Navigation – Plan du site

AccueilNuméros23Recension bibliographiqueNotes critiquesMatteo Grassano, Il territorio ...

Recension bibliographique
Notes critiques

Matteo Grassano, Il territorio dell’esistenza. Francesco Biamonti (1928-2001)

Luca Bani
p. 185-187
Référence(s) :

Matteo Grassano, Il territorio dell’esistenza. Francesco Biamonti (1928-2001), Milano, Franco Angeli, 2019, 399 p.

Texte intégral

1La monografia di Grassano nasce da una tesi di dottorato che, come osserva Vittorio Coletti nella Prefazione, rappresenta « la terza età della critica biamontiana », ossia il momento di « sistemazione complessiva » (p. 10) dell’opera dello scrittore di San Biagio della Cima, successivo a quello dell’interpretazione a caldo, sviluppatasi principalmente nel contesto ligure con interpreti di alto profilo sia locale che nazionale, da Giorgio Bertone a Italo Calvino, e a quello immediatamente susseguente alla morte dello scrittore, che vede l’inizio di un percorso di riflessione critica ex post al quale partecipano diversi studiosi di già lunga esperienza (tra i quali mi sia concesso citare il raffinato e indimenticabile Franco Croce) con il coinvolgimento di non pochi giovani ricercatori.

2Dedicato all’Autore della tetralogia romanzesca rappresentata da L’angelo di Avrigue (1983), Vento largo (1991), Attesa sul mare (1994) e Le parole la notte (1998), ma ancor di più al mondo che egli dipinge nelle sue narrazioni, ossia quell’aspra striscia di terra chiamata Ponente ligure, costretta tra mare e montagna e artificialmente spezzata nella sua integrità culturale e umana da un confine internazionale, il saggio di Grassano è diviso in tre parti (La frontiera della storia, Le radici dell’esistenza e « La casta semplicità »), a loro volta articolate in nove capitoli, e corredato da una ricca bibliografia che esplora nel profondo la produzione biamontiana. Grassano passa brevemente in rassegna gli eventi biografici più significativi e gli episodi salienti del suo percorso artistico, analizzando il carattere e la psicologia dello scrittore, tradizionalmente descritto come estremamente schivo e riluttante a parlare di sé o, almeno, a fornire una panoramica generale della propria esistenza, considerandola poco interessante e non-vissuta pienamente, ma non volendo, al contempo, guastare l’immagine di scrittore contadino e autodidatta che si era ritagliato.

3L’aspetto che a nostro avviso può affascinare maggiormente il lettore è l’attenzione che lo studioso rivolge a quelli che lui chiama « i meccanismi mitopoietici che caratterizzano la raffigurazione dello spazio romanzesco » (p. 22) e della conseguente visione del mondo e del tempo nel quale si è sgomitolata la vita dello scrittore. Ecco allora la ricostruzione di quella « civiltà dell’ulivo » che lo ha generato (Il Ponente ligure del primo capitolo L’entroterra tra reale e immaginario), della « civiltà dello spirito » che probabilmente rappresenta il suo riferimento culturale più importante (la Francia e la Provenza del secondo capitolo : Geografie dell’« altrove ») e delle divisioni e tensioni tra questi spazi fisici che la Storia ha creato, così come li ha creati in tutto quel bacino di miti e di civiltà che è il Mediterraneo (il capitolo non a caso intitolato L’inferno della Storia).

4All’indagine della costruzione dei personaggi, delle connessioni o dei conflitti che intercorrono fra di loro e di come essi vengono semantizzati per rispecchiare la concezione biamontiana dell’essere umano e della sua condizione nella realtà è dedicata tutta la seconda parte (i capitoli « Sotto il cielo delle lontananze », Fluire e rifluire del tempo e La ricerca del « Fondamentale »). L’attenzione che Grassano dedica alla lettura attenta delle molteplici sfumature legate alla delineazione dei personaggi arricchisce queste pagine, che compenetrano con acribìa la complessità della visione e dell’esperienza esistenziale di Biamonti, tradotta e riversata nei suoi alter ego letterari. Temi come la relazione tra individui di diverse nazioni, e quindi di differenti culture, esperienze e sensibilità, il rapporto tra le generazioni, il valore e il ruolo della memoria, la tensione al trascendente, il prezzo che bisogna pagare alla realtà e alla Storia per preservare la propria umanità e molto altro vengono attentamente vagliati, creando sempre un convincente legame tra la vita esperita dell’Autore e la trasfigurazione letteraria in cui egli ha voluto trasfonderla.

5Infine, la terza parte del volume, con i capitoli Lo spartito testuale, Le rive del silenzio e L’epifania delle cose, introduce il lettore in una dimensione più squisitamente tecnica, di valutazione stilistica e ritmica della scrittura, di recupero e riscrittura delle fonti letterarie più vicine al suo sentire artistico, di studio della struttura romanzesca e di analisi del lirismo che permea la poetica biamontiana. Particolarmente suggestive in questa sezione, almeno per chi scrive, sono le pagine del capitolo ottavo dedicate al silenzio o, più precisamente, a quella « scrittura in levare » (p. 281) che è una delle caratteristiche della narrativa biamontiana e una delle evidenze maggiori di come la sua scrittura sia strumento essenzialmente filosofico di espressione esistenziale. Richiamandosi a Maurice Merleau-Ponty e a Heidegger, Biamonti percorre la strada che lo porta all’epifania primordiale della parola germinata nel silenzio che l’ha preceduta, che gli consente di liberarsi della rumorosa e vuota chiacchiera per ascoltare nuovamente il silenzio e ripartendo da esso per generare una nuova parola / vita. Un percorso, questo, che colloca Biamonti nel solco maggiore della tradizione letteraria europea che si interroga sulla corrispondenza parola / silenzio, dal Rimbaud di Alchimie del verbo (« Scrivevo silenzi, notti, segnavo l’inesprimibile. Fissavo vertigini ») all’Hofmannsthal perplesso di fronte allo sperimentalismo linguistico estremo delle Avanguardie, e poi ad Adorno, alla Merini, a Cioran, solo per citarne alcuni.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Luca Bani, « Matteo Grassano, Il territorio dell’esistenza. Francesco Biamonti (1928-2001) »Transalpina, 23 | 2020, 185-187.

Référence électronique

Luca Bani, « Matteo Grassano, Il territorio dell’esistenza. Francesco Biamonti (1928-2001) »Transalpina [En ligne], 23 | 2020, mis en ligne le 01 novembre 2020, consulté le 12 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/737 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.737

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search