Navigation – Plan du site

AccueilNuméros25Un eccentrico mistero n...

Un eccentrico mistero nella Roma di metà Ottocento : Una vedova e un mistero. Storia del secolo XIX (1846) di Cesare Malpica

Stefano Pifferi
p. 17-32

Résumés

L’action du premier roman d’un représentant du Romantisme napolitain tel que Cesare Malpica se déroule dans une Rome du milieu du XIXe siècle aussi tentaculaire que cosmopolite, entre représentations théâtrales à la page, loisirs plus ou moins créatifs dans les cafés et dissertations érudites souvent pédantes. Publié avec une légère avance sur la diffusion italienne des mystères, ce roman, relatant les vicissitudes d’une malheureuse veuve étrangère autour de laquelle tournent des personnages abjects ou vertueux – un Comte intègre et méditatif, un Marquis âgé et mesquin, un Vicomte français libertin à la limite du diabolique –, se concentre non pas sur les bas-fonds urbains ou sur les marginaux, comme dans la tradition européenne du genre, mais sur les stratagèmes sophistiqués d’une société urbaine fortunée, blasée et qui s’adonne à la belle vie. Les finalités pédagogiques, mieux que la dénonciation sociale, sont donc au cœur d’un mystère excentrique tel que Una vedova e un mistero.

Haut de page

Texte intégral

La vita carsica del romanzo italiano

  • 1 G. Tellini, Storia del romanzo italiano, Milano, Mondadori, 2017, p. 45.
  • 2 Cf. P. Getrevi, Dal picaro al gentiluomo. Scrittura e immaginario nel Seicento (...)
  • 3 Cf. L. Clerici, Il romanzo italiano del Settecento. Il caso Chiari, Venezia, Ma (...)

1Quella del romanzo italiano è indubbiamente una storia carsica, e lo è per almeno due ordini di fattori. Uno macroscopico, legato all’apparizione e all’affermazione di questo genere « arditamente innovativo », e quindi « eccentrico e fuorilegge »1, in un panorama letterario quanto meno restio ad accogliere il nuovo ; l’altro microscopico, ovvero legato alle varie forme che nella sua difficoltosa emersione il genere romanzo ha via via sperimentato e rifiutato, destinandole a repentini successi e altrettanto improvvise eclissi e di cui i misteri urbani, come vedremo, non sono che un esempio fra i tanti. Al primo ordine appartengono indubbiamente le false partenze dei decenni a cavallo della metà del Seicento2, così come la vitale quanto osteggiata riemersione tardo-settecentesca capitanata da Pietro Chiari3, caratterizzate le une come l’altra da un ostracismo più per questioni educativo-morali che strettamente letterarie. Nel secondo ordine di fattori si inscrivono gli inabissamenti che generi o modalità espressive di successo hanno subìto nei turbolenti decenni ottocenteschi che potremmo definire della strutturazione, più che dell’affermazione, del romanzo.

2Al momento della timida e graduale prima valorizzazione moderna del romanzo avvenuta agli albori del secolo in area lombarda, dunque, la linea di demarcazione fra letteratura alta e di consumo si andava inesorabilmente allargando, anzi inasprendo, a mano a mano che la produzione narrativa cominciava a farsi realmente fluviale, quantitativamente così come stilisticamente.

  • 4 « Dal suicidio eroico di Jacopo Ortis, al tormento introspettivo di Giovanni e Maria in F (...)
  • 5 Interessante lo sguardo inglese sull’Italia proposto da F. Saggini, Sole nero. Il gotico (...)
  • 6 Cf. Notturno italiano. Racconti fantastici dell’Ottocento, a cura di E. Ghidett (...)
  • 7 Cf. I. Nievo, Storia filosofica dei secoli futuri (e altri scritti umoristici d (...)
  • 8 « Fine psicologo, dotato di eccezionali qualità induttive e deduttive, implacabile persec (...)

3Se la linea dell’indagine della (e sulla) contemporaneità4, con una neanche troppo celata predilezione per l’indagine introspettiva dell’io via via sempre più diseroicizzato e psicanalizzato, tenderà a prendere il sopravvento abbandonando vene fortunate e produttive come quella del ricorso alla storia (la quasi totale sparizione dai radar letterari ottocenteschi del romanzo storico una volta passato l’ipertrofico decennio tra la ventisettana e la quarantana è emblematica di questa schizofrenia costitutiva), a margine della stessa si sviluppa una messe davvero sterminata di sperimentazioni stilistiche e di genere. Al netto dello scarso valore letterario o di una circolazione limitata al punto che spesso non supera l’ambito regionalistico, questi testi dimostrano la vivacità del sottobosco letterario italiano : si pensi al racconto fantastico, ad esempio, latitante nella letteratura ottocentesca italiana prima della Scapigliatura5, oppure al romanzo rosa, che vedrà in azione un’intera filiera al femminile in un Paese letterariamente a forte vocazione maschile ; o a quello che solo in Italia viene definito giallo, mentre in Europa poliziesco o noir ; o ancora alla fantascienza : tutti sottogeneri che cominciano un percorso tanto ingenuo quanto foriero di sviluppi futuri non soltanto commercialmente notevoli6. Cito a mo’ di esempio di questa particolare congiuntura il Nievo proto-fantascientifico della profezia tragicomica tratteggiata nella Storia filosofica dei secoli futuri fino all’anno dell’Era Volgare 22227, e Giulio Piccini, in arte Jarro, prolifico autore di gialli e inventore di un ispettore, Lucertolo, protagonista di una tetralogia romanzesca e anticipatore nientemeno che di Sherlock Holmes8.

  • 9 L. Crovi, « Premessa », in Ottocento nero italiano. Narrativa fantastica e crudele, a cur (...)

4Quindi, a una prima metà del secolo incentrata sull’investigazione pedagogico-morale di una realtà lacerata, sofferente, inconclusa, fa seguito una fioritura narrativa irregolare, multiprospettica e ramificata. Il romanzo della seconda metà del secolo si tinge di stravaganza tematica e di una cappa di nero : indagando temi come il crollo dei valori, il caos, la perdizione, il mistero, lo smarrimento, l’alienazione, tanto individuale quanto collettiva, si fa quasi radiografia del negativo, contribuendo a diffondere una « narrativa poliziesca, […] nera, orrorifica, gotica, fantastica, d’avventura e persino fantascientifica »9 che rende appieno l’idea della paradossale vitalità del romanzo italiano.

L’Italia non è luogo di misteri

  • 10 Cf. Il romanzo d’appendice. Aspetti della narrativa “popolare” nei secoli XIX e (...)
  • 11 R. Reim, « L’industria dei misteri », in L’Italia dei misteri. Storie di vita e malavita (...)
  • 12 « Così, mentre Sue continua a sfornare con successo romanzi […] in Francia e in quasi tut (...)

5È in questo momento di espansione e di irregolare subbuglio creativo (e sociale) che appare anche in Italia il cosiddetto genere dei misteri. Prolungamento del romanzo sociale, ha origine nella Parigi di Eugène Sue e del suo Les Mystères de Paris, apparso a puntate – ben 147 appendici, da cui la definizione di romanzo d’appendice o feuilleton10 – sullo Journal des Débats fra il giugno del 1842 e l’ottobre del 1843. Les Mystères de Paris è una sorta di indagine sociologica in forma narrativa sui problemi sociali dei quartieri vecchi e miserabili della grande città, con lo scopo di focalizzare l’occhio di bue narrativo sulle classi sociali meno abbienti attirate verso le capitali europee e sulle condizioni ambientali in cui erano costrette a vivere, svelando le « terribili, ingiuste condizioni sociali che generano, con la miseria, l’abbrutimento e il delitto »11. I quartieri degradati delle grandi città divengono quindi l’humus su cui far germinare storie legate a soprusi, angherie, oscuri intrighi e soprattutto ingiustizie – storie che in pochi anni travolgeranno l’Europa intera, generando « una vera e propria esplosione di Misteri »12.

  • 13 Quel ripiegamento « ha drasticamente frenato le forze democratiche, ha dissolto il mito (...)
  • 14 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 69.
  • 15 Ibid., p. 71.

6Complice un momento cruciale per la storia d’Italia – quel 1848 che segna un primo ripiegamento rispetto agli ideali risorgimentali con la sostituzione del principio dell’uguaglianza democratica con quello della libertà e dell’indipendenza politica, mentre rimane in sospeso la questione sociale che fu forza propulsiva e scatenante anche per l’affermazione del romanzo13 –, una tipologia di romanzo simile, popolare, attento alle classi più povere e alle condizioni sociali in cui esse versavano, trovò terreno fertile. Grazie all’utilizzo di topoi narrativi destinati a essere ripetuti in opere anche molto distanti (« il ricco che libera dalla miseria il povero ; la sofferenza umana dei bassifondi che genera la delinquenza ; lo slancio eroico delle riforme sociali ; i sogni di redenzione popolare ; il consolidamento di una nuova etichetta etico-morale da parte delle classi agiate »14) e all’adozione di cliché tipici della letteratura popolare di consumo, il testo di Sue riusciva a innestare nella dimensione narrativa un discorso politico e sociale legato a « un’ideale società concepita sul reciproco rispetto, sugli obiettivi di giustizia, sull’operatività volta al bene comune »15. Terreno perfetto per la coeva situazione, sociale come letteraria, della penisola.

  • 16 « La prima traduzione del bestseller di Sue venuta alla nostra attenzione appar (...)
  • 17 C. Tenca, « La letteratura popolare in Italia », Il Crepuscolo, vol. I, n° 4, 2 (...)
  • 18 Anonimo, « Studi di critica letteraria. Del romanzo in Italia », Il Crepuscolo, vol. IV, (...)
  • 19 Ibid., p. 651.

7L’introduzione dei Mystères de Paris nel panorama italiano, quindi – avvenuta ufficialmente attraverso la Svizzera con l’edizione del 1848 (Capolago, Tipografia Elvetica), ma più probabilmente antecedente a quella data e contemporanea o quasi rispetto all’edizione francese16 –, ebbe non soltanto il merito di accendere la voglia di misteri italiani, ma riavviò la riflessione sul romanzo e su quel doppio binario, parallelo se non totalmente divergente, fra letteratura alta e letteratura di consumo. Del romanzo di misteri, incluso nel più ampio alveo del romanzo sociale, si sperò l’avvento da parte di riviste come la milanese Il Crepuscolo che, per bocca del suo fondatore Carlo Tenca, si augurava di non vedere più nessuna scissione fra letteratura popolare e letteratura generale, ma caldeggiava un’arte che fosse « col popolo e per il popolo » e auspicava che « il popolo sal[isse] alla scienza, che l’uomo di scienza si fac[esse] popolo e si rianim[asse] alla sorgente più intatta della vita »17. Pochi anni dopo, sempre sulla rivista che nel decennio pre-unitario ha rappresentato il vertice della militanza civile e letteraria, un articolo anonimo in cinque parti intitolato « Studi di critica letteraria. Del romanzo in Italia » aprirà a una riflessione ad ampio spettro sulla narrativa contemporanea come « specchio e […] anatomia dei corpi sociali »18, pertanto ambientata « in mezzo all’agitato rigoglio della sociale esistenza »19, sancendo così il destino del romanzo, ovvero quello di diventare l’unico genere in grado di rendere appieno l’investigazione totalizzante di una realtà stratificata :

  • 20 Ibid., p. 654.

Ditene [l’anonimo estensore dell’articolo si rivolge ai romanzieri] perché il buono degenera talvolta in mezzo alla società, e si abbrutisce ed infracida nel putridume del vizio ; ditene perché al suo fianco il malvagio si trae dietro beatamente la sua creduta onestà e lo strascico inavvertito delle sue colpe ; ditene per qual vizio di leggi sociali il delitto si propaga ereditario nelle famiglie, e rinasce assiduamente sotto la scure ; svelatene insomma le piaghe ignorate, i misteri della società, ed allora voi sarete veramente gli ausiliarii della scienza ; voi solleverete i cuori, perché questi sollevino a lor volta gli intelletti ; voi farete sì che il lettore in fondo ad ogni propria emozione trovi un’idea20.

  • 21 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 65. Cf. anche G (...)
  • 22 G. Mazzini, « Condizioni presenti della letteratura in Francia » [1839], in Id., Scritti (...)

8L’accoglienza, ovviamente, fu negativa. Manzoni stesso fu critico, giudicando questa letteratura « troppo legata a scopi socialisti e orientata ad utilizzare tematiche filantropiche con motivi pseudocristiani »21 ; e prima di lui anche un fautore del realismo sociale come Mazzini era dubbioso sull’operato di scrittori come Balzac, Soulié, Sue, che « diedero opera a dissotterrare quanto la società ha di più corrotto e di sudicio e lo illuminarono colle loro funebri teorie : sovrapposero un vetro di microscopio ad ogni piaga per essi scoperta. Non suggerirono rimedi, né vi pensarono »22.

  • 23 G. Tellini, Storia del romanzo italiano, p. 98.
  • 24 Cf. U. Foscolo, « Saggio di novelle di Luigi Sanvitale parmigiano » [1803], in (...)
  • 25 M. Palumbo, Il romanzo italiano da Foscolo a Svevo, Roma, Carocci, 2007, p. 24.

9I misteri esulano dalla questione strettamente letteraria e ricalcano le idiosincrasie e le ambiguità sociali e politiche del tempo, dato che si scontrano da subito con il realismo sociale invocato da Mazzini – inteso non come veritiera indagine conoscitiva della realtà ma come « contemplazione e rispecchiamento di un “vero” filosofico ed eterno »23 – e vengono recepiti alla stregua di una terapia edificante e non come un’investigazione sulla realtà circostante. È un esito paradossale, se si considera che, come emerge dal primo dibattito ufficiale sul genere24, al romanzo era delegata la funzione di mimesi storica, ovvero di « restituzione integrale di un’epoca, con la sua identità psicologica, le sue convenzioni politiche, la violenza dei conflitti, la mutazione delle passioni »25.

  • 26 R. Reim, « L’industria dei misteri », p. 18. Una bibliografia molto estesa è ne (...)
  • 27 Cf. C. Lorenzini, I misteri di Firenze. Scene sociali, Firenze, Fioretti, 1857. Ora C. Co (...)
  • 28 C. Lorenzini, Un romanzo in vapore. Da Firenze a Livorno. Guida storico-umoristica, Firen (...)
  • 29 E. Ghidetti, Il sogno della ragione. Dal racconto fantastico al romanzo popolare, Roma, E (...)
  • 30 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 71.
  • 31 Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, Pisa, ETS, 1993, p. 15.
  • 32 Ibid., p. 10.

10A questa ormai abituale ritrosia si aggiungono però difficoltà oggettive, che se non frenano dal punto di vista editoriale e commerciale l’affermazione di una « “via italiana” ai Mystères, alla città tentacolare e ai suoi aspetti segreti »26, di sicuro non ne agevolano il riconoscimento. Queste difficoltà sono paradossalmente denunciate da uno dei primi autori di misteri italiani, quel Lorenzini / Collodi27 che, con il taglio sarcastico-umoristico che segna la sua produzione coeva, Un romanzo in vapore28 su tutti, si premura di scriverne quasi in opposizione al genere stesso, cercando la « complicità dei propri concittadini per demistificare un genere letterario » piuttosto che « illustrare tenebrosi misteri metropolitani »29. E lo fa rimarcando una delle più evidenti differenze con il modello originario francese, da cui non vengono assorbiti « gli entusiasmi in modo così manifesto e gli ideali utopici in modo così marcato »30 : l’inadeguatezza urbana dei misteri italiani, il fatto cioè che siano ambientati in città non industriali, prive di quegli « squallidi bassifondi […] dove s’annida lo scarto della nuova società capitalistica »31. Una lapalissiana verità che, fatta salva la Napoli di un altrettanto critico Mastriani, sottolinea una prima, grossa fallacia nel tentativo di sviluppare un’indagine sociale estrapolata da una determinata dimensione (quella francese) e da applicare a quella (non ancora) italiana : « il rapporto letteratura-realtà, così centrale in un tale genere romanzesco, non ha da noi un puntuale supporto nel tessuto urbanistico, economico, umano delle metropoli »32.

  • 33 F. Mastriani, I misteri di Napoli. Studi storico-sociali, Napoli, G. Nobile, 1869-1870, v (...)
  • 34 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 181.
  • 35 E. Ghidetti, Il sogno della ragione…, p. 97.

11Tra le argute osservazioni di Collodi e la lucidità risentita di Mastriani, consapevole che la pedissequa imitazione della moda dei misteri (« La smania d’imitare le cose francesi, funesta debolezza in Europa tutta e massime in Italia, fe’ piovere Misteri da tutte le parti ») avrebbe egemonizzato e probabilmente degradato il genere (« [o]gni paesello, ogni borgata ebbe un Eugenio Sue, tanto che i Misteri vennero in parodia »33), appare evidente come i misteri italiani – di certo non agevolati dall’essere destinati a « un pubblico principalmente borghese » o intesi tutt’al più a « guidare lungo binari sicuri e accettabili il pensiero dei lettori appartenenti alla classe operaia »34, e nemmeno dal dover cercare asilo presso una società « arretrata e arcaica », che non era in grado di « recepire la novità dell’atto di accusa formulato nel libro [di Sue] nei confronti della civiltà industriale e urbana »35 – tradiscano gli assunti fondanti dell’archetipo del genere. Non replicando il portato politico e sociale del modello di riferimento, in pratica sterilizzato e depauperato del suo potenziale destrutturante e di denuncia, essi rappresentano un’occasione persa per il romanzo sociale, visto che finiscono con il privilegiare quasi esclusivamente

  • 36 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 14.

la ricognizione sociale e antropologica della criminalità nostrana (I misteri di Napoli di Mastriani), sapientemente farcita ed edulcorata da innesti del più scontato repertorio del feuilleton o del sintetico bozzetto già veristico (I misteri di Firenze di Collodi), semmai accentuando la discrasia tra [l’]ambiente nobiliare e quello popolano, con in più anche una componente non trascurabile di propaganda risorgimentale (I misteri di Genova di Barrili)36.

Un mistero eccentrico (e precursore ?)

  • 37 Cf. C. Malpica, Una vedova e un mistero. Storia del secolo XIX, Napoli, Minerva Sebezia, (...)
  • 38 Cf. S. Pifferi, La città eterna vista da Napoli. La Roma di un viaggiatore roma (...)
  • 39 P. Casertano, « Spigolature malpichiane », Capys. Annuario degli “Amici di Capua”, 1968-1 (...)
  • 40 A Napoli, « se vi furono influenze romantiche, se non si poté non respirare la nuova atmo (...)
  • 41 Il giudizio di De Sanctis sul romanticismo napoletano è realisticamente duro : « Il roman (...)

12In questo contesto si colloca il romanzo di Cesare Malpica Una vedova e un mistero37. Capuano di nascita ma napoletano di adozione, Malpica fu letterato, poeta, giornalista, scrittore di viaggi dalla produzione policentrica e sfuggente38, uomo dotato di un’incessante « fagocitazione letteraria, di grafomania spettacolare, di elefantiasi del “sublime” »39, autodidatta, agitatore culturale e polemista – in questo senso è da ricordare la sua strenua (e asettica, stando a ciò che ricorda Mario Sansone40) avversione nei confronti del classicismo di stampo illuminista di cui rappresentante era il marchese Basilio Puoti – nella Napoli della prima metà dell’Ottocento, al punto da essere considerato da Francesco De Sanctis, seppur in maniera aspramente critica, come uno dei maggiori esponenti del breve Romanticismo napoletano41.

  • 42 Per un dettagliato resoconto sul Malpica giornalista, cf. M. Spagnoletti, « Cesare Malpic (...)
  • 43 Cf. S. Pifferi, « L’editoria pedagogica nell’Italia della Restaurazione : un ca (...)
  • 44 F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana nel secolo XIX, p. 121.
  • 45 Una contingenza in cui « nascevano, fiorivano e scomparivano con incredibile facilità (...)

13Eppure tale febbrile attività culturale ad ampio spettro42, supportata da una produzione letteraria e giornalistica altrettanto multiforme, quantitativamente rilevante e sviluppatasi in un florilegio di ambiti espressivi che vanno dal giornalismo alla prosa, dalla poesia al resoconto di viaggio, alla memorialistica alla letteratura per i più giovani43, ne fa una figura indubbiamente minore ma piuttosto interessante per comprendere le dinamiche anche letterarie del Regno di Napoli nella cosiddetta ouverture liberaleggiante di Ferdinando II di Borbone : ovvero in quell’« intervallo di tolleranza concesso dalla reazione borbonica allo sviluppo intellettuale »44 che ebbe come effetto visibile il grande impulso alle cose di cultura, in generale, e all’editoria in particolare45.

  • 46 « Non sapevano scrivere, non avevano coltura e credevano supplirvi col chiamarsi (...)

14L’esser stato uno dei più attivi e prolifici personaggi della vita culturale della capitale del Regno per un buon ventennio non consentì però a Malpica di oltrepassare i limiti di una notorietà regionalistica o poco più, così come, a parte l’accenno desanctisiano a dir la verità abbastanza tranchant46, non impedì all’oblio di calare sulla sua produzione letteraria dopo la prematura morte avvenuta nel cruciale 1848.

  • 47 Secondo Sansone, nel romanticismo napoletano, che aveva fallito il suo scopo ri (...)
  • 48 È lo stesso Malpica a rivendicare la sua prolificità come un titolo di merito quando, nel (...)

15In questa irregolare, onnivora, elefantiaca esplosione creativa di Malpica – in cui sono riconoscibili linee direttrici generali come la finalità pedagogica della letteratura, l’amore smisurato per la storia antica, l’imprinting fortemente cattolico, che a ben vedere sono le stesse costanti che caratterizzavano grosso modo l’« esangue romanticismo napoletano »47 – c’è spazio anche per il romanzo, benché in realtà la dimensione narrativa sia, almeno rispetto agli altri numeri di Malpica48, scarsamente frequentata ; vi si possono infatti annoverare soltanto due titoli oltre a quello qui in esame : Bianca di Salerno, apparso a puntate sulla rivista Lo Spettatore Napolitano fra il 1844 e il 1845, e L’ultimo dei Savelli. Storia del secolo XVI, uscito postumo nel 1850. Una vedova e un mistero vede invece la luce nel 1846, due anni prima della morte dell’autore e quindi addirittura prima della traduzione sueiana del 1848, a cui è impossibile non fare riferimento per la circolazione ufficiale dei Mystères de Paris nella penisola.

  • 49 L’origine francese della famiglia della moglie giustifica in parte le erronee attribuzion (...)
  • 50 « [L]’opera più significativa in tal senso, I Misteri di Parigi di Sue, era stata (...)
  • 51 Cf. E. Sue, I misteri di Parigi, Firenze, Pezzati, 1843-1844, 7 vol.

16Proprio l’apparire con un buon anticipo rispetto all’ondata dei misteri italiani pone da subito una questione irrisolta, riguardante se (ed eventualmente come) il capuano avesse avuto accesso all’opera di Sue. Al quesito si può rispondere soltanto con supposizioni, non risultando negli scarsi materiali d’archivio su Malpica ulteriori indicazioni : poiché la moglie Annunziata Cottin discendeva da un’agiata famiglia di origini francesi stabilitasi in Italia durante il periodo dell’occupazione francese49, e i suoi referenti principali erano anch’essi francesi, con Chateaubriand e Stendhal su tutti, non è peregrino supporre che Malpica avesse accesso alla lingua francese e quindi, per una comunanza ideologica su cui tornerò, abbia potuto trarre una generica ispirazione dal mondo dei mystères francesi. Molto più probabilmente, d’accordo con Tommaso Scappaticci, Malpica potrebbe aver consultato un’edizione napoletana dell’originario romanzo sueiano apparsa nel 184550 o, stando sempre al lavoro di scavo di Moloney e Ania, l’apparentemente primigenia edizione fiorentina del 1843-184451.

  • 52 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 30.
  • 53 A. Brilli, Quando viaggiare era un’arte. Il romanzo del Grand Tour, Bologna, il Mulino, 1 (...)
  • 54 Ricordo qui le edizioni originali, che Malpica pubblicò presso la Tipografia napoletana d (...)
  • 55 Cf. S. Pifferi, « Le scorribande utopiche e pre-unitarie di un letterato e viaggiatore ne (...)

17Tornando al romanzo malpichiano, l’ambientazione è contemporanea e urbana, visto che la vicenda si sviluppa nella Roma degli anni ’40 dell’Ottocento, nei « giorni della settimana di Pasqua 18… »52, ovvero in quello che nel « secolo d’oro dei viaggi »53 era uno dei momenti turisticamente più vivi della città. Non una scelta casuale, quella del capuano. Roma è infatti destinazione prediletta nei numerosi viaggi che Malpica intraprende a partire dagli anni ’40 nel Centro e nel Sud della penisola, le cui risultanze54, a ben vedere, rappresentano l’aspetto culturalmente più rilevante dell’intera produzione malpichiana. Nell’ambito odeporico, infatti, i difetti evidenziati da De Sanctis, come per esempio la leggerezza e la scarsa cultura o la capacità di orecchiare superficialmente esperienze straniere, divengono a tratti il grimaldello con cui il capuano forza la tradizione dell’odeporica italiana, al tempo ancora largamente di impianto settecentesco. Ciò si esplicita in una scrittura fortemente romantica, incentrata sulle impressioni in soggettiva del viaggiatore che rende l’esperienza viatoria in forme ondivaghe, basata su accostamenti emotivi e casuali, priva di ogni geometrica e razionale strutturazione, e sempre retoricamente appassionata e per così dire sopra le righe. Dal punto di vista geografico, l’attività odeporica malpichiana ruota intorno a due centri di gravità, apparentemente antitetici : da un lato il Sud d’Italia, non ancora mèta rinomata né per gli stranieri né per i viaggiatori italiani, e però già considerato italiano da Malpica, che sembra fornire piccoli tasselli di un mosaico più ampio finalizzato a una mappatura del Meridione d’Italia55 ; dall’altro lato appunto Roma, a cui il capuano dedica almeno tre resoconti, diversi per modalità e finalità, fra il ’43 e il ’47.

  • 56 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 51.
  • 57 C. Malpica, Venti giorni in Roma. Impressioni di Cesare Malpica, a cura di S. Pifferi, Ma (...)
  • 58 Si veda in proposito il volume Roma fra la Restaurazione e l’elezione di Pio IX (...)

18La Roma del romanzo malpichiano, però, non è quella dei sobborghi e degli strati più bassi della società, come avverrà nella grande maggioranza dei romanzi dei misteri, quanto quella cosmopolita e tentacolare delle sfere più alte della società cittadina, fra rappresentazioni teatrali à la page e vie « frequentate e […] fashionable »56, ozii più o meno creativi nei caffè e dissertazioni erudite nei ristretti cenacoli in cui « convenivano pochi amici tra Inglesi, Francesi, e Romani » e « si eseguiva un po’ di buona musica Italiana, si facean sonetti all’improvviso, si leggea Dante »57. Certo, se si assume un punto di vista più dinamico e avanzato rispetto a quello di un modesto rappresentante dell’altrettanto modesta cultura napoletana del tempo qual era Malpica, la cultura della Roma della Restaurazione può apparire ben diversa da quella frizzante e movimentata descritta dal capuano. Nonostante la storiografia moderna stia rivalutando la situazione culturale della Roma del primo Ottocento58, l’ottica malpichiana stride con la diffusa immagine di una città culturalmente, se non misera, per lo meno non eccelsa, passatista e incapace di rinnovarsi, irrimediabilmente tagliata fuori dai grandi movimenti di idee. Questa della Roma culturalmente viva è pertanto un’evidente distorsione ottica, che Malpica fa transitare dai testi odeporici sulla Città Eterna verso il suo testo di finzione ; sovrapponendo e fondendo l’esperienza reale dei viaggi e soggiorni romani – già rivisitata nel passaggio dall’esperienza fattuale del viaggio alla sua rielaborazione scritta – nella dimensione di finzione del romanzo, l’ambientazione cosmopolita, ciarliera, altolocata perde paradossalmente le citate connotazioni distorte e ne guadagna in aderenza alla realtà narrativa e nella caratterizzazione di luoghi e personaggi.

19Il mistero del romanzo ruota, infatti, intorno alla figura centrale di una sventurata vedova straniera, costretta a rifugiarsi nella Città Eterna sotto mentite spoglie, e ai personaggi abietti o virtuosi che la circondano : un Conte meditabondo e puro (il Conte Negroni da Genova), un Marchese attempato e meschino (l’innominato Marchese G.), un Visconte francese libertino e al limite del diabolico (Enrico di Brissieux), con l’aggiunta di una serie di personaggi di rango più basso – una servitù spesso senza scrupoli, malavitosi dediti al malaffare, attricette in cerca di facili guadagni o poveri mendicanti raggirati – che a vario titolo contribuiscono a delineare un piccolo affresco di costume sulle fasce più basse della società nella Roma della Restaurazione. Che al centro dell’azione non siano i bassifondi urbani quanto i sofisticati stratagemmi viziosi di una fetta di società cittadina alta, annoiata e dedita alla bella vita, non risparmia ai rappresentanti di quest’ultima di essere altrettanto ben caratterizzati nella loro brama di ricchezza, nel loro avido doppiogiochismo, nel loro agire miserabile e amorale. In questo senso, l’impianto teatrale del romanzo, con tutto il corollario di travisamenti, equivoci, oscuri intrighi, menzogne senza scrupoli, sorprendenti agnizioni e l’immancabile lezione morale finale, è perfettamente funzionale allo sviluppo della fabula.

  • 59 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 128.
  • 60 Cf. S. Pifferi, « L’editoria pedagogica nell’Italia della Restaurazione… ».
  • 61 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 263.

20Nonostante Una vedova e un mistero non sia propriamente un mistero in senso stretto, Malpica applica quelli che saranno poi gli stilemi tipici del genere : la manicheistica suddivisione in buoni e cattivi ; l’ambientazione cittadina spesso cupa e labirintica (nei giardini e parchi in cui buona parte dell’azione si sviluppa) oppure, per converso, luminosamente stordente e accecante (« Il sole vestendo della sua luce le pietre giallognole loro dà l’aria di una città infuocata »59), con il corollario di luoghi tipici dei misteri come le prigioni o i bassifondi, uniti però ad ambientazioni di pregio come ville signorili, giardini curati e sale da ballo ; infine, il forte accento moralistico-pedagogico, già tratto peculiare del Malpica giornalista60. La collocazione, però, nella fascia più alta e cosmopolita della società cittadina, in assonanza con ciò che più tardi farà Mastriani nella seconda parte dei Misteri di Napoli, permette a Malpica di evidenziarne le fosche penombre e il sinistro barlume e, al contempo, di far risaltare il valore morale di pochi personaggi, Conte Negroni su tutti : quest’ultimo viene tratteggiato velatamente come una sorta di novello Rodolphe, e con il personaggio sueiano condivide anche l’ambiguità taciuta di un passato colpevole riabilitato da un presente fatto di rettitudine, virtù e « dritto dell’uomo onesto »61. Questo al fine di disporre, sullo sfondo di una Roma che si fa a poco a poco vivida presenza silente grazie alle dettagliate descrizioni itinerali per le vie della città – altro tratto caratterizzante la produzione odeporica malpichiana e qui riutilizzato quasi per orientare il lettore nel dedalo dei travisamenti e degli inganni della storia –, una serie di vicende rocambolesche fatte di sotterfugi, inganni, trame oscure e tradimenti ; con il lieto fine che scioglierà – per rimandare nuovamente ai topoi di matrice sueiana – non solo i raggiri del malvagio villain e gli affanni dell’insidiata fanciulla innocente e dell’eroe puro e idealista, ma dimostrerà inoltre come non sia necessariamente la miseria materiale quanto quella morale a segnare la degenerazione e le malefatte di una certa parte della società.

  • 62 F.S. Malpica, Manoscritto ove parla di Cesare Malpica e le sue opere, Salerno, 13 gennaio (...)
  • 63 C. Malpica, « Impressioni e rimembranze d’un prigioniero », in Id., Pensieri del tramonto(...)
  • 64 A. Marinari, « Letteratura e cultura nel Sud », in A. Marinari, G. Pirodda, La cultura me (...)
  • 65 Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, p. 15. Sul socialismo di Sue, cf. J.-L. Bory, Eugène S (...)
  • 66 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 177.

21Date le premesse, potrebbe sembrare che Una vedova e un mistero tradisca la dimensione politica e di denuncia sociale che è centrale in questa tipologia di romanzo. In realtà, basterebbe scavare nelle vicende biografiche dell’autore per comprendere il motivo per cui la questione meramente politica, a differenza di quella morale e soprattutto pedagogica, sia di così scarsa rilevanza per lui. Nell’esistenza del capuano c’è una cesura tra quella che il fratello Francesco Saverio definì come la vita precedente62 e l’attività letteraria del periodo napoletano : vale a dire l’accusa di partecipazione alla setta dei Filadelfi, responsabile dei moti del Cilento del 1828, che costò a Malpica l’arresto, il processo e, infine, un’assoluzione velata da tracce di collaborazionismo con il governo borbonico63. La risultante, però, fu non solo il trasferimento a Napoli e l’inizio della carriera di letterato, ma anche un allontanamento dalle questioni politiche vissute in prima persona. Il giovanile ribellismo politico di Malpica si trasformò, quindi, in un ribellismo letterario che collegava il « programmatico rifiuto delle regole e dei classici »64 alle istanze tipicamente romantiche del suo stile, compresa la centralità della pedagogia e dell’insegnamento morale più volte rivendicata in riviste da lui fondate come Il Giornale de’ Giovanetti, l’Osservatore Posidono o Lo Spettatore Napoletano. Quasi un percorso inverso rispetto al capostipite dei misteri europei ; se in quel caso un « raffinato dandy […] improvvisamente invasato dalle nuove idee del socialismo »65 (e probabilmente « rovinato dai debiti »66) vi si era avvicinato nel corso della propria esistenza, e se Les Mystères de Paris erano stati una sorta di ingresso nel mondo della politica, per il capuano le dinamiche sono esattamente opposte : scottato dall’impegno politico, utilizzò la letteratura (o per lo meno ci provò) come uno strumento per scardinare le iniquità sociali, soprattutto in ambito educativo, e per favorire la crescita collettiva.

  • 67 F. Mastriani, I misteri di Napoli, vol. I, p. XV.
  • 68 M. Palumbo, « Letteratura romantica e questione italiana », in Il romanzo del Risorgiment (...)
  • 69 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 27.

22Quindi, se I misteri di Napoli di Mastriani, l’opera forse più aderente ai topoi sueiani nel profluvio di testi analoghi pubblicati in Italia, saranno « la rivelazione degli occulti splendori dell’anima sofferente nelle torture sociali »67, è innegabile che, pur scevro da tanto moralismo accoratamente retorico, il romanzo di Malpica offra, nella sua inversione di polarità e nelle sue ovvie differenze strutturali, una visione molto simile. Rimanendo fedele all’idea contemporanea di romanzo – il quale, affondando le « radici nel tempo storico a cui appartengono scrittore e pubblico », deve offrirsi come « specchio della società che riflette »68 – Malpica definisce questo genere come quello che, per antonomasia, « colpisce la società esistente in flagranza e la descrive ; […] esamina gli affetti degli uomini attuali e li ritrae… […] si adatta a tutte le intelligenze, e può esser letto da ognuno »69 ; in tal senso, la questione morale si fa pedagogia al servizio del popolo ed è finalizzata a (ri)definire i parametri del vivere civile e a denunciare le storture, le ingiustizie, l’avidità, pur potendo prescindere – come avviene appunto in Una vedova e un mistero – da bassifondi, prigioni, miserie, e dalle ambientazioni più oscure e inquietanti della società degli ultimi.

Haut de page

Notes

1 G. Tellini, Storia del romanzo italiano, Milano, Mondadori, 2017, p. 45.

2 Cf. P. Getrevi, Dal picaro al gentiluomo. Scrittura e immaginario nel Seicento narrativo, Milano, Franco Angeli, 1986 ; Romanzieri del Seicento, a cura di M. Capucci, Torino, UTET, 1974 ; Trattatisti e narratori del Seicento, a cura di E. Raimondi, Milano, Ricciardi, 1960.

3 Cf. L. Clerici, Il romanzo italiano del Settecento. Il caso Chiari, Venezia, Marsilio, 1997, p. 9. Si veda anche C.A. Madrignani, All’origine del romanzo in Italia. Il “celebre Abate Chiari”, Napoli, Liguori, 2000.

4 « Dal suicidio eroico di Jacopo Ortis, al tormento introspettivo di Giovanni e Maria in Fede e bellezza, fino alla conquistata saggezza di Carlo Altoviti, nelle Confessioni di Nievo, […] volta per volta, una particolarissima amministrazione delle scritture dell’io è intervenuta nel romanzo a definire l’identità del protagonista, in rapporto sempre più comprensivo con il mondo di fuori » (G. Tellini, Storia del romanzo italiano, p. 117).

5 Interessante lo sguardo inglese sull’Italia proposto da F. Saggini, Sole nero. Il gotico meridiano dell’Ottocento italiano. Uno sguardo dall’Inghilterra, Lucca, La Vela, 2020.

6 Cf. Notturno italiano. Racconti fantastici dell’Ottocento, a cura di E. Ghidetti, Roma, Editori Riuniti, 1984 ; G. Tardiola, Il vampiro nella letteratura italiana, Anzio, De Rubeis, 1991 ; Da uno spiraglio. Racconti neri e fantastici dell’Ottocento italiano, a cura di R. Reim, Roma, Newton Compton, 1992 ; Fantastico italiano. Racconti fantastici dell’Ottocento e del primo Novecento italiano, a cura di C. Melani, Milano, Rizzoli, 2009.

7 Cf. I. Nievo, Storia filosofica dei secoli futuri (e altri scritti umoristici del 1860), a cura di E. Russo, Roma, Salerno Editrice, 2003.

8 « Fine psicologo, dotato di eccezionali qualità induttive e deduttive, implacabile persecutore degli assassini » (R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso. Romanzi popolari e altri scritti dimenticati della letteratura italiana, Roma, Carocci, 2012, p. 15. Si veda più specificamente il capitolo 6.4, « Lucertolo di Jarro (Giulio Piccini), il primo commissario di polizia », ibid., p. 248-272).

9 L. Crovi, « Premessa », in Ottocento nero italiano. Narrativa fantastica e crudele, a cura di C. Gallo, F. Foni, introduzione di L. Crovi, Milano, Aragno, 2009, p. VIII.

10 Cf. Il romanzo d’appendice. Aspetti della narrativa “popolare” nei secoli XIX e XX, a cura di G. Zaccaria, Torino, Paravia, 1977.

11 R. Reim, « L’industria dei misteri », in L’Italia dei misteri. Storie di vita e malavita nei romanzi d’appendice, a cura di R. Reim, Roma, Editori Riuniti, 1989, p. 11.

12 « Così, mentre Sue continua a sfornare con successo romanzi […] in Francia e in quasi tutta l’Europa si assiste, per alcuni decenni, a una vera e propria esplosione di Misteri : misteri di Berlino, di Londra, di Vienna, di Lione, di Atene, di Bruxelles, di Monaco, della Cina… Perfino il giovane Zola, nel 1866, scriverà per Le Messager de Provence, ma senza successo, Les Mystères de Marseille » (ibid., p. 13).

13 Quel ripiegamento « ha drasticamente frenato le forze democratiche, ha dissolto il mito neoguelfo (con il disimpegno di Pio IX dalla causa italiana), ha segnato il declino della linea mazziniana (la “guerra di popolo”), ha irrigidito su posizioni conservatrici (salvo poche eccezioni) anche il riformismo dei moderati » (G. Tellini, Storia del romanzo italiano, p. 110-111).

14 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 69.

15 Ibid., p. 71.

16 « La prima traduzione del bestseller di Sue venuta alla nostra attenzione apparve a Firenze nel 1843-44, non, come viene di solito riferito, nel 1848, anche se quell’anno vide la pubblicazione di altre due versioni italiane del romanzo di Sue » (B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî” : la bibliografia del romanzo dei misteri in Italia », La Bibliofilia. Rivista di Storia del Libro e di Bibliografia, vol. CVI, n° 2, 2004, p. 178).

17 C. Tenca, « La letteratura popolare in Italia », Il Crepuscolo, vol. I, n° 4, 27 gennaio 1850, p. 14.

18 Anonimo, « Studi di critica letteraria. Del romanzo in Italia », Il Crepuscolo, vol. IV, n° 41, 17 ottobre 1853, p. 654.

19 Ibid., p. 651.

20 Ibid., p. 654.

21 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 65. Cf. anche G. Borri, I colloqui col Manzoni, a cura di E. Flori, Bologna, Zanichelli, 1929, p. 159-160.

22 G. Mazzini, « Condizioni presenti della letteratura in Francia » [1839], in Id., Scritti sul romanzo e altri saggi letterari, a cura di L. Beltrami, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2012, p. 271.

23 G. Tellini, Storia del romanzo italiano, p. 98.

24 Cf. U. Foscolo, « Saggio di novelle di Luigi Sanvitale parmigiano » [1803], in Id., Edizione nazionale delle opere di Ugo Foscolo, vol. VI, Scritti letterari e politici dal 1796 al 1808, a cura di G. Gambarin, Firenze, Le Monnier, 1972, p. 263-264.

25 M. Palumbo, Il romanzo italiano da Foscolo a Svevo, Roma, Carocci, 2007, p. 24.

26 R. Reim, « L’industria dei misteri », p. 18. Una bibliografia molto estesa è nel già citato B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 196-213.

27 Cf. C. Lorenzini, I misteri di Firenze. Scene sociali, Firenze, Fioretti, 1857. Ora C. Collodi, Edizione nazionale delle opere di Carlo Lorenzini, vol. I : Un romanzo in vapore. Da Firenze a Livorno. Guida storico-umoristica ; I misteri di Firenze. Scene sociali, prefazioni di M. Merger, A. Camilleri, Collodi – Firenze, Fondazione Nazionale Carlo Collodi – Giunti, 2010.

28 C. Lorenzini, Un romanzo in vapore. Da Firenze a Livorno. Guida storico-umoristica, Firenze, Mariani, 1856. Ora nel primo volume dell’Edizione nazionale delle opere di Carlo Lorenzini, citato alla nota precedente.

29 E. Ghidetti, Il sogno della ragione. Dal racconto fantastico al romanzo popolare, Roma, Editori Riuniti, 1987, p. 107.

30 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 71.

31 Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, Pisa, ETS, 1993, p. 15.

32 Ibid., p. 10.

33 F. Mastriani, I misteri di Napoli. Studi storico-sociali, Napoli, G. Nobile, 1869-1870, vol. I, p. VIII. Corsivi e maiuscoletto dell’autore.

34 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 181.

35 E. Ghidetti, Il sogno della ragione…, p. 97.

36 R. Castagnola, P. Orvieto, Ottocento inquieto e misterioso…, p. 14.

37 Cf. C. Malpica, Una vedova e un mistero. Storia del secolo XIX, Napoli, Minerva Sebezia, 1846 ; ora a cura di S. Pifferi, Viterbo, Sette Città, 2017 (si cita da questa edizione).

38 Cf. S. Pifferi, La città eterna vista da Napoli. La Roma di un viaggiatore romantico, Cesare Malpica, Roma, Istituto Nazionale di Studi Romani, 2007.

39 P. Casertano, « Spigolature malpichiane », Capys. Annuario degli “Amici di Capua”, 1968-1969, p. 40.

40 A Napoli, « se vi furono influenze romantiche, se non si poté non respirare la nuova atmosfera psicologica ed intellettuale, mancò una vera e propria rivoluzione romantica, o, meglio, il romanticismo non esplicò quella azione rivoluzionaria che compì altrove » (M. Sansone, La letteratura a Napoli dal 1800 al 1860, in Storia di Napoli, Napoli, Società Editrice Storia di Napoli, 1972, vol. IX, p. 299).

41 Il giudizio di De Sanctis sul romanticismo napoletano è realisticamente duro : « Il romanticismo napoletano ebbe pochissima durata, non ne uscì un uomo che potesse farlo rispettare, fu eco di letture straniere sopra gente che aveva velleità e non ispirazione. Né vi farà maraviglia se vi dirò che quella febbre romantica durò soli quattro o cinque anni e fu appena rappresentata da due, Achille de Lauzières e Cesare Malpica » (F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana nel secolo XIX, t. II, La scuola cattolico-liberale, a cura di A. Asor Rosa, Milano, Feltrinelli, 1958, p. 131).

42 Per un dettagliato resoconto sul Malpica giornalista, cf. M. Spagnoletti, « Cesare Malpica, periegeta e animatore culturale », in C. Malpica, Il giardino d’Italia : le Puglie, a cura di M. Spagnoletti, Cavallino (Lecce), Capone, 1985, p. V-LII.

43 Cf. S. Pifferi, « L’editoria pedagogica nell’Italia della Restaurazione : un caso di studio », Daidalos, n° 18, 2019, p. 207-213.

44 F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana nel secolo XIX, p. 121.

45 Una contingenza in cui « nascevano, fiorivano e scomparivano con incredibile facilità strenne, giornali e giornaletti del più vario carattere, dal letterario all’ameno » (E. Cione, Napoli romantica (1830-1848), Napoli, Morano, 1957, p. 25).

46 « Non sapevano scrivere, non avevano coltura e credevano supplirvi col chiamarsi romantici e col tentare le più esagerate situazioni », scrive De Sanctis in riferimento ai letterati citati sopra, de Lauzières e Malpica (F. De Sanctis, Storia della letteratura italiana nel secolo XIX, p. 131).

47 Secondo Sansone, nel romanticismo napoletano, che aveva fallito il suo scopo rivoluzionario, « il canone romantico della “pedagogicità” dell’arte […] diventa esaltazione della religione, l’altro della “popolarità” […] diventa bizzarria o folklore, il “sentimento” diventa sentimentalismo […] il principio della “nazionalità” della letteratura […] diventa nazionalismo e municipalismo » : così che il Romanticismo viene « paradossalmente assorbito dal suo nemico, il classicismo » (M. Sansone, La letteratura a Napoli dal 1800 al 1860, p. 303).

48 È lo stesso Malpica a rivendicare la sua prolificità come un titolo di merito quando, nell’articolo iniziale del suo ultimo resoconto di viaggio, La Toscana, l’Umbria e la Magna Grecia, intitolato « I miei 15 anni », afferma di avere scritto e pubblicato « mille e più articoli di giornale ; quattro volumi pe’ giovanetti ; tre opuscoli ; una strenna ; quattro volumi di canti ; uno di novelle ; cinque di viaggi ; sei di prose diverse ; due di storia », e di aver pronti « due romanzi storici, due volumi di biografie, tre drammi in prosa e uno per musica, un corso di dritto penale, un altro di procedura penale, uno di letteratura italiana, un intero comento a Dante » (C. Malpica, La Toscana, l’Umbria e la Magna Grecia. Impressioni, Napoli, Tipografia di Andrea Festa, 1846, p. 9).

49 L’origine francese della famiglia della moglie giustifica in parte le erronee attribuzioni francesizzanti, anche sui libri di Malpica, del cognome di Annunziata, che spesso e volentieri viene indicata come Cotten. Così per esempio sulla quarta di copertina dell’Ultimo dei Savelli. Storia del secolo XVI raccontata da C. Malpica, uscito postumo nel 1850, dove si trova infatti stampato : « Trovasi vendibile nell’Istituto della Signora D. Annunziata Cotten. Vedova Malpica, strada Monteoliveto n. 70 ».

50 « [L]’opera più significativa in tal senso, I Misteri di Parigi di Sue, era stata pubblicata a Napoli fin dal 1845 » (T. Scappaticci, Il romanzo d’appendice e la critica : Francesco Mastriani, Cassino, Garigliano, 1990, p. 32). L’edizione è E. Sue, I Misteri di Parigi, traduzione di F. Berti, Napoli, Stamp. del Fibreno, 1845.

51 Cf. E. Sue, I misteri di Parigi, Firenze, Pezzati, 1843-1844, 7 vol.

52 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 30.

53 A. Brilli, Quando viaggiare era un’arte. Il romanzo del Grand Tour, Bologna, il Mulino, 1995, p. 25.

54 Ricordo qui le edizioni originali, che Malpica pubblicò presso la Tipografia napoletana di Andrea Festa, con l’eccezione del Giardino d’Italia (apparso a Napoli per i torchi di Salvator Rosa) e di Roma visitata da un cattolico e da un artista (uscito sempre a Napoli presso la Stamperia del Fibreno) : Il Giardino d’Italia. Scene, costumi, impressioni, paesaggi e rimembranze durante un viaggio nelle provincie del Regno. Parte prima : le Puglie (1841), Venti giorni in Roma (1843), Le notti romane al Foro, al Colosseo, al Palazzo de’ Cesari e alle Catacombe (1844), Un mese negli Abruzzi (1844), Dal Sebeto al Faro. Impressioni di un viaggio nelle Calabrie (1845), il già citato La Toscana, l’Umbria e la Magna Grecia (1846), La Basilicata. Impressioni di Cesare Malpica (1847), Roma visitata da un cattolico e da un artista. Nuovissima opera per render facile la conoscenza della città eterna ad ogni persona in ogni luogo (1847).

55 Cf. S. Pifferi, « Le scorribande utopiche e pre-unitarie di un letterato e viaggiatore nel “giardino d’Italia” », in Côté Jardin : histoire(s) et représentations des jardins de la Méditerranée, a cura di F.I. Sensini, Chambéry, Presses universitaires Savoie Mont Blanc, 2021, p. 137-155.

56 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 51.

57 C. Malpica, Venti giorni in Roma. Impressioni di Cesare Malpica, a cura di S. Pifferi, Manziana (Roma), Vecchiarelli, 2007, p. 67.

58 Si veda in proposito il volume Roma fra la Restaurazione e l’elezione di Pio IX. Amministrazione, economia, società e cultura, a cura di A.L. Bonella, A. Pompeo, M.I. Denso, Roma, Herder, 1997.

59 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 128.

60 Cf. S. Pifferi, « L’editoria pedagogica nell’Italia della Restaurazione… ».

61 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 263.

62 F.S. Malpica, Manoscritto ove parla di Cesare Malpica e le sue opere, Salerno, 13 gennaio 1851, 6 ff. nn., ora in S. Pifferi, La città eterna vista da Napoli…, p. 223-230.

63 C. Malpica, « Impressioni e rimembranze d’un prigioniero », in Id., Pensieri del tramonto, Napoli, Salvator Rosa, 1839, p. 316 sg. Cf. R. Moscati, « La rivolta del Cilento del 1828 », Archivio storico per la provincia di Salerno, vol. VI, n° II, gennaio-aprile 1933, p. 127-184.

64 A. Marinari, « Letteratura e cultura nel Sud », in A. Marinari, G. Pirodda, La cultura meridionale e il Risorgimento, Bari, Laterza, 1975, p. 33.

65 Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, p. 15. Sul socialismo di Sue, cf. J.-L. Bory, Eugène Sue. Dandy mais socialiste, Parigi, Hachette, 1973, e U. Eco, « Eugène Sue, il socialismo e la consolazione », in E. Sue, I misteri di Parigi, Milano, Sugar, 1965, p. I-XXXI.

66 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 177.

67 F. Mastriani, I misteri di Napoli, vol. I, p. XV.

68 M. Palumbo, « Letteratura romantica e questione italiana », in Il romanzo del Risorgimento, a cura di C. Gigante, D. Vanden Berghe, Bruxelles, Peter Lang, 2011, p. 31.

69 C. Malpica, Una vedova e un mistero…, p. 27.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Stefano Pifferi, « Un eccentrico mistero nella Roma di metà Ottocento : Una vedova e un mistero. Storia del secolo XIX (1846) di Cesare Malpica »Transalpina, 25 | 2022, 17-32.

Référence électronique

Stefano Pifferi, « Un eccentrico mistero nella Roma di metà Ottocento : Una vedova e un mistero. Storia del secolo XIX (1846) di Cesare Malpica »Transalpina [En ligne], 25 | 2022, mis en ligne le 21 octobre 2022, consulté le 13 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3740 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3740

Haut de page

Auteur

Stefano Pifferi

Università degli studi della Tuscia

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search