Navigation – Plan du site

AccueilNuméros19Turismi e geopolitiche: attori, s...

Texte intégral

1Questo numero «Turismi e geopolitiche: attori, sfide, pratiche», presentato sulla rivista Via, raccoglie articoli che testimoniano l’importanza e la diversità dell’attualità di questi temi di ricerca. E dopo che le riviste Téoros1 nel 2004 e Hérodote2 nel 2007 ne hanno dedicato ciascuna un numero speciale, è certamente interessante comprendere il modo in cui i ricercatori lo considerano oggi. Téoros aveva valutato, nel suo appello «il turismo a rischio politica», gli effetti e le incidenze delle crisi e delle instabilità internazionali, compreso il terrorismo, sull’offerta e sulle pratiche di un turismo globalizzato. Hérodote, in «Geopolitica del turismo» e la scelta del singolare per i due termini, aveva privilegiato le analisi relative agli effetti delle disuguaglianze e delle egemonie nonché sulle sfide relative alle «rivalità di potere su territori di dimensioni molto diverse: da quello globale e internazionale fino ai distretti turistici e alle località balneari» (Giblin, 2007).

2L’appello della rivista Via invita, attraverso la pluralizzazione dei termini «turismi» e «geopolitiche», ad una trattazione più ampia della «geopolitica», quest’ultima non riguardante solamente i rapporti tra Stati, ma occupandosi anche di tutte le dimensioni conflittuali – ideologiche, territoriali, culturali – che il settore turistico evidenzia nello sviluppo della sua offerta come nelle pratiche concrete che esso genera.

3Così, al di là della diversità dei territori (Cina, Laos, Nepal, Ucraina, Georgia, Portogallo, Israele, Francia, tra gli altri), al di là dei tipi di turismo – religioso, etnico, memoriale, ecologico – o delle pratiche – focus sui tipi di alloggi o di visite –, è possibile identificare almeno tre linee guida principali. Queste ultime riflettono le dimensioni geopolitiche all’opera in tutto il sistema turistico contemporaneo. Esse partecipano anche, più esattamente, alle evoluzioni attuali più significative: mobilitazione del sociale e del culturale come «risorse», sviluppo di narrazioni – portatrici di attrattiva – situate all’incrocio ideologico e politico della Storia e della Memoria, nuove distribuzioni di valori di «autenticità» e di «identità». Gli articoli qui raccolti documentano ed esemplificano i processi di un turismo, fatto sociale totale, sistematicamente produttore e prodotto di una globalizzazione le cui logiche di mercato sono inscindibili, a tutti i livelli, dalla progettazione dell’offerta e dalla motivazione della domanda.

41) La prima riguarda la strumentalizzazione del settore turistico come soft power. Fare del turismo uno strumento di rispettabilità internazionale, pur accumulando il patrimonio che genera, non è certo un fenomeno recente (Matelly, 2013). Al giorno d’oggi, l’Arabia Saudita o la Cina stanno giocando questa carta. Ma vengono utilizzate anche altre modalità, più sottili, di soft power, puntando su intenti responsabili (etici per esempio) o culturali (turismo etnico), che si svolgono all’interno stesso delle evoluzioni del settore turistico.

5È così che l’articolo «Tourisme et «éco-ethnicité»: les enjeux d’un soft power environnemental pour les minorités de l’Asie d’altitude (Chine, Laos, Népal)» («Turismo e «eco-etnicità»: le sfide di un soft power ambientale per le minoranze dell’Asia settentrionale (Cina, Laos, Nepal)») di F. Landy et al., prende in esame a partire da tre territori asiatici, gli effetti indotti da un’offerta eco-etnica e la sua efficacia in termini turistici. Gli autori mostrano come l’eco-etnicità possa sia partecipare alla costruzione di un immaginario turistico contemporaneo, sia, in cambio, fornire alle minoranze una leva utile per negoziare diritti con le autorità locali o cercare sostegno da organizzazioni ambientaliste «globali». Questa «arma dei deboli» (Scott, 1985) svolge un ruolo, più o meno apertamente, nell’offerta turistica per contrastare situazioni di emarginazione socio-culturale o politica.

6L’articolo di D. Chevalier e I. Lefort, «Quand le tourisme actualise les mémoires» («Quando il turismo rende attuali i ricordi»), sottolinea il modo in cui l’Unione Europea, attraverso i suoi itinerari culturali, promuove geopoliticamente un’identità comune, destinata a sviluppare una nuova storia, condivisa, al di là delle singole storie nazionali, e oltre i ricordi più dolorosi.

72) La seconda linea guida che unisce questi testi testimonia l’inevitabile combinazione multiscalare di conflitti e/o questioni politiche, da scala locale o regionale fino a scala internazionale. In altre parole, esemplificano chiaramente il modo in cui delle specifiche offerte turistiche, localmente territorializzate, si inseriscono e riecheggiano su scale più ampie. Così facendo, il settore turistico illustra un radicamento geopolitico a tutti i livelli, inseparabile da questioni economiche e culturali globalizzate. In esse si svolgono rivalità di potere e conflitti impliciti che documentano il plurale di «geopolitiche» di cui parla l’Appello. E tanto più che la declinazione contemporanea degli aggettivi tematici del turismo consente di giocare in ambito culturale, ecologico, patrimoniale o religioso, anche se naturalmente nessuna di queste denominazioni funziona in modo autonomo.

8Su scala locale o addirittura microlocale, l’articolo di Victor Piganiol, «Airbnb ou la géopolitique (mondialisée) d’un hébergement touristique contesté. De la disruption magnifiée aux conflictualités généralisées» («Airbnb o la geopolitica (globalizzata) di una ricettività turistica contestata. Dal cambiamento ingigantito alle conflittualità generalizzate…») mostra sia l’emergere che l’esistenza di nuovi conflitti, mescolando attori con pratiche e rappresentazioni a volte contraddittorie – l’ospitante e il turista, l’ospitante e il residente «della porta accanto», il turista e il residente permanente – legati alla diffusione dell’attività ricettiva Airbnb.

9Su un altro tema estremamente conflittuale, l’articolo di Caroline Rozenholc-Escobar, «Implications, acteurs et leviers géopolitiques du tourisme. Israël/Palestine: ce que nous disent les lieux du religieux» («Implicazioni, attori e leve geopolitiche del turismo. Israele/Palestina: quello che ci raccontano i luoghi religiosi») illustra in modo paradigmatico le sfide del turismo dedicato alle pratiche religiose (il pellegrinaggio), nei loro luoghi originali e nei loro duplicati fino ai parchi tematici, essi stessi potenti attori di trasmissione ideologica. Questo tipo di offerta segna la postmodernità delle società del tempo libero e dell’edutainment. Il territorio israelo-palestinese, sempre in tensioni conflittuali, riecheggia quello delle giovani Repubbliche di Ucraina e Georgia, confrontate, nella loro volontà di apertura al turismo, alle questioni geopolitiche dell’eredità del blocco sovietico. L’articolo di Nataliia Moroz, «Pendant et après l’URSS. Comment les Etats post-soviétiques (re)construisent leur secteur touristique? L’exemple de l’Ukraine et de la Géorgie» («Durante e dopo l’URSS. In che modo gli Stati post-sovietici (ri)costruiscono il loro settore turistico? L’esempio di Ucraina e Georgia») documenta in modo chiaro le sfide della promozione di un’offerta unica, sviluppando nuove storie identitarie volte all’attrattività turistica.

103) Il terzo tema presente in questo numero mette in prospettiva le forti relazioni tra patrimonio e contesti geopolitici. Poiché la questione del patrimonio abbraccia le questioni delle identità territoriali ed ideologiche, è evidente che la sua mobilitazione nell’ambito della produzione e promozione dell’offerta turistica dovrà affrontare questioni politiche e geopolitiche. L’inflazione patrimoniale, a tutti i livelli, costituisce oggi un potente vettore per lo sviluppo turistico. Questa «patrimonializzazione»3 turistica alimenta nuovi prodotti e nuove destinazioni, per cui la classificazione UNESCO occupa un posto molto speciale data la sua scala internazionale e le sue qualifiche universali. L’articolo di Mark Bailoni «Développement territorial, tourisme et protection des sites classés au Patrimoine mondial: enjeux de conflits géopolitiques» Sviluppo territoriale, turismo e tutela dei siti classificati Patrimonio dell’Umanità: sfide dei conflitti geopolitici») analizza, in particolare sull’esempio della valle dell’Alto Duoro, i conflitti generati dalla convivenza di un’area classificata UNESCO e di un progetto dal valore economico di una diga idroelettrica. Le questioni di classificazione sono anche al centro di problemi di memoria esemplificati nell’articolo di D. Chevalier et d’I. Lefort, concentrato sui ricordi dolorosi.

11In conclusione, sebbene il periodo attuale sia fortemente segnato dall’epidemia del Covid-19 e dalla restrizione sugli spostamenti (il turismo internazionale è diminuito dell’82% nell’Asia-Pacifico nei primi dieci mesi del 2020 secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo UNWTO-OMT), pensare al turismo in tutte le sue dimensioni geopolitiche invita senza dubbio a riflettere sulle sovrapposizioni di relazioni antagoniste o addirittura di confine – statali, culturali, memoriali, sociali – che modellano i rapporti di potere e producono mondi sociali. Ricordarcelo è una delle qualità principali di questo numero.

Haut de page

Bibliographie

Giblin, B. (2007), «Le tourisme: un théâtre géopolitique?», Hérodote, vol. 127, no. 4, pp. 3-14.

Matelly, S. (2013), «Le tourisme, un objet géopolitique», Revue internationale et stratégique, vol. 90, no. 2, pp. 57-69.

Sarrasin, B. (2004), «Le tourisme, au risque du politique», Téoros [Online], 23-1 | 2004, Online since 20 November 2017, connection on 12 June 2021. URL: http://journals.openedition.org/teoros/2283

Scott, J. C. (1985), Weapons of the Weak. Everyday Forms of Peasant Resistance, Yale University Press, New Haven.

Haut de page

Notes

1 https://journals.openedition.org/teoros/214

2 https://www.herodote.org/spip.php?rubrique39

3 Cf. i lavori dell’ANR Patrimondi https://anr.fr/Projet-ANR-15-CE27-0010

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Dominique Chevalier et Isabelle Lefort, « Turismi e geopolitiche: attori, sfide, pratiche », Via [En ligne], 19 | 2021, mis en ligne le 26 juillet 2021, consulté le 22 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/6545 ; DOI : https://doi.org/10.4000/viatourism.6545

Haut de page

Auteurs

Dominique Chevalier

MCF-HDR, Université Lyon1, Laboratoire EVS (UMR5600)

Articles du même auteur

Isabelle Lefort

PU, Université Lyon2, Laboratoire EVS (UMR5600)

Articles du même auteur

Haut de page

Traducteur

Rossella Reale

Università della Svizzera italiana

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Logo CNRS - Institut des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search