Navigation – Plan du site

AccueilNuméros23Recension bibliographiqueComptes rendusMaria Pia De Paulis, Curzio ...

Recension bibliographique
Comptes rendus

Maria Pia De Paulis, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra

Cecilia Spaziani
p. 210-212
Référence(s) :

Maria Pia De Paulis, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra, Firenze, Franco Cesati Editore, 2019, 164 p.

Texte intégral

1Pubblicato da Franco Cesati Editore nel 2019, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra di Maria Pia De Paulis è l’ultimo di una serie di studi che l’autrice ha dedicato all’argomento (si vedano anche Curzio Malaparte. Esperienza e scrittura in « Chroniques italiennes », Cahier de l’Herne Malaparte o, ancora, Il trauma di Caporetto. Storia, letteratura e arti del 2018).

2Come chiarito nella Premessa, il volume si concentra, cronologicamente, sul periodo della prima Guerra mondiale e dedica particolare attenzione al concetto di trauma. L’autrice si propone infatti – riuscendo perfettamente nell’intento – di offrire al lettore una nuova prospettiva di indagine del trauma subìto da coloro che parteciparono alla Grande Guerra. Le scelte adottate dalla studiosa dimostrano l’originalità del volume : a partire dalla figura emblematica di Kurt Erich Suckert (1898-1957), più noto come Curzio Malaparte, del quale ripercorre la produzione letteraria entrando nel vivo dell’esperienza della Guerra, De Paulis ricostruisce « il percorso dall’evento traumatico alla scrittura » (p. 12) che rappresenta la tematica portante dell’intera sua ricerca, per poi ampliare lo spettro di indagine a interessanti considerazioni più generali sui « grandi momenti della storia nazionale attraverso scritture testimoniali e narrative dal forte impegno etico » (p. 13). In un costante, proficuo rinvio a considerazioni teoriche e riferimenti testuali, l’autrice affida ai testi l’importante compito di comprovare le tesi sostenute, arricchendo così il volume di continue citazioni tratte dagli scritti di Malaparte che, commentate e discusse, testimoniano il valore dell’argomento trattato.

3Caratterizzato, sul piano strutturale, da una Premessa che entra immediatamente nel vivo dell’argomento e chiarisce l’approccio metodologico utilizzato, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra è costituito da sette capitoli, ognuno dei quali approfondisce un aspetto del discorso. All’interno del primo – dal titolo « Una visione retrospettiva della Grande Guerra » – De Paulis introduce appunto l’argomento nei suoi caratteri apparentemente più generali, rifacendosi ad illustrissimi teorici quali Bokanowski, Benjamin e molti altri, non risparmiando al contempo, però, i riferimenti alla produzione letteraria di Malaparte, che si dimostrano sin da subito, così, il fulcro dell’intera riflessione. Passando poi per il capitolo secondo che offre una dettagliata panoramica dell’esperienza biografica di Suckert combattente, i successivi sono invece dedicati all’argomento cardine dell’intero volume, poiché riflettono sul momento di trasmigrazione dal Malaparte soldato al Curtino – così soprannominato dalla famiglia – scrittore che, proprio attraverso la scrittura, e anzi grazie ad essa, riesce a non perdere la propria individualità, seppur nel marasma degli eventi e degli indicibili dolori. È in questo momento dunque, sottolinea De Paulis, che Malaparte « affila le armi retoriche che lo trasformeranno di lì a qualche anno nello scrittore » (p. 46) oggi conosciuto. Il desiderio di mantenere la propria soggettività e la necessità di mantenere i rapporti con la famiglia rappresentano quindi l’avvio di un più ampio progetto volto a dar voce alla « collettività afona » (p. 51), trasformando i suoi personalissimi sentimenti in testimonianza corale di soldati uniti nel medesimo dolore ed operando così, come chiarito negli ultimi tre capitoli, una trasposizione dallo scrivere « il trauma allo scrivere sul trauma » (p. 69).

4Chiudono il volume una serie di immagini che si pongono a corredo dello scritto, donando maggiore incisività all’intero studio e mettendo ancor più in risalto la personalità di Curzio Malaparte : « soldato, scrittore, uomo che non ha mai dimenticato », conclude De Paulis, « il suo apporto all’esperienza collettiva più tragica del Novecento » (p. 138).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Cecilia Spaziani, « Maria Pia De Paulis, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra »Transalpina, 23 | 2020, 210-212.

Référence électronique

Cecilia Spaziani, « Maria Pia De Paulis, Curzio Malaparte. Il trauma infinito della Grande Guerra »Transalpina [En ligne], 23 | 2020, mis en ligne le 01 novembre 2020, consulté le 19 juillet 2024. URL : http://journals.openedition.org/transalpina/851 ; DOI : https://doi.org/10.4000/transalpina.851

Haut de page

Auteur

Cecilia Spaziani

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Le texte et les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés), sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search