Navigation – Plan du site

Texte intégral

Introduzione1

  • 1 Questo numero di Via@ Tourism review, come quello di Teoros, pubblicato nel 2018, proviene da un co (...)

1Si può affermare che taluni luoghi siano erotici, o più erotici di altri? Vi si possono avere rapporti sessuali più intensi o differenti rispetto a luoghi diversi – compresi rispetto a quelli della nostra vita di ogni giorno? Il carattere immaginario erotico di alcuni luoghi potrebbe influenzare la scelta dei turisti e spingerli a visitarli? Tale questione sembra a priori sorprendente per l’“umanizzare” che essa induce rispetto all’entità dei luoghi (ma come si può attribuire un carattere erotico, o addirittura una personalità erotica a luoghi, a siti o a destinazioni turistiche?) o perfino per la riduzione ad “essenza” dei luoghi che vengono ad esserne coinvolti. Eppure, i numerosi esempi di luoghi scelti dai turisti per la loro carica erotica ci autorizza a porre la questione in siffatti termini: è così che chi ne è attratto talvolta la esprime.

2Si tratta qui di mettere in luce i luoghi che sembrano potere concedere, o almeno rendere facile, esperienze erotiche differenti o esaltate perché mettono in atto uno spazio-tempo che apre ai turisti una breccia di libertà, di permissività, di fantasia o di devianza che essi non si accordano, o che non è a loro accordato, nei luoghi e nei momenti della loro vita quotidiana. Si tratta anche di comprendere i processi con cui questo immaginario erotico è stato prodotto e ciò che produce a sua volta come un effetto sul luogo della fantasia.

3Queste domande sono prima di tutto geografiche nel senso che si accostano al luogo come “condizione dell’esperienza umana” (Entrikin, 2003: 557) e mettono in discussione il modo con cui i luoghi, in questo caso turistici, interferiscono con le esperienze umane. Esse sono storicamente situate perché l’erotismo dei luoghi deriva da una costruzione che segue un ritmo proprio, inscritto in un contesto – a volte mutevole – e una cronologia precisa, che ha un’origine e talvolta una fine. Esse sono altresì antropologiche, poiché esplorano come l’essere umano costruisca un contesto reale e / o immaginario sulla sua libido in relazione particolarmente a determinati luoghi. Le esperienze sono anche di carattere sociologico e politico perché s’inseriscono in rapporti sociali e di potere tra partner (tra turisti e locali, tra turisti e altri turisti e tra locali in un luogo trasformato dal turismo) ma anche tra luoghi (quelli del quotidiano e quelli della destinazione turistica). Infine, esse sono di tipo economico perché la geografia dei luoghi e delle destinazioni cariche di senso erotico è anche una geografia economica progressivamente composta dai flussi che trasmettono e accolgono il turismo internazionale. Questo numero speciale dedicato a mettere in luce il processo di “erotizzazione dei luoghi turistici” mira ad esplorare come certi luoghi possono essere prodotti, trasformati o travolti dagli immaginari e dalle pratiche erotiche dei turisti. Non si vuole d’altra parte parlare di essenza erotica dei luoghi comeda to invariabile e oggettivo, ma di selezionare le modalità (geografiche, storiche, culturali, economiche, ecc.) del processo di costruzione del loro carattere erotico, identificandone le logiche e le conseguenze.

4Il mettere in atto il piacere erotico è qui definito come il processo di ampliamento discorsivo attraverso il quale alcuni attori, giocando su un immaginario geografico preesistente o creandolo dal niente, erigono certe destinazioni in oggetti di desiderio sessuale o almeno in luoghi privilegiati alla loro messa in atto. Grazie a ciò questi luoghi riescono ad attirare determinati turisti per lanciarsi, all’occasione, in specifiche pratiche erotiche.

5In ragione di tutto ciò, si dovrebbe evitare di parlare di luoghi erotici o dell’erotismo dei luoghi, espressioni che lasciano pensare che si tratti di una qualità che sarebbe loro propria (un“essenza”, appunto), e piuttosto parlare di luoghi “erotizzati” oppure della loro “erotizzazione” concentrando sisul processo in atto e sul ruolo che rispetto ad esso giocano determinati attori. Ma è facile, e anche pratico, nasconderlo, dimenticarlo o ignorarlo e (preferire di) credere che l’erotismo dei luoghi e dei loro abitanti deriverebbe dalle loro qualità, nel quadro di una strategia dell’innocenza (Pratt, 1992) per liberare i turisti da ogni responsabilità o senso di colpa in materia, o più banalmente nella tendenza comune a naturalizzare i fatti sociali e a farne essenza dei luoghi. Così, ad esempio, l’erotismo di Tahiti è attribuito più facilmente e più volentieri alla “naturalezza”delle giovani donne tahitiane (Vahinés) anziché all’influenza del romanzo di Loti o ai dipinti di Gauguin.

6L’ignoranza dei processi in atto non è altro che una strategia; essa condiziona infatti il loro successo. Da un lato, la costruzione dell’erotismo dei luoghi è basata su fantasie (stereotipi esotici) che vedrebbero la loro efficacia erotica compromessa se gli attori interessati fossero consapevoli della loro natura immaginaria. Le Vahinés tahitiane perdono il loro fascino quando perdiamo le nostre illusione su di loro. D’altra parte, questo immaginario funziona come una profezia che si autoavvera. Le aspettative erotiche dei turisti portano (i) ad adottare una certa attitudine e certi comportamenti apertamente sessuali nel luogo di destinazione oggetto di tante fantasie, (ii) gli attori locali a prendere in considerazione un’offerta commerciale in grado di soddisfare questi clienti estremamente danarosi, (iii) di conseguenza una serie di scelte connesse a questi aspetti sono messe in pratica, portando alla formazione di un sexscape (Brennan, 2004) in modo che la destinazione alla fine corrisponda a ciò che i turisti avevano esattamente in testa. In un certo senso, è sufficiente per i turisti immaginare che sul posto ragazze sfrontate si daranno a loro facilmente perché qualcosa del genere possa realmente accadere, anche se i motivi per cui queste ragazze si offrono ai turisti non sono quelli a cui piace credere. I sogni di alcuni, forse gli incubi degli altri, hanno risorse che tendono a influenzare la loro realizzazione.

7Se le destinazioni privilegiate del turismo sessuale, dove i turisti vanno a consumare un’offerta sessuale a pagamento, ben identificabile e spesso preorganizzata, fanno parte di questi luoghi erotici, in questa sede non vogliamo focalizzarci solo su questo tipo di destinazioni. Di certo, il turismo è una pratica altamente erotizzata in cui il sesso commerciale e le attività sessuali si diffondono avviando sempre più un processo d’implementazione(Frohlick, 2016). Tuttavia, a differenza delle destinazioni del turismo sessuale che collegano i turisti “consumatori” con i “fornitori” locali [anche se i ricercatori (Brennan, 2004) hanno dimostrato che questa relazione è molto più complessa delle prime], le destinazioni erotiche propongono una “serendipità erotica” che riguarda in primis le pratiche e gli immaginari dei turisti stessi. Questi sono anche luoghi in cui si va con il proprio partner perché si crede che l’esperienza erotica, romantica, sessuale o libertina, sarà diversa. Esse includono anche un eros del luogo che si gioca tra il luogo visitato e il,o la,turista che lo visita.

Figura 1 : Turismo sessuale - turismoerotico.

Figura 1 : Turismo sessuale - turismoerotico.

Elaborazione degli autorida Prat Forga (2010)

8Questo capitolo introduttivo è articolato in tre parti.

  • La prima analizza il carattere apparentemente erotico di alcuni luoghi. Questo può essere affrontato come un gradiente di “cinquanta sfumature di grigio”, tra i luoghi “romantici” (Pruitt, LaFont, 1995) dove vanno gli innamorati, per la luna di miele o per l’anniversario di matrimonio; quelli in cui si va con un partner per vivere esperienze diverse da quelle della vita di tutti i giorni; e luoghi di turismo sessuale, alcuni dei quali propongono pratiche singolari (Ryan, Kinder, 1996; Jeffreys, S. 2003) e il turista è alla ricerca di rapporti soprattutto di carattere sessuale e a pagamento con nuovi partner.

  • La seconda riflette sull’immaginario turistico dei luoghi. Il gradiente è anche qui importante tra l’immaginario dei luoghi romantici, implementando il carico emotivo dei luoghi (grazie a personaggi letterari come gli amanti di Verona o protagonisti storici come Casanova a Venezia) e l’immaginario dei luoghi di turismo sessuale.

  • La terza infine mette l’accento sul processo di valenza erotica dei luoghi come è gestito dagli attori locali, da campagne di marketing ad hoc o dalla creazione e promozione di prodotti turistici di tipo erotico. Si esamina la questione delle eredità storiche (guerre, colonizzazioni) e il modo in cui hanno prodotto, se messo in atto o meno, il carattere erotico dei luoghi.

1-Luoghi turistici erotici?

Passione e odio, amore e dominio dei luoghi turistici

9Il turismo presenta una molteplicità di relazioni con l’erotismo.

  • 2 L’isola “come una donna amore vole, è lì per essere posse duta. Color oche non hanno molto denaro o (...)

10Tanto per cominciare, la personificazione di diversi luoghi turistici, nascosta o rinomata dai turisti o dagli attori dell’attività turistica, sancisce a livello metaforico una relazione sentimentale tra luoghi e turisti. A volte la destinazione turistica (e in particolare la città) è interpretata al femminile ed è considerata dal turista come una relazione di dominio di genere. La visita turistica è recepita come una penetrazione in un territorio (Sanoussi, questo numero). La descrizione dei paesaggi – il loro rilievo, le loro curve e le loro forme – spesso viene costruita in analogia al corpo femminile. Questa personificazione del luogo è nella maggior parte dei casi eterosessuale ed è destinata principalmente al pubblico eterosessuale bianco e maschile (Pritcharde Morgan, 2000). La campagna pubblicitaria delle Isole Vergini britanniche si basa quindi su allusioni alla verginità e alla fruizione sessuale, incoraggiando i turisti a scoprire un “territorio di vacanze vergini” (Pritchard e Morgan, 2000: 894-895); le “rappresentazioni dei paesaggi sono fondate sulle relazioni di potere basate sul genere che caratterizzano le società” (Pritcharde Morgan 2000: 126). I luoghi declinati al femminile sono a volte indicati come prede, presi da orde di turisti senza il loro consenso. Come Trask (1991: 28) lo evidenzia nel caso delle Hawaii, l’isola “like a lovely woman, is there for the taking. Those with only a little money get a brief encounter, those with a lot of money, like the Japanese, get more”.2

  • 3 “La città, che ha conosciuto la prostituzione per secoli è oggi evitata da chi pratica la prostituz (...)

11Il turismo può anche essere paragonato alla prostituzione di luoghi – o alla prostituzione della cultura locale (Graburn, 1983; Trask, 1991), attraverso l’apertura commerciale dei luoghi a pubblici non residenti. Come Sanoussi (questo numero) scrive su Tangeri, i luoghi turistici “appartengono a tutti”. Nel caso di Venezia, Gault (2014) evoca il cambiamento che ha avuto luogo nelle rappresentazioni della città: passiamo dal fascino per la città delle prostitute alla denuncia della città-prostituta: “La ville qui a connu une prostitution séculaire est aujourd’hui désertée par les prostitués-es (relégué-es à la périphérie (…) ou devenues invisibles sous forme d’escort-girls fugaces dans le sillage des stars et de la jet-set. Pourtant, un certain relais s’est effectué à Venise entre la « prostitution de masse » et le tourisme de masse, avec l’aide des représentations successives qui ont construit les mythes et ont contribué à leur donner vie, si bien que des analogies peuvent être tentées quand on évoque les deux phénomènes et leurs rapports à Venise”.3

12Se questo rapporto luogo-turismo si presume che sia consensuale, perché basato su un rapporto di prezzi definiti (il turismo paga per acquistare la città), essa richiede tuttavia un rapporto di forze che costruiscano un rapporto sbilanciato a vantaggio delle brame e dei desideri di un turista che paga, a scapito di luoghi. Le due metafore di stupro e prostituzione dei luoghi vogliono rappresentare la relazione sessuale tra i luoghi e i turisti e contribuiscono a creare un immaginario di dominio dei luoghi da parte del settore turistico. Esse concernono più in generale i luoghi che si ipotizza soffrano a causa del turismo – sia a causa del numero eccessivo di turisti o concessioni che il posto deve fare per accoglierli. Ma a volte, in un rapporto opposto, è il luogo turistico che, come una donna seducente, si suppone che cerchi di sedurre. Così, la campagna di Barcelone pose’tguapa (1993) ha mostrato la città di Barcellona come una donna che si fa bella per accogliere i suoi visitatori.

  • 4 Termine intro dottoda Graziella Magherini, che eser cita vane ll’ospedale di Santa Maria Nuova, a F (...)
  • 5 “Ero giunto a quel livello di emozione, dove si incontrano le sensazioni celestiali date dalle arti (...)

13Al di là e quasi all’opposto della metafora dell’amore e del possesso di un luogo turistico da parte di chi lo visita, lo avvicina, lo frequenta, lo ama o lo maltratta, i luoghi turistici sono loro stessi oggetto di una vera passione da parte dei turisti, che sono sopraffatti dalle loro emozioni. Ciò che ora viene chiamato sindrome di Stendhal4 descrive questa relazione appassionata e patologica di alcuni turisti nel luogo visitato. Stendhal descrive ciò che ha vissuto dopo aver visitato la chiesa di Santa Croce a Firenze: « j’étais arrivé à ce point d’émotion où se rencontrent des sensations célestes données par les beaux-arts et les sentiments passionnés. En sortant de Santa Croce, j’avais un battement de cœur, la vie était épuisée chez moi, je marchais avec la crainte de tombe”5 (Stendhal, 1826). Questa sindrome e le forme di scompenso più o meno gravi ad essa correlate sono state osservate in destinazioni che sollevano importanti aspettative, come l’India (si parla di “follie dell’India”; Airault, 2000), Parigi o Gerusalemme.

Il carattere erotico dei luoghi turistici

14Il carattere erotico dei luoghi turistici può essere affrontato a micro e macro scala. Alcuni luoghi (città come Parigi, Venezia, Roma o Bangkok, isole come Ibiza o Tahiti) hanno una connotazione romantica, erotica o sessuale. In alcune città, come ad Amsterdam, i quartieri a luci rosse concentrano il carattere erotico dei luoghi. Alcuni tipi di luoghi, come la spiaggia (Coëffé, 2016) o le località balneari e termali (Férérol, questo numero), sono caratterizzati da marcata tolleranza erotica. Più in generale, questo è anche il caso di certi contesti i cui contorni geografici sono più difficili da definire: l’Oriente, i Tropici, il Sud, le isole oi Paesi Latini ... (Sanoussi, Fuentes Vega, questo numero) possono essere percepiti – ovviamente dall’esterno – come erotici. Infine, il carattere erotico del luogo è legata ad alcuni temporalità più specifici come Tangeri sotto il protettorato francese (Sanoussi questo numero), Parigi ai tempi della Belle Epoque (Montmartre, la vitabohemienne, il Moulin Rouge) o sotto l’occupazione tedesca (Gordon, questo numero) o ancora, sulla base di una temporalità ciclica, Venezia o Rio al tempo del carnevale. Al contrario, una destinazione potrebbe perdere il suo potenziale erotico: nel diciannovesimo secolo, la Spagna di Carmen, quella di Mérimée o di Bizet, seduceva i visitatori amanti dell’Andalusia ; l’Algeria, quelli affascinati dal Moresco ; ai nostri giorni lo fanno molto meno. L’“erotizzazione” dei luoghi è più legata all’evoluzione dell’immaginario dei turisti che alla realtà dei paesi di destinazione.

15Lungi dall’essere isolate, queste scale spazio-temporali si intrecciano e producono “momenti di luoghi turistici” (MIT, 2003) con particolare carica erotica: in quelle terme vissute nei ruggenti anni venti (Férérol, questo numero), a una città in unafase di inversione della sua storia (Sanoussi, questo numero) o inun distretto urbano durante la guerra (Gordon, questo numero) è consentito, a volte istituito o abituale sulla base di una ritualità, di mettere in atto differenti pratiche erotiche – permissive o addirittura devianti.

16Quindi, se il numero di destinazioni turistiche che offrono tour “erotici” come “prodotti confezionati” è relativamente limitato (al punto di far dire a Evans et al. [2000: 538], in modo certamente riduttivo, che “i tour erotici si realizzano principalmente in due location: nel Sud-Est asiatico e ai Caraibi, e in misura minore anche in Olanda”, il carattere erotico dei luoghi è proteiforme e riguarda una moltitudine di luoghi sul pianeta, riflettendo in tal modo la diversità di sguardi e di immaginari dei turisti.

Città erotiche tra romanticismo e sessualizzazione

  • 6 Sin dall’inizio del mito, Venezia è la città dell’amore, della seduzione, della sensualità”. http: (...)
  • 7 Idem
  • 8 “una maliziosa libertina”, “in amore”.
  • 9 “le tracce delle testimonianze storiche della tradizione erotica veneziana, tra aneddoti, leggende, (...)
  • 10 “L’amore che si realizza a Venezia non è comparabile con alcun altro amore, che potrebbe avere luog (...)
  • 11 “essere due a Venezia dà alla coppia un riconoscimento e una visibilità sociale uniche (...), dove (...)
  • 12 “tra una certa singolarità storica della prostituzione a Venezia e il mito turistico di Venezia ‘ci (...)
  • 13 La storia della città, trasformata per secoli in un commercio su larga scala, per mari e per terra, (...)

17La città è uno di quei luoghi che non sono solo i più popolari nel settore turistico globale, ma che lo sono anche, e spesso, per il loro carattere erotico. Nel caso di Venezia, l’industria turistica agisce e riproduce l’immaginario erotico della città, affermando che “dès les balbutiements du mythe, elle est la ville de l’amour, de la séduction, de la sensualité”6. L’immaginario della “festa a Venezia” e la sua dimensione erotica, renderebbero Venezia una “donna-città”7. L’industria turistica offre Venezia come “la coquine libertine”, “en amoureux”8, di giorno come di notte. Ella sostiene di seguire “les traces des témoignages historiques de la tradition érotique vénitienne entre anecdotes, légendes, culture populaire et poésie érotique vénitienne ”9. Come ricorda Lazzarotti (2011), Venezia è uno di questi luoghi afrodisiaci, che offre un singolare effetto di luogo: “ l’amour qui a lieu à Venise n’est comparable avec aucun autre amour, qui aurait lieu ou aurait eu lieu ailleurs ” (Lazzarotti, 2011)10. Come l’autore precisa, l’effetto veneziano non è solo sentimentale, perché “ être deux à Venise donne au couple une reconnaissance et une visibilité sociales uniques (…) où l’autre me voit, sous la forme où il me plaît d’être vu”11 (idem). Così, e alla maniera dei luoghi turistici e di questa dinamica, la presenza a Venezia può portare a coloro che si amano un surplus esistenziale notevole, strictosensu. Gault (2014) stabilisce il collegamento, o altresì la complementarità “entre une certaine singularité historique de la prostitution à Venise et le mythe touristique de Venise ‘ville de l’amour’, où l’on vient pour se marier, pour son voyage de nocesou pour se faire la promesse d’un amour fidèle et unique, alors même que Venise était la ville du libertinage et de l’érotisme » (Gault, 2014).12 L’autrice evidenzia come Venezia abbia integrato la prostituzione nella “trama nascosta” della sua storia13 al servizio della costruzione del proprio mito turistico. L’ambivalenza di questo immaginario è ben illustrata dalla commedia di D. Lean (Summer, 1955; trad. it. Tempo d’Estate). Katherine Hepburn interpreta il ruolo di una turista americanaa Venezia, talmente entusiasta quanto ingenua che la sua immaginazione e le sue attese la mettono in condizione di essere sedotta allo stesso tempo dal fascino della città e da quello di uno dei suoi abitanti. Finisce fatalmente per cedere alle avances di questo veneziano, stregata in particolare dal suo romanticismo, per scoprire in fine con suo grande orrore che si tratta di un uomo sposato e padre di famiglia.

18Tuttavia, Venezia è assente dalla maggior parte dei censimenti delle città più erotiche proposte da diversi siti e blog come: “ Les 8 destinations les plus érotiques du monde», il «Top 10 des destinations sexy , le “ 20 Strictly-For-Adultsdestinations ” o les “ 25 Sexiest Vacation Destinations on Earth ”. Questi tracciano una geografia urbana polarizzata attorno a certe città europee, americane e asiatiche (tabella n. 1). In questa selezione – che vale solo la sua capacità di mostrare i discorsi stereotipati sui luoghi – il carattere romantico di Venezia o di Roma scompare a favore delle attrazioni erotiche offerte da altre città considerate come “le più sexy”.

19Solo Parigi sembra essere in grado di giocare su questo doppio registro della città più romantica e più sexy del mondo. Se Bangkok è anche una destinazione identificata per il turismo sessuale, non è lo stesso per città come Atlanta, più spesso identificata come una destinazione d’affari. La natura sessuale delle città oscilla tra un canone a base di offerta di sesso, accessibile e / o legalizzata, e attrazioni (spettacoli, cabaret, zone rosse, spiagge urbane, etc.) dove il consumo erotico è soprattutto visuale. La visita di aree riservate, come Amsterdam (Chapuis, 2016, Aalbers e Sabat, 2012) o Bangkok (Prideaux et al, 2004; Roux, 2011) non deriva in effetti dal turismo sessuale, in quanto molti dei loro visitatori non sono venuti per praticare sesso a pagamento. Molti hanno scelto la Tailandiao Amsterdamper altre ragioni, e vanno su e giù per De Wallen o Patpong con un’attitudine puramente voyeuristicain cui le lavoratrici del sesso (in scena nelle vetrine di Amsterdam), l’adescamentoo il va e vieni dei clienti costituiscelo spettacolo. La visita di questi quartieri è raccomandata dalle guide più serie, organizzate nel caso di Amsterdam dalle autorità municipali; la folla di turisti presenti ne banalizza pure la visita, percependo la presenza degli uni come se consentisse e rendesse innocente quella degli altri. Tuttavia, il luogo è senza dubbio erotico perché vi sono permesse, e sono visibili,pratiche sessuali altrove proibite o invisibili.

Spiagge del desiderio e paradiso erotico

  • 14 “che raggruppano contesti sessuali che forniscono agli individui opportunità di perseguire interazi (...)
  • 15 “Le spiagge, come spazi spazialmente specializzati di libertà e non regolazione, consentono a chi l (...)

20Andriotis (2010) usa il termine di “oasi erotica” per iluoghi rallying sexual settings which provide individuals with opportunities to gather and pursue mutually desired sexual interactions14. La spiaggia in particolar esi distingue come il luogo erotico per eccellenza: “Beaches, as spatially specialized spaces of freedom and non-regulation, allow users to temporarily suspend conventional norms through the expression of social practices and relations ”Andriotis (2010)15.

21Nel censimento su i blog e le pagine web delle destinazioni erotiche (tabella N°2), la spiaggia e l’isola esotica occupano un posto importante. Le isole sono microcosmi, ognuno con la propria fisionomia e persino la loro specializzazione erotica o sessuale. I luoghi per sposi in luna di miele (come le Seychelles) compaiono poco in queste sedi, a favore di isole con un insieme di luoghi più permissivi (bar, club, spiagge per nudisti).

22La geografia delle destinazioni turistiche erotiche così come appare nei blog e nei siti web è quindi polarizzata a livello regionale (concentrazione in alcune regioni del mondo e assenza o quasi-assenza in altri: per l’Africa, solo territori insulari come Capo Verde o Seychelles sono citati). Essa è anche in gran parte una geografia di immaginari erotici che si basa solo in parte su una “offerta”erotica e sessuale. Il carattere “esotico”di certi luoghi (la spiaggia e l’albero di cocco, gli “abiti leggeri”e la “gioia di vivere”come viene detto, ad esempio, per l’isola della Riunione sembra rappresentare di per sé un richiamo erotico verso questi luoghi, confermando così l’associazione erotico-esotico fondata da Staszak (2008).

  • 16 “Sono localizzati nei paesi in via di sviluppo, ma la clientela viene da paesi ricchi; il consumo s (...)

23Questa geografia è significativamente diversa da quella delle destinazioni del turismo sessuale. Staszak (2012), citando il lavoro di Brennan (2004), ricorda le tre principali caratteristiche di questi sexscapes”. “Ils sont localisés dans les pays en développement mais la clientèle vient des pays riches ; la consommation sexuelle y est tarifée dans le cadre de la prostitution ; il y a de fortes inégalités entre les clients et les vendeurs en termes de ‘race’, de genre, de classe, de nationalité”16. La geografia delle destinazioni erotiche, d’altra parte, include soprattutto destinazioni europee e nordamericane. Se nelle destinazioni erotiche occidentali può essere presente la seconda e la terza caratteristica, la scelta delle destinazioni da parte dei turisti appare molto più complessa.

2-Immaginari erotici dei luoghi e l’istituzione delle destinazioni turistiche.

  • 17 “applicato al turismo sessuale, riguardano tanto i paesi di provenienza quanto quelli di destinazio (...)

24Gli immaginari del turismo possono essere definiti come immaginari spaziali (un sistema di rappresentazioni socialmente e culturalmente rilevanti per appropriarsi di un oggetto geografico, Staszak, 2012) che si riferiscono alla virtualità di un luogo come destinazione turistica (Gravari-Barbas, Graburn, 2012). Gli immaginari turistici rappresentano una parte specifica della visione del mondo di individui o gruppi sociali, riguardanti luoghi diversi da quelli della loro residenza principale o che si riferiscono a contesti in cui potrebbero svolgersi determinati tipi di attività ricreative (Gravari- Barbas, Graburn, idem). Come ha ben definito Staszak (2012) “appliqué au tourisme sexuel, ils concernent aussi bien le pays de provenance que celui de destination, et porte sur trois éléments, susceptibles d’y être construits et perçus différemment: le corps, la rencontre et le cadre – notamment paysager – dans lequel elle a lieu”.17

25L’immaginazione erotica dei luoghi turistici non è universale: quella dei paesi occidentali sulle destinazioni dei loro desideri non è necessariamente condivisa con gli abitanti locali, tranne che nel caso in cui gli stereotipi siano interiorizzati anche da coloro chene sono il target. Sebbene le principali destinazioni del turismo sessuale siano ora facilmente identificabili, la “geografia” delle destinazioni erotiche sta cambiando, così come gli immaginari turistici a cui si riferisce.

26Questo immaginario erotico, per quanto polisemico e frammentato, è oggi uno dei principali motori dell’industria del turismo globalizzato (Evans et al, 2000). Per la comprensione dei fenomeni turistici contemporanei, è interessante identificare e caratterizzare l’immaginario di luoghi che sono considerati per uno o più attribuzioni come erotici da diverse categorie di turisti.

Turismo romantico, turismo erotico

  • 18 “Un panorama meraviglioso agisce come un potente afrodisiaco per le donne in cerca di avventure rom (...)
  • 19 “La maggior parte delle donne era motivata dall’avventura romantica, e la maggior parte degli uomin (...)

27L’immaginario turistico di certi luoghi è strettamente legato alla ricerca romantica di un’avventura erotica. Diverse opere, che riguardano più specificamente le turiste, citano i loro commenti sull’effetto del luogo: Beautiful sceneryactsas a powerfulaphrodisiac for the womenseeking romance(Belliveau, 2006: 99)18. Gli studi di Wickens (1994, 1999, 2000), ad esempio, hanno scoperto che le viaggiatrici in Grecia cercavano e raggiungevano gradi di intimità con gli amanti che di solito non avevano nella vita di tutti i giorni (citato in Trauer e Ryan, 2005). Pruitt e LaFont (1995) studiano il turismo romantico in Giamaica, dove le turiste stabiliscono relazioni con uomini nella zona, che possono includere, ma non necessariamente, intimità sessuale. Il loro studio mostra che sono preferiti i pagamenti finanziari indiretti piuttosto che quelli immediati. Herold, Garcia e DeMoya (2001) suggeriscono che per le donne nord americane ed europee che viaggiano nella Repubblica dominicana, il termine “relazioni amorose consensuali” descrive al meglio l’interazione tra turista(donna) e locale (citata in Theobald, 2012). Gli autori riportano che “plus de femmes étaientmotivées par la romance et plus d’hommesmotivés par la partiesexuelle”19. Per Bauer e McKercher (2003), turismo e viaggi possono essere un facilitatore incomparabile delle relazioni sessuali, ma in alcuni casi può andare fino al matrimonio e alla fondazione di una nuova vita nel luogo visitato (Loloum, 2018).

28Secondo Selänniemi (2003, citato in Theobald, 2012) l’anonimato, l’eccitazione sensoriale, il controllo sociale ridotto e potenziali nuovi partner hanno l’effetto di ampliare la gamma degli incontri tra persone dello stesso sesso e di sesso diverso. In molti casi, le relazioni sono brevi e ben definite finanziariamente (Opperman, 1998, Truong, 1990). Herold, Garcia e DeMoya (2001) descrivono in dettaglio come questi rapporti turistici sono gestiti nel loro studio sui ragazzi delle spiagge dominicane. Gli uomini che si prostituiscono sulle spiagge hanno detto di non chiedere mai direttamente una quantità specifica di denaro, come spesso fanno le prostitute. Invece, usano strategie diversificate per indicare la loro mancanza di denaro per pagare bevande, ingressi in discoteche o corse di taxi. Cohen (1982) evidenzia strategie quasi identiche in studi precedenti su donne thailandesi e uomini occidentali; Zinovieff (1991) identifica modelli di sfruttamento simili in Grecia (1991), come Bras e Dahles (1999) per gruppi di uomini indonesiani che “trattano” i turisti come risorse da sfruttare a Yogykarta.

29Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, Cuba ha dovuto fare affidamento sulle sue scarse risorse, principalmente l’esportazione di zucchero che la Russia aveva precedentemente sovvenzionato pagando un prezzo più alto rispetto alla quotazione mondiale. Il turismo ha preso in seguito il posto dello zucchero. Nella nuova economia informale del turismo, i turisti sono stati per la prima volta autorizzati a rimanere nelle case private. La prostituzione, tollerata dal governo, sarebbe fiorita come mai prima, fornendo un reddito indispensabile ai sottoccupati. Il numero di turisti è aumentato di dieci volte e una nuova generazione di turisti più giovani e più esploratori, evitando guide pagate e alloggi in alberghi gestiti dal governo, ha scoperto l’opportunità di relazioni “autentiche” con i cubani, (in Simoni 2015, 2016). Nell’immaginario dei turisti europei di sesso maschile, le mulatte erano particolarmente attraenti e per le donne straniere gli uomini cubani venivano ricercati come compagni. Sotto una facciata di autenticità, l’economia informale ha sviluppato il jineterismo, una forma di imprenditorialità che ha permesso ai cubani di creare legami di amicizia con i turisti attraverso incontri informali, l’accesso a luoghi costosi o proibiti, un supporto finanziario e, per alcuni, partnership a lungo termine o anche un invito nel paese del turista.

30C’è una tendenza generale nella ricerca ad analizzare in termini diversi l’incontro erotico tra turisti e indigeni in base al genere dell’uno e dell’altro: quando i primi sono uomini e i secondi sono donne, è la dimensione sessuale ad avere il primo posto; nel caso opposto, l’importanza del romanticismo è spesso sottolineata. Molte testimonianze raccolte da sex worker (donne e uomini) e turisti sembrano davvero andare in questa direzione. Questi turisti “romantici” cercherebbero – e talvolta otterrebbero– di stabilire relazioni più durature, in remoto o ritornando più volte nello stesso posto per trovare gli stessi partner, o invitandoli a migrare verso il loro paese di residenza (Pruitt e LaFonte 1995).

31Bisogna avere cautela ad attribuire questi risultati ad un’improbabile natura femminile e maschile, e invece considerare norme di genere costruite socialmente, interiorizzate ed essenzializzate, sia da uomini che da donne, e probabilmente dai ricercatori stessi, che rischiano di riprodurre una visione stereotipata e riduttiva della sessualità maschile e femminile. Altre ricerche mostrano che alcuni uomini occidentali stanno anche cercando un’esperienza sentimentale (girlfriend experience, GFE) con le prostitute indigene, la cui esibizione è anche emotiva, e che alcune donne occidentali sono abbastanza contente di spettacoli sessuali di uomini aborigeni, sui quali sviluppano fantasie che non includono una dimensione romantica.

Immaginari di luoghi storicamente ancorati

  • 20 “Qui si rispetta l’antichità greca, essere gay è quasi un segno di raffinatezza”. Top 10 delle dest (...)
  • 21 Avrebbefatto “scattare un certoedonismo a Berlino”. Le 8 destinazioni le plu erotichedelmondo: http (...)
  • 22 “le prostitutedellaprigionedellaSalpêtrière”.idem
  • 23 “la storiaprofonda e complessadell’erotismo in Giapponeche è cominciato con il periodoEdo (1600-186 (...)

32L’immaginario erotico dei luoghi cristallizza un insieme di stereotipi che sembrano avere la capacità di riprodursi con poca flessibilità nel tempo. Quindi, per Mykonos, il carattere omosessuale dei luoghi dovrebbe essere basato sull’antichità: “Ici on respecte l’antiquité grecque: être gai est presque un signe de raffinement”20. La storia spiegherebbe il carattere erotico e permissivo di Berlino: sarebbe la Repubblica di Weimar (1918-1933) (Gordon, 2008, Smith, Fisher, Mennel, 2010, Smith, 2014) che avrebbe déclenché un certain hédonisme à Berlin”21. A New Orleans, sarebbero “les prostituées de la prison de La Salpêtrière”22 legato alla storia della fondazione della città che spiegherebbe l’atmosfera erotica della città. Per quanto riguarda Tokyo, lo è “l’histoire profonde et complexe de l’érotisme au Japon commen[çant] lors de la période Edo (1600-1868)”23 che sarebbe all’origine del carattere erotico della città.

33Il Grand Tour, di cui una delle principali motivazioni era l’educazione sessuale dei giovani aristocratici (Pop, 2014), crea o riattiva i propri immaginari erotici delle destinazioni europee. In un contesto previttoriano di glorificazione del sesso libertino di Casanova a Venezia e di affreschi erotici di Raffaello, il Grand Tour può essere rassomigliato a una estesa peregrinazione nei luoghi erotici europei. Fin dalla sua istituzione, quindi, il turismo è stato anche inteso come un mezzo per fare altrove ciò che era difficile tollerare nel luogo di residenza principale.

  • 24 The Pretty women of Paris. Their Names and Addresses, Qualities and Faults, being a Complete Direct (...)

34A Parigi, per prendere questo esempio emblematico di una destinazione erotica, l’immaginario di un luogo reprobo e libertino si forma dall’inizio del turismo: un’offerta erotica è quindi costituita dalla fine del XVIII secolo. Una guida delle prostitute del 1883 elenca i bordelli più esclusivi della capitale, come il famoso Chabanais24. Questo libro di piaceri è una guida confidenziale che elenca le cortigiane più importanti della capitale con il loro nome, indirizzo, mini-biografia, resoconto del loro fascino e specialità erotiche.

  • 25 Remerowski Ted, CanellMarrin, (2005) Legendary Sin Cities" 1) Berlin - Metropolis of Vice 2) Paris (...)
  • 26 La “puttana di Babilonia”.

35Gli immaginari geografici dei luoghi (Bédard et al, 2012) marcano le destinazioni in modo significativo. Il documentario Legendary Sin Cities25 ha evidenziato i meccanismi che hanno permesso ad alcune città di diventare una calamita per le anime perdute e i rifugiati del mondo. Spingendo i limiti della tolleranza e della libertà, essi hanno definito la cultura sociale, politica e sessuale del ventesimo secolo. Così la Parigi degli anni ’20, la Berlino degli anni ’20 e ’30 e la Shanghai degli anni ’30. Eppure l’immaginario è anche un fenomeno vivo e in evoluzione. Il paragone tra gli immaginari di Parigi e Berlino, come emergono dall’analisi di blog e siti specializzati contemporanei, è istruttivo: a Parigi, romanticismo malizioso e libertino; a Berlino, il latex, il feticismo e il sado-masochismo. Verso la fine del diciannovesimo secolo, Berlino stava sviluppando una tale reputazione per la licenza sessuale che era conosciuta come “pute de Babylone”26 (Smith, 2014). Già negli anni ’30, Moreck (1931) ha pubblicato Ein Führer durchdaslasterhafteBerlin(Una guida attraverso una Berlino viziosa) che mostra l’altro lato della scena di Berlino. Questo immaginario rimane attuale e caratterizza i siti e le guide specializzate.

Tavola No 1 :I luoghi e gli immaginari erotici delle città turistiche “più sexy" attraverso i blog27

Luogo

Luoghi proposti

Narrazioni sul luogo

Parigi

Museo dell’erotismo, il Moulin Rouge, il Lido eil CrazyHorse (1).

Il French Cancan, leFoliesBergères, ilMoulin Rouge; grandi club di striptease come il Secret Squareoi clubdi scambisti chic e famosi come le Chandelles nel 2e arrondissement (2).

Museo dell’erotismo (mostre permanenti di arte erotica contemporanea e storica, nonché una raccolta di documenti rari, foto e disegni relativi ai bordelli della fine del XIX secolo fino al 1946).

Place Pigalle (“Qui troverete strip clibs, sex shops e French sexy cabarets”) (5).

“Città dell’amore”; libertinaggiovivente e fiorente di Parigi (1).

Parigi possiede una tradizione di essere sexy!

Parigiè magica…(2).

La città dell’amore (3).

“There can be no sexy without sex—at least when you spell it out—so let’s venture to the side of Paris where getting your freak on is the norm” (5).

Berlino

Caffè, bar e club di catering privati per uomini omosessuali, travestiti, lesbiche e sadomasochisti; tutti i tipi di locali del sesso e feticisti come il Kit Kat Club (1).

I 1001 club feticisti de della città (2).

Il Gargoyle bar (“a dungeon nightclub in the city dedicated to people who fantasize about knockin’ boots in the Middle Ages”) (5).

Il teatro di tutto ciò che riguarda la decadenza, il sovversivo, il creativo e il disinibito (1).

Pelle, vinile e canzonacce sono sul menu (2).

“Don’t shy away from Berlin if you’re not apart of the freak nasty fetish circuit, though, Pretty much all attitudes towards sex are welcome here, so enjoy as much or as little as you desire” (5).

Amsterdam

Il quartiere a luci rosse;l’EroticMuseum;i sex show, i caffé shop e le stravaganzedella città (1).

Il quartiere a luci rosse (2).

Il quartiere hot, i numerosi spettacoli di burlesque in città, il Sex Museum (3).

De Wallen, ilpiù grande quartierea luci rosse di Amsterdam (5).

Le strade De Wallen, Singelgebied, e Ruysdaelkade (“take a peek at the sex workers advertising their services legally”) (5).

La legalizzazione della prostituzione, Amsterdam propone spettacoli e teatri attorno al sesso (2).

Amsterdam è anche una città romantica proprio come Venezia (1).

“Celebre per il suo quartiere hot (e le sue regole lasche sul consumo di marijuana), lo spirito libertario si applica alla visita di coppie in cerca di ispirazione” (3).

Budapest

Bagni termali all’aperto, ambiente saturo di vapore, atmosfera sensuale (2).

“There aren’t many things more sensual than getting undressed with a bunch of strangers and enjoying the steam of a natural bath all while being surrounded by some of Europe’s most elaborate architecture” (5).

New Orleans

Sex-shops.

La “Babilonia”del sud.

Atlanta

Show erotici di trapezio. Il famoso Frolicon ;le feste dello Studio Eris (4).

“You can never run out of naughty things to do when in Atlanta” (4).

“intimate dungeon and event space” (4).

“It isn’t called the Dirty South for nothing. It’s the city ‘where the players play’ where they love the strippers, and the word ‘thick’ can be well received. Atlanta is a city that has a certain kind of... magic” (5).

Las Vegas

Il viale principale, le animazioni dei casinò, la sensualità dei ballerini ultra flessibili del Cirquedu Soleil, i cabaret (2).

La città di tutti i vizi (2).

“It’s called «Sin City» for a reason. Try and knock out a few of the seven deadly sins while you’re there. Maywesuggeststarting with lust and greed?” (5).

Cartagena

deIndias

Spiagge tropicali; Piazza dilosCochesdove le prostitute intrattengono gli uomini a prezzi imbattibili (1).

Paradiso marino per piaceri effimeri (1).

Rio de Janeiro

Un ambiente di festa di notte, musica e un’energia che spesso viene descritta come “sessuale” (2).

“Think ‘sexy city’ and you instantly think of Rio de Janeiro(6). 

Bangkok

GoGo bar e Kathoeyshow, sale per massaggi intimi e rave che durano tutta la notte (4)

Il quartiere diKhaoSanh Road (5).

“The Thai have no qualms about being sexually liberal. Go-go clubs are everywhere and if you have aches and pains in certain special spots, someone at one of the many massage parlours may be able to get those kinks out for you” (5).

Shanghai

Il“Ponte degli Innamorati” ; l’HôtelManoir (un palazzo lussuoso trasformato negli anni ’30 e celebre per le sue orge.).Numerosi bordelli sotto le false sembianze di bar per karaoke (1).

“Parigi dell’Est”» (1).

Tokyo

Love hotel con camere erotiche a tema e accessori correlati,  (1).

L’area di Kabukicho area (5).

Clubsmaliziosi et Love Hotels (2).

Il fenomeno delle Geisha ;il Giappone è conosciuto anche per le sue scolare innocenti e la sua industria feticista  Buru-Sera (1)

I giapponesi sono riconosciuti per la loro immaginazione strabordante in materia di feticismo e fanstasmi (2)

  • 28 Fonte : IdemTavola N°1

Tabella No 2 :Gli immaginari erotici dei resortbalneari e delle isole turistiche più “sexy” attraverso i blog28

Luogo

Attrazione presentate

Narrazioni sul luogo

Saint Tropez

La famosa Plage de Tahiti (5)

Il salone delle feste dei super ricchi (4)

“If it’s sexy enough for the world’s hottest celebs, then it’s no doubt one sexy travel hot spot” (5)

Cap D’Agde

13 club per scambisti (4). L’unica città al mondo nudista (4)

“Wonderful weeks of sunbathing and sex”;

“Swinging clubs (club per scambisti) thronged by cosmopolitan libertines” (4)

Negril, Jamaïca

ResortHedonism II (4)

A questo all-inclusive resort per nudisti e per iprudiche li amano“be prepared to see a lot of private parts, participate in fantasy and fetish nights” (5)

Mykonos

I numerosi club dell’isola. Una delle sue belle spiagge (2).

“Un’isola dove si fa bene a lasciare in libertà le proprie voglie, che siate etero o omo” (2).

“Mykonos, also referred to as an adult’s playground, is a place in the Mediterranean where the sexy and sophisticated cosmopolitan crowd flock to when they need some R &R” (5). 

L’Ile de la Réunion

Delle spiagge, talvolte dei cocchi., (2)

“Persino per gli abitanti, esiste nell’isola una certa energia quasi sessuale: degli abiti leggeri, una gioia di vivere, una certa apertura di spirito, un métissage collegato alle influenze indiane, asiatiche e francesi” (2)

Immaginari di luoghi sessualizzati

  • 29 “Il tema centrale della scrittura e dell’arte omoerotica, da metà del ’700 fino alla metà del ’900 (...)
  • 30 Il nome deriva da Sotades di Creta, un poeta greco del IIIe secolo A.C., rappresentante di un grupp (...)
  • 31 “Il mito del mediterraneo omoerotico iniziò a perdere la propria potenza”.
  • 32 “una nuova cultura, quella di un’America urbana gay ha trionfato sul vecchio Mediterraneo negli ann (...)

36Gli immaginari erotici dei luoghi, come si possono rilevare dai blog e dai siti web, disegnano una geografia sia etero- che omo-normata. Dall’inizio del turismo e del Grand Tour, il Mediterraneo diventa “the central theme in homoerotic writing and art from the 1750s to the 1950s and this encouraged generations of homosexual men, from less hospitable northern countries to travel South in search of sexual expression and a sense of identity”29 (Aldrich 1993: 145). L’Europa meridionale e, in un secondo tempo, il Nord Africa, diventano la terra promessa per gli omosessuali occidentali (Boone, 1995). Così Tangeri diventa un “santuario” della cultura omoerotica (Boone, 1995: 100; Waitt e Markwell, 2006: 51; Sanoussi, questo numero). L’orientalista ed esploratore britannico Sir Richard Francis Burton (1821-1890) propone addirittura l’ipotesi dell’esistenza di una zona geografica “sotadico”30 che include il nord e il sud del Mediterraneo, dove l’omosessualità (chiamata poi da Burton “pederasia”) è diffusa e celebrata tra gli abitanti nativi. Tuttavia, secondo Aldrich (1993: 145) “the myth of the homoerotic Mediterranean began to lose its potency”31 nel Ventesimo secolo, fenomeno che è probabilmente legato allo sviluppo di nuove destinazioni gay al di fuori dell’Europa. Se Mykonos, Sitges e Ibiza rimangono destinazioni gay riconosciute, “a new culture, that of gay urban America, triumphed over the old Mediterranean in the 1970”32 (Holcomb e Luongo, 1996) attorno alle destinazioni occidentali gay-friendly (San Francisco, Tel Aviv, Sydney, Parigi, Berlino) la cui attrattiva non è basata sul comportamento erotico dei nativi ma sulla permissività di una cultura urbana e sulla presenza di una comunità gay.

Un immaginario che erotizza l’abitante

37Graburn (1983) ha mostrato che all’avvento del turismo nei paesi in via di sviluppo (spesso paesi decolonizzati di recente, basati su economie elementari senza industrie di esportazione), il turismo era considerato un settore di attività semplice da mettere in atto. Richiedeva poco in investimenti tecnicamente avanzati e in forza lavoro altamente qualificata. Le attrazioni erano già presenti: gli abitanti locali non dovevano che vendere la bellezza dei loro paesaggi e la loro giovinezza. La promozione turistica pubblicava questa disponibilità di corpi erotici da parte degli abitanti locali verso i ricchi turisti del mondo sviluppato.

38In ogni caso, il turismo è una pratica che si realizza attraverso il corpo; è, cioè, “incorporata”. È una performance del corpo, in un luogo turistico e in una interazione con altri corpi. Come ricordano Frohlick e Johnston (2011: 1093) “Bodies are always more than simply sexed and gendered bodies. Bodily difference such as age, ethnicity, nationality and abilities and relations of power such as colonialism, capitalism, and patriarchy also determine who we are, what we do, and how we are represented”.

39Schein (2000) ha suggerito che le minoranze etniche cinesi siano “femminilizzate” in relazione alla maggioranza del popolo cinese Han. Negli spettacoli turistici, sono principalmente rappresentati da donne (giovani), e alcuni gruppi etnici sono oggetto di fantasie sessuali diffuse tra gli uomini Han (Graburn, 2015).

  • 33 “Gli hawaiani dalla pelle abbronzata vi insegneranno come stare in equilibrio su delle tavole da su (...)

40Vincent Coëffé (2014) mostra come la gente del posto alle Hawaii sia erotizzata attraverso la figura di beachboy e di hula girl. Cita l’Hawaii Travel Bureau (HTB) che, nel 1929, sollecita l’immaginario del visitatore evocando la pelle abbronzata degli abitanti locali: “Les Hawaïens à la peau bronzée vous enseigneront comment tenir en équilibre sur des planches de surf filant à vive allure[…] Vous frissonnerez, même en les regardant de l’élégant lanai de votre hôtel”33(Desmond, 1999: 125, Coëffé, 2014).

  • 34 “La figura ormai satura della donna polinesiana connette la bellezza e l’abbondanza dell’isola con (...)

41Lo stimolare l’erotismo degli abitanti non è un qualcosa riservato al turismo sessuale. Riguarda anche il turismo “romantico”, come nel caso delle donne che visitano la Giamaica in buona parte stimolate dall’immaginario del Rastaman. Ma non è il settore turistico ad essere affascinato nel suo complesso, almeno per le destinazioni dove il corpo dei nativi, nella sua bellezza e nudità, viene istituito come risorsa paesaggistica? Così, le coppie che vanno a Tahiti per la loro luna di miele o anniversario di matrimonio, che costituiscono la parte più importante dei turisti in Polinesia, sembrano a priori non interessate dall’offerta locale di prostituzione (anche ridotta) né dall’attrattiva erotica delleVahines. Tuttavia, la scelta di questa destinazione, e l’immaginario che presenta Tahiti come l’isola dell’amore,è dovuta molto al mito della bellezza e della disponibilità delle donne tahitiane, le cui presunte qualità si riflettono in Polinesia e costituiscono una buona parte della la sua attrattiva: “the sexuallysaturated figure of the Polynesian woman, connect the bounty and beauty of theirislands with the beauty and sexuality of their bodies”34 (Jolly, 1997: 100, in Frohlickand Johnston, 2011:1093).

  • 35 “Il corpo esotico affascina. Molti turisti sessuali si dichiarano sedotti dalla bellezza esotica, d (...)

42Staszak (2012) ribadisce: “Le corps exotique fascine. Beaucoup de touristes sexuels se déclarent éblouis par la beauté exotique, déclinée en termes raciaux : la couleur et la texture de la peau (beaucoup de touristes insistent sur ce point), la souplesse, la pilosité (ou plutôt son absence), l’odeur corporelle, la silhouette, la forme des organes sexuels primaires ou secondaires, etc., sont appréciées comme différentes de celles des femmes occidentales”35. Pritchard e Morgan (2005) hanno dimostrato che le riviste turistiche tendono a ritrarre stereotipicamente donne asiatiche ed euroasiatiche come donne esotiche e iperfemminili. Gli annunci pubblicitari e le brochure turistiche che vendono la destinazione di Tahiti non mancano di mettere in evidenza i giovani, svestiti e belli a vedersi. Lisa Grotenhuis (questo numero), mostra come l’immaginario esotico, e che suscita erotismo, della donna orientale viene utilizzato per promuovere la sigaretta, pratica che evoca sogni, allucinazioni e pratiche sessuali.

43L’erotizzazione degli abitanti, uomini e donne, del luogo di destinazione attiva spesso un immaginario le cui radici affondano nella cultura coloniale, tanto più che è comune che i turisti siano abitanti delle vecchie metropoli e che la loro destinazione sia una ex colonia. Senza che i turisti ne siano necessariamente consapevoli, le categorie e gli stereotipi razziali messi in atto secoli fa hanno profondamente strutturato le loro rappresentazioni, le loro aspettative e persino il loro comportamento. Sia nell’immaginario messo in fieri che nelle relazioni di potere che sono state messe in atto, is exscapes (Brennan 2005) portano a riconoscere una connessione, o piuttosto una continuità, tra la prostituzione coloniale e il turismo sessuale. Staszak (2015) mostra che la visita del quartiere riservato di Casablanca negli anni ’20 aveva a che fare in modo indifferenziato sia con la prostituzione coloniale che analogamente con il turismo.

Un immaginario per l’erotismo dei turisti

44In alcuni casi, la personalità erotica della destinazione è più legata agli incontri con altri turisti che pensiamo di poter fare sul posto. Per lungo tempo, i villaggi turistici, in particolare quelli del Club Méditerranée, erano famosi per la permissività se non per la promiscuità che vi regnava (al punto da suscitare ironia, come nel film campione d’incassi LesBronzés, P. Leconte, 1978). Le destinazioni deglispring break degli studenti americani, come la Florida, sono erotiche per il fatto che questi turisti, durante queste vacanze, hannorelazioni tra di loro più che con la gente del posto. La maggior parte delle destinazioni turistiche omosessuali promettono non incontri tra turisti e nativi, ma incontri tra turisti, come chiaramente attestato dallosviluppo delle crociere gay.

45In un resort come Cap d’Agde, l’immaginario erotico dei luoghi è quello dei turisti che frequentanounluogo per nudisti. Il quartiere nudista di recente creazione (1970) è una piccola città gestita dal municipio, con cottage, grandi condomini, alberghi, campeggi, negozi di ogni genere, ristoranti, bar, spiaggia, parcheggio privato, giardini e passeggiate, farmacie, supermercati, uffici postali, pronto soccorso, luoghi di preghiera ..., il tutto accompagnato da una rete discreta, ma efficace, di guardie di sicurezza private e ufficiali di polizia (PratForga, 2010). Si tratta di un contenitore chiuso e sigillato, ben segnalato, circondata da un muro, il mare e il porticciolo, con barriere di attraversamento e carte d’ingresso: un luogo, dopo tutto, banale. Il forte erotismo del luogo è principalmente dovuto alla co-presenzadi turisti provenienti da tutto il mondo e con un marcato comportamento libertino praticato soprattutto attraverso pratiche discambio basate sul cambiamento temporaneo dei membri di due o più partner, omosessuali o eterosessuali.

46Nella Cuba contemporanea, destinazione con un forte immaginario erotico per i giovani turisti (Simoni, 2015), l’immaginario eterosessuale dominante è completato dalla disponibilità di contatti omosessuali, specialmente per gli uomini europei ricchi ma non necessariamente giovani. I pingueros cubani di solito svolgono un ruolo passivo per i turisti maschi, ma la maggioranza di essi sono eterosessuali che trovano nella prostituzione a carattere omosessuale un modo per fare soldi facilmente.

  • 36 “Lascia le tue inibizionial l’ingresso. A Hedonism II ci sono poche regole e nessun limite. Solo la (...)
  • 37 “Gli ospiti che prendono il sole su un materassino in acqua o sulla spiaggia erano essi stessi dell (...)

47A Hedonism II a Negril, il prototipo dei resortall-inclusive in Giamaica, i turisti sono anche l’attrazione principale e i creatori dell’immaginario erotico dei luoghi: “Check your inhibitions at the door. At Hedonism II, there are few rules and no limits. Just complete freedom to do what you want, when you want, with whomever you want”36 (SuperClubs 1997: 47). Hawkings (1999:97) ricorda un paio di turisti da San Francisco, di circa 30 anni, che venivano in vacanza a Negril da più di 10 anni principalmente per guardare altri turisti. In questo capo volgimento della situazione, l’oggetto della curiosità, e forse del desiderio, sono ituristi: “Guests sunbathing on rafts and on the beach were themselves a tourist attraction for boatloads of Jamaicans swooping in close to shore for a view of the naked foreigners”37 (Hawkings, 1999: 96-97).

  • 38 “regole e abitudini di routine internalizzate che incorporano le nozioni di modi di condursi ‘appro (...)

48Queste pratiche che erotizzano i turisti attraverso e grazie agli occhi per guardare gli altri turisti creano in queste enclavi (villaggi, isole, quartieri nudisti, centri termali [Férérol, intra]) un’atmosfera di libertà sessuale e trasgressione. Producono “spazi di prestazioni erotiche”, dove l’erotizzazione dei luoghi è in gran parte dovuta al modo in cui i turisti si mettono in scena in questi spazi. Secondo Edensor (2000), “internalized rules and habitual routines embodying notions of ‘appropriate’ disposition (…) influence tourists’ behavior. (…) practices concerning what to photograph, how to gaze, how to modulate the voice, and what to wear are often subject to self-monitoring and the disciplinary gaze of the group”38. Nella città naturista di Cap d’Agde, spettacoli erotici, comprese pratiche sessuali permissive nello spazio pubblico, producono un immaginario erotico in cui i turisti sono sia consumatori che produttori.

49Possiamo parlare di un’erotizzazione dei turisti da parte delle popolazioni locali, in particolare di quelle che sono oggetto di erotizzazione turistica e che potrebbero essere coinvolte nel suo sfruttamento? Alcuni turisti sono bersagli sessuali, a causa degli stereotipi e della fantasia sessuale che li circonda: a volte sono donne occidentali, conosciute per la loro disponibilità sessuale – specialmente se sono giovani, sole e bionde, e se il loro comportamento o il modo in cui si vestono sono visti come espressioni di lussuria. Possono essere oggetto di approcci che sono ben accetti, ma anche occhiate insistenti, gesti suggestivi, proposte inappropriate e vere e proprie molestie, se non proprio violenza sessuale. Nel contesto di società molto benpensantiin cui il sesso al di fuori del matrimonio è severamente vietato, la donna turistarappresenta un vero sbocco erotico per una popolazione maschile giovane e frustrata. Allo stesso modo, nelle società omofobiche, a volte è con i turisti gay che gli uomini possono sperare di avere più discrezione e meno probabilità di intraprendere reazioni violente. Paradossalmente, la permissività che crea l’erotismo di certe destinazioni può dare spazio anche a quella dei turisti.

La componente erotica dello spostamento

  • 39 “La disinibizione della situazione, legata al sentimento di essere una persona differente durante l (...)

50Per completare il quadro dell’immaginario, è necessario ricordare che l’erotizzazione turistica riguarda, indipendentemente dal luogo di destinazione, il viaggio stesso. Il fatto di essere lontani da casa, dove le norme sono diverse e dove ci sfuggono gli occhi di parenti o colleghi, in un attimo distaccato e senza tempo, si apre in sé a delle possibilità erotiche, al di là delle qualità che prestiamo al posto turistico. Per una serie di ragioni, che sono state studiate da ricercatori di diverse discipline (Ryan e Martin, 2001, Taylor, 2000, Eiser e Ford, 1995), il movimento turistico sembra funzionare come un amplificatore di significato. Come ci ricordano Beaulieu e Lévy (2003), per completare il quadro dell’immaginario, si deve menzionare che l’erotismo turistico riguarda, indipendentemente dal luogo di destinazione, il viaggio stesso. Il fatto di essere lontani da casa, dove le norme sono diverse e dove non siamo soggetti allo sguardo di parenti o colleghi, in un momento a parte e senza tempo, riesce ad aprire in sé stesso possibilità erotiche, al di fuori delle potenzialitàche si attribuiscono al luogo turistico. SeguendoBeaulieu et Lévy (2003), “la désinhibitionsituationnelle, liéeausentiment d’être une personnedifférente pendant lesvacancesfacilite la transgressiondesinterditssexuels envigueurdans le pays d’origine”39. Tutto ciò è legato anche al contesto locale: le regole e le leggi del paese di destinazione possono essere (o percepite) più flessibili e la distanza garantisce in ogni caso ai visitatori una certa impunità morale se non legale:come citava uno slogan di successo “whathappens in Vegas stays in Vegas”.

51Inoltre, lo spostamento stesso viene interpretato come un luogo e un momento a parte – soprattutto se si svolge in barca, aereo o treno – che possiede a sua volta un suo immaginario erotico. Il lusso dei lunghi viaggi in Orient Express o nei transatlantici ha dato vita a molte fantasie; oggi, il Mile High Club riunisce tutti e tutte coloro che sostengono di fare sesso in cabina (o in toilette!) di un aeroplano.

3-La produzione erotica di luoghi turistici. Attori e processi.

L’ affermazione erotica della destinazione

  • 40 “un uomo muscoloso in salopette, che sventola una pipa grigia all’altezza dell’inguine, mentre sull (...)

52Owsianowska (infra) analizza la campagna promozionale Welcome to Poland del 2005 articolata attorno a un binomio maschio-femmina che cerca di ribaltare positivamente le immagini cliché del paese. Da un lato “un mâlemusclé en salopette brandissant une pipe grise suggestive auniveau de l’aine, avec en arrière-plandesscènes de montagnes et de cascades”40 (Rettman, 2005) e dall’altra parte “un’attraente infermiera” (Owsianowska, infra). Ciò non significa che la Polonia si distingua come una destinazione erotica nei mezzi di stampa e Internet. La situazione è quindi in contrasto tra destinazioni che flirtano di erotismo e sessualità nella loro comunicazione (e che sono riconosciute – o meno – come destinazioni erotiche) e coloro che cercano di cambiare un’immagine di destinazione sessuale che non si adatta più alle ambizioni dei luoghi turistici. Le parti interessate del turismo e i decisori locali si trovano entrambi in un processo di costruzione di una destinazione erotica e nella decostruzione di un immaginario erotico ereditato e vissuto.

Patrimoni storici

53Il carattere erotico dei luoghi è legato a immaginari turistici che li sanciscono come tali e, a monte, agli attori e alle pratiche che li hanno prodotti, a volte deliberatamente. Si tratta di una dinamica poiché si evolve nel tempo. Risulta da periodi di pace, così come da periodi di guerra, dall’occupazione coloniale o da altre occupazioni nel contesto di conflitti e guerre. Il turismo sessuale nel Sud-Est asiatico affonda le sue radici nella guerra del Vietnam e nella creazione dei R&R (Rest and Recuperation Center) per le truppe americane, dove si sviluppò un importante commercio sessuale (prostituzione, spettacoli erotici o pornografici) (Evans, Forsyth e Wooddell, 2000, Bryant, Forsyth, 2005). Non meno di 700.000 militari statunitensi sarebbero andati in nei R&R in Tailandia; la loro spesa per bordelli, bar e hotel era stimata al 40% dei guadagni delle esportazioni tailandesi durante quel periodo (Clift e Carter 2000). Dopo la guerra del Vietnam, i quartieri rossi di Bangkok si sono diversificati in altri mercati (Cohen, 1982; Roux, 2011), compresi i circuiti del commercio sessuale per i mercati europei e giapponesi prima che vedessero la luce nuovi resort come Pattaya e Phuket (Prideaux et al, 2004).

54Diverse campagne promuovono il turismo sessuale in Tailandia. La Thailand Express Sex Tour, per esempio, equipara Bangkok a un “grande bordello” (Hantrakul, 1988). Si tratta di un Paese spesso associato all’industria del sesso, compresi quelli che non conoscono il paese. Cambiare o far evolvere l’immagine sessuale è difficile perché il sesso rimane un argomento tabù nella società tailandese (Nuttavuthisit, 2007, Bishop e Robinson, 1998). Accettare l’immagine sessuale significa anche riconoscere il fatto che la Tailandia è associata a problemi di sesso e prostituzione. Nessuna campagna di marketing finanziata dal governo tailandese ha sfruttato la sua immagine come destinazione per esperienze erotiche. La Tourism Authority of Thailand (TAT) al contrario, ha cercato di rendere il paese noto come una destinazione esotica enfatizzando la diversità culturale del paese, la sua bellezza pittoresca, le sue spiagge, la sua vasta gamma di opportunità di shopping e la sua cultura. Tuttavia, l’immagine della Tailandia come destinazione erotica rimanerilevante e compete con l’esotismo come attrattiva per un viaggio in quel paese. Le leggi anti-prostituzione sono state rafforzate nel 1986, con pene severe per clienti, compratori, proprietari di bordelli e persino per i genitori delle prostitute, ma fino ad oggi questo non ha portato alla cessazione del turismo erotico su scala industriale (Nuttavuthisit, idem).

Il marketing delle destinazionierotiche

55Se l’immaginario erotico o sessuale di certi luoghi non è stato necessariamente desiderato e anticipato, in molti casi viene prodotto e accompagnato da attori del turismo che usano immagini sessuali idealizzate per vendere un luogo.

  • 41 “deve innanzi tutto affascinare il turista uomo, colui che possiede denaro, facendogli venire vogli (...)

56Dall’inizio del turismo, l’iconografia di alcuni luoghi gioca con la figura erotica della donna, non solo in relazione alla personificazione del luogo (che sia una città o una località balneare, ad esempio), ma anche in un approccio di evidenziare la permissività che dovrebbe regnare su questi luoghi. Questa immagine di donna (mondana, sportiva e soprattutto nelle vesti di bagnante) “doit d’abord charmer le touriste homme, celui qui possède l’argent, en lui donnantl’envie de voyager et de venir dans une station. Qui mieux alors qu’une jolie élégante dévêtue se baignant pour exhorter cette envie de faire partie de l’aristocratie balnéaire?”41 (Pecout et al, 2010: 17).

57L’essere erotici dei luoghi è anche il risultato del lavoro degli operatori di marketing che spesso usano immagini e informazioni sessuali idealizzate per vendere destinazioni. “Sole”, “sabbia” e “sesso” sono usati insieme per costruire un’immagine di una destinazione (sun, sandand sex) o individualmente per descrivere una particolare caratteristica di una destinazione. I corpi femminili attraenti (e sempre più anche quelli maschili) sono usati nell’iconografia promozionale per creare un immaginario edonistico. L’uso di immagini sessuali per attirare turisti non è nuovo. Come diconoPrideaux e al (2004), nel 1920, in un’epoca in cui il costume normale di una nuotatrice copriva il corpo dal collo alle ginocchia, gli opuscoli promozionali prodotti dalla compagnia aerea Pan Am Hawaii hanno mostrato le immagini di donne aborigene in topless che invitavanoi turisti a visitare l’isola. Nel suo studio sulla comunicazione ufficiale del turismo alle Hawaii, Goss (1993: 663) identifica i termini paradiso, marginalità, liminalità, femminilità e alohaper indicare i temi persistenti del discorso sui luoghi. La sua analisi del materiale promozionale dell’Hawaiian Visitors Bureau ha dimostrato che immagini e testi “verdi, rigogliosi, ricchi e fertili” aiutano a stabilire una serie di aspettative sessuali sul luogo (Goss, 1993: 676, citato in Frohlick, 2011).

58Ciò che in definitiva sembra più interessante cogliere attraverso l’analisi del ruolo degli attori nella comunicazione e/o del marketing con connotazioni erotiche e sessuali, sono i momenti di biforcazione: certe destinazione “pudiche” che si trasformano in una direzione di più facili costumi, altre destinazione provocanti che vogliono rendersi più sobrie e giudiziose... Questi cambia menti d’immagine non sono sempre facili né alla portata di tutte le destinazioni perché implicano una strategia a lungo termine e costante. Las Vegas è forse anche uno degli esempi più interessanti dal punto di vista della capacità di mantenere un’immagine (e un prodotto turistico) con connotazioni sessuali e allo stesso tempo di essere un parco giochi per adulti di alto livello. Ma l’ubiquità dell’immagine ha i suoi limiti: Las Vegas ha dovuto mettere in tempi rapidi una croce sopra la parentesi aperta per un breve periodoad un pubblico famigliare (Gravari-Barbas, 2001).

Conclusioni

59I testi di questo numero offrono prospettive diverse con cui approcciarsi ai luoghi dell’erotismo (stabilimenti [Férérol], siti [Vijayakumar], città [Sanoussi], paesi [Owsianowska], ambiti regionali più vasti [Grotenhuis, Fuentes Vega]) o periodi più specifici (Gordon, Férérol). Alcuni dei saggi presentati sono provocanti: parlare di turismo, a fortiori erotico o sessuale, per i soldati tedeschi durante l’occupazione, potrebbe urtare qualcuno (Gordon, infra). Altri si esprimono attraverso deviazioni sorprendenti per parlare dell’erotismo di certune destinazioni, come ad esempio fa Grotenhuis (infra) attraverso la pratica della sigaretta in bocca della donna orientale, quale metafora erotica. Vijayakumar, da parte sua,fissa dei parallelismi tra il carattere erotico di un sito importante del patrimonio (Khajuraho, India) e le pratiche della comunità locale Bedia. Sanoussi evidenzia l’evoluzione della medesima destinazione, Tangeri, nel suo rapporto con l’immaginario etero-e omosessuale. Férérol mostra il carattere sovversivo di certi luoghi, vale a dire i centri termali all’inizio del XX secolo, dove, in un quadro come non più dovrebbe essere, ma perfettamente drammatizzato, vengono compiutemesse in scenadi trasgressioni erotiche. Fuentes Vega (infra) decostruisce il mito del latin lover e la fantasia internazionale ad esso associata, e mostra il suo carattere quasi auto-erotico alla stregua di quanto Owsianowska mostra attraverso le campagne di marketing turistico della Polonia con cui,di fatto, un paese rivolge uno sguardo erotico verso se stesso.

60Così, tutti i testi sono caratterizzati da contestualizzazioni che mostrano la complessità delle questioni che collegano l’erotismo, il turismo e i luoghi, in una moltitudine di approcci che vanno dalla eccitante erotizzazione di luoghi per scopi di marketing turistico al turismo sessuale. Lungi dall’esaurire la questione di come il turismo interferisca con l’immaginazione erotica dei luoghi, o le pratiche erotiche legate a determinati siti turistici, o ancora l’erotizzazione dei luoghi da parte del turismo, i testi offrono una serie di situazioni intrecciate. Invitiamo il lettore di questo numero a trarre vantaggio da una lettura incrociata dei testi presentati che, al di là del loro interesse individuale,offrono una lettura caleidoscopica dell’erotizzazione dei luoghi turistici.

Haut de page

Bibliographie

Aalbers M.B, Sabat M., 2012, « Re-making a landscape of prostitution: the Amsterdam Red Light District », City, 16, 1-2, 112-128.

Aldrich R., 1993, The seduction of the Mediterranean. Writing, Art and homosexual fantasy, London, Routledge.

Airault R., 2000, Fous de l’Inde - Délires d’Occidentaux et sentiment océanique, Paris, Payot.

Andriotis K., 2010, « Heterotopic eroticoases. The public nude beaches », Annals of Tourism Research, 37(4), 1076–1096.

Beaulieu I., Lévy J.L., 2003, « Tourisme, sexualité et érotisme dans quelques romans contemporains », Téoros, 22(1), 44-50. http://journals.openedition.org/teoros/1837

Bédard M., Augustin, J.-P., Desnoilles R., 2012, L’imaginaire géographique. Perspectives, pratiques et devenirs, Québec, Presses Universitaires du Québec.

Belliveau J., 2006, Romance on the Road. Traveling women who love foreign men, Baltimore, Beau Monde Press.

Black, P., 2000, « Sex and Travel: Making the Links », in Clift S., Carter S. (dir.), Tourism and Sex: Culture, Commerce and Coercition, Pinter, London, New York, 250–264.

Boone J.A., 1995, « Vacation cruises; or, the homoerotics of orientalism », Publications of the Modern Language Association (PMLA), 110 (1), 89-107.

Bras K., Dahles H., 1999, « Pathfinder, Gigolo, and Friend: Diverging Entrepreneurial Stratégies of Tourist Guides on Two Indonesian Islands », inDahles H., Bras K. (eds.), Tourism and Small Entrepreneurs. Development, National Policy, and Entrepreneurial Culture: Indonesian Cases, New York, Cognizant Communication Corporation, 128-145.

Brennan D., 2004, What’s love got to do with it?, Durham, Duke University Press.

Bryant C.D., Forsyth C.J., 2005, « Carpe Diem (or the hour or minute) and wretched excess. Some conceptual notes on temporal opportunity structure, deviance compression, and bingeing behavior», Free Inquiry In Creative Sociology, 33 (1), 21-33.

Chapuis A., 2016, « Touring the immoral». Affective geaographies of visitors to the Amsterdam Red-Light District », Urban Studies, 54 (3), 616-632.

Clift S., Carter S., 1999, Tourism and Sex: Culture, Commerce and Coercion, London, New York Pinter.

Coëffé V., 2014, Hawaï: La fabrique d’un espace touristique, Rennes, Presses universitaires de Rennes.

Cohen, E., 1982, « Marginal paradises: Bungalow tourism on the islands of Southern Thailand », Annals of Tourism Research, 9(2), 189-228.

Desmond J., 1999, Staging Tourism. Bodies and display from Waikiki to Sea World, Chicago, University of Chicago Press.

Edensor T., 2000, « Staging Tourism. Tourists as Performers », Annals of Tourism Research, 27 (2), 322-344.

Evans, R.D., Forsyth C.J., 2010, « Macro and micro views of erotic tourism », Deviant behavior, 21 (6), 537-550.

Frohlick S., 2016, 2013, Sexuality, Women, and Tourism. Cross-border desires through contemporary travel, London, New York Routladge.

Frohlick S., Johnston L., 2011, « Naturalizing Bodies and Places. Tourism Media Campaigns and Heterosexualities in Costa Rica and New Zealand », Annals of Tourism Research, 38(3), 1090–1109.

Eiser, J. R., Ford N., 1995, « Sexual Relationship on Holidays – A Case of Situational Disinhibition », Journal of Social and Personal Relationships, vol. 12, 323- 329.

Gault I., 2014, « Venise et la prostitution, deux thèmes propices aux topoï », Contreville. http://contreville.hypotheses.org/444

Gordon, M., 2008, Voluptuous Panic: The Erotic World of Weimar Berlin (Expanded Edition), Port Townsend, Feral House.

Goss, J.D.,1993, « Placing the Market and Marketing Place: Tourist Advertising of the Hawaiian Islands, 1972–92 », Environment and Planning D: Society and Space, 11(6), 1 663 - 688

Graburn, N., 1983, « Tourism and prostitution », Annals of Tourism Research, 10 (3), 437–443.

Gravari-Barbas M., 2001, « La leçon de Las Vegas : le tourisme dans la ville », Géocarrefour, Le tourisme et la ville, 76 (2), 159-165. 

Gravari-Barbas M., Graburn N., 2012, « Imaginaires touristiques », Via@tourism review, 1. http://journals.openedition.org/viatourism/1178

Hantrakul S., 1988, « Prostitution in Thailand », in Chandler G., Sullivan N., Branson J., Development and displacement: Women in Southeast Asia, Melbourne, Centre of Southeast Asian Studies, Monash university, 115-136.

Hawkins M.J., 1999, Tourism and Place in Treasure Beach, Jamaica: Imagining Paradise and the Alternative, Louisiana State University, LSU Historical Dissertations and Theses. http://digitalcommons.lsu.edu/gradschool_disstheses/7044

Herold E., Garcia R., DeMoya T., 2001, « Female tourists and beach boys. Romance or sex tourism? », Annals of Tourism Research, 28 (4), April, 978-997.

Holcomb B., Luongo M., 1996, « Gay Tourism in the United States », Annals of Tourism Research, 23(3), 711-713

Jeffreys, S., 2003, « Sex Tourism: Do Women Do It Too? », Leisure Studies 22, 223-238.

Jolly M., 1997, « White Shadows in the darkness: representations of Polynesian women in early cinema », Pacific Studies, 20 (4), 125-150.

Lazzarotti O., 2011, « Venise est-elle en Italie ? Lieux, amours et chansons », Espace-Temps Travaux. https://www.espacestemps.net/articles/venise-est-elle-en-italie/

Loloum, T., 2018, « Investissements par amour. Économies intimes de l’immobilier touristique au Brésil » Téoros, 37(2).

Entrikin, J.N., « Lieu », in Lévy J., Lussault, M., Dictionnaire de Géographie, Paris, Belin, 555-563.

Bauer T.G., McKercher B., 2003, Sex and Tourism: Journeys of Romance, Love, and Lust, Oxford, Haworth Hospitality Press.

MIT, 2003, Lieux communs, Paris, Belin.

Moreck K., 2018 (1931), Ein Führer durch das lasterhafte Berlin, Das deutsche Babylon, Berlin, bebra verlag.

Morgan N., Pritchard A., 2000, « Privileging the male gaze: Gendered tourism landscapes », Annals of Tourism research, 27(4), 884-905.

Nuttavuthisit K., 2007, « Branding Thailand: Correcting the negative image of sex tourism », Place Branding and Public Diplomacy, 3 (1), 21–30.

Oppermann M., 1999, « Sex tourism », Annals of Tourism Research, 26 (2), 251-266.

Pearsall, J. 2002, Concise Oxford English Dictionary, Oxford University Press.

Paz, O., 1998, An Erotic Beyond: Sade, Harcourt Brace.

Pop L., 2014, « Le Grand tour de Shelley et la poésie de la Méditerranée », Babel, Horizons des mondes méditerranéen et atlantique : imaginaires comparés, 161-179.

Pecout Ch., Birot L., Bohuon A., 2010, « La représentation de la femme sur les affiches touristiques balnéaires Le cas de la Normandie (1880-1960) », Teoros, 29 (2), 112-118.

Perrottet T., 2011, The Sinner’s Grand Tour. A journey through the historical underbelly of Europe, Broadway Books.

Prat Forga J.M., 2010, « Turismo Naturista. Una apuesta por el tourismo marginal. El caso del barrio naturista de Cap d’Agde en Francia », Cuadernos de Turismo, nº 26, 201-216.

Pratt M.-L., 1992, Imperial Eyes. Travel Writing and Transculturation, New York, Routledge.

Prideaux B., Agrusa J., Donlon J.G., Curran Ch., 2004, « Exotic or erotic – contrasting images for defining destinations », Asia Pacific Journal of Tourism Research, 9(1), 5-17.

Pruitt, D., LaFont S., 1995, « For Love and Money: Romance Tourism in Jamaica », Annals of Tourism Research 22, 422-440.

Rettman, A., 2005, « Sexy Polish Plumber to Woo French », Euobserver, juin. https://euobserver.com/social/19355.

Ryan Ch., Martin A., 2001, « Tourists and strippers: Liminal theater », Annals of Tourism Resaerch, 28(1), 140-163.

Ryan Ch., Kinder R., 1996, « Sex, tourism and sex tourism: fulfilling similar needs? », Tourism Management, 17(7), 507-518.

Schein, L., 2000, Minority Rules: The Miao and the Feminine in China’s Cultural Politics, Durham, Duke University Press

Selänniemi T. 2003, « On holiday in the liminoid playground: place, time and self in tourism », in Bauer Th., McKerchner B., Sex and tourism. Journeys of Romance, Love and Lust, Oxford, Haworth Hospitality Press, 19-33.

Simoni, V., 2015, « Breadwinners, Sex Machines and Romantic Lovers: Entangling Masculinities, Moralities, and Pragmatic Concerns in Touristic Cuba », Etnografica 19(2), 389-411.

Simoni, V., 2016, Tourism and Informal Encounters in Cuba, Oxford and New York, Berghahn Books.

Smith J. S., Fisher, J.; Mennel, B., 2010, « Just How Naughty was Berlin? The Geography of Prostitution and Female Sexuality in Curt Moreck’s Erotic Travel Guide », Amsterdamer Beiträge zur Neueren Germanistik, 75, 53-77.

Smith J.S., 2014, Berlin Coquette: Prostitution and the New German Woman, 1890–1933, Ithaca New York, Cornell University Press.

Staszak J.-F., 2008, « Danse exotique, danse érotique », Annales de géographie, mai-juin, 560-561 (2), 129-158.

Staszak, J.-F., 2012, « L’imaginaire géographique du tourisme sexuel », L’Information géographique, 76(2), 16-39.

Staszak, J.-F., 2015, 2015, « Tourisme et prostitution coloniales : la visite de Bousbir à Casablanca (1924-1955) », Via@tourism review, 2, 8.

Stendhal, 1826, Rome, Naples et Florence, Paris, Delaunay.

Taylor, J. S., 2000, « Tourism and Embodied Commodities: Sex Tourism in the Carribean », in Clift S. et Carter S. (dir.), Tourism and Sex: Culture, Commerce and Coercition, London, New York Pinter.

Theobald W. F., 2012, Global Tourism, Routledge.

Trask H-K., 1991, « Lovely Hula Lands: Corporate tourism and the Prostitution of Hawaian Culture », Border/Lines, journals.lib.unb.ca. https://journals.lib.unb.ca/index.php/bl/article/view/24958

Trauer B., Chris Ryan Ch., 2005, « Destination image, romance and place experience—an application of intimacy theory in tourism », Tourism Management 26, 481–491.

Urbain J.D., 2017, Une histoire érotique du voyage, Paris, Payot.

Waitt G., Marwell K., 2006, Gay Tourism. Culture and Context, New York, Haworth Hospitality Press.

Wickens, E., 1994, « Consumption of the authentic: The hedonistic tourist In Greece », in Seaton A. V. et al. (Ed.), Tourism, the state of the art, Chichester, Wiley, 818–825.

Wickens, E., 1999, Tourists’ voices: A sociological analysis of tourists’ experiences in Chalkidiki, Northern Greece, unpublished Ph.D thesis, Oxford Brookes University.

Wickens, E., 2000, « Rethinking tourists’ experiences », in Robinson M., Long P., Evans N., Sharpley R., Swarbrooke J. (Eds.), Motivations, behaviour and tourist types, Morpeth, The centre for travel and tourism, University of Northumbria and Sunderland: Business Education Publishers Ltd, 455–472.

Zinovieff S. 1991, « Hunters and hunted. Kamaki and the ambiguities of sexual predation in a Greek Town », in Loizos P., Papataxiarchis E. (ed.), Contessted identities: Gender and kinship in modern Greece, Princeton, Princeton University press, 203-220.

Haut de page

Notes

1 Questo numero di Via@ Tourism review, come quello di Teoros, pubblicato nel 2018, proviene da un colloquio dedicato alla "Fabrique des lieux de desirs: erotizzazione turistica", organizzato dai firmatari di questa introduzione a Ginevra nel giugno 2015.

2 L’isola “come una donna amore vole, è lì per essere posse duta. Color oche non hanno molto denaro otterranno solo un breve incontro, color oche hanno molto denaro, come ad esempio i giapponese, otterranno di più”.

3 “La città, che ha conosciuto la prostituzione per secoli è oggi evitata da chi pratica la prostituzione, essendo queste o questi relegati alla periferia oppure diventate o diventati invisibili sotto forma di escort all’ombra del jet set. Pertanto una certa corrispondenza si è venuta a creare tra ‘turismo di massa’ e ‘prostituzione di massa’, con l’aiuto delle rappresentazioni successive che hanno costruito miti e che hanno contribuito a dare loro vita, così che si possano costruire delle analogie dei due fenomeni quando si evocano rispetto a Venezia”.

4 Termine intro dottoda Graziella Magherini, che eser cita vane ll’ospedale di Santa Maria Nuova, a Firenze; http://www.lemonde.fr/societe/article/2009/09/01/ces-syndromes-qui-frappent-les-touristes-etrangers_1234348_3224.html (accesso 5 aprile 2018).

5 “Ero giunto a quel livello di emozione, dove si incontrano le sensazioni celestiali date dalle arti e i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un tuffo al cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere”.

6 Sin dall’inizio del mito, Venezia è la città dell’amore, della seduzione, della sensualità”. http://www.tourisminvenice.com/blog/tag/venise-insolite/

7 Idem

8 “una maliziosa libertina”, “in amore”.

9 “le tracce delle testimonianze storiche della tradizione erotica veneziana, tra aneddoti, leggende, cultura popolare e poesia erotica venziana”. https://www.venise-acqua-vite.com/visites-guidees/venise-en-amoureux

10 “L’amore che si realizza a Venezia non è comparabile con alcun altro amore, che potrebbe avere luogo altrove”.

11 “essere due a Venezia dà alla coppia un riconoscimento e una visibilità sociale uniche (...), dove l’altro mi vede, sotto la forma in cui mi piace essere visto”.

12 “tra una certa singolarità storica della prostituzione a Venezia e il mito turistico di Venezia ‘città dell’amore’, dove si viene per sposarsi o in viaggio di nozze o per promettersi un amore fedele e unico, sebbene Venezia fosse la città del libertinaggio e dell’erotismo”.

13 La storia della città, trasformata per secoli in un commercio su larga scala, per mari e per terra, e le caratteristiche di una società commerciale e intraprendente, avrebbe contribuito a imporre una forma di moralità disinibita, permettendo alla città di sfuggire, per diversi secoli, alle solite opposizioni o giudizi moralistici del passato come del nostro presente (Gault, Idem).

14 “che raggruppano contesti sessuali che forniscono agli individui opportunità di perseguire interazioni sessuali reciprocamente desiderate”.

15 “Le spiagge, come spazi spazialmente specializzati di libertà e non regolazione, consentono a chi le frequenta di sospendere temporaneamente le norme convenzionali attraverso l’espressione di pratiche sociali e relazioni”.https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0160738310000447

16 “Sono localizzati nei paesi in via di sviluppo, ma la clientela viene da paesi ricchi; il consumo sessuale è tariffato nel quadro della prostituzione; ci sono delle forti disparità tra clienti e venditori in termini di ‘razza’, genere, di classe e di nazionalità”.

17 “applicato al turismo sessuale, riguardano tanto i paesi di provenienza quanto quelli di destinazione, e si basano su tre elementi suscettibili di esservi costruiti e percepiti in maniera diversa: i corpi, l’incontro, e il quadro paesaggistico nel quale le attività ricreative hanno luogo”.

18 “Un panorama meraviglioso agisce come un potente afrodisiaco per le donne in cerca di avventure romantiche”.

19 “La maggior parte delle donne era motivata dall’avventura romantica, e la maggior parte degli uomini era motivata dalla parte sessuale”.

20 “Qui si rispetta l’antichità greca, essere gay è quasi un segno di raffinatezza”. Top 10 delle destinazioni sexy: https://www.voyage-insolite.com/2013/01/28/top-10-destinations-villes-sexy-pour-adulte-coquin/

21 Avrebbefatto “scattare un certoedonismo a Berlino”. Le 8 destinazioni le plu erotichedelmondo: http://www.edreams.fr/blog/les-destinations-les-plus-erotiques-du-monde/

22 “le prostitutedellaprigionedellaSalpêtrière”.idem

23 “la storiaprofonda e complessadell’erotismo in Giapponeche è cominciato con il periodoEdo (1600-1868) . Idem

24 The Pretty women of Paris. Their Names and Addresses, Qualities and Faults, being a Complete Directory or Guide to Pleasure for Visitors to the Gay City, 1883 (anonimo, editatodall’autore)

25 Remerowski Ted, CanellMarrin, (2005) Legendary Sin Cities" 1) Berlin - Metropolis of Vice 2) Paris - The Crazy Years 3) Shanghai - Paradise for Adventurers. Documentaire, Canadian Broadcasting Corporation (CBC)

26 La “puttana di Babilonia”.

27 Fonti : (1).Le 8 destinazioni le più erotichedelmondo: http://www.edreams.fr/blog/les-destinations-les-plus-erotiques-du-monde/ (2).Top 10 delledestinazioni sexy: https://www.voyage-insolite.com/2013/01/28/top-10-destinations-villes-sexy-pour-adulte-coquin/ ; (3).Top 10 delledestinazionipiù sexy: http://selection.readersdigest.ca/voyage/destinations-de-voyage/top-10-des-destinations-les-plus-sexy/view-all/ ; (4). 20 Strictly-For-Adults Destinations Around The World You Need To Visit Before You Die https://www.scoopwhoop.com/AdultOnly-Travel-Destinations/#.ca7vd0809 (5).The 25 Sexiest Vacation Destinations on Earth:http://www.complex.com/pop-culture/2013/07/the-25-sexiest-vacation-destinations-on-earth/st-tropez (6) The 10 sexiest cities in the world

https://www.wanderlust.co.uk/content/10-sexiest-cities-in-the-world/

28 Fonte : IdemTavola N°1

29 “Il tema centrale della scrittura e dell’arte omoerotica, da metà del ’700 fino alla metà del ’900 incoraggiando generazioni di uomini omosessuali che dai paesi meno ospitali del Nord viaggiavano a Sud in cerca di espressione sessuale e ricerca di indentità”.

30 Il nome deriva da Sotades di Creta, un poeta greco del IIIe secolo A.C., rappresentante di un gruppodi scrittori di poesia satirica oscena e talvolta pederastra.

31 “Il mito del mediterraneo omoerotico iniziò a perdere la propria potenza”.

32 “una nuova cultura, quella di un’America urbana gay ha trionfato sul vecchio Mediterraneo negli anni ’70”.

33 “Gli hawaiani dalla pelle abbronzata vi insegneranno come stare in equilibrio su delle tavole da surf a tutta velocità . Avrete dei brividi anche solo guardandoli dall’elegante lanaidel vostro albergo”.

34 “La figura ormai satura della donna polinesiana connette la bellezza e l’abbondanza dell’isola con la bellezza e la sessualità dei loro corpi”.

35 “Il corpo esotico affascina. Molti turisti sessuali si dichiarano sedotti dalla bellezza esotica, declinata in termini razziali: il colore e la consistenza della pelle (molti turisti insistano su questo punto), la morbidezza, l’assenza di peluria, l’odore del corpo, la forma del corpo, la forma degli organi sessuali primari e secondari, ecc., sono apprezzati in quanto differenti da quelli delle donne occidentali”.

36 “Lascia le tue inibizionial l’ingresso. A Hedonism II ci sono poche regole e nessun limite. Solo la libertà completa di fare quel loche vuoi, quando vuoi, con chi unque ti pare e piace”. SuperClubs, 1999, “Super Club Resorts travel brochure”.

37 “Gli ospiti che prendono il sole su un materassino in acqua o sulla spiaggia erano essi stessi delle attrazioni turistiche per barconi pieni di giamaicani che si avvicinavano alla spiaggia per dare uno sguardo agli stranieri nudi”.

38 “regole e abitudini di routine internalizzate che incorporano le nozioni di modi di condursi ‘appropriati’ (...) influenzano i comportamenti dei turisti. (...) pratiche che hanno a che fare con ciò che si fotografa, con ciò che si guarda, con la modulazione della voce e con ciò che si indossa sono speso soggette ad un controllo da sé imposto e alla disciplina dello sguardo del gruppo”.

39 “La disinibizione della situazione, legata al sentimento di essere una persona differente durante le vacanze facilita la trasgressione dei veti sessuali in vigore nel paese d’origine”.

40 “un uomo muscoloso in salopette, che sventola una pipa grigia all’altezza dell’inguine, mentre sullo sfondo vi sono montagne e cascate”.

41 “deve innanzi tutto affascinare il turista uomo, colui che possiede denaro, facendogli venire voglia di viaggiare e di venire in un dato stabilimento. Chi meglio, dunque, di una bellezza al bagno, elegante e svestita, per sollecitare questa voglia e esortarla a fare parte dell’aristocrazia balneare?”.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Figura 1 : Turismo sessuale - turismoerotico.
Crédits Elaborazione degli autorida Prat Forga (2010)
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/1831/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 68k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Maria Gravari-Barbas, Jean-François Staszak et Nelson Graburn, « L’erotizzazione dei Iuoghi turistici. Spazi, attori e immaginari  », Via [En ligne], 11-12 | 2017, mis en ligne le 14 mai 2018, consulté le 16 juillet 2018. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/1831

Haut de page

Auteurs

Maria Gravari-Barbas

Professeure, Université Paris Panthéon-Sorbonne

Articles du même auteur

Jean-François Staszak

Professeur, Université de Genève

Articles du même auteur

Nelson Graburn

Professor Emeritus, Berkeley University

Articles du même auteur

Haut de page

Traducteur

Fiorella Dallari

Università di Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals