Navigation – Plan du site

Editoriale

Jean-François Staszak
Traduction de Fiorella Dallari
Cet article est une traduction de :
Introduction du dossier [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
Introducción dossier [es]
Introdução do dossier [pt]
Einleitung des Themenhefts [de]
Introducció al dossier [ca]

Texte intégral

1Negli anni recenti turismo e cinema hanno dato vita a legami che hanno stimolato in modo sistematico una molteplicità di esplorazioni. Da un lato, è stato dimostrato come il cinema, specialmente il cinema del primo periodo (ma non solamente), giocasse sull’attrattiva dei viaggi virtuali, a tal punto che l’esperienza cinematografica poteva essere equiparata a un’esperienza turistica (Gunning, 1995; Peterson, 2017). Dall’altro canto, si è analizzato come il cinema aveva influenzato o determinato certe pratiche turistiche (film-induced tourism), sia nel promuovere delle destinazioni o trasformando i luoghi delle riprese in attrazioni turistiche (come per esempio Beeton, 2016).

2Questo numero di Via@ propone di esplorare una terza strada, cioè esaminando come il cinema di fiction metta e rimetta in scena gli attori, le pratiche e i luoghi turistici. Dall’opera di European Rest Cure (E.S. Porter. 1904) alla trilogia di Camping (F. Ontenniente, 2006, 2010, 2016) passando aVacanze romane (B. Wilder), Vacanzea Venezia (D. Lean,1955) e Le Vacanze del Signor Hulot (J. Tati, 1953), dallo Squalo (S. Spielberg, 1975) aPauline alla spiaggia (E. Rohmer, 1987), i film che fanno del turismo e dei turisti il loro motivo principale sono numerosi, ma ancora di più quelli dove le pratiche turistiche appaiono come motivazione secondaria. Numerose sono le commedie (National Lampoon’s Vacation, H. Ramis, 1983; Ferie d'agosto, P. Virzì, 1995), ma anche drammi si trovano intrecciati con il turismo (Soleil et ombre, J. Roques, J.Lasseyne, 1922; Lost in Translation, S. Coppola, 2003); lo stesso vale per la fantascienza (Passengers, M. Tyldum, 2016), come per il cinema pornografico (Ein lasterhafter Sommer, G. Loubeau, 1982).

3Un primo quesito a cui rispondere è quello di conoscere quali attori, pratiche e destinazioni turistiche il cinema preferisca presentare, a seconda del momento storico, del luogo o del genere. Si tratta di identificare e caratterizzare specifiche motivazioni turistiche che avvengono regolarmente o no, probabilmente stereotipi, presenti nel cinema e che gli possono essere specifici, ed esaminare da dove essi provengono e come si evolvono.

4Una volta identificate queste motivazioni, un secondo quesito affronta la loro analisi nel contesto del film. Come tali turisti, pratiche o luoghi turistici sono messi in scena in quei film, e perché? Quali sono i loro ruoli nella drammaturgia? In che cosa essi costituiscono delle risorse cinematografiche, e per fare che cosa? Qual è la visione del turismo che ci propone il cinema? E infine, il termine “visione” è da considerarsi corretto?

5Il terzo quesito consiste, poi, nel domandarsi in quale misurae in quale modo i film che mettono in scena dei turisti hanno, o hanno avuto, delle ripercussioni sugli attori, le pratiche e gli stessi luoghi turistici. Forse Camping ha cambiato, o influenzato, le pratiche del campeggio, Sono la numero 1 (The Bronze) come abbronzarsi, Manolo la nuit (M. Ozores, 1973) i night-clubs della Costa del Sol o Eat PrayLove (R. Murphy, 2010) come mangiare, pregare e amare da parte dei turisti durante le vacanze? Quali sono gli attori, i luoghi o le pratiche che questi film hanno saputo trasformare, a partire dal ruolo del turista «made in Hollywood» analizzato da R. Tzanelli (2007)? In quale misura i film che mettono in scena delle motivazioni turistiche hanno cambiato la rappresentazione che si concepisce (?) dei turisti, delle pratiche o dei luoghi turistici, come i giudizi su di loro e sugli atteggiamenti nei loro confronti che vengono riprodotti durante i loro viaggi (Monsieur Morimoto, N. Sornaga, 2008; Midnight in Paris, W. Allen, 2011)? Tutte queste domande esortano a completare l’analisi dei film attraverso quella del loro impatto e dei loro eventuali effetti sul loro pubblico.

6L'obiettivo non è quello di farci conoscere meglio il cinema (anche se il cinema ha qualcosa da condividere con il viaggio, possiamo aspettarci che l'allestimento del viaggiatore / spettatore in un film si traducanel metterci in un abisso profondo e sappia stimolare una riflessività su ciò che è il cinema), ma per farci comprendere meglio il turismo. Ma cosa ci dice il turismo sulla sua messa in scena al cinema? Nella speranza di quale valore aggiunto? L'esame di queste opere di fantascienza può rivelare sul turismo gli elementi che l'osservazione di luoghi "reali", attori e pratiche turistiche lascerebbe nell'ombra? Eccola questione finale, di ordine metodologico ed epistemologico.

7Questo numero, composto di quattro articoli, non pretende di rispondere a queste domande, ma di aprire alcune tracce.

8Patrice Leconte, il felice autore della serie di film cult Les Bronzés (1978, 1979, 2006), che mette in scena dei turisti molto (troppo?) francesi in Costa d'Avorio, nelle Alpi e poi in Sardegna, si è reso disponibile per un’intervista, in cui ripercorre la genesi delle condizioni di ripresa e l'impatto di queste tre commedie, che costituiscono nel mondo francofono i riferimenti assoluti per il turismo cinematografico.

9L’articolo di Marie-Hélène Chevrier et Chloé Huve esamina con un approccio turistico la saga di James Bond. I 24 film della serie hanno dato il via a numerose analisi, ma nessuna ha mai affrontato questo aspetto: qui, James Bond a volte si mette nei panni di un turista (è una buona copertura), frequenta le infrastrutture turistiche (aeroporti, hotel, casinò, ecc.) ei suoi spostamenti lo portano spesso negli luoghi di alto bordo e nelle stazioni turistiche (l'isola tropicale, la stazione sciistica, ecc.), dove incontra spesso dei turisti. Gli autori mostrano la serie di James Bond come una testimonianza delle rappresentazioni del turismo e delle sue trasformazioni.

10Il testo di Salvador e Antonio Martínez Puche copre tre film - End of curso (School's Out, 2005), Atasco en la nacional (Traffic Jam, 2007) e Benidorm, mon amour (2015). Questi film mettono in scena attraverso l’uso della caricatura e della critica le figure stereotipiche del turismo balneare in Spagna, nate negli anni '60 e nel contesto della propaganda franchista, celebrato dal cinema dell'epoca al più alto livello. I numerosi cliché di questo fenomeno sopravvivono nel cinema di oggi, attraverso una imitazione continua.

11L'articolo di Parcale Argod si concentra su Into the Wild (S. Penn, 2007) e Wild (J.-M. Vallée, 2015). Basati su "storie vere", questi due film - che anche devono molto al lavoro di Jack Kerouac - mettono in scena in una sorta di diario di viaggio l’itinerario solitario del loro eroe in una natura più o meno selvaggia, alla scoperta dei propri limiti. Il "viaggio estremo" è un viaggio verso se stesso, che funge da modello per il turismo d'avventura e il turismo iniziatico, che questi film potrebbero sviluppare.

12Il cinema è un (il?) luogo principale della fabbrica di immaginari geografici; non sorprende quindi che abbia un impatto significativo sulla scelta delle destinazioni turistiche. È logico che alcune comunità locali facciano di tutto per attirare turisti e alcuni registi, facciano di tutto per approfittarne, come W. Allen, i cui film recenti sono veri e propri annunci pubblicitari di Parigi, Roma o Barcellona. Ma questo numero di Via@ attesta che il cinema fa anche vedere turisti all’opera: facendo questo, propone modelli che si possono provare a imitare (se sono positivi) o da cui ci si può staccare (se sono negativi). Comunque, il cinema non si accontenta di descrivere: prescrive.

Haut de page

Bibliographie

Beeton S., 2016, Film-induced tourism, Bristol, Channel View Publications.

Gunning, T., 1995, “The Whole World Within Reach: Travel Images without Borders”, in Cosandey R. Et Albera F. (dir), Cinéma sans frontières 1896-1918. Images Across Borders, Lausanne: Ed. Payot.

Peterson J. L., 2013, Education in the School of Dreams: Travelogues and Early Nonfiction Film, Durham, Duke Univ. Press.

Tzanelli, R. (2007). The Cinematic Tourist: Explorations in Globalization, Culture, and Resistance, London: Routledge.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Jean-François Staszak, « Editoriale », Via [En ligne], 14 | 2018, mis en ligne le 20 décembre 2018, consulté le 14 août 2020. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/2931

Haut de page

Auteur

Jean-François Staszak

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals