Navigation – Plan du site

AccueilNuméros23Recension bibliographiqueNotes critiquesMassimiliano Biscuso, Leopardi ...

Recension bibliographique
Notes critiques

Massimiliano Biscuso, Leopardi tra i filosofi. Spinoza, Vico, Kant, Nietzsche

Luca Bani
p. 183-185
Référence(s) :

Massimiliano Biscuso, Leopardi tra i filosofi. Spinoza, Vico, Kant, Nietzsche, Napoli, La Scuola di Pitagora, 2019, 223 p.

Texte intégral

1Massimiliano Biscuso è membro dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, presso il quale oltre ad avere responsabilità gestionali – fa parte del Consiglio esecutivo – svolge attività didattica e di ricerca. Per quest’ultima si è occupato prevalentemente di problemi e momenti di storia della filosofia ottocentesca e di filosofi di questo secolo. Molto ha scritto anche su Leopardi, che evidentemente rappresenta uno dei suoi principali oggetti di riflessione e di studio : Leopardi antitaliano (con Franco Gallo, Manifesto Libri, 1999), Oltre il nichilismo, Leopardi (Edizioni Scientifiche Italiane, 2009), Gli usi di Leopardi : figure del leopardismo filosofico italiano (Manifesto Libri, 2019) e, infine, il volume a cui è dedicata questa recensione. Una tetralogia, dunque, che trova in quest’ultimo volume una sorta di sintesi tesa a collocare definitivamente Leopardi nel posto che gli compete nel pantheon della filosofia europea, « filosofo tra gli altri filosofi » (p. 9), sia collegandolo con la tradizione precedente – Spinoza, Vico e Kant, appunto – sia approfondendo lo sguardo su una delle più intriganti ricezioni postume del Recanatese, quella nietzschiana.

2Che Leopardi, insieme a Dante, sia per la letteratura italiana il più alto rappresentante del possibile e felice connubio tra pensiero filosofico ed espressione letteraria non è certo una novità, ma Biscuso nel suo volume riesce a dare efficace e plastica evidenza a questa liaison incentrando il suo discorso proprio sul problema della scrittura, o meglio di quale sia la forma più opportuna per una scrittura che possa dirsi filosofica : « Come Kierkegaard e Nietzsche, altri grandi scrittori di cose filosofiche del suo secolo, Leopardi si è posto la questione di quali forme di scrittura scegliere per rivolgersi a un pubblico per lo più superficiale e distratto, abituato a un mercato editoriale inflazionato da libri mediocri […] » (p. 10). Una questione che riecheggia anche nel Dialogo di Tristano e di un amico, ultima e densissima operetta morale. A questo problema Biscuso sembra dare una risposta inclusiva di tutta l’arte leopardiana, inserendo come testi esemplificativi delle sue analisi sui collegamenti tra il Recanatese e gli altri filosofi prima e dopo di lui testi di forma diversa : un’operetta morale per il capitolo su Spinoza (Frammento apocrifo di Stratone di Lampsaco), brani dello Zibaldone per il capitolo su Vico, il Pensiero LXVIII e La ginestra per il capitolo su Kant e, infine, tracce di richiami al Canto notturno nello Zarathustra nietzschiano.

3Nei primi tre capitoli, dunque, il sentiero che Biscuso percorre è quello che tende a rintracciare le fonti sulle quali Leopardi ha costruito la sua prospettiva filosofica. Imperniata sul materialistico binomio Natura-Sostanza (Spinoza) dal quale tutti gli esseri viventi derivano e nel quale tutti loro confluiscono, come risucchiati in una circolarità alla quale non si riesce a dare una ragione, e all’interno della quale la dicotomia vita / morte, nella meccanicità di un circuito impazzito che freneticamente si autoalimenta, sfugge a ogni possibile interpretazione e a qualsiasi imputazione di senso. Il fatto che in questo circolo vengano prodotti anche elementi non strettamente funzionali al suo funzionamento – la poesia, la conoscenza, la noia di vivere, l’amore, l’amicizia, la nobiltà d’animo ecc. – che costituiscono però la specificità della specie umana e che rientrano nella categoria delle forme sublimi non preserva però gli uomini dal destino a cui la Natura sottomette tutta la creazione, e quindi non colloca gli essere umani in un ordine superiore all’interno del sistema naturale, e in questo esito si differenzia il pensiero leopardiano da quello di Kant.

4Con Vico il rapporto riguarda la differente interpretazione del tema della storia della civilizzazione, partendo dalla comune base di quanto elaborato da Lucrezio nel De rerum natura : in Leopardi questa linea di ragionamento porta – almeno fino al 1823, ossia fino al crollo dell’opposizione Natura-Storia e all’allargamento della negatività della condizione umana a tutta l’estensione cronologica della vicenda di questa specie – ad assegnare un valore positivo al primitivismo, che non si ritrova né in Lucrezio né in Vico, con tutto ciò che questa posizione comporta in merito alle considerazioni sul ruolo delle scoperte – l’uso del fuoco – e dei progressi tecnologici o sull’evoluzione del linguaggio nella creazione di forme di vita consociativa che progressivamente si distaccano dalla naturalità primitiva e che sono sempre più vincolate da elementi quali la religione e norme sociali via via più stringenti.

5Infine, nel bel capitolo su Nietzsche, Biscuso passa in rassegna tutte le accattivanti ma fallaci interpretazioni che hanno voluto avvicinare i due pensatori facendo del primo una sorta di anticipatore del secondo, per riportare la connessione tra i due nel quadro della sua verità storica, ossia del « debito, accertato da tempo nella ricerca storico-filosofica, contratto da Nietzsche nei confronti di Leopardi […] individuato di volta in volta nel filone non-dialettico […] o antidialettico del pensiero ottocentesco europeo ; oppure, più recentemente, nel nichilismo […] » (p. 149), ma anche delle differenze che li separano, come il superamento del pessimismo leopardiano incarnato nel superuomo dello Zarathustra e maturato proprio a partire dalla riflessione nietzschiana sul pastore del Canto, per cui « La trasformazione del pastore in superuomo segna in Nietzsche il definitivo abbandono di Leopardi ». Un distacco importante, che però non tiene conto dell’evoluzione del pensiero leopardiano, evidente nella Ginestra, verso quella solidarietà dalla quale scaturisce la virile immagine di un uomo che, proprio perché sottratto a tutte le illusioni, si riappropria di una dinamica attiva rispetto alla vita e, superando i limiti di una morale individualistica, torna in qualche modo ad essere arbitro del proprio destino.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Luca Bani, « Massimiliano Biscuso, Leopardi tra i filosofi. Spinoza, Vico, Kant, Nietzsche »Transalpina, 23 | 2020, 183-185.

Référence électronique

Luca Bani, « Massimiliano Biscuso, Leopardi tra i filosofi. Spinoza, Vico, Kant, Nietzsche »Transalpina [En ligne], 23 | 2020, mis en ligne le 01 novembre 2020, consulté le 12 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/731 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.731

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search