Navigation – Sitemap

HauptseiteCalls for paperAppels clos20|2021 - TURISMO RELIGIOSO

20|2021 - TURISMO RELIGIOSO

Dead line: 31 marzo 2021

CURATORI

Philippe BACHIMON Università d’Avignone

philippe.bachimon@univ-avignon.fr

Théry HERVE Università di San paulo (USP-PPGH)

hthery@aol.com

Il pellegrinaggio alla Vergine, Tinos, Cicladi, Grecia.

Image 10000000000001E0000001401393601FC99B7992.jpg

La processione tradizionale dell'immagine miracolosa il 15 agosto, giorno della Dormizione, che attira un gran numero di pellegrini giunti a Tinos per l'occasione, ma anche turisti e visitatori estivi dell'isola (Maria Gravari-Barbas, 2018).

DIBATTITO

Il rapporto tra religione e tempo libero nell’accezione di loisirs, due pratiche sociali e due movimenti culturali divenuti importanti nel XXI secolo, non è privo di ambiguità, anche se dopo Nietzsche (per il quale "Dio era morto") si potrebbe pensare che il secondo fu o prevalga sul primo, oppure lo cancelli invalidandolo come appartenente a tempi bui.

Giova sottolineare che si sta assistendo a un aumento della religiosità nel 21° secolo dopo un cento anni di secolarizzazione della società (secolarismo repubblicano, ideologie comuniste e naziste/fasciste ...) che ricorda persino il 19° secolo (quello delle missioni per riconquistare il cristianesimo smorzate dalla rivoluzione e dalle colonie), o anche la Riconquista della penisola iberica seguita dalla Conquista in America Latina nel XV e XVI secolo.

La forma che assume questo ritorno della dimensione religiosa è però diversa nel XXI secolo, nella postmodernità dove, per definizione, tutto può assumere un valore (mercato almeno) che include una dimensione chiaramente prossima al turismo.

Turistificazione della Religiosità

Inoltre, compaiono sempre più forme simili al turismo, nella sua definizione fornita dall'INSEE: "Il turismo comprende le attività svolte dalle persone durante i loro viaggi e soggiorni in luoghi situati al di fuori del loro ambiente abituale per un periodo di tempo. Periodo consecutivo che non supera il periodo di un anno, per motivi di svago, lavoro e altri motivi estranei all'esercizio di un'attività remunerata nel luogo visitato”.

Che si tratti di monumenti (cattedrali, monasteri o cappelle, sinagoghe, moschee o templi protestanti, buddisti ...), ma anche di eventi religiosi (il pellegrinaggio a Lourdes, La Mecca, Qom), si osserva una forte tendenza a declinarli nell’ambito di prodotti turistici. Si pensi ai mercatini di Natale, ai mercanti del tempio di Lourdes, alla questione delle visite con ticket agli edifici religiosi; lo stesso per la Mecca che diventa una "stazione religiosa" con i suoi ristoranti, le sue terrazze, i suoi hotel di lusso, i suoi hammam.

Certo, i pellegrinaggi hanno sempre avuto bisogno di una certa logistica per trasportare i fedeli, ospitarli, nutrirli, ma la recente massificazione ha provocato un cambio di dimensione: La Mecca, Lourdes, Fatima accolgono milioni di visitatori ogni anno. Esemplare è l’esperienza del Kumbh Mela, pellegrinaggio indù organizzato a turno, nelle città sante di Allahabad (Uttar Pradesh), Haridwar (Uttaranchal), Ujjain (Madhya Pradesh) e Nashik (Maharashtra), o il Purna Kumbh Mela, o grande Kumbh Mela, che ogni dodici anni si svolge a Prayag. Vi prendono parte decine di milioni di persone, il che ne fa probabilmente il pellegrinaggio più grande del mondo: durante il Purna Kumbh Mela del 2001, 70 milioni di persone si sono susseguite sulle rive del Gange in tre settimane, 40 milioni in un giorno. Infine, il Maha Kumbh Mela si tiene ogni 144 anni, dopo dodici Purna Kumbh Mela, l'ultimo nel 2013, che ha accolto più di 100 milioni di persone.

Convivenza

Una questione sollevata è quella della convivenza tra turisti (osservatori “passivi” e “non partecipativi” a priori) che interrompono i riti. Le risposte a questo problema vanno dal proibizionismo (La Mecca e Medina) all'integrazione, perché ci sono anche questioni politiche, soprattutto in termini di comunicazione, riconoscimento, e proselitismo. Al contrario, le politiche di sviluppo territoriale incoraggiano i pellegrini, ad esempio, a fare turismo al di fuori del rigido contesto religioso (Tesi di Khaled Alzhrani sull'Arabia Saudita).

Ibridazione

Possiamo, senza correre alcun rischio teorico e concettuale, affermare che l'ibridazione caratterizza il rapporto turismo / religione. Il turismo è certamente un materialismo (sperimentare un "paradiso terrestre" quaggiù, per esempio) ma in definitiva anche una forma di paganesimo (l'esperienza del paradiso terrestre rimane una credenza che sfida - mina - il monoteismo). Può apparire come una nuova religione quando offre esperienze sotto forma di corsi di yoga negli Ashram, ritiri di "guarigione" nei monasteri ... e viceversa che la pratica religiosa prende sempre più in prestito dalle rotte turistiche (agenzia di viaggi, voli aerei, catene alberghiere, ristorazione ... regolamento turistico per i viaggi).

La basilica di Nossa Senhora Aparecida 

Image 10000000000001E000000168E72ADB7A476B2E54.jpg

La basilica di Nossa Senhora Aparecida (la santa patrona del Brasile), nello Stato di San Paolo, accoglie tra gli 11 e 12 milioni di pellegrini all’anno.Hervé Théry 2012.

Il gradiente turistico

Il religioso è uno dei ben noti oggetti centrali del turismo culturale. L'incontro è molto spesso "freddo", i turisti visitano siti e monumenti non più in uso e talvolta si tratta anche di reinterpretarne il carattere religioso. Esempio delle piramidi maya o azteche, delle marae polinesiane ma anche Angkor Wat, montagne e altre colline sacre. Ci sono anche casi "tiepidi" come ad esempio i monumenti della cristianità che si visitano di più (in Europa almeno) quando sono meno frequentati dai fedeli o quando vengono trascurati dal loro clero (monasteri dove si fanno ritiri, vie di Saint-Jacques de Compostelle).

Infine, la questione del turismo "caldo" si pone quando la religione è forte (citiamo il Muro Occidentale). Ciò porta a divieti da entrambe le parti, al divieto di entrare nelle moschee in Marocco per i non musulmani o al divieto di visitare antichi siti archeologici, mettendo in discussione la doxa, ad esempio per i pellegrini musulmani della Mecca). Un caso particolare che meriterebbe un'analisi particolare è quello della Cattedrale di Notre Dame de Paris, che è stata sia un luogo di culto che un importante sito turistico e che, il cui incendio nel 2019 ha dimostrato quanto sia un simbolo forte per molti francesi.

Una boutique di souvenirs a Katmandou in un sito di pellegrini buddisti

Image 10000000000001E0000001687CA7C4C70B77B53A.jpg

Philippe Bachimon

Il rapporto tra questi due fenomeni eclatanti (turismo e religione) non è univoco. Merita un numero tematico di Via@ a lui dedicato. Invitiamo quindi gli autori di diverse discipline a sottoporre articoli, ma anche brevi contributi, mappe o foto commentate o recensioni di libri su questo tema.

MODALITÀ E FORMATO DEI CONTRIBUTI

Le proposte possono essere presentate come articoli scientifici non più lunghi di 40.000 caratteri.

Le proposte possono essere presentate via e-mail agli indirizzi: viatourismreview@univ-paris1.fr; philippe.bachimon@univ-avignon.fr; hthery@aol.com entro il 31 marzo 2021. Gli articoli possono essere scritti in francese, inglese, tedesco, spagnolo, catalano, portoghese o italiano.

  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Logo CNRS - Institut des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search