Navigation – Plan du site

Turismo e dinamiche identitarie

Bernard Debarbieux, Jean-François Staszak et Ouidad Tebbaa
Traduction de Fiorella Dallari
Cet article est une traduction de :
Tourismes et dynamiques identitaires [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
Tourism and identity processes [en]
Turismos y dinámicas identitarias [es]
Turismos e dinâmicas identitárias [pt]
Tourismus und Identitäten im Wandel [de]
Turismes i dinàmiques identitàries [ca]

Texte intégral

1Gli studi in campo turistico sono quelli che più di ogni altro hanno da tempo dedicato attenzione al tema della identità e alle sue dinamiche. Da sempre fare turismo significa mettere in contatto e a confronto popolazioni diverse, attente alla propria specificità ; e quindi sin dall’inizio è emersa la questione dell’identità degli uni e dell’alterità degli altri. L’interrogarsi sulle tipologie identitarie, sia che ci si soffermi o meno sul concetto di identità, è centrale nella ricerca di sociologi, antropologi e geografi che hanno dedicato i loro studi al turismo, soprattutto nell’ambito dei paesi del Sud (Cohen, 1988 ; Nash, 1996 ; Cazes, 1989).

2Tuttavia, per lungo tempo l’argomento principale delle ricerche è stato quello di comprendere in quale misura l’immagine che i turisti elaborano del luogo visitato e delle popolazioni che lo abitano, e le pratiche che essi di conseguenza adottano, influenzino le stesse popolazioni, le pratiche culturali e la rappresentazione che essi hanno di se stessi. In breve, le ricerche sono state per molto tempo ossessionate dalle influenze (implicitamente giudicate in modo sfavorevole) e dagli effetti (spesso considerati dannosi) degli stereotipi del turismo, della folklorizzazione e della commercializzazione delle tradizioni culturali (come dimostrato da numerosi autori tra cui: Krippendorf, 1977 ; Rajotte and Crocombe, 1980 ; Turner and Ash, 1975). Più in generale, questo approccio descrive il turismo inserito in un movimento di globalizzazione omologante, e quindi colpevole della distruzione delle identità locali, spesso reificate e private dei propri contenuti storici.

3Negli anni tra il 1990 e il 2000 alcuni autori si sono distinti per aver adottato un approccio meno critico e proponendo analisi interpretative più attenuate Si è affermato che l’impatto del turismo sulle identità locali non ha sempre un significato di degrado e distruzione come risultato finale. Norhonda (1979), Harkin (1995), Krystal (2000), Picard (1996, 2001), Equipe MIT (2002) e qualche altro autore hanno dimostrato che il turismo poteva svolgere un ruolo importante nella promozione delle tradizioni vernacolari e dei savoir-faire su scala locale, così come nel far emergere nuove forme di espressione culturale e di competenze riflessive, o identità, con modalità proprie dell’auto-definizione collettiva nell’ambito delle società esaminate. Il turismo parteciperebbe inoltre alla conservazione, allo sviluppo (perché sarebbe necessariamente negativo ?), o alla (re)invenzione delle identità locali, logicamente rafforzandole, poiché queste costituiscono una risorsa per quel turismo sempre più alla ricerca di diversità.

4Gli studi sul campo condotti negli ultimi venti anni hanno posto un accento particolare sulla capacità di agire (agency) e sulle performance degli attori locali (Desmond, 2005). Questi ultimi non sono più concepiti come oggetti passivi all’occhio del turista (Urry, 1990), ma soggetti attivi che costruiscono rappresentazioni della loro cultura appositamente per i turisti – rappresentazioni basate sui propri sistemi di riferimento, ma anche sulla loro interpretazione del desiderio dei turisti stessi, in un contesto in cui il rapporto tra il locale e il globale è cambiato radicalmente (Appadurai, 1996 ; Salazar, 2010).

5Nella complessità del mondo contemporaneo, lo sviluppo dell’attività turistica e la proliferazione di reti translocali e transnazionali fanno sì che il soggetto locale sia ormai dipendente dalle condizioni esterne come da quelle interne al luogo, ancorato in un territorio, nonché ad altri soggetti collegati tra loro da una grande quantità di reti. Se il turismo costituisce un mezzo per l’immaginazione, esso influisce anche sulla creazione delle identità del gruppo, e può anche, in quanto tale, essere sfruttato da individui che cercano di rinnovare o affermare il loro spirito di appartenenza (Debarbieux, 2012).

6Queste dinamiche di valorizzazione da parte degli operatori turistici di identità ubicate o atte a mobilitare l’immaginario turistico globalizzato mostrano che il turismo si presta a tutti i tipi di strategie suggerite dal dossier. Il nostro dossier si inserisce così, sulla scia di questo rinnovamento, nel dibattito degli studi turistici proponendosi di esplorare la materia delle dinamiche identitarie.

7Due articoli (Tiekoura, Tizza) trattano essenzialmente delle identità di genere, e in particolare dell’evoluzione del ruolo della donna nelle società la cui trasformazione è chiaramente legata allo sviluppo turistico. L’identità femminile non è l’oggetto del turismo, ma può esserne influenzata, principalmente a causa del coinvolgimento delle donne nell’attività economica e del confronto con il modello occidentale dei rapporti di genere. Tre articoli focalizzano la loro attenzione sulle identità etniche (Milan, Oiry, Grégoire e Scholze). Le identità autoctone sono quindi uno degli oggetti del turismo, e come tale sono in continua mutazione, ma sono anche strettamente. correlate alla messa in opera di strategie da parte degli operatori locali per lo sviluppo della risorsa “turismo”, che va ad autenticare la loro identità, e per farne un uso strumentale a fini politici.

8Quattro dei cinque dossier trattano di turismo in Marocco e Nigeria. Questo deriva dalle relazioni dei promotori di questo numero, di fatto una rete che metteva in campo tali autori. L’ultimo (Milan) si concentra sulla Cina. In tutti i casi si tratta di spazi periferici in cui lo sviluppo turistico è molto recente e si fonda soprattutto sullo sfruttamento delle originalità delle culture locali. La complessità dei rapporti tra turismo, identità locali e ruolo degli attori locali in un contesto di mutazione degli stessi, è particolarmente evidente. È probabile che lo stesso approccio possa valere (e insegnare) in molte situazioni là dove si proceda con una concezione meno rigida e nostalgica delle identità locali, prestando più attenzione alla agentività degli attori locali e considerando il turismo da un punto di vista meno negativo.

9Questo è l’invito che viene suggerito ai lettori del dossier, poiché esso rimane aperto, con la possibilità, nei mesi a venire, di ricevere contributi sull’argomento. L’implementazione di casi di studio e anche di discussioni riguardo agli articoli stessi, possono contribuire a far avanzare la conoscenza e il dibattito su questi temi di identità.

Haut de page

Bibliographie

Amselle J.-L., 2010, Logiques métisses. Anthropologie de l’identité en Afrique et ailleurs, Paris, Payot.

Appadurai A., 1988, “Putting Hierarchy in its Place”, Cultural Anthropology, n° 1, pp. 36-49.

Appadurai A., 1996, Modernity at large, Cultural Dimensions of Globalization, Minneapolis, University of Minnesota Press.

Castells M., 1996, The power of identity, London, Blackwell.

Cazes G., 1989, Le tourisme international: mirage ou stratégie d’avenir ?, Paris, Hatier.

Cohen E., 1988, “Authenticity and Commoditization in Tourism”, Annals of Tourism Research, n° 15, pp. 371-386.

Crain M. M., 1996, « Negotiating Identities in Quito’s Cultural Borderlands » in Howes D. (ed.), Cross-Cultural Consumption: Global Markets, Local Realities, New York, Routledge, pp. 125–137.

Debarbieux B., 2012, « Tourisme, imaginaires et identités: inverser le point de vue », Via@, Les imaginaires touristiques, n° 1, 2012, mis en ligne le 16 mars 2012.

Desmond J.C., 2001, Staging Tourism. Bodies on Display from Waikiki to Sea World, Chicago, University of Chicago Press.

Equipe MIT, 2002, Tourismes 1, Lieux communs, Paris, Belin.

Erb M., 2001, « Le tourisme et la quête de la culture Manggarai », Anthropologie et sociétés, n° 2, pp. 93-108.

Giddens A., 1994, Les conséquences de la modernité, Paris, L’Harmattan.

Harkin M., 1995, “Modernist Anthropology and Tourism of the Authentic”, Annals of Tourism Research, n° 22, pp. 650-670.

Krippendorf J., 1977, Les dévoreurs de paysage, Lausanne, Editions 24 heures.

Krystal M., 2000, “Cultural Revitalization and Tourism at the MoreriaNimaKicke”, Ethnology, n° 39, pp. 149-161.

Lanfant M., Allcock J. et al. (Eds.), 1995, International Tourism: identity and change, London, Sage.

Nash D., 1996, Anthropology of Tourism, Oxford and New York, Pergamon Press.

Norhonda R., 1979, “Paradise reviewed: Tourism in Bali”, in Kadt E. d., Tourism: Passport to Development ?, New York, Oxford Univ. Press, pp. 177-204.

Picard M., 1996, Bali. Cultural Tourism and Touristic Culture, Singapore, Archipelago Press.

Picard M., 2001, “Bali, vingt ans de recherches”, Anthropologie et Sociétés, n° 25, pp. 109-128.

Rajotte F. & Crocombe R., 1980, Pacific Tourism: As the Islanders see it, Fiji, South Pacific Social Sciences Association.

Salazar N. B., 2010, Envisioning Eden. Mobilizing Imaginaries in Tourism and Beyond, New York/Oxford, Berghahn Books.

Taylor C., 1998, The Sources of the Self, Cambridge, Harvard University Press.

Turner L. & Ash J., 1975, The Golden Hordes, London, Constable.

Urry J., 1990, The Tourist Gaze, London, Sage.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Bernard Debarbieux, Jean-François Staszak et Ouidad Tebbaa, « Turismo e dinamiche identitarie », Via [En ligne], 2 | 2012, mis en ligne le 13 décembre 2012, consulté le 18 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/1062

Haut de page

Auteurs

Bernard Debarbieux

Professore di geografia – Università di Ginebra.

Articles du même auteur

Jean-François Staszak

Professore di geografia – Università di Ginebra

Articles du même auteur

Ouidad Tebbaa

Università di Marrakech

Haut de page

Traducteur

Fiorella Dallari

Università di Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals