Navigation – Plan du site

AccueilNuméros7Editoriale

Editoriale

Hervé Théry
Cet article est une traduction de :
Éditorial [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
Editoral [ca]
Editorial [de]
Editorial [en]
Editorial [es]
Editorial [pt]

Texte intégral

  • 1 La classifica è stata organizzata dal gruppo svizzero New Open World Corporation (NOWC), i voti son (...)

1Pronunciare la parola “Brasile” evoca generalmente presso gli interlocutori europei, delle immagini che riguardano nella quasi totalità dei casi le principali attrazioni turistiche del paese: Brasilia, la foresta amazzonica, le cascate di Iguaçu o le chiese barocche di Salvador de Bahia. Il Cristo del Corcovado, forse l’icona più famosa, che domina la baia di Rio de Janeiro e il suo Pan di Zucchero, è stato eletto fra le “nuove sette meraviglie del mondo”1.

  • 2 http://www.unesco.org/new/pt/brasilia/culture/world-heritage/list-of-world-heritage-in-brazil/#c104 (...)

2Il Paese conta dodici siti culturali iscritti sulla lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO (fra cui Brasilia nel 1987) e sette siti naturali2.

3Ciononostante il paese non è una destinazione turistica internazionale. Secondo l’UNWTO nel 2012 si posizionava al trentottesimo posto nella classifica mondiale con 5,6 milioni di turisti (lo stesso anno la Francia, prima destinazione mondiale, ne accoglieva 83 milioni) e sempre al trentottesimo posto nella classifica dei ricavi, con 6,6 miliardi di dollari (in testa gli Stati Uniti con 128 miliardi). A scala mondiale si posiziona dunque, come del resto tutta l’America del Sud, ben lontano dietro ad Europa, Asia e Caraibi, poiché soffre della distanza dai grandi bacini emettitori, di una immagine caratterizzata da violenza endemica, che scoraggia i visitatori potenziali, per non parlare della concorrenza di altri paesi simili, affermazione particolarmente vera quando si pensa al settore balneare: una spiaggia tropicale brasiliana assomiglia molto ad una spiaggia tropicale tailandese o delle Antille.

4Questo non vuol dire però che il turismo non ricopra un ruolo importante nella strutturazione del paese, poiché fa perno su un mercato nazionale di 200 milioni di abitanti, il cui livello di vita e la cui spesa turistica hanno visto un notevole sviluppo negli ultimi decenni. Ciò ha consentito di costruire un settore turistico potente e ben strutturato, con tipologie ed in regioni diverse del paese. Il turismo balneare di massa è evidentemente dominante, ma altre forme sono ugualmente presenti: città storiche come Ouro Preto nello stato del Minas Gerais; i siti naturali come le distese di dune bianche dei Lençois maranhenses ; gli agriturismi come le sontuose fazendas di caffè del XIX secolo nella valle del Paraíba do Sul, fra Rio de Janeiro e San Paolo.

Foto 1 : Siti turistici brasiliani

Foto 1 : Siti turistici brasiliani

Dall’alto in basso e da sinistra a destra : la baia di Rio de Janeiro, Ouro Preto (Minas Gerais), le dune del Lençois maranhenses (Maranhão), una fazenda del XIX secolo nella valle del Paraíba (São Paulo).

Fotografie di Hervé Théry.

5In questo numero, due articoli analizzano innanzitutto la situazione del turismo in Brasile. L’articolo di testa mostra come il turismo interno sia molto attivo (59 milioni di turisti e 190 milioni di viaggi). Lo stesso può essere analizzato nel dettaglio grazie alle pubblicazioni ufficiali, disponibili online che mettono a disposizione grandi quantità di dati e da cui è possibile ricavare delle mappe che consentono di situare flussi e punti di forza.

6Anderson Pereira Portuguez e Vanda Aparecida da Silva Alves confermano il ruolo di questo turismo domestico all’interno del loro articolo intitolato “La crescita della classe media delle regioni interne del Brasile ed il suo impatto con il turismo interno”. Due fattori spiegano la recente crescita della classe media brasiliana nei territori interni nel corso del periodo compreso fra gli anni 1980 e 2000: una forte migrazione verso queste regioni alla ricerca di una migliore qualità della vita, in particolare nelle città di media grandezza, e la crescita dello strato “C” dei consumatori brasiliani, spesso definiti la “nuova classe media”.

7Gli articoli seguenti analizzano degli esempi di destinazione turistica, rappresentativi della diversità di situazioni in questo paese-continente.

8Carla Moura de Paulo e Neli Aparecida de Mello-Théry prendono in considerazione le “Politiche pubbliche, dinamiche territoriali, attori delle esperienze locali di turismo paesaggistico: l’esempio del Pantanal”, questa immensa zona umida (140.000 km2) che è uno dei paradisi dei bird watchers e di altri adepti del turismo naturalistico.

9Il loro obiettivo è quello di mettere in luce la relazione fra le trasformazioni avvenute nel Pantanal dopo la sua conversione in destinazione turistica e le azioni di politica pubblica che possono influire su questo processo. Il testo tratta dunque della politica del turismo, della sua organizzazione e della sua governance, della sua relazione con la politica ambientale ed analizza il ruolo di queste politiche nel Pantanal alle diverse scale.

10Marcos Tarlombani Silveira e Adyr Balestreri Rodrigues hanno scelto il caso di Florianópolis, capitale dello Stato di Santa Catarina, conosciuta come una città dal paesaggio senza pari dove la natura e l’urbanizzazione si intersecano armoniosamente e che trova nel turismo una delle maggiori fonti di reddito. Il loro articolo “L’urbanizzazione turistica in Brasile: il caso di Florianópolis” presenta le trasformazioni socio spaziali indotte dal turismo nella città, con particolare riferimento a quelle di derivazione diretta dallo sviluppo turistico.

11Maria Helena Lenzi, nella sua tesi “Tracce di assenze negli spazi: implicazioni e immagini della città nella pianificazione urbana di Florianópolis” sostiene come sia in una situazione in cui il turismo è in pratica una politica privata, che la nozione di sviluppo sostenibile è stata diffusa a Florianópolis. Questa scelta consolida una lettura egemonica del paesaggio, legittimata dagli organismi di pianificazione urbana e turistica che, utilizzando in modo retorico i concetti del discorso ambientalista e gli argomenti fondati sull’uso cosciente e “sostenibile” della natura (in nome delle generazioni future e della protezione della biosfera), favoriscono non solo la pubblicità della città ma anche delle strategie di gentrificazione e di espulsione dei poveri e di tutti coloro che non siano in linea con i parametri privati della “sostenibilità”.

12Con un registro differente, che completa la tipologia dei casi brasiliani, Diomira M.C.P. Faria, presenta i risultati di una “Ricerca sui visitatori dei musei d’arte – elementi per una gestione efficace”. L’articolo studia il turismo culturale concentrandosi sui visitatori dei musei d’arte attraverso una caratterizzazione socio-economica degli habitué del Museo di arte contemporanea d’Inhotim nel Minas Gerais, che raccoglie su una superficie di circa 100 ettari una collezione d’arte contemporanea ed un giardino botanico. Aperto alla fine del 2006, ha accolto oltre 250.000 visitatori nel 2011. Comparando questi risultati con quelli dei musei situati in diverse città spagnole, il testo offre delle informazioni utili per una gestione efficace delle imprese culturali in Brasile.

13La stessa autrice nel suo articolo “Da bacino minerario a bacino della cachaça: sviluppo e cultura nelle regioni minerarie”, traccia un parallelo fra il nord dello stato del Minas Gerais e la regione Nord-Pas de Calais. Queste regioni hanno entrambe conosciuto dei cicli di sviluppo economico fondato sullo sfruttamento minerario. L’esperienza francese potrebbe essere di aiuto per l’elaborazione di azioni di intervento pre e post sfruttamento minerario. È stato inoltre elaborato un piano regionale di sviluppo che consiste in una serie di proposte volte a minimizzare gli impatti negativi delle imprese minerarie, sfruttando le possibili sinergie fra il potenziale di produzione ed altre alternative esistenti. Fra queste figura la cachaça, una bevanda tipica brasiliana (analoga al rum agricolo delle Antille). Quella prodotta nel Minas Gerais è riconosciuta per essere di buona qualità e la sua produzione nella regione apre delle alternative economiche che possono influire su scelte diverse nella pianificazione territoriale e sostenere la promozione del turismo, aprendo possibilità di diversificazione economica ed inclusione sociale.

14L’ultimo articolo, “Paraty, punti di forza della localizzazione e della valorizzazione del patrimonio storico”, si concentra sulla città di Paraty, nello stato di Rio de Janeiro, uno dei siti turistici fra i più frequentati del Brasile, una delle prime venti destinazioni del paese e una delle prime cinque per numero di visitatori francesi e inglesi. Ciononostante il turismo non vi si è sviluppato se non negli ultimi cinquant’anni, con una recente crescita dovuta alla sua localizzazione eccezionale ed alle nuove strade che hanno consentito la riscoperta, la valorizzazione del suo patrimonio storico, ben conservato grazie al lungo periodo di isolamento.

15Questi casi, pur non coprendo la varietà di tipologie di turismo del Brasile, ne mostrano la diversità e ne identificano i potenziali economici, sociali e territoriali. Questi testi e queste immagini costituiscono un primo approccio ai potenziali, ai limiti, agli effetti di trascinamento ed ai conflitti che il, o meglio i, turismi brasiliani possono avere.

Haut de page

Notes

1 La classifica è stata organizzata dal gruppo svizzero New Open World Corporation (NOWC), i voti sono stati raccolti nel mondo intero via internet e tramite telefonate gratuite (in totale oltre 100 milioni di voti). I sette luoghi vincitori sono stati presentati al pubblico durante una cerimonia tenuta il 7 luglio 2007 a Lisbona. Il simbolo di Rio de Janeiro è così entrato a far parte della lista delle sette meraviglie del mondo con altri sei siti : la Grande Muraglia Cinese, la città ellenistica di Petra in Giordania, la città inca di Machu Picchu in Perù, la città maya Chichen Itza in messico, il Colosseo di Roma e il mausoleao del Taj Mahal in India.

2 http://www.unesco.org/new/pt/brasilia/culture/world-heritage/list-of-world-heritage-in-brazil/#c1048555

Haut de page

Table des illustrations

Titre Foto 1 : Siti turistici brasiliani
Légende Dall’alto in basso e da sinistra a destra : la baia di Rio de Janeiro, Ouro Preto (Minas Gerais), le dune del Lençois maranhenses (Maranhão), una fazenda del XIX secolo nella valle del Paraíba (São Paulo).
Crédits Fotografie di Hervé Théry.
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/665/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 66k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Hervé Théry, « Editoriale », Via [En ligne], 7 | 2015, mis en ligne le 01 juillet 2015, consulté le 29 juillet 2021. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/665 ; DOI : https://doi.org/10.4000/viatourism.665

Haut de page

Auteur

Hervé Théry

Creda, UMR7227 CNRS-Université Sorbonne Nouvelle - Professor visitante, Universidade de São Paulo (USP)

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Logo CNRS - Institut des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search