Navigation – Plan du site

AccueilNuméros23Recension bibliographiqueComptes rendusStefano Pivato, Storia sociale ...

Recension bibliographique
Comptes rendus

Stefano Pivato, Storia sociale della bicicletta

Eleonora Belloni
p. 199-202
Référence(s) :

Stefano Pivato, Storia sociale della bicicletta, Bologna, Il Mulino, 2019, 251 p.

Texte intégral

1« Traverso le viti di una bicicletta si può anche scrivere la storia d’Italia ». Con questa citazione di Gianni Brera – uno dei più grandi cantori del ciclismo e dello sport in Italia – si apre Storia sociale della bicicletta di Stefano Pivato. Le 251 pagine del volume, organizzato in dieci capitoli tematici, dimostrano che Brera aveva pienamente ragione, e che davvero attraverso la storia della due ruote è possibile ricostruire la storia dell’Italia e degli italiani in età contemporanea. Storia sociale della bicicletta va tra l’altro a colmare un vuoto nella storiografia, italiana e non solo, la storia della bicicletta e del « muoversi in bicicletta » è stata non di rado relegata a un ruolo marginale e « introduttivo » a una storia della mobilità che è stata soprattutto storia della mobilità motorizzata.

2La ricostruzione di Pivato contribuisce innanzi tutto a sfatare questo mito, dimostrando come la bicicletta non solo abbia accompagnato gli italiani nel lungo e spesso accidentato cammino verso la modernità, ma sia stata essa stessa simbolo e strumento di modernità, di anticonformismo, di vocazione rivoluzionaria votata a spezzare regole, abitudini, statu quo consolidati. Oggetto estraneo all’uomo dell’Ottocento, la bicicletta accompagna invece gli italiani nell’ingresso nel nuovo secolo, quello che per il paese segnerà l’avvio del decollo industriale. E non è un caso che l’industria meccanica del ciclo divenga ben presto elemento centrale e trainante di quel take off, con un nucleo produttivo dove ai tanti laboratori artigianali si affiancano ben presto anche industrie di grandi dimensioni (come la ditta Edoardo Bianchi, sorta nel 1885 nella Milano capitale ciclistica del paese e affermatasi poi in tutto il mondo) garantendo al paese l’affrancamento dalla dipendenza estera e, di conseguenza, un abbassamento dei prezzi al consumo.

3Nel momento in cui fotografa il cammino dell’Italia verso la modernità, la storia della pratica ciclistica diviene tuttavia anche storia del difficile rapporto del Paese con quella modernità. Di questo rapporto controverso con la modernità ci raccontano bene le pagine del volume che ricostruiscono le tante resistenze incontrate dalla bicicletta all’inizio del proprio cammino da parte di quanti si oppongono, definendo il nuovo mezzo « mostro meccanismo », « diabolico strumento » o « macchina infernale ». Dalle autorità municipali ad autorevoli esponenti della scienza medica, dai cattolici ai socialisti, tante furono le voci che pretesero di cogliere i molteplici pericoli (soprattutto per alcune categorie « a rischio » come donne, giovani, preti, ma anche rispettabili professionisti) del lasciarsi irretire dalle promesse di indipendenza e libertà offerte dal mezzo a due ruote. Particolarmente degna di nota la vicenda del rapporto tra donna e bicicletta, cui non a caso l’Autore dedica un intero capitolo del suo volume, il quarto. Lo sdegno moralizzatore provocato dalla vista delle prime avventurose signore dell’alta società in sella a una due ruote fu forse pari solamente al fascino che da subito il nuovo mezzo esercitò sull’universo femminile, pronto a cogliere la potenzialità emancipatrice e « liberatrice » di un’innovazione che più di ogni altra avrebbe contribuito, secondo una celebre definizione, a emancipare le donne, liberandole dal peso delle ingombranti crinoline ottocentesche e da quello ancor più ingombrante del maschilismo moralizzatore dell’epoca.

4Del rapporto controverso con la modernità testimonia altresì la rapidità con cui il Paese seppe abbandonare l’infatuazione ciclistica a favore di un nuovo amore, quello per il motore. A guardar bene, i divieti municipali di fine Ottocento (a Firenze un regolamento di fine secolo ne proibiva la circolazione alle Cascine nelle ore centrali del pomeriggio nel timore che potesse ostacolare il passeggio), quelli emanati dalle autorità repubblichine nei drammatici mesi della Resistenza e quelli riservati alla bicicletta (ma anche ai pedoni) nelle strade della motorizzazione di massa in cui non c’è più posto per una mobilità lenta, si rivelano facce di una stessa medaglia che identifica nella bicicletta lo strumento di ventate rivoluzionarie da reprimere a difesa dello statu quo dominante.

5Così come facce della stessa medaglia sono il recupero strumentale della bicicletta operato dal fascismo in chiave autarchica e dai governi dei primi anni Settanta in chiave di austerity. Politiche miopi che hanno contribuito a caratterizzare il difficile e controverso rapporto degli italiani con essa, costruendovi attorno quell’immagine di povertà e di sacrificio di cui, forse, stanno ancora cercando di liberarsi.

6Eppure la bicicletta è stata e rimane uno dei pochi elementi di continuità nella costruzione dell’identità nazionale : stanno a dimostrarlo, nel volume, le bellissime pagine (« Biciclette di carta ») che ricostruiscono la traccia profonda lasciata dalla bicicletta nella cultura popolare, dalla letteratura ai dialetti, dal cinema alla canzone. O quelle epiche dedicate alla passione per il ciclismo eroico, primo e per lungo tempo unico sport nazionale, capace come pochi di dividere e insieme di unire un paese a più riprese frammentato e lacerato da ferite profonde (tanto è vero che, come sottolinea l’Autore, il Giro a differenza del Tour fa da specchio alle « Mille Italie » più che a un’unica nazione unita). Se il duello Coppi-Bartali fotografa e infiamma l’Italia della ricostruzione (ma contribuisce anche a preservarla da una nuova ondata rivoluzionaria in occasione dell’attentato a Togliatti nel luglio del 1948), non è un caso che la fine di quella stagione del ciclismo eroico, « macchiato » dapprima dall’ingresso nell’era televisiva e consumistica, poi dagli scandali del doping, coincida con la (apparentemente) definitiva marginalizzazione della bicicletta nell’Italia del miracolo e dell’acquisizione del modello consumistico di massa.

7Se la storia narrata in queste pagine fosse un film, sarebbe suggestivo ipotizzarne il finale con quell’immagine evocativa delle utilitarie del miracolo che mettono sul loro tettuccio un modello di bicicletta ripiegabile, « la Graziella » : con l’avanzata del boom non c’è più posto sulle strade italiane per la due ruote, prodotto di un’Italia contadina e provinciale. Un’inversione di rotta che neppure le esigenze dell’austerity di inizio anni Settanta sarebbero riuscite a capovolgere. Certo, sul primo momento, presi da una rinnovata euforia per la bicicletta, gli italiani si precipitano ad acquistarla mandando in tilt il mercato della due ruote o recuperano i vecchi modelli riposti in soffitta. Ma si tratta, a ben vedere, di un fuoco di paglia : passata l’austerity, le biciclette vengono di nuovo riposte in un angolo e le macchine tornano a invadere le strade cittadine.

8Eppure… le ultime pagine del volume di Pivato ci ricordano che un nuovo umanesimo, ispirato alle esigenze ecologiste e ambientaliste, ma anche a una rinnovata sensibilità alla tutela del territorio e del patrimonio culturale, sembra adesso possibile. La bicicletta, straordinaria macchina del tempo, pare candidarsi a guidare il paese verso un ritorno al futuro all’insegna della rivoluzione dell’antimodernità.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Eleonora Belloni, « Stefano Pivato, Storia sociale della bicicletta »Transalpina, 23 | 2020, 199-202.

Référence électronique

Eleonora Belloni, « Stefano Pivato, Storia sociale della bicicletta »Transalpina [En ligne], 23 | 2020, mis en ligne le 01 novembre 2020, consulté le 24 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/797 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.797

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search