Navigation – Plan du site

Valutazione e promozione della ricerca sulla gentrificazione del turismo

Kevin Fox Gotham
Traduction de Filippo Pistocchi
Cet article est une traduction de :
Assessing and Advancing Research on Tourism Gentrification [en]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
Evaluation et approfondissement du concept de gentrification touristique [fr]

Résumé

Questo articolo fornisce una panoramica e una valutazione del mio concetto di gentrificazione turistica. Innanzitutto, presenterò le motivazioni che mi hanno spinto a sviluppare il concetto e approfondirò le fonti che mi hanno condotto a teorizzare il turismo come principale motore e risultato delle tendenze della gentrificazione.
In seguito spiegherò le varie reazioni accademiche al mio concetto e delineerò i modi in cui i ricercatori di tutto il mondo hanno impegnato la mia ricerca per sviluppare nuove teorie e idee circa l’interconnessione fra turismo e gentrificazione. Come strumento euristico, la gentrificazione turistica focalizza l’attenzione teorica e analitica su come la natura interconnessa della crescita economica guidata dal consumo, oltre che le identità culturali legate alla condizione di gentrificazione e le circolazioni globali del finanziamento immobiliare possano produrre configurazioni locali uniche di turismo e gentrificazione.
Come ho sottolineato, il mio concetto di gentrificazione turistica è in grado di rivelare i diversi modi in cui il turismo può essere non solo un fattore trainante dell’urbanizzazione e di trasformazione delle aree non centrali, ma anche l’effetto del conflitto di gruppo e uno spazio per localizzare i flussi globali di finanza e cultura.

Haut de page

Texte intégral

1Nell’ultimo decennio, il mio concetto di gentrificazione turistica ha catalizzato una grande trasformazione nella ricerca empirica e teorica sulle cause e sulle conseguenze della gentrificazione nelle città di tutto il mondo.

2La gentrificazione del turismo è un fenomeno euristico che consente di analizzare un driver di gentrificazione che fino a poco tempo fa non era riconosciuto come tale, vale a dire il turismo.

3Mentre per anni la ricerca si è concentrata sugli esiti della gentrificazione in termini di dislocamento residenziale e processo insediativo, il mio articolo del 2005 e la successiva ricerca si sono concentrati sugli aspetti commerciali della gentrificazione, compreso il cambiamento della destinazione d’uso del suolo, cioè da usi abitativi residenziali a usi commerciali, con il conseguente allontanamento delle PMI da parte delle società di intrattenimento e delle attrazioni turistiche (Gotham, 2005a; 2005b).

4Dal 2005 in avanti, libri, saggi e articoli in riviste hanno ripreso il mio concetto e lo hanno adattato per esaminare i collegamenti tra turismo, gentrificazione e ristrutturazione socio-spaziale (Brown-Saracino, 2016; 2013; Lees, Slater, Wyly, 2013; Lees, Shin, Ernesto, 2016; Columb, Novy, 2016). Prima del 2000, le teorie dominanti e i temi di ricerca sulla gentrificazione raramente avevano parlato di turismo.

5Al contrario, una caratteristica chiave dei recenti studi sulla gentrificazione del turismo è lo sforzo di collegare i modelli e le tendenze della gentrificazione a processi economici e politici più ampi, tra cui lo sviluppo turistico, la deregolamentazione e la riorganizzazione dei mercati immobiliari urbani, le azioni delle multinazionali e i mutevoli modelli di finanza globale (Gotham, 2006; 2009; 2012; Lees, Shin, Lopez-Morales, 2016).

6La mia ricerca sul turismo è sintetica e interdisciplinare. Si tratta di nuovi studi empirici e nuove teorie sulla trasformazione dello spazio urbano a seguito delle azioni di forza di turismo e gentrificazione. Mentre la maggior parte delle analisi del turismo ha ignorato l’impatto del turismo sui processi e sulle tendenze della gentrificazione, il mio concetto di gentrificazione del turismo suggerisce che le aree interessate da processi di riqualificazione del turismo rappresentano la principale arena della ristrutturazione della gentrificazione.

7Nel mio lavoro su New Orleans, ho sviluppato il dibattito più generale secondo cui negli ultimi decenni i modelli del passato e le tendenze dello sviluppo turistico sono stati radicalmente riorganizzati da nuove forme di finanziamento immobiliare e investimenti aziendali (Gotham 2009; 2007a; 2007c; 2007d ; 2007f).

8Attraverso una combinazione di teoria della costruzione, analisi storiche e osservazioni e interviste sul campo con approccio etnografico, la mia ricerca fornisce un’analisi originale e innovativa delle nuove forme di turismo e della gentrificazione che stanno attualmente emergendo nelle città di tutto il mondo.

Origine, motivazione e fonti di ispirazione

9Il mio concetto di gentrificazione del turismo trae ispirazione teorica da studiosi di economia politica urbana, teoria critica, nonché dalle intuizioni di Guy Debord e dall’Internazionale Situazionista (Gotham 2017, 2011b, 2011c, 2007b, 2005c, Gotham, Krier, 2008).

10Da un punto di vista empirico, il mio lavoro si è concentrato sul modo in cui il turismo può diventare un importante punto di rottura e un terreno di scontro, in cui varie alleanze politiche lottano per influenzare la forma e la traiettoria della ristrutturazione culturale ed economica urbana (Gotham, 2011c, 2007b).

11Da un punto di vista teorico, ho esaminato i modi in cui le attrazioni turistiche e gli spettacoli svelano le contraddizioni e le irrazionalità, danno origine a significati e ad effetti contrastanti e costituiscono campi di dominio e resistenza (Gotham, 2011a; 2011b).

12La mia ricerca presenta i siti e le attrazioni turistici come rappresentazioni di contestazione, in cui gruppi e interessi opposti si contendo il controllo della produzione, della rappresentazione e del consumo di immagini spettacolari e simboli culturali (Gotham, 2017; 2007e).

13In questa concettualizzazione sfaccettata, il turismo non ha solo tratti opprimenti e negativi, ma anche qualità resistenti e trasformative che riflettono la politica della rappresentazione e del significato urbano (Gotham, 2007g; 2005a; 2005b).

14Le attrazioni turistiche esprimono relazioni sociali e antagonismi diseguali all’interno delle società nella misura in cui mettono in mostra e definiscono le contraddizioni di razza, classe, genere e altre strutture di dominazione e subordinazione (Gotham, Lewis, 2015; Gotham, Haubert, 2006 ).

15Tale concezione evita visioni festose, unilaterali e riduttive e indaga la natura conflittuale, contestata e contraddittoria del turismo.

16Le mie idee e conclusioni sulla gentrificazione del turismo sono nate dalla mia insoddisfazione per le prospettive classiche sulla gentrificazione, dal mio interesse per la letteratura interdisciplinare sul turismo e dai miei confronti e dalle analisi sulla gentrificazione della "terza ondata".

17Le prospettive classiche hanno a lungo considerato la gentrificazione come un processo di cambiamento residenziale in cui gli abitanti della classe povera od operaia vengono espulsi da un quartiere per via dei residenti della classe media o alta, che si fanno promotori di un processo di trasformazione dell’area stessa.

18Come viene spiegato dalla teoria generale sull’uso ecologico del suolo, le analisi classiche della gentrificazione condividono un’enfasi comune sulla domanda dei consumatori e sulle preferenze individuali, concepiti come motori della gentrificazione in cui i principali attori sono i singoli.

19Tali prospettive sono specifiche, individualistiche, astoriche e descrittive. I critici hanno sostenuto che le prospettive classiche tendono a sovrapporre le cause della gentrificazione con le sue conseguenze e non riescono a identificare gli attori chiave, gli interessi organizzati, le macrostrutture e i processi extra-locali che guidano tendenze e schemi di gentrificazione (Gotham, 2005b).

20Una fonte di ispirazione correlata è per me stata la letteratura emergente che ha esaminato il modo in cui sia la gentrificazione sia il turismo hanno dominato aree in espansione delle città e dei quartieri degli Stati Uniti. Dagli anni ‘70, e in particolare dopo 2000, la gentrificazione dei centri urbani si è intensificata, e un numero crescente di quartieri urbani ha subito un processo di gentrificazione (per un quadro d’insieme si veda: Hwang, Lin, 2016).

21Tutto ciò metteva in luce che l’impulso alla gentrificazione non era più limitato agli Stati Uniti o all’Europa, ma era un processo globale e generalizzato (Lees, Shin, Ernesto, 2016). Inoltre, sia la gentrificazione sia il turismo stavano emergendo come strategie urbane globali, in cui i processi erano fra loro intrecciati e allo stesso tempo densamente connessi alla globalizzazione economica e culturale.

22Tuttavia, fra gli anni 1990 e 2000, nonostante fossero tante le ricerche e i dibattiti, pochi studiosi concordavano su come gli analisti avrebbero dovuto concettualizzare la gentrificazione, su quali avrebbero dovuto essere i livelli appropriati di analisi per valutare gli effetti della gentrificazione e su quali fonti di dati i ricercatori avrebbero dovuto usare per misurare empiricamente la gentrificazione. Mentre molti studiosi concordavano sul fatto che lo sviluppo del turismo e la gentrificazione erano diversi dagli anni ‘70 e ‘80, non concordavano sulla loro forma, sulle loro cause e sui loro impatti.

23Una delle mie motivazioni era di capire le cause e le conseguenze sia della gentrificazione residenziale che della gentrificazione commerciale, nonché dei loro legami con lo sviluppo turistico nel quartiere francese di Vieux Carré (il Quartiere francese) a New Orleans. Usando osservazioni e interviste sul campo a lungo termine, ho scoperto che l’interazione tra investimenti turistici e flussi di capitale in evoluzione nel mercato immobiliare ha aumentato l’importanza delle attività orientate al consumo nello spazio residenziale e ha contribuito a incoraggiare la gentrificazione. Qui sono stato influenzato dalla ricerca sulla gentrificazione della "terza ondata" che si è concentrata sulla formazione di nuove alleanze tra gli imprenditori privati “e le amministrazioni locali e la crescita di grandi imprenditori aziendali, sull’impatto dei fondi comuni di investimento immobiliare (REIT) e sul ruolo di nuove reti di mediatori ipotecari nello sviluppo di nuove forme di "gentrificazione corporativa" (Gotham 2006).

24Una caratteristica distintiva del mio lavoro sulla gentrificazione del turismo è stato quello di spostare il focus del dibattito sul ruolo delle grandi corporazioni di intrattenimento e delle politiche statali nell’incoraggiare la turisticizzazione dello spazio e facilitare la gentrificazione guidata dal turismo. Prima degli anni 1990-2000, la maggior parte delle ricerche sulla gentrificazione si concentrava su domande come chi sono i gentrificatori (ad esempio, artisti, proprietari di imprese, residenti a reddito medio e alto, ecc.) e qual è il carattere delle relazioni dei gentrificatori con il loro quartiere. Come notato da Brown-Saracino (2013; 2010, p. 168), mentre gli studiosi non sono concordi sul fatto che gli attori della gentrificazione guidino o rispondano a condizioni che favoriscono la gentrificazione, poco ancora si focalizzava sull’interazione dei processi turistici, delle azioni corporative dell’intrattenimento e della politica.

25Un argomento molto diffuso che ho sfidato era la tesi secondo cui i desideri del consumatore sono forze a cui solo il capitale reagisce.

26Invece, il gusto del consumatore per gli spazi gentrificati è creato e commercializzato da potenti attori politici ed economici e altri interessi organizzati interessati principalmente a produrre l’ambiente costruito da cui estrarre il profitto più alto.

27Inoltre, la riqualificazione di un quartiere come destinazione di intrattenimento può attrarre la popolazione di fascia alta e benestante nel vicinato, aumentare i valori immobiliari per i proprietari di case e servire da magnete per le catene di vendita nazionali.

28In breve, il mio concetto di gentrificazione del turismo ha offerto un nuovo modo di teorizzare e analizzare il turismo come un insieme di pratiche che ha impatti causali sulla forma urbana, sui modelli socio-spaziali e sui processi di sviluppo urbano. Sebbene la mia analisi empirica fosse specifica per New Orleans e il Vieux Carré, ho sostenuto che il mio concetto poteva avere un più ampio campo teorico e un’applicabilità utile alla comprensione delle interconnessioni tra turismo e gentrificazione.

29Negli anni successivi alla pubblicazione del mio articolo, molti ricercatori e studiosi hanno iniziato a occuparsi di questi temi, apportando le proprie rielaborazioni e modifiche e contribuendo all’evoluzione e alla trasformazione del concetto da me formulato (per una panoramica recente, Gravari-Barbas, Guinand, 2017).

Reazioni e coinvolgimento da parte delle scienze sociali e degli studi sul turismo

30Mentre c’è stata una proliferazione di argomenti, prospettive e indagini empiriche negli studi relativi alla gentrificazione turistica, vorrei concentrarmi su cinque aree di ricerca che hanno favorito nuove indagini teoriche e analisi sui rapporti tra turismo e cambiamento urbano. Queste cinque aree non sono né esaustive né complete. Rappresentano un riassunto parziale e incompleto della vasta letteratura sulla gentrificazione del turismo. Uno degli obiettivi è quello di delineare i modi in cui gli studiosi concettualizzano ed esaminano la gentrificazione nel contesto del turismo. Un altro obiettivo è guardare in modo specifico ad alcune forme di gentrificazione per aggiungere una nuova dimensione ai modi in cui gli studiosi possono teorizzare ed esaminare il turismo.

31Per raggiungere questi obiettivi, discuto di come il mio concetto di gentrificazione turistica sia stato accolto dagli studiosi del turismo e dai sociologi e di valutare come vari adattamenti del mio concetto abbiano migliorato la nostra comprensione del turismo.

32Innanzitutto, studiosi di tutto il mondo hanno adattato e applicato il mio concetto di gentrificazione turistica per avanzare domande su come vari tipi o stadi della gentrificazione siano correlati a diverse forme di turismo. L’uso del turismo per attirare gli investimenti urbani e promuovere la gentrificazione spesso comporta la mercificazione dei luoghi attraverso varie forme di immagini, simboli e motivi rappresentativi (Santos, Buzinde, 2007; Minoia, 2017; Murphy, 2008; Lehrer, Wieditz, 2009).

33Il mio lavoro recente ha focalizzato l’attenzione sui modi in cui la designazione di un quartiere come sito di "conservazione storica" ​​possa contribuire alla rivitalizzazione economica, alla riqualificazione turistica e alla promozione della gentrificazione (Chan, et al., 2016, McCabe, Ellen, 2016). In uno di studio su un decennio di cambiamento delle imprese di Brooklyn a New York, Benediktsson e altri (2016) sostengono che i cambiamenti incorsi nella cultura del consumatore incorporati nei processi più ampi di gentrificazione sono segmentati in base al contesto spaziale e demografico locale. Altri hanno identificato come le pratiche turistiche siano state utilizzate per promuovere la gentrificazione nei pressi di siti occupati da aree industriali dismesse (Pearsall, 2013), coinvolti da bande criminali (Zerva, 2013) e di spazi a nuova destinazione d’uso attraverso i generi musicali (Gibson, Connell, 2007).

34Altri ancora hanno evidenziato le sfumature e le complesse relazioni tra turismo e gentrificazione. In uno studio sull’imprenditorialità locale presso il Sito patrimonio dell’umanità di Honghe Hani Rice Terraces in Cina, Chan e altri (2016) propongono il concetto di "auto-gentrificazione" per descrivere le azioni di singole persone per conservare sia i paesaggi storici sia modi di vita indigeni contro gli impatti negativi del turismo. Lo studio di Liang and Bao (2015) sul turismo e la gentrificazione a Shenzhen, in Cina, suggerisce che il turismo può essere un veicolo per rivitalizzare delle aree abbandonate (locally unwanted land-uses) vicino ai siti di aree industriali dismesse. Mentre Chan e colleghi (2016) guardano alla gentrificazione come a una minaccia per le forme di turismo indigene e per le classi più basse, Liang e Bao (2015) sostengono che il turismo può alimentare la crescita economica delle comunità a reddito misto e può contribuire a preservare le pratiche di cultura locale.

35In secondo luogo, molte ricerche hanno applicato il mio concetto di gentrificazione turistica per esaminare se la gentrificazione indotta dal turismo nelle aree rurali sia simile ai processi di gentrificazione e alle tendenze che si verificano nelle aree urbane. Utilizzando un caso studio del Quebec in Canada, Guimond e Simard (2010) hanno illustrato le complesse interazioni tra turismo e gentrificazione rurale a diversi livelli: la dimensione socio-demografica; in riferimento al processo insediativo e agli impatti economici; a livello di comunità e culturale, nonché a livello fisico, ambientale e politico. È importante sottolineare che i diversi livelli di gentrificazione rurale non sono né reciprocamente esclusivi né logicamente esaurienti. Piuttosto, sono socialmente costruiti da diversi tipi di gentrificatori: nuovi arrivati, residenti da lungo tempo, direttori di organizzazioni locali e regionali e funzionari municipali. La ricerca condotta da Donaldson (2009) sugli imprenditori che si sono spostati dalla campagna alla città a Greyton, in Sudafrica, suggerisce che un processo di gentrificazione turistica di una città è guidato dal riordino economico dei valori immobiliari, dai cambiamenti socio-demografici, dalle preferenze sul luogo e dall’impatto economico dei gentrificatori.

36In terzo luogo, la gentrificazione del turismo ha anche motivato i ricercatori a indagare sulle dinamiche contestate e conflittuali dello sviluppo turistico nelle città. Il volume pubblicato da Columb e Novy (2016) si basa sulla ricerca di casi studio di 16 città per esaminare la crescente politicizzazione del turismo urbano, in quanto i residenti e gli stakeholder attaccano ciò che considerano conseguenze e impatti negativi dello sviluppo del turismo. In molte città, le mobilitazioni politiche non sono dirette al turismo di per sé, ma sono organizzate per affrontare gli effetti deleteri delle disuguaglianze, degli spostamenti e delle minacce alla qualità della vita indotte dalla gentrificazione. Fuller e Michel (2014) descrivono come le trasformazioni del tessuto urbano nel quartiere di Kreuzberg a Berlino abbiano luogo " primarily on a relatively small-scale, with almost no strategic state planning involved " (p.4). Il volume di Su e Teo (2009) si concentra sulle politiche dello sviluppo turistico del patrimonio a Lijiang, in Cina. Essi forniscono uno studio convincente sull’interazione dialettica del capitale globale e nazionale, delle politiche del governo statale e delle azioni dei turisti e dei locali nell’adattare la città di Lijiang al consumo turistico e alla gentrificazione. Questi studi abbracciano il mio concetto di gentrificazione turistica con diversi casi empirici, per evidenziare l’importanza centrale delle relazioni di dominio e subordinazione nel processo di sviluppo del turismo.

37In quarto luogo, i tempi, i ritmi e le traiettorie della gentrificazione turistica sono localmente specifici e storicamente contingenti. Diversi studi hanno spiegato l’interdipendenza fra turismo e gentrificazione nel contesto della storia del vicinato (Langegger, 2016). In un recente caso di studio sulla relazione tra valorizzazione artistica e regolazione estetica a Singapore, Chang (2016) ha utilizzato il concetto di "gentrification aesthetics" per capire come le arti e la cultura si intreccino per abbellire la città. Secondo Chang, l’estetica urbana e le azioni governative creano le condizioni socio-spaziali che spingono verso la città gli artisti, anche le figure emergenti. Il movimento degli artisti negli spazi urbani non è comunque un processo senza conflitti. Piuttosto, come la ricerca sopra discussa, la gentrificazione genera lotte spaziali e sociali tra persone di diversa estrazione e sensibilità, rivendicazioni territoriali e tendenze estetiche diverse all’interno della città. Diffuse differenze nell’attuazione locale della politica statale, combinate con la natura contingente della gentrificazione turistica, suggeriscono che sono necessari casi di studio dettagliati per comprendere la natura sinergica delle dinamiche del turismo e della gentrificazione. Queste preoccupazioni sono evidenziate ad esempio nel lavoro di Herrera ed altri (2007) sullo studio di Santa Cruz de Tenerife, nel lavoro di Zhang ed altri (2013) sulla gentrificazione di Yuexiu a Guanghou in Cina, nell’analisi di Shin (2010) della gentrificazione turistica a Pechino, nello studio di Zhao e altri (2009) sulla gentrificazione a Nanjing in Cina, oltre che nella ricerca di Lederman (2015) sulle mode urbane a Buenos Aires. Nonostante le differenze nei punti focali empirici e analitici, ciò che accomuna questi studi fra loro diversi è il fatto che tutti mettono in evidenza i modi in cui lo sviluppo del turismo può essere causa di conflitto e antagonismo per le città che stanno vivendo una rapida gentrificazione.

38In quinto ed ultimo luogo, il mio concetto di gentrificazione del turismo ha fatto riflettere gli studiosi sul ruolo dell’agire umano nella costruzione, nell’appropriazione e nel dispiegamento di particolari immagini, di strategie di inquadramento e di dispositivi rappresentativi per sfidare il processo di sviluppo del turismo. In un caso di studio sulle guide turistiche condotto con un approccio socio-culturale a Chicago, Emily Drew (2011, p. 64) ha evidenziato come le guide turistiche usano il concetto di gentrificazione turistica per creare collegamenti espliciti tra turismo e azioni politiche che minacciano di allontanare i residenti storici dalle loro comunità compatte.

39Secondo Drew (p. 64), nelle aree urbane fra loro diverse per gruppi razziali ed etnici, le guide spesso rappresentano il turismo come una forza patologica che produce una versione non autentica delle varie comunità.

40Dalle intimazioni alle dichiarazioni esplicite, le guide informano i turisti che la cultura che stanno via via consumando è prodotta dalla disuguaglianza sociale e dalla gentrificazione, e contemporaneamente è l’espressione "autentica" della comunità. Nella ricerca etnografica di Drew, le guide turistiche impiegano concetti accademici come la gentrificazione del turismo per sfidare e contestare le costruzioni razziali delle comunità afro-americane. In quanto mezzi di “strategie di rappresentanza", le guide turistiche usano il mio concetto di gentrificazione turistica per "develop strategies that put forward alternative – even antiracist – representations of marginalized communities" (p. 55). In breve, la ricerca sul campo di Drew mostra come un’espressione teorica prodotta in campo accademico, come la gentrificazione turistica, possa essere appropriata e utilizzata dagli attivisti locali come strumento rappresentativo per contestare le pratiche di gentrificazione che rafforzano l’emarginazione sociale.

41In sintesi, dal 2005 studiosi e ricercatori hanno impegnato il mio concetto di gentrificazione turistica per catalizzare lo sviluppo di una letteratura in espansione relativa all’impatto delle trattazioni sul turismo e alle modalità turistiche di visualizzazione e messa in scena di processi e forme di trasformazione urbana. Il significato teorico ed empirico e la popolarità del mio concetto sono evidenti negli studi relativi allo sviluppo del turismo e alla gentrification ad Hanoi (Yip e Tran, 2016), a Berlino (Fuller e Michel 2014; Novy 2014), a Memphis (Gibson and Connell, 2007), a Londra (Benediktsson, et al., 2016), a Toronto (Lehrer, Wieditz, 2009), a New York (Pearsall, 2013), a Los Angeles (Zerva, 2013), a Chicago (Drew, 2011), in alcune città della Cina (Chan, et al. 2016; Liang, Bao, 2015; Zhang, et al., 2014), e in città dell’Europa meridionale e dell’America latina (Janoschka, et al., 2014; Gonzalez, 2017). Gli agenti multipli, le geografie e le dinamiche conflittuali della gentrificazione del turismo hanno stimolato molte ricerche internazionali su come le pratiche turistiche possano influenzare le tendenze della gentrificazione e su come la gentrificazione possa essere una forza per lo sviluppo turistico.

Adattamenti e modifiche della gentrificazione del turismo

42Infine, voglio descrivere una serie di perfezionamenti concettuali e approcci analitici che credo possano indirizzare gli studiosi sulla gentrificazione del turismo verso ambiti di studio nuovi e innovativi.

43In primo luogo, lo studio del processo di gentrificazione del turismo in relazione ai processi di trasformazione dell’intera area coinvolta può portare avanti lo studio delle dinamiche del turismo in modo più ampio. Un limite degli studiosi della gentrificazione è consistito nell’analizzarla esclusivamente in relazione al turismo, cosa che ha fortemente rallentato degli avanzamenti teorici. Decenni fa, quando la gentrificazione era un fenomeno relativamente piccolo che si verificava in alcune grandi città e principalmente nelle aree centrali, lo sviluppo separato della ricerca turistica e della ricerca sulla gentrificazione poteva essere sufficiente. L’accresciuto fenomeno della gentrificazione a livello globale e la crescente preoccupazione dell’opinione pubblica, relativamente alle sue implicazioni, per lo sviluppo del turismo urbano stanno a significare che non possiamo più studiare la gentrificazione separatamente dai processi del turismo urbano.

44Inoltre, una crescente pluralità di discipline, e non solo la sociologia e la geografia, come ad esempio l’economia, la storia, la scienza politica e la salute pubblica, per citarne solo alcune, stanno studiando sempre più la complessità e la natura globalizzata del turismo. Il mio concetto di gentrificazione turistica è un utile strumento euristico per mettere in dialogo le precedenti interpretazioni della gentrificazione con le attuali teorie e le prospettive sul turismo per migliorare la ricerca empirica sulle cause e le conseguenze del cambiamento urbano.

45In secondo luogo, il mio concetto di gentrificazione turistica può aiutare i ricercatori a identificare i driver e gli effetti della "super-gentrificazione". Lees (2003) ha richiamato l’attenzione sulla "super-gentrificazione" per evidenziare l’impatto dei ricchi finanzieri nelle fasi estreme o altamente avanzate della gentrificazione. La gentrificazione del turismo può essere utile per le discussioni sul modo in cui la "super gentrification" sia cambiata nel tempo e su come si manifesti in diversi contesti urbani e periferici. La maggior parte delle ricerche sulla gentrificazione si è concentrata su questioni di differenziazione spaziale, trasformazione di classe dei quartieri urbani e spostamento dei precedenti residenti da parte di nuovi più ricchi residenti. Al contrario, la gentrificazione turistica è commerciale e residenziale e riflette nuove connessioni istituzionali tra le istituzioni locali, il settore immobiliare e l’economia globale.

46Pertanto, il mio concetto di gentrificazione turistica è sufficientemente specifico da consentire analisi dettagliate di diversi processi, forme e tipi di gentrificazione, sia micro sia macro, che si verificano nelle città di tutto il mondo. Inoltre, la chiara concettualizzazione della gentrificazione turistica consente spiegazioni più valide e parsimoniose delle cause e delle conseguenze della gentrificazione rispetto alle attuali teorie e spiegazioni. Le ampie e generali teorizzazioni della gentrificazione tendono a distogliere l’attenzione dall’inclusione locale delle pratiche turistiche e dagli impatti locali del finanziamento immobiliare e degli investimenti in spazi commerciali e residenziali.

47Inoltre tendono a rendere invisibili i cambiamenti normativi e legali che sono alla base dei processi di spostamento e sviluppo del turismo. Pertanto, c’è bisogno di prospettive sfumate sulla gentrificazione del turismo che siano sensibili alle specifiche realtà politiche, culturali e socio-economiche, alle sensibilità culturali locali e alle contingenze storiche.

48Parlare di take away significa affermare che la gentrificazione del turismo può avere una vasta gamma di applicazioni ed è abbastanza specifica da distinguere tra una gamma di tipi non solo di sviluppo turistico, ma anche di gentrificazione. Il mio concetto offre una comprensione teoricamente fertile del turismo come motore della trasformazione socio-spaziale, un risultato delle lotte collettive sull’uso dello spazio, anche per il trasferimento di processi socio-economici, politici e culturali extra-locali. È importante sottolineare che la gentrificazione del turismo mette in luce il doppio fenomeno di globalizzazione e localizzazione che definisce i moderni processi di urbanizzazione. Da un lato, il turismo è un’industria "globale" dominata da grandi catene alberghiere internazionali, tour operator, agenzie di noleggio auto e società di servizi finanziari (American Express, Visa e così via). Dall’altra parte, il turismo è un’industria "locale" caratterizzata dalla produzione culturale, dalla stabilità spaziale della risorsa turistica e dal consumo locale di luoghi. Comprendere e spiegare l’interazione tra "globale" e "locale" nella ricerca teorica ed empirica sulla gentrificazione del turismo significa che qualsiasi spiegazione dei motivi e delle modalità in cui si sviluppa la gentrificazione del turismo dovrà considerare dove e quando si svilupperà.

Haut de page

Bibliographie

Benediktsson, M.O., Lamberta, B., Larsen E., 2016, "Taming a “chaotic concept”: gentrification and segmented consumption in Brooklyn, 2002–2012", Urban Geography, vol. 37, n.4, 590-610.

Brown‐Saracino J., 2016, "An Agenda for the Next Decade of Gentrification Scholarship", City and Community, vol.15, n.3, 220-225.

Brown-Saracino, J., 2013, The Gentrification Debates: A Reader, New York, Routledge.

Brown-Saracino, J., 2010, A Neighborhood That Never Changes: Gentrification, Social Preservation, and the Search for Authenticity, Chicago, University of Chicago Press.

Chan, J.H., Iankova, K., Zhang, Y., McDonald, T., Qi, X., 2016, "The role of self-gentrification in sustainable tourism: Indigenous entrepreneurship at Honghe Hani Rice Terraces World Heritage Site, China", Journal of Sustainable Tourism, vol.24, n.8-9, 1262-1279.

Chang, T.C., 2016, "‘New Uses Need Old buildings’: Gentrification Aesthetics and the Arts in Singapore", Urban Studies, vol.53, n.3, 524-539.

Colomb, C., Novy J. (eds.), 2016, Protest and Resistance in the Tourist City, New York, Routledge.

Donaldson R., 2009, "The making of a tourism-gentrified town: Greyton, South Africa", Geography, 94, 88-121.

Drew E.M., 2011, "Strategies for Antiracist Representation: Ethnic Tourism Guides in Chicago", Journal of Tourism and Cultural Change, vol.9, n.2, 55-69.

Füller H., Michel B., 2014, "‘Stop being a tourist!’New dynamics of urban tourism in Berlin‐Kreuzberg", International Journal of Urban and Regional Research, vol.38, n.4, 1304-1318.

Gibson C., Connell J., 2007, "Music, Tourism and the Transformation of Memphis", Tourism Geographies, vol.9, n.2, 160-190.

Gonzalez P. A., 2017, "Heritage and rural gentrification in Spain: The Case of Santiago Millas", International Journal of Heritage Studies, vol.23, n.2.

Gotham K. F., 2017, "Touristic Disaster: Spectacle and Recovery in Post-Katrina New Orlean", Geoforum, 86, 127–135.

Gotham K. F., 2012, "Cascading Crises: The Crisis-Policy Nexus and the Restructuring of the U.S. Housing Finance System", Critical Sociology, vol.38, n.1, 101-116.

Gotham K. F., 2011a, "Reconstructing the Big Easy: Racial Heritage Tourism in New Orleans", Journal of Policy Research in Tourism, Leisure and Events, vol.3, n.2, 109-120.

Gotham K. F., 2011b., "Resisting Urban Spectacle: The 1984 Louisiana Exposition and the Contradictions of Mega Events", Urban Studies, vol.48, n.1, 197–214.

Gotham K. F., 2011c., "Theorizing Carnival: Mardi Gras as Perceived, Conceived, and Lived Space", in Alienation and the Carnivalization of Society, New York and London, Edited by Jerome Braun and Lauren Langman, Routledge, 93-118

Gotham K. F., 2009, "Creating Liquidity Out of Spatial Fixity: The Secondary Circuit of Capital and the Subprime Mortgage Crisis", International Journal of Urban and Regional Research, 33, 2.

Gotham K. F., 2007a, Authentic New Orleans: Race, Culture, and Tourism in the Big Easy, New York, New York University Press.

Gotham K. F., 2007b, "Critical Theory and Katrina: Disaster, Spectacle, and Immanent Critique", City: Analysis of Urban Trends, Culture, Theory, Policy, Action, vol. 11, n.1, 81-99.

Gotham K. F., 2007c, "Destination New Orleans: Commodification, Rationalization, and the Rise of Urban Tourism", Journal of Consumer Culture, vol.7, n.3.

Gotham K. F., 2007d, "Ethnic Heritage Tourism and Global-Local Connections in New Orleans", Tourism, Ethnic Diversity and the City, Routledge, 125-42.

Gotham K. F., 2007e, "Fast Spectacle: Reflections on Hurricane Katrina and the Contradictions of Spectacle”, Fast Capitalism, vol. 2, n.2.

Gotham K. F., 2007f, "(Re)Branding the Big Easy: Tourism Rebuilding in post-Katrina New Orleans", Urban Affairs Review, vol.42, n.6, 823-850.

Gotham K. F., 2007g, "Selling New Orleans to New Orleans: Tourism Authenticity and the Construction of Community Identity", Tourist Studies, vol.7, n.3, 317-339.

Gotham K. F., 2006, "The Secondary Circuit of Capital Reconsidered: Globalization and the U.S. Real Estate Sector", American Journal of Sociology, vol. 112, n.1, 231-75.

Gotham K. F., 2005a, "Tourism Gentrification: The Case of New Orleans’s Vieux Carre (French Quarter)", Urban Studies, vol.42, n.7, 1099-1121.

Gotham K. F., 2005b, "Tourism from Above and Below: Globalization, Localization, and New Orleans’s Mardi Gras", International Journal of Urban and Regional Research, vol.29, n.2, 309-26.

Gotham K. F., 2005c, "Theorizing Urban Spectacles: Festivals, Tourism, and the Transformation of Urban Space", City: Analysis of Urban Trends, Culture, Theory, Policy, Action, vol.9, n.2, 225-46.

Gotham K. F., Krier D., 2008, "From Culture Industry to the Society of the Spectacle: Critical Theory and the Situationist International", No Social Science Without Critical Theory. Current Perspectives in Social Theory, 25, 155-192.

Gotham K. F., Lewis J., 2015, "Green Tourism and the Ambiguities of Sustainability Discourse: The Case of New Orleans’s Lower Ninth Ward", International Journal of Social Ecology and Sustainable Development (IJSESD), vol.6, n.2, 60-77.

Gotham K. F., Haubert J., 2006, "Neoliberal Revitalization: Prison Building, Casinos, and Tourism in Louisiana", in Gibson T., Lowes M., (ed.), Urban Communication: Production, Text, Context, Rowman and Littlefield, 25-40.

Gravari-Barbas M., Guinand S., (ed.), 2017, Tourism and Gentrification in Contemporary Metropolises: International Perspectives, Taylor & Francis.

Guimond L., Simard M., 2010, "Gentrification and Neo-Rural Populations in the Québec Countryside: Representations Of Various Actors", Journal of Rural Studies, vol.26, n.4, 449-464.

Herrera L.M.G., Smith N., Vera M.Á.M., 2007, "Gentrification, Displacement, and Tourism in Santa Cruz de Tenerife", Urban Geography, vol.28, n.3, 276-298.

Hwang J., Jeffrey L., 2016, "What Have We Learned About the Causes of Recent Gentrification?", Cityscape, vol.18, n.3, 9-26.

Janoschka M., Sequera J., Salinas L., 2014, "Gentrification in Spain and Latin America—A critical dialogue", International Journal of Urban and Regional Research, vol.38 n.4, 1234-1265.

Langegger S., 2016, "Right-of-way Gentrification: Conflict, Commodification and Cosmopolitanism", Urban Studies, vol.53, n.9, 1803-1821.

Lederman J., 2015, "Urban Fads and Consensual Fictions: Creative, Sustainable, and Competitive City Policies in Buenos Aires", City & Community, vol.14, n.1, 47-67.

Lees L., 2003, "Super-gentrification: The case of Brooklyn heights, New York city", Urban Studies, vol.40, n.12, 2487-2509.

Lees L., Shin H.B., López-Morales E., 2016, Planetary Gentrification, Polity Press, Cambridge, UK.

Lees L., Slater T., Wyly E., 2013, Gentrification, New York, Routledge.

Lehrer U., Wieditz T., 2009, "Condominium development and gentrification: The relationship between policies, building activities and socio-economic development in Toronto", Canadian Journal of Urban Research, vol.18, n.1, 140.

Liang Z.X., Bao J.G., 2015, "Tourism gentrification in Shenzhen, China: causes and socio-spatial consequences", Tourism Geographies, vol.17, n.3, 461-481.

McCabe B. J., Ellen I. G., 2016, “Does Preservation Accelerate Neighborhood Change”, Journal of the American Planning Association, vol.82, n.2, 134-146

Minoia P., 2017, "Venice reshaped? Tourist gentrification and sense of place", In Bellini N., Pasquinelli C. (ed.), Tourism in the City: Towards an Integrative Agenda on Urban Tourism, New York: Springer International Publishing, 261-274.

Murphy L., 2008, “Third-wave Gentrification in New Zealand: The Case of Auckland”, Urban Studies, vol.45, n.12, 2521-2540.

Novy J., 2014, "Berlin Does Not Love You", in Bernt M., Grell B., Holm A., The Berlin Reader: A Compendium on Urban Change and Activism, Berlin, Germany (Transcript-Verlag).

Pearsall H., 2013, "Superfund Me: AStudy of Resistance to Gentrification in New York City", Urban Studies, vol.50, n.11, 2293-2310.

Santos C.A., Buzinde C., 2007, "Politics of Identity and Space: Representational Dynamics", Journal of Travel Research, vol.45, n.3, 322-332.

Shin H.B., 2010, "Urban Conservation and Revalorisation of Dilapidated historic Quarters: The Case of Nanluoguxiang in Beijing", Cities, 27, 43-54.

Su X., Teo P., 2009, The Politics of Heritage Tourism in China: A View from Lijiang, New York, Routledge.

Yip N.M., Tran H.A., 2016, "Is ‘Gentrification’ an Analytically Useful Concept for Vietnam? A Case Study of Hanoi", Urban Studies, vol.53, n.3, 490-505.

Zhang X., Hu J., Skitmore M., Leung B.Y., 2013, "Inner-city urban redevelopment in China metropolises and the emergence of gentrification: Case of Yuexiu, Guangzhou", Journal of Urban Planning and Development, vol.140, n.4.

Zhao Y.Z., Kou M., Lu S., Li, D.H., 2009, "The characteristics and causes of urban tourism gentrification: A case of study in Nanjing", Economic Geography, vol.29, n.8, 1391-1396.

Zerva K., 2013, "Crime and Tourism: Organizational Opportunities and Social Marketing in LA Gang Tours", Journal of Tourism and Cultural Change, vol.11, n.1-2, 92-108.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Kevin Fox Gotham, « Valutazione e promozione della ricerca sulla gentrificazione del turismo », Via [En ligne], 13 | 2018, mis en ligne le 01 septembre 2018, consulté le 13 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/2653 ; DOI : 10.4000/viatourism.2653

Haut de page

Auteur

Kevin Fox Gotham

Ph.D., Department of Sociology, Tulane University, New Orleans

Articles du même auteur

Haut de page

Traducteur

Filippo Pistocchi

School of Foreign Languages and Literatures, Interpreting and Translation, Alma Mater Studiorum University of Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals