Navigation – Plan du site

AccueilNuméros10Lectures et réceptions de CarducciCarducci e Roma

Lectures et réceptions de Carducci

Carducci e Roma

Luca Bani
p. 51-68

Résumés

Le rôle central du thème de Rome dans la poésie de Carducci est bien connu et récemment encore un colloque organisé par l’Istituto Nazionale di Studi Romani a souligné les multiples liens de Carducci avec la réalité capitoline. Cet article se propose de sonder le répertoire des espaces physiques romains qui contribuent à former la topographie de l’imaginaire carduccien de l’urbe. L’analyse de poèmes appartenant aux différents recueils et la reconstruction des milieux romains connus par Carducci nous permettront d’éclaircir les motivations esthétiques et stylistiques des choix spatiaux spécifiques, par l’étude de leur récurrence. Nous nous intéresserons à Rome source d’inspiration poétique et aussi encyclopédie d’images capables de féconder l’élaboration lyrique de Carducci, mais aussi à la Rome résultant de cette élaboration, stratification continuelle de réalités produisant la poésie et de créations poétiques qui contribuent à définir de nouvelles réalités.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 F. Moretti, Atlante del romanzo europeo. 1800-1900, Torino, Einaudi, 1999, p. 5.

Un atlante del romanzo. Dietro questo titolo, c’è un’idea molto semplice : che la geografia sia un aspetto decisivo dello sviluppo e dell’invenzione letteraria : una forza attiva, concreta, che lascia le sue tracce sui testi, sugli intrecci, su sistemi di aspettative1.

  • 2 G. Carducci, Piemonte, in Opere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1935-1940, vol. IV, p. 18 (...)
  • 3 M. Saccenti, « La poesia di Carducci nella poesia delle rovine », Nuova Antologia, aprile-giugno 20 (...)
  • 4 Per i rapporti tra Carducci e il mondo classico si vedano in modo particolare : M. T. Marabini Moev (...)
  • 5 A questo tema è stato specificatamente dedicato il convegno indicato nella nota tre. Di particolare (...)
  • 6 Su questo specifico tema si veda, oltre al saggio di Enrico Elli citato nella nota precedente, anch (...)
  • 7 A questo proposito rimangono insostituibili le testimonianze dirette dei protagonisti dell’epoca e (...)

1Se è vero che Giosuè Carducci è stato per il suo tempo il cantore dell’unità nazionale, il « vate d’Italia a la stagion più bella » secondo la definizione da lui stesso fornita nella saffica Piemonte (Rime e ritmi)2, è altresì vero che per questo poeta il concetto di patria si definisce in una pluralità di luoghi, in una topografia dell’anima che nella sua articolata complessità contribuisce all’identificazione di un profilo umano ed esistenziale decisamente non unitario. Mario Saccenti, in un bel saggio dedicato al rapporto tra la poesia carducciana e la poesia delle rovine3, ha ben delineato i confini della geografia di Carducci : la costiera toscana, tra la Versilia e la Maremma, e Bologna. A queste due indicazioni, la patria di nascita e quella d’adozione, Saccenti aggiunge quella definibile come la patria ideologica di Carducci, ovvero la classicità bella, eroica e moralmente esemplare riconoscibile nell’esempio e nel magistero della Grecia e di Roma antiche4. Nella topografia formativa dell’esperienza carducciana esistono dunque quattro veri e propri punti cardinali – la Toscana dell’infanzia, la Bologna della maturità, l’antica Grecia e l’antica Roma – e tutti questi spazi ugualmente si trasformano, grazie al quarantennale lavoro dell’‘officina’ carducciana, in fertile humus tematico di creazione poetica ed elaborazione lirica. Particolarmente significativo è l’atteggiamento di Carducci nei confronti di Roma5. L’argomento è complesso e ancora meritevole di approfonditi studi perché coinvolge un aspetto importante dell’esperienza carducciana relativo alla relazione tra il poeta e quella realtà post-risorgimentale che lui stesso ha contribuito non poco a edificare. Il rapporto tra Carducci e Roma può essere ricostruito e documentato utilizzando tre prospettive d’indagine fondamentali che progressivamente e in stretta connessione tra di loro consentono di avvicinarsi al nucleo centrale del problema e di affrontarne anche aspetti più particolari e minuti. Esse sono : le testimonianze di Roma rintracciabili nell’epistolario carducciano6 ; i rapporti di Carducci con il mondo della cultura e delle riviste romane7 ; infine, la presenza del tema di Roma nella lirica del professore di Bologna. Volendo analizzare con particolare attenzione quest’ultimo aspetto e proprio alla luce dell’inscindibile interconnessione tra le tre prospettive d’indagine di cui si è appena detto, è necessario compiere un rapido e preliminare excursus sia sulla Roma che emerge chiara ed evidente dall’epistolario del poeta sia sulle contraddittorie esperienze di quest’ultimo nell’agone della vita letteraria e culturale della capitale.

  • 8 Questo primo soggiorno e i luoghi visitati sono ricordati da Carducci in una lettera al Chiarini de (...)
  • 9 Cf. E. Elli, « La ‘patria dell’anima’… », p. 202 sq.

2Il pendolarismo più che ventennale di Carducci tra Bologna e Roma è fedelmente documentato da numerosi riferimenti rintracciabili soprattutto nelle lettere inviate alla moglie Elvira e a Lidia, ma non solo. Il primo veloce e timido approccio del poeta con Roma è una brevissima visita risalente al 1874, durante la quale Carducci riesce a vedere solo pochi monumenti – il Pantheon, il Colosseo, le terme di Caracalla8 – e bisogna aspettare il marzo del 1877 perché si possa parlare di un soggiorno prolungato nella capitale9. A partire dagli anni Ottanta e fino alla fine del secolo, i viaggi di Carducci a Roma assumono una cadenza regolare, addirittura mensile, a dimostrazione della quantità e qualità dei molteplici impegni istituzionali, politici e culturali di cui il poeta si sta facendo carico in questa sede. In modo particolare, dalle lettere a Lidia traspare l’emozione carducciana per la visione e il contatto con quei monumenti dai quali emana la grandezza del passato romano e di cui rimangono ora solo le rovine, sia pur notevoli nella mole e nella potenza evocativa. La Roma di Carducci è indubitabilmente quella della classicità latina, il luogo di elezione e la patria culturalmente e ideologicamente perfetta per Enotrio Romano, che in essa può finalmente immergersi fisicamente per entrare in contatto con quegli elementi sino ad allora conosciuti, studiati ed amati solo grazie al tramite della letteratura. La malinconica eppure superba e solenne bellezza degli edifici del Foro o del Colosseo evoca nel poeta la grandezza di un’età passata, dalla quale il tempo presente avrebbe tanto da imparare grazie all’imponente vastità dell’eredità culturale lasciata da quei magnifici antenati. Allo stesso tempo queste vestigia diventano anche spunto per una profonda riflessione di ascendenza leopardiana sulla relatività delle cose e sul senso dell’effimero da cui vengono sommerse non solo le singole esistenze, ma le civiltà, gli imperi, le epoche stesse della storia ; riflessione testimoniata da un famoso brano della commossa e ispirata lettera inviata a Lidia il 18 ottobre 1877 :

  • 10 G. Carducci, Lettere, vol. XI, p. 193-194.

Mio dolce amore, torno dal Foro romano, ed ho còlto fra le rovine un brutto fiore di ottobre, e te lo mando. Ho pensato che anche la grandezza di Roma è ruine, e che fra dieci milioni di anni la terra cascherà a pezzi o diventerà una nebulosa. Che sarà del nostro amore e della vita nostra così piena così fiorente così forte, fra dieci milioni di anni ; se la grandezza di Roma era pur ieri e oggi è nulla ? Dunque amiamo per il presente, per l’ora, per l’istante. Amiamo con gentilezza umana, e, giacché siamo fenomeni, irradiamoci e irradiamo. Perché non ti conobbi dieci anni addietro ! Mi avresti tradito meno. Ora ascolta, amor mio. Vo a desinare, perché ho fame ; ho lavorato a tutto e solamente io, pel privilegio di essere il più giovine (bel giovine, a fe’d’Ercole) ; e poi sono andato errando per le ruine pensando a te ; e ti paragonavo al Colosseo. Come sei piccola, carina mia, accanto al Colosseo. E dire che viceversa poi tu mi piaci più del Colosseo. Ho visto un bambino che scavava la terra cercando un bruco, lì sotto il Colosseo. A lui non importava nulla del Colosseo, e della grandezza di Roma che lo circondava, e del sole occiduo bellissimo che colorava la bellissima sua testa. Egli cercava la sua bestiola. Che era, che è il mondo per lui10 ?

3Carducci scopre in Roma la città prediletta, la patria dell’anima dalla quale è scaturito l’elemento latino padre della cultura mondiale e alla quale, a maggior ragione, può farsi risalire la tradizione più alta e nobile della letteratura italiana. Quando è a Roma, Carducci sembra avere occhi solo per i monumenti della classicità ed è tale il potere delle immagini assimilato durante le lunghe e minuziose passeggiate esplorative – quasi egli fosse un pellegrino laico alla ricerca del cuore pulsante e del simbolo supremo della fede per cui ha speso tutta una vita – che la fantasia lo porta a immaginarsi, come testimonia la lettera a Lidia del 3 febbraio 1878, romano tra i romani, immerso in quel mondo e in quella realtà tanto amate da diventare una presenza costante delle sue riflessioni. Scrive Carducci :

  • 11 Ibid., p. 247.

Io sto benissimo in Roma. Sotto questo cielo turchino, respiro più largo. Fra questi monumenti e queste rovine mi pare di essere a casa mia. Qui veramente mi sento italiano. Come sono cretini questi impiegatucci che non capiscono Roma ! Roma è la patria dell’anima, non come intendeva Byron, ma come intendo io ; è la patria dell’anima mia di Enotrio Romano. Mi par certo di essere vissuto qui in altri tempi, e riconosco i luoghi ove pensai or sono duemila anni11.

  • 12 Sul disagio che molti intellettuali e scrittori dell’Italia postunitaria provano nei confronti dell (...)
  • 13 Lettera di Carducci al Chiarini datata 30 aprile 1884, in G. Carducci, Lettere, vol. XIV, p. 282.

4Tuttavia, anche per Carducci, così come per molti autori italiani postunitari – D’Annunzio o Pirandello sono solo i nomi più rappresentativi12 –, l’immagine di Roma assume spesso sembianze ambivalenti, perché alle manifestazioni alte e solenni di una grandezza gloriosa e mitica che dovrebbe fare da nume tutelare alle vicende italiane del presente si oppongono proprio queste stesse vicende, con la loro effimera prosaicità e con la loro brutale meschinità. Si è riflettuto molto sui motivi che hanno indotto Carducci a resistere alla tentazione di trasferirsi nella capitale, nonostante le pressioni anche autorevoli a cui era sottoposto da più parti. Indubbiamente, Roma rappresenta per il poeta la città ideale, ma è anche la sede del potere politico, della burocrazia, degli affari e degli intrighi ad essi legati. Non solo, Roma è per Carducci la città della frenesia, della distrazione, dei mille impegni sociali convulsi e di quelli accademici estenuanti che impediscono lo studio, la concentrazione, il raccoglimento assorto e proficuo fra le pareti di una biblioteca familiare e amica del pensiero. Queste caratteristiche finiscono, invece, per essere gli attributi costitutivi di Bologna e la contrapposizione tra il capoluogo emiliano e la capitale segnerà tutto il lungo periodo durante il quale Carducci è costretto a dividersi tra le due città. Il disgusto e la noia per l’ambiente romano assumono talvolta, e con sempre maggior forza col passare degli anni, connotati esistenziali. Per Carducci Roma si trasforma ben presto in un vincolo troppo oneroso, in un legame insostenibile con i mille espedienti di un mondo politico, burocratico e culturale che sembra volerlo avvinghiare e trattenere per sempre nella ragnatela delle sue pastoie. Tornare a Bologna, invece, significa immergersi nuovamente nella « libertà della solitudine e del ritiro »13 che solo questa città sembra poter offrire. A conclusiva testimonianza dell’estenuante lotta intrapresa dal poeta contro gli allettamenti romani, è bene citare la lettera indirizzata a Giuseppe Chiarini il 17 ottobre 1887, nella quale Carducci motiva il suo rifiuto di assumere l’incarico di una cattedra dantesca con la stanchezza verso quello che lui definisce il ‘mestiere’ di professore, ma soprattutto con il disgusto per l’ambiente universitario e culturale romano :

  • 14 Ibid., vol. XVI, p. 187-188.

Quando ebbi la tua lettera circa la cattedra dantesca, io aveva già scritto la mia al Lemmi. Le ragioni, che addussi, erano per me validissime. Ma poi altre ne ho d’ordine privato. Sono stanco, stanco, stanco di fare il professore ; che non è poi un mestiere per cui abbia avuto mai vocazione. Ricominciarlo a Roma, ora che son quasi vecchio e del tutto disilluso, mi avrebbe fiaccato, reso più triste e scontento d’aver accettato. Preferisco il pensiero solitario e gli studi laboriosi in biblioteca e nel mio gabinetto alla comunicazione col pubblico, che in somma io non amo. E sono più selvatico e ombroso ora che non fossi da giovane. Avvezzo come sono alla cattedra di Bologna, non posso contenere una irritazione nervosa, quando ci vado. Figurati quello che mi sarebbe avvenuto a Roma. Sarei morto arrabbiato prima del tempo. È inutile : quando devo andare a presentarmi a un uditorio, che non sia di giovani a me conosciuto, mi pare che vengano a sentirmi come una prima donna o a vedermi come un ballerino, e mi vien voglia di trattarli come, a mio parere, si meritano. Un po’ è paura un po’ è superbia. Ma il fare il professore mi ha più nociuto che giovato. A Roma poi mi avrebbe finito. Scontento per me, disillusione per gli altri14.

Da queste poche frasi risulta evidente come un reale senso di malessere, che negli ultimi anni tende a trasformarsi in senile misantropia, contraddistingue l’atteggiamento di Carducci verso Roma – a meno che non sia la Roma da contemplare nelle lunghe passeggiate – e verso gli impegni, anche culturali, ad essa legati.

5Quest’ultimo accenno consente di introdurre la seconda prospettiva di indagine, che è bene riassumere prima di esaminare la presenza del tema di Roma nella lirica di Carducci e che affronta il problema del rapporto di quest’ultimo sia con le riviste romane sia con il mondo della cultura capitolina. Come è noto Carducci collabora attivamente con diverse testate della capitale – la Cronaca bizantina, la Domenica letteraria, il Fanfulla della domenica e altre ancora – e l’ambiguità dei suoi sentimenti verso questo mondo è testimoniata in maniera esemplare dall’amicizia del poeta con Angelo Sommaruga, figura d’intellettuale / editore che per certi versi incarna e simboleggia al massimo livello proprio la conflittualità con la quale Carducci si pone nei confronti della nuova cultura nazionale. Anche in questo caso, il carteggio tra il vecchio maestro e il giovane e intraprendente editore è illuminante. Da esso, infatti, si evince senza ombra di dubbio come Carducci sia combattuto tra l’allettante prospettiva di approfittare dei mezzi messi a disposizione, ovviamente in modo non disinteressato, dalla nuova industria editoriale impiantata da Sommaruga per meglio affermare il suo pensiero e la sua ideologia e consolidare il suo successo nel panorama in tumultuosa trasformazione della cultura italiana, e l’altrettanto allettante tentazione di ritirarsi da questo mondo, da questa realtà che è solo una delle tante facce di quella ‘frenesia’ romana dalla quale Carducci non vuole farsi coinvolgere. A questo proposito e a titolo di esempio è bene citare due lettere che un Carducci esasperato indirizza a Sommaruga il 25 e il 29 marzo 1883, rifiutandosi di perdere il suo tempo con tutte quelle noie inerenti la sua attività di pubblicista, redattore, uomo pubblico e lamentandosi della guerra feroce scoppiata tra i direttori di testata e gli editori romani – lo stesso Sommaruga, Ferdinando Martini e Francesco Protonotari – e nella quale Carducci non intende minimamente essere coinvolto, soprattutto se l’oggetto del contendere sono quelle riviste letterarie e domenicali che il poeta non ama in modo particolare :

  • 15 Lettera del 25 marzo 1883, ibid., vol. XIV, p. 127.

Senza ombra d’ironia e senza intenzione di sarcasmo, mi conviene dichiarare : che quando anche la facoltà e la voglia mi abondassero, mi è scarso il tempo : 1o) a esaminare e giudicare in forma vuoi pubblica vuoi privata i manoscritti e le opere a stampa che autori e pubblicatori mi mandano ; 2o) a risolvere le questioni di lingua e interpretare i passi controversi di autori che mi sono proposti ; 3o) a difendere i troppi errori d’italiano, per la cui sanatoria i trasgressori ricorrono, non si sa perché, a me ; 4o) a partecipare con scritti miei a giornali letterari o politici, a riviste, ad albi o album che si voglia, a raccolte, a strenne, a numeri unici ; 5o) a partecipare o intervenire con parole o di persona a solennità accademiche, a feste civili, ad associazioni e radunanze politiche15.

E ancora :

  • 16 Lettera del 29 marzo 1883, ibid., vol. XIV, p. 129-130.

Io che amo i troppi periodici letterari come il fumo negli occhi, desidero che uno dei due domenicali romani finisca. […] Sono stanco di far da alabardiere in coteste piccole guerre di chiacchiere e d’interessucoli. Assolutamente non scriverò più per nessuno. Disapprovo la istituzione di nuove riviste. […] Io direttore ? Mi faccia il piacere ! Né meno scrittore. Impiccatevi tutti, impresari d’una letteratura che non c’è. Non mi secchi più con queste storie, che ne ho fin sopra gli occhi di tutta la stupida letteratura romana16.

6L’avversione frequentemente provata da Carducci nei confronti della realtà romana non è quindi una questione legata unicamente al ‘ritmo’ e alla ‘velocità’ di una vita pubblica e professionale divenute insostenibili per l’ormai anziano poeta. Il problema ha implicazioni culturali ben più profonde. Come ha giustamente suggerito Lorenzo Cantatore :

  • 17 L. Cantatore, « Carducci ai Due Macelli… », p. 285.

Da una parte abbiamo dunque un uomo di studio e di cultura solida e secolare, cresciuto fra università e biblioteche, accademie e commissioni d’esame, dall’altra c’è un uomo che vuole guadagnare facendo cultura espressa e facendo parlare di sé e che, possibilmente, deve pagare i suoi collaboratori, dedito, fra i primi in Italia, alla produzione di carta stampata usa e getta, alla cultura dell’effimero, all’obbligo di rinnovarsi e di voltar pagina di giorno in giorno, se non di ora in ora17.

7È dunque uno strano rapporto quello che lega Carducci e Sommaruga, perché se da un lato quest’ultimo incarna tutto ciò da cui il poeta sembra voler rifuggire e rappresenta proprio quel mondo romano non classico e non mitico che Carducci dichiaratamente disprezza, dall’altro la liaison tra i due si rivela esemplare del confronto tra generazioni divise da prospettive e approcci completamente contrastanti, eppure legate da profonda stima e da vicendevole affetto. Le figure di Carducci e Sommaruga sembrano veramente richiamare quella del padre / maestro e del figlio / allievo e se è evidente il reciproco interesse che lega i due, altrettanto innegabile è la paziente benevolenza e l’affettuosa accondiscendenza con le quali Carducci asseconda le richieste del suo vulcanico editore romano. Sia l’esame dell’epistolario di Carducci sia l’analisi del rapporto tra quest’ultimo e la cultura della capitale, evidenziano quindi la forte bipartizione dell’immagine carducciana di Roma in due anime assolutamente differenti : la prima è quella della città classica, amata, ammirata ed evocata dal poeta, consustanziale alla sua ideologia e costitutiva del suo io più profondo ; la seconda, paradossalmente, è proprio quella della capitale della ‘terza Italia’ di cui Carducci è il vate : anima odiata, fuggita, a volte usata strumentalmente, come nel caso di Sommaruga, ma con tutte le idiosincrasie e riserve morali di cui si è detto. Sulla base di queste considerazioni preliminari è possibile ricostruire e interpretare compiutamente i termini quantitativi e qualitativi della ricorrenza del tema Roma nella lirica di Carducci.

8Per poter meglio studiare l’incidenza dell’immagine dell’urbe all’interno del corpus poetico carducciano, è stata condotta una campionatura di voci attinenti al tema, verificandone poi la presenza nelle liriche. I risultati di questo sondaggio sono interessanti : nelle circa 340 poesie inserite nelle sei raccolte curate e pubblicate da Carducci – da Juvenilia a Rime e Ritmi – la voce Roma ritorna per ben 89 volte, la voce Romani, intesi come popolo, una volta sola, mentre l’aggettivo romano nelle sue diverse declinazioni o la variante ‘romuleo’ si incontrano rispettivamente 34 e 7 volte, per un totale complessivo di 131 ricorrenze presenti in 74 liriche su 340, ossia più di un quinto dell’intera produzione poetica carducciana. Un altro aspetto significativo del sondaggio è che le voci indicate e le liriche che le accolgono si distribuiscono abbastanza equamente all’interno di tutte le sillogi. Più in dettaglio : in Juvenilia 19 liriche su 100, in Levia Gravia 10 liriche su 30, in Giambi ed Epodi 14 liriche su 30, in Rime nuove 7 liriche su 94, nelle Odi barbare 16 liriche su 54 e, infine, in Rime e Ritmi 5 liriche su 30. Quest’ultimo dato evidenzia come il tema di Roma sia trasversale a tutta la poesia carducciana. In effetti, una delle prime liriche ad occuparsene è il Canto di primavera (Juvenilia), dove, nella canzone intonata dalle vergini ‘donzellette’ romane, il rifiorire della terra e la freschezza della sua gioventù stagionale viene affiancato alla mitica origine, propiziata da Venere, del popolo romano e alla fondazione di Roma stessa. La primavera, afferma Carducci, è la speranza della terra rinascente, così come Roma è la speranza del mondo, il suo futuro di gloria e di bellezza :

Con lui [Amore] fermò nel Lazio
De’ lari idei l’esiglio,
E una laurente vergine
La dea concesse al figlio
D’Anchise ; e quindi a Marte,
Sbigottita orfanella in chiome sparte,

  • 18 G. Carducci, Canto di primavera, in Opere, vol. II, p. 47, v. 151-162.

Di Vesta ella dal tempio
Traea la sacerdote :
Onde il gran padre Romolo
E Cesare nipote ;
Onde i Ramni e i Quiriti,
E tu, o Roma, signora in tutti i liti18.

  • 19 G. Carducci, A Giulio Perticari, ibid., p. 448, v. 6-8.

9Nella lirica A Giulio Perticari (Aggiunte di poesie), composta nel 1871 in occasione delle celebrazioni per la nascita del patriota, l’apostrofe all’eroe e la sua invocazione (« Salve, o Giulio, eterno amor, / O del bel nome romano / Salve pio restitutor »19) si enfatizza nell’entusiasmo per la riconquista di Roma e per la definitiva sconfitta di coloro che ancora si oppongono alla riunificazione nazionale, ma particolarmente insistito e quasi anaforizzato è ancora il richiamo alla Roma antica e all’eredità di gloria, valore e cultura che da essa deriva agli italiani :

  • 20 Ibid., v. 9-16.

Quando a terra come armenti
Ci premea l’estrania soma,
Quando favola a le genti
Il retaggio era di Roma,
Tu gridasti – Odio ed oblio,
Popol mio, ti separâr :
Ma un sol nome Italia bella
Tuona e appella fra i due mar20.

Nella strofa successiva, riferendosi alla lingua italiana erede del latino e condensando in pochi versi l’intera storia dell’evoluzione linguistica nazionale dalla classicità romana fino alla contemporaneità, Carducci afferma :

  • 21 Ibid., p. 449, v. 17-24.

Dal Simeto sino al Varo
Solo un nome ti saluta
Ne l’eloquio altero e caro
Che passò per l’età muta,
Che de i padri su gli avelli
L’alma Roma ci lasciò :
Sacra Italia ! Siam fratelli,
Sovra l’Arno e sovra il Po21 !

  • 22 Ibid., v. 32.

La lirica si conclude poi con la non casuale evocazione di Dante e di Petrarca22. Nelle due poesie appena citate sembra condensarsi l’intera ideologia carducciana sul tema di Roma, ripercorso nel naturale svolgersi degli eventi e delle situazioni storiche rappresentate. Infatti, se il Canto di Primavera introduce il lettore nel mondo potentemente mitico dal quale ebbe origine la latinità intera, culla della civiltà e della storia nazionale, A Giulio Perticari riporta il lettore ai tempi più recenti di questa stessa civiltà e storia, ossia alla realtà attuale della liberazione di Roma e della realizzazione di una speranza che ha resistito a secoli e secoli di oppressione. Quello che per Carducci viene dopo il compimento di questa speranza, nella Roma divenuta capitale del nuovo Stato, è già stato ricordato : politica, burocrazia, affarismo e, soprattutto, la noia di una quotidianità non all’altezza delle aspettative.

  • 23 Così Carducci nella lettera inviata a Chiarini il 2 giugno 1894. Nella stessa missiva il poeta rifi (...)
  • 24 G. Carducci, Per Eduardo Corazzini, in Opere, vol. III, p. 13, v. 41-42.
  • 25 Ibid., p. 15, v. 93-94.
  • 26 M. Saccenti, « La poesia di Carducci nella poesia delle rovine », p. 20 sq.
  • 27 Anche in Roma o morte (Levia Gravia) Carducci si rivolge alla città chiamandola « madre alma » (G.  (...)
  • 28 G. Carducci, Canto di primavera, in Opere, vol. II, p. 48, v. 186.

10Un ulteriore elemento ricavabile dai sondaggi linguistici di cui si è riferito riguarda la valenza semantica della voce ‘Roma’. Delle 89 ricorrenze già citate, infatti, 78 esprimono un valore positivo, mentre 11 assumono una connotazione negativa ; ciò sostanzialmente conferma che l’immagine di Roma trasmessa dalla quasi totalità delle poesie di Carducci è quella di una patria dell’anima, di una città ideale nella quale lo spirito eroico del passato prende forma grazie al meccanismo della memoria. Questa tendenza è tuttavia contrastata da importanti e significative eccezioni di cui si dirà più avanti. Nei sintagmi in cui il nome della città è accompagnato da un elemento di valore aggettivale, Roma è ‘diva’ o anche ‘dea’, ‘adorata’, ‘eterna’, ‘immortale’, ‘grande’, ‘splendente e olimpica’, ‘imperante’ oppure, con maggior frequenza, ‘madre’ e ‘alta’. L’ultimo aggettivo, in modo particolare, è sicuramente tra i più significativi del lessico carducciano legato a Roma ed esprime un’idea della città riscontrabile anche in alcuni passi dell’epistolario del poeta e relativi alla voluttà con cui quest’ultimo contempla il panorama urbano da una posizione elevata, preferibilmente dal Gianicolo. La sensazione fisica di dominare la prosaicità del quotidiano attraverso un abbraccio totalizzante alla città « divina » e « fatale »23 si riverbera nella precisa volontà di dominare la storia. Così, ad esempio, nella Roma antica evocata dal poeta nella memoria Per Eduardo Corazzini (Giambi ed epodi) : « L’alta Roma io cantava in riva al fiume / Famoso a l’universo »24 ; Roma che ritorna alcune strofe dopo ad accogliere i martiri che per lei combattono e si sacrificano negli anni gloriosi del Risorgimento (« Or co’ i caduti là nel giugno ardente / De l’alta Roma a fronte »25), in una circolarità che sembra voler abbracciare il complesso della storia capitolina in una sorta di visione aerea che congiunge l’orizzonte del passato con quello del presente. La volontà di Carducci di avere della città una visione ‘globale’ è rimarcata anche da un altro dato significativo. Se la voce Roma ha ben 89 occorrenze nell’intero corpus lirico carducciano, sarà molto meno facile trovare in esso riferimenti topografici relativi ai luoghi fisici specifici della città. Infatti, sommando voci come : Aventino, Gianicolo, Vaticano, Monte Mario, Quirinale, Palatino, Celio, Tevere, Tiberina (valle), Flaminia e Appia (le strade consolari), Caracalla (terme) non si arriva a 45 occorrenze, segno evidente che per Carducci Roma è un’idea suprema, un simbolo altissimo, ma dai contorni fisici rarefatti. Come ha dimostrato Mario Saccenti, la Roma di Carducci è veramente quella delle rovine e delle fantasticherie che da esse nascono, perché della Roma reale, viva, turbolenta, sanguigna non esiste nulla, o quasi, nella lirica del poeta26. Il secondo aggettivo che accompagna con decisa frequenza la voce ‘Roma’ è l’attributo ‘madre’. Per ben tre volte nelle liriche di Juvenilia dedicate alla città, all’immagine di quest’ultima viene affiancata quella materna, che forse meglio di tutte esprime il sentimento di amorevole rispetto e di filiale devozione del poeta verso colei dalla quale discendono tutti gli italiani e lui stesso27. Nel già citato Canto di primavera (Juvenilia) mentre la penultima strofa è una perorazione agli italiani perché si adoperino con le armi a ridestare « i numi addormentati in Campidoglio »28, l’ultima è ancora una volta l’evocazione della città madre di tutti i patrioti, della sua origine divina e del mistero della sua gloria :

  • 29 Ibid., v. 187-192.

Te allor, cinti la chioma
De l’arbuscel di Venere,
Canterem, madre Roma ;
Te del cui santo nascere
il lieto april s’onora,
Te de la nostra gente arcana Flora29.

11L’immagine di Roma madre non solo dei latini, ma anche degli italiani si rinnova nel sonetto San Martino (Juvenilia), nel quale questa linea diretta di discendenza viene enfatizzata nella disperata invocazione di una libertà da conseguire contro gli oppressori :

Sei tu, sei tu, latin sangue gentile,
Che ne i pugnati campi su la dóma
Austria risorgi in tua ragion civile,

  • 30 G. Carducci, San Martino, in Opere, vol. II, p. 208, v. 9-14.

Ed a l’Europa gridi – Oh chi mi noma
Servo mai più ? fine a l’oltraggio vile !
Rendimi il serto di mia madre Roma30.

  • 31 G. Carducci, Sicilia e la rivoluzione, ibid., p. 236, v. 103-104.
  • 32 Ibid., v. 101.
  • 33 G. Carducci, In morte di Giovanni Cairoli, in Opere, vol. III, p. 48, v. 21-24.

12In Sicilia e la rivoluzione (Juvenilia) l’enumerazione delle gloriose città d’Italia e l’invocazione inneggiante alla liberazione di tutti i popoli, non solo quello italiano, dall’oppressione straniera culmina ancora una volta nel sintagma « de l’itala gente / Madre Roma »31. Sintagma in questo caso affiancato nella stessa quartina al nome più caro a Carducci tra quelli dei protagonisti del Risorgimento : Giuseppe Garibaldi32. Vi sono anche casi nei quali l’immagine materna di Roma non viene dichiarata esplicitamente, ma trasmessa in maniera indiretta amplificando simbolicamente il valore del sostantivo ‘madre’ attribuito a personaggi femminili inseriti nelle liriche. La Roma descritta In morte di Giovanni Cairoli (Giambi ed epodi) è la fonte primigenia del valore e dell’onore, delle qualità virili insite nella virtù e nella morale repubblicane fondate sul sentimento della giustizia e sull’anelito supremo alla libertà. Sintesi di tutto ciò è ovviamente la figura dell’eroe Giovanni Cairoli, morto per la patria e perciò degno di venir accolto nella schiera dei figli prediletti di Roma (« Apri, Roma immortale, apri le porte / Al dolce eroe che muore : / Non mai, non mai ti consacrò la morte, / Roma, un più nobil core »33). All’interno della poesia assume però una rilevanze decisiva anche la figura della madre dell’eroe, la donna che con Giovanni ha perso l’ultimo dei suoi cinque figli, tutti sacrificatisi per la libertà, e il cui tremendo dolore si trasfigura in quello altrettanto intenso della madre metaforica di tutti i martiri italiani, Roma appunto. Nella lirica l’evocazione della madre di Cairoli viene reiterata da Carducci per ben sei volte :

Tinto del proprio e del fraterno sangue
Giovanni, ultimo amore
De la madre, nel seno almo le langue,
Caro italico fiore.

Avvalla il figlio de la madre in faccia
Il viso e gli occhi muti […]

O madre, o madre, a i dí de la speranza
Dal tuo grembo fecondo
Cinque valenti uscieno […]

Qual cor fu il tuo, quando l’estremo spiro,
O madre de gli eroi,
Di lui ti rinnovò tutto il martiro
Di tutti i figli tuoi !

  • 34 Ibid., rispettivamente p. 47, v. 4-8 ; p. 50, v. 73-74 e 77-79 ; p. 51, v. 89-92 e 97-98.

Qui cinque addur nuore dovevi a’nati
Madre gentile e altera […]34.

  • 35 Ibid., p. 48, v. 32-36.

Nella nona strofa, infine, si trova l’immagine collettiva delle madri i cui figli danno la loro vita per Roma e per l’Italia (« Per te in seno a le madri, ecco, la morte / Divora altri figliuoli : / Apri, Roma immortale, apri le porte / A Giovanni Cairoli »35).

13La valenza talora negativa dell’idea e dell’immagine di Roma riscontrata nell’analisi dell’epistolario e nella disanima dei rapporti del poeta con il mondo culturale capitolino è in alcuni casi presente e verificabile anche nella lirica. Due soli esempi sono sufficienti ad illustrare questa particolare accezione del tema di Roma nella poesia di Carducci. Nel sonetto Per le stragi di Perugia (Juvenilia) la prima quartina si apre con un’immagine della città che sembra veramente voler catalizzare su di sé tutto lo sdegno e la riprovazione del poeta, perché nel breve volgere della prima strofa addensa e concentra tutto il potenziale negativo dell’infida violenza clericale :

  • 36 G. Carducci, Per le stragi di Perugia, in Opere, vol. II, p. 209, v. 1-4.

Non più di frodi la codarda rabbia
Pasce Roma nefanda in suo bordello ;
Sangue sitisce, e con enfiate labbia
A’cattolici lupi apre il cancello36.

  • 37 San Giovanni, Apocalisse, cap. 17, v. 1.
  • 38 G. Carducci, Per le stragi di Perugia, in Opere, vol. II, p. 209, v. 12.
  • 39 Ibid., v. 13.
  • 40 Ibid., v. 6.
  • 41 G. Carducci, Per Giuseppe Monti e Gaetano Tognetti, martiri del diritto italiano, in Opere, vol. II (...)

14La Roma descritta in questi versi è una città sprofondata nell’abiezione più profonda, un postribolo che sembra rimandare addirittura al modello giovanneo della Roma meretrice, mascherata da Babilonia, descritta nell’Apocalisse (« Vieni, ti farò vedere la condanna della grande prostituta che siede presso le grandi acque »37) ; una Roma, tornando a quella di Per le stragi di Perugia, le cui azioni delittuose e ingannatrici rimaste fino a questo momento nell’ombra a causa della codardia rabbiosa di chi le perpetrava, esplodono ora in una scoperta violenza, bramosa del sangue e della vita dei nemici. La città che tollera nel suo seno gente di tal fatta deve essere fulminata da Dio, come chiede l’ateo Carducci nella terzina finale, per incenerire la « micidial masnada »38 clericale che abita, e qui si rinnova l’immagine giovannea, « l’adultera antica »39, ulteriormente qualificata solo alcuni versi prima come « lasciva »40 e destinata a trasformarsi nel giro di pochi anni in una « ruina / D’un’onta senza nome »41. Una Roma totalmente negativa, dunque, il cui peccato originale, il tradimento della sua latinità e della sua missione civilizzatrice, ha radici profonde, ardue da sradicare, se non con una lotta dura, sanguinosa e tenace che andrà ben oltre – ma questo Carducci ancora non lo sa – le battaglie risorgimentali. Un’altra immagine negativa di Roma, anche se di tutt’altro tono, troviamo in Dinanzi alle terme di Caracalla (Odi barbare). La penultima quartina recita :

  • 42 G. Carducci, Dinanzi alle terme di Caracalla, in Opere, vol. IV, p. 19, v. 33-36.

Febbre, m’ascolta. Gli uomini novelli
Quinci respingi e lor picciole cose ;
religïoso è questo orror : la dea
Roma qui dorme42.

Nella sua apparente pacatezza, il quinario finale della strofa esprime tutta l’angoscia di un Carducci ormai rassegnato per le sorti di una città che, dopo la riunificazione, non riesce a scrollarsi di dosso il suo poco glorioso recente passato e sembra anzi enfatizzarlo nella pratica quotidiana di una classe di speculatori ignari della Roma classica perché interessati solo ai guadagni ricavabili dall’orribile metropoli che stanno costruendo. Afferma Carducci in una nota alla poesia datata 4 febbraio 1893 e specificatamente dedicata ai versi 17-18 (« Ed un ciociaro, nel mantello avvolto / grave fischiando tra la folta barba ») :

  • 43 G. Carducci, Note, ibid., p. 152.

Fu chi intese che questi versi augurassero la malaria ai buzzurri. Ohimè ! Io intendevo imprecare alla speculazione edilizia che già minacciava i monumenti, accarezzata da quella trista amministrazione la quale educò il marciume che serpeggia a questi giorni nella capitale43.

  • 44 G. Carducci, A Vittorio Emanuele, in Opere, vol. II, p. 197, v. 169.
  • 45 Ibid., v. 168.

15La Roma signora del nuovo stato non è quindi particolarmente benvoluta da Carducci, e in effetti nelle liriche del professore di Bologna i richiami esplicitamente positivi a questa nuova realtà che dovrebbe rappresentare il futuro e la speranza della nazione sono solo due. Il primo lo troviamo nella canzone A Vittorio Emanuele (Juvenilia) dove nella sedicesima strofa appare un fugace riferimento « Al folgorar de la novella Roma »44 che grazie all’energica azione del « roman popolo altero »45 dovrebbe scuotersi di dosso il giogo millenario del potere papale. Il secondo riferimento è invece contenuto nel primo libro delle Odi barbare e più precisamente nell’ode A Giuseppe Garibaldi, nella quale l’ottava quartina recita :

  • 46 G. Carducci, A Giuseppe Garibaldi, in Opere, vol. IV, p. 65, v. 29-32.

Oggi l’Italia t’adora. Invòcati
la nuova Roma novello Romolo :
tu ascendi, o divino : di morte
lunge i silenzi dal tuo capo46.

  • 47 Garibaldi e Roma vengono affiancati anche nella prima quartina del sonetto A Giuseppe Garibaldi (Ju (...)
  • 48 G. Carducci, Nell’annuale della fondazione di Roma, in Opere, vol. IV, p. 17, v. 45-48.
  • 49 G. Carducci, Roma, ibid., p. 30, v. 5-8 ; « Che importa a me se l’irto spettral vinattier di Strade (...)
  • 50 Per « Roma indegna », così come per il « Campidoglio vile », cf. G. Carducci, Agli amici della vall (...)

16Non è un caso che le immagini positive appena citate siano strettamente legate a liriche dedicate a due dei padri del Risorgimento italiano47 ; questo collegamento dà la misura della potente carica ideale e della fede in una città gloriosa che attraverso il sacrificio dei suoi eroi moderni può e deve rimodellarsi in una palingenesi memore della purezza della sua storia antica. Ma è una carica ideale, appunto, e dopo la speranza celebrata nei primissimi anni successivi alla liberazione della città (« O Italia, o Roma ! quel giorno, placido / tornerà il cielo su ’l Foro, e cantici / di gloria, di gloria, di gloria / correran per l’infinito azzurro »48) perde progressivamente forza nella sconsolata verifica quotidiana di come questa Roma nuova o novella sia un’irrealizzabile utopia, mentre a nulla serve l’esorcismo poetico lanciato da Carducci, coi distici dell’ode barbara Roma49, contro i politici e le istituzioni artefici della rovina e del degrado di una capitale « indegna »50, La laicissima fede di Carducci, a questo punto, non può che rivolgersi e privilegiare quella Roma fissata nei monumenti e nelle rovine, testimonianza di un passato ormai morto dal quale tuttavia si possono ancora ricavare degli altissimi insegnamenti, dei messaggi accorati alle generazioni successive, dei memento a non tralasciare l’eredità di cultura, civiltà e moralità trasmesso dalla classicità.

Haut de page

Notes

1 F. Moretti, Atlante del romanzo europeo. 1800-1900, Torino, Einaudi, 1999, p. 5.

2 G. Carducci, Piemonte, in Opere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1935-1940, vol. IV, p. 184, v. 63.

3 M. Saccenti, « La poesia di Carducci nella poesia delle rovine », Nuova Antologia, aprile-giugno 2000, fasc. 2214, p. 181-202, poi in Carducci e Roma (Atti del convegno, Roma, 18-19 novembre 1999), a cura di L. Cantatore, L. Lanzetta, F. Roscetti, Roma, Istituto Nazionale di Studi Romani – Università di Roma « La Sapienza », Facoltà di Lettere, Dipartimento di Italianistica e Spettacolo, 2001, p. 13-45.

4 Per i rapporti tra Carducci e il mondo classico si vedano in modo particolare : M. T. Marabini Moevs, Fra marmo pario e archeologia. L’antichità nella vita e nell’opera di Giosuè Carducci, Bologna, Cappelli, 1971 ; I. Toppani, Carducci e il mondo latino, Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1973 ; F. Mattesini, « Carducci – Properzio, Orazio e Virgilio », in Ricerca poetica e memoria religiosa, Modena, Mucchi, 1991, p. 50-62.

5 A questo tema è stato specificatamente dedicato il convegno indicato nella nota tre. Di particolare interesse per il presente lavoro sono il già citato intervento di Saccenti e i saggi di Enrico Elli « La ‘patria dell’anima’ : Roma nell’epistolario carducciano » (p. 199-214) ; Ferdinando Cordova « Carducci, Lodi ed il giornalismo romano dell’ultimo Ottocento » (p. 215-245) e Lorenzo Cantatore « Carducci ai Due Macelli : il carteggio con Angelo Sommaruga » (p. 281-301).

6 Su questo specifico tema si veda, oltre al saggio di Enrico Elli citato nella nota precedente, anche P. Vannucci, « Carducci e Roma attraverso l’Epistolario », in Saggi vari tra carducciani e pascoliani, Firenze, Le Monnier, 1969, p. 38-58.

7 A questo proposito rimangono insostituibili le testimonianze dirette dei protagonisti dell’epoca e tutti quei lavori che indagano la nuova realtà culturale della Roma ‘bizantina’. Cf. A. Sommaruga, Cronaca Bizantina (1881-1885). Note e ricordi, Milano, Mondadori, 1941 ; F. Flora, « Cronaca Bizantina », Pegaso, II (1930), no 12, p. 680-698 ; G. Squarciapino, Roma bizantina. Società e letteratura ai tempi di Angelo Sommaruga, Torino, Einaudi, 1950 ; E. Scarano, Dalla « Cronaca Bizantina » al « Convivium », Firenze, Vallecchi, 1965.

8 Questo primo soggiorno e i luoghi visitati sono ricordati da Carducci in una lettera al Chiarini del 17 novembre 1902. Cf. G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1938-1968, vol. XXI, p. 97.

9 Cf. E. Elli, « La ‘patria dell’anima’… », p. 202 sq.

10 G. Carducci, Lettere, vol. XI, p. 193-194.

11 Ibid., p. 247.

12 Sul disagio che molti intellettuali e scrittori dell’Italia postunitaria provano nei confronti della realtà sociale, culturale e urbana di Roma cf. F. Chabod, « L’idea di Roma », in Storia della politica estera italiana dal 1870 al 1896, Bari, Laterza, 1951, p. 179-323 ; P. Treves, L’idea di Roma e la cultura italiana del sec. XIX, Milano – Napoli, Ricciardi, 1962 ; L. Jannattoni, E. F. Accrocca, Roma allo specchio della narrativa italiana da De Amicis al primo Moravia, Roma, Istituto di Studi Romani, 1958 ; P. Budillon, « L’immagine di Roma nella narrativa italiana della prima generazione dell’Unità », Archivio della Società romana di Storia Patria, XLIII, 1970, p. 203-246 ; A. Asor Rosa, A. Cicchetti, « Roma », in Letteratura italiana : Storia e geografia, a cura di A. Asor Rosa, vol. III, L’età contemporanea, Torino, Einaudi, 1989, p. 547-652. Sulle articolazioni particolari che questo disagio assume nel genere specifico del romanzo parlamentare cf. A. Briganti, Il Parlamento italiano nel romanzo del secondo Ottocento, Firenze, Le Monnier, 1972 ; C. A. Madrignani, « Romanzo e politica », in Ideologia e narrativa dopo l’Unificazione. Ricerche e discussioni, Roma, La nuova sinistra Savelli, 1974, p. 11-25 ; C. A. Madrignani, Rosso e Nero a Montecitorio. Il romanzo parlamentare della nuova Italia (1861-1910), Firenze, Vallecchi, 1980.

13 Lettera di Carducci al Chiarini datata 30 aprile 1884, in G. Carducci, Lettere, vol. XIV, p. 282.

14 Ibid., vol. XVI, p. 187-188.

15 Lettera del 25 marzo 1883, ibid., vol. XIV, p. 127.

16 Lettera del 29 marzo 1883, ibid., vol. XIV, p. 129-130.

17 L. Cantatore, « Carducci ai Due Macelli… », p. 285.

18 G. Carducci, Canto di primavera, in Opere, vol. II, p. 47, v. 151-162.

19 G. Carducci, A Giulio Perticari, ibid., p. 448, v. 6-8.

20 Ibid., v. 9-16.

21 Ibid., p. 449, v. 17-24.

22 Ibid., v. 32.

23 Così Carducci nella lettera inviata a Chiarini il 2 giugno 1894. Nella stessa missiva il poeta rifiuta per l’ennesima volta di trasferirsi a Roma e di accettare una cattedra all’università della capitale. Interessante, tra l’altro, il riferimento al Gianicolo in quanto spazio elevato dal quale si può dominare l’intero panorama dell’urbe : « E ho bisogno di solitudine. Proprio non fa per me : mi dispiace, perché contraddicendomi, a Roma sto bene ; massime se trovassi un abitacolo sul Gianicolo, per contemplare la posizione fatale della divina città ». Cf. G. Carducci, Lettere, vol. XVIII, p. 306.

24 G. Carducci, Per Eduardo Corazzini, in Opere, vol. III, p. 13, v. 41-42.

25 Ibid., p. 15, v. 93-94.

26 M. Saccenti, « La poesia di Carducci nella poesia delle rovine », p. 20 sq.

27 Anche in Roma o morte (Levia Gravia) Carducci si rivolge alla città chiamandola « madre alma » (G. Carducci, Opere, vol. II, p. 345, v. 7).

28 G. Carducci, Canto di primavera, in Opere, vol. II, p. 48, v. 186.

29 Ibid., v. 187-192.

30 G. Carducci, San Martino, in Opere, vol. II, p. 208, v. 9-14.

31 G. Carducci, Sicilia e la rivoluzione, ibid., p. 236, v. 103-104.

32 Ibid., v. 101.

33 G. Carducci, In morte di Giovanni Cairoli, in Opere, vol. III, p. 48, v. 21-24.

34 Ibid., rispettivamente p. 47, v. 4-8 ; p. 50, v. 73-74 e 77-79 ; p. 51, v. 89-92 e 97-98.

35 Ibid., p. 48, v. 32-36.

36 G. Carducci, Per le stragi di Perugia, in Opere, vol. II, p. 209, v. 1-4.

37 San Giovanni, Apocalisse, cap. 17, v. 1.

38 G. Carducci, Per le stragi di Perugia, in Opere, vol. II, p. 209, v. 12.

39 Ibid., v. 13.

40 Ibid., v. 6.

41 G. Carducci, Per Giuseppe Monti e Gaetano Tognetti, martiri del diritto italiano, in Opere, vol. III, p. 33, v. 151-152. L’incipit della lirica è l’evocazione di una Roma grigia e plumbea, nella quale la vita sembra completamente assente dalle strade, dalle piazze, dalla vegetazione e dal canto degli uccelli ; una città dolente per il delitto che si sta perpetrando verso due giovani patrioti condannati a morire per le loro idee e il loro coraggio : « Torpido fra la nebbia ed increscioso / Esce su Roma il giorno : / Fiochi i suon de la vita, un pauroso / Silenzio è d’ogn’intorno // Novembre sta del Vatican su gli orti / Come di piombo un velo : / Senza canti gli augei da’ tronchi morti / Fuggon pe ’l morto cielo », ibid., p. 26, v. 1-8. Sulla Roma asservita al potere temporale si vedano anche alcuni versi del sonetto Roma (Levia Gravia) : « [gli stranieri] Oggi una mitra a le regali chiome, // Oggi un rosario che la man t’implìchi / Darti vorrien per sempre » (G. Carducci, Opere, vol. II, p. 370, v. 11-13).

42 G. Carducci, Dinanzi alle terme di Caracalla, in Opere, vol. IV, p. 19, v. 33-36.

43 G. Carducci, Note, ibid., p. 152.

44 G. Carducci, A Vittorio Emanuele, in Opere, vol. II, p. 197, v. 169.

45 Ibid., v. 168.

46 G. Carducci, A Giuseppe Garibaldi, in Opere, vol. IV, p. 65, v. 29-32.

47 Garibaldi e Roma vengono affiancati anche nella prima quartina del sonetto A Giuseppe Garibaldi (Juvenilia) : « Te là di Roma su i fumanti spaldi / Alte sorgendo ne la notte oscura / Plaudian pugnante per l’eterne mura / L’ombre de’ Curzi e Deci, o Garibaldi » (G. Carducci, Opere, vol. II, p. 203, v. 1-4).

48 G. Carducci, Nell’annuale della fondazione di Roma, in Opere, vol. IV, p. 17, v. 45-48.

49 G. Carducci, Roma, ibid., p. 30, v. 5-8 ; « Che importa a me se l’irto spettral vinattier di Stradella / mesce in Montecitorio celie allobroghe e ambagi ? // e se il lungi operoso tessitor di Biella s’impiglia, / ragno attirante in vano, dentro le reti sue ? ».

50 Per « Roma indegna », così come per il « Campidoglio vile », cf. G. Carducci, Agli amici della valle Tiberina (Giambi ed epodi), in Opere, vol. III, p. 8, v. 79-80.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Luca Bani, « Carducci e Roma »Transalpina, 10 | 2008, 51-68.

Référence électronique

Luca Bani, « Carducci e Roma »Transalpina [En ligne], 10 | 2008, mis en ligne le 13 mai 2022, consulté le 20 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3028 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3028

Haut de page

Droits d’auteur

Transalpina. Études italiennes

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de Caen
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search