Navigation – Plan du site

La fabbricazione dei concetti turistici

Jean-Michel Decroly et Anya Diekmann
Traduction de Chiara Rabbiosi
Cet article est une traduction de :
La fabrique des concepts touristiques [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
The production of tourism concepts [en]
La fábrica de los conceptos turísticos [es]
A fabricação dos conceitos turísticos [pt]
La fàbrica de conceptes turístics [ca]
Die Entstehung von touristischen Konzepten [de]

Texte intégral

Introduzione

1Dalla fine degli anni 1960, il campo dei tourism studies è cullato da una lunga e dolorosa cantilena che sottolinea la mancanza di ambizione teorica e la dispersione disciplinare di questo ambito di studio, contribuendo alla sua mancanza di visibilità scientifica e, per riprendere le parole di J. Tribe (1997), alla sua indisciplina. Nell’articolo di apertura del primo numero della rivista Tourist Studies, A. Franklin e M. Crang (2001, p. 5) ritengono la questione una constatazione inequivocabile. Pur sottolineando il carattere stimolante e pertinente dell’analisi delle pratiche e delle attività turistiche, in particolar modo per fornire una migliore comprensione del processo di transnazionalizzazione, notano che “gli studi turistici sono diventati datati, logori, ripetitivi e smorti” a causa della mancanza di teorizzazione proveniente dal loro interno. Agli occhi degli autori, questa triste situazione aveva origine in una serie di fattori combinati tra loro. I tourism studies avrebbero sofferto di un orientamento troppo operativo e, di conseguenza, di una forte dipendenza dalle priorità e dagli interessi di breve periodo dei finanziatori pubblici o privati. Questa deriva sarebbe stata rinforzata dall’influenza crescente che le scienze aziendali e di gestione delle imprese esercitano sulla sfera della ricerca. In effetti, in maniera sintomatica, si può constatare che più del 70% dei corsi di studio in turismo (e, dunque, la ricerca ad essi connessa) si svolgono all’interno delle business schools (Ateljevic, 2014). Questa influenza avrebbe condotto sia a una feticizzazione del turismo in quanto prodotto e attività economica, sia a una ossessione per le classificazioni e le tassonomie, dunque a un tropismo marcato dal positivismo, percepito come condizione del riconoscimento scientifico, a detrimento delle concezioni alternative del procedere intellettuale. Infine, la debolezza teorica che caratterizza gli studi turistici sarebbe il risultato di una penetrazione troppo lenta della teoria sociale al loro interno, soprattutto per quanto riguarda il suo versante critico.

  • 1 Marco d’Eramo, nel suo recente saggio Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo (Milano, F (...)

2Questa lamentela ricorrente nella letteratura anglosassone è ripresa anche da colleghi provenienti da altre culture scientifiche e linguistiche, in particolar modo nelle opere di portata epistemologica (si veda, ad esempio, Ethier, Morisset e Sarrasin, 2012). La constatazione è quindi ampiamente condivisa. A ben vedere, ci si rende conto che la ricerca in turismo non è un deserto teorico e che ha visto emergere dei nuovi concetti, propri del suo oggetto di studio. È il caso del concetto di “tourist system” proposto da J. Jafari (1985), di “tourist gaze” (letteralmente “lo sguardo fisso del turista” o “sguardo turistico”1) di J. Urry (1990) o ancora di “abitare politopico” proposto da M. Stock (2006). Questi concetti testimoniano, tra molti altri, che la ricerca in turismo possiede una sua vitalità teorica. Nel solco di questi contributi, e animati dalla speranza di partecipare allo sviluppo della teorizzazione degli studi turistici, abbiamo sollecitato il contributo di una ventina di colleghi di diversa provenienza linguistica e disciplinare che hanno forgiato un nuovo concetto o adattato al turismo un concetto preesistente.

Un approccio riflessivo alla concettualizzazione

  • 2 Gli autori ci tengono a ringraziare Tim Freytag, membro del comitato di redazione di Via Tourism Re (...)

3Per procedere alla selezione dei concetti che ci sarebbe piaciuto veder discutere in questo numero2, abbiamo posto la nostra attenzione su due criteri.

4Primo, abbiamo cercato nella produzione scientifica contemporanea in turismo dei termini o delle espressioni (provenienti dal vocabolario corrente, ma anche neologismo o combinazioni di parole) che rispondono a due attributi principali, identificati da Ogden e Richards (1923) per definire un concetto. Il primo è quello di avere una portata di comprensione dei fenomeni studiati (e non di limitarsi ad etichettare dei fatti), disponendo di un dominio di validità empirico. In altre parole, abbiamo considerato dei termini o delle espressioni che assumono il ruolo di strumenti intellettuali capaci di contribuire all’interpretazione delle osservazioni o delle esperienze. A titolo esemplificativo, e senza aver avuto la possibilità di inserirlo nella nostra lista a causa della scomparsa recente di J. Urry, il concetto di “tourist gaze” risponde pienamente a questi criteri, poiché ha contribuito, basandosi sull’analisi di numerosi esempi empirici, alla comprensione non solo dell’emergere di un nuovo tipo di rapporto degli individui verso il mondo, fondato sul visuale, ma anche dell’influenza sempre maggiore dello sguardo turistico nel plasmare gli spazi materiali e immateriali.

5In secondo luogo, nel corso della nostra ricerca, siamo stati molto attenti a selezionare dei concetti che prendono in considerazione il turismo “seriamente”, sia che questi portino a una migliore comprensione dell’influenza esercitata da quest’ultimo sui valori, le norme, le condotte, i rapporti sociali, le relazioni economiche o politiche, sia che questi forniscano delle chiavi interpretative delle maniere di essere e di fare proprie del turismo o dei suoi attori.

6Una volta identificati i concetti, abbiamo deciso di chiedere un lavoro riflessivo ai loro autori. In questa ottica li abbiamo invitati a condurre, ciascuno, un esame dettagliato del procedimento scientifico messo da loro in opera per forgiare il concetto in questione. In questo modo speravamo di mettere in luce alcuni aspetti del processo di produzione del sapere, esaminando come si fabbricano gli strumenti intellettuali che permettono una migliore comprensione dei fenomeni turistici. Di conseguenza, ogni autore da noi sollecitato ha ricevuto un “disciplinare” preciso attraverso il quale gli si domandava di esplicitare, sotto forma sintetica (per un massimo di 5000 parole), la genesi del concetto prodotto, la sua ricezione nella comunità scientifica e la sua evoluzione ulteriore, in seguito a nuove osservazioni empiriche o in seguito alle reazioni dei colleghi. Pensiamo infatti che un concetto è tanto un esito quanto un punto di partenza dell’attività intellettuale: se questi cristallizza in un termine o in un’espressione delle interpretazioni preliminari di un fenomeno, apre successivamente la via verso nuovi sviluppi attraverso il confronto con il fieldwork o con le concettualizzazioni di altri ricercatori.

Un compito arduo

7In un contesto in cui la ricerca scientifica è retta dai principi neoliberali di massimizzazione della produttività, della concorrenza generalizzata sia a livello interpresonale che tra università, e al ricorso alla bibliometria come solo strumento di valutazione, la nostra ambizione si dimostrava un compito arduo da realizzare.

8In effetti, Via Tourism Review non figura tra i top journals dei tourism studies. Tutt’altro. Non è pubblicata da una grande casa editoriale privata e il suo funzionamento riposa sulla buona volontà dei colleghi che hanno a cuore il progresso della comprensione del turismo attraverso una rivista plurilingue, interdisciplinare e ad accesso libero. Rivolgendoci agli autori, temevamo dunque di vedere moltiplicare i rifiuti gentili se non, più prosaicamente, le mancate risposte. Se alcuni inviti sono rimasti lettera morta, la maggior parte degli autori contattati ha condiviso il loro interesse per la nostra proposta. Beninteso: abbiamo registrato qualche desistenza per ragioni di calendario, ma numerosi colleghi hanno accettato, spesso con entusiasmo, di prestarsi all’esercizio.

9In questo numero troverete articoli che discutono concetti tanto diversi quanto l’invenzione del luogo turistico, il turista stesso, il paesaggio del patrimonio culturale (heritage scape), il “post-turismo”, il potenziale di giustizia sociale del turismo oppure la gentrificazione turistica. Questo insieme forma, a prima vista, un insieme teorico indistinto. E tuttavia, i concetti presentati, si inscrivono nei principali filoni che hanno interrogato il turismo a partire dagli anni 1970 quando antropologi, sociologi e psicologi sociali fecero irruzione nel campo dei tourism studies. Nella linea dei lavori di E. Cohen (1972) e di D. Nash (1978) emerge in quel momento una concezione di turismo come di sistema tridimensionale in interazione permanente: i visitatori e la loro cultura, i luoghi e le società visitate, gli attori molteplici che contribuiscono a mettere queste tre dimensioni in relazione (Decroly, 2010). La prima delle componenti è affrontata qui attraverso l’articolo del sociologo Dean MacCannel, nel quale viene esposta la maniera in cui, alla fine degli anni 1960, egli ha interrogato la vitalità socio-psicologica dello spostamento da un luogo all’altro ed è stato spinto, mobilitando gli strumenti dei cultural studies, a indagare la ricerca dell’esperienza autentica in quanto motivazione centrale dei turisti. Come ricorda nel suo contributo, questa ricerca di autenticità è essa stessa guidata da un processo di “marcatura” simbolica che porta a diventare turistici solo alcuni tra gli innumerevoli oggetti (luoghi, monumenti, patrimoni...) che potrebbero essere visitati.

10Questo secondo versante dell’analisi di D. MacCannel rimanda agli interrogativi ricorrenti sulle modalità con cui il turismo contribuisce a costruire e trasformare luoghi e società. Tre articoli proposti nella raccolta di questo numero si inscrivono in questo solco. Nel primo, l’antropologo Michael Di Giovine ritorna sulla genesi della sua analisi dei siti patrimonio mondiale e della loro costruzione simbolica da parte dell’UNESCO al fine di diffondere un racconto simbolico “di unità nella diversità”. L’articolo del geografo Rémy Knafou, in seguito, stabilisce la genealogia del suo concetto di invenzione del luogo turistico, secondo il quale l’utilizzazione turistica di un luogo risulta da una nuova lettura dell’esistente, da un nuovo sguardo su quello stesso luogo, che conduce a sovvertirlo e ampliarlo. Infine, il sociologo Kevin Fox-Gotham spiega ciò che lo ha condotto a estendere il concetto di gentrificazione includendovi i processi di investimento turistico localizzato, in particolare nei centri urbani, che possono produrre gli stessi effetti di espulsione delle classi popolari e di mutamento residenziale.

11La terza componente del sistema turistico è affrontata attraverso il contributo di Dianne Dredge, esperta ricercatrice accademica di tourism planning and policy, nel quale si affronta il tema dell’analisi delle reti di attori turistici e si difende la causa della necessità di una migliore presa in carico della dimensione politica degli stessi. Nel suo articolo sul potenziale di giustizia spaziale attraverso il turismo, Freya Higgins-Desbiolles, il cui expertise accademico si colloca nell’ambito delle relazioni internazionali, tratta dell’interazione tra visitatori e visitati, e delle condizioni da soddisfare perché questa interazione abbia un carattere emancipatore, per gli uni quanto per gli altri, anche se si realizza in un “mondo cattivo” (de Lagasnerie, 2017). Infine, il contributo del geografo Philippe Bourdeau si pone all’intersezione delle diverse componenti del sistema turistico e l’autore racconta il percorso intellettuale che lo ha portato a forgiare il concetto di post-turismo.

12Oltre a questi contributi di carattere riflessivo, gli autori hanno alimentato la rubrica Fotografie cara ai membri del comitato di redazione di Via Tourism Review, proponendo ciascuno una fotografia commentata ad illustrazione del loro modo di lavoro. Un’altra maniera di mostrare la ricerca nel corso del suo svolgersi.

Chiavi di lettura

13Ogni lettore, che sia uno studente, un dottorando o un ricercatore di lungo corso, troverà negli articoli qui riuniti del materiale di riflessione. Scoprire il cammino intrapreso da alcuni colleghi per fare nascere dei concetti porta a interrogarsi sui propri modi di produzione della conoscenza e a desacralizzare la ricerca teorica. D’altro canto, attraverso i testi presentati in questo numero, viene tratteggiato lo scenario di fondo delle condizioni che portano alla fabbricazione dei concetti turistici. Queste condizioni possono essere raggruppate in tre famiglie distinte, secondo il grado con cui hanno costituito la base per il lavoro di ricerca presentato dai diversi autori.

14La prima famiglia costituisce lo sfondo del lavoro scientifico sul turismo. Include elementi di contesto sui quali il ricercatore non ha – o ha molto poco – conoscenza. Nel momento in cui si accinge a elaborare un concetto, ciò che il ricercatore mira a comprendere e la maniera in cui lo formalizza, dipende in larga misura da ciò che è il turismo in quello specifico momento, ma anche, in maniera più generica, da ciò che sono i rapporti sociali globali. Nello stesso modo, la concettualizzazione è influenzata dal livello di conoscenze sul turismo e più ampiamente sul mondo sociale. La seconda famiglia delle condizioni del lavoro scientifico sul turismo comprende tutti gli aspetti sui quali il ricercatore sarà in misura di imprimere la propria impronta, in particolare la scelta delle fonti di ispirazione intellettuale, i tempi e il posto che egli accorda alla ricerca empirica e/o alla ricerca di campo, o ancora la maniera di articolare ricerca e insegnamento. La terza famiglia di condizioni, infine, raggruppa gli elementi contestuali sui quali il ricercatore ha una presa parziale, quali ad esempio i riferimenti temporali, spaziali o relazionali del proprio lavoro: i tempi che egli può consacrare al proprio oggetto di studio, l’istituzione al quale è affiliato, il gruppo di ricerca e i colleghi con cui ha l’abitudine di condurre il proprio lavoro.

15Curiosamente, la prima famiglia di condizioni della ricerca è poco evocata da coloro che hanno contribuito a questo numero. Certo D. MacCannel constata che lo sviluppo molto modesto degli studi turistici alla fine degli anni 1960 ha parzialmente condizionato la sua scelta di prendere come oggetto di studio il turista. Su un altro piano, F. Higgins-Desbiolles sottolinea che la concezione stretta di turismo in vigore in un contesto marcatamente segnato dal neoliberismo è stata di stimolo per forgiare una concezione alternativa, fondata sui principi di giustizia e di emancipazione. Tuttavia, nell’insieme, gli autori mettono principalmente avanti le condizioni di ricerca sulle quali essi si sono (parzialmente) basati.

16Sul piano euristico, la maggior parte degli autori che hanno contribuito a questo numero sottolinea l’influenza decisiva di alcune fonti di ispirazione intellettuali. Queste sono talvolta provenienti dalla disciplina di origine, come nel caso di R. Knafou che è stato ispirato dai lavori che dei geografi (per esempio C. Raffestin, 1987, e B. Debarbieux, 1988) consacrarono alla riflessione sul territorio e sulla territorialità durante gli anni 1980. Più spesso queste fonti di ispirazione provengono da altre discipline, con un tropismo segnato da quelle che coprono un largo spettro nel campo delle scienze sociali, come nel caso dei lavori di C. Lévi-Strauss e di E. Goffman, i cui insegnamenti hanno costituito una matrice intellettuale delle ricerche di D. MacCannel, o di quelli di A. Appaduraï, il cui concetto di scape ha ispirato in larga misura M. Di Giovine, o ancora quelli di B. Latour, la cui teoria dell’attore-rete ha impregnato la ricerca sulle reti di attori nel turismo. La stragrande maggioranza di autori che sono stati di riferimento per coloro che hanno contribuito a questo numero provengono dal mondo occidentale o hanno sviluppato la loro carriera in università occidentali. Possiamo anche aggiungere che si tratta molto frequentemente di autori di genere maschile. L’apertura degli strumenti intellettuali forgiati in altri contesti culturali è rara, salvo nel caso di M. Di Giovine che riconosce un certo debito intellettuale ai lavori del geografo indiano Rana Singh, al quale si deve l’introduzione dell’idea che il patrimonio è per sua natura in trasformazione continua, e nel caso di P. Bourdeau, che sottolinea l’influenza essenziale esercitata dagli scritti sulla transmodernità del filosofo argentino Enrique Dussel.

17Non sorprende che le ricerche condotte in seno allo stesso campo degli studi turistici siano ugualmente una fonte di ispirazione importante. Giocano un ruolo in questo senso sia l’eredità dei lavori anteriori sia i dibattiti aperti dagli avanzamenti teorici formulati dagli stessi autori. P. Bourdeau rileva per esempio di essere stato nutrito dalla letteratura critica sul turismo, tanto anglofona, con i testi di D. Fennell (2006) e J. Tribe (2009) sull’etica e la filosofia del turismo, quanto tedesca, con i lavori di J. Krippendorf (1982, 1986, 2010) sugli impatti ambientali e sociali del turismo, o ancora francofona, con la tesi di G. Cazes sul turismo nei paesi in via di sviluppo. Bourdeau evoca ugualmente l’influenza delle pubblicazioni non accademiche, nello specifico quelle di F. Michel et R. Christin, il cui carattere polemico è stato per lui propizio alla riflessione. F. Higgins-Desbiolles evoca allo stesso tempo l’impatto sul suo lavoro di testi critici del turismo, in particolare quelli, ancora una volta, di J. Krippendorf, e di D. McLaren (2003). D’altro canto, numerosi autori constatano che le reazioni suscitate dal campo dei tourism studies attraverso i loro lavori sono state a loro volta delle fonti di ispirazione che hanno condotto a fare evolvere la formulazione, il contenuto, o le illustrazioni empiriche del concetto iniziale.

18Tuttavia, il principale denominatore comune delle cristallizzazioni teoriche evocate in questo numero risiede nel ruolo essenziale giocato dal confronto con la ricerca di campo nel quadro di indagini e ricerche applicate condotte per enti pubblici oppure per conto di operatori privati o anche nelle vesti di operatori del turismo. F. Higgins-Desbiolles e M. Di Giovine sottolineano il ruolo predominante giocato dall’esperienza professionale vissuta all’inizio della loro tesi di dottorato, come collaboratrice e volontaria per delle Organizzazioni Non Governative australiane la prima, e come guida per un tour operator educativo statunitense il secondo. Nei due casi, questi contatti iniziali con il fieldwork, in un contesto non accademico, hanno contribuito a orientare la ricerca, alla volta attraverso gli interrogativi suscitati e per gli esempi empirici che hanno fornito. D’altronde, come notano D. Dredge, P. Bourdeau e R. Knafou, gli scambi con gli attori e operatori sul campo costituiscono un’occasione privilegiata per testare gli strumenti intellettuali elaborati e fare emergere delle nuove idee. Infine, in maniera più classica, D. MacCannel e K. Fox-Gotham mostrano che il loro lavoro concettuale non sarebbe stato possibile senza una debita indagine di ricerca a monte.

19A differenza del lavoro di campo, gli autori di questo numero evocano raramente l’insegnamento come ambito che ha contribuito al loro sviluppo concettuale. Tuttavia, P. Bourdeau mostra che gli scambi con gli studenti, in particolare nel contesto dei seminari e dei laboratori, oppure delle escursioni di campo, hanno avuto un ruolo importante nell’evoluzione del suo pensiero. Offrono, di fatto, lo spunto per mettere le proprie idee di fronte a un banco di prova, di impiegare delle terminologie o delle classificazioni, di chiarire le proprie intuizioni e di mettere in questione ciò che si pensava inizialmente.

20Infine, gli articoli riuniti in questo numero testimoniano l’impatto sulla condotta della ricerca dei quadri temporali, spaziali e relazionali del lavoro. Alcuni periodi, luoghi o collaborazioni si rilevano essere più propizi di altri alla concettualizzazione. Per la loro durata, ma anche per la libertà di pensiero che esse offrono, la tesi di dottorato o dei momenti successivi ma simili – come quello dell’Habilitation à Diriger des Recherches nel caso francesesono stati per M. Di Giovine, F. Higgins-Desbiolles e a P. Bourdeau dei momenti privilegiati per fare emergere i concetti qui presentati. D’altronde, come fa notare R. Knafou, gli oggetti e le modalità di fare ricerca nei Centri o nei Dipartimenti universitari frequentati influenzano inevitabilmente il cammino intellettuale individuale. Senza dimenticare gli scambi con i colleghi più prossimi, con coloro che si frequentano più regolarmente nel proprio gruppo di ricerca o nel quadro di collaborazioni esterne. Questi scambi, sottolinea P. Bourdeau, formano la base dell’attività intellettuale e dunque della concettualizzazione.

21Per concludere vogliamo sottolineare che i concetti evocati in questo numero sono il risultato di un lungo processo di maturazione intellettuale. Sono stati forgiati nel lungo periodo, spesso in parecchi anni, attraverso il confronto ripetuto delle idee tra loro o con il fieldwork. La concettualizzazione richiede del tempo, molto tempo. In questo senso, la serie di articoli qui proposta conferma ciò che ha sostenuto Eugene Garfield (1990, p. 14), che – pur criticando la rappresentazione popolare di un progresso scientifico legato a una successione di lampi di genio e scoperte fortuite – ha sottolineato che i risultati importanti provengono soprattutto dai ricercatori “che preparano caparbiamente un campo perché questo possa essere pronto per una scoperta, e che sono preparati intellettualmente a riconoscere e a sfruttare i risultati inattesi”. Come nota Olivier Gosselain (2011: 131), “in materia di ricerca, la lentezza e la costanza hanno la meglio sulla velocità e la versatilità”. Lo slogan produttivista che continua a essere ripetuto da coloro che tessono le lodi dell’eccellenza scientifica si oppone radicalmente ai tempi lunghi che la fabbricazione dei concetti necessitano. Resistendo a questa tendenza, i ricercatori potrebbero darsi gli strumenti non soltanto per limitare la sofferenza umana che la stessa provoca, ma anche di perseguire secondo il proprio ritmo, in tutta serenità, il percorso intellettuale che permette di dare forma agli strumenti capaci di migliorare la comprensione del turismo..., e di qualsiasi altro fatto sociale.

Haut de page

Bibliographie

Ateljevic I., 2014, « Mapping a history and development of tourism studies field », Turizam: međunarodni znanstveno-stručni časopis, 62(1), 75-101.

Cohen E., 1972, « Toward a Sociology of International Tourism », Social Research, 39(1), 164–189.

Debarbieux B., 1988, Territoires de haute montagne : recherches sur le processus de territorialisation et d’appropriation sociale de l’espace de haute montagne dans les Alpes du Nord, Université de Grenoble I, Institut de géographie Alpine, Thèse de doctorat en géographie,

Decroly J.-M., 2010, « Un cuadro de analisis de la valorizacion turistica », in : De Myttenaere B. et E. Rozo Bellon (eds) Desarrollo territorial y tourismo : una approximacion a partir de la valorizacion turistica, Bogota, Universidad Externado de Colombia, 41-62

de Lagasnerie G., 2017, Penser dans un monde mauvais, Paris, Presses Universitaires de France

Éthier G., Morisset L. K., Sarrasin B., 2012, Épistémologie des études touristiques, Québec, Presses de l’Université du Québec.

Fennell, D. A., 2006, Tourism ethics (Aspects of tourism), Bristol, Channel View Publications.

Garfield E., 1990, « Fast Science vs. Slow Science, Or Slow and Steady Win the Race », The Scientist, 4(18), 14.

Franklin A., Crang, M., 2001, « The trouble with tourism and travel theory? », Tourist Studies, 1(1), 5–22.

Gosselain O. P., 2011, « Slow Science – La désexcellence », Uzance, 1, 128-140.

Jafari J., 1987, « Tourism models: The sociocultural aspects », Tourism management, 8(2), 151-159.

Krippendorf J., 1982, « Towards new tourism policies: The importance of environmental and sociocultural factors », Tourism management, 3(3), 135-148.

Krippendorf J., 1986, « Tourism in the system of industrial society ». Annals of Tourism Research, 13(4), 517-532.

Krippendorf J., 2010, Holiday makers, Abingdon-on-Thames, Routledge.

McLaren, D., 2003, Rethinking tourism and ecotravel, Boulder (Ca), Kumarian Press.

Nash D., 1981, « Tourism as an Anthropological Subject », Current Anthropology, 22 (5), 461-481.

Ogden C. K., Richards I. A., 1923, The Meaning of Meaning, New York, Harchourt, Brace & World.

Raffestin C., 1987, « Repères pour une théorie de la territorialité humaine », FLUX - Cahiers scientifiques internationaux Réseaux et Territoires, 3(7), 2-22.

Stock M., 2006, « L’hypothèse de l’habiter poly-topique: pratiquer les lieux géographiques dans les sociétés à individus mobiles », EspacesTemps. Net, https://www.espacestemps.net/articles/hypothese-habiter-polytopique/

Tribe J., 1997, « The indiscipline of tourism », Annals of Tourism Research, 24 (3), 638-657.

Tribe J. (Ed.), 2009, Philosophical issues in tourism, Bristol, Channel view publications.

Urry J., 1990, The Tourist Gaze. Leisure and Travel in Contemporary Societies, London, Sage Publications.

Haut de page

Notes

1 Marco d’Eramo, nel suo recente saggio Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo (Milano, Feltrinelli, 2017), ha tradotto il termine con “sguardo turista” (NdT).

2 Gli autori ci tengono a ringraziare Tim Freytag, membro del comitato di redazione di Via Tourism Review, che ha contribuito alla selezione iniziale dei concetti presentati in questo numero e che ha partecipato alla rilettura dei testi inviati.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Jean-Michel Decroly et Anya Diekmann, « La fabbricazione dei concetti turistici », Via [En ligne], 13 | 2018, mis en ligne le 01 septembre 2018, consulté le 17 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/2743

Haut de page

Auteurs

Jean-Michel Decroly

IGEAT, Université Libre de Bruxelles

Articles du même auteur

Anya Diekmann

IGEAT, Université Libre de Bruxelles

Haut de page

Traducteur

Chiara Rabbiosi

Alma Mater Studorium, Università di Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals