Navigation – Plan du site

AccueilNuméros3“Souvenirs” di Vukovar: Turismo e...

“Souvenirs” di Vukovar: Turismo e memoria nel territorio post-jugoslavo

Patrick Naef
Traduction de Fiorella Dallari
Cet article est une traduction de :
« Souvenirs » de Vukovar : Tourisme et mémoire dans l’espace post-yougoslave [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
"Souvenirs" from Vukovar: Tourism and Memory within the Post-Yugoslav Region [en]

Résumé

L’obiettivo di questo contributo è mettere in luce le modalità con cui lo sviluppo turistico si sia affermato in certi luoghi dello spazio post-jugoslavo, come è avvenuto a Vukovar, un centro ubicato della Slavonia nella Croazia orientale, e riconosciuta città martire dopo la guerra.

Haut de page

Entrées d’index

Parole chiave :

balcani, guerra, Vukovar, turismo
Haut de page

Texte intégral

1L’obiettivo di questo contributo è mettere in luce le modalità con cui lo sviluppo turistico si sia affermato in certi luoghi dello spazio post-jugoslavo, come è avvenuto a Vukovar, un centro ubicato della Slavonia nella Croazia orientale, e riconosciuta città martire dopo la guerra. Il processo di patrimonializzazione che si declina in questi luoghi evidenzia come sia stata determinante l’influenza del conflitto degli anni Novanta, come il suo peso abbia giocato nel contesto generale del dopo-guerra nella formazione, disgregazione e rifondazione delle identità nella dimensione locale. Particolar attenzione sarà dedicata a due siti emblematici nell’assedio che ha traumatizzato la città. In primo luogo il Memoriale di Ovcara, un centro costruito a ricordo dell’uccisione di circa duecento persone, avvenuta alla periferia della città. In secondo luogo, l’ospedale di Vukovar – simbolo della resistenza croata durante l’assedio – che ha ripreso la sua precedente funzione, ma di cui una parte del piano interrato è stato trasformato in spazio memoriale e museale. Poi, verrà esaminato il ruolo di alcuni imprenditori impegnati nell’offerta di uno “spazio della memoria” insieme ad un’analisi delle dinamiche e delle questioni alla base della loro azione e delle loro proposte. Alcune regioni dei Balcani, simili per le loro vicende alla Slavonia, sono molto attive nelle politiche di costruzione di memoriali e musei che mettono in scena la storia di questi conflitti. Sarà quindi ipotizzato che l’uso del patrimonio messo in atto in queste pratiche legate alla memoria, sia che avvenga attraverso il turismo o l’edificazione di memoriali, rappresenta un aspetto essenziale nella costruzione dell’identità post-jugoslava. Infine tutto ciò porterà a mettere in luce un campo di ricerca ancora poco battuto, il legame tra le nozioni di guerra, memoria e turismo, come anche il concetto di “dark tourism” (Lennon & Foley, 2000 ; Stone, 2006 ; Sharpley, 2003), di “thanatourismo” (Seaton, 1996 ; Dunkley, 2007) e in conclusione di “turismo della memoria” (Urbain, 2003).

L’assedio di Vukovar

  • 1 Jugoslavenska Narodna Armija, cioè armata del popolo jugoslavo.
  • 2 Operazione Flash.
  • 3 Operazione Storm.

2Nel 1991 scoppia un conflitto armato tra le forze croate e la JNA1 e una parte delle forze serbe, autoproclamatasi “armata di liberazione”. La Croazia dichiara la sua indipendenza il 25 giugno 1991 e l’armata federale jugoslava lancia l’attacco in agosto dello stesso anno, tramite bombardamenti e invasioni di alcune parti della Croazia. La città di Vukovar cade nelle mani dell’esercito di “liberazione”, tra il 18 e il 20 novembre del 1991, dopo un assedio di tre mesi. Pochi anni dopo, nel 1995, la Croazia riprende il controllo della maggior parte del suo territorio con due offensive – “Operacija Bljesak“2 e “Operacija Oluja“3 – che fanno parte di ciò che è definito in Croazia “la guerra d’indipendenza croata”. Dopo la sua caduta, Vukovar diventa la capitale della nuova Repubblica Serba della Krajina orientale da 1991 al 1995. In seguito alle vicende di guerra, la città finisce sotto la protezione delle forze delle Nazioni Unite, in particolare l’United Nations Transitional Authority for Eastern Slavonia (UNTAES) fino alla piena ricomposizione dei territori croati nel 1998. Negli anni Novanta, la Slavonia conosce molti cambiamenti demografici in seguito alla partenza dapprima di molti Croati, poi di quella serba, altrettanto numerosa, dopo il ricongiungimento della regione alla Croazia. Come sottolinea Baillie (2009, p. 20) : “[…] many local Serbs feel forced to choose between humiliating assimilation, social isolation or exile“. La città di Vukovar completamente distrutta durante i tre mesi di assedio è ormai diventata un simbolo della resistenza croata tanto che Baille aggiunge (2008, p. 486), in relazione al processo di ricostruzione che : “Vukovar‘s war-damaged heritage has undergone three distinct stages of reconstruction. Each stage was shaped to reflect a narrative of the past which encapsulated the political needs of the authorities who held power : first the RSK authorities, then UNTAES and finally the Croatian government. Each of these groups valued different heritage“.

3L’ospedale di Vukovar ha continuato a funzionare per tutta la durata dell’assedio sotto la guida della dottoressa Vesna Bosanac, eletta direttrice il 24 luglio 1991, cioè qualche settimana prima dell’inizio dell’assedio. Nel mese di agosto cadono i primo obici sull’ospedale e l’edificio diviene poi l’obiettivo quotidiano dei bombardamenti dell’armata federale e serba. Alla fine dell’assedio, centinaia di persone si rifugiano nell’ospedale con la speranza che si possa procedere ad una evacuazione controllata dalla comunità internazionale, un’azione di norma convenuta a Zagabria tra il governo croato e la JNA. Il 18 novembre la città cade e i soldati dell’armata serbo-federale entrano nell’ospedale il giorno successivo. Più di duecento persone rifugiate nell’ospedale vengono in seguito condotte in autobus sino ad un edificio situato nella fattoria di Ovcara, a meno di dieci chilometri a sud-est della città. I prigionieri sono torturati e picchiati per molte ore e la maggior parte sono poi trasportati in camion in un campo situato sulla strada di Ovcara verso Grabovo, dove sono massacrati e sepolti in un fossa comune situata nello stesso posto.

Due “nemici” sotto lo stesso tetto

  • 4 È evidente che la guerra di Croazia ha spinto in modo profondo a questo processo di ridimensionamen (...)

4Dopo un’occupazione serba di diversi anni e la riconquista del controllo della regione da parte dei Croati, sembra che le identità tendano a cristallizzarsi unicamente in relazione alla nazionalità4, un fenomeno che coincide idealmente all’immagine di una Vukovar delle bandiere croate che sventolano ai banconi di molte sue abitazioni. Baillie (2011) e Kardov (2007) sono concordi nel presentare questa città, famosa per le numerose nazionalità que vi abitavano prima della guerra, come eterogenea dal punto di vista geografico, ma socialmente polarizzata nel territorio :

Vukovar is a spatially mixed but socially polarized environment. Croats and Serbs live nose to nose in the same apartments building, but in two different Vukovars. Here ethnicity is marked out and policed by the flying of flags, the holding of commemorations, the marking of ethno-nationalist expressions in the urban landscape (such as graffitis), and the presence of symbolic buildings (Baillie, 2011, p. 90).

5Kardov aggiunge che la caduta della città ha portato alla divisione dei cittadini secondo principi etnici : From that day on they lived under different educational, political, and economic systems, and their experience of war had also little in common (2007, p. 65). Stimolante è la valutazione di Charles Tauber, responsabile della missione per il Sud-Est europeo dell’ONG : Coalition For Work With Psychotrauma and Peace (CWWPP). Cittadino dei Paesi Bassi, egli vive a Vukovar dal 1995 ed esprime, come straniero, il suo modo di leggere questa divisione sociale :

“Everything is divided here. […] Pubs, cafes all the rest of that stuff… Schools, restaurants… Everything is divided here. And people know it. And by the way, as a foreigner, they let you know – because of the words they use and the accent they use – who they are. And it is funny some time how they do it. With one word or with two words. They will let you know if they are Serbs or Croats”5.

6Un nuovo censimento è stato effettuato nel 2011 e se i dati disaggregati relativi alla dimensione demografica delle diverse nazionalità non sono ancora pubblicati, è verosimile affermare che nel 2011 la popolazione fosse di 28.033 abitanti6, contro i 31.670 nel 20017 e i 44.639 nel 19918. All’inizio degli anni Novanta, la popolazione era distribuita tra le etnie in modo relativamente equilibrato : 47,2 % di censiti si definiva croato e il 32,3 % serbo9. Anche se molti serbi hanno lasciato la città dopo la reintegrazione della Croazia, la minoranza serba è ancora ben presente. Attualmente Robert Rapan, del partito “HSP dr. Ante Starcevic”10, deputato al parlamento di Vukovar e membro della commissione per il censimento del 2011, afferma che anche i Croati di Vukovar sono attualmente una minoranza nella città rispetto al numero totale dei componenti degli altri gruppi : “As a member of the commission I had the chance to see the list. In particular the list of national minorities. It turned out that there were approximately 14.000 members of national minorities… 14.000 people. […] That means that the minorities are in fact the majority11. Giova sottolineare che questi censimenti non esprimono solo una loro dimensione simbolica, dal momento che lo stato di “minoranza” in Croazia è regolato da una legge sulle minoranze che comporta una serie di politiche di sostegno a favore delle minoranze stesse in una logica di discriminaziona positiva.

7Gli abitanti che si sono uniti alle forze croate per difendere la città, così come alcune persone provenienti da diverse parti del paese per sostenere Vukovar, sono chiamati Branitelji (difensori). Ai nostri giorni essi godono di stato sociale importante, soprattutto in confronto a quella della comunità serba rimasta nelle proprie case e considerata ancora da molti come il nemico. Baillie (2008, p. 218) aggiunge che la relativa equanimità tra le comunità più importanti esistente prima della guerra è finita :

“To meet the needs of the branitelji a plethora of new monuments celebrating the Homeland War were erected across Croatia by municipalities, veterans groups, etc. […] This converted Croatia from a Republic defined by a certain level of ethnic equity into a putative nation-state with significant residual Serb minority—now at the mercy of the Croats, a previously aggrieved ethnic group“.

8In ambito politico, i leader serbi e croati hanno avviato nel 2010 un processo di reciproche scuse. Boris Tadic è il primo presidente serbo ad aver visitato Vukovar dopo la guerra del 1991. Egli ha deposto una corona di fiori sul luogo del massacro di Ovcara insieme al presidente croato Ivo Josipovic. Questa visita, definita da molti come un importante atto storico, è di certo un passo verso la normalizzazione delle relazioni serbo-croate. Eppure molte voci si sono sollevate in entrambi i campi per criticare questo gesto. Alcuni rappresentanti delle famiglie delle vittime hanno addirittura voltato le spalle al presidente della Serbia durante la cerimonia in segno di protesta. Un mese prima della visita del presidente serbo, lo stesso presidente croato ha partecipato all’inaugurazione di un monumento dedicato a nove serbi uccisi alla fine del settembre 1995 in un villaggio vicino a Knin, auto-proclamata come capitale della repubblica serba di Krajina nella fase passata. Si ha la percezione che nelle più alte sfere del governo sia in atto una politica di riconciliazione, un agire che è ancora ben lontano da avere l’approvazione e conoscere il coinvolgimento dei dirigenti locali e della popolazione.

Dalle battaglie alla guerra di memoria

  • 12 Intervista realizzata in inglese nell’agosto 2010.
  • 13 ‘Staking Claim: Monuments and the Making (and Breaking?) of a Border Matrix in Vukovar’. Urban conf (...)

9Oggi a Vukovar una guerra giocata sulle memorie sembra aver preso il posto delle armi. I memoriali e i simboli mantengono alta la tensione in una regione che includerebbe già il maggior numero di monumenti legati alla guerra d’indipendenza. Sulla strada principale all’ingresso della città, si può vedere una torre d’acqua in rovina lasciata in siffatte condizioni come oggetto della memoria. Essa simboleggia anche ora la lotta dei Croati. Un ex soldato spiega il significato di tale simbolo nato dal fatto che : “Serbs would always try to shell this water tower to knock down the Croatian flag, but every time a Branitelji would climb up to place a new one12. La torre dell’acqua è al momento un Memoriale fregiato di una targa commemorativa in attesa di essere rivalorizzato sulla base di alcuni progetti messi in agenda, come ad esempio la costruzione di un ristorante, ma al momento tutto è ancora sulla carta. Il simbolo della torre dell’acqua è spesso utilizzata, per esempio, come insegna per gli autobus pubblici, o come logo del comune o ancora per illustrare differenti comunicazioni dei media a fini turistici. In aggiunta, si possono vedere molti pannelli di grandi dimensioni raffiguranti protagonisti dell’esercito croato – il generale Ante Govina13 – alla periferia della città, con slogan come : “Eroi piuttosto che criminali.” (documento 1). Deschaumes (2005, p. 127), assumendo come caso di studio il cimitero dei difensori croati, parla di un vorticoso sfruttamento delle vittime dell’assedio, vale a dire di un comportamento che piloterebbe il modo e il senso di come ricordare :

A Vukovar, l’organizzazione della memoria della comunità da parte dello Stato e della municipalità nazionalista croata si basa su una “strumentalizzazione vertiginosa ” delle vittime dell’assedio della città e del suo annientamento. Mentre la città è ancora piena di rovine, a dispetto dei bambini che vi giocano in mezzo, il cimitero di guerra, costruito su terreno di proprietà dell’esercito croato, offre “l’esempio vertiginoso” della frantumazione della memoria collettiva. Le vittime sono classificati per categorie, i militari, gli abitanti “normali”, ecc. Il cimitero è così ben tenuto che il contrasto con le rovine della città è quasi intollerabile.

Documento 1: Pannello dedicato alla gloria “dei difensori” attorno a Vukovar

  • 14 Intervista realizzata nel luglio 2010 à Zagabria con la mediazione di un traduttore croato-inglese.
  • 15 Croatia, Lonely Planet, 2009, p. 106.

10Zoran Sesto, guida turistica e direttore dell’agenzia Danubium Tours, porta come esempio, la cerimonia commemorativa del 18 novembre, dove un migliaio de personne sfilano verso l’ospedale sino al cimitero dei difensori, sottolineando che nessun serbo vi partecipa : “There are only Croatians. Serbians don’t do any ceremonials. They stay at their homes and keep quiet. But in their eyes you can recognize guilt. 20 years after the war they didn’t say anything… Except : “it was war”14. Questa considerazione dimostra anche la difficoltà dei serbi a commemorare il loro conflitto, e indirettamente le loro vittime. Baillie15 illustra anche il caso di Borovo, un villaggio vicino a Vukovar, dove un monumento alle vittime serbe 1991 al 1996 è vuoto : “The local Serbs do not dare to list the names in fear of reprisal attacks by Croats. It is still not possible to have a similar monument within the city itself. Serb ’victims’ are unrecognized in Vukovar like Serb residents are for the most part unwanted“.

Città martire, città simbolo

11Vukovar ha certamente acquisito lo status di città martire e simbolo della guerra di indipendenza, come ribadisce Ferdinand Meder, direttore drll’Istituto croato di Conservazione : “Vukovar and all the villages around became special places for all the Croatian citizens. We were all following the news, every inch of destruction were followed with a lot of emotion. Even small villages that nobody knew before the war became then symbols of this war“. Baker (2009, p. 40) sottolinea che la Slavonia ha ispirato il più grande repertorio di “wartime music” e che i media croati hanno fatto ben presto dei siti di Ragusa e Vukovar dei luoghi-chiave della resistenza e dei simboli delle vittime della guerra : “Vukovar made it the focus of ongoing symbolic work after the end of the war. A linear process of suffering, displacement, nostalgia, sadness and return was enshrined in political discourse, the mass media, school textbooks and Brodfest songs about Vukovar“. Se Ragusa è anche un forte simbolo di questo conflitto, in particolare a causa della sua fama internazionale e per il suo status di patrimonio mondiale dell’UNESCO, è soprattutto la dimensione della distruzione e della violenza che hanno colpito Vukovar e molte località della Slavonia, che oggi fanno di Vukovar una città simbolo. Kardov (2007, p. 67) dimostra come questa città sia passato da uno stato di “emergenza” a quello di “luogo della memoria” (Nora, 1984-1992). Aggiunge, poi, che, prima della riconquista della città, la Croazia non poteva essere uno Stato sovrano senza l’integralità del suo territorio e solo : […]The return of Vukovar, Croatia’s new mythical place, symbolized fulfillment of the Croatian ‘centennial dream’ and indicated the stabilization of Croatian identity. Dopo la riconquista di Vukovar, molti croati hanno visitato la città – alcuni ritengono che si possa trattare di un vero pellegrinaggio – per scoprire o per rendere omaggio a questo luogo simbolico. In questo senso, Kardov (2007, p. 67) suggerisce che, per alcuni, la città debba essere presentata come una pietra miliare dello Stato croato :

“Vukovar became a place where the people of Croatia could go and bring back to memory the experience of the war, where younger generations could not just understand the experience of war, but also feel, the suffering of the Croatian people, and where in the words of the director of the Croatian Tourist Organization, tourists should be told the story of the rise of the Croatian state“.

12Grazie a questa ultima dichiarazione, la condizione di simbolo per Vukovar è certamente rivolta alla comunità interna, basandosi su un processo di costruzione di identità, ma nello stesso tempo anche verso l’esterno, come nuova destinazione di turismo della memoria. A differenza di Ragusa, Vukovar non è mai stata una città turistica importante, almeno non per un pubblico internazionale, ma sembra che il suo nuovo status di icona attiri sempre più visitatori domestici in quanto provenienti dalla Croazia, ma anche internazionali. Baillie (2008, p. 18), grazie alla sua esperienza di guida turistica ricorda anche il valore e il significato magico della città agli occhi di alcuni turisti : “Some of the foreign tourists on Danube cruises, whom I guided around the city, were not even sure which country they were in, much less what city. For others, the word Vukovar has almost a magical connotation of sacrifice, martyrdom, suffering and heroism“. Tutto questo stimola a soffermarsi sulla nascita del turismo a Vukovar e in Slavonia. In una regione uscita da un conflitto come questo, più precisamente di fronte ad un ambito territoriale di post-conflitto dove memoriali e altri luoghi legati alle vicende belliche costituiscono i siti più importanti per i visitatori, il turismo è visto come una esperienza e pratica di memoria e gli attori coinvolti come imprenditori degli stessi memoriali.

Memoria e turismo a Vukovar

  • 16 Highlights nella guida inglese.

13Vukovar is healing its war wounds but rising out of the ashes and calling visitors to its war memorials. Questa citazione dalla guida Lonely Planet evidenzia l’importanza dei memoriali nell’offerta turistica di Vukovar. La visita ai memoriale fa parte delle “attrazioni maggiori” proposte dalla guida per la Slavonia, così come le cantine di Ilok o birdwatching nel parco Kopoacki. La città di Vukovar è considerata dalla guida come un luogo ideale per coloro che vogliono un’esperienza “fuori dal comune16“. In considerazione del ruolo fondamentale dei memoriali nell’offerta turistica della regione, è necessario capire se il turismo visto come una pratica memoriale sia coinvolto nel processo di ricostruzione delle identità locali. Il distacco tra le diverse identità sembra ampliarsi attraverso la presentazione e narrazione dei memoriali che commemorano la guerra d’indipendenza croata, mettendo in evidenza i concetti di resistenza e sofferenza, così come lo status di vittima dei Croati, in contrasto con quella di aggressore dei Serbi. Prima di mettere più a fuoco il ruolo degli imprenditori dei memoriali – le associazioni delle vittime, i veterani combattenti, i nuovi operatori del turismo, ecc. – è necessario soffermarsi brevemente sulla situazione del turismo nella regione. Rivera (2005) ha condotto uno studio sul turismo in tutto il territorio della Croazia, e osserva che i segni della guerra si trovano principalmente nella parte orientale del paese e nelle regioni di confine, mettendo in evidenza che ad eccezione di Ragusa, la maggior parte delle destinazioni turistiche è stata risparmiata dal conflitto : […] its stigma is not highly visible. In most tourist areas, there is no imprint of war, damage, or instability of any sort ; unless one knows about the history of Croatia, the casual tourist would never know there was ever war in the region, let alone 10 years ago. Se questa osservazione è del tutto pertinente nel caso di Ragusa, che oggi è stata completamente ricostruita, Vukovar sembra essere un caso atipico, perché l’intensità della devastazione è ancora visibile e le ferite della guerra si stanno metabolizzando attraverso una loro valorizzazione come patrimonio e turismo della memoria.

14In primo luogo è importante notare che Vukovar è stato il vincitore della “Mela d’Oro” nel 2011 per “la ricerca dedicata al sito archeologico di Vucedol e la sua promozione in Croazia e all’estero” Questo premio è stato assegnato alla città, dopo Ragusa nel 1992 e Spalato nel 1996 dalla Associazione Mondiale dei Giornalisti e Scrittori del Turismo (FIJET)17. Nella figura 2 si può vedere l’andamento degli arrivi turistici a Vukovar dal 2006. Si noti che se i turisti locali sono caratterizzati da una contrazione sempre più marcata durante i sei anni esaminati, per quelli stranieri si verifica la tendenza opposta. Tutto ciò potrebbe essere messo in relazione a una diminuzione di interesse da parte dei Croati del loro patrimonio di guerra in relazione al tempo che li separa sempre più dal conflitto, mentre l’immagine internazionale della città è in aumento nel corso degli anni.

Documento 2: Arrivi turistici a Vukovar.

2006

2007

2008

2009

2010

2011

Touristes locaux

7296

7297

6874

6197

4938

3647

Touristes étrangers

1855

2221

2174

1990

2552

2460

Touristes de nationalité serbe

n.r.b

244

287

164

26

157

TOTAL

9151

9518

9048

8187

7490

6107

Ufficio turistico di Vukovar

15Risulta molto più difficile ottenere dati precisi sul numero reale di turisti che visitano i memoriali, essendo questo tipo di statistica alquanto dubbia. L’ufficio turistico di Vukovar è comunque in grado di fornire alcuni dati per l’anno 2009, dati confermati dagli amministratori dei siti esaminati. Secondo queste statistiche, il centro di Ovcara ha accolto circa 120.000 visitatori nel 2009, mentre l’ospedale di Vukovar si attesta a un po’ più di 35.000 visitatori l’anno.

16Danubium tours18, un’agenzia aperta da una giovane coppia al loro ritorno a Vukovar dopo il ritorno croato, è stata una delle prime agenzie turistiche a presentare un itineraio sul tema della memoria della guerra, il Path of defenders of Vukovar. Questo pacchetto turistico ha incontrato subito un successo crescente : la maggior parte dei turisti contatta l’agenzia per prenotare in particolare proprio questo tour che li porta nei luoghi “cruciali” del conflitto : l’ospedale, la strada di Tripinjska19, o la torre di acqua. Il soggetto è emozionale e delicato, ma, secondo i promotori di quello che alcuni chiamano “war tour“, questa pratica esperienziale sarebbe stato ben accettata a livello locale. L’itinerario viene presentato in questi termini sul sito web dell’agenzia : Heavy is the story of Vukovar. A town of heroes, a symbol of the Croatian freedom. The story of the triumph of human spirit certainly is a story that will live forever20. Inoltre, Zoran Sesto descrive il logo della sua agenzia (documento 3) e si percepisce l’onnipresenza della guerra e la nascita della nazione croata in questa immagine : The squares represent the Croatian flag, and the chopped edges the damages of the war. The blue represents the Danube River and the green the fields of Slavonia21.

Documento 3: Logo dell’agenzia Danubiumtours

Documento 3: Logo dell’agenzia Danubiumtours

Il Memoriale di Ovcara

  • 22 www.hdlskl.hr
  • 23 Somma equivalente a poco più di 250.000 Euro.
  • 24 Intervista realizzata a Vukovar nel 2011 con il supporto di un traduttore croato-inglese.

17La rimessa della fattoria di Ovcara è stata trasformata in Memoriale nel 2006, cioè quindici anni dopoil massacro. Il progetto è stato proposto da una sezione di Vukovar della “Associazione croata dei prigionieri dei campi di concentrazione serbi”22, e sostenuto dal punto di vista finanziario del governo croato con una somma di due milioni di corone23. Zdravko Komsic, il presidente dell’associazione di Vukovar, architetto del progetto e attuale direttore del memoriale, ha trascorso molto tempo in questo luogo a partire da quando era ancora un campo di prigionia : “After I have been captured, I spent nights at the prison of Ovcara which was a prison at that time. After that, we were taken to Srpska mitrovica a camp in Serbia. So there are certain emotional links… A personal relationship with the place24. All’ingresso del memoriale, una grande porta di legno è sempre aperta e la luce non è mai accesa, perché tutti i prigionieri sono stati uccisi durante la notte. Sul terreno, le munizioni sono annegate nel calcestruzzo. Sul tetto originale, duecento stelle rappresentano in segno di omaggio le duecento vittime i cui corpi sono stati riesumati. Oltre sessanta persone sono ancora considerati “scomparse” ed è attivo un numero verde per tutte le informazioni che li riguardano. Nella rimessa-memoriale sono visibili numerosi oggetti personali in bacheche di vetro adagiate su uno strato di paglia. L’ingresso è gratuito e per i visitatori è disponibile il servizio di una guida – l’unica persona del Memoriale stipendiata -. Oltre alle prime sovvenzioni ricevute dalla capitale, sono soprattutto le donazioni e proventi della boutique presente che finanziano la struttura. Non vi è nessuna foto realizzata durante il massacro, ma è disponibile nel centro un opuscolo dal titolo “Scream in the Night” (documento 4), pubblicato dall’Associazione croata dei prigionieri nei campi di concentramento serbi, dove la storia del massacro è narrato da disegni e testi prodotti dai membri dell’associazione.

Documento 4: Estratto dal libro « Scream in the night » che rappresenta il massacro dei Croati da parte dei paramilitari serbi nella fattoria d’Ovcara.

Documento 4: Estratto dal libro « Scream in the night » che rappresenta il massacro dei Croati da parte dei paramilitari serbi nella fattoria d’Ovcara.

Associazione croata dei prigionieri nei campi di concentramento serbi

18Con una media di circa 120.000 visitatori all’anno, questo luogo si può considerare come uno delle attrazionii maggiori di Vukovar. Secondo Zdravko Komsic, vi è un progetto per sviluppare una “Via Crucis” che collega la città al cimitero dei difensori presso la rimessa-memoriale di Ovcara, da seguire grazie ad una segnaletica di quattordici pannelli esplicativi. A tutto questo si affianca anche la pianta della città, distribuita dall’Ufficio del Turismo di Vukovar, che comunica in prima pagina l’importanza del turismo della memoria per la città. La copertina mostra i diversi memoriali e la cover posteriore mostra l’emblema dell’Associazione croata dei prigionieri nei campi di concentramento serbi.

L’Ospedale di Vukovar

19Se Vukovar è considerato da molti come un simbolo molto forte della resistenza croata l’ospedale della città è senza dubbio un simbolo della resistenza all’interno della stessa Vukovar. L’ospedale ora ha un duplice statuto : centro medico e luogo della memoria. Infatti nel suo seminterrato è stato costruito uno spazio museale che i visitatori interessati alla storia del conflitto raggiungono mescolandosi alle ambulanze e agli operatori sanitari. Questo ospedale non ha mai smesso di esercitare la sua attività, durante l’occupazione serba e, naturalmente, dopo il ritorno del potere croato. Non è possibile descrivere questo luogo senza citare la sua direttrice – responsabile durante l’assedio sino ai nostri giorni – Vesna Bosanac. Dopo la caduta di Vukovar nel 1991, la dottoressa Bosanac viene incarcerata per tre settimane a Mitrovica prima di essere rilasciato alle autorità croate. Torna nel 1997, a riprendere le sue funzioni e ricomporre una squadra medica. Sarà lei stessa accusata dei crimini di guerra, soprannominata “infermiere vampiro” con l’accusa di aver “rubato” il sangue dei serbi feriti. Tali accuse sono rapidamente cadute ed è anche stata nominata nel 1992 per il Nobel per la pace. A lei si deve lo stimolo al progetto del museo nel seminterrato dell’ospedale, un museo che ha aperto nel 2005 :

  • 25 Intervista realizzata a Vukovar nell’agosto del 2011 con il supporto di un traduttore croato-ingles

“Soon after we returned to Vukovar, there were a lot of people visiting us. Who came to visit the hospital and there were curious to learn how we managed to function, to operate during the war. They also wanted to see the room where we operated and treated our patients. […] I brought my idea to the ministry of health and social affairs. And then the minister of health made a decision to form a commission which worked on the project of a museum25“.

20Il museo è ora completamente privato e il suo bilancio è incluso nel funzionamento dell’ospedale. Lo spazio museale è composto da diverse sale, che accolgono manufatti d’epoca e manichini che rappresentano infermieri e feriti. Una sale è volutamente dedicato alla meditazione. Sulle pareti di un corridoio sono esposti pagine estratte dal diario della dottoressa Bosanac. Questo diario è una delle poche fonti storiche esistenti in possesso dei Croati che descrivono l’ospedale durante l’assedio. Molti documenti sono stati inviati a Belgrado dopo la caduta della città, ma nell’ultimo incontro tra dirigenti serbi e croati, alcuni di questi materiali dovrebbero essere restituiti. Il logo del museo dell’ospedale è rappresentato da una croce rossa segnata da fori, un riferimento alla croce sul tetto dell’ospedale, che alla fine è diventata bersaglio per gli assalitori. Vesna Bosanac accentua l’aspetto educativo del suo museo grazie alle numerose classi scolastiche che vengono in visita :

  • 26 Idem

“Children from Vukovar schools come and visit the museums and among such groups there are a lot of Serbian children, or children with a Serbian background, […] Even today in our professional form all individuals are free to decide whether to put down their national background or not. Officially no Serb groups, I mean officially… In terms of political parties, political associations have never visited the museum. And I do not know whether some individuals of Serb background have ever visited the museum26“.

• Turismo post-conflitto e “patrimonio alienante”

  • 27 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar con il supporto di un traduttore croato-inglese

21In una città divisa come Vukovar dove un processo turistico sembra gradualmente innescarsi, il paesaggio turistico è in gran parte costituito da elementi legati alla memoria costruita dalla guerra d’indipendenza croata. In qualche modo, si basa su un “traumsacape” (Tumarkin, 1995) che si sviluppa nel “touristscape” di Vukovar, e più in generale della Slavonia. Secondo Baillie : Today, monuments to the ‘Homeland War’ persist in presenting the binary of Croats as heroes and Serbs as the collectively guilty party. Few attempts have yet been made by the nation to commemorate the Serbs harmed by Croats during the war. Alla domanda di quale sia il potenziale di un tale memoriale nel promuovere un clima di riconciliazione, il direttore del Memoriale di Ovcara riconosce lui stesso di non crederci : “Honestly speaking I do not think it can. My opinion is that the only thing that can radically improve or influence the reconciliation process is again on Serb minority and the moment. When they will recognize and accept Croatia as their homeland without crossing fingers in their pocket27“. La pratica turistica che accompagna la produzione di memoria a Vukovar è considerato da alcuni come un turismo “nazionalista”, secondo il pensiero di Carlo Tauber, che collega questo fenomeno con la status di icona della città :

  • 28 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar

“Unfortunatly there is also right now, and there has been as long as I have been here and that is since 95… A great deal of nationalism tourism. Vukovar has this whole iconic status, of the great place were the Croats suffered. I mean everybody suffered here. I was not only the Croats, it was the Serbs, and it was every other groups28“.

  • 29 Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e la Restaurazione dei Beni Culturali

22Secondo quanto detto, la produzione di memoria, costruita attraverso il turismo o le commemorazioni, sembra in parte monopolizzata da un gruppo nazionale. Queste dinamiche nazionaliste possono orientare a ripetere rappresentazioni imposte in periodo di guerra, come evidenzia Herscher (1998, p. 4) con riferimento a Mostar : If this rebuilding proceeds in the framework of a divided city, without the involvement of citizens of both sides of the city, then the old city [Mostar] can only convey the image that was imposed on it during the war. In una raccolta di articoli editi dall’ICCROM29, Price (2005, p. 13) rileva la capacità potenziale di divisione che può indurre la gestione culturale in un contesto post-bellico dove è riconosciuta una sola identità nazionale : Morever, the official institutions responsible for culture may wish to avoid giving attention to a war-affected minority ethnic group if national policy recognize only a single national identity. Aggiunge anche che il ruolo dei musei e delle istituzioni culturali dovrebbero basarsi su una valorizzazione di un patrimonio cumune, in contrasto quindi con i war museums commemorating the military victory and demonizing the enemy interest […] (2005, p. 3). Questo fenomeno di monopolio della memoria sembra anche marcatament influenzato dalla situazione di icona della città. Come si è già visto, Vukovar è assurto a simbolo forte della sofferenza, ma anche della resistenza e poi dell’indipendenza per tutto il paese. Questa condizione speciale ha favorito certamente l’emergere di numerosi luoghi della memoria correlati alla guerra d’indipendenza, insieme alla comparsa di una forma di turismo, che alcune definiscono come “nazionalista”, o anche pellegrinaggio. Lo si può vedere nelle parole del presidente del parlamento, in cui sottolinea per tutti gli studenti l’importanza a visitare questo luogo fondamentale della memoria, anche avanzando l’idea di obbligo e il dovere :

  • 30 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar con il supporto di un traduttore croato-inglese

“We also believe and support the idea of constructing one place. The home of “homeland war” where all 8 years students should come 2 or 3 days… a weekend… where it would be an obligation for students from all over Croatia. A place where they could learn about the war in Vukovar and the role of Vukovar itself which was crucial for the establishment of the Republic of Croatia30“.

23Per altri, come Robert Rapan, se la memoria della guerra è essenziale nella scena turistica di Vukovar, è comunque importante evitare che le altre risorse (vigneti, parchi archeologici, parchi naturali, ecc.) siano completamente oscurati dallo sfruttamento della memoria della guerra e ciò che alcuni della comunità locale chiamano già “war tourism“ :

  • 31 Idem

“I agree… Yes ! “War tourism” yes ! But not only “war tourism” because other activities related to tourism are important. […] We mentioned the cruises coming to Vukovar. All visitors come to Vukovar and spend a short time and go elsewhere and have meals somewhere else. So we have to upgrade all our other activities related with tourism to make the visitor stay in Vukovar for at least a day or two. And not to be forgotten, the Danube… All these activities have to be related with the Danube31“.

24Il turismo in un contesto post-bellico è spesso guardato e considerato alla luce di una riconciliazione (Causevic, Lynch, Higgins, Salazar). Nel caso di Vukovar, il monopolio della memoria nello sviluppo del turismo sembra nelle mani della Croazia. La comunità serba è rimasta in citta quasi senza voce in capitolo ed è in qualche modo “privata” della sua memoria. Inoltre, in una città come Vukovar, che ha ricostruito la sua immagine e la sua industria turistica, è il patrimonio prodotto dalla guerra croata che comprensibilmente si impone come “attrazione principale”. Il simbolo che rappresenta Vukovar fa della città un luogo della memoria evidenziando la sofferenza dei croati. In questo senso, si potrebbe avere l’idea che gli abitanti serbi di Vukovar si muovono attraverso un processo di “alienazione” del loro patrimonio, il che sta a significare un’espropriazione e la perdita di controllo di questo patrimonio ? D’altra parte, il turismo legato alla guerra – visto da alcuni come nazionalista – sembra anche coprire alcune potenzialità di sviluppo di altri aspetti della regione (turismo archeologico, turismo del vino, turismo nautico, ecc). In questo modo, tale “alienazione” legata alla produzione del patrimonio può essere visto anche dalla parte croata, dove ogni volontà di sviluppo al di fuori dell’ambito della “war tourism” sembra compromessa. Alneng (2002, p. 479), mostrando il Vietnam come caso di studio, ha portato l’idea della morte del Vietnam come un paese e la sua resurrezione come una guerra : “[…] there is a new war in Vietnam – a war of ideological napalm and propaganda booby-traps. This new war is a meta-war. A metamorphosis – the death of Vietnam as a country and resurrection of Vietnam as a War“. Egli aggiunge poi che in un paese devastato economicamente, questa meta-guerra ha fatto del Vietnam uno dei paesi più poveri del mondo, in termini di identità. Se Vukovar non può essere rappresentata, senza fare riferimento alla guerra che l’ha devastato, non sarebbe anche in qualche modo intrappolato in un passato oscuro come propone Baillie (2008, p. 164) : “The people of the Balkans within Europe, […], are viewed as people trapped in the past, forever reliving the religious conflict that dominated early modern Europe, unable to free themselves from the shackles of history and move into the late twentieth century”. Torodova nel suo libro “Imagining Balkans” decostruisce l’idea di “balcanico”, che sarebbe espressione della percezione occidentale riguardo alla regione, connessa alla nozione come ferocia, guerra o violenza. Infine, promuovendo il turismo limitato anche al suo passato bellicoso, alcuni imprenditori dei memoriali non contribuiscono a Vukovar anche alla reificazione dei “Balcani” ?

• Limitare le tipologie “macabre”

  • 32 Dal greco “thanatos” (morte) e “opsis” (sguardo)

25I legami tra turismo e trauma, e più precisamente tra turismo e guerra, sono stati evidenziati da molti autori della letteratura anglosassone accademica. Derek Hall (2006, p. 69) afferma che i siti legati alla guerra, stanno diventando sempre più popolari. Valène Smith (2007, p. 205), va anche diffondendo l’idea che : memorabilia of warfare and allied products constitute the largest single category of tourist attractions in the world. Lo sviluppo turistico di tali siti è di solito interpretata come depravazione attraverso il concetto di “dark tourism” (Lernnon, Foley, Stone, Sharpley), tradotto in francese dalla denominazione “tourisme macabre” e in italiano “turismo macabro” . Stone (2006, p. 151) propone una classificazione di questi siti sulla base dell’intensità, passando dal chiaro allo scuro,a seconda delle varie caratteristiche, quali il tempo libero, l’istruzione, l’autenticità o la distanza cronologica. Seaton (1996, p. 241-242) suggerisce che questo tipo di turismo potrebbe rappresentare la dimensione itinerante del “thanatopsis”32, proponendo il concetto di “thanatourism”, una pratica che risale a sua avviso al Medioevo. Propone a sua volta una tipologia basata su cinque categorie : le visite nei siti caratterizzate da “morte individuale o di massa” (ad esempio Auschwitz), le visite di luoghi “d’internamento” e siti “memoriali” (es : le catacombe o memoriali di guerra), i segni materiali o rappresentazioni simboliche (ad esempio, il corpo imbalsamato di Lenin o le armi in un museo) e infine le ricostruzioni (ad esempio, la ricostruzione di battaglie medievali). Seguendo lo stesso approccio, Duknley (2007, p. 1) presenta sette diverse categorie di thanaturismo : “turismo dell’orrore” (ad esempio i tour tematici su Jack lo Squartatore), il “turismo del dolore” (ad esempio, cimitero di Arlington), “turismo della sofferenza” (ex Alcatraz), “turismo delle tragedie” (ad esempio, Hiroshima), “turismo di guerra” (ad esempio, musei della guerra), “turismo-genocidio” (ad esempio, Auschwitz) e infine il “thanatourisme estremo” (ad esempio, esecuzioni pubbliche). La prima domanda che si pone per queste categorie è legata alla pertinenza dei criteri che li definiscono. Un sito come Auschwitz per esempio, potrebbe essere inquadrato in più categorie in una sola volta sulla base degli elementi indicati per la definizione. Auschwitz è un luogo di “sofferenza”, ma anche di “guerra”, “internamento”, “tragedia”, “genocidio”, “orrore” o anche “dolore”. Non si comprende chiaramente quale siano le motivazioni metodologiche che guidano questi autori a collocare il turismo macabro in una categoria rispetto ad un’altra. Inoltre, questi siti rispondono a diverse rappresentazioni secondo l’esperienza del visitatore, visitatori che non possono essere considerati come un gruppo omogeneo come evidenziato da Biran et al. (2011, p. 6) :

Tourists are often regarded as a homogeneous group and as passive receptors that should be educated. Studies ignore the fact that tourists have different levels of knowledge and familiarity as well as diversity of views in relation to the display all of which may affect their preferences of on-site interpretation. While some tourists may be interested in interpretation that is educational, others may be seeking an emotional, spiritual, or sentimental experience.

26Biran et al., in uno studio sul sito di Auschwitz, decostruisce il concetto di “dark tourism“, mettendo in evidenza il predominio dell’approccio teorico in questo specifico campo di ricerca e in particolare la mancanza di studi empirici che lo caratterizzano. Sono in discussione un’unica visione dei turisti, grazie al caso di come un sopravvissuto all’Olocausto, o uno dei suoi familiari, che non proveranno la stessa esperienza nel visitare un luogo rispetto ad uno studente in viaggio scolastico. Questo può essere sostenuto nel caso di Vukovar, dove le rappresentazioni di un sito come Ovcara differiscono profondamente, sia che si tratti di un sopravvissuto dell’assedio, un visitatore locale, uno studente o un turista straniero. In questo caso, come in quello di Auschwitz, in quale categoria situare il Memoriale di Ovcara o l’Ospedale Vukovar ? Le teorie del “dark tourism” tendono anche a limitare le motivazioni dei turisti che visitano questi siti per soddisfare una forma di curiosità morbosa, concettualizzato dal termine tedesco di “shadenfreude” (Lennon & Foley, 2000). Allo stesso modo, la gestione di questi siti sarebbe guidata dalla presunta morbosità per soddisfare le esigenze di business. Sulla base di quanto è stato discusso in precedenza, sembra che i vincoli finanziari non siano determinanti – o almeno non per tutte le motivazioni che guidano la gestione di questi siti. Sharpley (2009) ammette che questi siti offrono delle esperienze vissute in modo diverso a seconda dei visitatori, anche se il fascino per la morte è ancora nella sua interpretazione il motivo principale della visita. L’autore propone un continuum di motivazioni di visita che vanno da visite “volontarie” a “casuale”. Basandosi su teorie di Stone, egli offre una matrice per classificare questi siti tra “scuro” e “chiaro”, e tra “volontario” e “casuale”.
Nel panorama accademico francese Jean-Didier Urbain collega i concetti del turismo e della memoria, con la pratica del “turismo della memoria” come una relazione con il tempo, e più precisamente come una relazione con la coscienza del tempo (2003, p. 4). Secondo Urbain, la visita ad un luogo di memoria non è un’attrazione come le altre : Il [le lieu de mémoire] n’existe pas en soi, mais par un regard spécifique, le regard de celui qui se souvient et le fait devenir et demeurer le réceptacle d’un passé toujours vivant dans les mentalités et les sensibilités collectives (2003, p. 5) (Esso – il luogo della memoria- non esiste in se stesso, ma attraverso uno sguardo preciso, lo sguardo di colui che ricorda e che lo fa divenire e ne fa la dimora di un passato sempre vivo nella mente e nella sensibilità collettiva). Lo sguardo dei visitatori da un lato, ma anche quello di coloro che gestiscono questi luoghi – come gli imprenditori dei memoriali di cui sopra si è parlato- sono, lo si vede, entrambi fondamentale per la loro realtà. In tale modo questi luoghi della memoria diventati attrazione turistica danno vita a esperienze uniche che non possono essere classificate in tipologie rigide come quelle proposte in precedenza. Inoltre, Urban (2003, p. 5) mette in luce un aspetto di questo turismo troppo spesso non affrontato nell’ambito delle attività attinenti al “dark tourism“, cioè i meccanismi capaci di costruire identità che accompagnano questo tipo di turismo : A l’intérieur d’un territoire, il [le tourisme de la mémoire] est un outil de consolidation d’une unité culturelle, d’une construction identitaire, d’une formation des peuples. A l’extérieur, pour le visiteur étranger à la culture d’accueil, il est un vecteur de diffusion d’une image, d’une identité culturelle (Nell’ambito interno di un territorio, esso [il turismo della memoria] è uno strumento per consolidare una unità culturale, una costruzione d’identità, una formazione di popoli. All’esterno di esso, per il visitatore estraneo alla cultura ospitante, vi è un vettore di diffusione di una immagine e di una identità culturale). Come ho cercato di dimostrare nel caso di Vukovar, queste dinamiche, sia che si tratti della costruzione di identità o della diffusione di un’immagine, appaiono essenziali per la buona comprensione di questo fenomeno, collegando turismo e memoria nello spazio post-jugoslava.

Conclusione

27Il desiderio di soddisfare una curiosità morbosa come fattore di sviluppo turistico nei luoghi collegati a una vicenda drammatica sembra comunque un poco riduttivo, sia dal punto di vista dei consumatori o produttori. In questo senso, le teorie della “dark tourism” non riflettono la complessità delle dinamiche che guidano lo sviluppo turistico di questi siti. In contrasto con questo turismo macabro, Urban (2003, p. 6) vede il turismo della memoria come un “turismo etico”, che nasce da valori etici : Le tourisme de mémoire est au temps ce que le tourisme écologique est à l’espace ; il est au passé ce que le tourisme humanitaire est au présent (il turismo della memoria rappresenta nel tempo ciò che il turismo ecologico è nella spazio ; esso è per il passato ciò che il turismo umanitario è per il presente). Esso sarebbe ancora di più, un’azione – un impegno nel voler ricordare e indirettamente un’elaborazione del lutto – che permetterebbe di aspettarsi un certo grado di pace sociale. Tuttavia, questo non deve far dimenticare il rischio di abuso e di manipolazione inerente alla nozione stessa di moralità (Urban, 2003, p. 6). Come si può vedere in alcuni siti di Vukovar, le dinamiche nazionalistiche che accompagnano il loro sviluppo turistico sembrano costituire uno dei principali ostacoli alla pace sociale.

Haut de page

Bibliographie

Alneng V., 2002, “What the fuck is a Vietnam ? Touristic phantasms and the popcolonization of (the) Vietnam (war)”, Critique of anthropology, 2(4), pp. 461-489.

Baillie B., 2011, Staking Claim : Monuments and the Making (and Breaking ?) of a Border Matrix in Vukovar, Urban Conflict Conference.

Baillie B., 2011, The wounded church : War, Destruction and Reconstruction of Vukovar’s Religious Heritage, PhD Thesis, Cambridge University.

Baker C., 2009, “War Memory and Musical Tradition : Commemorating Croatia’s Homeland War through Popular Music and Rap in Eastern Slavonia”, Journal of Contemporary European Studies, 17(1), pp. 35-45.

Biran A. et al., 2011, “Sought Experiences at (dark) Heritage Sites”, Annals of Tourism Research, 20.

Causevic S., Lynch P., 2008, “Tourism development and contested communities. The issue of Belfast, Northern Ireland”, Espaces Temps.net.

Coalition for Work with Psychotrauma and Peace, 2010, Social reconstruction and
health toward the future. lessons learned from Eastern Croatia.
CCWWP, Vukovar.

Deschaumes G., 2005, Mémoires en excès, mémoires en creux dans les pays de l’ex-Yougoslavie, Institut européen de l’Université de Genève (IEUG).

Dunkley R. A., 2007, “A Shot in the Dark ? Developing a New Conceptual Framework for Thanatourism”, Asian journal of Tourism and Hospitality Research, pp. 54-73.

Hall D., 2006, Tourism and Welfare : Ethics, Responsibility, and Sustained Well-being, Oxfordshire, Cabi.

Herscher A., 1998, “Remembering and Rebuilding in Bosnia”, Transitions.

Higgins-Desbiolles F., 2006, “Reconciliation tourism : Healing divided societies”, IIPT Occasional Paper, 7.

Kardov K., 2007, “Remember Vukovar : memory, sense of place and the national tradition in Croatia”, in Ramet, S.P. & Matic, D. éd., Democratic Transition in Croatia : Value Transformation, Education, and Media, Texas A&M University Press.

Lennon J., Foley M., 2000, Dark Tourism. The Attraction of Death and Disaster, London – New York, Continuum.

Nora P., (1984-1992), Les Lieux de Mémoire, Paris, Gallimard, 3 vol. 

Oliver J., 2005, Croatia, 3rd Revised edition., Lonely Planet Publications.

Price S., 2005, Cultural heritage in postwar recovery, ICCROM Conservation Studies, 6.

Rivera L., 2005, After nationalism : tourism and the production of post-war Croatian identity, American Sociological Association.

Todorova M.N., 1997, Imagining the Balkans, Oxford University Press, USA.

Tumarkin M.M., 2005, Traumascapes : The Power and Fate of Places Transformed by Tragedy, Melbourne, Melbourne Univ. Publishing.

Salazar N., 2006, “Building a ‘culture of peace’ through tourism : reflexive and analytical notes and queries”, Universitas Humanistica, 62, pp. 319-333.

Seaton T., 1996, “Guided by the Dark : From Thanatopsis to Thanatourism”, International Journal of Heritage Studies, 2, pp. 234-244.

Sharpley R., 2009, “Shedding Light on Dark Tourism : an Introduction”, in Sharpley R. and Stone P. éd., The Darker Side of Travel. The theory and Practice of Dark Tourism, Bristol, Channel View Publications, pp. 3-22.

Smith V., 2007, “War and Tourism : An American Ethnography”, Annals of Tourism Research, 25, pp. 202-227.

Stone P., 2006, “A Dark Tourism Spectrum : Towards a Typology of Death and Macabre Related Tourists and Sites, Attraction and Exhibitions”, Tourism : An Interdisciplinary International Journal, 52, pp. 145-160.

Urbain J-D., 2003, “Tourisme de mémoire. Un travail de deuil positif”, Cahiers Espaces, 80, pp. 5-7.

Vallat J. P. (éd.), 2008, Mémoires de patrimoines, Paris, L’Harmattan.
Università di Bologna

Haut de page

Notes

1 Jugoslavenska Narodna Armija, cioè armata del popolo jugoslavo.

2 Operazione Flash.

3 Operazione Storm.

4 È evidente che la guerra di Croazia ha spinto in modo profondo a questo processo di ridimensionamento dell’identità in una città conosciuta prima del conflitto per il suo multiculturalismo. I discorso degli attori locali – da parte dei politici, dei media o della società civile – sono il primo segno di queste dinamiche di identità che portano un individuo ad essere considerato esclusivamente come “serbo” o “croato”. Tuttavia, questo non deve far dimenticare la fluidità che caratterizza ogni produzione di identità. Charles Tauber, presente a Vukovar dal 1995, ha stimato che nel gruppo di pazienti con cui è venuto in contatto in qualità di psicologo, circa l’80% ha un parente di terzo grado o meno di differente origine nazionale. E ‘importante fare un passo indietro e riconoscere che queste categorie, “serbo” e ” croato”, sono anche essi dei costrutti elaborati in modo endogeno dagli attori locali, ma anche da un processo esterno, attraverso l’opera dei ricercatori.

5 Intervista realizzata a Vukovar – agosto 2011 www.dzs.hr/Eng/censuses/Census2001/Popis/E01_02_02/E01_02_02_zup16.html

6 www.dzs.hr/Eng/censuses/Census2001/Popis/E01_02_02/E01_02_02_zup16.html

7 www.icty.org/x/cases/mrksic/ind/en/mrk-ii951107e.pdf

8 Idem

9 Il partito croate dei diritti del Dr. Ante Starcevic è un partito croato di nazionalismo di destra (http://www.hsp-ante-starcevic.hr)

10 Intervista realizzata a Vukovar nell’agosto del 2011 con la mediazione di un traduttore anglese-croato

11 Intervista realizzata a Vukovar nell’agosto 2010 in inglese

12 Intervista realizzata in inglese nell’agosto 2010.

13 ‘Staking Claim: Monuments and the Making (and Breaking?) of a Border Matrix in Vukovar’. Urban conflict conference. 2011

14 Intervista realizzata nel luglio 2010 à Zagabria con la mediazione di un traduttore croato-inglese.

15 Croatia, Lonely Planet, 2009, p. 106.

16 Highlights nella guida inglese.

17 http://www.fijet.net/

18 www.danubiumtours.hr/

19 Anche chiamata « il cimitero dei tanks », una strada famosa per i numerosi tanks distrutti dai difensori croati

20 http://www.danubiumtours.hr/en/articles/programs/paths-defenders-vukovar/

21 Intervista relizzata in inglese a Vukovar nell’agosto 2011

22 www.hdlskl.hr

23 Somma equivalente a poco più di 250.000 Euro.

24 Intervista realizzata a Vukovar nel 2011 con il supporto di un traduttore croato-inglese.

25 Intervista realizzata a Vukovar nell’agosto del 2011 con il supporto di un traduttore croato-inglese

26 Idem

27 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar con il supporto di un traduttore croato-inglese

28 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar

29 Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e la Restaurazione dei Beni Culturali

30 Intervista realizzata nell’agosto 2011 à Vukovar con il supporto di un traduttore croato-inglese

31 Idem

32 Dal greco “thanatos” (morte) e “opsis” (sguardo)

Haut de page

Table des illustrations

Crédits © P. Naef.
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/1015/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 104k
Titre Documento 3: Logo dell’agenzia Danubiumtours
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/1015/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 52k
Titre Documento 4: Estratto dal libro « Scream in the night » che rappresenta il massacro dei Croati da parte dei paramilitari serbi nella fattoria d’Ovcara.
Crédits Associazione croata dei prigionieri nei campi di concentramento serbi
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/1015/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 108k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Patrick Naef, « “Souvenirs” di Vukovar: Turismo e memoria nel territorio post-jugoslavo », Via [En ligne], 3 | 2013, mis en ligne le 01 janvier 2013, consulté le 30 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/1015 ; DOI : https://doi.org/10.4000/viatourism.1015

Haut de page

Auteur

Patrick Naef

Patrick Naef è studente di dottorato e assistente di ricerca e di insegnamento nel Gruppo di Ecologia Umana dell ‘Istituto di Scienze Ambientali (Università di Ginevra).

Articles du même auteur

Haut de page

Traducteur

Fiorella Dallari

Università di Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search