenersi lontani dalla vita politica del paese, aveva creato profonde lacerazioni tra credenti e laici, rese più acute dai pregiudizi antistatali manifestati spesso dal clero italiano ; dall’altro lato, la nascita delle prime associazioni anarchiche e socialiste, delle prime leghe sindacali e cooperative, i primi scioperi e le agitazioni nelle campagne – e, sullo sfondo, l’eco della Comune parigina e la paura del socialismo che si era diffusa in Europa – fecero temere che anche da noi fosse possibile una rivoluzione socialista. In Italia, inoltre, gli stessi ideali internazionalisti e la predicazione della lotta di classe, furono avvertiti come una minaccia, non solo per l’ordine sociale costituito, ma anche per l’unità politica appena raggiunta.

7Di fronte a questa complessa situazione interna, che contribuiva altresì a indebolire la posizione dell’Italia nel contesto internazionale – negli anni in cui tra le maggiori potenze europee si inaspriva la contesa imperialistica, dalla quale sembrava che l’Italia dovesse rimanere esclusa –, Carducci avvertì il pericolo che tanti agenti disgregatori potessero minare le fondamenta del nuovo Stato e ritenne fosse suo dovere di operare, con tutti gli strumenti culturali di cui disponeva, per contrastare o neutralizzare i nuovi nemici interni del paese e per valorizzare tutto ciò che invece poteva rafforzare l’unità e la compattezza della nazione. Rinunciò allora progressivamente alle battaglie antigovernative e anticlericali che lo avevano appassionato in precedenza e, se continuò a svolgere la caratteristica funzione di mentore e di guida intellettuale e morale della coscienza civile, la orientò verso nuovi obiettivi, non più di parte ma nazionali, a sostegno di quello che ora gli appariva come il valore supremo da difendere : l’unità del paese, che andava consolidata mediante una più profonda e duratura concordia nazionale.

  • 6 Molti anni dopo egli avrebbe spiegato la sua cosiddetta « conversione » alla monarchia proprio come (...)
  • 7 Come è noto egli vide realizzato questo tipo di governo da Crispi, della cui politica divenne soste (...)

8Per questo, a partire dalla fine degli anni ‘70, egli andò scoprendo che, per rafforzare la coesione della popolazione italiana, potevano rivelarsi utili anche quelle istituzioni che in passato aveva rifiutato : la monarchia6 e un governo forte e perfino autoritario purché laico, che fosse capace di sconfiggere sul nascere le spinte disgregatrici provenienti da parte clericale e socialista7. Tuttavia la difesa delle istituzioni non costituiva, ai suoi occhi, un presidio sufficiente contro i nemici dell’unità. La compattezza e la forza del paese andavano costruiti mediante una estesa e capillare opera di educazione della popolazione, nella scuola ma anche tramite altri canali di diffusione delle idee : occorreva che gli italiani fossero educati a individuare le loro radici comuni, che li rendevano simili tra loro per carattere e tradizioni, al di là delle pur innegabili differenze più superficiali, era necessario che essi fossero portati a riconoscere la loro specifica « identità nazionale ». Infatti, come mostrava la storia degli stati europei di più antica costituzione, la consapevolezza della propria identità – e cioè del proprio carattere, della propria storia, di alcuni valori condivisi – rappresentava il migliore antidoto contro il pericolo della frammentazione e della discordia. Fu appunto questo il compito, la missione che Carducci volle assumersi personalmente e alla quale dedicò, a partire dalla metà degli anni Settanta, buona parte della sua attività di professore, di saggista, di ricercatore erudito, di polemista, di oratore, di epigrafista e soprattutto di poeta : educare il popolo italiano a riconoscere la propria identità e ad andarne fiero.

  • 8 Sulla scia degli studi di E. J. Hobsbawm e T. Ranger, L’invenzione della tradizione, Torino, Einaud (...)

9Naturalmente egli non era l’unico intellettuale impegnato alla realizzazione di questo obiettivo. Molti studi recenti hanno dimostrato come nel paese stessero nascendo varie iniziative tendenti a costruire quel sentimento di un’identità comune di cui gli italiani apparivano carenti e a « inventare » una tradizione per la neo-nata nazione8, a ideare cioè miti, simboli e rituali, da vivere collettivamente, che si rivelassero capaci di aggregare i membri della comunità nazionale : feste, celebrazioni dei fasti della monarchia sabauda, statue, monumenti, intitolazione di strade e piazze a figure eroiche ed esemplari della storia passata, tutto ciò che poteva costruire una « memoria collettiva ». In questa azione Carducci non svolse semplicemente un ruolo di coadiutore, ma anzi fu un fervido promotore di iniziative e un geniale ideatore di nuovi miti e nuovi riti identitari.

10La letteratura può essere una potente creatrice di miti e Carducci usò consapevolmente le armi della retorica e della poesia, che padroneggiava con grande perizia, come strumenti per creare e rafforzare l’identità nazionale e quindi la coesione del paese ; da un lato, individuando i tratti distintivi dell’italianità, che faceva derivare dalla storia, dalla cultura e dall’arte millenaria del paese e, dall’altro lato, facendosi banditore di alcuni ideali forti, nei quali tutti gli italiani potessero riconoscersi e sentirsi uniti. Qualche esempio, ricavato da settori diversi dell’attività dello scrittore, potrà aiutare a chiarire meglio queste mie affermazioni.

   

  • 9 L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, Caen, Presses u (...)

11Nel corso degli anni Settanta, « il leone maremmano » sferrava ancora qualche stoccata contro i politici che si rivelavano incapaci di dare attuazione agli ideali del Risorgimento, ma intanto, nelle sue lezioni universitarie e negli studi storico-critici, aveva dato l’avvio a una ricerca orientata proprio a individuare, nella storia e nella letteratura dei secoli passati, i segni distintivi del carattere nazionale, nei quali gli italiani potessero riconoscersi e dei quali potessero sentirsi orgogliosi. A questo obiettivo sembrano indirizzati i discorsi Dello svolgimento della letteratura nazionale (1868-1871), nati dalla rielaborazione delle prolusioni ai suoi corsi bolognesi. Qui non solo egli leggeva la letteratura dei primi secoli in chiave unitaria « per trovarvi prefigurato e giustificato – come ha detto bene Laura Fournier-Finocchiaro – il Risorgimento nazionale »9, ma si proponeva altresì di ricercare quale fosse l’« elemento » schiettamente nazionale che aveva saputo produrre una cultura autoctona nel nostro paese e lo individuava nel popolo, che, rinato nel secolo XI, vero erede della latinità romana, era riuscito a liberarsi dell’« elemento » ecclesiastico e di quello cavalleresco, dando origine alle espressioni letterarie più originali :

  • 10 Questa in sintesi la conclusione del discorso primo, intitolato Dei tre elementi formatori della le (...)

Il principio ecclesiastico dunque era comune a tutta la cristianità, comune a tutta la feudalità europea il principio cavalleresco […]. Ma intanto, all’ombra della chiesa, un terzo elemento dalle gilde commerciali e dalle maestranze delle arti avanzava a poco a poco […] e nelle contese tra pontefici e imperatori sorse, terzo e più vero potere, fin allora sconosciuto ed oppresso e con lui e per lui stava il diritto e la forza e l’avvenire ; e chiamavasi, con nome nella storia d’Italia eternamente memorando, il popolo […]. Egli era in effetto il risvegliato elemento romano […] forza vitale che fermentò lunghi secoli occulta ne’ residui dell’antica Italia, che fu come il glutine della nuova Italia, che per ciò può dirittamente considerarsi come l’elemento nazionale10.

  • 11 Impressionante è l’elenco di discorsi, celebrazioni, memorie, pronunciati in varie ricorrenze topic (...)
  • 12 G. Carducci, Presso la tomba di Francesco Petrarca, in Opere, Edizione Nazionale, vol. VII, p. 329- (...)

Simile orientamento troviamo anche nel discorso pronunciato ad Arquà il 18 luglio 1874, nel corso delle solenni celebrazioni del quinto centenario della morte del poeta Francesco Petrarca. In quella occasione si celebrò uno di quei « riti identitari » cui ho accennato sopra, dei quali Carducci fu promotore e straordinario protagonista11. In questo contesto, il poeta maremmano presentò la figura di Petrarca come quella di un precursore dell’unità e indicò in lui uno degli « spiriti magni » che incarnavano le virtù dell’intero popolo e di cui gli italiani dovevano andare orgogliosi, traendo ispirazione dal loro magistero nel proprio comportamento civile e morale12.

  • 13 In G. Carducci, Opere, Edizione Nazionale, vol. XXIV, p. 195.
  • 14 Ibid., vol. VII, p. 177-202.

12In seguito, nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, la costruzione dell’identità italiana come cemento di una stabile coesione nazionale diventò il vero motivo unificatore di tutta l’attività carducciana. Certamente indirizzata a quell’obiettivo fu l’attività dello studioso, che nella storia e nella letteratura del passato cercava i tratti distintivi dell’italianità. Un vero e proprio piano di ricerche in questo senso, da sviluppare con il metodo della « critica storica », era stato anticipato nel saggio Critica e arte (1874), dove lo studioso aveva chiarito anche quali fossero gli obiettivi di tale lavoro sistematico : « fare la storia del nostro popolo, questa sublime e drammatica storia, piena di tante glorie, di tante sventure, di tanti insegnamenti, […] tutto questo lavoro necessario a una nazione che intende rinnovarsi »13. Le monografie sui grandi scrittori – Dante, Petrarca, Ariosto, Parini –, ma anche le ricerche storiche, come il discorso su Lo studio di Bologna14, furono altrettante tappe nella realizzazione di quell’ambizioso programma di ricerche, che aveva lo scopo di costruire la memoria storica della nazione appena nata.

  • 15 Ibid., p. 465-475.

13Non diversi gli obiettivi dell’attività dell’oratore, che, con la sua prosa magniloquente e solenne, non perdeva occasione per riscaldare gli animi dei suoi ascoltatori e portarli a riconoscersi negli ideali patriottici. Un testo esemplare dei modi in cui Carducci esprimeva la sua religione della patria è il discorso Per il Tricolore15, pronunciato a Reggio Emilia il 7 gennaio 1897, nell’anniversario dell’elezione di quel vessillo a bandiera della Repubblica Cisalpina. Di questa istituzione vengono taciuti gli aspetti di derivazione francese ed essa viene presentata come « nocciolo » dell’unità nazionale e addirittura come primo passo nell’ascesa « alla gloria del Campidoglio ». L’evento commemorato è definito solennemente il « natale della patria » e viene introdotto con le immagini di rituali antichi, di Atene, di Olimpia, delle ferie laziali. Si rievocano poi epoche ed eventi del passato, di cui si dà un’interpretazione simbolica come anticipazioni dell’unità italiana : innanzitutto la storia di Roma, che per prima aveva saputo fondere le « varie italiche stirpi », poi la lega lombarda contro il Barbarossa, che proprio grazie all’unione dei piccoli Comuni aveva avuto ragione del « falso impero romano germanico », infine l’unione cispadana delle città di Reggio, Modena, Bologna, Ferrara, da dove era partito il moto risorgimentale. Non manca la celebrazione delle bellezze naturali d’Italia, cui erano ispirati i vivaci colori del tricolore. Come si vede, sono evocati fatti storici e ambienti naturali, dal forte valore simbolico, che si presuppongono parte dell’immaginario collettivo degli italiani e costitutivi della loro identità. Il discorso si conclude con l’appello alla missione, che le giovani generazioni avrebbero dovuto realizzare :

  • 16 Ibid., p. 475.

L’Italia è risorta nel mondo per sé e per il mondo : ella, per vivere, dee avere idee e forze sue, deve esplicare un officio suo civile ed umano, un’espansione morale e politica. Tornate, o giovani, alla scienza e alla conscienza de’ padri, e riponetevi in cuore quello che fu il sentimento il voto il proposito di quei vecchi grandi che han fatto la patria : L’Italia avanti tutto ! L’Italia sopra tutto16 !

Il messaggio, se riprendeva concetti mazziniani, era tuttavia sufficientemente generico da poter essere accolto dagli esponenti di tutti gli orientamenti politici e ideali e quindi anch’esso, a sua volta, potenzialmente unificante.

  • 17 Celebrati tante volte quasi in un sistematico giro turistico-poetico attraverso il paese : Alle fon (...)
  • 18 Alessandria, Nella piazza di San Petronio, Davanti il Castel Vecchio di Verona e molte altre ancora
  • 19 Dall’età del Comuni (Comune rustico) fino al Risorgimento.
  • 20 A Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini.

14Ma fu soprattutto il Carducci poeta, nelle liriche comprese poi nelle ultime raccolte, a prodigarsi per costruire il profilo del carattere italiano, cantandone gli elementi più tipici. L’idea che egli intendeva comunicare si ricava dal complesso delle sue liriche di questi anni : la fisionomia degli italiani sarebbe stata costruita nel tempo sia per effetto della traccia lasciata nella loro forma mentis e nel loro immaginario, dalla visione degli armoniosi paesaggi naturali17 e delle tantissime città d’arte presenti nel territorio della penisola18, sia in virtù della memoria che essi custodivano degli eventi storici nei quali avevano manifestato le proprie qualità, l’anelito alla libertà e la determinazione a liberarsi dalla dominazione straniera19, sia grazie all’ammaestramento che essi potevano derivare dai loro eroi, quali Garibaldi e Mazzini20.

  • 21 L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, di cui condivid (...)
  • 22 Per questo aspetto sono ancora fondamentali le pagine di F. Chabod, in Storia della politica estera (...)

15I motivi ispiratori della nuova stagione poetica, di cui ha fatto una esauriente rassegna Laura Fournier-Finocchiaro nel suo bel libro21, sono coerenti con tale obiettivo di identificazione del carattere della nazione, nel quale la « cittadinanza » potesse specchiarsi e riconoscersi. Ma il concetto forte, cardine di questo progetto, era l’idea della continuità di sangue della terza Roma dalla prima, e cioè l’affermazione che ad unificare tutte le popolazioni presenti sulla penisola era la comune discendenza dagli antichi romani. La neonata nazione « italica » nasceva dunque nobile proprio in virtù dei suoi antenati, al cui valore doveva continuamente ispirarsi : con il sangue infatti la nuova Italia aveva ereditato anche la missione svolta da Roma nell’antichità, quella di portare nel mondo la civiltà e la libertà. Questo appare il vero mito fondativo della nazione italiana proposto da Carducci, un mito che il poeta maremmano ereditava da Mazzini e condivideva con molta parte della cultura del suo tempo22 e che rielaborava con alcuni contributi originali : la sottolineatura della persistenza nel carattere nazionale italiano di qualità tipiche dei romani antichi e, inoltre, il progressivo slittamento dell’attenzione dalla Roma repubblicana alla Roma imperiale e l’accentuazione del motivo della grandezza romana nel mondo. Contribuì in tal modo all’elaborazione di uno dei miti ideologici che in seguito sostennero l’espansionismo coloniale italiano, benché – come è ovvio – non possa esserne considerato il responsabile.

  • 23 Nell’annuale della fondazione di Roma, v. 25-30, in Odi barbare, Libro I. Cito da G. Carducci, Oper (...)

16Alla celebrazione di Roma non è dedicato solo il trittico di « odi barbare » composte in occasione della prima visita del poeta alla capitale (Nell’annuale della fondazione di Roma, Dinanzi alle Terme di Caracalla, Roma), ma si può dire che non vi sia poesia in cui non si evochi in qualche modo la grandezza e la virtù degli antichi progenitori. Sia che Roma venga circondata da tutto l’armamentario convenzionale di aquile, cocchi, marmi e trionfi, sia che, con le sue rovine, diventi il simbolo del trascorrere inesorabile del tempo, essa viene presentata in ogni caso come progenitrice di tutte le popolazioni della penisola : grazie alla funzione unificatrice da lei svolta, anche Carducci, benché nato in Versilia, può dirsi latino e quindi italiano (« Son cittadino per te d’Italia ») e tutti i nati sulla penisola possono sentirsi e dirsi italiani (« tu di libere / genti facesti nome uno, Italia »). La civiltà romana era stata ispiratrice di ogni forma di cultura e di arte (« madre dei popoli, / che desti il tuo spirito al mondo ») e, da quella civiltà, la terza Roma doveva trarre ispirazione per svolgere la sua missione23.

  • 24 Alla Vittoria, v. 35-36, in Opere scelte, vol. I, Poesie, p. 744.

17Una più articolata genealogia della civiltà occidentale veniva proposta nell’ode alcaica Alla Vittoria (1877), ispirata alla statua della vittoria del tempio di Vespasiano di Brescia, copia romana di un originale greco : Roma ha assorbito la civiltà greca e, unendola alla virtù militare, ha creato una superiore forma di civiltà di cui oggi, trascorsi i secoli oscuri, l’Italia è erede (« “O Italia” annunziando / “i sepolti son teco e i tuoi numi !”»24).

18Non solo le tematiche, ma anche le forme della poesia carducciana erano coerenti con il mito di Roma. Il classicismo, che aveva rappresentato l’ideale estetico carducciano fin dagli anni della giovinezza, trovava ora una coerente sistemazione ideologica nella poetica personale dello scrittore e anche nel progetto educativo globale della nazione : nell’arte classica, e particolarmente in quella latina, si era manifestato con evidenza il genio italico, quell’arte perciò andava soprattutto studiata, amata e imitata. La scuola doveva dunque privilegiare lo studio dei classici, per educare il gusto estetico delle nuove generazioni su quei modelli di arte sublime, ma anche per ritrovare in essi gli esempi di condotta civile e morale ai quali ispirare il proprio comportamento nella vita quotidiana, individuale e collettiva.

  • 25 Nell’annuale della fondazione di Roma, v. 24, ibid., p. 735.
  • 26 Roma, v. 4, ibid., p. 759.
  • 27 Nelle strofe finali di Nell’annuale della fondazione di Roma.

19I metri barbari, che rappresentano l’aspetto più appariscente della produzione poetica del periodo, erano parte integrante del progetto educativo : aulici, maestosi, capaci di imitare il fraseggio ampio e lento della metrica latina potevano adattarsi alla solennità del compito. Le caratteristiche dello stile tipiche delle ultime raccolte carducciane non sono la semplice dimostrazione della perizia tecnica di un professore che guarda al passato, ma il coerente e necessario completamento di una nuova classicità, erede dell’antica ma adeguata agli scopi di una nazione moderna, una classicità che doveva modellare il carattere della nuova Italia e dare il suggello dello stile alla sua missione nel mondo. Corrispondono dunque al tentativo, non sempre riuscito, di elevare non solo la poesia italiana ma anche la vita del paese all’altezza della nobiltà di Roma antica. Le tematiche, le immagini, il lessico e i costrutti sintattici latineggianti, i versi lunghi, i ritmi lenti e solenni, le riprese di temi della poesia latina – insieme a particolari artifici retorici, quali saluti, personificazioni, esclamazioni – sono ulteriori ingredienti di questa lirica celebrativa, funzionali ai contenuti monumentali del suo messaggio. Possiamo trovare un esempio paradigmatico di queste scelte di stile dell’ultimo Carducci nel citato trittico di odi barbare dedicato a Roma. Qui la città eterna, personificata, divinizzata, portatrice dei sacri valori della patria e della maternità (« patria, diva, santa genitrice »25), appare in tutta la sua evidenza di mito fondativo unificante della nazione italiana. Davanti alla sua grandezza tutto il resto perde di importanza (« chi le farfalle cerca sotto l’arco di Tito ? »26). È proprio lei a indicare all’Italia la sua « missione » e a profetizzare il suo destino trionfale di civilizzatrice27.

   

  • 28 Quale divario di sensibilità e di consapevolezza politica tra la profonda analisi sull’estraneità d (...)

20Il poeta era certamente sincero nel suo impegno e, d’altro canto, nessuno può mettere in discussione l’importanza della causa per la quale si batteva, sviluppare la coscienza nazionale degli italiani. Eppure le liriche monumentali delle ultime raccolte trasmettono al lettore di oggi una impressione di gelo, derivante dall’artificiosità delle immagini e dello stile, al pari dei coevi discorsi, retorici e altisonanti, pronunciati nella celebrazione dei rituali patriottici cui abbiamo fatto cenno. Questi scritti comunicano l’impressione che gli strumenti usati dal poeta, per rafforzare la coesione e la concordia del paese attraverso la costruzione dell’identità nazionale, fossero inadeguati allo scopo. Le sue parole, infatti, nonostante le buone intenzioni, non avrebbero mai potuto raggiungere l’intera popolazione italiana, senza un’adeguata alfabetizzazione dei ceti più poveri, che la legge Coppino era impotente a realizzare. Il popolo, nelle intenzioni del poeta, avrebbe certamente dovuto essere coinvolto nel progetto educativo nazionale, ma, in realtà, solo i ceti dominanti del paese erano in grado di raccogliere il suo messaggio, così come era riservata solo ai figli della borghesia, destinati a formare la classe dirigente del paese, quella scuola classica, che per Carducci rappresentava il fulcro del sistema scolastico nazionale. Forse egli confusamente pensava che la classe borghese avrebbe potuto svolgere una funzione di mediazione, presso i ceti popolari, degli ideali patriottici che celebrava nelle sue liriche, per estendere a tutti gli italiani quel sentimento di una identità nazionale che, amalgamando l’intera popolazione, riducesse differenze geografiche linguistiche e culturali e, al tempo stesso, spegnesse sul nascere ogni minaccia rivoluzionaria. Ma era ingenuo pensare di poter ottenere questi risultati senza una politica economica e sociale adeguata e senza una efficace scolarizzazione. In realtà, nei suoi scritti Carducci non mostra una reale consapevolezza delle drammatiche condizioni di miseria e di arretratezza delle campagne e del meridione della penisola e non compie mai una approfondita riflessione sulle cause dell’indifferenza delle masse popolari al moto risorgimentale, paragonabile a quella che altri intellettuali avevano affrontato con diversa sensibilità e cognizione politica ormai da anni28. Da ciò l’astrattezza di un progetto di educazione nazionale, che per il linguaggio, gli strumenti, i canali che utilizzava, poteva essere recepito esclusivamente dai ceti medio alti del paese.

21In effetti questi ceti mostrarono di apprezzare il suo messaggio e anche le forme della sua poesia, lessero e amarono i suoi scritti più di quelli di qualunque altro contemporaneo e videro in lui il massimo scrittore italiano vivente. Se oggi noi preferiamo altre parti dell’opera carducciana, le liriche nelle quali egli espresse affetti e umori privati con una sensibilità che ci appare più moderna, tuttavia fu la poesia più celebrativa e altisonante a dargli il successo, negli anni tra Ottocento e Novecento, e, quindi, anche col « vate » è necessario fare i conti per capire le ragioni di quel consenso, che, in sintesi, a me pare di poter cogliere nella sostanziale omologia della sua visione della vita e dell’arte con quella della classe dirigente del paese.

Haut de page

Notes

1 L’incontro con la famiglia reale avvenne, come è noto, a Bologna il 6 novembre 1878. Umberto I era salito al trono solo pochi mesi prima, nel gennaio 1878, alla morte di Vittorio Emanuele II. La consorte Margherita era divenuta allora la prima regina dell’Italia unita. La presenza ufficiale di una figura femminile accanto al sovrano aveva contribuito ad accrescere la simpatia popolare per la casa regnante e la cosa probabilmente non aveva lasciato indifferente Carducci, che, se al momento dell’incoronazione aveva negato il suo « assenso » di prammatica al re, nei mesi successivi fece esplicito omaggio alla regina con l’ode A Margherita regina d’Italia, pubblicata il 20 novembre 1878. La lirica, assieme allo scritto Eterno femminino regale, uscito sulla Cronaca bizantina il 1 gennaio 1882, suscitò grande scandalo tra i democratici e fece parlare di tradimento degli ideali repubblicani da parte del poeta. Ma, come cercherò di dimostrare, le posizioni del poeta erano meno contraddittorie di quel che si disse allora.

2 I versi conclusivi dell’epodo Per Vincenzo Caldesi otto mesi dopo la sua morte (« Impronta Italia domandava Roma, / Bisanzio essi le han dato »), utilizzati come epigrafe dalla rivista di Sommaruga Cronaca bizantina, divennero la parola d’ordine che sintetizzava quel mito. Nelle varie liriche della raccolta il poeta aveva, di volta in volta, criticato l’ignavia dei governi della Destra nella soluzione della questione romana (Canto dell’Italia che va in Campidoglio) ; aveva accusato di vigliaccheria e tradimento il paese intero, colpevole di aver dimenticato l’eroismo dei patrioti morti nelle battaglie del Risorgimento (« la nostra patria è vile », In morte di Giovanni Cairoli) ; aveva addirittura scomunicato il papa, reo di eccessivo attaccamento al potere temporale (Per Eduardo Corazzini) ; aveva accennato a qualche spunto di polemica sociale, accusando la classe dirigente borghese di essere interessata al proprio tornaconto economico più che al bene del paese (Per il quinto anniversario della battaglia di Mentana).

3 « Vate », « missione » sono tutti termini caratteristici del vocabolario mazziniano. Come è noto, Carducci si ispirava esplicitamente al pensiero di Giuseppe Mazzini, che aveva affidato ai poeti il compito di rendersi « Apostoli », « Profeti », « Vati » della nazione. Più volte, nelle sue liriche, il maremmano attribuisce a se stesso questo ruolo, proclamandosi « vate de l’avvenire » (Per Eduardo Corazzini), « solingo vate » (In morte di Giovanni Cairoli).

4 Alludo naturalmente all’amore per Lina Cristofori Piva e al richiamo di pubblico esercitato dalle sue lezioni universitarie.

5 L’importanza di questi aspetti della biografia carducciana è stata sottolineata, in particolare, da A. Piromalli, Introduzione a Carducci, Bari, Laterza, 1988. Per gli interventi in materia scolastica, si veda B. Londero, Giosuè Carducci e i problemi della scuola secondaria classica, Udine, La Nuova Base Editrice, 1998.

6 Molti anni dopo egli avrebbe spiegato la sua cosiddetta « conversione » alla monarchia proprio come una misura atta a contrastare le tendenze frazionistiche presenti anche nel partito repubblicano, che costituivano una minaccia per l’unità del paese : « Nel ritorno mio alla Monarchia italiana, della quale non dissi mai male, la Regina può averci avuto la parte bella ed esteriore della bontà, ma la ragione fu che la piccola fazione repubblicana, mal d’accordo, senza più ingegno, menava a rovinare, guastava, come rovinerebbe e guasterebbe, volentieri, aiutandosi pur dei socialisti, che la odiano e disprezzano, la unità, che fu ed è l’amore, la fede, la religione della mia vita » (a Camillo Antona Traversi, 13 settembre 1897), in G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, vol. XX (1897-1900), Bologna, Zanichelli, 1957, p. 74.

7 Come è noto egli vide realizzato questo tipo di governo da Crispi, della cui politica divenne sostenitore e cui rimase fedele fino alla fine.

8 Sulla scia degli studi di E. J. Hobsbawm e T. Ranger, L’invenzione della tradizione, Torino, Einaudi, 1987, si è sviluppato negli ultimi anni un interessante filone di studi storiografici « di frontiera », che ha indagato i canali e i modi nei quali si cercò di creare nel popolo italiano un comune sentimento di appartenenza nazionale. Ricorderò, ad esempio e senza pretesa di completezza : B. Tobia, Una patria per gli italiani, Bari, Laterza, 1991 e B. Tobia, Una cultura per la nuova Italia, in Storia d’Italia, a cura di G. Sabbatucci e V. Vidotto, vol. II, Il nuovo Stato e la società civile, Bari, Laterza, 1995 ; I. Porciani, Stato e nazione : l’immagine debole dell’Italia, in Fare gli italiani, a cura di S. Soldani e G. Turi, Bologna, Il Mulino, 1993 ; I luoghi della memoria, vol. I, Simboli e miti dell’Italia unita, vol. II, Personaggi e date dell’Italia unita, vol. III, Strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Bari, Laterza, 1996-1997 ; E. Irace, Itale glorie, Bologna, Il Mulino, 2003.

9 L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, Caen, Presses universitaires de Caen, 2006, p. 30.

10 Questa in sintesi la conclusione del discorso primo, intitolato Dei tre elementi formatori della letteratura italiana : l’elemento ecclesiastico, il cavalleresco, il nazionale, in G. Carducci, Opere, Edizione Nazionale, vol. VII, Discorsi letterari e storici, Bologna, Zanichelli, 1935, p. 21-24. Una puntuale analisi dei Discorsi si può trovare in E. Elli, « Giosuè Carducci e i Discorsi Dello svolgimento della letteratura nazionale », in L’identità nazionale nella cultura letteraria italiana (Atti del 3˚ Congresso Nazionale dell’ADI), tomo I, a cura di G. Rizzo, Galatina (Le), Mario Congedo Editore, 2001, p. 461-478.

11 Impressionante è l’elenco di discorsi, celebrazioni, memorie, pronunciati in varie ricorrenze topiche, ora compresi nei volumi della saggistica nell’opera omnia carducciana.

12 G. Carducci, Presso la tomba di Francesco Petrarca, in Opere, Edizione Nazionale, vol. VII, p. 329-355.

13 In G. Carducci, Opere, Edizione Nazionale, vol. XXIV, p. 195.

14 Ibid., vol. VII, p. 177-202.

15 Ibid., p. 465-475.

16 Ibid., p. 475.

17 Celebrati tante volte quasi in un sistematico giro turistico-poetico attraverso il paese : Alle fonti del Clitumno, Courmayeur, Mezzogiorno alpino, ecc.

18 Alessandria, Nella piazza di San Petronio, Davanti il Castel Vecchio di Verona e molte altre ancora.

19 Dall’età del Comuni (Comune rustico) fino al Risorgimento.

20 A Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini.

21 L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, di cui condivido pienamente l’impostazione e il metodo.

22 Per questo aspetto sono ancora fondamentali le pagine di F. Chabod, in Storia della politica estera italiana dal 1870 al 1896, cap. II, L’idea di Roma, Bari, Laterza, 19714.

23 Nell’annuale della fondazione di Roma, v. 25-30, in Odi barbare, Libro I. Cito da G. Carducci, Opere scelte, vol. I, Poesie, a cura di M. Saccenti, Torino, UTET, 1993, p. 735. Per un’analisi dei motivi presenti in questa lirica, mi permetto di citare un mio precedente contributo, Letteratura e identità nazionale : Carducci vate dell’unità, in L’identità nazionale nella cultura letteraria italiana, p. 478-489.

24 Alla Vittoria, v. 35-36, in Opere scelte, vol. I, Poesie, p. 744.

25 Nell’annuale della fondazione di Roma, v. 24, ibid., p. 735.

26 Roma, v. 4, ibid., p. 759.

27 Nelle strofe finali di Nell’annuale della fondazione di Roma.

28 Quale divario di sensibilità e di consapevolezza politica tra la profonda analisi sull’estraneità delle popolazioni rurali, sviluppata, ad esempio, molti anni prima da Ippolito Nievo, nell’acuto saggio su Rivoluzione politica e rivoluzione nazionale, e le parole, di argomento affine, pronunciate da Carducci in un discorso tenuto al Senato il 17 dicembre 1892 : Per gl’insegnanti nell’istruzione secondaria. Discorso al Senato, in Ceneri e faville, serie III, Edizione Nazionale delle Opere di Giosuè Carducci, vol. XXVIII, Bologna, Zanichelli, 1957, p. 99-104.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Anna Storti Abate, « Carducci e l’identità nazionale »Transalpina, 10 | 2008, 37-50.

Référence électronique

Anna Storti Abate, « Carducci e l’identità nazionale »Transalpina [En ligne], 10 | 2008, mis en ligne le 13 mai 2022, consulté le 20 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3018 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3018

Haut de page

Auteur

Anna Storti Abate

Università di Trieste

Haut de page

Droits d’auteur

Transalpina. Études italiennes

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de Caen
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search