Navigation – Plan du site

AccueilNuméros19Recension bibliographiqueComptes rendusAugusta Molinari, Una patria per ...

Recension bibliographique
Comptes rendus

Augusta Molinari, Una patria per le donne. La mobilitazione femminile nella Grande Guerra

Olivia Fiorilli
p. 253-255
Référence(s) :

Augusta Molinari, Una patria per le donne. La mobilitazione femminile nella Grande Guerra, Bologna, Il Mulino, 2014, 249 p.

Texte intégral

1La mole di studi sulla Grande Guerra ha ormai raggiunto proporzioni enormi. Se, come ha recentemente notato Antonio Gibelli, l’attenzione della storiografia per questo evento spartiacque della modernità non ha mai subito battute di arresto, in occasione dell’anniversario della Grande Guerra si è assistito all’uscita di un notevole numero di lavori sull’argomento. In attesa di bilanci ponderati di questo biennio di celebrazioni, è da segnalarsi l’uscita di un certo numero di ricerche innovative dedicate a temi poco esplorati dalla storiografia.

2Tra questi si segnala senz’altro il volume di Augusta Molinari, Una Patria per le donne. La mobilitazione femminile nella Grande Guerra. Il lavoro di Molinari, frutto di un lavoro di ricerca durato anni, contribuisce ad estendere e portare verso nuove direzioni la storia delle donne nel primo conflitto mondiale. Questo filone di studi, sebbene non ricchissimo, ha già prodotto alcuni lavori dedicati soprattutto al rapporto tra donne delle classi popolari e guerra, con una forte attenzione alla conflittualità espressa da queste ultime, all’occupazione femminile e infine al rapporto tra intellettualità e movimento femminile e femminista, guerra e cittadinanza. Un territorio, quest’ultimo, che continua a contare nuove pubblicazioni. Poco esplorato, invece, se si escludono i lavori sulle infermiere volontarie, il tema della mobilitazione delle donne nelle opere di assistenza sul fronte interno. In Una patria per le donne Molinari esplora questo tema, delineandone un quadro esaustivo e originale. Durante la guerra il coinvolgimento delle donne nell’assistenza materiale e « morale » ai soldati e alle loro famiglie fu capillare : dall’assistenza ai bambini, alla produzione di abbigliamento e utensili per l’esercito, dalla corrispondenza con i combattenti alla propaganda vera e propria (con le seminatrici di coraggio), l’impegno femminile fu massiccio. Esso non coinvolse solo un numero ristretto di aristocratiche e alto borghesi – come si è a lungo creduto – ma una moltitudine di donne delle classi medie urbane, che sino allo scoppio della guerra era stata lontana dalla sfera pubblica. Ma non è questa la sola novità che caratterizzò la mobilitazione femminile. Lungi dall’essere sporadiche opere di beneficienza, i servizi socio-sanitari sviluppati dalle donne soprattutto attraverso i comitati di assistenza civile assunsero una funzione sostitutiva rispetto alle « carenze » dello Stato. Non si trattava di una novità assoluta : come hanno mostrato numerosi studi a partire da quelli pionieristici di Annarita Buttafuoco, il « femminismo pratico » aveva già iniziato negli anni precedenti il conflitto a costruire forme di assistenza immaginate come modello per i servizi sociali che lo Stato avrebbe dovuto offrire.

3Attraverso la partecipazione all’assistenza civile, moltissime donne vennero integrate nei ranghi della patria in guerra non (solo) come mogli e madri – sebbene la maternità fosse il dispositivo simbolico che ne autorizzava la mobilitazione – ma come « operatrici sociali » per la « patria ». L’inquadramento della mobilitazione femminile per l’assistenza all’interno di una cornice patriottica fu opera delle « élite intellettuali » femminili. Furono le « donne che aspettavano la guerra » a costruire il quadro discorsivo dentro il quale venne inquadrata la mobilitazione femminile, sebbene poco si sappia del grado di adesione alle ragioni del conflitto della maggior parte delle donne impegnate nell’assistenza. Molte di coloro che « aspettavano la guerra » appartenevano al movimento femminista, in particolare alla sua ala moderata. Come spiega Molinari, la mobilitazione dell’associazionismo politico delle donne nella Grande Guerra affondava le sue radici nell’appoggio prestato alla campagna coloniale di conquista della Libia.

4Le donne che durante il conflitto si impegnano nell’assistenza civile non sono tra quelle figure che, per usare un’espressione di Mario Isnenghi e Giorgio Rochat, « violentarono l’immaginario » di genere. Non generarono lo stesso disagio delle operaie mobilitate o delle donne che « prendevano il posto degli uomini », e tuttavia la mobilitazione civile costituì per certi versi una rottura. Per molte rappresentò il primo contatto con la sfera pubblica. Per alcune fu un modo di entrare in contatto con uomini e mondi lontani, estranei alla sfera famigliare, attraverso una forma di assistenza « privata » : molto interessante a questo proposito il paragrafo dedicato alle madrine di guerra. D’altra parte, però, la mobilitazione delle donne di classe media nella Grande Guerra rappresentò anche un passaggio fondamentale del loro processo di « nazionalizzazione », naturalmente sotto il segno della preservazione dell’ordine di genere tradizionale : un processo che merita di essere ulteriormente indagato.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Olivia Fiorilli, « Augusta Molinari, Una patria per le donne. La mobilitazione femminile nella Grande Guerra »Transalpina, 19 | 2016, 253-255.

Référence électronique

Olivia Fiorilli, « Augusta Molinari, Una patria per le donne. La mobilitazione femminile nella Grande Guerra »Transalpina [En ligne], 19 | 2016, mis en ligne le 19 décembre 2019, consulté le 14 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/487 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.487

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search