Navigation – Plan du site
Comptes rendus

Angelo Pagliardini, La narrazione verista della nazione. Analisi diacroniche delle scelte concettuali e stilistiche nella narrativa di Giovanni Verga

Alessandro Monachello
p. 189-191
Référence(s) :

Angelo Pagliardini, La narrazione verista della nazione. Analisi diacroniche delle scelte concettuali e stilistiche nella narrativa di Giovanni Verga, Roma, Aracne editrice, 2018, 380 p.

Texte intégral

1Innumerevoli sono gli studi che negli ultimi anni hanno fatto luce sulla complessità della lingua dello scrittore catanese, capostipite del verismo. Di grande interesse si mostra il libro di Angelo Pagliardini, che, come sostiene Gabriella Alfieri nell’introduzione, « è un esempio positivo della convergenza bidirezionale tra letteratura e linguistica » (p. 16). In La narrazione verista della nazione, Pagliardini, specialista di lingua e letteratura italiana presso l’università di Innsbruck, esamina la particolarità della scrittura creativa di Giovanni Verga attraverso uno scrutinio computazionale che ci permette d’avere un quadro completo su quelle che erano le tendenze stilistiche e gli stilemi utilizzati dai più importanti scrittori italiani del XIX secolo. Il volume edito nel gennaio 2018 dalla casa editrice romana Aracne è diviso in due parti : la prima sezione, Verismo e « narrazione della nazione » consta di tre capitoli, mentre la seconda, Analisi diacroniche sull’opera di Verga di cinque.

2Nel primo capitolo, Verga e il Risorgimento, lo studioso ci offre una visione nuova del rapporto che lo scrittore catanese ebbe con la creazione dello Stato italiano attraverso la narrazione della nazione. Appoggiandosi alle teorie di Homi Bhabha sul concetto di « spazio del marginale, spazio della minoranza » e Thomas Nail il quale sostiene che il confine è in-between, ovvero in continua definizione e ridefinizione, singolare in questo primo capitolo risulta essere il concetto di « confine » applicato dal ricercatore alla scrittura di Verga, poiché, e sono le stesse opere di Verga a darcene testimonianza, « l’annessione del Mezzogiorno allo Stato italiano unitario non ha portato alla creazione di un soggetto nazionale definito nettamente dai confini, ma registra al suo interno vaste sacche di totale esclusione » (p. 61). Se una studiosa come Daria Motta ha il merito di aver coniato il termine di « lingua fusa » nella scrittura del Verga verista, Angelo Pagliardini ha coniato, invece, il concetto di « lingua di confine », espressione concreta dell’esclusione dei « vinti » del Mezzogiorno italiano.

3Il secondo capitolo è dedicato, invece, alla costruzione concettuale del verismo, al suo rapporto con il positivismo europeo ma soprattutto, vi si mette anche in evidenza il contatto dei veristi dell’epoca tra cui Giovanni Verga e la cultura milanese del tempo segnata dal movimento della Scapigliatura. Verga, come sostiene lo studioso, non aderì in toto al metodo culturale positivista, come avevano fatto i francesi, bensì ne assunse « l’idea che la realtà sociale possa essere analizzata e rappresentata scientificamente secondo le metodologie dell’indagine sociale » (p. 73).

4Il terzo capitolo, dedicato a Verga e i veristi, sottolinea l’incidenza dello scrittore catanese su scrittrici veriste come Matilde Serao e Grazia Deledda, ma soprattutto su scrittori modernisti come Luigi Pirandello e Italo Svevo, con i loro personaggi “inetti” che sembrano emergere dall’ultima pagina de I Malavoglia, come l’avevano già notato Romano Luperini e Pierluigi Pellini.

5La seconda parte del lavoro di Pagliardini è aperta dal primo capitolo, Metodologie dell’analisi stilistica sul corpus verghiano, in cui viene messo in evidenza il rapporto tra testo letterario e strumenti informatici ; ma affinché il testo letterario possa essere interrogato dal sistema informatico occorre che sia trasformato in una banca di dati testuali. Lo studioso ha deciso di utilizzare la base testuale su cd-rom LIZ4, a cura di Pasquale Stoppelli ed Eugenio Picchi, la quale si presenta come una biblioteca digitale su cd-rom capace di contenere « un corpus esaustivo di testi letterari italiani […] dalle origini fino agli autori del primo Novecento, liberi dal diritto d’autore, interrogabili […] con il software denominato DBT » (p. 165). Il corpus delle opere di Verga preso in esame per lo spoglio informatico comprende tutte le opere narrative, da I Carbonari della montagna fino a Dal tuo al mio. A partire dal secondo capitolo comincia l’analisi diacronica sulle opere di Verga messe a confronto con una serie di romanzi di scrittori del primo e del secondo ottocento come Cuoco, Foscolo, Leopardi, Manzoni, Nievo, De Marchi, Fogazzaro, De Roberto, Collodi, De Amicis, Tozzi, Svevo, Pirandello e D’Annunzio. L’analisi delle varie opere viene fatta a partire dall’italiano postmanzoniano così come lo descrive e definisce Serianni, e dall’italiano dell’uso medio studiato da Sabatini. L’utilizzo di sistemi informatici ci offre, attraverso delle tabelle, un panorama completo di quello che era l’uso della lingua letteraria italiana nel XIX secolo, ancora in divenire e non del tutto normalizzato.

6In questa sede mi permetto di fare qualche esempio per dare l’idea di una ricerca egregia e analitica che apporta una grande novità nello studio della storia della lingua italiana. Pagliardini comincia con l’analisi della Fonetica (cap. II) in cui mette in evidenza tutta una serie di problematiche e fenomeni linguistici (dal vocalismo al consonantismo) tipici della lingua italiana dell’Ottocento e della lingua di Verga, come « le forme con monottongamento sistematico del dittongo uo, del tipo novo, bono che non incontravano il favore di Verga, quindi le occorrenze nei testi sono pressoché nulle » (p. 200). Dopo un’analisi esaustiva di tutti quei fenomeni fonetici si passa alla Morfologia (cap. III), ed è interessante notare come per la prima volta in Storia di una capinera si registrano tre casi di uso del pronome complemento lui in funzione di soggetto in luogo del pronome soggetto egli/ei. Interessante è anche l’uso degli avverbi suffissati in –oni (ciondoloni, bocconi, carponi ecc. ecc.) che in Verga, soprattutto nel Mastro-don Gesualdo, vengono utilizzati, come sostiene lo studioso, sia per il loro « valore fortemente espressivo » sia per la loro « matrice toscana, una componente fortemente rappresentata in questo romanzo » (p. 311). Dopo un’analisi meticolosa ed esaustiva di tutta la morfologia si passa alla Sintassi (cap. IV) ed è in questa sede che la lingua di « confine » di Verga emerge, poiché, come si sa, la sintassi nella sua scrittura riproduce quelle caratteristiche del parlato tanto care allo scrittore verista. Le ridondanze pronominali e l’uso del ci attualizzante sono i fenomeni sintattici più studiati in questa sede a partire dalle opere di Verga per poi estenderle anche agli altri scrittori suoi contemporanei. Nel cap. V, Osservazioni generali sull’analisi linguistica, viene fatto un bilancio dello studio analitico e computazionale delle opere di Verga ; nello scrittore siciliano il manzonismo linguistico e letterario agiva a più livelli ma se « Manzoni aveva accreditato nella lingua letteraria il parlato colto di Firenze, Verga punta ad accreditare un’altra variante del parlato, quella all’intersezione fra italiano regionale e italiano popolare » (p. 345).

7In conclusione questo studio oltre a presentarci un quadro sincronico, assai completo, dello stato della lingua di Verga e dei maggiori esponenti letterari del primo e del secondo ottocento, rivaluta in maniera singolare la figura del capostipite del verismo in rapporto alla costruzione e alla narrazione della nuova nazione. Verga prosegue sullo stesso cammino di scrittori come Caterina Percoto, Ippolito Nievo, Vittorio Imbriani i quali « avevano pensato che la lingua nazionale, per diventare anche lingua parlata in tutte le regioni italiane, dovesse, assumendo e superando l’esempio manzoniano, accogliere elementi dai vari dialetti per poter risultare il più vicina ai dialetti che di fatto costituivano la lingua parlata per la quasi totalità della popolazione » (p. 347). Possiamo solo deplorare che nel testo siano presenti diversi refusi, che però non tolgono niente al piacere della lettura.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessandro Monachello, « Angelo Pagliardini, La narrazione verista della nazione. Analisi diacroniche delle scelte concettuali e stilistiche nella narrativa di Giovanni Verga », Transalpina, 22 | 2019, 189-191.

Référence électronique

Alessandro Monachello, « Angelo Pagliardini, La narrazione verista della nazione. Analisi diacroniche delle scelte concettuali e stilistiche nella narrativa di Giovanni Verga », Transalpina [En ligne], 22 | 2019, mis en ligne le 01 novembre 2019, consulté le 28 janvier 2020. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/537

Haut de page

Auteur

Alessandro Monachello

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Transalpina. Études italiennes

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de Caen
  • OpenEdition Journals