Navigation – Plan du site

AccueilNuméros25Recension bibliographiqueComptes rendusLa carta veloce. Figure, temi e p...

Recension bibliographique
Comptes rendus

La carta veloce. Figure, temi e politiche del giornalismo italiano dell’Ottocento, Morena Corradi, Silvia Valisa (dir.)

Mariella Colin
p. 173-174
Référence(s) :

La carta veloce. Figure, temi e politiche del giornalismo italiano dell’Ottocento, Morena Corradi, Silvia Valisa (dir.), Milano, FrancoAngeli (Storia dell’editoria), 2021, 245 p.

Texte intégral

1Questo volume si inserisce nel contesto dei periodicals studies : un ambito disciplinare emerso di recente in ambito europeo e statunitense, che si consacra ai periodici in quanto tali, da considerarsi come espressione tecnologica, tematica, formale ed ideologica a sé stante. Sotto la direzione di Morena Corradi e Silvia Valisa, è qui raccolta una serie di contributi sul giornalismo italiano che coprono l’intero arco del secolo XIX, e riguardano sia l’attività di specifiche figure professionali, sia l’indagine approfondita di specifiche testate o rubriche del primo o del secondo Ottocento ; l’insieme, organizzato cronologicamente, ruota intorno alle questioni fondamentali della professione giornalistica e dell’« oggetto periodico » nelle sue componenti materiali, culturali ed ideologiche. Il volume ne conferma l’emergenza sul mercato pre e postunitario, quando i periodici diventano polo centrale dell’informazione e dell’acculturazione degli italiani, e la stampa comincia ad assolvere una funzione precisa all’interno del processo di modernizzazione della società civile urbana istruita (quella che gode del diritto di voto), garantendo la circolazione di notizie e idee, la omogeneizzazione crescente di linguaggi e di categorie, infine la costruzione di un discorso pubblico condiviso.

2Viene dapprima esplorato il periodo preunitario in due città, Napoli e Milano. La rassegna prende le mosse dal saggio di Loredana di Palma su Vincenzo Torelli, drammaturgo e critico teatrale, che nella Napoli borbonica della Restaurazione si dimostra fautore di notevoli innovazioni giornalistiche e fonda il periodico culturale L’Omnibus (1830-1850), nel quale saranno pubblicati in appendice romanzi di grande successo come quelli di Francesco Mastriani. Patrizia Landi invece mette in evidenza come, nello stesso periodo, a Milano il giornalismo si rivolga già a un pubblico diversificato, con periodici indirizzati alle lettrici (Il Corriere delle Dame, Le Ore casalinghe) o con giornali umoristico-letterari (L’Uomo di Pietra, Il Pungolo). In continuità con Landi, Massimo Castellozzi traccia un quadro dettagliato del giornalismo milanese nel periodo successivo, analizzando la produzione de La Frusta di Antonio Picozzi, giornale politico della sinistra radicale che critica severamente il governo. Così come farà il Gazzettino rosa di Achille Bizzoni, giornale dell’Estrema repubblicana, in opposizione al Pungolo di Leone Fortis, periodico monarchico di tendenza moderata in polemica col precedente (Morena Corradi).

3Tutti gli altri contributi del periodo postunitario si concentrano sulla pubblicistica milanese. Una dimensione particolare è quella della funzione di divulgazione del giornalismo musicale, intorno al quale si forma un pubblico molto vasto (la dimensione melodrammatica è componente fondamentale dell’Ottocento italiano). Esso si afferma dopo l’Unità col Giornale della società del Quartetto di Milano (Bianca Maria Antolini), e nei decenni successivi con Il Teatro illustrato di Edoardo Sonzogno (Alessandra Palidda). Come Milano conferma il suo ruolo di « capitale morale » del paese, così Sonzogno è la figura editoriale che impone la modernità giornalistica, che moltiplica le iniziative in molti campi, e che si impegna in un processo di acculturazione e divulgazione nazionale con il quotidiano di orientamento democratico Il Secolo (1866). Il primo grande giornale nazionale d’Italia ad alte tirature (il più diffuso fino al primo decennio del ’900), si trova ora al centro di un progetto di digitalizzazione che lo rende accessibile a distanza ad ogni ricercatore (Silvia Valisa). In appendice al volume è elencata, per tutte le riviste menzionate, l’accessibilità a livello digitale.

4Il contributo di Maurizio Punzo − consacrato alla genesi e allo sviluppo di Critica Sociale, il periodico socialista fondato da Filippo Turati nel 1891, che nei primi dieci anni conserva un’importante dimensione culturale restando aperto alla letteratura, alla filosofia, all’arte – è seguito dall’analisi di Sara Boezio della concettualizzazione dell’Ottocento contenuta nella rubrica « Bilancio del XIX secolo » del periodico Vita internazionale di Ernesto Teodoro Moneta, nella quale vengono sintetizzate in un panorama discorsivo le conquiste ideologiche, tecnologiche, politiche e culturali dell’Ottocento. Viene così confermato che la cultura del giornalismo italiano è europea a tutti gli effetti, nell’impegno alla cronaca e alla politica internazionale, e nella tecnologia che sottende alla riproduzione di notizie, periodici, romanzi.

5In conclusione, i saggi riuniti in questo volume collettaneo, offrono una rassegna di approcci di ricerca, e illustrano la molteplicità delle prospettive aperte dallo studio dei periodici ottocenteschi come capitolo fondamentale della storia culturale italiana.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Mariella Colin, « La carta veloce. Figure, temi e politiche del giornalismo italiano dell’Ottocento, Morena Corradi, Silvia Valisa (dir.) »Transalpina, 25 | 2022, 173-174.

Référence électronique

Mariella Colin, « La carta veloce. Figure, temi e politiche del giornalismo italiano dell’Ottocento, Morena Corradi, Silvia Valisa (dir.) »Transalpina [En ligne], 25 | 2022, mis en ligne le 21 octobre 2022, consulté le 22 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/3862 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.3862

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search