Navigation – Plan du site

AccueilNuméros10Carducci et Pascoli pédagoguesLuci e ombre nella « scuola cardu...

Carducci et Pascoli pédagogues

Luci e ombre nella « scuola carducciana »

Alberto Brambilla
p. 161-176

Résumés

L’expression « école carduccienne », bien que commode à utiliser, est en grande partie imprécise et ambiguë. Elle véhicule notamment certains schémas et stéréotypes, habilement construits par Renato Serra, qui peuvent empêcher sa compréhension en termes plus spécifiquement philologiques. Cette contribution invite donc à plus de conscience dans l’utilisation de cette expression et signale l’urgence de creuser dans les biographies de chacun des auteurs-critiques pour préciser non seulement leurs points communs, mais aussi leurs éléments d’originalité et de distinction par rapport au maître. Ce n’est pas une tâche facile car très souvent ces caractéristiques ont été occultées par les protagonistes eux-mêmes, trop préoccupés à vouloir adhérer au modèle idéal.

Haut de page

Texte intégral

Renato Serra fra Pascoli e Severino Ferrari

1In un convegno dedicato a Carducci e Pascoli, vale a dire al maestro ed all’alunnno, ma anche alla tradizione e all’innovazione nella poesia italiana tra Otto e Novecento, può forse essere utile riflettere su di una definizione fin troppo abusata, quella di « scuola carducciana », che in qualche modo coinvolge anche Pascoli. Per cercare di gettare qualche dubbio su tale etichetta ed avviare qualche riflessione, ci serviremo d’una guida d’eccezione :

  • 1 R. Serra, Giovanni Pascoli, in Scritti critici, a cura di I. Ciani (Edizione nazionale degli scritt (...)

[…] A tener conto dell’apparenza e delle abitudini, si vorrebbe dire che il Pascoli è uno spirito classico e un umanista : egli che ha scritto i Poemi Conviviali, cosa, fu detto, tutta greca, e ha insegnato tanti anni latino e greco, ha ordinati commentati tradotti poeti classici, ha composto per avventura i più bei versi latini che ai nostri dì si conoscano.
Ha fatto tutto questo, ma non è un umanista. Nulla è così lontano dal suo spirito come la religione delle lettere umane1.

  • 2 Ibid., p. 5.
  • 3 Ibid.
  • 4 Ibid., p. 6.
  • 5 Cf. Tra provincia ed Europa. Renato Serra e il problema dell’intellettuale moderno, a cura di F. Cu (...)

Così scrive Renato Serra (1884-1915) nelle prime pagine del suo saggio pascoliano. Tentativo come al solito di penetrare l’essenza di un autore, senza retorica nè ipocrisia (« Se ci chiedessero chi è costui ? ognuno di noi pensa che non sarebbe troppo imbarazzato a rispondere… Ma se chi ci aveva domandato, dopo tante nostre parole e notizie, ancora non fosse contento, e volesse una risposta netta, di quelle che definiscono un uomo e fermano una volta per tutte il suo profilo… »2), mettendo in atto una lunga e non di rado faticosa manovra d’aggiramento (« a tener conto dell’apparenza e delle abitudini… »3) ; sforzo che nell’attuarsi non procede linearmente, ma a volte sembra arrestarsi, quasi avvitarsi su se stesso prima di trovare lo scatto, il varco per proseguire. Ancora di più : ricerca del posto da assegnare alla cultura ed alla tradizione, certo (la « religione delle lettere umane »4), ma tutto ciò in costante, spesso doloroso, confronto con la propria esistenza5.

  • 6 R. Serra, Giovanni Pascoli, p. 6.

2Sono queste le caratteristiche delle pagine di Serra, che forse ci affascinano proprio per questa capacità di mettersi in gioco, per il costante rapporto tra biografia e letteratura. Ma, restringendoci a considerare la posizione di Pascoli di fronte a Carducci, continuiamo a seguire il ragionamento di Serra, che sfocia in questa prima affermazione : « Sia di ciò come si vuole : questo pure è certo, che tutto quel che si dice dell’umanista può convenire al Pascoli solo come una definizione, diciamo così, negativa. Nel mondo spirituale egli è al polo opposto »6. Ancora più interessante per il nostro intento è la prova subito dopo esibita, che entra nel lavoro concreto dei due professori-poeti, sacerdoti delle muse, ma ancora di più uomini di scuola :

  • 7 Ibid., p. 7.

A intender questo, basta dare un’occhiata a una di quelle raccolte che egli ha messo insieme per gli scolari ; a quella che s’intitola Sul limitare. Confrontatela con la antologia del Carducci, per pigliar uno che ci rappresenti la nostra tradizione letteraria nella sua schiettezza ; e sentirete meglio che per ogni discorso la differenza dei gusti e della cultura ; sentirete sopra tutto quel che c’è nel Pascoli di nuovo, di singolare, di ribelle a tutte le nostre consuetudini mentali. Nel libro del Carducci tu riconosci, sì, anche l’uomo e a grandi linee il suo sentire, l’italianità, il vigore disdegnoso dell’animo ; ma lo scopo vero del libro non è in ciò ; è in esercitare e svolgere e affinare il gusto letterario dei suoi lettori adolescenti. Lo spirito del Carducci vi è rappresentato essenzialmente nell’atto che rilegge degli autori assai cari e si rende conto, come filologo e umanista, delle qualità e dei modi delle loro scritture. Questa è opera propria del letterato.
Ma il Pascoli, anche quando fa un’antologia, vuol fare opera di poeta7.

  • 8 E in particolare Sul limitare. Poesie e prose per la scuola italiana, Milano – Palermo, Sandron, 18 (...)
  • 9 Per un ancora problematico rapporto di Serra con Carducci ed il filosofo napoletano, cf. R. Serra, (...)

La citazione qui conta per il naturale confronto tra due antologie preparate per l’insegnamento8 ; e conta soprattutto per lo spontaneo parallelismo instaurato tra Pascoli e Carducci, che Serra, dopo una prima ipotesi legata agli aspetti comuni, posiziona decisamente agli antipodi (« al polo opposto »). Dunque, collocandosi a giusta distanza, nulla di più lontano ed inconcepibile del vecchio maestro e dell’allievo, divenuto a sua volta un protagonista della cultura italiana. Si tratta, come è ovvio, di una soluzione paradossale, diventata per ciò quasi proverbiale, ma che a Serra, il quale scriveva a ridosso della morte di Carducci, sembrava in qualche modo sintomatica di un passaggio epocale. Si era ormai chiusa un’era, quella carducciana, appunto, e se ne stava aprendo una diversa, dai contorni ancora piuttosto confusi, di cui altri sarebbero stati protagonisti ; sicuramente Pascoli (che sarebbe però scomparso di lì a poco, nel 1912), ma anche, con peso crescente, D’Annunzio e Croce9.

3Ma, si diceva, ogni scritto di Serra è anche un esame di coscienza, in cui affiorano i dubbi più che le certezze ; la verità è irraggiungibile, solamente si possono afferrare come dei frammenti, ma con fatica, superando non poche contraddizioni. Così è lo scolaro (e in qualche modo il figlio) Serra di fronte al maestro (e padre) Carducci, in un’ansia continua di distacco e di profonda simpatia, quasi di rancore e di struggente nostalgia. Per altro, sia detto tra parentesi, la via metaforica suggerita dalle pagine di Serra, quella del rapporto padre-figlio, sembra perfettamente applicabile a molti dei discepoli del Carducci, costituendone quasi un topos. Se sfogliamo le pagine ingiallite delle innumerevoli pubblicazioni commemorative dedicate al Carducci, possiamo senza fatica allineare una lunga serie di esempi in proposito. Tra le molte risulta tra le più convincenti quella proposta da Manara Valgimigli, che alla morte del poeta-professore così contrappone un Carducci quale risulterà dalle opere, a quello da lui conosciuto ed apprezzato di persona :

  • 10 M. Valgimigli, « Il nostro Carducci », in Uomini e scrittori del mio tempo, Firenze, Sansoni, 1965, (...)

C’è un Carducci che i nostri figlioli in quei libri non lo troveranno ; ne troveranno uno meglio pacificato e purificato dal tempo, dagli studi e dalle ricerche meglio definito e distinto e, se volete, anche più vero ; ma il Carducci che è dentro di noi, nel cuore nostro, il Carducci nostro, dico di me e dei miei compagni di scuola, che fu l’affetto più grande della nostra giovinezza, che è l’affetto, il desiderio il rimpianto, e anche la consolazione, della nostra vita oramai sul cadere, questo in codesti libri, per gli altri, non c’è : questo è il Carducci che ci portiamo con noi, come un figlio si porta con sé l’immagine di suo padre e, morendo se la porta via con sé, e con lui muore e si spegne10.

  • 11 Contrasto vissuto in prima persona dallo stesso Serra, che a sua volta – Intorno al modo di leggere (...)

4Se in Valgimigli non c’è nessuna indecisione o sofferenza nel ricordare quell’esperienza, ben altro è il clima che si respira negli scritti di Serra. Da qui pagine tormentate, lacerate, con pause, riprese, domande, ipotesi, angoli bui, nodi irrisolti ; da qui le brusche interrogazioni, in cui anche il lettore è chiamato in causa. Il corpo a corpo con Carducci è sempre formalmente evitato, ma affiora di continuo, anche in testi apparentemente minori, lontani. Esemplari in questo senso sono le pagine dedicate all’amico Alfredo Panzini, in cui ritorna insistente il rapporto tra lo scolaro ed il maestro. Il punto di partenza della discussione di Serra (sì, perché quasi tutti i suoi scritti hanno come una struttura interna e segreta di dialogo a cui partecipano attivamente sia l’autore sia il lettore), è questa volta il « dissidio » tra « oscura noia dei libri » e « le belle cose del mondo »11 ; o, se vogliamo, quello tra volontà e destino : alte aspettative poetiche o accademiche frustrate dalla banalità della vita quotidiana, dalla necessità di sopravvivere, magari restando un semplice insegnante di basso profilo :

  • 12 R. Serra, Alfredo Panzini, in Carducciana, a cura di I. Ciani (Edizione nazionale degli scritti di (...)

[…] La contraddizione è inconciliabile fra la natura e il destino : ed è il dissidio dell’umanista col pedagogo ; della natività e sensualità del carattere con la servitù quotidiana ; del poeta con la vita. Il dissidio si sfoga nell’opera […]. Quest’opera si sa qual è. Si iniziò con un tentativo giovanile di critica sulla evoluzione politica di Giosuè Carducci.
Quivi i limiti e le qualità del suo ingegno già sono evidenti. Del resto non è un semplice saggio critico, una esercitazione dottrinaria : nella persona del Carducci il Panzini si trova di fronte a tutte le angoscie e a tutti i desideri che seguitarono ad agitare la sua arte, e anche la vita. Egli era scolaro di Carducci. Questo è stato per lui suggello quasi di una seconda natura12.

In cosa realmente consistesse tale « seconda natura » non è facile comprendere, e come al solito Serra usa un linguaggio ambiguo, chiaro-scuro, in cui sembra contemporaneamente lampeggiare sia l’odio sia l’amore. Nel periodo successivo egli tenta comunque (utilizzando ovviamente la biografia intellettuale di Panzini) di articolare meglio il suo pensiero :

  • 13 Ibid., p. 86.

Egli [il Panzini] poi è molto vicino a quella generazione poca e scelta, dei veri scolari del maestro, pieni della sua voce e del suo nume, che in lui conobbero e conchiusero tutto l’ideale del loro spirito ; candidissimo esemplare ne restava il buon Severino.
Dico che il Panzini tiene molto di costoro ; se non quanto il suo temperamento nativo e gagliardo ha consentito solo agli influssi più geniali. Nè intera ha ricevuto l’impronta carducciana nello stile ; e nè meno, lasciando stare i versi, che pare non ne abbia scritti mai, ha accettato l’abito, dominante nel maestro, dell’erudizione e della ricerca storica13.

Nel tortuoso e mobile pensiero di Serra, come accaduto per Pascoli – sia pure in diversa misura –, il differenziarsi dal maestro pare di per sè un fatto positivo, di crescita personale, di raggiungimento di uno spazio proprio, sebbene non sempre all’altezza dei propri ideali. Ancora è evidente la proiezione, ora in Pascoli, ora in Panzini (e più avanti in Severino Ferrari) di un dissidio psicologico o di un nodo esistenziale che erano propri del Serra.

  • 14 R. Serra, Alfredo Panzini, p. 109.
  • 15 Ibid., p. 109-110.

5Infatti, come al solito, anche il lungo saggio su Panzini rivela all’interno delle debolezze e quasi delle contraddizioni, che erano in primo luogo dell’autore, e comunque costituivano una sorta di orginalissimo metodo di lavoro. In alcune pagine seguenti infatti il Serra, dopo aver proposto qualche campionatura di testi del Panzini, ne individuava comunque un’origine schiettamente carducciana. È dunque opportuno rileggere quel passaggio, mettendolo in relazione con la definizione precedente : « Degli influssi del Carducci sulla prosa contemporanea molti parlano ; ma a renderne conto distintamente nelle pagine diverse non so chi si sia mai provato. Io dirò in breve che il Panzini mi par da collocare in quella famiglia di discepoli numerata e gentile, che ricevendo dal maestro l’ideale dell’arte e il modello della prosa, lo lavorò poi secondo la natura e l’ingegno con molta varietà »14. E ancora più utile è lo snodo successivo, in cui, prendendo questa volta a modello Severino Ferrari, sintetizza la lezione stilistica (e non solo) del Carducci : « Amore religioso dei classici e studio assoluto di sincerità ; questa lezione egli [Severino Ferrari], e i compagni suoi avevano appreso dal Carducci, e non già in frasi ambiziose l’avevano mandata a memoria, ma se n’erano resi ragione punto per punto nella conversazione degli scrittori e nella pratica e negli effetti dello stile. Ognuno poi seguitando secondo questo ideale a suo modo »15 ; e qui Serra proponeva oltre a Severino gli esempi di altri, del tutto diversi scolari, Adolfo Albertazzi e Giuseppe Albini.

6Pur non negando – ed anzi più volte insistendo – sul concetto generale di ‘scuola carducciana’ (che trovava il suo collante nell’« amore religioso dei classici » e nello « studio assoluto di sincerità » ; ma poi anche comprendeva una forte componente etica e risorgimentale), Serra ne distingueva all’interno (come accadeva per l’appunto con Panzini) una componente estranea all’erudizione e alla ricerca storica che pure erano « dominanti » nel maestro ; e poi, come ben sappiamo, egli amava ritagliarsi una sezione particolare, più propriamente « romagnola », e in essa si soffermava su ogni singolo componente, operando ulteriori distinzioni. Da qui l’interesse per Panzini e ancora di più per Severino Ferrari, una pedina davvero fondamentale sullo scacchiere teorico (ed affettivo) di Serra. Operando artificialmente, per ragioni didattiche, uno schema sintetico, possiamo dire che nel quadro, spesso drammatico, della ricerca delle radici della « scuola carducciana » (a cui, non dimentichiamolo anche Serra sente intensamente e drammaticamente di appartenere), spesso Severino è contrapposto al Pascoli ; se quest’ultimo è in qualche modo l’eversore, il ribelle, il primo invece è lo scolaro fedele, sino al sacrificio.

7Per meglio comprendere quest’ultima affermazione, conviene tornare ad altre, ugualmente dense e fascinose, pagine di Serra :

  • 16 R. Serra, Severino Ferrari, in Carducciana, p. 56.

S’incontrano nella storia figure che sembrano vivere fra gli uomini e gli avvenimenti come la chiosa sul margine del libro. Ogni età ne possiede : figure velate e abbozzate appena, incompiute e sorgenti in una ombra vaga.
Se cercate di fermarne i contorni, durate fatica a trovarli. Che cosa hanno fatto, che cosa hanno scritto, in quale opera hanno lasciato impronta più certa di sè ? Non si sa. Si trova il nome, pronunziato con rispetto, con simpatia, con desiderio ; da uomini che oggi noi ammiriamo per grandi ; ma tutto ciò dura solo negli epistolari, nelle opere minori, negli angoli riposti della storia letteraria. Sono nomi senza corpo ; la loro consistenza è rada e fuggitiva, fatta più che altro di desideri, di parole non dette, di sforzi non compiuti, di difetti non colmati ; i vestigi si perdono nel rimpianto e nella lode, o si intravedono appena come un riflesso negli occhi affettuosi dei circostanti16.

8In questa sorta di girone infernale, Serra ha come fissato la sorte oscura di moltissimi intellettuali, che hanno magari goduto per un momento di un bagliore di fama (per un racconto, un manipolo di versi, una ricerca erudita…) e poi sono stati relegati ai margini, sepolti in qualche epistolario mai più letto ; precipitati nel mondo dei fantasmi, e oggi – ad osservarli con occhi « affettuosi » – ci appaiono solamente pieni di frustrazioni e di rimpianti. A tale dolorosa foresta Serra si accosta con circospezione ma anche con pietas e rispetto. Su tale sfondo incolore si staglia infatti la figura di Severino :

  • 17 Ibid., p. 56.

Così si incontra Severino in quella stagione della nostra storia letteraria che prende il nome dal Carducci. Egli dura accanto al poeta come l’ombra presso il corpo ; che non può stare senza questo e non si può capire. Felice almeno in ciò, che la sua forma tenue è stata investita e quasi compiuta da quel sole. Il quale, dopo averla celata, vale oggi a restituirla.
Il Carducci ci invita a cercare Severino, come uno specchio di sè, più vicino e più domestico17.

In tale specchio, a dire il vero, l’immagine di Severino tenderà prima a sfuocarsi, e poi a svanire del tutto, ombra tra le ombre. Meglio dunque chi, come Pascoli, aveva frantumato quel medesimo specchio, sia pure pagandone un prezzo altissimo ? Serra non fornisce risposte definitive : preferisce seminare dubbi e lasciarci nell’incertezza.

  • 18 Cf. invece la visione più complessa emergente dal volume collettivo Severino Ferrari e il sogno del (...)
  • 19 M. Valgimigli, « Severino e la religione delle lettere », in Uomini e scrittori del mio tempo, p. 3 (...)

9Tale naturalmente era l’interpretazione di Serra, che appare oggi, a distanza, discutibile per molti aspetti, soprattutto se ci addentriamo in quell’epoca postunitaria e poi umbertina che non possiamo non definire tout court carducciana. E se è lodevole lo sforzo, è contestabile la sua interpretazione, se non altro per la costruzione di un’immagine (il buon Severino, il povero Severino), dell’alunno più caro al Carducci18, fatta propria anche dal Valgimigli (« il fedele assoluto e purissimo »19 Severino), e presto diventata stereotipo. Che non sempre è stato d’aiuto nella comprensione di Severino e in fondo della « scuola carducciana ».

10Sebbene intrise di un forte ed insopprimibile autobiografismo, le pagine qui radunate di Serra ci invitano comunque a riflettere, per un verso sulla sostanza del magistero carducciano (culto dei classici, letti e commentati con grande sensibilità all’interno di una tradizione greco-latina-italiana ; forte impostazione storica ; coesistenza ed anzi osmosi tra cultura e creazione artistica ; e poi senso etico della verità e del lavoro ; impegno patriottico) ; per l’altro sulla qualità e la consistenza della cosiddetta « scuola carducciana », che nei decenni dominati dalla figura del poeta-professore può diventare una formula vuota, priva di una reale consistenza storica.

  • 20 Non sfioriamo qui neppure il problema – che comunque non è di poco momento – della distinzione fra (...)

11All’interno di una folta schiera di alunni diretti, formati nell’arco di circa quarant’anni di magistero20, molti dei quali destinati ad un umile quanto indispensabile lavoro di insegnamento nelle scuole – di cui purtroppo non è sopravvissuta che qualche flebile traccia –, occorrerà invece distinguere, andando se occorre ben oltre le indicazioni di Serra. Non bisognerà in primo luogo dimenticare chi come il Panzini ha saputo coniugare scrittura creativa (nello specifico in prosa, ma i poeti sono nel complesso più numerosi) ed insegnamento ; oppure chi ha scelto la via, non meno stimolante, del giornalismo culturale, o della critica letteraria ; e poi occorrerà con pazienza e tenacia cercare di recuperare dall’« ombra vaga » tutti coloro che, in vario modo, pur rimanendo in ambito scolatico (non necessariamente universitario), hanno lasciato un segno nel campo degli studi storici ed eruditi. Insomma, all’interno di una schiera avvertita superficialmente come compatta e coesa ci sono in realtà molte differenze e quindi si devono introdurre parecchi distinguo.

  • 21 Si vedano, anche a mo’ di esemplificazione di due differenti modalità d’approccio, gli interventi d (...)
  • 22 F. Bausi, « Il poeta che ragiona tanto bene dei poeti »…, p. 14.

12In questa prospettiva di ricerca non sono certo mancati dei lodevoli tentativi di abbozzare una prima sintesi problematica, sia pure da diversi punti di vista, ma la quantità degli studiosi coinvolti è talmente vasta da impedire per il momento una valutazione d’insieme, costringendo ad un più proficuo esame per campioni rappresentativi21. Non è e non sarà un semplice esercizio di curiositas o, meglio, di pietas ; perché, come è stato a ragione scritto da Francesco Bausi, « sono proprio figure di questo genere che – in virtù della loro mediocritas – consentono di cogliere con maggior esattezza lo ‘spirito del tempo’, in quanto incarnano ed esemplificano, meglio e più di altre, i temi, i nodi, le tensioni e i problemi più rilevanti di una cultura e di un ambiente »22.

Fuori dall’ombra : Flaminio Pellegrini

  • 23 Di recente (25 maggio 2007) è stata dedicata una giornata di studi a Flaminio Pellegrini accademico (...)
  • 24 Su di essa si veda Giosuè Carducci – Gli amici veronesi, Carteggi (ottobre 1875-dicembre 1906), a c (...)

13La cosiddetta « scuola carducciana » è dunque un insieme di nomi, di visi che richiedono di narrare le proprie esperienze di vita e di studio. Lo spazio riservatoci ci permette di soffermarci brevemente solo su una di queste figure restate a lungo, giusta la profezia di Serra, nel buio della dimenticanza, forse anche perchè non appartenenti a quella componente toscana ed emiliano-romagnola su cui si è in particolare soffermata finora l’attenzione degli studiosi23. In effetti, tra gli scolari o i seguaci di Carducci va annoverata anche una folta schiera veneta, e specialmente veronese24, a cui appartiene per esempio lo scaligero Flaminio Pellegrini (1868-1928). Insieme appunto a Serra (e a Pascoli), Pellegrini qui verrà convocato a incarnare idealmente una sorta di terzo modello, se vogliamo opposto ai due precedenti, che rappresenta l’assoluta fedeltà al maestro, anche a costo di penose limitazioni e autocensure.

  • 25 Il necrologio, da cui citiamo, è apparso negli Studi Medievali, no 7, 1928, p. 638-640.

14Laureatosi nel 1890 a Bologna con il Carducci, in seguito – come ricorderà in un necrologio un altro, certamente meno sconosciuto allievo del poeta-professore, vale a dire Guido Mazzoni –, Pellegrini diventerà « insegnante di lettere italiane nelle scuole medie ; poi Provveditore agli studi ; da ultimo, Accademico della Crusca, come Residente, e compilatore del Vocabolario »25, nonchè libero docente presso l’Istituto di studi superiori di Firenze. Una carriera esemplare, dunque, almeno in apparenza, con un lungo e faticoso tirocinio nell’insegnamento medio e poi universitario. E, parallelamente, un’intensa attività di studioso, con diversi saggi pubblicati relativi all’ambito veronese (basti pensare all’edizione delle Poesie minori riguardanti gli Scaligeri, in collaborazione con lo storico Carlo Cipolla), ma anche notevoli ricerche su Petrarca e Dante, e soprattutto l’edizione delle Rime di Fra Guittone d’Arezzo, apparsa nel 1901.

15Seguendo le orme del maestro, ed anche la consuetudine appresa nell’ambito veronese dove era viva l’arte della traduzione, il Pellegrini aveva inoltre maturato un senso profondo della continuità tra passato e presente e, sia pur con qualche timidezza, si era provato nella creazione poetica, come ancora ricordava il Mazzoni :

  • 26 Ibid., p. 639.

[…] Egli andava pubblicando sparsamente anche versi ben forbiti e gentili ; ispiratigli, come l’ode Campobasso, che è del 1892, da visioni e sensazioni dei luoghi dove si trovava a insegnare, oppure dagli affetti a cui profondamente partecipò anche nella sanità della vita coniugale accanto a una moglie amatissima. Senza essere un poeta, riuscì spesso ad effetti non punto volgari ; e, certamente, codesto tirocinio gli valse assai per intendere, per gustare, per far gustare, l’arte e la poesia degli altri26.

16Nel Pellegrini si riproduceva dunque quella sintesi, tutta carducciana, di formazione storico-erudita e di attività poetica, sia sul versante della traduzione, sia su quello della elaborazione originale. Si compiva dunque, pacificamente, quella coincidenza di intenti tra discepolo e maestro o, se si vuole continuare nella direzione già intrapresa, tra ammaestramenti del padre e assoluta ubbidienza del figlio. Con il pericolo, ben individuato da Serra, di essere del tutto assorbiti dal modello maggiore, di diventare ombra di un altro corpo e quindi alla lunga di scomparire, « chiosa sul margine del libro ». L’immagine forte (e certo non inusuale) del padre-figlio racchiude perciò il rischio di un’interpretazione pacifica e appunto stereotipata, quindi applicabile incondizionatamente non solo al Pellegrini. Qui soccorrono invece le affermazioni di Serra con la contrapposizione (forzata o meno, non importa) Pascoli-Severino, con la possibilità per i singoli di una scelta diversa, tra gli opposti di ribellione e sacrificio.

  • 27 Non è qui ovviamente in questione il valore assoluto di Carducci rispetto ai componenti della sua s (...)

17Ipotesi di lavoro apparentemente semplice, ma non sempre percorribile perché non di rado gli alunni (consci dei propri limiti ?) hanno preferito scomparire, protetti dalle ali sicure del padre-maestro. Sono stati loro stessi per primi, forse in un ultimo atto di deferenza verso il maestro, a negare ogni elemento di novità o comunque di disturbo in un rapporto che doveva essere perfettamente allineato rispetto al grande modello27.

18È il caso, esemplare, del Pellegrini. Riepilogando i momenti decisivi di un’esistenza che ormai volgeva al tramonto, curiosamente egli tendeva a rimuovere del tutto ogni possibile dissidio, ricostruendo un legame affettuoso e riconoscente, senza lasciar trapelare nessuna sia pure minima traccia di dissenso rispetto al Carducci. Il veronese si ritraeva dunque a fianco del vecchio e malato maestro, con l’affetto e l’attenzione di un figlio :

  • 28 Citazione in F. Pellegrini, « Su’l Carducci a Madesimo nell’agosto degli anni 1904 e 1905 », in A.  (...)

A Madesimo, sullo Spluga, nel mese d’agosto del 1904 e del successivo anno 1905, ebbi l’inesprimibile conforto di ritrovarmi a lungo col Carducci, che mi fu maestro a Bologna dal 1887 al 1890, e che, da allora, m’onorò sempre d’affettuosa benevolenza. L’amenissimo soggiorno, nel 1904, giovò sensibilmente alla stanca sua fibra. Sui primi del mese, già ritemprato della breve permanenza, poté riprendere persino le sue gite mattutine […]. Lassù con intensa commozione lo udii recitare a memoria passi della Divina Commedia, odi di Orazio.
[…] In quello scorcio d’estate non solo mi dettava senza pena le sue corrispondenze, ma rivide bozze di stampe, e con mano malferma reggeva Egli stesso la matita, per prendere numerosi appunti leggibili quasi solo da lui28.

Anche nel prosieguo della sua narrazione Pellegrini decideva di mantenere questo « profilo basso », accompagnando silenziosamente il maestro sulla via del tramonto :

  • 29 Citazione in ibid., p. 178.

L’anno appresso, purtroppo, l’infermità aveva fatto progressi desolanti. Brevissime passeggiate, quasi sempre malinconiche e silenziose : agli stentati colloqui alternava lunghe letture di Virgilio, interrotte da periodi tristi di raccoglimento interiore. Ma il suo grande spirito posso attestarlo con piena sicurezza, era vigile sempre, e le ricordanze si mantenevano prodigiosamente tenaci, sia che rievocasse con una parola scultoria uomini e cose, sia che tornasse con freschezza mirabile a citazioni erudite, o che lo spunto d’un verso gli richiamasse poesie proprie ed altrui.
In presenza d’estranei, ormai, evitava quasi del tutto di parlare. Invece proseguì a dettarmi non di rado lunghe lettere degne della grande arte sua, senza una pausa, senza correzioni, senz’altra fatica salvo quella di vincere la difficoltà vieppiù grave della pronuncia malfida29.

  • 30 La citazione è tratta da una lettera datata Genova 31 dicembre 1905, conservata a Casa Carducci, Ca (...)
  • 31 Cf. F. Pellegrini, « Ricordi carducciani di un discepolo », Nuova Antologia, 16 novembre 1925, p. 3 (...)

19Il ritorno, a distanza di quasi vent’anni, dello scolaro che presta la mano – « discreta ed amica » , tale la definizione di Carducci – al vecchio maestro in difficoltà, ha ancora oggi un forte impatto emotivo, se non simbolico. Ma, più in generale, l’interpretazione complessiva di un rapporto imitativo e mai messo in discussione è rafforzata dalle ultime testimonianze epistolari d’un alunno « sempre memore, sempre intimamente devoto »30 e da altri due interventi pubblici del Pellegrini, a cui non possiamo che rinviare31. Dalla lettura di questi scritti si ricava che l’esempio di Severino, in qualche modo paventato da Serra, sembrava dunque prevalere, schiacciando se non annullando la personalità del Pellegrini.

20Ma così in effetti non era, perché la biografia del Pellegrini contiene – verrebbe da dire provvidenzialmente – elementi di originalità ed episodi anche di tensione nei confronti del maestro, opportunamente ricomposti e mascherati. In questa sede basterà menzionare i due più importanti, e in primo luogo il sofferto « soggiorno » a Campobasso, in Molise, causato dalle necessità dell’insegnamento e dalle insindacabili decisioni ministeriali. Ciò aveva provocato una serie di suppliche al maestro, di questo tenore :

  • 32 Lettera datata Campobasso, 4 giugno 1893 (Casa Carducci, Cartone LXXXVIII, fasc. 86).

Non voglio tediarla con nuovi lamenti sul mio soggiorno di qui : solo Le dico che non posso più starci, e che certo chiederò quest’anno l’aspettativa, prima che tornare. Decisione gravissima per me e per la mia famiglia, anche dal lato economico ; ma so che si vive una volta, e non posso consentire di uccidermi moralmente, così come faccio in questa sciagurata tomba di vivi. Questa lotta continua tra una vera febbre di lavorare e il gelo d’indifferenza che mi circonda, questa mancanza assoluta di vita intellettiva, non che di libri, finisce col rendermi irriconoscibile a me stesso. Peggio poi quando penso al giro vizioso in cui mi trovo caduto : impossibile andar avanti, se non si fa qualche cosa da distinguersi sugli altri : impossibile far nulla, se non si esce di qui ! È orribile a pensarci.
Dica Lei che interroghino i miei superiori, sul mio lavoro, sulla mia condotta, sul profitto degli scolari ; e se le risposte saranno buone (come sono certo), mi provino altrove e nulla più. Se non riuscirò a farmi valere, Le prometto fin d’ora che nessuno sentirà da me una parola di lamento, comunque mi trattino poi.
Ma basta, e perdoni se non so dominarmi quando entro in questo argomento, pensiero mio di ogni minuto32.

Sebbene giustificate (ancora tornano alla mente le parole di Serra a proposito del Panzini, con il dissidio tra volontà e destino), queste lamentele erano già state stroncate dal Carducci, che aveva, e non solo sul piano ideale, un forte senso del dovere e della missione di insegnante :

  • 33 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1938-1968, vol. XVIII, p. 106-107 (B (...)

Caro Pellegrini,
Ho parlato ultimamente col Chiarini. Pochi i mutamenti. Gli anziani e valenti ripugnano a moversi (potrei fare i nomi) anche per promozioni. C’è chi non volle andare a Roma ; e hanno a dire no il diritto dell’anzianità e del merito. I cattivi non possono essere ammazzati. Come si fa ? Pure può darsi che, non accomodandosi le some per via, rimanga qualche luogo vacante. Ma quale ? Mi dispiace, ma io non capisco impedimento al Guittone. Non faresti a Campobasso tanta glottologia ? Non t’eri offerto a fare il glossario per le mie Rime antiche ? Ma se così ha da essere, ti prego di rimandare puntualmente tutto il materiale della pubblicazione, che la Commissione ha pagato con accenno al metodo da te tenuto e scelto.
Addio. Non bisogna sgomentarsi tanto. E né anche puoi lagnarti di troppo. Fosti subito messo in liceo. Con lo Stato è un contratto e nel contratto si rinunzia a qualche cosa di particolare per il servizio generale33.

21Il Pellegrini fu infine accontentato e poté proseguire con rinnovata lena l’anno scolastico successivo, quando fu trasferito nella più accessibile Vigevano. Si apriva così una stagione più serena, almeno sul piano dell’insegnamento e degli studi. Per l’edizione di Guittone, nonostante la partenza spedita che aveva già messo in funzione la macchina editoriale, le cose sarebbero andate per le lunghe, anche per la scoperta di nuovi frammenti, che imponevano rallentamenti e nuovi controlli. Il veronese si dimostrava però assai lento nel consegnare parti del suo lavoro e tardo nel correggere le bozze, suscitando come è ovvio l’insoddisfazione e poi l’irritazione del maestro. È a questo punto che si deve collocare un secondo momento, più grave, di frattura, ben documentato dal carteggio.

  • 34 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, vol. XIX, p. 7 : « Vidi a Firenze il nuovo frammento guit (...)
  • 35 Ibid., p. 245 : « Caro Flaminio, / Grazie. Bene del fra’ Guittone. Finiamolo per settembre. Può ess (...)

22Infatti, se fin verso la seconda metà degli anni novanta lo scambio epistolare registra una leggera flessione perlomeno nella frequenza dei contatti, con la consueta cordialità da parte del Pellegrini, ma con pochi accenni ai lavori in corso che sembravano sul punto di concludersi34, nella seconda metà pare subentrare una decisa stanchezza, solo spezzata prima da un perentorio invito35, poi da una durissima lettera di Carducci che richiamava all’ordine lo studioso inadempiente :

  • 36 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, vol. XX, p. 141-142 (Bologna, 7 luglio 1898).

Caro Pellegrini,
Da dieci anni la stampa del Guittone fu cominciata : da nove mesi giace sospesa : alle pressanti sollecitazioni del mio Segretario non hai risposto mai. Tu da questi nove mesi tieni le bozze dell’ultimo foglio, con pericolo che la composizione si guasti come già è avvenuto in parte. La tipografia si richiama per il danno degl’interessi e lavoranti stagnanti : l’editore non vuole mettere fuori denari finché non può vendere. Gli autori come te e come in generale quelli della mia scuola sono nati per la rovina delle stamperie e per la mala fama della Società letteraria.
Al Guittone non mancano che 16 pagine di Prefazione e l’ultimo foglio da impaginare.
Tutto ciò da nove mesi.
Ti prego strettamente, per l’ultima volta, di finire il poco che rimane da fare. Aspetto risposta36.

  • 37 Dopo la laurea, nell’estate del 1890 il Pellegrini aveva ottenuto di poter studiare un anno all’Ist (...)

23L’intrinseca ed estrema complessità della poesia di Guittone, che imponeva all’editore il sicuro possesso di diverse conoscenze tecniche, sembra costituire una plausibile spiegazione ai dubbi (e dunque ai ritardi) che assillavano il Pellegrini. Per allestire un’edizione non erano più sufficienti la sensibilità e i metodi artigianali (da intendere, sia chiaro, in senso alto, ma troppo legati all’abilità e al genio del maestro) appresi alla scuola di Carducci ; non era solo questione di lingua o di stile, ma di più precise e scientifiche cognizioni glottologiche ed ecdotiche che il Pellegrini aveva solo sfiorato durante l’apprendistato fiorentino, soprattutto per merito di Pio Rajna37. Acquisire autonomamente – al di fuori del mondo accademico – tale disciplina di lavoro, non era certo facile : da qui probabilmente la grave difficoltà di Pellegrini, ed il suo imbarazzo di fronte all’anziano e in questo frangente del tutto sprovveduto maestro ; da qui lo sforzo finale per confezionare almeno la prima parte, rinviando le gravi questioni filologiche sottese all’edizione a successivi volumi, che non videro mai la luce.

24Di ciò non vi è alcuna traccia nel carteggio con il maestro. Per quanto ne sappiamo, la risposta vigorosamente richiesta da Carducci non ci fu o dovette comunque essere giudicata insoddisfacente. Il che dovette provocare un allontanamento tra i due ; il distacco probabilmente fu ricomposto alla conclusione della sospiratissima edizione de Le rime di Fra Guittone d’Arezzo, pubblicata nel 1901 a Bologna da Romagnoli Dall’Acqua : primo ed unico dei volumi programmati.

25Attraverso quali vie si ritornasse ad un clima più disteso non è dato sapere. Fatto indiscutibile è la ripresa del colloquio epistolare e poi dell’avvicinamento anche fisico tra i due, come abbiamo visto, nella fresca quiete di Madesimo. Lì Flaminio poté riaccostarsi al padre-maestro, con la tenerezza di un figlio.

Haut de page

Notes

1 R. Serra, Giovanni Pascoli, in Scritti critici, a cura di I. Ciani (Edizione nazionale degli scritti di Renato Serra, vol. I), Roma, Libreria dello stato, 1990, p. 6 : per la cronologia e l’elaborazione dei testi cf. ivi la nota introduttiva.

2 Ibid., p. 5.

3 Ibid.

4 Ibid., p. 6.

5 Cf. Tra provincia ed Europa. Renato Serra e il problema dell’intellettuale moderno, a cura di F. Curi, Bologna, Il Mulino, 1984 ; E. Raimondi, Un europeo di provincia : Renato Serra, Bologna, Il Mulino, 1984.

6 R. Serra, Giovanni Pascoli, p. 6.

7 Ibid., p. 7.

8 E in particolare Sul limitare. Poesie e prose per la scuola italiana, Milano – Palermo, Sandron, 1899 (seconda edizione accresciuta, ivi, 1902) ; G. Carducci, A. Brilli, Letture italiane, pubblicate da Zanichelli (Bologna, 1883) e poi più volte ristampate ; su di esse vedi L. Cantatore, « Scelta, ordinata e annotata ». L’antologia scolastica nel secondo Ottocento e il laboratorio Carducci-Brilli, Modena, Mucchi, 1999. Cf. inoltre S. Simone, « Giovanni Pascoli trasgressore del modello antologico carducciano », Letteratura italiana contemporanea, VII, 1986, p. 111-140 ; e G. Nava, « Carducci e Pascoli », in Carducci poeta (Atti del convegno, Pietrasanta e Pisa, 26-28 settembre 1985), a cura di U. Carpi, Pisa, Giardini, 1987, p. 189-214. Fondamentale è poi R. Tissoni, « Carducci umanista : l’arte del commento », in Carducci e la letteratura italiana. Studi per il centocinquantenario della nascita di Giosuè Carducci (Atti del convegno di Bologna, 11-13 ottobre 1985), Padova, Antenore, 1988, p. 47-113.

9 Per un ancora problematico rapporto di Serra con Carducci ed il filosofo napoletano, cf. R. Serra, Per un catalogo, in Scritti critici, p. 77-99.

10 M. Valgimigli, « Il nostro Carducci », in Uomini e scrittori del mio tempo, Firenze, Sansoni, 1965, p. 3-4.

11 Contrasto vissuto in prima persona dallo stesso Serra, che a sua volta – Intorno al modo di leggere i Greci – parla di « carcere dell’inchiostro » e « fresco dell’aria » (cf. R. Serra, Scritti, a cura di G. De Robertis e A. Grilli, Firenze, Le Monnier, 1938, vol. II, p. 473).

12 R. Serra, Alfredo Panzini, in Carducciana, a cura di I. Ciani (Edizione nazionale degli scritti di Renato Serra, IV), Roma, Libreria dello Stato, 1996, p. 85-86. Si allude qui ad A. Panzini, L’evoluzione di Giosuè Carducci, Milano, Libreria Editrice Galli, 1894.

13 Ibid., p. 86.

14 R. Serra, Alfredo Panzini, p. 109.

15 Ibid., p. 109-110.

16 R. Serra, Severino Ferrari, in Carducciana, p. 56.

17 Ibid., p. 56.

18 Cf. invece la visione più complessa emergente dal volume collettivo Severino Ferrari e il sogno della poesia, a cura di S. Santucci, Bologna, Pàtron, 2003 ; e da ultimo F. Bausi, « Il poeta che ragiona tanto bene dei poeti ». Critica e arte nell’opera di Severino Ferrari, Bologna, Clueb, 2006.

19 M. Valgimigli, « Severino e la religione delle lettere », in Uomini e scrittori del mio tempo, p. 313-338.

20 Non sfioriamo qui neppure il problema – che comunque non è di poco momento – della distinzione fra gli alunni « diretti » del professore Carducci e quelli invece appartenenti alla sua cerchia pur essendosi formati in altri centri universitari (e basterà qui pensare a Giovanni Marradi o, su diversi versanti, a Salomone Morpurgo o ad Albino Zenatti).

21 Si vedano, anche a mo’ di esemplificazione di due differenti modalità d’approccio, gli interventi di P. Treves, « Aspetti e problemi della scuola carducciana » in Carducci e la letteratura italiana, p. 273-294 ; M. Biondi, « Giosuè Carducci, la ‘Scuola’ carducciana e Giovanni Pascoli » , in Storia della Letteratura italiana, vol. XI, La critica letteraria dal Due al Novecento, Roma, Salerno, 2003, p. 769-797. Ancora utili sono le pagine di G. Mazzoni, L’Ottocento (parte seconda), Milano, Vallardi, 1934 ; e di G. Zibordi, Carducci come io lo vidi, Milano, Bietti, 1936.

22 F. Bausi, « Il poeta che ragiona tanto bene dei poeti »…, p. 14.

23 Di recente (25 maggio 2007) è stata dedicata una giornata di studi a Flaminio Pellegrini accademico e filologo, in cui chi scrive ha presentato la relazione Pellegrini e Carducci : frammenti di un affettuoso incontro, che sarà presto stampata nei relativi Atti (e a cui rinvio per i necessari approfondimenti).

24 Su di essa si veda Giosuè Carducci – Gli amici veronesi, Carteggi (ottobre 1875-dicembre 1906), a cura di A. Brambilla, Edizione Nazionale delle opere di Giosuè Carducci, Modena, Mucchi, 2005.

25 Il necrologio, da cui citiamo, è apparso negli Studi Medievali, no 7, 1928, p. 638-640.

26 Ibid., p. 639.

27 Non è qui ovviamente in questione il valore assoluto di Carducci rispetto ai componenti della sua scuola (con l’eccezione ovviamente di Pascoli) ; piuttosto, a distanza di quasi un secolo, in un panorama più vasto e più vario e con diversi criteri di valutazione, si vorrebbero comunque individuare dei tratti distintivi dei singoli, andando a volte persino contro la loro stessa volontà di appiattimento.

28 Citazione in F. Pellegrini, « Su’l Carducci a Madesimo nell’agosto degli anni 1904 e 1905 », in A. Messeri, Da un carteggio inedito di Giosuè Carducci, Bologna, Zanichelli, 1907, p. 177-178.

29 Citazione in ibid., p. 178.

30 La citazione è tratta da una lettera datata Genova 31 dicembre 1905, conservata a Casa Carducci, Cartone LXXXVIIII, fasc. 6.

31 Cf. F. Pellegrini, « Ricordi carducciani di un discepolo », Nuova Antologia, 16 novembre 1925, p. 3-22 ; « Giosuè Carducci – Vittorio Betteloni. Sacre rimembranze », Atti e memorie dell’Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona, serie V, 1924, p. 89-113.

32 Lettera datata Campobasso, 4 giugno 1893 (Casa Carducci, Cartone LXXXVIII, fasc. 86).

33 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1938-1968, vol. XVIII, p. 106-107 (Bologna, 14 settembre 1892).

34 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, vol. XIX, p. 7 : « Vidi a Firenze il nuovo frammento guittoniano. Il lavoro va benissimo, parmi. Coraggio, e avanti ! » (Madesimo, 30 luglio 1894) ; e p. 63 : « Caro Flaminio, / Grazie dal cuore della tua benevolenza. Il Guittone va benissimo » (Bologna, 1o del 1895). E si veda l’inizio di una lettera del Pellegrini (da Vigevano, 2 luglio 1895) che dà quasi per terminata l’edizione e comunica altri impegnativi progetti : « Ora che Guittone è a buon punto – siamo al 17o foglio e ne possono mancare tre ancora, non più – mi sdento in obbligo di ribattere sopra un altro argomento […] la stampa del famoso codice », con la secca replica del Carducci : « Tornato a Bologna risolverò. Intanto prepara pure. Non so se potremo cominciare prima del nuovo anno. Finisci il Guittone » (Roma, 4 luglio 1895 : ibid., p. 109).

35 Ibid., p. 245 : « Caro Flaminio, / Grazie. Bene del fra’ Guittone. Finiamolo per settembre. Può esser titolo di raccomandazione, oltre il valore intrinseco » (Madesimo, 28 luglio 1896). Come si deduce, il Pellegrini era ancora impegnato ad ottenere un trasferimento in una sede più agevole.

36 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, vol. XX, p. 141-142 (Bologna, 7 luglio 1898).

37 Dopo la laurea, nell’estate del 1890 il Pellegrini aveva ottenuto di poter studiare un anno all’Istituto di Studi Superiori di Firenze.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alberto Brambilla, « Luci e ombre nella « scuola carducciana » »Transalpina, 10 | 2008, 161-176.

Référence électronique

Alberto Brambilla, « Luci e ombre nella « scuola carducciana » »Transalpina [En ligne], 10 | 2008, mis en ligne le 13 mai 2022, consulté le 20 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3083 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3083

Haut de page

Droits d’auteur

Transalpina. Études italiennes

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de Caen
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search