Navigation – Plan du site

AccueilNuméros19Quando il turismo rinnova le memo...

Quando il turismo rinnova le memorie: atti geopolitici e geopolitica in atti

Isabelle Lefort et Dominique Chevalier
Traduction de Fiorella Dallari
Cet article est une traduction de :
Quand le tourisme actualise les mémoires : des actes géopolitiques, des géopolitiques en actes [fr]
Autre(s) traduction(s) de cet article :
When tourism refreshes memories: geopolitical acts, geopolitics in action [en]

Résumé

L'articolo offre un'analisi del turismo della memoria in una prospettiva geopolitica. Un primo passo, dedicato all'invenzione e alla diffusione di questo turismo in diversi contesti, permette di interpretarlo come doppiamente geopolitico: sulla base delle memorie che mobilita e dei momenti storici che lo rendono (più o meno) credibile. Operatore di memorie, questo turismo è simmetricamente un agente di relazioni geopolitiche. Infine, l'analisi dei dispositivi e delle pratiche efficaci del turismo della memoria consente di discutere la ricezione dei messaggi veicolati dalle strutture dedicate.

Haut de page

Entrées d’index

Haut de page

Notes de la rédaction

Articolo peer-reviewed

Texte intégral

Condividere un momento indimenticabile con una famiglia uïgure significa essere invitati a trascorrere una serata in mezzo a loro e gustare piatti della tradizione in un ambiente amichevole. Felici di condividere il loro cibo e incontrare persone di un'altra cultura, gli Uïguri accolgono i viaggiatori a braccia aperte1.

1Nel mondo contemporaneo, il turismo è un fatto sociale totale, che mobilita, determina e fa circolare, in modo sistemico, flussi di persone e capitali ma, allo stesso modo, di immaginari ed esperienze (Boukhris e Chapuis, 2016). Tuttavia, questa combinazione economico-culturale è possibile solo attraverso la continua evoluzione di un'offerta, anch’essa correlata a condizioni geopolitiche. A livello internazionale, l'apertura di paesi chiusi da tempo - dall'immensa Cina alla piccola Cuba - di fatto ha ampliato le destinazioni offerte sul mercato, mentre l'UNESCO sta negoziando l'accettazione da parte dei suoi Stati membri di un marchio dei geosimboli dell'Umanità, attori dell'attrattività turistica. Sulla bilancia delle grandi regioni del mondo, per i colossi asiatici come per l'ex-blocco sovietico, la loro apertura ai mercati turistici globalizzati ha scosso le gerarchie ereditate dai bacini turistici. A livello nazionale dei vecchi paesi turistici, le sfide di attrattività accentuate da un contesto competitivo accresciuto (Sacareau, Taunay, Peyvel, 2015) portano gli attori del sistema turistico a declinare in modo sempre più attento le loro offerte.

2In questi ambiti multiscalari, le pratiche del turismo memoriale dei passati conflittuali (Hertzog, 2017; Chevalier, 2017) si sono diffuse sempre più. In combinazione con il grande processo di sviluppo del patrimonio (Lazzarotti, 2017), esse hanno anche acquisito così tanto peso nelle sfere politiche contemporanee che i vari attori (pubblici e privati) responsabili della strategia, gestione e attuazione del turismo, le mettono in essere, allo stesso modo come altre risorse territorializzate (Rieutort e Spindler, 2015). Questo passato, divenuto così risorsa turistica, presenta tuttavia una caratteristica geopolitica intrinseca: i momenti storici di cui è testimone (guerra, genocidio, sterminio, dittatura, decomposizione/ricomposizione territoriale) trasmettono (e continuano a trasmettere) valori ideologici e politici. La loro valorizzazione in campo turistico presuppone, quindi, una fase preliminare di pacificazione e negoziazione (Hourcade, 2015), attraverso il riconoscimento stesso dei fatti e di ciò che li ha motivati. La valorizzazione della «risorsa memoria» da parte del turismo omonimo è quindi fondamentalmente geopolitica, in quanto gli attori e i luoghi interessati partecipano a contesti in tensione ideologica.

3In questo modo, un siffatto tipo di offerta turistica costituisce un laboratorio privilegiato per analizzare la complessità dei rapporti tra Storia e Memoria (Dosse, 1998), sempre ideologicamente e geopoliticamente in tensione: attraverso la selezione dei luoghi e l'elaborazione di storie, si riflette lo stato delle loro tensioni, più o meno pacificate. Esponendo (o no) i ricordi, ne viene attestata la veridicità (o dimenticati i fatti). Il turismo della memoria2 è quindi doppiamente geopolitico3. Da un lato, rilevando che tali o altre memorie meritano di essere distinte, si contribuisce a stabilizzarle, a rendere accessibili e visitabili i luoghi “dove si sono svolti” e/o contribuisce alla creazione di nuovi luoghi commemorativi integrati fra le prime attrazioni del percorso turistico4. D'altra parte, la loro invenzione, come geosimbolo, si inserisce in momenti geopolitici segnati da desideri di pacificazione oscillanti tra costruzione pacifica (europea), riconoscimento (popoli indigeni, schiavisti del passato), rivolgimenti ideologici in atto (Russia, ex repubbliche sovietiche), l'emergere di una nuova situazione geo-economica (Vietnam, Cambogia) o problemi di potere (Cina).

4Un medesimo nome nel campo operativo dell'ingegneria turistica e dei dispositivi generici (memorie, itinerari, museografia immersiva spaziale, pratiche esperienziali) indica dunque questo turismo, declinato però in momenti e contesti geopolitici - guerra fredda, decolonizzazione, post-caduta... - molto diversi. Sono proprio questa coesistenza e compresenza di situazioni eterogenee che l'articolo analizza, riunendo un panel di offerte dei primi anni 2020, presenti sul mercato del turismo della memoria. Questi materiali empirici provenienti da campi di ricerca, da supporti promozionali per siti e da discorsi politici consentono analisi multiscalari, certamente non esaustive, ma sufficientemente caratterizzate da poter qui ipotizzare che siano analiticamente operative. La selezione dei casi studiati è quindi volutamente plurale. Essa esemplifica, al di là di epoche diverse, scale di intervento e strategie di comunicazione, una pluralità di obiettivi economici, territoriali e quindi politici, nella loro collocazione geopolitica, all'intersezione operativa della politica e della sua messa in atto nello spazio.

5Dopo aver messo in prospettiva le caratteristiche della sua invenzione (Hobsbawm e Ranger, 2006), affronteremo il turismo della memoria attraverso il prisma degli operatori e poi degli attori e dei loro effetti in termini di relazioni geopolitiche. In entrambi i due casi, essi agiscono nello spazio sociale e politico; gli operatori utilizzano lo spazio, le memorie e le loro risorse a seconda delle circostanze che si presentano, così come gli attori (memorie, manufatti, parole e fotografie pubblicate sui social network). In fine, l'analisi dei dispositivi e delle pratiche efficaci, alla scala finalizzata ai turisti, permette di verificare la loro accoglienza e le loro sfide. In definitiva, l'articolo mette in discussione l'efficacia/efficienza di tutta questa offerta che promuove pratiche di apprendimento in quanto costituiscono un mezzo per operare verso processi geopolitici di riconciliazione e pacificazione.

I. Invenzione ed estensione del turismo della memoria

6Il turismo della memoria, visto nelle sue dimensioni tanatopiche (Folio, 2016), non è nuovo; le rovine dei campi di battaglia (guerra di secessione degli Stati Uniti, campagna franco-prussiana del 1870, Grande Guerra) sono state già occasione di pellegrinaggi e visite turistiche. Tuttavia, il fenomeno è cresciuto rapidamente sulla scia degli anni '70, che hanno mobilitato e reso imperativo collettivamente il riconoscimento delle atrocità del regime nazista. Il contesto della “globalizzazione della memoria” (Rousso, 2007), aggrega sia regimi di storicità (Hartog, 2003), regimi di memoria (Michel, 2015) sia regimi spaziali (Chevalier, 2017) che non sono privi di ripercussioni geopolitiche. Se il termine può sembrare a prima vista scomodo, sembra tuttavia che questo turismo partecipi a una valutazione di queste memorie, e il termine "valorizzare" è qui inteso due volte: entrambi riconoscono e costruiscono il valore simbolico dei luoghi in cui "si sono verificati" e conferiscono loro un valore economico localizzato.

A. Dal dovere ricordare al turismo della memoria

7L'analisi di questo fenomeno si basa innanzitutto sul riconoscimento delle dimensioni spaziali della memoria, sviluppatosi inizialmente a partire dagli anni '70 nella letteratura anglofona, periodo in cui sono emersi i primi lavori che mettono in luce la specificità ideologica e tecnica del genocidio (in particolare quelli di Hannah Arendt, Raul Hilberg, Saul Friedländer, George Mosse, Ian Kershaw, Peter Novick, Tom Segev).

8Da quel momento, la memoria diviene un argomento/strumento quasi sempre inevitabile, messo in essere da vari gruppi sociali e attori politici. Il grande choc della Shoah (Lindenberg, Garapon e Padis, 2008) ne ha spinto altri, storicamente legati alla decolonizzazione, alla fine della guerra del Vietnam, ai conflitti in Medio Oriente, fatti e fenomeni che non sono privi di conseguenze per lo sviluppo turistico di questi luoghi.

  • 5 Dodici immobili sono ora classificati secondo questo criterio. Tra questi, sei corrispondono a un r (...)

9In questo contesto, la Convenzione UNESCO (1972) che promuove la creazione di una nuova scala del patrimonio mondiale, si impegna a classificare i luoghi di dolorose memorie secondo il criterio VI: “essere direttamente o materialmente associati ad eventi o tradizioni viventi, idee, credenze o opere artistiche e letterarie di eccezionale significato universale5. Le conseguenze sono molteplici, e in particolare l'UNESCO stabilisce una categorizzazione che distingue il "valore eccezionale" di alcuni luoghi della memoria (Auschwitz 1979, Gorée 1978, Hiroshima 1996). Tale patrimonializzazione è quindi da intendersi come un'azione volontaria tesa alla “trasformazione di un bene ordinario in bene distinto” (Bondaz et al., 2014, p. 11), in modo che i processi patrimoniali, così come i processi memoriali, fanno parte di una vasta rete di relazioni sociali, economiche, culturali e politiche (Berliner e Bortolotto, 2013; Guillaud et al., 2016).

10È dunque la dimensione universale che può così qualificarli doppiamente. Questa iniziativa (geopolitica) è servita successivamente da matrice per una moltitudine di altri luoghi della memoria che ne hanno ripreso il progetto educativo. Gli organismi internazionali - UNESCO (Cousin, 2008), OMT, EU - scommettono sulla missione educativa dei valori universali da trasmettere di generazione in generazione. In Europa occidentale si sta via via strutturando l'apertura di luoghi dedicati alle memorie dolorose: prima e poi, in modo più sistematico, il networking internazionale, basato su questo obiettivo (Hertzog, 2013; Lazzarotti e Violier, 2007).

11Nelle aree regionali ex colonie, le rivendicazioni postcoloniali portano anche al riconoscimento internazionale di tre tipologie di luoghi dove i ricordi sono dolorosi. Ma valorizzare il passato coloniale (architettura, urbanistica, attrezzature) per promuoverlo turisticamente rimane una pratica marginale nell'offerta di questi Stati, che generalmente preferiscono concentrarsi sulle proprie risorse paesaggistiche, ambientali o culturali locali (spiagge senegalesi Petite-Côte e Grande -Côte), marginalizzando luoghi drammatici del periodo coloniale, come il canale Pangalanes in Madagascar, la cui costruzione è costata la vita a migliaia di malgasci, che fatica a veder decollare la sua storia riconosciuta6 e il suo sviluppo turistico. L'invenzione e la promozione del turismo della memoria come offerta localizzata si inserisce quindi in un quadro in cui si negoziano interessi economici, politiche di sviluppo e attrattività territoriale.

B. Turismo della memoria: riciclo, propaganda e...rivendicazioni geopolitiche

  • 7 Téoros (2004) e Hérodote (2007) hanno dedicato un numero speciale a questo tema.

12La caduta del muro di Berlino e quella del blocco sovietico hanno fortemente trasformato le mappe del turismo internazionale: la loro “apertura” mette in moto nuove popolazioni, in partenza e in arrivo. L'attività turistica partecipa quindi attivamente a questa riconfigurazione geopolitica7. Allo stesso tempo, la necessità di aumentare il numero di offerte (a seconda dei segmenti di mercato emergenti o da riposizionare) genera un turismo di risorse in tutte le direzioni: da materiale a immateriale, da culturale a naturale. Questa espansione dell'offerta turistica è spinta sia dalla crescente globalizzazione che cerca di intensificare e rendere redditizi gli scambi (Équipe del MIT, 2005; Coëffé, Pébarthe e Violier, 2007) sia dalla sua simmetrica esigenza di affermazione delle singolarità, concepite come specifiche risorse territoriali ad alto valore aggiunto.

13A Est della vecchia Cortina di Ferro, si tratta di un accomodamento graduale ma complesso, perché segnato da continue tensioni geopolitiche. Durante il periodo del blocco, i paesi hanno organizzato il settore turistico (luoghi, alloggi, attività), mirando al benessere delle popolazioni (sport, viaggi aerei) e alla scoperta delle conquiste del regime (Kroni, 2016; Moroz, 2020). Si osserva ora un reinvestimento del patrimonio presovietico (edifici religiosi, eventi culturali) ma anche, più occasionalmente, una valorizzazione dei luoghi di internamento dei gulag. Il Ministero del Turismo della Jacuzia intende quindi promuovere tre ex campi di Gulag nella Siberia orientale (Dalstroi, Yanstroi e Senduchensky) come attrazioni turistiche8. L'interesse per questo arcipelago penale è evidente anche nella capitale moscovita, dove nel 2001 è stato inaugurato un museo della storia del Gulag (Chevalier, 2019). Al contrario, l'invasione russa in Ucraina ha innescato una "depatrimonializzazione": ridenominazione di strade e piazze, e distruzione della statuaria costruita a gloria del regime comunista. Molto rapidamente, il conflitto russo-ucraino e il risultato delle "leggi di de-sovietizzazione" sono stati rimossi dalle liste del patrimonio, che "portavano l'ideologia del regime comunista" (Moroz, 2020). Questi frammenti commemorativi un tempo venerati vengono raccolti nei parchi, come scorie ora fragili ... e diventano punti di riferimento turistici per "nostalgici", o coloro che lo sono meno. È il caso del Centro espositivo panrusso di Mosca, che copre 200 ettari di una collezione di statue e padiglioni decorati con affreschi in onore dei lavoratori e del potere sovietico, o del Memento Park di Budapest.

14Questo passaggio, riconosce (o no) come tali de luoghi della memoria costituisce il primo momento necessario per trasformarlo in una risorsa turistica. Tre modalità contribuiscono a questo. A livello statale, quando prevalgono un consenso ideologico e una strategia, la promozione dei momenti storici legate alle battaglie e alle loro vittime valorizza il regime in essere e ne mobilita esplicitamente le loro memorie; così, il complesso sotterraneo dei tunnel di Cu Chi, vicino a Ho Chi Minh City, è visitato ogni anno da circa venti milioni di visitatori di diverse nazionalità (Chevalier e Lefort, 2016).

15A contrario, in mancanza di un pensiero nazionale, sono i singoli attori che costruiscono l'offerta turistica. Nella lontana Kolyma, per permettere a visitatori e turisti di vivere il più possibile una “giornata tipica” di Ivan Denissovich9, Vladimir Svertelov, matricola M-1241, ogni settimana indossa una divisa da lavoro con il suo numero di matricola per recarsi al memoriale battezzato “La maschera dell'afflizione, inaugurata a Magadan nel 1996. Nel 1994 è stato fondato, qui, un museo privato dedicato ai gulag (...)”10. Questi memoriali turistici sono puntuali, per nulla integrati in una strategia turistica strutturata e promossi come tale, come testimonia l'offerta turistica intorno al lago Baikal11. Incentrata sulla "natura", essa ignora il vicino campo di internamento, rimasto così com'è, mentre a scala nazionale la Russia imposta una politica di sviluppo turistico completamente diverso12.

16Sotto forma di investimenti molto più grandi, gli operatori privati ​​stanno riciclando le infrastrutture ereditate dal periodo nazista. Così avviene a Prora sulle rive del Baltico. Il regime hitleriano vi aveva progettato nel 1936 una struttura turistica molto grande (enorme edificio lungo 4,5 chilometri sull'isola di Rügen), per ospitare 20.000 vacanzieri, sotto l'egida dell'organizzazione «Kraft durch Freude" (Forza nella gioia). Con la guerra questo villaggio di villeggiatura divenne ospedale militare, poi dopo il 1945 caserma per i soldati della DDR, prima di essere abbandonato con la riunificazione; tuttavia, è stato classificato come monumento storico nel 1994 (e visitato per la sua dimensione architettonica: 500.000 visitatori all'anno prima del periodo Covid). Un consorzio ha reinvestito in questa struttura per trasformarla in appartamenti di lusso per il turismo sulla costa baltica. Dal completamento della prima fase dell'operazione, una parte della popolazione locale ha espresso il desiderio di vedervi ospitato un memoriale13, deplorando che il capitalismo abbia, in una versione moderna, finalmente realizzato il progetto iniziale del nazionalsocialismo.

17Questi tre esempi esprimono chiaramente il rapporto essenziale tra riconoscimento delle memorie e notizie geopolitiche che può, a seconda dei casi, essere basato su una promozione ideologica nazionale, come in Vietnam (Peyvel, 2009), essere espresso in un fragile contesto geopolitico (Russia), o contribuire al riciclo economico dei luoghi, come nell'ex DDR.

C. Turismo della memoria: nello specchio delle situazioni geopolitiche

  • 14 Il caso di Oradour-sur-Glane è anche politicamente complesso (Fouché, 2011) perché fa parte di una (...)
  • 15 E oggi compaiono iscrizioni negazioniste, come quelle dipinte nell'agosto 2020 sul Centro della mem (...)

18Questo turismo si basa sul valore dei luoghi (Debarbieux, 1993; Gentelle, 1995; Piveteau, 1995; Grataloup, 1996; Équipe MIT, 2005). Ne aggiorna i ricordi durante la visita, li rende visibili, li mantiene vivi; ma sempre secondo le rappresentazioni presenti del passato che organizzano la storia. Così a Oradour-sur-Glane, all'inizio degli anni '70, le lapidi funerarie dichiaravano "assassinato dai Boches"14. All'inizio degli anni 2000, con la prospettiva della costruzione del Centro della Memoria, la scomparsa degli ultimi testimoni, e senza dubbio il contesto della costruzione dell'UE, iscrizioni più sobrie sono venute a sostituirle come se memorie e insegne si fossero adeguato alle nuove prospettive15.

19Questo turismo funziona quindi come un operatore di ricordi. Sfruttando luoghi dedicati al turismo, gli attori che guidano, così come i visitatori che li frequentano, contribuiscono di concerto a realizzarli, nel senso che li rendono reali, e rendono l'esperienza - la prova - non solo possibile ma soprattutto desiderabile per la loro dimensione educativa (Gensburger e Lefranc, 2017). Nel 2018, in questa prospettiva di pedagogia orientata all'azione (Lebrun e Tutiaux-Guillon, 2016), al culmine delle commemorazioni del centenario della Grande Guerra, gli insegnanti di storia e geografia hanno deciso di portare la loro classe delle superiori (ragazzi e ragazze) a dormire nelle trincee in modo che potessero provare e conoscere le condizioni di vita dei soldati16. Questa esperienza poteva benissimo essere offerta ai turisti, in quanto queste due figure (scuola/turista) sono simili: entrambe seguono “guide” coinvolte in un desiderio e una voglia di trasmettere conoscenze in cui si mescolano piacere e innovazioni educative e didattica, e istruzione. Nei conti delle aziende turistiche, gli scolari sono dei "turisti" ...

20Se le ragioni degli esempi citati differiscono, queste operazioni commemorative delineano comunque una traiettoria geopolitica comune in tre fasi. Riconoscere i luoghi come luoghi “superiori” perché lì si sono verificati eventi e perché gli attori ritengono necessario farli conoscere (gulag), riconoscersi collettivamente come parti interessate in questi eventi (americani e vietnamiti del Vietnam e della diaspora visitano insieme i tunnel e ascoltano lo stesso discorso recitato dalle guide), riconoscersi nella condivisione dei ricordi (percorsi culturali UE).

21Queste fasi sono inseparabili dai loro contesti politici e geopolitici; e, analogamente, anche le narrazioni, gli arrangiamenti e anche i tentativi/tentazioni di strumentalizzare o cancellare luoghi della memoria.

II. Turismo: operatore politico della memoria e attore delle relazioni geopolitiche

22Per accogliere i visitatori e fornire loro materiali e reperti storici che testimoniano quanto accaduto, prevale il principio del memoriale e/o del centro di interpretazione. L'esempio di Oradour-sur-Glane dove furono classificate le rovine del villaggio nell'immediato dopoguerra, nel 1946, è eloquente al riguardo, come testimonia il sito web del museo: “Il tempo fa la sua opera di dissoluzione, le rovine da sole presto non sarebbero più sufficienti a perpetuare un messaggio di memoria e pace. Era giunto il momento di fissare questa caratteristica memoria creando un cosiddetto centro di interpretazione (inaugurato il 16 luglio 1999), non presentando né oggetti né collezioni, ma consentendo al visitatore di compiere un viaggio esplicito, storico e didattico attraverso il percorso della mostra permanente, completando l'insostituibile aspetto emotivo e commemorativo del villaggio martire conservato. Il centro della memoria costituisce l'accesso alle rovine del villaggio martire”. Comunque, altri villaggi martiri, come Dortan nell'Ain, rimangono nell'ombra.

A. Riconoscere i ricordi: un processo ancora in tensione

  • 17 Ma questo non significa che quei ricordi siano per sempre. Se un gruppo dominato entra nello spazio (...)

23La costruzione di questi memoriali/centri visitatori non manca di rivelare tensioni ideologiche e politiche, anche concorsi memoriali che possono lasciare nell'ombra o mantenere invisibili altri ricordi17. La Maison des Enfants d'Uzieu rimane storicamente riconosciuta come il luogo dove, nelle prime ore del mattino del 6 aprile 1944, 44 bambini e 7 educatori, presenti in quel momento, furono rastrellati e deportati per ordine di Klaus Barbie. La Maison rimase nell'oblio fino al processo Barbie del 1987, che rese poi definitivamente visibile il rastrellamento di Izieu nel panorama commemorativo francese. Inaugurato il 24 aprile 1994, è oggi il terzo luogo della “Memoria nazionale delle vittime di persecuzioni razziste e antisemite e dei crimini contro l'umanità” riconosciuto con decreto, insieme al Vélodrome d'Hiver e Camp de Gurs. Se le commemorazioni sono organizzate intorno alla memoria dei bambini rastrellati e deportati, nessuno (o molto raramente) evoca i 70 bambini salvati dalla colonia, in quanto assenti il ​​giorno del rastrellamento.

  • 18 La resistenza sull'Altopiano fu iniziata da tre pastori, Charles Guillon, André Trocmé ed Edouard T (...)
  • 19 "L'altro aspetto che provoca la rabbia dei comuni limitrofi è proprio l'attrazione turistica rappre (...)

24Al contrario, il villaggio di Chambon-sur-Lignon (Alta Loira) rimane famoso solo per il salvataggio degli ebrei. Nel 1990 inoltre, il Memoriale di Yad Vashem gli ha conferito, a nome dello Stato di Israele, il titolo di “Giusto tra le nazioni” (Gensburger, 2010). La storia ha aperto così le sue porte nel comune (Cabanel, Joutard, Sémelin e Wieviorka, 2013). Tuttavia, questa appropriazione politica commemorativa dà origine ad alcuni conflitti e controversie18 con i comuni limitrofi. Lo testimoniano le reazioni alla posa di un pannello turistico nell'agosto 2017 sulla RN88 dal municipio che ricorda il salvataggio di più di 3.000 ebrei durante la guerra (Documento 1). Alcuni ritengono che gli attori pubblici di Chambon cerchino in modo gravemente scorretto di appropriarsi delle azioni eroiche dei loro anziani e di approfittarne, soprattutto per scopi turistici19.

B. Memorie tra destabilizzazione e stabilizzazione permanentemente politiche

  • 20 Significative sono le reazioni pubblicate per criticare il rapporto presentato da Benjamin Stora al (...)

25Alcuni fatti storici rimangono al centro dei memoriali20, come attesta il Museo di Storia di Francia e Algeria, che alla fine non ha aperto i battenti nel 2015 come previsto. La struttura in muratura era comunque finita, le finestre acquistate, 3000 pezzi assemblati, aggiustati i prestiti con il Museo Quai Branly e il MuCEM, la mostra permanente in fase di sviluppo e la prima mostra temporanea “Algeria e Francia allo specchio della Grande Guerra” sponsorizzata dalla Missione del Centenario... poi nulla.

  • 21 Le Monde, 29 mai 2014
  • 22 Marc Ferro, Benjamin Stora, Jean-Robert Henry e Sylvie Thénault, in particolare, deplorano il tripl (...)

26Inizialmente, il progetto doveva essere quello di un Museo del lavoro francese in Algeria, portato nel 2002 dal sindaco e presidente della comunità dell'agglomerato, G. Frêche, che mostrava piuttosto l'obiettivo di manifestare l'influenza 'positiva' della Francia in Algeria, mettendo in luce la memoria univoca dei rimpatriati. Dopo la sua morte nel 2010, il suo successore, J.-P. Moure, ha scelto di riorientare la prospettiva museografica ribattezzando il museo "Storia di Francia e Algeria" (Henry, 2018). L'azienda era a buon punto quando Ph. Saurel, appena eletto sindaco (DVG) della città, comunicò la sua ritrattazione alla stampa locale il 14 maggio 2014 e dichiarò di preferire “un centro d'arte contemporanea in grado di attirare 800.000 visitatori all'anno [piuttosto che un museo algerino che avrà cinque visitatori al giorno]21. Nei giorni seguenti, il Consiglio Scientifico del Museo ha redatto una petizione sotto forma di lettera aperta al consigliere comunale di Montpellier, firmata da più di mille persone22.

27Questo esempio mostra come le scale locali e nazionali interferiscono e riafferma la dimensione (geo)politica dei musei come parti principali di un sistema turistico. Poiché costruire collezioni per aprire un museo significa sempre fare riferimento a collettivi (Micoud, 1996), un museo della memoria non può che rivelare le tensioni/conflitti politici e geopolitici in sospeso. La promozione del turismo della memoria opera quindi sempre in tensione tra i ricordi divenuti comprensibili collettivamente e quelli che lo sono meno o (ancora) no. Il marketing turistico seleziona i ricordi e li sincronizza con i suoi eventi attuali: funziona come un potente produttore e trasmettitore di memoria.

  • 23 Relazione del Comitato di Riflessioni e Proposte sulla Tratta dei Neri a Bordeaux.

28Mentre a Nantes è entrata nell'offerta della metropoli una nuova visita al “Quartiere del commercio nell'era della schiavitù”, a Bordeaux il riconoscimento della tratta degli schiavi è più difficile. Sotto il continuo impulso dell'Associazione guidata da Karfa Dialo, una risposta è stata finalmente data dal Museo dell'Aquitania, che gli dedica oggi quattro sale, più una targa commemorativa sulle banchine. Ma non è stato possibile installare né un memoriale nello spazio pubblico di Bordeaux né un itinerario commemorativo. Il Rapporto del Comitato di Riflessioni e Proposte sulla tratta dei neri a Bordeaux sottolinea che “Bordeaux è una città con una vocazione chiaramente internazionale, con al suo interno significative minoranze africane e delle Indie Occidentali. Questa vocazione la designa a costituire il nodo di tutte le iniziative commemorative presenti o future sulla costa atlantica, da Liverpool (il più grande porto di schiavi) a Lisbona passando per Bristol (città gemella di Bordeaux) e i porti francesi. Nantes ha intrapreso un'opera di ricordo più di dieci anni fa sul suo passato di tratta degli schiavi attraverso l'appoggio di un'associazione (Les Anneaux de la Mémoire) e di un funzionario eletto (Maître Chotard), vicesindaco. Il sindaco di La Rochelle ha espresso la volontà di agire in consultazione con altre città. È in contatto con un'associazione di nuova costituzione che si propone di lavorare nella stessa prospettiva: attivare la memoria. Bordeaux potrebbe essere il punto focale per mettere in comune, e quindi fare rete, tutto ciò che si fa o si sta progettando in questo ambito23. In definitiva, il comune di Bordeaux preferisce pilotare una rete internazionale europea, dove le responsabilità sono condivise geograficamente e nazionalmente, piuttosto che istituire, nel proprio spazio pubblico, un riconoscimento chiaramente identificabile del commercio triangolare. Come osserva Renaud Hourcade (2015), a differenza dell'esempio di Nantes, nessun gerente politico e amministrativo di Bordeaux ha fatto della memoria della schiavitù la propria "causa" politica. La questione, trattata con sospetto, è rimasta un ostacolo all'immagine della città.

29La realizzazione del turismo della memoria è necessariamente subordinata alla sua ammissibilità, da parte degli attori interessati, del riconoscimento del passato e secondo gradienti i cui adeguamenti geopolitici operano storicamente con un ampio raggio di curvatura. Ma la resistenza locale rimane! Così Vichy (Haas, 2002) che è stata, dal 1940 al 1944, la capitale dello stato francese. Nel 1992, in occasione del 50° anniversario dei grandi rastrellamenti, Serge Klarsfeld e alcuni amici vi si trasferirono con la ferma intenzione di apporre due targhe in cima alle scale che conducono al portone d'ingresso dell'edificio corrispondente al vecchio Hotel. du Parc , che ospitò il cuore dell'amministrazione francese durante l'Occupazione e gli appartamenti privati ​​di Pétain. Ci volle un anno per raggiungere un compromesso con il municipio e per l'inaugurazione ufficiale della stele, proprio di fronte all'edificio. A Vichy, questo piccolo memoriale è inoltre una delle rarissime evocazioni del “passato che non passa” (Conan & Rousso, 1994): solo una visita tematica è stata recentemente offerta dall'Ufficio del Turismo. Se, a prima vista, le architetture del Secondo Impero e della Belle Epoque sembrano aver facilitato il soffocamento della memoria di questo momento storico e nutrito l'immagine turistica delle terme, Audrey Mallet (2019) mostra quanto la realtà si riveli essere più complessa. Certo, Vichy rimane un'anomalia nel panorama commemorativo francese della seconda guerra mondiale. Tuttavia, contrariamente a quanto avrebbero voluto i successivi attori pubblici, l'invisibilità della guerra non ha sepolto definitivamente la memoria dello Stato francese. L'autore di "Vichy contro Vichy. Una capitale senza memoria" ha creato l'applicazione "Vichy 1939-1945"24 che consente di effettuare una visita guidata di Vichy durante gli anni della guerra in completa autonomia.

C. Il turismo della memoria: un agente di relazioni geopolitiche

  • 25 Turismo culturale e consapevolezza dell'Europa. La consapevolezza collettiva degli hotspot cultural (...)
  • 26 Documento ICCE (97) 11t - Atti del seminario sugli itinerari culturali, "Questioni di cittadinanza (...)
  • 27 Estratto della risoluzione CM/Res (2013) 66 che conferma l'istituzione dell'Accordo Parziale Allarg (...)

30Il territorio europeo costituisce un laboratorio d'elezione per l'analisi dei rapporti memoriali tra gli Stati. In Europa occidentale è emersa negli anni '60 la necessità di una “consapevolezza collettiva delle eccellenze culturali europee e della loro incorporazione nella civiltà del tempo libero”25. La riunificazione tedesca e poi l'integrazione nell'UE degli ex stati socialisti ha messo in moto, in questo nuovo contesto geopolitico, meccanismi più strutturali che attuano un'opera di pacificazione delle memorie attraverso la cura culturale. Gli Itinerari Culturali ne costituiscono un elemento importante dal 1987 (Guérin, 2008): “questo 'sistema' di itinerari culturali può essere utile per 'riparare' le crepe esistenti nella costruzione europea. Può essere paragonato a una tela dove la trama e i fili sono forniti. dalle istituzioni, dai governi, dalle grandi decisioni politiche e sta a noi cittadini ricamare, spetta a noi, poi, realizzare l'opera più bella26. Questi percorsi sono un mezzo politico per l'UE per realizzare la transizione da un'entità europea a un'identità europea (Berti et al., 2015), in particolare dopo l'allargamento ai paesi dell'Europa centrale ex-socialista: questo “progetto di cooperazione educativa, patrimoniale e turistica è volto a sviluppare e promuovere un itinerario o una serie di itinerari basati su un percorso storico, un concetto, una persona o un fenomeno culturale di dimensione transnazionale avente un'importanza per la comprensione e il rispetto dei comuni valori europei27. Tra le più recenti, la Strada della Cortina di Ferro (2019) e la Strada della Liberazione dell'Europa (2019) i cui due paesi membri più orientali sono la Germania e la Repubblica Ceca, come lo stesso Atrium.

31I loro obiettivi? Promuovere, attraverso i viaggi e il turismo, una pedagogia collettiva e un'appropriazione da parte dei cittadini europei di una storia sviluppata per essere comune, portatrice di una storia diversa dalle narrazioni storiche nazionali. La loro attuazione è chiaramente geopolitica interna, sotto forma di "utopia" europea (Gaillard, 2017), come possibile nuova realtà (Ricoeur, 1997): “In questo senso, possiamo dire che questi attori e i progetti, che portano avanti e che difendono, rendono l'Europa sensibile perché a misura d'uomo, così come la rendono comunicabile nel senso di comunicazione come messa in comune, come partecipazione, come comunione” (Gaillard, 2017).

III. Dispositivi e narrazioni: quando la geopolitica orchestra il turismo della memoria

  • 28 Il massacro di Nanchino fa parte del doloroso passato della Cina, perpetrato dall'esercito giappone (...)
  • 29 Costruito in memoria di tutte le vittime degli attentati dell'11 settembre 2001, quelle delle due t (...)
  • 30 Il genocidio dei Tutsi in Ruanda si svolse dal 7 aprile 1994 al 17 luglio 1994.

32I sistemi turistici della memoria si trovano di fronte a una sfida di difficile soluzione: come organizzare, organizzare - a volte risparmiando - il passato, per immaginare il mondo contemporaneo e futuro? I memoriali della Shoah sono riferimenti imprescindibili in questo ambito: il Nanking Massacre Memorial28, il September 11 Memorial a New York29, il Kigali Genocide Memorial30 e molti altri, allo stesso modo, raccolgono testimonianze, filmati, fotografie, i nomi delle vittime scritti sui muri, opere d'arte nei musei e nei giardini eventualmente annessi, nonché uno spazio di riflessione per pensare ed eventualmente proiettarsi, prima di lasciare i locali. Una mostra organizza oggetti con l'intenzione (costitutiva) di renderli accessibili al suo pubblico (Davallon, 1999). Le somiglianze dei dispositivi commemorativi osservabili dagli anni Novanta sono caratterizzate dalla ricorrenza degli stessi principi scenografici che li presiedono e mirano a identici obiettivi: che ogni visitatore, peraltro portatore della propria storia, può dopo il suo passaggio, testimoniare.

A. Dispositivi esperienziali ed esperienze contrastanti

  • 31 Sobibor, uno dei tre campi di "l’operazione Reinhardt" costruiti nel 1942, era stato creato con cam (...)
  • 32 Questo campo aveva vissuto una rivolta di prigionieri nell'ottobre 1943 in cui dozzine di ebrei riu (...)

33Così il museo Sobibor31, che è stato inaugurato nell'ottobre 2020. Adornato con linee di legno spezzate a simboleggiare la rampa della ferrovia che portava al campo, il centro visitatori e il museo sono stati costruiti proprio sul luogo della caserma dove i prigionieri avrebbero dovuto togliersi i vestiti, prima di andare alle camere a gas. All'interno, un tour cronologico e tematico racconta la storia del centro di sterminio e dell'Olocausto nella Polonia occupata dai nazisti. L'esterno permette di entrare nella struttura attraverso finestre orizzontali, consentendo di abbracciare il punto preciso in cui i prigionieri uccisero gli ufficiali delle SS all'inizio della rivolta32. Un modello, il più fedele possibile, ricostruisce l'intero campo. La mostra riunisce 700 oggetti - praticamente tutti rinvenuti durante gli scavi effettuati nel sito a partire dal 2000 - presentati su un tavolo lungo 25 metri per ripercorrere le tappe della vita delle vittime, dalla libertà alla morte. Queste piccole cose intime - gioielli, medicine, vestiti, etichette, articoli da toeletta - sono tutto ciò che rimane dei deportati.

34I progettisti delle mostre elaborano strategie narrative ricorrenti: le collezioni e gli archivi sono esposti con particolare cura museografica incentrata sulla narrativa (origine delle vittime, cronologia degli eventi), sulla loro carica emotiva e sulla trasmissione dei valori umani e d’umanità. I dispositivi testimoniano, esibendo prove, e prevedono un'accoglienza individuale tale da garantire il passaggio del testimone. Le virtù educative e pedagogiche attese sono primordiali e plurali: favorire l'identificazione con le vittime, provocare emozioni mai provate per questi ricordi, rafforzare i messaggi. Visitare e conoscere questi luoghi e queste stanze come baluardo contro altre barbarie. Al Nanjing Massacre Memorial, è stato anche progettato specificamente un dispositivo per "mettere i tuoi passi" in un percorso di calchi delle impronte dei sopravvissuti al massacro. Durante questa "passeggiata della memoria", i visitatori si applicano così a posare, più o meno delicatamente, i piedi nelle varie tracce poste a terra (Chevalier, 2018).

  • 33 Troviamo questa dinamica nel lavoro sulle visite di Ground Zero (cfr. su questo punto Joy Sather-Wa (...)
  • 34 Ricorrenza di questa frase nei libri degli ospiti dei musei delle memorie dolorose, sistematicament (...)

35Questo mettersi nei corpi delle vittime e essere un tutt’uno, è ciò che molti visitatori dicono di cercare qui, in modo tangibile, materiale e concreto, a cui fino ad allora si avvicinavano solo con il modo (e la voce) dei media, dei libri e dei manuali di storia33: “bisogna venire qui per rendersene conto davvero” è una frase ricorrente nei libri degli ospiti34.

36Ma alcuni non si conformano al prisma normativo implicito e atteso del rispetto per questi luoghi paradigmatici (Knafou, 2012). Così, che dire di quei visitatori del campo di Buchenwald, che, frustrati per non poter andare a sciare liberamente, il 15 gennaio 2021 si sono recati espressamente sul loro slittino sopra i tumuli delle fosse comuni35? Già nel marzo 2019, il museo di Auschwitz-Birkenau aveva pubblicato un messaggio su Twitter. “Quando vieni ad Auschwitz, ricorda che sei in un luogo in cui sono state uccise un milione di persone. Rispetta la loro memoria. Ci sono posti migliori per imparare a camminare sui binari rispetto al sito che simboleggia la deportazione di centinaia di migliaia di persone verso la morte” (Documento 2). La messa in scena di se stessi nelle foto ricordo è una pratica ben nota e antichissima nelle pratiche turistiche, ma qui assume un tono diverso e controverso (Chevalier e Lefort, 2016). A Berlino, il Memoriale degli Ebrei assassinati d'Europa è molto popolare fra gli amanti dei selfie. L'artista tedesco Shahak Shapira mette in un baratro etico e culturale queste pratiche con il suo progetto Yolocaust (Chevalier, 2021): ha scattato una serie di selfie e fotografie pubblicate sui social media e li ha rielaborati per includerli nelle foto d'archivio dei cadaveri dei deportati. Poi, a sua volta, ha (ri)caricato queste immagini, denunciando così artisticamente questa conflagrazione e dissonanza di ricordi e ricordi.

Documento 2: Tweet del Museo d’Auschwitz-Birkenau. 20 marzo 2019

Documento 2: Tweet del Museo d’Auschwitz-Birkenau. 20 marzo 2019

B. Trasformare il turismo della memoria esperienziale in turismo del cambiamento e sognare una geopolitica pacifica?

  • 36 Vedi le ricerche di Bernard-Donals M. (2005) ; Feldman J. (2010) ; Jonchery A. et Biraud S. (2016) (...)

37Cosa cercano i turisti in questi luoghi? Un’esperienza? Una testimonianza? Una lezione di vita? Un desiderio di poter costruire qualcosa in comune? Soddisfare una curiosità? Indubbiamente un mix complesso e molto intimo di queste diverse motivazioni36, tanto più che queste visite fanno parte di aree di offerta dove la pluralità è la regola: in Polonia i biglietti cumulativi consentono di visitare Cracovia, Auschwitz e la miniera di sale "Wieliczka"; in Ruanda, i tour combinano Volcanoes Park, Akagera Park e il Kigali Genocide Memorial; a Gorée si visitano la Casa degli Schiavi ma anche i suoi dintorni (edifici coloniali) e si acquista prodotti artigianali; a Besançon, la Cittadella è visitabile con un biglietto combinato per lo zoo e il Museo della Resistenza. Il turismo della memoria è solo un frammento degli itinerari turistici.

38Per alcuni luoghi, viene espressa la motivazione. È il caso dei turisti afroamericani della diaspora africana che vengono a visitare l'isola di Gorée e la Maison des Esclaves (il museo più frequentato del Senegal). I loro viaggi assumono una dimensione di pellegrinaggio, anche di “cammino iniziatico” (Fourcade, 2010). Il ritorno a una "terra d'origine" suscita forti emozioni (Documento 3) che scaturiscono da una ricerca di identità (Bachimon, Decroly e Knafou, 2016). In questi luoghi, e attraverso essi, si riproducono costruzioni identitarie legate alla razza del passato (Fouéré, 2020). A proposito di Gorée, A. Gaye ha mostrato (2020) come, al di là della schiavitù e della conquista coloniale, la Casa degli Schiavi si svolge all'interno di una rete geopolitica dove Europa, America e Africa possono contribuire alla denuncia della schiavitù e della tratta degli schiavi come crimini contro l'umanità.

Documento 3: Scritte sul libro degli ospiti di House of Slaves. Gorée. Febbraio 2017

Documento 3: Scritte sul libro degli ospiti di House of Slaves. Gorée. Febbraio 2017

Foto: D. Chevalier

Documento 4: La Casa degli Schiavi con la sua famosa scala a doppia chiocciola. Sotto, la porta del Viaggio del Non Ritorno. “La” foto ricordo più frequente scattata dai turisti. Febbraio 2017

Documento 4: La Casa degli Schiavi con la sua famosa scala a doppia chiocciola. Sotto, la porta del Viaggio del Non Ritorno. “La” foto ricordo più frequente scattata dai turisti. Febbraio 2017

Foto: D. Chevalier

  • 37 Su questa «Porte du Voyage », punto caldo simbolico e polemica storiografica, vedi Aliou Gaye (2020 (...)

39Aperta sul mare, nelle mura della schiavitù fu scavato un passaggio: la Porta del Viaggio del Non Ritorno, attraverso la quale gli schiavi partivano per le Americhe (Documento 4). È proprio a questa Porta, luogo di concentrazione (Debarbieux, 1995) della memoria della schiavitù37 che, il 22 febbraio 1992, Papa Giovanni Paolo II chiese perdono all'Africa (“Noi imploriamo perdono dal cielo”) perché molti sacerdoti benedirono le navi negriere prima della partenza. C'è una lunga lista di personaggi politici che si sono recati in questo sito, riconoscendo così il suo valore simbolico, perché unisce come significa la parola stessa.

  • 38 Si tratta di come viene riprodotto il passato. La rievocazione procede da un dialogo passato/presen (...)

40La ricorrenza di scenografie e museografie si collega all’immagine dei mantra pacifisti (“mai più”), almeno nei luoghi in cui si è stabilizzata una convergenza della memoria (Gensburger e Lefranc, 2017). Essi si basano sul principio della rievocazione38: che questa visita memorabile dia inizio, instilli, rafforzi il valore dei messaggi e dell’estetica (xαλόςκαιαγαθος) dei dispositivi. Strategica è la costruzione dell’estetica, in entrambe le accezioni del termine: estetica come modalità percettiva e immediata dell'essere nel luogo (lontano dalla scuola storica o dai discorsi mediatici); e anche l'estetica come traduzione artistica dello spirito di questi luoghi (architettura, statuaria, paesaggistica). Ma, dalla costruzione dell’estetica alla cosmesi delle emozioni (presentazioni attente, materiali ben ordinati, e quindi... ordinamento delle storie), è stretta la linea di confine che potrebbe separare da una formula emozionale di "parco a tema". I dispositivi di visualizzazione quasi intercambiabili, a prescindere dai fatti citati, danno "ossa da mangiare" a un pubblico che magari ama i brividi, a rischio di standardizzare le emozioni.

C. Visite che si intersecano con progetti politici

  • 39 Vedi gli incidenti durante la conferenza internazionale del 21 e 22 febbraio 2019 all'EHESS: "La nu (...)
  • 40 Tra il 2000 e il 2011, le opere dello storico americano di origine polacca Jan Tomasz Gross, cioè L (...)
  • 41 Il sito registra visite sempre crescenti: nel 2019, 2,32 milioni di visitatori, ovvero quasi 170.00 (...)

41In Polonia e Ungheria, il lavoro di riconciliazione che ha garantito la ricerca storica dall'apertura democratica post-1989 è ora minacciato (Potel, 2016; Behr, 2018) dal governo polacco guidato dal partito nazionalista ultraconservatore “Diritto e Giustizia” di J. Kaczynski, che si è impegnato in questa fase temporale a riscrivere la loro storia (Behr, 2015). Questa nuova "politica storica" ​​mira a minimizzare, se non a negare, la partecipazione delle popolazioni polacche alla caccia e all'uccisione degli ebrei di Polonia39. Questo discorso ferocemente nazionalista rompe con lo sviluppo che, negli ultimi quindici anni, aveva portato i polacchi ad affrontare la lunga e complessa storia degli ebrei di Polonia (Gross, 2002; 2010)40, come resta, però, raccontata nel Museo POLIN di Varsavia, inaugurato nel 2013 (Documento 5). La tesi principale del museo non lascia dubbi: la Polonia non sarebbe la stessa senza gli ebrei, e gli ebrei non sarebbero gli stessi senza la Polonia. Una visita al museo è ormai d'obbligo nei “tour della memoria” e B. Kirsenblatt-Gimblett, capo curatore della mostra permanente, evoca, in un'intervista che ha rilasciato a Paul Gradvohl nel 2018, il caso dei turisti israeliani che iniziano ad associarsi la visita ad Auschwitz-Birkenau41 con visita al museo POLIN.

Documento 5 : Varsavia. Museo POLIN (architetti Rainer Mahlamäki, Ilmari Lahdelma, 2013)

Documento 5 : Varsavia. Museo POLIN (architetti Rainer Mahlamäki, Ilmari Lahdelma, 2013)

In primo piano il Monumento agli Eroi del Ghetto (Nathan Rapoport, 1948). 3 dicembre 2018

Foto: D. Chevalier

42In una logica nazionalista comparabile, nel 2014 a Budapest è stato eretto un nuovo memoriale, scolpito da Peter Raab Parkanyi. Presenta un'aquila di bronzo che spiega un'ala minacciosa sull'Arcangelo Gabriele, simbolo dell'Ungheria innocente. Questa statua allegorica eretta in Piazza della Libertà, una delle principali piazze di Budapest, presenta il paese come una vittima del Terzo Reich. I suoi detrattori lo definiscono un "revisionista" perché ignora le responsabilità del regime di Horthy nella deportazione degli ebrei dall'Ungheria. Se la posta in gioco di questa costruzione non è ovviamente il turismo, il contro-memoriale eretto da un collettivo di abitanti e storici in reazione a questo controverso monumento è diventato quasi inevitabile per i turisti che visitano la capitale ungherese. Candele, fotografie, oggetti personali appartenuti ai deportati sono in mostra, sia per protesta che per commemorazione. Questo spazio simbolico funge anche da luogo di espressione cittadina: vi si organizzano regolarmente dibattiti e incontri e i turisti vengono ad osservare, per scelta o per caso, gli oggetti e i manifesti esposti.

43Altri memoriali eretti in città a cavallo degli anni 2000 ricordano i rastrellamenti che portarono uomini, donne e bambini, nel cuore dell'inverno, sulle rive del Danubio. È il caso in particolare di Scarpe sulla Riva del Danubio (Shoes on the Danube Bank), opera di Gyula Pauer e Can Togay (2005), che evoca le sparatorie commesse su queste sponde (Documento 6). La “Passeggiata delle scarpe sul Danubio” è una tappa consigliata dalle guide turistiche. Queste scarpe di tutte le taglie ricordano che qui, spogliati dei loro vestiti e delle loro scarpe, con una temperatura che sfiorava i meno 20°, uomini, donne e bambini venivano messi in fila, verso il fiume, prima di essere fucilati. Tuttavia, queste Scarpe sulla Riva del Danubio non consentono ai turisti di identificare con precisione le vittime commemorate: le targhe in ghisa disposte in tre punti non menzionano che fossero ebrei, anche se proprio per questo furono assassinati: “Nel ricordo delle vittime uccise nel Danubio dai miliziani del Partito delle Croci Frecciate nel 1944-1945. Eretto il 16 aprile 2005”.

Documento 6: Budapest. Scarpe sul Danubio. Opera di Can Togay e Gyula (2005). Bronzo di scarpe da uomo, donna e bambino disposte per cinquanta metri. Febbraio 2017

Documento 6: Budapest. Scarpe sul Danubio. Opera di Can Togay e Gyula (2005). Bronzo di scarpe da uomo, donna e bambino disposte per cinquanta metri. Febbraio 2017

Foto: D. Chevalier

Conclusione

44Le ricerche testimoniano che alla fine le azioni e i contesti permettono alle pratiche turistiche di aggiornare le memorie: quelle degli attori locali, dei governi, degli organismi internazionali e dei turisti stessi. Si sviluppano e si recitano storie collettive sulla scena turistica globalizzata, la cui stabilità non è mai garantita. Di conseguenza, questo turismo è ben lontano dal presentarsi come un teatro universale delle memorie: la sua cartografia (luoghi/territori) e la sua topologia (luoghi/reti) sono correlate a contesti geopolitici e ideologici, commoventi e conflittuali perché storici. Allo stesso tempo, fare affidamento su una trasmissione individuale dei valori umani attraverso l'immediatezza estetica e sensibile di un rapporto personale con eventi politici collettivi non garantisce in alcun modo un'adeguata ricezione del messaggio. Lo testimonia il presente, quando il turismo nazionale e internazionale preme in Cina nonostante le campagne internazionali di denuncia della persecuzione degli Uïguri o quando una ONG ha denunciato i safari umani nel sud della Birmania42 (2012).

45Possiamo pensare che le pratiche turistiche, attraverso la rievocazione pragmatica attuata, possano costituire forse l'unico buon baluardo contro il negativo della memoria, cioè l'oblio.

Haut de page

Bibliographie

Andreeva-Jourdain, E. (2016), « Le pari de la durabilité à Sotchi sur le littoral russe de la mer Noire », Mondes du Tourisme [En ligne], numero speciale| 2016, caricato 01 settembre 2016, consultato l’8 giugno 2021. URL : http://journals.openedition.org/tourisme/1176 ; DOI : https://doi.org/10.4000/tourisme.1176 .

Antichan, S. (2020), « Les mémoriaux post-attentats et leurs publics », Les mémoriaux du 13 novembre, Gensburger S. et Truc G. (dir.), Éditions EHESS, Paris, pp. 63-83.

Bachimon, Ph., Decroly, J.-M. et Knafou, R. (2016), « Expériences touristiques et trajectoires de vie. Rapports à la nostalgie », Via Tourism Review, n° 10, pp. 1-20.

Behr, V. (2015), « Genèse et usages d’une politique publique de l’histoire », Revue d’études comparatives Est-Ouest, vol. 46, n° 3, pp. 21-48.

Behr, V. (2018), « Histoire du temps présent et politique en Pologne », Les Cahiers Sirice, Vol. 21, n° 2, pp. 121-137.

Berliner, D. et Bortolotto, C. (2013), «Introduction. Le monde selon l’Unesco », Gradhiva, n° 18, pp. 4-21.

Bernard-Donals, M. (2005), « Conflations of Memory: Or, What They Saw at the Holocaust Museum after 9/11”, CR. The New Centennial Review, vol. 5, n° 2, pp. 73-106.

Berti, E. et al. (2015), « Chapitre II. Itinéraires culturels – De l’idée au projet », Conseil de l’Europe éd., Gestion des itinéraires culturels : de la théorie à la pratique. Vademecum des Itinéraires culturels du Conseil de l’Europe. Conseil de l'Europe, pp. 35-111.

Bondaz, J., Graezer Bidea, F., Isnart, C. and Leblon, A. (Dir.) (2014), Relocaliser les discours sur le “patrimoine” », Les vocabulaires locaux du « patrimoine » : traductions, négociations et transformations, Lit, Berlin, pp. 9-30.

Boukhris L. et Chapuis A., 2016, « Circulations, espace et pouvoir – Penser le tourisme pour penser le politique », L’espace Politique, vol. 28, n° 1.

Cabanel, P., Joutard, Ph., Sémelin, J. et Wieviorka A. (2013), La Montagne Refuge, Accueil et sauvetage de Juifs autour du Chambon-sur-Lignon, éditions Albin Michel.

Chevalier, D. (2021), « Commémorer la Shoah: les politiques, les touristes et les marchands », L’Espace Politique [Online], vol. 41, n. 2, Online dal 23 febbraio 2021, connessione attiva dal 23 marzo 2021. URL : http://journals.openedition.org/espacepolitique/8548 .

Chevalier, D. (2019), « Spatialisation des musées consacrés à la Shoah », in Survie des Juifs en Europe. Persécutés, sauveteurs, Justes. Opera coordinata da Corinne Bonafoux, Olivier Vallade e la rete Memorha, pp. 184-192.

Chevalier, D. (2018), « Que deviennent les mémoires douloureuses aux musées : un universel métissé ?», Mondes du Tourisme [on line], vol. 14 postato il 30 giugno 2018, consultato il 20 aprile 2019. URL : http://journals.openedition.org/tourisme/1769 .

Chevalier, D. (2017), Géographie du souvenir. Ancrages spatiaux des mémoires de la Shoah. Prefazione di Denis Peschanski, Édition L’Harmattan, collezione Géographie et cultures, diretta da Catherine Fournet-Guérin.

Chevalier, D. et Lefort, I. (2016), « Le touriste, l’émotion et la mémoire douloureuse », in « Géographies, géographes et émotions », Carnets de géographes n°9, coordinate da Pauline Guinard e Bénédicte Tratnjek. http://cdg.revues.org/644 .

Coëffé, V., Pébarthe H. et Violier P. (2007), « Mondialisations et mondes touristiques », L'Information géographique, vol. 71 n° 2, pp. 83-96.

Conan, E. et Rousso, H. (1994), Vichy, un passé qui ne passe pas, Fayard.

Cousin, S. (2008), « L’Unesco et la doctrine du tourisme culturel. Généalogie d’un “bon tourisme” », Civilisations, vol. 57, nos 1-2, pp. 41-56.

Davallon, J. (1999), L’exposition à l’œuvre, stratégie de communication et médiation symbolique, le Harmattan, Paris.

Debarbieux, B. (1993), «Du haut lieu en général et du mont Blanc en particulier », L’Espace Géographique, vol. 22, n° 1, 5-13, https://www.persee.fr/doc/spgeo_0046-2497_1993_num_22_1_3123.

Debarbieux, B. (1995), « Le lieu, le territoire et trois figures de rhétorique », Espace géographique, volume 24, n°2, pp. 97-112.

Dosse, F. (1998), « Entre histoire et mémoire : une histoire sociale de la mémoire », numero tematico « Mémoire et histoire », Raison présente, n°128, pp. 5-24.

Équipe MIT, (2005), Tourismes 2. Moments de lieux, Belin, coll. Mappemonde, Paris.

Ernst, S. (2009), « L’identité mémorielle. Généalogie d’un tropisme contemporain ». Collège international de Philosophe. « Rue Descartes », vol. 4, n° 66, pp. 100-112.

Feldman, J. (2010), Above the Death Pits, Beneath the Flag. Youth Voyages to Poland and the Performance of Israeli National Identity, Berghahn Books, New York.

Folio, F. (2016), « Dark tourism ou tourisme mémoriel symbolique ? », Téoros (online), 35, 1 | 2016, Online dal 5 settembre 2016, connessione dal 22 marzo 2021. URL: http://journals.openedition.org/teoros/2862 .

Fouché, J. (2011), « L'aura des ruines d'Oradour ». Les cahiers Irice, vol. 1, n° 7, pp. 63-72.

Fouéré, M. (2020), « Muséifier la traite et l’esclavage à Zanzibar. Vérité, contre-vérité et incertitude au marché aux esclaves », Ethnologie française, vol. 50 n° 1, pp. 109-124.

Fourcade, M.-B. (2010), « Tourisme des racines. Expériences du retour », Téoros, vol. 29, n° 1, pp. 3-7.

Gaillard, M. (2017), « Les itinéraires culturels du Conseil de l’Europe : entre européanité revendiquée et utopie européenne », Hermès, La Revue, vol. 77, n° 1, pp. 71-77.

Gaye, A. (2020), Tourisme et patrimoine culturel : valorisations, enjeux et stratégies de développement local à l’île de Gorée et en pays Bassari (Sénégal) », Mondes du Tourisme [En ligne], 17 | 2020, connesso l’1 giugno 2020, consultato il 26 gennaio 2021. URL : http://journals.openedition.org/tourisme/2907 .

Gensburger, S. et Lefranc, S. (2017), À quoi servent les politiques de mémoire ? Presses de Sciences Po, Paris.

Gensburger, S. (2010), Chapitre 2 / Entrepreneurs de mémoire et configuration française. in S. Gensburger, Les Justes de France : Politiques publiques de la mémoire, Presses de Sciences Po, Paris, pp. 51-71.

Gentelle, P. (1995), « Haut lieu », L’Espace géographique, vol. 24, n° 2, pp. 135-138,

https://www.persee.fr/doc/spgeo_0046-2497_1995_num_24_2_3366 .

Guillaud, D., Juhé-Beaulaton, D., Cormier-Salem, M-Ch., et Girault, Y. (dir.), (2016), Ambivalences patrimoniales au Sud: mises en scène et jeux d’acteurs, IRD, Karthala, Paris.

Gradvohl, P. (2018), « POLIN, le musée de l’Histoire des juifs polonais au défi d’une géographie insaisissable : Entretien avec Barbara Kirshenblatt-Gimblett », Monde(s), vol. 2, n° 14, pp. 165-177.

Grataloup, C. (1996), Lieux d'Histoire. Essai de géohistoire systématique, Reclus / La Documentation française, Paris.

Gross, J.T. (2002), Les Voisins, Fayard, Paris.

Gross, J.T. (2010), La peur. L’antisémitisme en Pologne après Auschwitz, Calmann-Lévy.

Guérin, M.-A. (2008), « Le patrimoine culturel, instrument de la stratégie de légitimation de l'Union européenne. L'exemple des programmes Interreg », Politique européenne, vol. 25, n° 2, pp. 231-251.

Haas, V. (2002), Approche psychosociale d'une reconstruction historique. Le cas vichyssois. Les cahiers Internationaux de Psychologie Sociale, Éd. de l'Université de Liège, vol. 53, pp. 32-45. (halshs-01559497)

Hartog, F. (2003), Régimes d’historicité. Présentisme et expériences du temps, La librairie du XXIe siècle, Seuil.

Henry, J-R. (2018), « L’histoire aux prises avec les mémoires. L’exemple du musée avorté de Montpellier sur l’histoire de la France et de l’Algérie », L’Année du Maghreb, vol. 19, pp. 133-164. 

Hertzog, A. (2013), « Quand le tourisme de mémoire bouleverse le travail de mémoire », Espaces tourisme & loisirs, Espaces, n° 313.

Hertzog, A. (2017), ‘Tourisme de mémoire, tourisme mémoriel, tourisme des racines’ in Fagnoni, E., Les espace du tourisme et des loisirs, Armand Colin, Paris.

Hobsbawm, E., et Ranger., T. (2006), L'Invention de la tradition, Éditions Amsterdam, Paris, (edizione originale: The Invention of Tradition, 1983).

Hourcade, R. (2015), L’espace des politiques mémorielles locales. Variables territoriales et part du national dans quatre anciens ports négriers de France et du Royaume-Uni. Revue internationale de politique comparée, vol. 22, n°1, pp. 59-82.

Jonchery, A. et Biraud, S. (2016), Visiter en famille. Socialisation et médiation des patrimoines, La Documentation française, Paris.

Knafou, R. (2012), «Auschwitz, lieu touristique ? », Via Tourism Review, vol. 1, Online dal 16 marzo 2012, connessione il 23 marzo 2021. URL: http://journals.openedition.org/viatourism/1593 .

Kroni, P. (2016), Les fictions du tourisme albanais — Des images et des lieux toujours en chantier. Tesi di Dottorato, non pubblicata, Université Lumière Lyon2.

Lazzarotti, O. (2017), « Le patrimoine, une mémoire pas comme les autres », L'Information géographique, vol. 81, n°2, pp. 12-31.

Lazzarotti, O. and Violier, Ph. (dir.) (2007), Tourisme et Patrimoine: un moment du Monde, Presses universitaires d’Angers, Angers.

Lebrun, J. et Tutiaux-Guillon, N. (2016), « Des disciplines scolaires en mutation: Regards croisés France, Québec… et ailleurs », Spirale - Revue de recherches en éducation, vol. 58, pp. 3-7.

Legucka, A. (2013), « New Geopolitics - What is actually "New"? », The copernicus journal of political studies, vol. 1, n° 1.

Lindenberg, D., Garapon, A. et Padis, M-O. (2008), « Les ondes de choc de la Shoah », Esprit, vol. 3, n° 3-4, pp. 80-87.

Mallet, A. (2019), Vichy contre Vichy : une capitale sans mémoire, Belin, Paris.

Michel, J. (2015), Devenir descendant d’esclave. Enquête sur les régimes mémoriels, Presses Universitaires de Rennes.

Micoud, A. (1996), Musée et patrimoine : deux types de rapport aux choses et au temps ?. Hermès, La Revue, vol. 2, n° 20, pp. 115-123.

Moroz, N. (2020), Patrimoines, patrimonialisation, dépatrimonialisation : quelles images et quelles pratiques touristiques pour l'Ukraine ? Tesi di dottorato, non pubblicato, Université Lumière Lyon2.

Peyvel, E. (2009), L'émergence du tourisme domestique au Viet-Nam : lieux, pratiques et imaginaires, Tesi di dottorato, Université de Nice.

Piveteau, J.-L. (1995), Temps du territoire. Continuités et ruptures dans la relation de l'homme à l'espace, Éditions Zoé, Genève.

Potel, J.-Y. (2016), « Un nouveau récit national pour la Pologne », Mémoires en jeu, n°1, Editions Kimé.

Ricoeur, P. (1997), L’Idéologie et l’Utopie, Le Seuil.

Rieutort L. et Spindler J. (2015), Le tourisme de mémoire. Un atout pour les collectivités territoriales, L’Harmattan, Paris.

Rousso, H. (2007), «Vers une mondialisation de la mémoire », Vingtième Siècle. Revue d’histoire, vol. 94, no2, pp. 3‑10.

Sacareau I., Taunay B. et Peyvel E. (dir.) (2015), La mondialisation du tourisme. Les nouvelles frontières d’une pratique, PUR, Rennes.

Sather-Wagstaff, J. (2011), Heritage That Hurts : Tourists in the Memoryscapes of September 11, Routledge, Londres-New-York.

Stora, B. (2021), Rapporto intitolato « Les questions mémorielles portant sur la colonisation et la guerre d’Algérie », https://www.vie-publique.fr/sites/default/files/rapport/pdf/278186.pdf .

Truc, J. (2015), «Venir à Ground Zero, se souvenir du 11-Septembre», EspacesTemps.net (on line), Travaux, 2015, on line il 28 aprile 2015, consultato il 28 aprile 2015. URL : https://www.espacestemps.net/articles/venir-a-ground-zero-se-souvenir-du-11-septembre/.

Haut de page

Notes

1 http://www.chineescapade.com/guide-touristique/Turpan/diner-chez-ouigours.html : il termine genocidio culturale viene regolarmente utilizzato per riferirsi alla repressione subita dalla popolazione uïgure. Citazione tradotta dal testo francese: Partager un moment inoubliable avec une famille ouïgoure, c'est être invité à rester le temps d'une soirée parmi eux et goûter aux plats traditionnels dans un cadre convivial. Heureux de partager leur nourriture et de rencontrer des peuples d'une autre culture, les Ouïgours accueillent les voyageurs à bras ouverts.

2 Sarà utilizzato il termine memoria sia al singolare, che al plurale, a seconda del significato espresso. Al singolare, la memoria evocherà una categoria di analisi comunemente condivisa nelle scienze sociali; al plurale, le memorie esamineranno specifiche espressioni commemorative.

3 Non si tratta qui di (ri)fare un'epistemologia del termine. In particolare, rimandiamo i lettori al numero tematico di Political Space dedicato a un inventario della geografia politica e della geopolitica. https://journals.openedition.org/espacepolitique/4327#tocto1n2 o all'articolo di Agnieszka Legucka (2013).

4 https://www.partir-a-new-york.com/visites-incontournables/visiter-le-9-11-memorial-du-11-septembre-a-ground-zeroLobservatoire-de-la-One-World-Trade/d687-5250P22

https://www.getyourguide.fr/cracovie-l40/visite-guidee-d-une-journee-a-auschwitz-birkenau-t54910/

https://lespepitesdumonde.com/2018/12/27/visite-de-choeung-ek-killing-fields-de-phnom-penh/

5 Dodici immobili sono ora classificati secondo questo criterio. Tra questi, sei corrispondono a un ricordo esplicitamente doloroso: il quartiere del ponte vecchio nel centro storico di Mostar in Bosnia ed Erzegovina; il sito archeologico del molo Valongo in Brasile; le fortezze e i castelli di Volta, Accra e dintorni e le regioni centro-occidentali; il Memoriale della Pace di Hiroshima (Genbaku Dome); Auschwitz-Birkenau in Polonia; Ile de Gorée in Senegal.

6 https://www.madagascar-tribune.com/Debut-de-la-rehabilitation-du-canal-des-Pangalanes-25017-25017-25017-25017-25017.html

7 Téoros (2004) e Hérodote (2007) hanno dedicato un numero speciale a questo tema.

8 https://www.theguardian.com/world/2014/mar/26/russia-sakha-republic-yakutia-proposes-tourist-camps-former-gulags

9 Titolo del romanzo di Alexander Solzhenitsyn, pubblicato nel 1962, in cui l'autore descrive le condizioni di vita in un campo di Gulag nei primi anni '50.

10 Lia Motskobili, “Turismo. La Kolyma, la sua natura incantevole, le vestigia del gulag”, Courrier international, 09/09/2004. Sul turismo in Russia, vedi Ekaterina Andreeva-Jourdain (2016).

11 Marie Jego, « Olkhon, dal goulag al turismo », Le Monde, 23/07/2013, https://www.lemonde.fr/europe/article/2013/07/23/olkhon-du-goulag-au-tourisme_3451592_3214.html

12 https://www.geo.fr/voyage/la-russie-decidee-a-redorer-son-blason-avec-le-tourisme-196766

13 https://www.swissinfo.ch/fre/prora--le-colosse-qui-ne-veut-pas-se-laisser-oublier/6784850

14 Il caso di Oradour-sur-Glane è anche politicamente complesso (Fouché, 2011) perché fa parte di una memoria nazionale a lungo frammentata (ruolo degli Alsaziani Nonostante-Noi).

15 E oggi compaiono iscrizioni negazioniste, come quelle dipinte nell'agosto 2020 sul Centro della memoria di Oradour-sur-Glane.

16 https://www.liberation.fr/france/2018/04/30/pas-si-simple-de-trouver-une-tranchee-ou-dormir_1646659/

17 Ma questo non significa che quei ricordi siano per sempre. Se un gruppo dominato entra nello spazio pubblico questi ricordi possono emergere dall'ombra. Basta che qualcuno raccolga archivi, testimonianze per far emergere e per far conoscere nuovi schemi narrativi.

18 La resistenza sull'Altopiano fu iniziata da tre pastori, Charles Guillon, André Trocmé ed Edouard Theis, attaccati alla loro tradizione protestante. L'assessore che ha portato il progetto di Place de Mémoire a Le Chambon è la signora E. Wauquiez (cattolica). Le varie controversie con i comuni limitrofi si inseriscono quindi in divisioni religiose, politiche, geografiche e commemorative.

19 "L'altro aspetto che provoca la rabbia dei comuni limitrofi è proprio l'attrazione turistica rappresentata da questo cartello. Alcuni abitanti di Chambon criticano anche il loro municipio per aver voluto commerciare in questo passato e in questa memoria [...]. Tra 10 e 15.000 turisti vengono ogni anno a Chambon-sur-Lignon, in particolare per visitare il luogo della memoria » in https://www.francebleu.fr/infos/societe/le-chambon-sur-lignon-terre-de- justes -un-pannello-crea-la-controversia-su-n88-1503945307

20 Significative sono le reazioni pubblicate per criticare il rapporto presentato da Benjamin Stora al Presidente della Repubblica, nel gennaio 2021. Per i ricordi di questa guerra, Raphaëlle Branche evoca l'irruzione dei “pruriti della memoria” https://laviedesidees.fr/Histoire -e-memoria-di-guerra-d.html

21 Le Monde, 29 mai 2014

22 Marc Ferro, Benjamin Stora, Jean-Robert Henry e Sylvie Thénault, in particolare, deplorano il triplo spreco intellettuale, finanziario e politico di ciò che avrebbe potuto solo rafforzare la posizione di Montpellier e partecipare, a livello nazionale, a un processo di riconciliazione franco-algerino. Nel Sud della Francia, però è la nostalgia che domina di più!

23 Relazione del Comitato di Riflessioni e Proposte sulla Tratta dei Neri a Bordeaux.

24 https://play.google.com/store/apps/details?id=com.acoustiguidemobile.am_vichy&fbclid=IwAR1oEKMXtFVLhAIVSAl1DAPf1oyJlrbSA8RehS75vylzaIdbRDWUO7x5qHA

25 Turismo culturale e consapevolezza dell'Europa. La consapevolezza collettiva degli hotspot culturali europei e la loro incorporazione nella civiltà del tempo libero, rapporto presentato da D. Pouris e CA Beerli, Gruppo di lavoro "L'Europe continua", Strasburgo, 13 e 14 ottobre 1964, Consiglio per la cooperazione culturale, n. 9.

26 Documento ICCE (97) 11t - Atti del seminario sugli itinerari culturali, "Questioni di cittadinanza e sviluppo sostenibile", 1996. Introduzione di José Maria Ballester, Capo della Divisione Beni Culturali del Consiglio d'Europa.

Estratto della risoluzione CM/Res (2013) 66 che conferma l'istituzione dell'Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari Culturali (EPA) e adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 18 dicembre 2013.

27 Estratto della risoluzione CM/Res (2013) 66 che conferma l'istituzione dell'Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari Culturali (EPA) e adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 18 dicembre 2013. Tutti i paesi membri di queste Rotte non sono necessariamente membri dell'UE, come dimostra la rotta del patrimonio andaluso (Marocco, Egitto, Libano, Giordania e Tunisia) o quello del patrimonio ebraico (Turchia e Azerbaigian ma senza Israele).

28 Il massacro di Nanchino fa parte del doloroso passato della Cina, perpetrato dall'esercito giapponese nel 1937.

29 Costruito in memoria di tutte le vittime degli attentati dell'11 settembre 2001, quelle delle due torri gemelle del World Trade Center, ma anche quelle del Pentagono e di Shanksville.

30 Il genocidio dei Tutsi in Ruanda si svolse dal 7 aprile 1994 al 17 luglio 1994.

31 Sobibor, uno dei tre campi di "l’operazione Reinhardt" costruiti nel 1942, era stato creato con camere a gas dove morirono 180.000 ebrei.

32 Questo campo aveva vissuto una rivolta di prigionieri nell'ottobre 1943 in cui dozzine di ebrei riuscirono a fuggire, sopravvivendo alla guerra.

33 Troviamo questa dinamica nel lavoro sulle visite di Ground Zero (cfr. su questo punto Joy Sather-Wagstaff (2011), Gérome Truc (2015), Antichan (2020).

34 Ricorrenza di questa frase nei libri degli ospiti dei musei delle memorie dolorose, sistematicamente rivisti ad ogni visita dagli autori.

35 https://www.bbc.com/news/world-europe-55676147

36 Vedi le ricerche di Bernard-Donals M. (2005) ; Feldman J. (2010) ; Jonchery A. et Biraud S. (2016) …

37 Su questa «Porte du Voyage », punto caldo simbolico e polemica storiografica, vedi Aliou Gaye (2020).

38 Si tratta di come viene riprodotto il passato. La rievocazione procede da un dialogo passato/presente, spesso anche di storicità plurali, vedi Anne Bénichou: https://entre-temps.net/le-reenactment-en-questions-emploi-avec-anne-benichou/

39 Vedi gli incidenti durante la conferenza internazionale del 21 e 22 febbraio 2019 all'EHESS: "La nuova scuola polacca della storia della Shoah". https://ahcesr.hypotheses.org/1592

40 Tra il 2000 e il 2011, le opere dello storico americano di origine polacca Jan Tomasz Gross, cioè Les Voisins (2002), La Peur (2008) e Zlote zniwa (2011), hanno suscitato grandi dibattiti e controversie in Polonia, che hanno portato a un'ampia riesame dei rapporti giudeo-polacchi sotto l'occupazione.

41 Il sito registra visite sempre crescenti: nel 2019, 2,32 milioni di visitatori, ovvero quasi 170.000 visitatori in più rispetto al 2018, anch'esso un anno record.

42 https://www.consoglobe.com/tourisme-une-ong-denonce-les-ignobles-safaris-humains-cg

Haut de page

Table des illustrations

Titre Documento 1: Pannello turistico (RN88)
Crédits https://www.francebleu.fr/​infos/​societe/​le-chambon-sur-lignon-terre-de-justes-un-panneau-cree-la-polemique-sur-la-n88-1503945307 28 agosto 2017
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-1.png
Fichier image/png, 238k
Titre Documento 2: Tweet del Museo d’Auschwitz-Birkenau. 20 marzo 2019
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-2.png
Fichier image/png, 264k
Titre Documento 3: Scritte sul libro degli ospiti di House of Slaves. Gorée. Febbraio 2017
Crédits Foto: D. Chevalier
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-3.png
Fichier image/png, 1,2M
Titre Documento 4: La Casa degli Schiavi con la sua famosa scala a doppia chiocciola. Sotto, la porta del Viaggio del Non Ritorno. “La” foto ricordo più frequente scattata dai turisti. Febbraio 2017
Crédits Foto: D. Chevalier
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-4.png
Fichier image/png, 1,1M
Titre Documento 5 : Varsavia. Museo POLIN (architetti Rainer Mahlamäki, Ilmari Lahdelma, 2013)
Légende In primo piano il Monumento agli Eroi del Ghetto (Nathan Rapoport, 1948). 3 dicembre 2018
Crédits Foto: D. Chevalier
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-5.png
Fichier image/png, 979k
Titre Documento 6: Budapest. Scarpe sul Danubio. Opera di Can Togay e Gyula (2005). Bronzo di scarpe da uomo, donna e bambino disposte per cinquanta metri. Febbraio 2017
Crédits Foto: D. Chevalier
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/6915/img-6.png
Fichier image/png, 1001k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Isabelle Lefort et Dominique Chevalier, « Quando il turismo rinnova le memorie: atti geopolitici e geopolitica in atti », Via [En ligne], 19 | 2021, mis en ligne le 26 juillet 2021, consulté le 21 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/6915 ; DOI : https://doi.org/10.4000/viatourism.6915

Haut de page

Auteurs

Isabelle Lefort

PU, Università Lione2, Laboratorio EVS (UMR5600)

Articles du même auteur

Dominique Chevalier

MCF-HDR, Università Lione1, Laboratorio EVS (UMR5600)

Articles du même auteur

Haut de page

Traducteur

Fiorella Dallari

Università di Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Logo CNRS - Institut des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search