Navigation – Plan du site

AccueilNuméros10Carducci et Pascoli pédagoguesCarducci e Pascoli professori

Carducci et Pascoli pédagogues

Carducci e Pascoli professori

Matilde Dillon Wanke
p. 177-196

Résumés

L’ample bibliographie critique et mémorialiste du passé et l’exposition récente consacrée à « Carducci professeur », préparée à l’occasion du centenaire de la mort de Carducci, à l’université de Bologne (ouverte du 16 mars au 29 juin 2007), sous la direction scientifique de Gian Paolo Brizzi, Paola Dessì, Daniela Negrini et Pier Paolo Zannoni, nous permettent de faire le point sur cet aspect de l’activité culturelle et de formateur de Carducci, mis en lumière du reste dans les récents travaux de Laura Fournier. Le professorat de Pascoli est en revanche moins connu et la comparaison avec Carducci – sur cet aspect – a été totalement négligée, la critique pascolienne ayant privilégié, comme dernièrement Giuseppe Nava, la confrontation de leur figure de poètes. Cet article entend illustrer différents documents et reparcourir brièvement des témoignages d’élèves pour cerner avec plus de netteté les différences de physionomie des deux maîtres : celle très importante de Carducci, fondateur de l’école historique, et surtout celle significative de Pascoli, illustrée par des pages inédites, pour son idée très moderne du professorat, dont la prétendue « faiblesse » n’est qu’apparente.

Haut de page

Notes de l’auteur

Desidero esprimere un vivo ringraziamento alla direttrice della biblioteca di Casa Carducci, dottoressa Simonetta Santucci, e al dottor Matteo Rossini per le preziose indicazioni, e un particolare ringraziamento anche a Cristina Cappelletti per la sua gentile collaborazione.

Texte intégral

  • 2 Scrive Mario Pazzaglia : « La successione al Carducci nella cattedra dello Studio bolognese fu prec (...)
  • 3 G. Resta, Pascoli a Messina, Messina, Editrice Universitaria, 1955 (cf. il capitolo Da Bologna a Me (...)

1Su Carducci e Pascoli professori l’aneddotica, che gli studi biografici e critici accolgono, riguarda le timidezze e i complessi dell’ex allievo nei confronti dell’ingombrante maestro. Ne scrissero Mario Pazzaglia, che vi torna in occasione del convegno bolognese del bicentenario2 e Gianvito Resta che in un capitolo del libro Pascoli a Messina3 parlò di umiliazioni penose all’inizio di una carriera, come ‘calvario’, pieno di difficoltà e di amarezze.

  • 4 Penso a Renato Serra, che intitola Carducciana e Pascoliana, il secondo volume di Scritti critici, (...)

2S’intende subito che le due carriere di maestro e allievo (benché il secondo sia subentrato a erede diretto della prestigiosa cattedra di Letteratura italiana di Bologna) non si somigliano, come non si somigliano i due poeti. Il confronto canonico ha riguardato appunto, tradizionalmente, la diversa sensibilità dei poeti4, mentre è apparsa e appare sinora meno scontata la comparazione delle loro personalità nell’impegno dell’insegnamento universitario.

  • 5 Cf. il profilo biografico di M. Scotti, « Profilo di Giosuè Carducci » (voce del Dizionario biograf (...)
  • 6 Cf. M. Biagini, Il poeta solitario. Vita di Giovanni Pascoli, Milano, Edizioni Corticelli, 1955 ; M (...)
  • 7 M. Santini, Candida Soror, Milano, Simonelli editore, 2005, in particolare p. 51-52, 56, 69, 83, 10 (...)

3Non si può tralasciare il dato di una storia differente, in un confronto oggettivamente iniquo per il poeta di San Mauro : a fronte di una carriera lunga e lineare di Carducci – tutta ‘bolognese’, dai suoi venticinque anni al 1904, dopo il ginnasio di san Miniato al Tedesco e il liceo di Pistoia5, l’altra – quella di Pascoli – risulta discontinua, tormentata e limitata nel tempo. Basta ricordare, per quel che c’interessa, le troppo note tappe topografiche dell’iter pascoliano – Matera (1882), Massa (1884), Livorno (1887), Bologna (1895-1896, con dimissioni nel gennaio del’97), Messina (1897-1903), Pisa (1903), Bologna (1906) – e le varianti del percorso disciplinare, passato dall’ insegnamento nei licei di lettere latine e greche, ai corsi universitari di grammatica greca e latina, di letteratura latina, a Messina, di grammatica greca e latina a Pisa, ed infine alla cattedra di letteratura italiana di Bologna (ricoperta negli ultimi sei anni di vita), tutte ampiamente documentate nelle pagine biografiche di Mariù-Vicinelli, Biagini6, e ultimamente di Maria Santini, biografa della Candida soror, che non manca di decorare di particolari minuti gli episodi della vita di Mariù e Giovanni7.

  • 8 Diverso l’aspetto della poesia, che ne resta segnata : « l’inspirazione soverchiata dalla troppa do (...)

4Per entrambi gli autori è implicito che bisogna tener conto del dualismo che compone la figura del professore-poeta, già poeta riconosciuto, per il quale, pur senza confusione di ruoli, entra in gioco un maggiore coinvolgimento nei confronti della disciplina da insegnare8.

   

51. Circa l’atteggiamento di Carducci, per il quale l’incarico al liceo e poi la cattedra all’Università di Bologna comportano un’assunzione di responsabilità fortemente istituzionali, il ruolo appare una condanna fin dall’inizio della carriera, quando, ripetutamente, il poeta si dipinge alle prese con « fatiche facchinesche », schiavo e ilota di giornalisti e librai. In una lettera a Isidoro del Lungo, del 9 novembre 1859, si legge :

  • 9 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1938-1968, vol. II, p. 27.

[…] fuori de’ pochi momenti in cui vivo co’miei pensieri, non sono che un bruto, che mangio bevo fo lezione, scrivo prefazioni, riguardo stampe, ciancio al caffè […]9.

E il 1o dicembre 1860, al Gargani :

  • 10 Ibid., p. 156.

Scolari non avremo, ma solo ascoltanti e dilettanti, che vengono all’Università per passare qualche ora : d’altra parte sotto i portici e forse a casa hanno freddo, povera gente ; al caffè si spende : meglio andare a sentire l’istrione pagato che si chiama professore, il quale tiene le veci del simpatico burattinaio, divertimento carissimo a’padri ed anche al buon Muratori10.

Ancora nella lettera a Narciso Feliciano Pelosini, il 2 maggio 1861 :

  • 11 Ibid., p. 245.

[…] perché quel che guadagno come cattedrante di mestiere non basta a risarcirmi le spese che da due anni sostengo immense, da che sono andato nella greggia degli impiegati regi11.

6Talora il rapporto dello studioso / professore con la poesia è sentito in termini quasi conflittuali :

  • 12 Ibid., p. 235 (dalla lettera a Grace Bartolini, 19 aprile 1861).

La poesia ! Cara Signora ed amica, la poesia fugge inorridita dinanzi alle critiche, alle citazioni, alle rassegne, ai commentarii, alle varianti, alle prove di stampa ; fra questi sterpi veggo inaridire quel piccolo filo de’ miei verdi anni che querulo e nascoso scorreva verso l’oceano dell’oblio […] Non più speranza, non più gloria, non più poesia12.

e ancora :

  • 13 Ibid., p. 246 (dalla lettera a Narciso Feliciano Pelosini, 2 maggio 1861).

[…] benché senta che il mio luogo è basso, pur non me ne dolgo, che così volle madre natura, e così deve essere per portare l’imboccata alla mia famiglia. Se aquila non posso essere, sarò da bene oca, o gallinaccio contento13.

  • 14 Ibid., p. 278 (dalla lettera a Emilio Teza, 20 giugno 1861).

[…] E se non fosse che mi hanno fatto professore non farei più né pur edizioni : tanto ormai ho a noia lo scrivere, quando non posso fare (poiein)14.

  • 15 Ibid., p. 271.

7Ma l’idea di continuare a comporre versi non l’aveva abbandonato del tutto, se confessava a Giuseppe Chiarini il 4 giugno 1861, come lo confortasse il fatto « che il Monti la Bellezza dell’Universo, prima delle sue grandi poesie, la compose di 30 anni, e solo dopo i quaranta i maggiori poemi »15.

8Nella costanza del lavoro critico-erudito si misura tuttavia la discontinuità degli stati d’animo, altalenanti tra sfiducie ed entusiasmi, capaci d’invertire il senso delle priorità e dei valori :

  • 16 Ibid., p. 282 (25 giugno 1861).

Tra due o tre mesi, vedrai di me un lavoro di filologia a uso secolo passato, le Rime del Poliziano : e sono ormai questi i lavorini in che più mi compiaccio, garbandomi, piuttosto che fare io, oramai sfiduciatissimo e di me e del tempo mio, godermi nella contemplazione del bello antico, e come i bambini per un istintivo sentimento di religione si divertono a fare gli altarini, così io disporre in più o meno grandi edizioni gli esemplari del bello e i monumenti delle varie età poetiche italiane. Del mio professorato che dirti ? Se non avessi famiglia, lo darei per un quattrino : tanto mi opprime mi affoga mi schiaccia questa condizion di letterato con la recognizione superiore ; e la diplomazia e la burocrazia e la calcografia di questa pettegola letteratura e scienza impiegata16.

9Mentre danno la misura del conflitto, i brani citati rivelano la crescente affezione per gli studi storico-filologici, incrementati da un legame sempre più stretto con la didattica, e permettono di entrare nel vivo dell’attività critica carducciana e al centro di alcune particolari strategiche e corrispondenze con gli argomenti dei corsi.

  • 17 Sull’inserimento di Carducci nella vecchia università, già un po’ in declino, cf. G. Fasoli, « Il p (...)
  • 18 M. Scotti, « Profilo di Giosuè Carducci », p. 480.
  • 19 Carducci editore ‘scolastico’ è stato recentemente rievocato come modello dell’attività di Severino (...)
  • 20 Apparso nella rivista Il Poliziano (G. Carducci, Opere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 19 (...)
  • 21 La prolusione bolognese, che simbolicamente introduceva in una zona nuova degli studi carducciani, (...)
  • 22 Ibid., p. 209.

10Carducci volle evidentemente cominciare a raccontare agli studenti di una delle prime, rinnovate, università italiane, dopo l’Unità, la nascita della cultura e della grandezza artistica antica, ponendo le fondamenta dell’edificio17. Il precedente lavoro ‘editoriale’ e filologico per il Barbèra (collezione « Diamante », nei soli tre anni 1858-1860) lo aveva portato ad affinare « il senso storico della lingua e il significato e la funzione della filologia »18, su autori diversi (Poesie liriche di Monti, La secchia rapita di Tassoni, Satire e poesie minori di Alfieri, Poesie di Lorenzo de’ Medici, Satire, odi e lettere di Salvator Rosa, etc.)19. Ora esordisce con una Prolusione sulle « Lettere italiane », il 22 novembre 1860, che fin dal titolo riprende e rimaneggia uno scritto di analisi storica del 185820, dove aveva delineato il programma formativo della coscienza storico-critica italiana21. È noto – lo puntualizza bene Gavazzeni – che lo schema storico era « pensato in modo strumentale in quanto destinato a fungere da supporto allo ‘svolgimento organico’ della letteratura volgare »22. L’impatto di quella prima lezione è ricordata dallo stesso Carducci :

  • 23 G. Carducci, Lettere, vol. II, p. 185 (22 gennaio 1861).

Gran calca alla prolusione : molta gente alla prima lezione, specialmente giovani, che mi piaceva : ora da ultimo quasi nessuno, perché la lezione di diritto commerciale messa su ultimamente mi toglie tutti i giovani : uditori di fuora ne vengono pochi, ché non se la dicono gran fatto cogli studi : tanto che stamane, che mi toccava, non ho fatto lezione, perché gli ascoltatori erano solamente tre. […] Ho fatto solo cinque lezioni e le leggo […] Parlo delle origini della letteratura italiana23.

  • 24 Cf. G. Chiarini, Memorie della vita di Giosuè Carducci (1835-1907) raccolte da un amico, Firenze, B (...)
  • 25 La mostra Il professore Carducci, a cura di G. Brizzi (con P. Dessì, D. Negrini, e P. P. Zannoni), (...)

11È una lettera a Giuseppe Chiarini che, citata nella sua biografia24, diventa subito un’icona, immagine di quell’aula austera, e di quel burbero poeta, che ora le celebrazioni centenarie hanno raccontano nella bella mostra, Il professore Carducci, a cura di Giampaolo Brizzi, ricca di preziosi documenti e cimeli25.

  • 26 R. Tissoni, « Carducci umanista : l’arte del commento », in Carducci e la letteratura italiana, p.  (...)

12Tuttavia, di fronte ad uno studioso della letteratura a tutto tondo, come Carducci, che si muove con disinvoltura – « ultimo degli umanisti »26 – nei territori della filologia, delle discipline metriche e retoriche, della storia della lingua e delle culture popolari, sarebbe utile e istruttivo documentare e valutare appieno il rapporto di osmosi dell’insegnamento universitario, concretamente i temi e i materiali delle lezioni, con l’attività e la produzione critica dello studioso. Si dovrebbe distinguere la produzione scolastica da quella scientifica e confrontarla con i titoli dei corsi universitari, in un’indagine ancora da farsi nel dettaglio dei rapporti e dei collegamenti.

  • 27 Cf. C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci nell’Università di Bologna, tesi di dottorato guid (...)
  • 28 Cf. G. Carducci, Opere, vol. V, p. 490-529 ; vol. VII, p. 3-56 e vol. XII, p. 63-77.
  • 29 F. Gavazzeni, « Carducci e la metrica », p. 208-209 (ma negli appunti per le lezioni Carducci parla (...)
  • 30 Ved. il manoscritto (Cart. XXVIII, 1-11 e Cart. XXVIII, 5), conservato nella Biblioteca di Casa Car (...)
  • 31 C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci…, p. 21-24.
  • 32 Cf. G. Carducci, Lettere, vol. III, p. 237 e p. 256-257 (lettera a Luigi Billi) sull’idea di letter (...)
  • 33 Cf. L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, Caen, Press (...)
  • 34 Segnalo la lettura dei seguenti passi, dai canti : III, dal v. 73 ; XIV, XVI, v. 67-129, XX, 43-96  (...)
  • 35 Con lettura dei sonetti 1o e 2o ; Beatrice reale e Beatrice allegorica ; lettura dei sonetti 3o, 4o(...)
  • 36 Cf. i registri universitari della Facoltà di Lettere e Filosofia, anno 1876-1877. Il diario autogra (...)

13Su questo terreno Carlotta Sgubbi ha condotto un accurato lavoro di ricognizione, finalizzato alla tesi di dottorato su L’insegnamento di Giosuè Carducci nell’Università di Bologna27, ottimo punto di partenza per lo uno studio dei corsi svolti dal 1860 al 1904, nell’ambito degli insegnamenti di Letteratura italiana e di Storia comparata delle letterature neolatine (dal 1875 al 1904). La tesi suddivide la descrizione delle lezioni in cinque capitoli : il primo decennio, i corsi degli anni settanta, i corsi di comparata, i corsi degli anni ottanta, i corsi degli ultimi anni 1892-1904, che rappresentano un continuum, dal quale scaturì quel lavoro critico che, senza considerare le edizioni, riempie almeno una ventina di volumi dell’edizione nazionale. In esordio la prolusione (che ricalca il Disegno e sarà rifusa nel Discorso I e II su lo svolgimento della nazionale letteratura)28 anticipa i temi del biennio 1869-1871 sullo Svolgimento della letteratura nazionale e sulla premessa dei tre principi formatori – di matrice francese29 – comuni con le altre letterature del medioevo. Carducci la chiamò prelezione e nel riepilogo per temi delle lezioni30, tese all’individuazione del principio ‘proprio’ ed impostò una periodizzazione storica, distinguendo i periodi : il latino, il lombardo-provenzale, il siciliano provenzale, il bolognese e toscano di transizione. Il terzo tema del biennio pose il quesito dei limiti dello svolgimento originale d’una letteratura nazionale ed europea in Italia, studiata nelle prime manifestazioni in Toscana e nelle forme e i modi, « in che si giovasse dell’elemento religioso e del cavalleresco la poesia popolare »31. È stato osservato che Carducci ritenne quest’interpretazione innovativa, quasi rivoluzionaria rispetto ai predecessori, che avevano considerato l’insegnamento della letteratura per il fondamento normativo essenzialmente retorico32. Da parte di Carducci anche nell’insegnamento della letteratura, come nella poesia, è invece subito marcata la sua azione pedagogica e civile orientata alla costruzione dell’identità nazionale italiana33. A far data dall’anno accademico 1865-1866 i corsi si articolarono in due percorsi didattici, quello istituzionale di storia letteraria (dalla Scuola siciliana in poi) e quello di magistero con l’esposizione della Divina Commedia, su lettura di passi scelti del Purgatorio34. In tutti e due gli ambiti va notata l’alternanza di temi di letteratura alta (Dante, dalla formazione e dalla La vita nuova alla materia del Convivio)35 con temi di letteratura popolare (La cantilena, Forme popolari, forme dialogate e Il contrasto). Il resto delle lezioni da XXX a XLIII è dedicato a Petrarca, fino al cosiddetto ‘simbolismo’ petrarchesco36.

  • 37 « Il réussit ainsi à constituer autour de lui un véritable réseau, au sein duquel ses faits et gest (...)

14Ma un ritratto non sbiadito del professore Carducci riaffiora nella memorialistica del tempo, dalle pagine dei quotidiani e dai tanti ricordi di discepoli e allievi della scuola carducciana37.

15Merita di essere citato almeno l’articolo de Il Resto del Carlino, del 25 aprile 88 (analogo un altro uscito sulla Gazzetta dell’Emilia), nel quale una lezione di Carducci, tenuta il 24 aprile alla presenza dell’imperatore Pedro del Brasile, scortato dall’ala delle autorità cittadine e accademiche, resta una normale lezione detta secondo il programma del corso. Le parole d’apertura del poeta, appoggiato al tavolino, la voce sonora e limpida, lo giustificano :

  • 38 G. Carducci, Lezione alla presenza di Don Pedro imperatore del Brasile, Cart XIX. 2 del Fondo dei m (...)

Se così frequente e attenta corona di studenti qui si vede, non è per la mia povera parola, ma è per l’imperatore libero e liberale che ha voluto l’abolizione della schiavitù […] e la presenza di lui qui non è per onore di me, ma è in onore della grande letteratura della nostra patria. Io non farò una conferenza, ma per aderire in tutto al desiderio, come l’augusto mio ascoltatore l’ha espresso, seguiterò il modo ordinario della mia lezione al punto in cui la lasciai ieri, e come l’avrei ripigliata domani38.

  • 39 Degli allievi serbano memoria le sezioni III e IV dell’Albo Carducciano. Iconografia della vita e d (...)

16Segue, così, l’illustrazione di quattro novelle di Boccaccio, senz’altre varianti concesse all’ospite, a conferma della concretezza antiretorica tante volte rievocata dagli allievi della sua scuola39. Spiccano annotazioni comuni :

  • 40 F. Fòffano, « Giosuè Carducci. Ricordi di uno scolaro », Convivium, a. VII, no 2, 1o marzo-30 april (...)

Non portava nella scuola il sussiego del professore, l’olimpico disdegno dell’uomo dotto per chi ne sa meno di lui […] tra i suoi giovani, si sentiva come a casa sua ; […] Entrava nell’aula con quel passo dondolante e quel volto un po’ accigliato che gli erano abituali, tenendo in mano il giornale La Patria uscito allora allora, e dava subito un’occhiata in giro : la vista di un gran numero di uditori […] lo contrariava ; per altro non diceva nulla.
Faceva lezione tenendo davanti agli occhi pochi appunti, presi sopra fogli volanti o sul rovescio di buste di lettere già usate, ed improvvisava il ragionamento con parola non sempre facile, ma precisa. Parlava adagio, a scatti, accompagnando la frase con il gesto […]
Io credo per altro che gli appunti gli servissero poco più che per le citazioni […]
Spigolando nei miei appunti, vi trovo parecchi di questi giudizi che si leggono disseminati qua e là, nelle sue opere, ma che nella scuola e nel calore dell’improvvisazione egli presentava in una forma più vicina al pensiero e più viva40.

E così Flaminio Pellegrini :

  • 41 F. Pellegrini, « Ricordi carducciani di un discepolo », Nuova Antologia, VI serie, novembre-dicembr (...)

Nella scuola […] combatté ad oltranza, Egli, artista nato, ogni ostentazione d’estetico dilettantismo, con una doccia di serietà, quasi direi, scontrosa : a tale che, se finì una volta per istracciar sul viso d’un mal capitato alcune pagine, in cui s’era permesso di criticare con petulante irriverenza l’opera d’un letterato nostro, grande come poeta, se non come uomo ; non mancò mai per altro di restituire, molto coscienziosamente corretti, tutti quanti gl’imparaticci […] che gli si offrivano a data fissa dagli allievi di magistero […].
« Sarò noioso ! » ecco l’affermazione tagliente, convintissima, con cui l’ho inteso più d’una volta cominciar la sua lezione […] E bisognava sentirlo allora, con qual voluttà sciorinasse interminabili enunciazioni bibliografiche e si aggirasse nel vortice della più squallida erudizione41.

17Ancora più nitidi e commossi i ricordi di Manara Valgimigli, che fu alla scuola di Carducci dal 1890 al 1900 :

  • 42 M. Valgimigli, Il nostro Carducci. Maestri e scolari della scuola bolognese, Bologna, Zanichelli, 1 (...)

Fu […] l’affetto più grande della nostra giovinezza, l’affetto, il desiderio, il rimpianto, e anche la consolazione della nostra vita oramai sul cadere […] questo è il Carducci maestro che ci portiamo nel cuore come un figlio si porta con sé l’immagine di suo padre42.

18Il discepolo che ricalca persino l’incipit carducciano, nel « Dunque » – col quale « cominciava spesso le sue lezioni il maestro », dipinge un delicato pastello di memorie, nel quale molti dettagli coincidono con i brani precedenti, dal « proibito far versi come portar pistole a corte », alla deterrente impostazione erudita :

  • 43 Ibid., p. 16.

[…] diceva, se vedeva estranei alla lezione « Io non sono un tenore, io non sono una ballerina, io non faccio oratoria o bella letteratura, è inutile che lor signori si siano scomodati, già non capiranno niente, io faccio filologia e oggi particolarissimamente sarò noiosissimo ».
E una volta dette l’elenco dei libri posseduti da un principe di casa d’Este, un’altra una filza di campanili di chiese romaniche d’Italia, con la probabile data di ciascuno e il probabile nome dell’architetto fondatore. Perché tutto questo ? Un gioco. Certe volte poteva anche essere, se non ché scopriva una ragione più intima e profonda […] e ricongiungeva codeste sue lezioni a certe odi di quegli anni, come l’ultima alla città di Ferrara, dei primi mesi del’9543.

  • 44 Si ricordi l’accusa all’età alessandrina (l’età corrente) presa dalla « smania della critica e dell (...)

19Col metodo storico-positivistico non entrò tout-court nelle lezioni carducciane il modello della storiografia settecentesca del Tiraboschi, vi entrò in qualche modo anche l’entusiasmo vichiano che rese possibile il superamento del senso dell’erudizione livellatrice dei fenomeni, di forte vocazione documentaria. Non è propriamente documentario lo scopo di Carducci44. Se anche egli non si preoccupò di selezionare e di circoscrivere, ma accumulò e dilatò l’informazione di base a climi, usi, costumi, storia e arte di un’epoca, il suo scopo non sembrò agli allievi curiosità storico-erudita, ma il risultato di un grande affresco nel quale i particolari servissero all’insieme, e l’insieme avesse un’unità e un centro rilevante. Il quale a sua volta non fosse dato da un singolo autore (per quanto sommo), ma fosse un capitolo di civiltà e di cultura che non si capirebbe, per il tempo storico in cui visse Carducci, senza il supporto della tradizione e dei suoi vari aspetti :

  • 45 G. Carducci, Opere, vol. V, p. 526-527.

In questa scuola […] è da venerare il sacrario delle splendide tradizioni classiche ; qui è da studiare il modo di contemperare le insuperabili forme antiche alla eletta modernità45.

20Si vorrebbero citare con più larghezza le pagine di Valgimigli, tessute di episodi e dettagli memorabili, in un racconto ancor oggi godibile per quel « tepore d’intimità », per usare una felice espressione di Contini, che conferiva unità a quella scuola. Notevole anche l’osservazione sobria e icastica dei gesti :

  • 46 M. Valgimigli, Il nostro Carducci…, p. 15.

Si tolse cappello e pastrano ; e mentre Monti [bidello, come si diceva, di prima classe] ritornava indietro indicando ai vicini, con segni e ammiccamenti speciali, l’umore della giornata, il Carducci si fermò, con le mani nei due taschini del gilè, come gli vidi fare tante altre volte specie se era maltempo, davanti alla finestra, a guardare il cielo ; e poi d’impeto, con un suo mugolìo tra corrucciato e giocondo, e battendo forte de’ piedi sui due gradini, salì su la cattedra46.

  • 47 R. Serra, Carducciana e Pascoliana, p. 13.

Con pari affetto, Renato Serra rievocò il linguaggio dei gesti del vecchio Carducci, « come una quercia percossa dal fulmine », « piccolo », « incerto e malfermo » ; il volto « che gli anni e il male avevano smagrito e affinato », in « una sorta di bellezza spirituale e serena »47. Giovanni Pascoli evocò il sorriso :

  • 48 Il brano, Ricordi di un vecchio scolaro, apparso su Il Resto del Carlino di Bologna, il 9 febbraio (...)

Il suo vecchio scolaro non ha trovato ricordo più soave da evocare, che questo, di quel sorriso, di quel sorriso che si compiaceva di un dolore ch’egli leniva, d’una vita che egli conservava48.

   

  • 49 F. Fòffano, « Giosuè Carducci. Ricordi di uno scolaro », p. 164.
  • 50 Mariù indicò, a preferenza, le lezioni di Carducci e di Brizio tra quelle più frequentate da Giovan (...)
  • 51 Gli studi di Elisabetta Graziosi, che ha recuperato negli anni testimonianze e documenti inediti, f (...)

212. Alle lezioni di ‘magistero’ di Carducci la presenza di Giovanni Pascoli, applaudito dal Maestro, « dopo la sua bella lezione su non so quale mito della Grecia », non passa inosservata49, ma le attestazioni su Pascoli scolaro sono scarse e sopraffatte da altri ricordi50. Elisabetta Graziosi, tra gli studiosi degli anni giovanili di Pascoli, ritiene che il poeta romagnolo abbia frequentato ben poco le lezioni di Carducci e pone interrogativi che invitano ad un’estrema cautela per questi anni51 :

  • 52 E. Graziosi, « Pascoli studente e socialista… », p. 76-77.

Il periodo studentesco del Pascoli bolognese dura ben nove anni : un tempo eccezionalmente lungo anche allora vissuto totalmente fuori dallo sguardo delle sorelle. […]
Il problema si presenta a due facce, l’una biografica e l’altra testuale : che cosa ha veramente fatto Pascoli in questi anni ? Quali sono state le cause del lungo ritardo ? E quale è stato infine il motivo del ritorno fra i banchi di quel fuoricorso ? Entra forse in qualche modo nella laurea tardiva la sua vicenda politica di socialista rivoluzionario affiliato alla prima Internazionale52 ?

  • 53 Pubblicati in ordine cronologico nelle opere. Cf. G. Carducci, Opere, vol. XXVII, p. 209-215.
  • 54 Ibid., p. 213-215.
  • 55 Cf. G. Contini, « Il commento petrarchesco di Carducci e Ferrari », in Varianti e altra linguistica(...)
  • 56 C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci…, p. 186.
  • 57 G. Carducci, Opere, vol. XXVII, p. 215.

22Al primo biennio 1873-1875 frequentato da Pascoli corrispondono i Temi per gli esami speciali di Letteratura italiana nell’Università di Bologna proposti da Carducci53, che vanno dalla lettura di testi di Petrarca e Boccaccio, a riflessioni sull’allegoria in Dante e Petrarca con alcune più minute osservazioni sul genere della poesia popolare religiosa medioevale (la Lauda) fino alle letture di letteratura moderna che porteranno, l’anno dopo, a Parini, Foscolo e Leopardi54. È lecito chiedersi se Pascoli, pur avendo frequentato poco i corsi di Carducci, abbia seguito lezioni (o alcune lezioni) dantesche (se non quelle sul dantismo dell’Ottocento, nelle quali il maestro, non propriamente dantista – come sappiamo55 – mettendo a confronto diverse tesi di datazione della Vita Nuova, dialoga con la critica moderna italiana e straniera, fino allo Scartazzini), o infine quelle in cui spiega i legami di Beatrice con la trasfigurazione che l’attende nella figura allegorica degli ultimi canti del Purgatorio56. Avrà ricavato, in ogni caso, dalle lezioni del biennio un’indicazione del metodo di Carducci, che si misura con lo studio dei precedenti e degli imitatori come via maestra alla comprensione del testo, come nel caso del commento dell’ode per nozze di Parini (1875), che pone le basi di una comparazione con l’epitalamio di Catullo per Manlio57.

  • 58 Cf. M. Pascoli, Lungo la vita…, tav. 27.
  • 59 M. Santini, Candida Soror, p. 211.

23Ma intanto, su queste rapide premesse, sarà consentito stringere il confronto, riflettendo sulle discrasie più che sulle sintonie pascoliane : « i tre tavoli destinati a tre tipi di lavori diversi », nello studio di Castelvecchio58, e i tre diversi studi nell’ultima casa di Bologna59, stanno a indicare la volontà di Pascoli di tenere separate, come attività diverse e inconciliabili, la poesia, l’attività didattica, il lavoro critico.

  • 60 M. Perugi, « Nota biografica », in G. Pascoli, Opere, a cura di M. Perugi, Milano – Napoli, Ricciar (...)

24Nel periodo livornese (1887-1896) e al tempo di Myricæ e dei Poemetti, il professore pubblica le antologie latine Lyra (1895) ed Epos (1897) ; negli anni di Messina, con la seconda edizione dei Poemetti (1900) e la quinta di Myricæ (1900), escono le antologie italiane Sul limitare (1900) e Fior da fiore (1901), ed uno dopo l’altro i ponderosi scritti danteschi (Minerva oscura, la Mirabile Visione e Sotto il velame) ed i Miei pensieri di varia umanità (1903), in una « fecondità straordinaria »60, nella quale Pascoli vuol recuperare il tempo perduto. Tutte queste opere non corrispondono ai corsi universitari, ma preparano la carriera futura.

  • 61 M. Pascoli, Lungo la vita…, p. 580-581 ; ma su Pascoli professore oltre alle numerose pagine sparse (...)
  • 62 « Questa mattina sono stato alla laurea […] S’era cominciato a mormorare perché io non venivo. Se n (...)

25Così mentre la figura del professore ambisce a farsi pubblica a Messina, come ricorda Mariù61, ad imporsi un ruolo attivo per cancellare la fama di assenteista che lo aveva accompagnato nel primo periodo bolognese62, Pascoli scopre anche le prime gratificazioni della docenza :

  • 63 Dalla lettera alla sorella, il 26 novembre 1898 (ibid., p. 600).

Tornato or ora da scuola, dove l’ammirazione degli studenti e il mio gusto, congiunto con l’utilità, cresce ogni giorno, trovo una gran gioia nel rivolgermi a te63.

Ma Vittorio Cian, già collega all’università di Messina nel giugno del 1900, e poi a Pisa, rievoca un Pascoli ancora schivo e dimesso :

  • 64 V. Cian, « Ricordi aneddotici e lettere inedite di Giovanni Pascoli », Nuova Antologia, 1 aprile 19 (...)

Avevo avuto la fortuna di rendergli, senza grande fatica, un piccolo grande servigio, del quale il buon Giovannino mi si dimostrava grato oltre ogni misura, dacché ero riuscito a soddisfare nel modo migliore il desiderio da lui espressomi appena giunto a Pisa, di scegliersi pel suo corso « la scoletta più piccina, nelle ore più piccine » : Infatti le sue lezioni ed esercitazioni umanistiche egli le teneva in una delle più minuscole aule della Sapienza, alle otto del mattino, e nella buona stagione, anche prima, al suo drappello di scolari devoti e fedeli64.

  • 65 Cf. C. Garboli, nel citato G. Pascoli, Poesie e prose, t. II, p. 644, su le Lezioni bolognesi per i (...)
  • 66 Per la storia del ritrovamento del fondo e la descrizione delle carte mi permetto di rinviare a M.  (...)

L’accolita degli allievi è come una ristretta cerchia familiare. Ce lo conferma tutta una serie di episodi e di testi, dalla Prolusione al Paradiso in Orsanmichele alle Lezioni bolognesi per i maestri65, ed ora alcune lettere del carteggio inedito tra Pascoli e un suo prediletto allievo siciliano, Giuseppe Sala Contarini, recentemente acquisito dall’Accademia pascoliana di San Mauro66. Oltre alle lettere nell’archivio Sala Contarini sono state conservate, autografe, due lezioni di letteratura latina che l’allievo, già dottore in legge (e agente commerciale del poeta), non fu costretto a trascrivere, ma serbò in originale.

  • 67 G. Resta, Pascoli a Messina, p. 32-33 e p. 38.

26Dall’insieme delle carte emergono dati significativi a delineare aspetti della fisionomia del professore, che la felice occasione di questo convegno mi permette di anticipare. Si consolidano, è vero, alcuni indicatori evidenti degli anni messinesi, come quello del ‘compiacimento’ per le ovazioni degli studenti e quello del rapporto di ‘fraternità’ tra Maestro e discepoli67. Ma una lettera, in particolare, mi sembra una testimonianza non trascurabile ai fini del confronto con Carducci, quella che il poeta rivolse, con finezza e determinazione, al reverendo fratello di un allievo, Cosimo Marino di Patti, che dimostrava scarso rendimento negli studi :

  • 68 Lettera inedita, apocrifa, descritta in Rivista Pascoliana, 2006, p. 60, n. 29 : possediamo la copi (...)

Rev. do Signore,
La prego di dire al suo fratello, con ogni buona grazia, che « chi s’aiuta, Iddio l’aiuta ». Per esempio, gli fornii una pagina di periodico dove era l’indicazione di uno studio di Pascal, stampato in non mi ricordo più in quali Rendiconti d’Accademia. Ora mi scrive che « ha cercato il recente libro di Carlo Pascal in tutte le librerie di Messina », e che non l’ha trovato. Ma bastava farselo venire dalla Biblioteca ! Gli avevo raccomandato di prender consiglio dal mio bravissimo allievo Prof. Sala Contarini. Ma non pare che sia ricorso a lui. A me pare che Cosimo si avvii, standosene con le mani in mano, a incolpare poi questo e quello del suo possibile insuccesso.
I libri occorrenti, se non si vogliono comprare, si fanno venire dalle biblioteche. Questo bisogna che Cosimo si metta in testa. Io posso fornirgli, quando mi capiti, qualche rarità, qualche periodico etc., ma non il grosso, per dir così.
Quanto ai miei appunti, egli deve ricordare ch’erano il riassunto, da me fatto in fretta per aiuto della sua memoria, di lunghe conferenze sul tema. Esso deve lavorarci su da sé. E sempre in tutto, dopo aver esposto ordinatamente l’opinione degli altri, deve aggiungere la sua.
E deve impadronirsi dell’argomento – deve farsi una convinzione davvero, deve far passare ciò che ha letto, ciò che ha udito, per il suo cervello.
Io spero, rev. ndo, in lei, che col suo alto senno e col suo illuminato affetto, saprà dirigere e rincuorare il suo fratello.
Mando questa lettera da impostare al mio caro prof. Sala Contarini, non ricordandomi per un curioso fenomeno, il suo indirizzo.
Mille auguri dal suo dev. mo Giovanni Pascoli
Barga, 20 luglio 190268.

  • 69 Non a caso nel libro di L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci, il primo paragrafo s’intitola « A (...)

27La chiarezza d’idee sul metodo di studio richiesto rende accessorio e quasi inutile ogni commento. Giova, solo, porre l’accento sull’insistenza di Pascoli, evidente nella ripetizione del verbo « dovere », per ben sei volte, riguardo al lavoro individuale che l’allievo dovrà compiere per impadronirsi dell’argomento. A fronte delle certezze dei messaggi, che abbiamo visto nel vate della Terza Italia, della convinzione di compiti e responsabilità forti del suo progetto educativo69, cogliamo un’idea di magistero tutta moderna e solo apparentemente « debole », se le convinzioni critiche del professore, come ogni altro studio ch’egli presenta in bibliografia, si trasformano per lo studente in suggerimenti che lascino pullulare idee e convincimenti personali, quasi che il ruolo del docente fosse quello vegliare, con rispetto, sulla crescita autonoma di ogni allievo. E ciò coincide perfettamente con l’approccio di Giovanni Getto alle pagine critiche del poeta di San Mauro, quando osserva che « il valore suggestivo di quegli interminati saggi [è da riporre e riconoscere] più nell’incontro, da essi perpetuamente e spontaneamente offerto […] con il Pascoli, che [nella] comprensione degli scrittori studiati », sicché :

  • 70 G. Getto, Carducci e Pascoli, p. 109 e p. 130 ; anche le conclusioni di Tiberia De Matteis (su test (...)

Tutta l’opera critica del Pascoli, malgrado i tratti pregevoli e suggestivi che la illuminano, potrà essere ignorata senza grave danno dallo studioso che si volga ad esaminare i poeti di cui il Pascoli si è occupato. Non però potrà ignorarla – ripetiamo – lo studioso del Pascoli70.

  • 71 G. Resta, Pascoli a Messina, p. 30 (la notizia è desunta dalla trascrizione dei verbali dell’Annuar (...)
  • 72 La bibliografia pascoliana registra altre lezioni passate di mano agli allievi, anche a Bologna ; c (...)
  • 73 P. Treves, Ottocento italiano, p. 107.
  • 74 Cf. G. Pascoli, Lezioni bolognesi per i maestri, p. 646.

28Nel programma dell’anno accademico 1901-1902, nel quale Pascoli a Messina « tenne un corso sulle fonti della vita di Virgilio, lesse e commentò le Bucoliche »71, rientrano gli appunti per le lezioni che il poeta cedette a questo suo allievo di fiducia, tra i suoi prediletti72. Molto diverse dalle prolusioni e dai discorsi ufficiali, le lezioni si presentano ora in forma di appunti discontinui e di annotazioni erudite, quasi tecniche e « fontaniere », alla Carducci73, ora attraverso una serie di domande e di semplici deduzioni (le famose ipotesi del metodo scientifico)74 e felici intuizioni in margine al testo.

  • 75 Analizza in particolare i passi sulla formazione del mondo dal caos primordiale (l. V, v. 417-494).

29Non ci concediamo che una rapida incursione in questi appunti, nei quali l’impegno (indicato qui come « modesto lavoro ») è quello di ricostruire l’officina virgiliana nell’ipotesi di riscrittura della lode a Cornelio Gallo, della sesta Bucolica. Per cogliere l’unità del canto di Sileno nell’ecloga, Pascoli adotta una prospettiva intertestuale nei confronti del quinto libro del De rerum natura di Lucrezio75 :

  • 76 Dalle carte autografe della prima lezione (c. 1r).

Noi con questo modesto lavoro diretto a dare l’idea più precisa e pur più larga possibile dell’attività letteraria di Cornelio Gallo riprendiamo ex integro la questione.
Cominciamo dall’asserzione di Servio, che […] dice che l’episodio di Gallo fu cancellato per dar luogo a quello di Orfeo. Dalla incertezza e quasi incoerenza e contradizione di questo detto, noi non siamo troppo confortati. In vero l’episodio di Cornelio Gallo teneva luogo di tutto o di parte dell’episodio quale abbiamo ora di Aristeo e di Orfeo ? Virgilio avrebbe rifatto tutto il lavoro, o parte ?
Vediamo ciò che è più verosimile.
A priori escludiamo che un poeta come Virgilio potesse distruggere così interamente l’opera sua. Noi crediamo che egli togliendo qua e là alcuna menzione e lode di Gallo riuscisse a levare dal suo poemetto episodico ciò che gli dava il carattere di lode di Cornelio Gallo.
Questa lode poteva aver luogo sin da principio in quei versi, o prima di essi o dopo, in cui si circoscrive l’Egitto e si descrive il Nilo76.

  • 77 Lezione 2, c. 1r.

Ebbene a noi pare che e gli scholie Bernensie che qualificarono l’ecloga come fu μέτάμορψοσίσ e il commento di Servio che afferma che con esse Virgilio vult exequi scetam Epicuream, abbiano tutti e due ragione. Virgilio ha voluto poeticamente, cioè miticamente, e favolosamente (si ricordi che Platone dice per bocca di Socrate del poeta : che ha da far miti o favole, e non ragionamenti), descrivere ciò che Lucrezio narra da filosofo naturalista : da filosofo sebbene in versi e con tanti lumi di poesia77.

  • 78 Pascoli discute, in particolare, sull’eliminazione di un episodio / calco da Cornelio Gallo, poeta (...)
  • 79 Cf. G. Pascoli, « Eco di una notte mitica », Vita italiana, 25, 8, 1896, poi in G. Pascoli, Prose, (...)

30È il rapporto tra testi lontani a mettere in discussione le ipotesi critiche del rifacimento della sesta bucolica virgiliana78. Pascoli procede col criterio della verosimiglianza e scruta tra le righe e le parole del testo con le strategie dichiarate nel suo saggio più celebre79.

31A far tesoro della lezione, intenti a scrutare anche noi in questi appunti autografi, ci piace chiudere col suggerimento di una nuova ipotesi sul titolo di Myricæ, basata sull’impressione che queste sottaciute myricæ della sesta Bucolica, a Varo, qui commentata, piuttosto che le myricæ della quarta, citata in exergo nel libro di poesie, abbiano significato per il titolo. Di qui ci pare che affiori il senso facile e positivo delle « mirice » di Pascoli :

  • 80 « E se alcun pure, / se alcun preso d’amor leggerà queste / semplici cose, te le mie mirice, / te V (...)

Si quis tamen haec quoque, si quis
captus amore leget, te nostræ, Vare, myricæ,
te nemus omne canet ; nec Phœbo gratior ulla est,
quam sibi quae Vari praescripsit pagina nomen80.

32Il lacerto arbusta iuvant humilesque myricæ (Egl. IV, 2) appartiene a un verso che imponeva a Pascoli un adattamento positivo, per indicare una poesia di breve respiro, dedicata ai più semplici aspetti della natura. Ma ora, leggendo i v. 9-12 della sesta bucolica, si vede la celata provocazione nella forzatura del testo virgiliano, che non solo dice « non omnes arbusta iuvant humilesque myricæ », ma anche « si canimus silvas, silvae sint consule dignæ » (e cioè « le myricæ non piacciono a tutti » e « se cantiamo le selve, siano degne d’un console le selve »). Non conoscevamo questa lezione sulla bucolica a Varo ; ma il riscatto è in questo testo, nel quale le myricæ, in clausola al v. 10, cantano, e tutto il bosco canta e « nulla è più grato a Febo ».

Fig. 1 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 1r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)

Fig. 1 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 1r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)

Fig. 2 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 4r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)

Fig. 2 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 4r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)
Haut de page

Notes

2 Scrive Mario Pazzaglia : « La successione al Carducci nella cattedra dello Studio bolognese fu preceduta, nel Pascoli, da un lungo e complesso travaglio interiore » (M. Pazzaglia, « Pascoli e la storia : osservazioni sulle canzoni di Re Enzio », in Pascoli, la storia, la morte, Firenze, La Nuova Italia, 1999, p. 1, e id., « Giovanni Pascoli professore a Bologna, un rapporto tormentato », Saecularia Nona, no 11, 1993, p. 16-21) ; il tema della complessità dei rapporti allievi / Maestro, nelle sue varie articolazioni, merita l’attenzione che già oggi si coglie nel programma del convegno internazionale Carducci nel suo e nel nostro tempo, Bologna 23-26 maggio 2007, in un nuovo intervento di Pazzaglia, « Due maestri dell’Ateneo bolognese : Carducci e Pascoli », e in quello di Marco Veglia, « Carducci professore » ; pregevoli e utili : F. Bausi, Il poeta che ragiona tanto bene dei poeti. Critica e arte nell’opera di Severino Ferrari, Bologna, Clueb, 2006, e P. Treves, « Aspetti e problemi della scuola carducciana », in Carducci e la Letteratura italiana. Studi per il centocinquantenario della nascita di Giosuè Carducci (Atti del convegno di Bologna, 11-12-13 ottobre 1985), Padova, Antenore, 1988, p. 273-297.

3 G. Resta, Pascoli a Messina, Messina, Editrice Universitaria, 1955 (cf. il capitolo Da Bologna a Messina, p. 7-12).

4 Penso a Renato Serra, che intitola Carducciana e Pascoliana, il secondo volume di Scritti critici, Firenze, La Voce, 1914 ; ma anche : G. Getto, Carducci e Pascoli, Bologna, Zanichelli, 1975 ; F. Felcini, « Pascoli fra Carducci e D’Annunzio », in Giovanni Pascoli. Poesia e poetica (Atti del convegno di studi pascoliani, San Mauro, 1-3 aprile 1982), Rimini, Maggioli, 1984, p. 199-243 ; G. Bàrberi Squarotti, « Pascoli e Carducci », in Introduzione a G. Pascoli, Poesie. Myricae. Canti di Castelvecchio, a cura di I. Ciani e F. Latini, Torino, UTET, 2002, p. 9-11 ; G. Nava, « Carducci e Pascoli » in Carducci poeta (Atti del convegno di Pietrasante e Pisa, 26-28 settembre 1985), a cura di U. Carpi, Pisa, Giardini, 1987, p. 189-214, e, infine, G. Nava, Carducci e Pascoli (San Mauro, 15 gennaio 2007), lezione inaugurale dell’anno accademico pascoliano.

5 Cf. il profilo biografico di M. Scotti, « Profilo di Giosuè Carducci » (voce del Dizionario biografico degli italiani, vol. XX), ora in Tra poesia e cultura, vol. II, Modena, Mucchi, 2000, p. 473-522.

6 Cf. M. Biagini, Il poeta solitario. Vita di Giovanni Pascoli, Milano, Edizioni Corticelli, 1955 ; M. Pascoli, Lungo la vita di Giovanni Pascoli, a cura di A. Vicinelli, Milano, Mondadori, 1961, p. 145-461, 579-607 e 732-808 ; e ora la monografia : G. Capovilla, Pascoli, Bari, GLF Editori Laterza, 2000 (con la Cronologia della vita e delle opere, p. 225-232).

7 M. Santini, Candida Soror, Milano, Simonelli editore, 2005, in particolare p. 51-52, 56, 69, 83, 102-108, 111, 142-144, 173-177, 210-214.

8 Diverso l’aspetto della poesia, che ne resta segnata : « l’inspirazione soverchiata dalla troppa dottrina », come ebbe a notare, significativamente, lo stesso suo scolaro Flaminio Pellegrini, nei « Ricordi carducciani di un discepolo » (Nuova Antologia, a. 60, f. 1287, novembre-dicembre 1925, p. 154).

9 G. Carducci, Lettere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1938-1968, vol. II, p. 27.

10 Ibid., p. 156.

11 Ibid., p. 245.

12 Ibid., p. 235 (dalla lettera a Grace Bartolini, 19 aprile 1861).

13 Ibid., p. 246 (dalla lettera a Narciso Feliciano Pelosini, 2 maggio 1861).

14 Ibid., p. 278 (dalla lettera a Emilio Teza, 20 giugno 1861).

15 Ibid., p. 271.

16 Ibid., p. 282 (25 giugno 1861).

17 Sull’inserimento di Carducci nella vecchia università, già un po’ in declino, cf. G. Fasoli, « Il professor Carducci », in Carducci e Bologna, a cura di G. Fasoli e M. Saccenti, Milano, Silvana editoriale, 1985, p. 9-22 ; del resto anche Carducci parla di « università inferma », nella lettera al Gargiolli (G. Carducci, Lettere, vol. II, p. 198) e di uditorio impreparato e poco numeroso (ibid., p. 230).

18 M. Scotti, « Profilo di Giosuè Carducci », p. 480.

19 Carducci editore ‘scolastico’ è stato recentemente rievocato come modello dell’attività di Severino Ferrari da F. Bausi, Il poeta che ragiona tanto bene dei poeti…, p. 43-44 ; ma, su questa materia, cf. L. Cantatore, « Scelta, ordinata e annotata ». L’antologia scolastica nel secondo ottocento e il laboratorio Carducci-Brilli, Modena, Mucchi, 1999.

20 Apparso nella rivista Il Poliziano (G. Carducci, Opere, Edizione Nazionale, Bologna, Zanichelli, 1935-1940, vol. V, p. 262).

21 La prolusione bolognese, che simbolicamente introduceva in una zona nuova degli studi carducciani, non era che l’estrema riproposta delle idee espresse nei discorsi fiorentini (G. Chiarini, Memorie della vita di Giosuè Carducci (1835-1907), raccolte da un amico, Firenze, Barbera, 19204, p. 133-137) ; su la prima prolusione, il Discorso già stampato in una lettera al Chiarini, del 16 novembre 1860 (G. Carducci, Lettere, vol. II, p. 150), la Prolusione (G. Carducci, Opere, vol. V, p. 527) e il proseguimento dell’anno seguente, compilato sempre sul saggio del 1859 (ibid., vol. VII, p. 3-161), cf. M. Lefèvre, « Dello svolgimento della letteratura nazionale : Giosuè Carducci e le lezioni bolognesi del triennio 1868-1871 », Semestrale Studi (e Testi) italiani : Semestrale del Dipartimento di Italianistica e Spettacolo dell’Università di Roma « La Sapienza », no 9, 2002, Scrittori in cattedra. La forma della « lezione » dalle Origini al Novecento, a cura di F. Calitti, p. 139-152 ; sulla prima prolusione bolognese, quale premessa di costante riferimento anche per la storia delle forme metriche, cf. F. Gavazzeni, « Carducci e la metrica », Metrica, V, 1990, p. 208.

22 Ibid., p. 209.

23 G. Carducci, Lettere, vol. II, p. 185 (22 gennaio 1861).

24 Cf. G. Chiarini, Memorie della vita di Giosuè Carducci (1835-1907) raccolte da un amico, Firenze, Barbera, 1920, p. 136-137.

25 La mostra Il professore Carducci, a cura di G. Brizzi (con P. Dessì, D. Negrini, e P. P. Zannoni), allestita a Palazzo Poggi, inaugurata il 16 marzo 2007 e aperta al pubblico dal 26 marzo al 29 giugno, nell’aula di via Zamboni 33, dove Carducci teneva le sue lezioni, fa parte delle iniziative promosse dal Comitato congiunto Comune e Università di Bologna ; segnalandola, esprimo l’auspicio che sia pubblicato il catalogo della mostra, affinché il lavoro non vada perduto.

26 R. Tissoni, « Carducci umanista : l’arte del commento », in Carducci e la letteratura italiana, p. 113.

27 Cf. C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci nell’Università di Bologna, tesi di dottorato guidata da Arnaldo Di Benedetto nel febbraio 1996 (Università di Torino e Genova) ; a questa tesi rinvia anche L. Fournier, nella monografica tesi dottorale Giosuè Carducci (1835-1907) et la construction de la nation italienne, condotta sotto la direzione di M. Colin, Caen, 2 ottobre 2003, per il bel capitolo su Carducci professeur (vol. I, p. 67-90).

28 Cf. G. Carducci, Opere, vol. V, p. 490-529 ; vol. VII, p. 3-56 e vol. XII, p. 63-77.

29 F. Gavazzeni, « Carducci e la metrica », p. 208-209 (ma negli appunti per le lezioni Carducci parla di principio religioso, principio cavalleresco, principio popolare e nazionale, piuttosto che di elemento germanico, elemento latino, elemento comunale).

30 Ved. il manoscritto (Cart. XXVIII, 1-11 e Cart. XXVIII, 5), conservato nella Biblioteca di Casa Carducci.

31 C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci…, p. 21-24.

32 Cf. G. Carducci, Lettere, vol. III, p. 237 e p. 256-257 (lettera a Luigi Billi) sull’idea di letteratura futura della terza prolusione ; ma sul manuale di retorica, Lezioni di retorica di Ugone Blair e l’uso che ne fece Carducci, cf. G. Folena, « Carducci maestro di retorica », in Carducci e la letteratura italiana, p. 31-34 ; sui corsi bolognesi, cf. anche p. 42-46 ; sul metodo carducciano e la « scuola storica », P. Treves, Ottocento italiano fra il nuovo e l’antico. Le tre corone ?, Modena, Mucchi, 1992, III, p. 55-110.

33 Cf. L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci et la construction de la nation italienne, Caen, Presses universitaires de Caen, 2006, in particolare, p. 29-46, ma già M. Lefèvre, « Dello svolgimento della letteratura nazionale : Giosuè Carducci e le lezioni bolognesi del triennio 1868-1871 », p. 140-141.

34 Segnalo la lettura dei seguenti passi, dai canti : III, dal v. 73 ; XIV, XVI, v. 67-129, XX, 43-96 ; XXVIII, 1-75 ; XXIX, dal v. 15 ; XXX, fino al v. 81 ; Purg. XXXI ; Purg. XXXII ; Purg. XXXIII.

35 Con lettura dei sonetti 1o e 2o ; Beatrice reale e Beatrice allegorica ; lettura dei sonetti 3o, 4o, 5o ; le tre parti della Vita Nuova e le tre diverse manifestazioni dell’amore e della poesia di Dante, nei sonetti 6, 7, 8.

36 Cf. i registri universitari della Facoltà di Lettere e Filosofia, anno 1876-1877. Il diario autografo delle lezioni del corso di Storia comparata delle letterature neolatine, dal 29 novembre, e quelli di Letteratura italiana dell’anno 1876-1877, sono conservati negli Archivi dell’Università di Bologna ; cf. anche, nei diari delle occupazioni giornaliere, temi e circostanze delle lezioni (G. Carducci, Opere, vol. XXX, p. 51-169).

37 « Il réussit ainsi à constituer autour de lui un véritable réseau, au sein duquel ses faits et gestes sont immédiatement transmis et célébrés » (L. Fournier, Giosuè Carducci (1835-1907), vol. I, p. 71) ; sulla scuola carducciana, cf. per tutti, P. Treves, « Aspetti e problemi della scuola carducciana », p. 273-297, dopo C. Calcaterra, Alma mater studiorum. L’università di Bologna nella storia della cultura e della civiltà, Bologna, Zanichelli, 1948, p. 333-350 ; sulla scuola storica, C. Dionisotti, « Scuola storica », in Dizionario critico della Letteratura italiana, Torino, UTET, 1993, p. 352-361.

38 G. Carducci, Lezione alla presenza di Don Pedro imperatore del Brasile, Cart XIX. 2 del Fondo dei manoscritti di Carducci, Biblioteca di Casa Carducci.

39 Degli allievi serbano memoria le sezioni III e IV dell’Albo Carducciano. Iconografia della vita e delle opere di Giosuè Carducci, a cura di G. Fumagalli e F. Salveraglio, Bologna, Zanichelli, 1909 (reprint 1980) : in particolare p. 91-105 ed anche F. Flora, « Carducci professore », La fiera letteraria, 18 luglio 1926 ; R. Maffi, « Giosuè Carducci poeta professore », Il Marzocco, 5 dicembre 1909.

40 F. Fòffano, « Giosuè Carducci. Ricordi di uno scolaro », Convivium, a. VII, no 2, 1o marzo-30 aprile 1935 (XIII), p. 161-170 (in particolare p. 162 e p. 167).

41 F. Pellegrini, « Ricordi carducciani di un discepolo », Nuova Antologia, VI serie, novembre-dicembre 1925, a. 60, f. 1287, 1o novembre 1925, p. 153-172 (in particolare p. 160).

42 M. Valgimigli, Il nostro Carducci. Maestri e scolari della scuola bolognese, Bologna, Zanichelli, 1935 (primamente Pan, agosto 1935) p. 10, 27.

43 Ibid., p. 16.

44 Si ricordi l’accusa all’età alessandrina (l’età corrente) presa dalla « smania della critica e dell’erudizione che al fine ammazza arte e affetto » (dalla lettera a Emilio Teza, 20 giugno 1861, in G. Carducci, Lettere, vol. II, p. 278).

45 G. Carducci, Opere, vol. V, p. 526-527.

46 M. Valgimigli, Il nostro Carducci…, p. 15.

47 R. Serra, Carducciana e Pascoliana, p. 13.

48 Il brano, Ricordi di un vecchio scolaro, apparso su Il Resto del Carlino di Bologna, il 9 febbraio 1896, nel 35o anno d’insegnamento di Carducci, più volte ristampato, si legge ora in G. Pascoli, Poesie e Prose, scelte da C. Garboli, Milano, Mondadori, 2002, vol. I, p. 1099-1106.

49 F. Fòffano, « Giosuè Carducci. Ricordi di uno scolaro », p. 164.

50 Mariù indicò, a preferenza, le lezioni di Carducci e di Brizio tra quelle più frequentate da Giovannino, ma bisognerà tener conto che sulla segnalazione dei lavori condotti dallo studente, nella scuola italiana di Magistero, la sua cautela lascia non pochi dubbi e incertezze (M. Pascoli, Lungo la vita…, p. 48, 105-108 ; p. 118-120) ; del resto Pascoli ebbe in commissione di laurea Carducci, ma si laureò col grecista Pelliccioni e Gandino, con una tesi su Alceo, il 17 giugno 1882 ; sulla formazione di Pascoli, cf. G. Capovilla, La formazione letteraria del Pascoli a Bologna. I. Documenti e testi, Bologna, Clueb, 1988, e il complessivo id., Pascoli, p. 211-224.

51 Gli studi di Elisabetta Graziosi, che ha recuperato negli anni testimonianze e documenti inediti, forse censurati dalla sorella, delineano un diverso profilo del giovane poeta (E. Graziosi, « Pascoli edito e ignoto : un grillo… di gioventù », Rivista pascoliana, 7, 1995, p. 269-275 ; e cf. i successivi saggi Pascoli edito e ignoto, del 1998, fino a Ead., « Pascoli studente e socialista : una carriera difficile », in Pascoli socialista, a cura di F. M. Gori, Bologna, Pàtron editore, 2003, p. 75-103 ; con la recente segnalazione della Graziosi, raccolta da A. Carioti, « Pascoli, ritrovato un inno all’anarchia », Corriere della sera, 24 ottobre 2006).

52 E. Graziosi, « Pascoli studente e socialista… », p. 76-77.

53 Pubblicati in ordine cronologico nelle opere. Cf. G. Carducci, Opere, vol. XXVII, p. 209-215.

54 Ibid., p. 213-215.

55 Cf. G. Contini, « Il commento petrarchesco di Carducci e Ferrari », in Varianti e altra linguistica, Torino, Einaudi, 1970, p. 636.

56 C. Sgubbi, L’insegnamento di Giosuè Carducci…, p. 186.

57 G. Carducci, Opere, vol. XXVII, p. 215.

58 Cf. M. Pascoli, Lungo la vita…, tav. 27.

59 M. Santini, Candida Soror, p. 211.

60 M. Perugi, « Nota biografica », in G. Pascoli, Opere, a cura di M. Perugi, Milano – Napoli, Ricciardi, 1980, t. I, 1980, p. XXXIX.

61 M. Pascoli, Lungo la vita…, p. 580-581 ; ma su Pascoli professore oltre alle numerose pagine sparse nella bibliografia di F. Felcini, cf. G. Resta, Pascoli a Messina ; con riferimento a Pisa, G. Fatini, « Giovanni Pascoli professore universitario », Nuova Antologia, a. 90, f. 1857, settembre 1955, p. 15-22 ; T. De Matteis, « Giovanni Pascoli : le lezioni leopardiane », Semestrale Studi e Testi italiani, (2002), p. 165-177.

62 « Questa mattina sono stato alla laurea […] S’era cominciato a mormorare perché io non venivo. Se non venivo facevano di me ciccia da salame » (dalla lettera del 19 novembre 1898, in M. Pascoli, Lungo la vita…, p. 593).

63 Dalla lettera alla sorella, il 26 novembre 1898 (ibid., p. 600).

64 V. Cian, « Ricordi aneddotici e lettere inedite di Giovanni Pascoli », Nuova Antologia, 1 aprile 1925, p. 1-20 (in particolare p. 3).

65 Cf. C. Garboli, nel citato G. Pascoli, Poesie e prose, t. II, p. 644, su le Lezioni bolognesi per i maestri (ibid., p. 646-679), La mia scuola di grammatica (ibid., p. 1375).

66 Per la storia del ritrovamento del fondo e la descrizione delle carte mi permetto di rinviare a M. Dillon Wanke, « Le carte di Giovanni Pascoli nell’archivio di Giuseppe Sala Contarini », Rivista Pascoliana, vol. XVIII, 2006, p. 51-62.

67 G. Resta, Pascoli a Messina, p. 32-33 e p. 38.

68 Lettera inedita, apocrifa, descritta in Rivista Pascoliana, 2006, p. 60, n. 29 : possediamo la copia che Giuseppe Sala Contarini trascrisse, prima d’indirizzare l’originale lettera pascoliana al destinatario, su richiesta di Pascoli (di mano di Sala, in calce al foglio, si legge infatti l’indicazione : « Pervenuta la lettera soprascritta al Prof. Sala in Messina il giorno 27 VII… Spedita a Patti il 28 mattina (In treno) – G. Sala Contarini »). Le sottolineature sono nel manoscritto.

69 Non a caso nel libro di L. Fournier-Finocchiaro, Giosuè Carducci, il primo paragrafo s’intitola « Apprendre l’Italie, éduquer les Italiens », p. 27-29.

70 G. Getto, Carducci e Pascoli, p. 109 e p. 130 ; anche le conclusioni di Tiberia De Matteis (su testimonianze di Giuseppe Fatini e di Mario Rosati) confermano la novità delle lezioni in cui si specchia la soggettività del poeta (T. De Matteis, « Giovanni Pascoli : le lezioni leopardiane », p. 172).

71 G. Resta, Pascoli a Messina, p. 30 (la notizia è desunta dalla trascrizione dei verbali dell’Annuario dell’Università di Messina da Parte di E. Santini).

72 La bibliografia pascoliana registra altre lezioni passate di mano agli allievi, anche a Bologna ; cf. ad es. le Lezioni di Letteratura italiana, raccolte e ordinate da Paolo Vivarelli, sugli appunti del professore, R. Università, Scuola pedagogica, Anno accademico 1909-1910, 1910, p. 92 (poiché non mi è stato possibile reperire l’edizione ciclostilata, mi sono avvalsa dei testi scelti da Garboli, G. Pascoli, Poesie e prose, vol. II).

73 P. Treves, Ottocento italiano, p. 107.

74 Cf. G. Pascoli, Lezioni bolognesi per i maestri, p. 646.

75 Analizza in particolare i passi sulla formazione del mondo dal caos primordiale (l. V, v. 417-494).

76 Dalle carte autografe della prima lezione (c. 1r).

77 Lezione 2, c. 1r.

78 Pascoli discute, in particolare, sull’eliminazione di un episodio / calco da Cornelio Gallo, poeta e « uomo di stato, guerriero, libertino, morto a poco più di 40 anni », che egli suppone non abbia avuto modo e tempo di scrivere la quantità di poemetti che gli viene attribuita (« inverosimile a priori che potesse tanto scrivere » : prima lezione, c. 3r).

79 Cf. G. Pascoli, « Eco di una notte mitica », Vita italiana, 25, 8, 1896, poi in G. Pascoli, Prose, a cura di A. Vicinelli, vol. I (Pensieri di varia umanità), Milano, Mondadori, 1946, p. 124-127 (su queste pagine, cf. almeno : G. Getto, « Pascoli dantista », Lettere italiane, gennaio-marzo 1949, p. 35-50, poi in Carducci e Pascoli, Bologna, Zanichelli, 1975, p. 119-130, e Caltanisetta – Roma, Sciascia, 1977, p. 110-136 e p. 137-153 ; e C. Segre, Semiotica del buio, in Leggere I Promessi Sposi : analisi semiotica di Umberto Eco, a cura di G. Manetti, Milano, Bompiani, 1989, p. 51-63).

80 « E se alcun pure, / se alcun preso d’amor leggerà queste / semplici cose, te le mie mirice, / te Varo, canterà tutta la selva, / e a Febo non è pagina più cara / di quella che ha di Varo il nome in fronte » (VI, v. 9-12), dalla trad. it. di Giuseppe Albini, Virgilio, Le bucoliche, Bologna, Zanichelli, 1943, XXI, p. 77. Anche l’ecloga X, a Cornelio Gallo, cui è dedicata la seconda lezione, ha, al v. 14, lauri e tamerici che piangono (« Illum etiam lauri, etiam flere myricae »).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 1r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)
URL http://journals.openedition.org/transalpina/docannexe/image/3088/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 1,5M
Titre Fig. 2 – Appunti autografi di una lezione del Pascoli, sulle Bucoliche, dall’Archivio Giuseppe Sala Contarini, Palermo (c. 4r di 5) (recente acquisizione del Comune di San Mauro Pascoli)
URL http://journals.openedition.org/transalpina/docannexe/image/3088/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 1,4M
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Matilde Dillon Wanke, « Carducci e Pascoli professori »Transalpina, 10 | 2008, 177-196.

Référence électronique

Matilde Dillon Wanke, « Carducci e Pascoli professori »Transalpina [En ligne], 10 | 2008, mis en ligne le 13 mai 2022, consulté le 20 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3088 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3088

Haut de page

Auteur

Matilde Dillon Wanke

Università di Bergamo

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Transalpina. Études italiennes

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de Caen
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search