Navigation – Plan du site

AccueilNuméros19Recension bibliographiqueNotes critiquesGiorgio Bárberi Squarotti, Pensos...

Recension bibliographique
Notes critiques

Giorgio Bárberi Squarotti, Pensoso vo mesurando. L’irruzione della modernità nella narrativa italiana tra tardo Ottocento e Novecento

Luca Bani
p. 231-233
Référence(s) :

Giorgio Bárberi Squarotti, Pensoso vo mesurando. L’irruzione della modernità nella narrativa italiana tra tardo Ottocento e Novecento, San Cesario di Lecce, Manni, 2014, 351 p.

Texte intégral

1È un dato ormai consolidato e condiviso dalla comunità dei critici che la letteratura italiana postunitaria ha avuto un rapporto difficilissimo con la modernità e che la manifestazione più evidente di questo fenomeno è il suo pervicace attaccamento alla tradizione classicista. A parte rare ma notevoli eccezioni, e il riferimento a Leopardi è d’obbligo, quella classica è stata spesso considerata dagli scrittori del Belpaese più come una dimensione rassicurante e idealizzata nella quale rifugiarsi che una vera e propria linea programmatica di sviluppo per la letteratura nazionale, e questo ha fatto sì che molti di questi scrittori scegliessero di chiudersi in una sorta di passato autistico piuttosto che confrontarsi con la realtà che li circondava e che stava cambiando con ritmi vertiginosi. D’altro canto, le difficoltà incontrate dai letterati nel loro rapporto con la modernità non sono altro che il riflesso di quelle sperimentate dall’intera nazione nell’adattarsi a processi di modernizzazione economica, sociale e ovviamente anche culturale necessariamente dolorosi e traumatici, perché imposti a un paese ancora estremamente vulnerabile e appesantito da oggettive condizioni di arretratezza.

2Partendo da queste premesse, il volume di Giorgio Bárberi Squarotti ha l’indubbio merito di proporre al lettore una serie di saggi che, pur concentrandosi sulla descrizione di alcune tra le più importanti opere romanzesche che, tra mutamenti e persistenze, hanno segnato l’ultimo secolo e mezzo di narrativa italiana, mantengono vivo il contatto con la realtà sociale di cui questi romanzi sono testimonianza fedele e non perdono di vista quel disagio e quelle lacerazioni rispetto alla modernità che, tra tardo Ottocento e Novecento, hanno contraddistinto tutto il paese e, in modo particolare, alcune tra le sue regioni più arretrate : la Sicilia, Napoli, la Basilicata. La raccolta si apre quindi con il capitolo dedicato all’Ermanno Raeli di Federico De Roberto per arrivare, con l’ultimo saggio intitolato Come è Moravia, ad una valutazione complessiva dei romanzi dell’autore romano, passando per nomi noti come quelli di Consolo, Del Giudice, Di Giacomo, Flaiano, Carlo Levi, Pirandello, Silone, Soldati o Verga e per scrittori meno conosciuti, ma altrettanto significativi come il siciliano Giuseppe Bonaviri, l’aquilana Laudomia Bonanni, il cagliaritano Giuseppe Dessì, il frusinate Giustino Ferri e altri ancora.

3Tra i diversi capitoli, un fascino particolare, almeno nell’opinione dello scrivente, rivestono le numerose pagine dedicate alla Sicilia e incentrate non solo sull’identificazione di quest’isola come mito letterario, ma pure sull’analisi delle non poche differenze prospettiche che dividono e talvolta contrappongono gli autori siciliani rispetto proprio al loro modo di considerare l’isola, di viverne la complessa realtà storica, di elaborarne le implicazioni simboliche e di gestirne la ricaduta sull’immaginario.

4Per il primo di questi due elementi, Bárberi Squarotti delinea con precisione le accezioni mitologiche del cronotopo spaziale isolàno che ben si attanagliano al caso siciliano, perché « L’isola (letteraria) è sempre un mito : luogo d’approdo dopo le vicissitudini del mare e la mutevolezza dei venti, oppure scampo dal naufragio dei progetti e delle imprese di conoscenza (Ulisse, Robinson), oppure nido primordiale, che ha l’opposta faccia del luogo intatto e preservato da pericoli e minacce, nel quale durare l’esistenza, contemplativa o operosa che sia, e della prigione più o meno esigua, dalla quale si anela di partire per conoscere il mondo, ma che trattiene con il suo fascino di sia pur limitata certezza di confini […] » (p. 111). Nel caso della Sicilia, alla stratigrafia di significati impliciti in tutti questi elementi bisogna assommare l’eredità particolare delle vicende che dai Greci in poi ne hanno caratterizzato profondamente la storia – così profondamente da risultare ostative al suo sviluppo nella modernità – e bisogna aggiungere il carattere particolare dei Siciliani che, sia esso causa o effetto di questa storia, assurge a vero e proprio tema letterario in molte delle prove romanzesche prese in esame nel volume.

5Ecco allora, per il secondo elemento, le pagine su Vittorini e sul suo Le donne di Messina, nelle quali il discorso su questo romanzo diventa un colloquio e una comparazione strettissima con moltissime altre opere e autori – dallo Sciascia degli Zii di Sicilia al Tomasi di Lampedusa del Gattopardo, da Bufalino con le sue Dicerie al D’Arrigo di Horcynus Orca – attraverso le quali emergono nettissime le linee ideologico-interpretative che ciascuno di loro ha adottato nel tradurre letterariamente la sua personale percezione ed esperienza della realtà siciliana : « La sfiducia nella storia, la contemplazione continua della morte » vissute con matura consapevolezza e lucidità o, all’opposto, « la mitologia dell’infanzia, del primitivo, dell’avventura » che trascende la realtà storica, accentrando la propria attenzione sulle minuzie della quotidianità, e finisce per trasfigurare lo spazio isolano in una dimensione di assoluta atemporalità.

6Il percorso sin qui ricostruito è solo un esempio delle molteplici linee d’indagine sullo sviluppo del romanzo italiano tracciate da Bárberi Squarotti in questo volume dotto e intelligente, nel quale la funzione critica sembra adottare come postulato dal quale partire l’inscindibilità dionisottiana di « storia », ovviamente letteraria, e « geografia », intesa come spazio fisico semanticamente significativo per il suo portato esperienziale e, di conseguenza, potenzialmente letterario. Un volume ricco di suggestioni, dunque, al quale non avrebbe sicuramente fatto torto un indice dei nomi e, magari, delle opere trattate.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Luca Bani, « Giorgio Bárberi Squarotti, Pensoso vo mesurando. L’irruzione della modernità nella narrativa italiana tra tardo Ottocento e Novecento »Transalpina, 19 | 2016, 231-233.

Référence électronique

Luca Bani, « Giorgio Bárberi Squarotti, Pensoso vo mesurando. L’irruzione della modernità nella narrativa italiana tra tardo Ottocento e Novecento »Transalpina [En ligne], 19 | 2016, mis en ligne le 19 décembre 2019, consulté le 22 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/465 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.465

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search