Navigation – Plan du site

AccueilNuméros25I misteri di Palermo di Benedetto...

I misteri di Palermo di Benedetto Naselli : la tragedia del proletariato siciliano fra povertà, oppressione nobiliare, corruzione

Daniela Bombara
p. 33-50

Résumés

Cet article vise à examiner I misteri di Palermo (1852) de Benedetto Naselli du point de vue de son appartenance au sous-genre des mystères urbains et en relation avec l’archétype français, Les Mystères de Paris (1842-1843) d’Eugène Sue. Les deux romans ont en commun une dimension de dénonciation sociale, illustrant les conséquences tragiques de la pauvreté, la faiblesse de la loi et l’oppression des classes dirigeantes. Le feuilleton de Naselli ne présente cependant pas une figure centrale de l’œuvre source de Sue, le Surhomme, qui oppose sa justice à la justice fallacieuse de l’État. Dans le roman de Naselli, comme dans sa pièce de théâtre, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato (1864), règne un pessimisme absolu : la condition négative des pauvres, sans défense contre l’arrogance aristocratique, condamnés à la prison, à la folie et à la mort, ne peut être résolue. Même ceux qui devraient les défendre contre les abus, comme la secte légendaire des Beati Paoli, sont en réalité la proie d’intérêts particuliers ; le peuple sicilien est abandonné par la loi, par les puissants, par ses propres mythes.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 R. Contarino, « Il Mezzogiorno e la Sicilia », in Letteratura italiana, vol. XI : L’età con (...)

In una Sicilia che ha vissuto come negletta « periferia » le grandi trasformazioni dell’età moderna e le sue rivoluzioni politiche e sociali, la letteratura non è stata certo sprovvista di « senso della storia » ; ma questa coscienza della dinamica degli eventi non è sfociata in una cultura della speranza e del « possibile », ma nella psicologia dell’« insicurezza » […]. E infatti, anche nelle stagioni di più accesa progettualità, sulla Sicilia non si è mai proiettata la luce dell’utopia, ma l’amarezza della denuncia […]. Ogni vicenda storica è stata osservata dallo scrittore siciliano al controluce della negazione1.

Introduzione

  • 2 Per Sciascia, l’insularità, e la conseguente vulnerabilità di difesa, ha comportato « l’i (...)
  • 3 « È destino d’ogni isola esser sola nell’angoscia dei suoi sigillati confini : infelice (...)
  • 4 Ad esempio, G. Baldi (L’artificio della regressione. Tecnica narrativa e ideologia nel Ve (...)

1Le parole di Rosario Contarino in esergo si riferiscono alla letteratura siciliana post-unitaria ma possono essere applicate retrospettivamente almeno all’intero Ottocento, sulla scorta dell’acquisizione critica ormai consolidata di una produzione culturale isolana radicalmente altra rispetto a quella continentale ; per motivi geografici e storici, come sostiene Leonardo Sciascia2, o a causa di una condizione ontologica di emarginazione, per la quale Gesualdo Bufalino ha coniato l’efficace neologismo isolitudine3. La distanza dalla realtà europea può in alcuni autori ribaltarsi, da fattore di debolezza e limite ideologico a punto di forza per sviluppare uno sguardo acuto e critico sulla società, come avviene nel corso della stagione verista4. Già a metà Ottocento, comunque, un misconosciuto scrittore palermitano, Benedetto Naselli, inserendosi fra i primi con il suo I misteri di Palermo (1852) nel filone della letteratura italiana dei misteri, sulla scia del diffusissimo Les Mystères de Paris di Eugène Sue (1842-1843), offre al lettore un quadro del proletariato siciliano cupo, pessimista, improntato a un amaro realismo, evitando ogni meccanismo consolatorio, quale il riscatto dalla miseria per l’intervento risolutore dell’Eroe, o una possibile integrazione fra classi, che il feuilleton francese prospettava.

  • 5 Si veda almeno U. Eco, « Le lacrime del Corsaro nero » e « Eugène Sue : il socialismo e l (...)
  • 6 Per un quadro sommario della situazione politico-sociale della città siciliana (...)
  • 7 Cf. U. Eco, « Eugène Sue : il socialismo e la consolazione », p. 68. Nei Mystères de Pari (...)
  • 8 F. Mastriani, I misteri di Napoli. Studi storico-sociali, Napoli, G. Nobile, 1869-1870, v (...)

2I due romanzi condividono un affine intento di denuncia, illustrando le condizioni tragiche delle plebi urbane e la debolezza di un sistema giuridico che fallisce nel suo intento di proteggere le fasce deboli della società ; ma nell’opera di Sue, improntata a un socialismo umanitario e utopistico e nella sostanza conservatore, la classe antagonista è la borghesia precapitalistica, mentre gli aristocratici filantropi, tratteggiati quali figure superiori, soccorrono i miseri, ripristinando l’ordine turbato5 ; il testo di Naselli, ambientato nella Palermo di fine Settecento, raffigura invece un contesto sociale precapitalista, incentrato sulla raffigurazione del sottoproletariato cittadino e di un ceto aristocratico sopraffattorio o indifferente, coadiuvato da una borghesia impiegatizia parassitaria, avida e disonesta, che sfrutta il suo legame con i nobili per tormentare la popolazione6. Nel romanzo palermitano il destino negativo dei poveri, fra errori giudiziari, violenze subite, inganni, è ineluttabile ; nessun Superuomo, quale il Rodolphe de Gerolstein di Sue7, interviene a risarcire i torti, contrapponendo la sua giustizia a quella di Stato. L’arretratezza del Meridione italiano consente dunque al romanziere popolare di affondare il « coltello scientifico e filosofico »8 nei personaggi, come afferma Francesco Mastriani, autore del più noto romanzo italiano appartenente al genere, I misteri di Napoli (1869-1870) : opera in cui ugualmente manca una figura positiva e salvifica.

  • 9 Cf. M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio : I misteri di Palermo di Bene (...)

3La produzione di Naselli, fra cui si annovera anche il successivo I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato (1864), anch’esso in qualche modo un romanzo dei misteri, che demitizza la leggendaria setta di difensori della povera gente, in realtà strumenti di dominio e sopraffazione o comunque del trionfo di interessi particolaristici, è stata raramente fatta oggetto di analisi critica, e in alcuni casi sbrigativamente liquidata come esempio di narrativa ibrida – fra i modi del romanzo storico di matrice manzoniana e della letteratura verista –, il cui valore documentario verrebbe limitato dalla presenza di un costante sentimentalismo e moralismo9.

  • 10 Cf. B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî” : la bibliografia del romanzo dei (...)
  • 11 Si vedano in proposito Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, Pisa, ETS, 1993, p. 4 (...)
  • 12 U. Eco, « Le lacrime del Corsaro nero », p. 17.

4In questa sede non si intende certo emettere un giudizio di valore sulle due opere citate di Naselli, quanto posizionarle nel corpus dei misteri italiani : se nell’insieme i romanzi appartenenti al genere risultano difformi rispetto ai Mystères de Paris, perché indirizzati a tematiche patriottico-risorgimentali10, o a tratteggiare ambienti meno inquietanti del modello, in quanto mancano nel contesto italiano i sordidi bassifondi, la miseria e il sottoproletariato criminale parigino che sostanziano il discorso di Sue, la situazione di arretratezza economica e sociale che affligge Napoli e Palermo offre invece abbondantemente una simile materia di narrazione. I misteri di Mastriani e Naselli si agganciano dunque direttamente al romanzo parigino per contenuti e volontà di descrivere e denunciare le condizioni delle classi basse, con una torsione negativa che non è presente, si è detto, nell’opera matrice ; mentre lo scrittore napoletano addita come soluzione ai mali della società la Fede e il Socialismo11, Naselli non prospetta vie di fuga o di salvezza da una condizione di povertà e privazione che appare tragica e immutabile, e anche il ricorso alla religione in funzione risarcitoria si svuota di significato. La successiva stagione verista proporrà il proletariato siciliano quale oggetto letterario con ben altri mezzi, profondità d’intenti e capacità artistiche, ma i misteri naselliani tentano una narrazione popolare – come contenuti se non come pubblico – seria, autentica, e che, a differenza del feuilleton francese, « non concilia lo spettatore con se stesso : anzi il conchiudersi della storia gli apre un problema »12, quello di un popolo abbandonato a se stesso, fra capricci nobiliari e disonestà dei borghesi.

Trappole e tormenti della città infernale nei Misteri di Palermo

  • 13 Non si hanno notizie biografiche su Benedetto Naselli ; qualche informazione –  (...)
  • 14 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 182.
  • 15 B. Naselli, I misteri di Palermo, Palermo, I Buoni Cugini, 2017, p. 8.
  • 16 Si vedano : A. Bianchini, La luce a gas e il feuilleton : due invenzioni dell’Ottocento, (...)

5Naselli13 si inserisce tempestivamente nel filone dei misteri italiani. Alla data del 1852, quando I misteri di Palermo sono pubblicati con un editore locale, Clamis e Roberti, esistono solo tre prodotti appartenenti al genere : l’incompiuto I misteri di Napoli di Cesare De Sterlich, « racconto abbastanza innocuo di amore e di numeri della lotteria, tutt’altro che un’esposizione scottante di crimine e corruzione »14 ; I misteri di Torino scritti da una penna in quattro mani (1849), imperniato sullo scontro politico fra gesuiti e sanfedisti contro i liberali piemontesi, edito anonimo ma attribuito a Felice Govean e Alessandro Borella ; l’anticlericale I misteri di Roma contemporanea (1851-1853) di Bonaiuto Del Vecchio, che inscena nella Roma papalina una complessa vicenda di scontri fra congreghe massoniche e carbonare. Mancano nelle tre narrazioni citate l’ambientazione cupa e malavitosa dell’opera di Sue, gli orrori della povertà, dell’abbandono, della violenza, mentre il romanzo naselliano introduce immediatamente il lettore in un mondo affine ai bassifondi parigini : la sordida osteria del Sole, come il Lapin Blanc dei Mystères de Paris, è frequentata da criminali, che nella bettola palermitana progettano un furto in un incomprensibile gergo, arrivando poi a uccidere un loro pari in una colluttazione. L’intento autoriale è dichiarato esplicitamente nella prefazione « Al lettore » : « Il mio libro sverterà dall’occulto vizi e virtù, opere magnanime e prostituzioni cittadine ; ti porrà sott’occhio quadri alla vista dei quali indietreggerai a prima giunta, ma educheranno il tuo cuore alla scuola della verità »15. Un analogo impegno realistico, orientato eticamente – mostrare il Male per spingere al Bene – evidenzia alcuni anni dopo Francesco Mastriani nei Misteri di Napoli, considerato a torto dalla maggior parte dei critici il primo romanzo di area italiana che riprenda direttamente contenuti, atmosfera e funzioni del modello francese16.

  • 17 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 14.
  • 18 Ibid., p. 21.
  • 19 Per Bianchini, « il microcosmo delle storie dello stabile » (La luce a gas e il (...)
  • 20 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 12.

6Naselli professa la sua autonomia da Sue ; lo scenario quasi identico di apertura non deriva, a suo dire, da « scimmiottismo o francesismo », ma dalla volontà di fornire una rappresentazione autentica : « io non poteva scegliere altro sito che una bettola, sendo che ivi giornalmente fanno convegno tal classe di gente in Sicilia »17. In realtà, il legame con l’ipotesto francese va ben oltre la scena iniziale, innervando la struttura stessa della narrazione : le numerose azioni si irradiano da un unico centro in entrambi i romanzi, un caseggiato – 17 rue du Temple per Sue, una casa « di modesta apparenza a due piani »18 nel palermitano quartiere del Cassaro per Naselli – dove abitano le famiglie protagoniste delle diverse vicende che confluiscono nella narrazione generale19. L’autore palermitano ambisce a un più rigoroso realismo, rispetto ai Mystères de Paris, come conseguenza del più marcato intento morale dichiarato nella prefazione ; la conversazione fra gli avventori dell’osteria che apre il romanzo si svolge infatti tramite un gergo malavitoso così insistito da risultare artificioso, anche perché per ogni termine Naselli inserisce la spiegazione in italiano : « Or bene, ivi esiste una cuba (casa) ad un solo piano con tre occhi (balconi) […] ; è stata presa in affitto giorni or sono da un cardemi (forestiere) che tiene molta grassume (moneta d’oro) »20. Ne risulta la raffigurazione di una dimensione sociale altra, violenta, priva di compassione, con un suo specifico linguaggio e regole, da cui il povero onesto deve rifuggire ; non esiste, come in Sue, una figura superiore, quale Rodolphe, di raccordo fra realtà criminale e mondo dei giusti. Questi ultimi vivono miseramente, ma con dignità, nella casa a due piani che è nucleo ideologico e topografico del discorso naselliano : al pianterreno Luigi, poverissimo scultore, ama Maddalena, ma gli si oppone per interesse il padre della ragazza, il malvagio Filippo, segretario del Principe di B., il quale possiede l’intero caseggiato. Filippo sfratta Luigi, che chiede aiuto al Principe insieme all’amico Pietro, in precedenza licenziato dal segretario ; nel palazzo i due incontrano un malavitoso, Pasquale, che il nobile ha assoldato come factotum, e uscendo insieme a lui vengono catturati dalla polizia che inseguiva Pasquale, perché considerati suoi complici. La vita in carcere corrompe Luigi, che decide di diventare un criminale, anche perché Maddalena è stata promessa a un altro. Scontata la pena, il protagonista cerca di uccidere Filippo ; torna allora in prigione, è torturato e condannato ai lavori forzati. Al primo piano abita Guglielmo, pittore, che impazzisce perché un mediocre collega con l’inganno si impossessa di un suo bozzetto e lo spaccia per proprio ; i Beati Paoli vendicheranno comunque l’affronto e la famiglia verrà soccorsa dalla generosità del Principe. Al secondo piano abita Alfredo, compositore, che combatte inutilmente con avidi impresari per mettere in scena le proprie opere. In soffitta si nascondono Odoardo, figlio di Sara, giovane inglese che era stata sedotta da un siciliano, e Maria, da lui salvata in un incidente. Nonostante ciò, il padre di lei, il marchese di V., si oppone alle nozze per pregiudizi di casta ; la coppia fugge, ma il nobile li trova e uccide Odoardo, apprendendo dalle sue ultime parole di esserne padre ; era stato lui infatti a sedurre Sara.

  • 21 Valentino Cecchetti prende a prestito dai formalisti russi il concetto di dominante – « e (...)
  • 22 Esaminando i Mystères de Paris di Sue come esempio di feuilleton che risponde a (...)

7Come si può evincere dalla trama degli eventi, il romanzo di Naselli si allontana decisamente dall’archetipo per un aspetto fondamentale, già accennato : non si assiste qui al trionfo della giustizia per i poveri, « dominante » del romanzo popolare21, il macrogenere in cui i misteri italiani confluiscono ; nel conflitto manicheo fra bene e male i buoni non vincono, poiché non li soccorre la fallace legge di Stato, né un personaggio di grado superiore che possa normare un universo caotico, imponendo le sue regole22. La scelta dell’autore rispecchia una precisa situazione sociale e politica :

  • 23 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 210.

Naselli colloca gli avvenimenti nella Sicilia di fine Settecento, in anni in cui il vuoto di potere è determinato dal succedersi di governi diversi, travolti e reintegrati in rapporto alle mutevoli vicende europee oltre che alla crisi economica legata alla configurazione latifondistica delle risorse dell’Isola. Il vuoto di potere, la depressione economica, lo strapotere feudale, elementi tutti di un immobilismo sociale, che egli vuole combattere23.

8Il dominio aristocratico è impossibile da svellere poiché, come afferma la voce narrante, si regge su un occulto sistema di favori che interessa tutte le altre classi sociali :

  • 24 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 97-98. Anche i popolani più disonesti sono al serviz (...)

ogni barone era assoluto signore, ed avea pieno dominio non che su gli esseri inanimati attaccati al feudo, alla baronia, ma sugli uomini […]. Ogni corte avea il suo giudice, il suo fiscale, i suoi agenti, i suoi scherani, e tutti agli stipendi del barone […]. I principali motori di quest’idra umanata, erano i così detti agenti ai quali ogni dritto ed ogni volontà del barone eran noti, ed erano, per dir così, l’anello immediato tra la superba iattanza degli agi e del lusso baronale del superbo signore, e la luridissima miseria dell’infelice vassallo24.

  • 25 Costui è un « omicciattolo corto e grasso quanto un majale. La testa parevagli incastrata (...)
  • 26 « La sua barba che scendevagli dalle tempia, trasversalmente lungo la bocca, bianca (...)
  • 27 Ibid., p. 44.
  • 28 Ibid., p. 51.

9Ma il romanzo va oltre il quadro storico delineato, individuando nelle figure dei mediatori fra nobili e popolo i veri artefici del sopruso : Filippo compie continui abusi di potere ai danni di Luigi senza che il Principe ne sia a conoscenza ; l’ufficiale giudiziario esecutore dello sfratto agisce con tale violenza da provocare la morte dell’anziana madre del protagonista. Si tratta di personaggi inquietanti, grotteschi, animalizzati o tangenti al soprannaturale – il maialesco Filippo25, l’esattore mortuario26 –, icone di un malessere che attraversa l’intero corpo sociale, non incarnandosi in una figura specifica da combattere, anche perché non sempre collegato con la prepotenza nobiliare ma piuttosto con il prevalere di interessi particolaristici di singoli, e disonesti, individui : tali sono gli usurai (« Uomini-cifra possono cotestoro chiamarsi, vituperio delle genti, martirio delle società »27) o gli sprezzanti impresari. Nel loro insieme, si tratta di « [u]omini proteiformi, or rassegnati ed ora superbi, di tutti i tempi, di tutti i colori, e di tutti i costumi, infami sempre sino al ridicolo »28. In questo contesto anche la figura del benefattore, che nei Mystères de Paris ha un ruolo di primaria importanza nella persona eccezionale e superomistica di Rodolphe, risollevando le sorti degli afflitti e punendo i malvagi, è debole, problematica e contraddittoria ; anch’essa raffigurata con tratti grotteschi e surreali.

La filantropia come mistificazione

  • 29 Ibid., p. 103.
  • 30 Ibid., p. 108.
  • 31 Ibid., p. 112.
  • 32 Ibid., p. 183.
  • 33 Si confrontino le osservazioni di Sacco Messineo, che comunque non rileva quanto di rigid (...)

10Il Principe « tanto buono, tanto amabile, tanto caritatevole » nelle parole di Luigi, è ritratto da Pietro come un uomo maleducato e collerico29 ; secondo la voce narrante, « [n]on ritirava mai la mano al soccorso, ma stendeala sgarbatamente ; talché alle volte fu sentito dare del ladro, della prostituta a gente onoratissima »30. Sentimentale fino all’eccesso ma sprezzante verso il popolo, il nobile è una figura ossimorica e macchiettistica : « non potea vedere una lacrima tremolare sull’occhio » dei questuanti, ma al tempo stesso « stizzandosi e rabbiandosi beneficava maledicendo, tutti »31. Il suo vizio predominante « era l’assolutismo, né ammetteva consigli o suggestioni, quando s’era in capo fitta un’idea »32. Un personaggio certamente irrisolto nel continuo alternarsi di slanci rabbiosi e melodrammatico impietosirsi, che comunque evidenzia con precisione i limiti di quel filantropismo aristocratico che ha così tanta parte nel modello francese, originato invece per Naselli solo da capriccio, da emozionalità irriflessa, e mai informato a un superiore senso di giustizia33. Fra l’altro la generosità inconsulta del Principe viene interamente vanificata perché messa in opera da dipendenti ipocriti, interessati al proprio vantaggio personale, o malavitosi per quanto non malvagi, come Pasquale che, mandato a soccorrere le famiglie indigenti, sarà imprigionato e condannato a morte.

  • 34 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 106.
  • 35 Ibid., p. 221.

11Le parole di Pietro, personaggio minore ma dotato di una superiore consapevolezza, sconfessano decisamente l’ottimismo dei Mystères de Paris su una possibile interazione fra classi grazie all’altruismo dei gruppi dominanti : « Io, Luigi, abborro ora anche il beneficio, perché senti, il potente dona per ozio, per fastidio, per opprimere ; dona ancora per debolezza o per ira, di rado per benignità di natura o per amore del prossimo »34. Ad analoghe conclusioni giunge Luigi dopo l’esperienza atroce della prigione e della tortura, un descensus ad inferos che stravolge e deforma il carattere del personaggio, rendendolo « riottoso, virulento, vendicativo, amante il disordine e la vendetta »35, per quanto gli consenta di comprendere il carattere mistificatorio della benevolenza nobiliare :

  • 36 Ibid., p. 224-225.

Il Principe ci ha beneficati, è vero, ma il suo era beneficio egoista, era beneficio che promanava dal calcolo e non dal cuore, era beneficio in somma che immegliando la nostra condizione corrompeva il nostro cuore, e abbrutiva l’anima nostra […]. La sua soverchia condiscendenza per un uomo infame e giurato mio nemico l’ha tradito nelle sue mire rendendolo zimbello delle sue malvagità36.

  • 37 « [Luigi e Pietro] si trattenevano a considerare le umili case dei popolani appoggiate a (...)

12La sperequazione sociale e la sottomissione del proletariato sono elette a sistema e incise nella topografia cittadina : le case popolari sono addossate a splendidi palazzi aristocratici che offrono un sostegno illusorio, perché in realtà sottraggono aria e luce agli ambienti poveri, condannandoli a un’irrisolvibile dipendenza e a un perenne squallore37.

  • 38 M. Romano, Mitologia romantica e letteratura popolare…, p. 52.
  • 39 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 217.
  • 40 Sul personaggio del brigante nella letteratura dell’Ottocento si vedano M. Romano, (...)

13Il povero onesto, portatore di quelle virtù che Naselli intende contrapporre ai vizi nobiliari, ha uno spazio d’azione ridottissimo o inesistente, stretto fra due opzioni inaccettabili : assoggettarsi a una classe dominante capricciosa e inetta, a sua volta diretta da un ceto borghese infido e furfantesco, oppure scivolare verso il basso, in una dimensione criminale ripugnante, di respingente alterità ; nel primo caso smarrendo la propria dignità, nel secondo abdicando a un intero sistema di valori improntato a gentilezza, rispetto delle norme, religiosità. Se la struttura labirintica dei Mystères de Paris proponeva « un grappolo di sfere comunicanti, di mondi adiacenti ma immersi in due diverse dimensioni ; da una parte le misere soffitte della povera gente, dall’altra i palazzi dorati degli aristocratici, da una parte la purezza e la virtù, dall’altra il vizio e la corruzione »38, Naselli presenta al lettore un universo popolare inglobato in quello aristocratico, a cui viene negata una possibilità autonoma di esistenza condotta nei confini della legalità. L’unico personaggio libero di muoversi fra i due mondi, in between tra ricchezza e miseria, norma e trasgressione, è Pasquale, che secondo Sacco Messineo assume nel romanzo le funzioni di « vendicatore », sia pure circoscritte rispetto al Rodolphe di Sue, perché « isolato e non certo onnipotente »39. In realtà questa figura è scarsamente delineata nell’opera e sicuramente debitrice al topos letterario del bandito, difensore dei poveri e dedito alla criminalità non per indole ma per circostanze avverse40 ; inoltre la sua minima azione costruttiva dipende dalle direttive principesche, e non da una personale empatia nei confronti delle classi più disagiate.

Abyssus abyssum invocat41

  • 41 Prendiamo a prestito il titolo del capitolo XIX del romanzo, che descrive la trasformazio (...)
  • 42 Cf. M. Foucault, Eterotopia, a cura di S. Vaccaro, T. Villani, P. Tripodi, Milano, Mimesi (...)
  • 43 « Queste prigioni, o a meglio dire questa specie di sepolture, erano di forma bislunga, e (...)
  • 44 Ibid., p. 153. Sacco Messineo sostiene che nella sezione dedicata al carcere Naselli acce (...)

14Manca nel romanzo di (de)formazione di Naselli, imperniato sulla caduta del protagonista, una dimensione effettivamente positiva, mentre lo sguardo del narratore indugia sulle eterotopie urbane, quali la prigione e il manicomio, come rappresentazioni ribaltate di una società che tenta di convogliare in tali spazi differenti le componenti di devianza dalla norma che il corpo sociale esprime42. Luigi e Pietro sono condotti in celle minuscole, sporche e umide, nel carcere della Vicaria43, luogo carico di un’alterità minacciosa, perché governato dalla violenza e dominato dal potere tirannico del camorrista Salvadore, che riscuote compensi per ogni minimo favore che concede ai prigionieri : « il principio, che ci regge è la forza : da essa promanano gli usi nostri, le nostre leggi, per essa noi siamo uniti, innanzi ad essa tace ogni buon dritto ed ogni fatto »44.

  • 45 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 219.
  • 46 All’alterità linguistica del gergo malavitoso nel primo capitolo, significativamente inti (...)
  • 47 La denuncia della tortura come pratica abominevole, non solo perché martirizza il corpo, (...)

15La repentina conversione alla criminalità di Luigi, per quanto affatto modulata nell’opera, costituisce un tassello importante nella raffigurazione pessimistica della società palermitana, i cui luoghi di reclusione non sono in effetti spazi differenti ma cellule di un sistema omogeneo, che ripete in ogni sua parte uno stesso paradigma di ingiustizia e oppressione ; non è la Vicaria, ma l’intera città a costituirsi come trappola / prigione per il proletario che tenta disperatamente, senza riuscirci, di rimanere onesto. « Questa comunità di oppressi non trova dunque un superuomo che la vendichi ma non ha nemmeno la possibilità di partecipare attivamente al proprio destino né tanto meno di salvarsi »45. Se quindi l’ambiente della malavita, per linguaggio, gestualità, comportamenti, appare inizialmente in opposizione alla normalità del cittadino onesto46, i due mondi gradatamente si avvicinano, finendo per sovrapporsi : chi è povero e privo di protezione, per quanto innocente, è esposto a ogni sopruso, fino a essere considerato un criminale e sottoposto a umiliazioni e torture47 ; il carcere rispecchia ed estremizza le stesse dinamiche di violenza e abuso che si presentano nel mondo esterno.

Labirinti narrativi e ripensamenti autoriali, fra epiloghi luttuosi e lieto fine

  • 48 Cf. G. Genette, Palinsesti. La letteratura al secondo grado, Torino, Einaudi, 1997, p. 20 (...)
  • 49 G. Genette, Soglie. I dintorni del testo, Torino, Einaudi, 1989, p. 235.
  • 50 Ancora Genette, in Postscript (Paris, Seuil, 2016), afferma : « Imposer un post (...)

16Dal destino tragico che coinvolge gli abitanti dello stabile – Luigi condannato per anni ai lavori forzati a Favignana, Odoardo ucciso dal marchese suo padre, Guglielmo morto in preda alla follia, la sua famiglia ridotta alla miseria – si salvano però due personaggi : il compositore Alfredo e Pietro, che diventerà il suo librettista ; entrambi riscattano la propria situazione di sottomissione alla prepotenza delle classi dominanti e a una diffusa logica mercificante che ne stigmatizza la condizione di povertà, esercitando con disperata passione i propri talenti, e ottenendo infine l’agognato successo e la bramata rispettabilità borghese. Ma il loro trionfo, che comunque dipende in parte dalla consueta generosità del Principe, si colloca al di fuori dell’orizzonte testuale, in un capitoletto significativamente intitolato « Dopo la conclusione ». Queste poche pagine potrebbero essere una forma di continuazione prolettica48, per usare la terminologia genettiana, che sviluppa ulteriormente la vicenda del romanzo, chiudendo alcune linee di narrazione secondarie. Ma il titolo della sezione fornisce diverse indicazioni : situandosi dopo la fine, tale porzione di testo può essere considerata una postfazione narrativa, elemento peritestuale che esercita « una funzione curativa o correttiva »49 rispetto al già detto, orientandolo diversamente, fornendo una sorta di guida interpretativa a posteriori. L’autore insomma è tornato sui suoi passi, inserendo un étrange ricochet50, un rimbalzo narrativo che sembra mettere in discussione il pessimismo che ha informato fino ad allora la narrazione, fornendo in extremis un happy ending. Si tratta però di un secondo finale, che riveste carattere di eccezionalità, come d’altra parte gli stessi due personaggi : Alfredo e Pietro sono artisti, e il loro talento è più libero, sganciato in sé dalla committenza nobiliare e dai giochi di potere, rispetto alle professioni di Luigi e Giacomo, scultore e pittore. Pietro, fra l’altro, sin dalle sue prime battute enuncia la morale del romanzo affermando quanto sia inutile e dannoso sperare nel sostegno nobiliare come fattore risolutore dei problemi derivati da una condizione di povertà. Il personaggio è irrazionale, quasi folle, un outsider che vive ai margini del sistema sociale intessendo sproloqui surreali ; ma è la realtà stessa che lo circonda a essere illogica e ingiusta, e la sua figura, di individuo onesto costretto alla miseria perché licenziato senza colpe dal segretario del Principe, rappresenta metonimicamente la sostanza di un tessuto sociale che impedisce alle classi inferiori un’esistenza accettabile. Un ulteriore capitolo estende la vicenda al « 1823 » – questo il titolo della porzione testuale – anno in cui la città di Palermo viene distrutta da un terremoto rovinoso. Un uomo,

  • 51 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 274.

visto un cadavere d’un vecchio, rizzandosi sui piedi e battendo sulla fronte ambo le mani gridò :
– Potenza di Dio !
Era questi il povero Luigi, l’ex-condannato, il galeotto che sospingea il cadavere pesto e mutilato del signor Filippo, il suo persecutore, la causa prima del suo triste presente, che Dio nella sua santa giustizia puniva di morte acerba e terribile51.

  • 52 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 219. La studiosa rileva ino (...)
  • 53 A. Martini, La Sacra Bibbia secondo la volgata tradotta in lingua italiana e con annotazi (...)
  • 54 Ibid.
  • 55 G. Genette, Soglie…, p. 154.

17L’intervento della punizione divina è considerato un elemento cardine da Sacco Messineo, che orienta in tal senso la sua interpretazione critica : a suo dire, l’opera di Naselli non approda al realismo poiché troppo dipendente dal modello manzoniano, per cui, pur non presentando « esiti consolatori », « rimanda, piuttosto, a una giustizia superiore per risolvere le drammatiche sorti terrene »52. In realtà nel romanzo la presenza di Dio è minima, limitandosi a qualche usuale ricorso in personaggi minori (invocazioni, esclamazioni) ; né la morte di Filippo può essere considerata una forma di risarcimento, per quanto tardivo, poiché non cambia nulla dell’atroce destino di coloro che ha perseguitato ; d’altra parte Naselli ne rimarca la marginalità, collocandola in una zona altamente periferica della narrazione. Un altro elemento peritestuale, l’epigrafe iniziale, può allora aiutarci a comprendere il percorso tortuoso della scrittura naselliana, che non ci sembra deroghi, in realtà, da un deciso pessimismo riguardo alle sorti popolari. L’esergo cita il cap. V dell’Ecclesiaste, v. 7 : « Si videris calumnias egenorum et violenta judicia, et subverti justitiam in provincia, non mireris super hoc negotio » ; in traduzione, « [s]e vedrai oppressi i miserabili, e corrotti i giudizi, e violata la giustizia nel paese, non turbarti per questo »53. Naselli omette la seconda parte del versetto : « quia excelso excelsior est alius, et super hos quoque eminentiores sunt alii » ; « perché colui, che sta in posto sublime ha un altro, che gli soprasta : e questi pure hanno altri, che sono al di sopra di essi »54. Nella gerarchia del libro sacro in cima alla piramide vi è il potere divino, che governa e dirige i potenti della terra ; il romanzo palermitano, invece, sin dall’epigrafe, la cui funzione canonica è « commentare il testo, del quale precisa o sottolinea indirettamente il significato »55, elimina dall’orizzonte ideologico e fattuale il divino, affidando solo alle deboli forze dell’uomo la remota possibilità di un riscatto.

Smitizzazioni

  • 56 Cf. B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, Palermo, Clamis e Roberti, 1 (...)
  • 57 B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, p. 18.
  • 58 Ibid., p. 31.
  • 59 Cf. ibid., p. 57.
  • 60 Si vedano C. Piola, Li Biati Pauli, in Liggenni popolari, Palermo, Stamparia Paganu e Pio (...)

18Anni dopo Naselli torna nei bassifondi palermitani con un dramma, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, rappresentato nel Real Teatro Santa Cecilia il 21 dicembre del 1863, e pubblicato l’anno successivo56. La vicenda sviluppa, variandolo, un nucleo narrativo già presente nei Misteri di Palermo, la tragedia di Guglielmo, ingannato da un pittore rivale. Nell’opera teatrale Biagio, gran maestro dei Beati Paoli – setta segreta che, secondo il pensiero popolare, si costituiva come tribunale alternativo alla debole giustizia di Stato per riparare i torti e vendicare gli oppressi –, utilizza la sua organizzazione per eliminare un pericoloso avversario in una gara di appalti, il pittore Vito, accusandolo falsamente di fronte ai confratelli, e quindi di fatto ordinandone l’esecuzione. Il delitto viene imputato a un innocente, Andrea Valenti, che sarà giustiziato lasciando la famiglia in miseria ; una doppia tragedia, poiché Andrea era già stato vittima di un sopruso, in quanto Vito gli aveva trafugato il bozzetto che intendeva presentare alla gara. Un Beato pentito rivela ogni cosa al Principe, che ripristina l’ordine sovvertito ; ma la conclusione positiva, affidata alla buona volontà di un singolo, non intacca la visione tragica del destino popolare che già aveva informato i Misteri di Palermo. Si consideri inoltre che il viceré accoglie con fastidio e disprezzo le accuse della moglie di Andrea, arrendendosi solo di fronte all’evidenza, perché « la giustizia è cieca e ha i piedi di piombo »57 ; « la società aspetta una vittima, e l’avvocato fiscale gliela butta in faccia come espiazione, e il popolo guarda stupido e i signorotti applaudiscono alla fermezza delle leggi e gl’innocenti soffrono »58 ; i filantropi lasciano che una famiglia si abbrutisca nella miseria59. In questo cupo quadro storico e sociale anche il tenace mito popolare dei Beati come protettori delle fasce deboli della società si dissolve60, lasciando il proletariato in balia del caso, dei favori o capricci delle classi dominanti.

Considerazioni conclusive

19Privo di aiuti concreti, o costretto ad abdicare alla propria dignità per ottenerli, confidante in una giustizia divina tardiva, che interviene quando ormai ogni vicenda è tragicamente conclusa, alienato persino dai suoi miti, dei quali viene svelato il carattere mistificante, il popolo palermitano attraversa la scena letteraria naselliana in solitudine, costretto a fare i conti con la propria fragilità di fronte a una società che lo confina ai margini e a un sistema giudiziario che non ne rispetta i diritti. Come unica soluzione l’autore prospetta il lavoro onesto, quale riaffermazione del ruolo dei poveri nella società ; nel dramma Maria, vedova di Andrea Valenti, non accetta come risarcimento una donazione da parte di Vito :

  • 61 B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, p. 122.

datemi del lavoro […] le mie braccia adesso si sono fortificate nella speranza… e colla forza e col lavoro i miei figli avranno pane ed educazione… ma non si dirà, che io ho ricevuto il prezzo del sangue di mio marito61.

  • 62 Ad esempio il dramma di G. Rizzotto e G. Mosca, I mafiusi di la Vicaria di Pale (...)
  • 63 Una soluzione analoga offre Mastriani nei suoi Misteri di Napoli, come osserva Quinto (...)

20Potrebbe sembrare una soluzione banale e semplicistica, ma è invece di notevole originalità rispetto all’utopismo conciliatore dei Mystères de Paris o, al contrario, all’ammirazione o perfino apologia del crimine che altre opere siciliane evidenziano62. Il romanzo di Naselli, nonostante non sia di elevata qualità per la scrittura farraginosa che mescola termini aulici o desueti ed espressioni popolari, la presenza di personaggi dai tratti psicologici innaturali perché rigidamente corrispondenti a un’idea astratta, l’eccessiva frequenza di deprecazioni moralistiche che ingolfano la narrazione, ci consegna l’immagine inedita di un proletariato urbano oppresso da una dolorosa condizione di miseria e subordinazione alle classi dominanti, in difficile equilibrio fra servilismo e caduta negli abissi della criminalità, in cerca di una sofferta identità63.

Haut de page

Notes

1 R. Contarino, « Il Mezzogiorno e la Sicilia », in Letteratura italiana, vol. XI : L’età contemporanea. La storia e gli autori, t. 2 : La Toscana, Roma, l’Italia meridionale, le aree di frontiera, a cura di A. Asor Rosa, Torino, Einaudi, 2007, p. 349-459 : 449.

2 Per Sciascia, l’insularità, e la conseguente vulnerabilità di difesa, ha comportato « l’insicurezza [come] componente primaria della storia siciliana ; e condiziona il comportamento, il modo di essere, la visione della vita – paura, apprensione, diffidenza, chiuse passioni, incapacità di stabilire rapporti al di fuori degli affetti, violenza, pessimismo, fatalismo – della collettività e dei singoli » (L. Sciascia, La corda pazza, Milano, Adelphi, 1991, p. 13). Osserva Walter Pedullà : « Proprio perché la Sicilia attuale può essere descritta come un palinsesto di soprusi e violenze perpetrate nei secoli da un potere politico interessato unicamente a eternare un sistema di sfruttamento e di privilegi, Sciascia […] comincia a riandare sempre più indietro nel tempo, alla radice del male che la affligge. L’oppressione di oggi si spiega insomma soltanto risalendo alle violenze di ieri e dell’altro ieri » (W. Pedullà, « L’immagine del Meridione nel romanzo italiano del secondo Novecento (1941-1975) », Meridiana, n° 47-48, 2003, p. 175-212).

3 « È destino d’ogni isola esser sola nell’angoscia dei suoi sigillati confini : infelice e orgogliosa di questo destino. […] Isole dentro l’isola ; questo è appunto lo stemma della nostra solitudine, che vorrei con vocabolo inesistente definire “isolitudine”, con ciò intendendo il trasporto di complice sudditanza che avvince al suo scoglio ogni naufrago » (G. Bufalino, « L’isola nuda », in Id., Saldi d’autunno, Milano, Bompiani, 1990, p. 8-18 : 16-17). Ne deriva, secondo Ilaria Fatta, la configurazione di una dimensione virtuale e mitica : « La Sicilia, sia nell’ambito letterario che in quello storiografico, è l’emblema della campagna isolata, la terra del mito fuori dal tempo e dallo spazio, fatalista, i cui abitanti sono vittime di forze incontrollate e opprimenti che vengono dal mare (i nemici), dalla storia (il sottosviluppo atavico), dalla tradizione culturale (l’innata mafiosità e uno spiccato interesse personalistico) e, in ambito nazionale, terra di ribelli autonomisti » (I. Fatta, « Insularità. Note sul rapporto fra gli scrittori siciliani e la loro terra », Carte Italiane, n° 10, 2015, p. 171-190 : 175).

4 Ad esempio, G. Baldi (L’artificio della regressione. Tecnica narrativa e ideologia nel Verga verista, Napoli, Liguori, 1980) osserva come il pessimismo verghiano consenta all’autore di sfuggire alla visione consolatoria delle classi popolari e ai mistificanti miti nazionali del progresso.

5 Si veda almeno U. Eco, « Le lacrime del Corsaro nero » e « Eugène Sue : il socialismo e la consolazione », in Id., Il superuomo di massa. Retorica e ideologia nel romanzo popolare, Milano, Bompiani, 2015, p. 13-35 e 37-84.

6 Per un quadro sommario della situazione politico-sociale della città siciliana cf. O. Cancila, Palermo, Bari, Laterza, 2009, p. 25-27.

7 Cf. U. Eco, « Eugène Sue : il socialismo e la consolazione », p. 68. Nei Mystères de Paris, Rodolphe, nobile sotto spoglie borghesi, soccorre la giovane prostituta Fleur-de-Marie, la famiglia del lapidario Morel, e altri poveri lavoratori oppressi dal crudele notaio Jacques Ferrand, che sarà punito dal protagonista ; la stessa sorte subirà il malvagio Maître d’École, compagno della Chouette, aguzzina di Fleur-de-Marie.

8 F. Mastriani, I misteri di Napoli. Studi storico-sociali, Napoli, G. Nobile, 1869-1870, vol. I, p. 60.

9 Cf. M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio : I misteri di Palermo di Benedetto Naselli », in Narrativa minore del secondo Ottocento in Sicilia, a cura di G. Rando, Messina, Sfameni, 2004, p. 203-223, e in particolare p. 212-219 ; e R. Atria, Narrativa storico-popolare dell’Ottocento : la produzione siciliana minore (1830-1870), tesi di dottorato, Palermo, Università di Palermo, anni accademici 2008-2010, p. 142-147.

10 Cf. B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî” : la bibliografia del romanzo dei misteri in Italia », La Bibliofilia. Rivista di Storia del Libro e di Bibliografia, vol. CVI, n° 2, 2004, p. 173-213 : 196.

11 Si vedano in proposito Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, Pisa, ETS, 1993, p. 40, e R. Castagnola, P. Orvieto, « I “misteri” », in Id., Ottocento inquieto e misterioso. Romanzi popolari e altri scritti dimenticati della letteratura italiana, Roma, Carocci, 2012, p. 65-95 : 80.

12 U. Eco, « Le lacrime del Corsaro nero », p. 17.

13 Non si hanno notizie biografiche su Benedetto Naselli ; qualche informazione – era avvocato, iscritto a diverse accademie, era stato in prigione – si ricava dai dati preposti alle sue stesse opere (cf. R. Atria, Narrativa storico-popolare dell’Ottocento…, p. 142, n. 318).

14 B. Moloney, G. Ania, « “Analoghi vituperî”… », p. 182.

15 B. Naselli, I misteri di Palermo, Palermo, I Buoni Cugini, 2017, p. 8.

16 Si vedano : A. Bianchini, La luce a gas e il feuilleton : due invenzioni dell’Ottocento, Napoli, Liguori, 1988, p. 166 ; M. Romano, Mitologia romantica e letteratura popolare. Struttura e sociologia del romanzo d’appendice, Ravenna, Longo, 1977, p. 89 ; Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, p. 21, 38. Fra i critici, solo Sacco Messineo rileva una filiazione tra il romanzo di Naselli e il modello francese, « ampiamente significativa […] ; la condizione antropologica dei bassifondi cittadini emerge in tutta la sua situazione disastrosa facendo dell’operazione letteraria uno strumento di giustizia » (« Un romanzo del suburbio… », p. 203).

17 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 14.

18 Ibid., p. 21.

19 Per Bianchini, « il microcosmo delle storie dello stabile » (La luce a gas e il feuilleton…, p. 110) definisce in Sue un luogo di convergenza delle tre classi sociali presenti nel romanzo : aristocratici, borghesi, popolani ; in Naselli, come vedremo, i proletari occupano di diritto l’abitazione, subendo l’intrusione di nobili e funzionari, in una netta polarizzazione vittime / carnefici.

20 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 12.

21 Valentino Cecchetti prende a prestito dai formalisti russi il concetto di dominante – « elemento perno intorno al quale si distribuiscono tutti gli elementi del racconto » (Generi della letteratura popolare : feuilleton, fascicoli, fotoromanzi in Italia dal 1870 ad oggi, Latina, Tunué, 2011, p. 29) – per indicare come fulcro della narrazione popolare la parabola positiva, dalla disgrazia al risarcimento dei torti, che i personaggi appartenenti alle classi inferiori esperiscono.

22 Esaminando i Mystères de Paris di Sue come esempio di feuilleton che risponde al « bisogno di giustizia delle classi subalterne » e forma di « compensazione psicologica », M. Romano rileva la netta polarizzazione fra personaggi positivi (i poveri) e negativi (i ricchi borghesi), che si conclude con la « malvagità punita » (Mitologia romantica e letteratura popolare…, p. 8-16).

23 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 210.

24 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 97-98. Anche i popolani più disonesti sono al servizio dei signori, come il malavitoso Pasquale, nel cui personaggio si tratteggia una consuetudine negativa della nobiltà siciliana : fin dal Cinquecento quest’ultima aveva potenziato il fenomeno della criminalità cittadina, « sviluppatasi con l’inurbamento dei feudatari, che molto spesso la proteggevano e se ne servivano, talvolta anche con la connivenza del governo viceregio » (O. Cancila, Palermo, p. 20).

25 Costui è un « omicciattolo corto e grasso quanto un majale. La testa parevagli incastrata nel busto, e gli pensolava un mento grassissimo. I suoi capelli erano ricciuti e nerissimi, e gli occhi grifagni anzichenò. Vestiva un abito nero e ingemmavagli il petto un grosso spillo di brillanti, e brillanti avea alle dita. La sua voce era fessa e stentorea, lo sguardo cupo » (B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 54).

26 « La sua barba che scendevagli dalle tempia, trasversalmente lungo la bocca, bianca come la neve, a furia di vernice o qualche altra mistura era divenuta nera e luccicava come uno specchio : l’impasto di quella tinta l’avea resa inspida e tesa, talché sotto quella parrucca, un paio d’occhi da spiritato ed una faccia screziata da un cupo rossastro davangli un’aria da fare spavento » (ibid., p. 88).

27 Ibid., p. 44.

28 Ibid., p. 51.

29 Ibid., p. 103.

30 Ibid., p. 108.

31 Ibid., p. 112.

32 Ibid., p. 183.

33 Si confrontino le osservazioni di Sacco Messineo, che comunque non rileva quanto di rigido e burattinesco sia presente nel personaggio : « La figura del principe benefattore ha nel romanzo il ruolo di filantropo senza alcuna visione politica, né alcun potere se non quello della ricchezza, sicché i suoi gesti nascono da un generico sentimento di pietà nei confronti dei diseredati, che spesso non approda se non a un esito molto limitato » (« Un romanzo del suburbio… », p. 218).

34 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 106.

35 Ibid., p. 221.

36 Ibid., p. 224-225.

37 « [Luigi e Pietro] si trattenevano a considerare le umili case dei popolani appoggiate a codeste superbe dimore quasi per averne sostegno, nella stessa guisa che nel mondo i deboli si raccomandano ai potenti per conseguirne tutela ; e nel modo istesso che nel mondo i deboli dal continuo curvarsi acquistano soltanto avvilimento e abbandono : quegli abituri per la prossimità delle soverchianti magioni venivano a perdere la luce, ed il vivido circolare dell’aria » (ibid., p. 105). Si veda al riguardo M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 221.

38 M. Romano, Mitologia romantica e letteratura popolare…, p. 52.

39 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 217.

40 Sul personaggio del brigante nella letteratura dell’Ottocento si vedano M. Romano, « Introduzione. Il brigante romantico e la fanciulla perseguitata », in Id., Mitologia romantica e letteratura popolare…, p. 7-14, e R. Castagnola, P. Orvieto, « I briganti », in Id., Ottocento inquieto e misterioso…, p. 16-64.

41 Prendiamo a prestito il titolo del capitolo XIX del romanzo, che descrive la trasformazione di Luigi da uomo onesto ad assassino dopo l’esperienza atroce della prigione. La formula latina proviene da Salmi XLII, 8.

42 Cf. M. Foucault, Eterotopia, a cura di S. Vaccaro, T. Villani, P. Tripodi, Milano, Mimesis, 2010.

43 « Queste prigioni, o a meglio dire questa specie di sepolture, erano di forma bislunga, ed alte pressoché la statura regolare di un uomo. Aveano un piccolissimo pertugio che malamente chiamavasi finestrino […]. Una luridissima stuoia per terra che rigurgitava acqua, inzuppata com’era da una soperchiante umidità, facea le funzioni di letto, ed un accurato lavorio di ragno suppliva alla coltrice. Altri mobili non ve n’erano, che l’angustezza del locale nol permetteva mica » (B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 132).

44 Ibid., p. 153. Sacco Messineo sostiene che nella sezione dedicata al carcere Naselli accenna in modo superficiale alle forme della delinquenza organizzata, quali l’istituto della camorra, per quanto tutto ciò sia descritto « prendendone le dovute distanze, mai con i toni di ammirazione propri dei romanzi successivi di altri autori siciliani » (« Un romanzo del suburbio… », p. 218). In realtà la descrizione dell’esperienza carceraria è particolareggiata, e soprattutto introdotta dal narratore come piano di realtà radicalmente diverso rispetto a quella usuale, luogo dell’abiezione e dell’abbrutimento – « Se il suo cuore [del lettore] non si sente forte abbastanza da accompagnarci sino alla fine salti se il vuole a piè pari queste poche pagine ; che non per questo la nostra storia sarà monca e divisa » (B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 141) – e di un Male assoluto che sconfinerà dallo spazio circoscritto della Vicaria per inquinare l’esistenza dei personaggi positivi, quali Luigi. L’universo della prigione appare inoltre complesso e intimamente contraddittorio : accanto alla violenza è rappresentata l’umanità dei prigionieri e il loro spirito critico nei confronti di una società che non vuole migliorare i suoi membri, attraverso i graffiti che Luigi e Pietro leggono sulle pareti della cella. Naselli esprime in questo caso un interesse di tipo etnografico che con ben maggiore scientificità viene sviluppato da Giuseppe Pitrè nel suo lavoro sulle scritte nelle prigioni dell’Inquisizione palermitana, raccolte nel volume Graffiti e disegni dei prigionieri dell’Inquisizione, introduzione di L. Sciascia, Palermo, Sellerio, 1977.

45 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 219.

46 All’alterità linguistica del gergo malavitoso nel primo capitolo, significativamente intitolato « Nuovo dizionario » (p. 9-19), si assomma l’alterità gestuale e comportamentale dei criminali nel cap. XI, « Le pubbliche prigioni » (p. 131-144).

47 La denuncia della tortura come pratica abominevole, non solo perché martirizza il corpo, ma in quanto comporta perdita di dignità e smarrimento identitario – « Come [il boia] gli si appressò ghermendolo fra le braccia, il povero Luigi cadde in un tremendo spasimo nervoso vedendosi ridotto a tal punto di degradazione sociale, che facealo dapresso a quell’uomo così osceno e così schifoso » (B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 247) –, è di matrice illuminista, come correttamente nota R. Atria, rintracciando nelle pagine di Naselli l’influsso dell’illuminista siciliano Francesco Paolo di Blasi (Narrativa storico-popolare dell’Ottocento…, p. 144) e osservando in merito al segmento narrativo in questione : « La vicenda dello scultore Luigi, innamorato di Maddalena, figlia di un “signorotto” locale, che lo perseguiterà fino a farlo ingiustamente condannare alla tortura e all’isolamento per un delitto che gli è alieno, è solo una delle molte storie nella storia che l’autore propone al lettore con l’intento di mostrargli l’arretratezza della terra di Sicilia, la sperequazione economica e sociale, la vacuità del potere centrale » (ibid., p. 145).

48 Cf. G. Genette, Palinsesti. La letteratura al secondo grado, Torino, Einaudi, 1997, p. 206.

49 G. Genette, Soglie. I dintorni del testo, Torino, Einaudi, 1989, p. 235.

50 Ancora Genette, in Postscript (Paris, Seuil, 2016), afferma : « Imposer un post-scriptum à un épilogue est un étrange ricochet » (p. 7).

51 B. Naselli, I misteri di Palermo, p. 274.

52 M. Sacco Messineo, « Un romanzo del suburbio… », p. 219. La studiosa rileva inoltre il « patetismo emotivo » dello scrittore, che chiama continuamente in causa i lettori per suscitarne la commozione di fronte alle vicende narrate, o la « proliferazione di casi e di intrecci » nel romanzo, che « rivela una “complicazione moltiplicatoria” in cui ogni cosa è raccontata per eccesso » ; affermando inoltre che « l’ipoteca moralista […] rende sbiaditi i tratti realistici pur operanti nel romanzo, trattenendolo al di qua della stagione naturalistica », anche per una « vena sentimentalistica, emotiva e lacrimosa » (ibid., p. 213-214). Manca, a monte del discorso critico di Sacco Messineo, una corretta attribuzione di genere dell’opera naselliana : le presupposte carenze dei Misteri di Palermo rientrano in realtà nelle caratteristiche strutturali del romanzo popolare – e del sottogenere dei misteri – quali le iterazioni, le intrusioni metanarrative del narratore onnisciente, la chiamata in causa della percezione emozionale, il moralismo, altra faccia dell’impegno sociale e critico. Si vedano al riguardo U. Eco, « Le lacrime del Corsaro nero », p. 19, per le strutture iterative, e V. Cecchetti, Generi della letteratura popolare…, p. 25, 33, per la metanarratività e il coinvolgimento emotivo del lettore. La « mitologia romantica del patetico e del lacrimoso » come impedimento a una raffigurazione realistica è comunque rilevata da M. Romano per i misteri di Mastriani (Mitologia romantica e letteratura popolare…, p. 107).

53 A. Martini, La Sacra Bibbia secondo la volgata tradotta in lingua italiana e con annotazioni, Firenze, Passigli, 1835, vol. II, p. 359.

54 Ibid.

55 G. Genette, Soglie…, p. 154.

56 Cf. B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, Palermo, Clamis e Roberti, 1864. Si cita da B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, Palermo, I Buoni Cugini Editori, 2016.

57 B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, p. 18.

58 Ibid., p. 31.

59 Cf. ibid., p. 57.

60 Si vedano C. Piola, Li Biati Pauli, in Liggenni popolari, Palermo, Stamparia Paganu e Piola, 1857, p. 21-45 ; e il racconto di Francesca Campo, serva di Salomone Marino, riportato da G. Pitrè, Fiabe novelle e racconti popolari raccolti e illustrati da Giuseppe Pitrè, Palermo, Pedone Laurel, 1875, vol. IV, p. 57-58.

61 B. Naselli, I Beati Paoli o La famiglia del giustiziato, p. 122.

62 Ad esempio il dramma di G. Rizzotto e G. Mosca, I mafiusi di la Vicaria di Palermu (Palermo, Piazza, s. d.), rappresentato nel 1863, o il romanzo I Beati Paoli (1909-1910) di L. Natoli.

63 Una soluzione analoga offre Mastriani nei suoi Misteri di Napoli, come osserva Quinto Marini : « Il lavoro e l’ingegno sono le due risorse a disposizione del povero per risollevarsi, per porre fine ai suoi mali, per ritrovare una dignità. E non è certo una soluzione priva di coraggio, questa, specialmente se la vediamo proiettata nelle secolari cancrene della società napoletana » (Q. Marini, I « Misteri » d’Italia, p. 102). Può essere interessante ricordare una declinazione contemporanea – che si addentra nei territori del fantastico – dell’ottocentesca Palermo dei misteri : l’avventura grafica Occultus, cabala mediterranea (2016), sviluppata dal gruppo Sylphe Labs (Luca Alba, Paolo Gallo, Filippo M. Vela). In una città esoterica un giovane, chiamato in soccorso dal nonno antiquario, scopre misteriosi collegamenti sotterranei fra la casa di questi, il circolo dei nobili palermitani, e un ipogeo, sede della setta dei Beati Paoli. I monaci assassini adorano un demone che promette loro l’immortalità in cambio di sacrifici umani, e l’antiquario è loro complice, ma il protagonista riuscirà a salvarsi tramite oggetti magici. L’« idra umanata », cioè lo strapotere aristocratico nelle parole di Naselli (I misteri di Palermo, p. 98), si concretizza in un vero e proprio mostro tentacolare, che angoscia e opprime la splendida città di superficie.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Daniela Bombara, « I misteri di Palermo di Benedetto Naselli : la tragedia del proletariato siciliano fra povertà, oppressione nobiliare, corruzione »Transalpina, 25 | 2022, 33-50.

Référence électronique

Daniela Bombara, « I misteri di Palermo di Benedetto Naselli : la tragedia del proletariato siciliano fra povertà, oppressione nobiliare, corruzione »Transalpina [En ligne], 25 | 2022, mis en ligne le 21 octobre 2022, consulté le 14 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3750 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3750

Haut de page

Auteur

Daniela Bombara

Università degli studi di Messina

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search