Navigation – Plan du site

AccueilNuméros4-5Cultura e turismo? Limiti e poten...

Résumé

Questo articolo si propone di analizzare Gorée et Ilha de Mozambique, isole che sono state riconosciute WHS sulla base della loro rilevanza per la storia coloniale, per la loro architettura e come simboli della tratta degli schiavi : un elemento di grande fascino per i turisti culturali e della memoria.
Tuttavia, sebbene siano dotate di un patrimonio culturale di primaria importanza, che le ha trasformate in simboli per la storia globale, Gorée e Ilha non sono ancora state in grado di promuovere le loro risorse culturali in maniera efficace, in grado cioè di incidere significativamente sulla riduzione della povertà, e le povere condizioni d vita della popolazione residente sta mettendo in pericolo la sopravvivenza delle risorse culturali stesse.

Haut de page

Entrées d’index

Haut de page

Texte intégral

1Turismo e cultura costituiscono un binomio di grande potenzialità per lo sviluppo locale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, se affiancati alle attività tradizionali. E’ vero, tuttavia, che questo binomio porta necessariamente effetti positivi sia a livello economico sia socio-culturale ? L’impatto del turismo può essere tanto negativo da portare al deterioramento delle condizioni di vita, come conseguenza di un’iniqua distribuzione di costi e benefici, ma anche alla perdita totale del patrimonio culturale locale.

2Questo articolo si propone di analizzare le diverse interazioni che si instaurano tra piccole isole, turismo culturale e World Heritage Sites (WHS), attraverso una duplice analisi che si concentrerà dapprima sulle connessioni tra memoria e turismo, con particolare attenzione alla memoria della tratta degli schiavi, e successivamente al ruolo del turismo sulle piccole isole nominate WHS, con una comparazione di due casi di studio : l’isola di Gorée in Senegal e Ilha de Moçambique, in Mozambico.

3Diversamente da altre isole nella stessa area geografica, che offrono il classico turismo delle 3 s – sea, sun and sand – Gorée e Ilha de Moçambique propongono un tipi di turismo dell’heritage legato al loro passato coloniale, alla tratta degli schiavi e alla cultura materiale e immateriale della popolazione, fortemente legata alla sub-regione dell’Africa Occidentale da un lato e a Zanzibar e all’Oceano Indiano dall’altro. Entrambe le isole sono state riconosciute WHS sulla base della loro rilevanza per la storia coloniale, per la loro architettura e come simboli della tratta degli schiavi : un elemento di grande fascino per i turisti culturali e della memoria. Tuttavia, sebbene siano dotate di un patrimonio culturale di primaria importanza, che le ha trasformate in simboli per la storia globale, Gorée e Ilha non sono ancora state in grado di promuovere le loro risorse culturali in maniera efficace, in grado cioè di incidere significativamente sulla riduzione della povertà, e le povere condizioni d vita della popolazione residente sta mettendo in pericolo la sopravvivenza delle risorse culturali stesse.

Metodologia

4Lo studio che viene qui presentato è iniziato diversi anni fa, con un approccio legato allo sviluppo comunitario a Gorée, per poi svilupparsi successivamente con l’esplorazione di altri ambiti connessi alla stessa realtà geografica, quali il turismo culturale e quello della memoria. Più tardi ho iniziato a interessarmi al lato orientale dell’Africa e a un altro Oceano, dove un’altra piccola isola condivide con Gorée la storia, il patrimonio culturale e le potenzialità turistiche : Ilha de Moçambique, in Mozambico.

5Lo studio del turismo insulare deve prendere in considerazione diversi aspetti, che spaziano da quelli morfologici, a quelli ambientali, sociologici, antropologici, economico-politici, al fine di realizzare un’analisi territoriale completa. A tale scopo è stata una metodologia di ricerca che partisse dall’identificazione e raccolta della letteratura esistente per arrivare, attraverso la ricerca sul campo, alla raccolta di dati quali – quantitativi diretti.
In merito a questo secondo aspetto, sono state condotte due ricerche sul campo a Gorée (a ottobre 2003 e settembre/dicembre 2004), e una a Ilha de Moçambique (ad aprile 2008), al fien di entrare in contatto diretto con i territori studiati, e la loro popolazione, attraverso l’uso di questionari, interviste e incontri con informatori, ma anche conversazioni informali con la popolazione locale, usando la metodologia dell’osservazione partecipata, che consente di raccogliere un gran numero di informazioni visto che l’uso dei questionari non è sempre efficace considerando che diversi informatori operano nell’informalità e non risponderebbero a domande strutturate.

L’heritage della tratta degli schiavi e il turismo della memoria

6Il turismo culturale è un settore in crescita del turismo globale, finalizzato a scoprire monumenti e siti con propositi educativi e culturali ma anche alla scoperta di culture altre e della memoria del passato.

7In particolare, è ampiamente riconosciuto che la memoria è un aspetto fondamentale di ciò che chiamiamo identità, sia individuale sia collettiva, e che la ricerca della memoria è uno degli obiettivi della società d’oggi (Le Goff, 1982). La memoria collettiva, in particolare, è strutturata attorno a luoghi ed eventi del passato : essa rappresenta il palcoscenico su cui la storia umana viene rappresentata, come dice Turri (1998). I luoghi della memoria diventano simboli attraverso i quali un popolo o un gruppo possono identificarsi, così come lo sono altri elementi del patrimonio tangibile e intangibile : bandiere, inni nazionali, parate, monete nazionali, musei del folklore, memoriali di guerra, ma anche aspetti meno drammatici quali gli sport nazionali, i paesaggi, gli eroi, le fiabe ecc (Smith, 1991). Tutti questi simboli possono alimentare l’orgoglio si appartenere a un gruppo o a una nazionalità specifica e, pur veicolando la loro identità istituzionale, essi sono anche aperti a un’interpretazione individuale, che dipende dalla storia personale o famigliare (come nel caso della storia dei gruppi minoritari) (Meethan, 2001).

8Mantenere la memoria degli eventi passati attraverso la commemorazione dei fatti storici è centrale per la comunità mnemonica e per l’auto-identificazione dei gruppi (come ad esempio la comunità dei Neri della diaspora) (Dunkley, Morgan,e Westwood, 2010). In tal senso la visita a luoghi della memoria collettiva gioca un fondamentale ruolo educativo, mantenendo in vita l’identità e collegandola agli eventi del passato (come nel caso di visite a campi di battaglia, musei della schiavitù, ecc). Questo tipo di turismo può essere addirittura percepito come una sorta di pellegrinaggio nazionale e venduto attraverso l’uso di immagini simboliche e fortemente stereotipate, collegandolo anche alla nostalgia per il passato. In merito a ciò Turri (1998) ricorda come la nostalgia sia quel sentimento vitale che ogni essere umano prova per i luoghi della propria infanzia, nei quali la sua personalità è stata forgiata.

9Molti luoghi della memoria sono connessi a eventi drammatici del passato come campi di battaglia, campi di concentramento, luoghi di detenzione e vendita degli schiavi, e il tipo di turismo a cui essi sono collegati viene chiamato thanaturismo o turismo oscuro (Dann, Seaton, 2001).

10Passando ora alla tratta degli schiavi, avendo coinvolto milioni di individui, ha cambiato l’ordine demografico e cultuale del mondo e prodotto effetti socio-politici ed economici in ogni continente. In particolare, essa ha contribuito alla creazione dell’identità collettiva dei moderni Stati Americani (Curto, Lovejoy, 2004), e a quella di uno spazio culturale transnazionale che Gilroy (2003) chiama ‘Black Atlantic’, dentro al quale i luoghi connessi alla tratta degli schiavi mantengono la memoria di questo episodio della storia globale. Questi luoghi, come Gorée in Senegal o Cape Coast Castle in Ghana, attraggono sia turisti culturali sia turisti della memoria, che cercano le loro perdute origini africane (Coles, Timothy, 2004). Attraverso il turismo la comunità diasporica nera ripercorre infatti il viaggio originario, alla ricerca delle proprie origini, mitiche a dire la verità, perché ormai l’Africa dell’epoca della tratta non esiste più ; è per questo che Hall (1990) parla di questo viaggio non come di un ritorno reale ma piuttosto come di una metafora politica, culturale e spirituale.

11Per proteggere questi luoghi l’Unesco ha avviato dal 1994 un itinerario culturale transcontinentale chiamato Slave Route, finalizzato a promuovere i WHS connessi alla tratta degli schiavi, la loro architettura e il loro patrimonio culturale, migliorando anche le condizioni di vita delle popolazioni residenti. Obiettivo fondamentale è infatti quello di ricavare da una memoria collettiva tragica la possibilità di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni attuali. Per promuovere la Rotta, l’Unesco ha infatti dichiarato siti patrimonio dell’umanità diverse località legate alla tratta, tra cui diversi forti in Africa (Ghana, Senegal, Mozambico, Benin, Réunion, Tanzania) ma anche i luoghi di arrivo dall’altro lato dell’Oceano Atlantico (Haiti, Brasile, Repubblica Dominicana), simboli della tratta e delle direttrici che essa ha percorso. La promozione turistica di questi luoghi, oltre a favorire l’afflusso di guadagni economici diretti e indiretti, mira alla preservazione del patrimonio culturale e alla riscoperta identitaria delle popolazioni coinvolte nella tratta (). Inoltre, collegare questi luoghi attraverso un itinerario turistico aiuta anche a studiarli meglio, infatti come abbiamo come già detto, la memoria è un patrimonio fragile e i luoghi connessi alla memoria della tratta degli schiavi devono essere preservati attraverso un impegno crescente, che deve essere costruito a partire da una crescente consapevolezza.

Gorée e Ilha de Moçambique: una breve storia

12Sebbene si tratti di un’isola molto piccola, Gorée ha sempre giocato un ruolo molto importante nella storia dell’Africa, infatti a causa della sua posizione il suo controllo ha sempre garantito il controllo delle rotte commerciali tra Europa, Americhe e Africa, aggiungendo anche la sicurezza di un porto protetto, come mostra d’altra parte il suo stesso nome : Gorée, infatti, deriva da Goede Reed, che in olandese significa la buona baia (Renaudeau, 1985). E’ questa la ragione per cui, a partire dalla sua scoperta nel 1444 , i Portoghesi e gli Olandesi prima e i Francesi e gli Inglesi successivamente hanno combattuto per accaparrarsene il controllo.

Documento 1: Dakar e Gorée

Documento 1: Dakar e Gorée

Elisa Magnani

13Nel XVI secolo l’isola era diventata un importante scalo ed era abitata da una società multietnica, composta da Europei, Africani e meticci, i discendenti delle unioni tra gli uomini europei e le schiave Africane. Ai figli di queste unioni andavano in eredità i beni e le proprietà posseduti dai padri in Africa, una volta che questi tornavano in Europa o dopo la loro morte, e questo fece sì che sull’isola si formasse una ricca classe di uomini e donne meticcie che trafficavano in schiavi e altri beni, tra cui spiccano in particolare le signare, le ricche donne proprietarie di case e attività, il cui nome deriva dal portoghese senhora (Unesco, 1985, Reneaudeau, 1985).

14Dopo molti secoli di guerre, alla fine del XVIII secolo la Francia ottenne il pieno controllo dell’isola e ne fece il centro di espansione del suo impero in Africa Occidentale, continuando comunque ad usarla per i traffici triangolari di schiavi. Grazie a questo commercio la sua popolazione prosperò e iniziò a costruire ricche case di pietra, le stesse che rappresentano ancora oggi la principale attrazione architettonica dell’isola. Solo nel 1848, con l’abolizione del Code Noir, l’isola perse la sua triste aria di magazzino di esseri umani e divenne la residenza degli ufficiali dell’amministrazione coloniale dell’AOF (Afrique Occidentale Fançaise) e di un nuovo gruppo di commercianti che iniziò un nuovo commercio legale in arachidi (Unesco, 1985), di cui il Senegal è ancora oggi uno dei principali produttori mondiali.

15Tuttavia, nel 1857 l’amministrazione coloniale iniziò a costruire una nuova capitale, Dakar, proprio di fronte all’isola, e Gorée perse il proprio ruolo centrale nell’amministrazione della colonia e così iniziò la decadenza demografica e architettonica che continua ancora oggi (Unesco, 1985).

16L’isola è abitata da 1102 abitanti (), la maggior parte di quali sono giovani, visto che le difficili condizioni economiche del paese impongono a molti adulti di emigrare verso la Francia, l’Europa o gli USA. Benché l’isola sia abitata da diversi gruppi etnici, la maggioranza di essi è musulmana, anche se la minoranza cattolica è ben integrata. Le condizioni di vita sono piuttosto scarse, come conseguenza sia dell’alta densità abitativa (con i suoi 600m di lunghezza e 300m di larghezza la superficie totale dell’isola è di 0,18 Km², per una densità di circa 6122 abitante/ Km²), sia della diffusa povertà ; inoltre molti abitanti occupano abusivamente le vecchie case coloniali di proprietà dello Stato. Per di più lo stato di conservazione degli edifici storici è molto critica ma pochi residenti hanno i mezzi per ristrutturarli.

Documento 2a e 2b: Lo stato di cattiva conservazione degli edifici storici. Fotografia

Documento 2a e 2b: Lo stato di cattiva conservazione degli edifici storici. Fotografia

Elisa Magnani

17Passando ora a Ilha de Moçambique, anch’essa è una piccolo isola che si trova nella Baia di Mossuril, nel Nord del Mozambico. Essa si è trovata al centro delle rotte commerciali tra l’interno del continente e l’Oceano Indiano e così anche la sua storia è stata contrassegnata da una grande mescolanza di razze e popoli, che le hanno meritato il nome di encruzilhada das culturas, crocevia di culture.

Documento 3: La posizione di Ilha de Moçambique nel paese

Documento 3: La posizione di Ilha de Moçambique nel paese

Elisa Magnani

18Vasco da Gama raggiunse l’isola nel 1498, conquistandola agli Arabi, che la usavano dal X secolo come porto (Zamponi, 1999). Come Gorée, anche Ilha divenne l’oggetto di contesa tra le potenze europee ma in questo caso il Portogallo riuscì a mantenerne il controllo e a farne il fulcro di espansione del proprio impero nell’Oceano Indiano, facendola divenire un importante centro di commercio di schiavi, oro e avorio. Tuttavia, poco dopo la fine della tratta, venne aperto il Canale di Suez (1869) e così la rotta mozambicana per l’India venne abbandonata ; allo stesso periodo risale la costruzione di una nuova capital della colonia, Lourenço Marques (Maputo) : così come era accaduto a Gorée, l’economia dell’isola ebbe un terribile shock e la situazione peggiorò ulteriormente circa mezzo secolo più tardi, quando nella vicina città di Nacala venne aperto un nuovo porto regionale, molto più grande. Considerando che non c’è mai stato uno sviluppo agricolo sull’isola, la perdita degli impieghi portuali ha creato condizioni di diffusa disoccupazione tra gli abitanti.

Documento 4a e 4b: Ilha de Moçambique, 2008. Lo stato di cattiva conservazione di alcuni edifici storici, e l’erosione costiera.

Documento 4a e 4b: Ilha de Moçambique, 2008. Lo stato di cattiva conservazione di alcuni edifici storici, e l’erosione costiera.

Fotografia di Elisa Magnani

19Oggi l’isola sta lottando per diventare una destinazione turistica ma nonostante l’alto valore cultural del suo patrimonio architettonico il settore è affetto da gravi problematiche quali la mancanza di infrastrutture e di pianificazione.

20Il censimento del 1997 ha contato circa 14.000 abitanti (), in un territorio di 1,5 Km² (circa 9300 abitani/ Km² ) : questo sovrappopolamento è il risultato degli eventi iniziati durante gli anni della guerra civile quando l’isola offrì rifugio a molti profughi che scappavano dall’interno del paese e che, dopo la fine del conflitto, non vollero più tornare ai loro campi, essendosi ormai abituati a uno stile di vita urbano. La maggioranza della popolazione è musulmana, ma i rapporti tra le diverse religioni sono basate sulla tolleranza e il rispetto, essendo molto più forte l’identità etnica di quella religiosa : tutti infatti si sentono appartenenti al gruppo dei Macua, un gruppo super-etnico legato al mare, a Zanzibar e all’area Swahili dell’Oceano Indiano (Zamponi, 1999).

Turismo e cultura a Gorée e Ilha de Moçambique

21Come conseguenza della loro caratteristica principale, l’isolamento, che le aiuta a mantenere il loro ambiente naturale e la loro popolazione vivente più vicini a uno stato di naturalità ormai perduto nel resto del mondo (King, 1993 ; Pitt, 1980), per molti turisti le isole rappresentano l’esperienza turistica suprema (Baum, 1997). In generale le isole sono associate allo stereotipo delle 3 s – sea, sun, sand, a cui spesso si aggiunge anche shopping e sex – ma non sempre, come dimostrano I due casi di studio che qui presenteremo, nei quali il turismo si basa sull’uso di diverse altre risorse, sia collegate al mare sia culturali.

22Anche se il turismo è ritenuto capace di diversificare le economie locali, portare infrastrutture in luoghi remoti (e con esse l’accesso a servizi sociali quali ospedali, scuole, mercati, ecc) e creare opportunità di lavoro, proprio con le sue infrastrutture e contaminazioni culturali, esso è spesso ritenuto responsabile anche di cambiamenti o distruzione dell’ambiente naturale e culturale. Inoltre, attraverso il turismo le comunità locali possono perdere il controllo del proprio territorio, delle proprie risorse e di come utilizzarle, e del numero di turisti che sono disposti ad accogliere (McElroy, de Albuquerque, 2002 ; Lozato-Giotard, 2006). Senza questo controllo la popolazione perde la facoltà di scegliere come usare il proprio territorio (Turco, 1988) potendo arrivare anche a perdere la propria identità, considerando che, come sostiene Lozato-Giotard (2006) oggigiorno la preservazione delle comunità è strettamente collegata alla preservazione del loro territorio e che la comodificazione degli usi e delle tradizioni può danneggiare irreversibilmente la coesione sociale delle piccole isole e distruggere di conseguenza la principale attrazione turistica : la cultura locale.

Gorée

23Gorée è una destinazione quasi forzata per i turisti che trascorrono una settimana nelle strutture alberghiere della Petite Côte, l’area turistica più sviluppata attorno a Dakar.

24Se già negli anni ’50 e ‘60, Gorée era la meta preferita per la ricca borghesia francese, è solo negli anni ’80, dopo l’inclusione nella lista dell’Unesco, che l’isola conobbe il suo periodo di massimo splendore dal punto di vista turistico, grazie anche a una campagna mondiale di fundraising promossa dall’Unesco e dal governo senegalese, che consentì di ristrutturare diversi edifici storici. L’isola infatti divenne famosa a livello mondiale come il simbolo della tratta degli schiavi, soprattutto grazie alla sua Maison des Escalves e alla porta del non ritorno, e venne inclusa in numerosi pacchetti turistici di massa gestiti da tour operators europei.

Documento 5: Gorée, 2004. La Maison des Esclaves, con la porta del non ritorno.

Documento 5: Gorée, 2004. La Maison des Esclaves, con la porta del non ritorno.

Fotografia di Magnani

25Dagli anni ’90 l’isola è diventata anche una meta per turisti indipendenti, soprattutto backpackers, portando all’apertura di alloggi turistici di proprietà della popolazione locale, soprattutto nella forma di hébergement chez l’habitant. Tuttavia, questo felice inizio non ha mai conosciuto un pieno sviluppo poiché l’amministrazione locale non è mai stata in grado di realizzare sull’isola un sistema turistico integrato ma ha semplicemente consentito che la popolazione locale avviasse iniziative private senza mettere in atto alcuna forma di coordinamento né una strategia di marketing territoriale. E così Gorée, che alla fine degli anni ’70 era divenuta il simbolo mondiale della tratta degli schiavi, venne abbandonata all’iniziativa di persone non qualificate, incapaci di affrontare le sfide dello sviluppo turistico quali la contaminazione culturale, la perdita delle attività tradizionali, l’eccessiva crescita di attività commerciali, la distruzione dell’ambiente naturale. Solo recentemente l’amministrazione ha compreso l’impatto negativo di questa scelta su un luogo che è un WHS e così, sostenuta dal Ministero del Turismo, sta cercando di porre degli argini alla situazione, sebbene con la cresi economica globale iniziata nel 2009, anche l’isola sta conoscendo un diminuito interesse turistico e infatti il numero dei visitatori è diminuito considerevolmente ; contemporaneamente, il denaro necessario per rinvigorire il sistema turistico locale, ristrutturare gli edifici storici e avviare delle attività integrate che coinvolgano tutti gli stakeholders non sono facilmente reperibili.

26Gorée venne iscritta nella lista dei WHS nel 1979, secondo il criterio IV, che protegge quei luoghi che rappresentano un’eccezionale esempio di una tecnica di costruzione o di un’architettura tipica di un particolare momento storico : Gorée insomma è la rappresentazione vivente dell’epoca della tratta degli schiavi, quando le sue case di pietra vennero costruite.

27Dopo la su iscrizione nella lista è stata in grado di attrarre molti turisti, ma da allora la promozione dell’isola si è concentrata esclusivamente sulla Maison des Esclaves, e questo può probabilmente rappresentare un aspetto debole della politica turistica, poiché tutte le altre risorse, culturali e naturali, vengono lasciate inutilizzate, quali gli altri musei, la scogliera di basalto, le bellezze de mare e l’incantevole atmosfera delle piccole strade dell’isola con i suoi giardini fioriti. Questa scelta di marketing territoriale danneggia la popolazione locale, la quale, essendo molto povera, potrebbe beneficiare enormemente da una migliore promozione delle risorse dell’isola.

Documento 6: Gorée, 2003. Le incantevoli stradine di Gorée.

Documento 6: Gorée, 2003. Le incantevoli stradine di Gorée.

Fotografia di Elisa Magnani

28L’isola viene visitata ogni anno da diverse centinaia di migliaia di turisti, tuttavia questo grande numero di turisti non porta reale benessere alla popolazione locale.

29Si possono individuare due fondamentali ragioni per visitare Gorée : primo, visitare una destinazione culturale e secondo, fare una sorta di pellegrinaggio alla famosa Maison des Esclaves. Tra i pellegrini si trovano Afro-Americani in cerca delle proprie origini africane, come detto più sopra. Tuttavia, sono molti anche i turisti che visitano Gorée semplicemente perché è un’escursione inclusa nel pacchetto vacanze che hanno acquistato. Inoltre, la maggior parte dei turisti trascorre solo poche ore sull’isola, il tempo di una veloce visita alla Maison des Esclaves, lasciando ben pochi guadagni ai locali, per i quali il turismo non è quindi un’attività economica su cui basare la propria sussistenza e per i quali i turisti divengono meri “portafogli con le gambe”, da sfruttare il più possibile per il breve tempo che trascorrono sull’isola. Questa breve visita, inoltre, impedisce che i turisti facciano un’esperienza culturale completa, che includa anche la cultura vivente della popolazione goreana. Il risultato è un’esperienza anomala di turismo culturale, che non porta assolutamente al dialogo interculturale.

30I guadagni maggiori, infatti, vengono portati dai turisti indipendenti, i quali pur avendo spesso budget più contenuti dei turisti di massa, trascorrono più giorni sull’isola, usando alloggi e ristoranti locali.

Documento 7: Carta ufficiale di Gorée, ottenuta dalla mairie,

Documento 7: Carta ufficiale di Gorée, ottenuta dalla mairie,

Modificata da Elisa Magnani

31L’impressione generale che un turista si fa di Gorée è piuttosto negative : alcuni percepiscono solo la tristezza della memoria della tratta, altri sono infastiditi dalla popolazione locale, soprattutto dalle guide informali, dai venditori ambulanti e dagli accattoni, mentre altri sono colpiti positivamente dalla bellezza delle case di pietra e dei giardini fioriti, dalla spiaggia e dal cibo
L’isola è facilmente accessibile, essendo collegata con Dakar diverse volte al giorno da un traghetto, consentendo ai turisti di andare e venire a piacere ; tuttavia questa facile accessibilità può essere anche vista in chiave negativa, poiché impedisce che i turisti vi si fermino per periodi più lunghi.

32Tra le strutture turistiche dell’isola troviamo due alberghi e una dozzina di hébergement chez l’habitant, la maggior parte dei quali sono gestiti informalmente. Inoltre, la maggior parte di queste sistemazioni turistiche sono sconosciute e non pubblicizzate, e anzi la maggior parte dei turisti non sa nemmeno di poter dormire sull’isola : essi vivono Gorée come un museo all’aria aperta e peronod completamente l’opportunità di conoscere la cultura dei goreani d’oggi.

33Ci sono inoltre circa una dozzina di ristoranti, quasi tutti allineati davanti al porto, e tutti con lo stesso menu e ben poca originalità ; infine, ci sono circa un centinaio di chioschi che vendono souvenirs ai turisti, un numero davvero eccessivo per un’isola così piccola, soprattutto se rapportato al limitatissimo numero di artigiani : la maggior parte di venditori, infatti, vende prodotti importati e, essendo così numerosi, la competizione è spietata e ben pochi riescono a ricavare di che vivere da questa attività.

Documento 8: Gorée, 2004. Il Marché Atrisanal.

Documento 8: Gorée, 2004. Il Marché Atrisanal.

Fotografia di Elisa Magnani

34Questi piccoli imprenditori hanno creato alcuni anni fa delle associazioni di categoria, alle quali hanno affidato il compito di rappresentare i loro interessi presso l’amministrazione locale. Le associazioni sono anche luoghi di aggregazione sociale, all’interno dei quali si realizzano progetti di micro-credito, usando la forma tradizionale dell’Africa occidentale, chiamata tontine, basata sulla responsabilità condivisa del debito.

35La presenza di attività informali è una delle maggiori debolezze del sistema turistico dell’isola, in particolare le guide tendono a creare grande confusione e a volte anche un senso di insicurezza tra i turisti. La loro presenza crea un doppio impatto negativo : esse infatti non pagano le tasse alla mairie ed estorcono ai ristoranti e agli alloggi una commissione per ogni turista che portano nella struttura (creando un monopolio de facto sul sistema turistico locale), ma promuovono anche un’immagine negativa dell’isola. Il Comune ha avviato un piano per limitarne l’azione e apparentemente la situazione sta migliorando.

36Un’analisi completa degli stakeholders turistici locali non può comunque limitarsi a ristoranti, alloggi e guide, perché in effetti il milieu turistico dell’isola è piuttosto ricco di altri attori, quali la mairie, che supporta lo sviluppo del settore, in accordo con le linee guida del Ministero del Turismo, volte all’eliminazione dell’informalità e alla creazione di un’immagine e di un servizio migliori.

37L’amministrazione locale è molto interessata a migliorare il settore turistico e sta cercando di porre rimedio agli aspetti critici evidenziati poco sopra, quali, in particolare, le guide informali, i venditori abusivi e lo scarso livello di alcuni alloggi turistici ; tuttavia, i problemi da risolvere sono numerosi e severi e al momento la situazione descritta rimane inalterata. Dal suo canto il Ministero del Turismo ha prodotto e divulgato alcune linee guida nazionali, ma apparentemente non è molto interessata all’isola, preferendo investire in altre aree del paese, dove è possibile sviluppare il più lucroso turismo d’affari.
Tra gli altri stakeholders, troviamo il BAHM, Bureau de l’Architecture et des Monuments Historiques, che svolge una funzione di controllo sul mantenimento degli edifici storici, e lavora con la mairie e il Ministero del Turismo per promuovere l’immagine dell’isola a livello internazionale. Infine, il Sindacato turistico locale promuove diverse attività turistiche sull’isola, quali festival ed eventi, ma a causa di un drastico tagli di fondi le sue funzioni sono molto ridotte.

38Per concludere, il turismo a Gorée è fortemente stagionale ; essendo la Francia il suo principale mercato, i turisti tendono a concentrarci durante le vacanze scolastiche europee, in estate e attorno a Natale. Tutti gli altri mesi sono caratterizzati da un flusso turistico molto scarso, facendo del turismo, come già evidenziato, solo un’attività complementare per la sussistenza delle famiglie goreane.

39Inoltre, questa stagionalità ha un impatto significativo sull’ambiente naturale, poiché nella stagione di punta le risorse naturali vengono consumate a ritmi molto elevati, andando a incidere sulla possibilità per la popolazione locale di accedervi. In effetti, la popolazione è molto poco coinvolta nel processo decisionale in merito allo sviluppo territoriale e al turismo e l’amministrazione ammette un generale laissez-faire che potrebbe avere pesanti ricadute sul controllo del territorio da parte dei residenti. Ne è un esempio il fatto che diversi edifici sono stati venduti a Europei, fatto che ha portato a un aumento dei prezzi degli immobili e del costo della vita in generale. Questa tendenza potrebbe portare molti goreani a lasciare l’isola, sopraffatti da un tenore di vita che non riescono più a sostenere, trasformando così Gorée in un museo o in una residenza per ricchi occidentali, una sorta di paradiso gentrificato per la ricca borghesia europea, deprivato della sua cultura vivente.

40Pur riconoscendo che il turismo è problematico a causa di una cattiva amministrazione che favorisce gli interessi di pochi anziché dei più, la maggioranza degli imprenditori locali ritiene che esso sia una buona fonte di guadagni e solo una minoranza molto piccola riconosce che esso porta solo sussistenza e non benessere. E’ chiaro che il turismo non è in grado di avere un impatto positivo sulla riduzione della povertà né sulla tutela dell’ambiente e delle tradizioni locali, avendo anzi introdotto pratiche sociali completamente aliene quali la prostituzione e l’abbandono dell’ospitalità tradizionale, la teranga.

Ilha de Moçambique

41Pur condividendo con Gorée buona parte della storia coloniale, è dopo la decolonizzazione che le due isole si differenzino maggiormente ; inoltre la posizione geografica è diversa : mentre la prima è vicinissima alla capitale e alla terraferma, la seconda, pur essendo collegata con la terraferma attraverso un ponte, è lontanissima dalla capitale ed è, di conseguenza, visitata da un numero più limitato di turisti.

42Le tre risorse su cui si basa la fortuna turistica di Gorée sono le stesse che si trovano anche a Ilha : la tratta atlantica, la ricca società meticcia locale, l’architettura coloniale, a cui si aggiunge anche una quarta risorsa, il mare, che offre paesaggi meravigliosi. L’isola tuttavia è pressoché sconosciuta da un punto di vista turistico, forse per il fatto che non è associata come Gorée a una simbolo culturale così forte come la Maison des Esclaves, e come conseguenza di uno scarso marketing territoriale turistico. Eppure il turismo era sviluppato sull’isola già a partire dagli anni ’40 (Lobato, 1945), quando i ricchi portoghesi potevano far conto sulla presenza di un hotel e di una piscina.

43Per analizzare il milieu turistico di Ilha, bisogna partire dalla sua struttura urbana, che è chiaramente divisa in due parti : quella settentrionale, chiamata bairro museu, e protetta dall’Unesco, che è completamente costruita con le belle case di pietra dell’epoca coloniale (case in pedra e cal) e oggi abitata da persone benestanti o europee, e quella meridionale, in cui le abitazioni sono capanne con tetto di palma, chiamate case di macuti houses, abitate storicamente dalla popolazione più povera.

Documento 9a e 9b: Ilha de Moçambique, 2008. La città di Macuti.

Documento 9a e 9b: Ilha de Moçambique, 2008. La città di Macuti.

Fotografie di Elisa Magnani

44Inoltre, la città di Macuti si trova al di sotto del livello del mare, perché i Portoghesi hanno usato la roccia di questa parte dell’isola per costruire le case di pietra dell’area settentrionale (Forjaz, 1999 ; Houdayer, 1999), e per questo motivo non è mai stato possibile costruire qui un sistema fognario, cosicché oggi la popolazione non ha il bagno in casa ed è costretta ad utilizzare le spiagge per i bisogni fisiologici, con un grave danno per il settore turistico, ma anche per l’igiene e la morale locale.

45Per queste ragioni la prima immagine che un turista si costruisce dell’isola è negativa : accesso difficile, mancanza di pulizia e di organizzazione, mancanza di informazioni turistiche e di gestione del settore. Per arrivare a Ilha da Maputo è necessario un volo di 2 ore molto costoso (a causa del monopolio che la compagni di bandiera ha sui voli domestici) per la città di Nampula, a cui si deve prendere un mezzo locale stracolmo di persone, animali e vegetali, che può durare da 2 a 4 ore a seconda del numero di fermate sulla strada. Alla fine del lungo viaggio il turista viene poi lasciato sul limitare meridionale dell’isola, dove non trova un ufficio turistico ad accoglierlo, e da cui quindi dovrà trovare la propria strada verso l’alloggio che ha prenotato, o cercarne uno. A causa di una generale mancanza di conoscenza dell’inglese questa fase può essere molto difficile e, sebbene tutto ciò possa sembrare piacevole a qualche turista desideroso di vivere un’avventura africana, non lo è per molti, considerando anche che Ilha non si vuole promuovere come destinazione d’avventura, ma come destinazione culturale. In questo modo, insomma, diventa inaccessibile per i suoi turisti potenziali e sebbene si possa dire che uno scarso flusso di turisti può consentire una migliore conservazione delle risorse locali, viene a mancare l’opportunità di sviluppo che la popolazione dell’isola tanto aspetta.

46Il numero di turisti che visitano l’isola ogni anno è di qualche migliaia, ma non è possibile avere dati ufficiali perché l’amministrazione locale non ha un modo per contarli : la maggior parte si ferma sull’isola un paio di notti, a causa di una scarsa disponibilità di attività da svolgere una volta lì. La maggior parte dei flussi si concentra nel periodo dell’estate europea, in corrispondenza con le vacanze, e la maggior parte dei turisti sono portoghesi o sudafricani, data la vicinanza geografica dei due paesi ; molto pochi Afro-Americani visitano l’isola in cerca delle proprie origini perdute.

47Sull’isola si trovano diverse strutture di alloggio turistico, ma solo poche di esse sono pubblicizzate su Internet o sulle guide turistiche, le altre devono essere scoperte una volta arrivati. In tutto ci sono 17 hotel e Bed & Breakfast, 6 ristoranti e bar e diversi chioschi che vendono cibo e bevande, più un campeggio e 3 altri alloggi che si trovano sulla terraferma vicino al ponte, per un totale di circa 150 letti. Vi sono inoltre un paio di negozi che vendono souvenirs, per lo più prodotti localmente, un mercato in cui la popolazione locale vende tessuti e atri prodotti, e alcuni venditori ambulanti di collanine, chiamate missangas, fatte con le perline dell’epoca coloniale. Queste perline hanno una storia interessante, infatti durante l’epoca della tratta le perline di vetro venivano acquistate a Murano, un’isola di Venezia, e usate in Africa come moneta per comprare schiavi e altri beni ; però durante la navigazione nel canale del Mozambico molte navi affondavano spandendo il proprio carico di perline sul fondo dell’Oceano, da cui le correnti le portavano verso le coste della Baia di Mossuril. Qui esse venivano raccolte dalla popolazione locale e usate come moneta e, più tardi, infilate in collane che venivano poi vendute ai turisti. Oggi le perline originali sono ormai finite e la gente di Ilha vende collanine fatte con perline “made in China”, che però continuano a spacciare per originali.

48Il settore commercial di Ilha è all’opposto di quello di Gorée, dove abbiamo visto che sono presenti troppi piccoli commercianti e venditori ambulanti, che scatenano una competizione poco proficua per tutti : qui, invece, ci sono molto pochi venditori e il settore potrebbe sicuramente essere ampliato.

49Come a Gorée la maggioranza degli attori turistici gestisce anche altre attività, perché il turismo non è in grado di assicurare una sussistenza sicura per tutto l’anno, nonostante diversi progetti promossi dai locali e da Ong internazionali. A causa dei numerosi problemi sociali presenti sull’isola la maggior parte degli operatori turistici hanno un’attitudine fatalista, sebbene molti continuino ad impegnarsi per promuovere uno sviluppo turistico che sia sostenibile.

50Trovano impiego nel settore turistico circa 150-200 persone, a cui vanno aggiunti altri impieghi indiretti (pescatori, coltivatori del lato continentale, trasportatori, ecc) e informali (guide, proprietari di alloggi, ecc). La maggior parte di questi è originaria dell’isola o delle aree limitrofe, tranne alcuni dipendenti dell’albergo che sono formati professionalmente e provengono anche da altre regioni del paese.

51L’amministrazione turistica locale è composta dall’assessorato al turismo del comune, dal GACIM (Gabinete de Conservação da Ilha de Moçambique), un organo predisposto alla protezione e alla promozione del patrimonio cultural dell’isola, e da un’associazione di piccoli imprenditori turistici locali, chiamata APETUR, che è molto attiva nel raccogliere fondi e nel promuovere l’immagine dell’isola livello internazionale, e a fornire una formazione alla popolazione locale che apre attività turistiche. Nel 2008 il GACIM ha avviato un piano per promuovere il patrimonio culturale intangibile, quali le danze tufo, il musiro , le missangas, la gastronomia locale, l’uso dei dhow come imbarcazioni locali, e dei rickshaw . La riscoperta di queste tradizioni e il loro uso turistico passa attraverso eventi nazionali e internazionali, quali fiere del turismo e pacchetti turistici ad hoc.

Documento 11: Ilha de Moçambique, 2008. Danze tradizionali.

Documento 11: Ilha de Moçambique, 2008. Danze tradizionali.

Fotografia di Elisa Magnani.

52In particolare, l’assessorato al turismo segue e accompagna i residenti che cercano di aprire un’attività turistica, e tuttavia la presenza di attività informali è ben nota e tollerata, considerando che la tassa governativa per aprire un’attività legale è molto elevata e che ben pochi locali possono permettersi di pagarla E’ comunque da notare che la presenza di attività informali nell’ambito dell’accoglienza turistica ha un impatto negativo sull’immagine dell’isola, considerando la scarsa qualità dell’offerta che queste riescono ad offrire. Un’altra conseguenza di questa alta tassa è che essa tende a favorire gli stranieri che vogliono aprire attività turistiche, avendo questi una disponibilità economica più elevata e anche migliori capacità manageriali. Anche qui, come a Gorée, questa tendenza è molto pericolosa, perché può portare a un innalzamento del costo degli immobili e della vita in generale, con conseguente abbandono dell’isola da parte della sua popolazione nativa, facendone un luogo di residenza per ricchi europei.

53Questi tre attori turistici di cui abbiamo parlato – il GACIM, APETUR, l’assessorato al turismo – lavorano inoltre con il Museo di Ilha de Moçambique per promuovere l’heritage locale e il turismo e cooperano per promuovere l’immagine di Ilha quale un luogo chiave nella storia del paese, del Portogallo ma anche di luoghi Altri, nell’Oceano Indiano e Atlantico.

Documento 12a e 12b: Ilha de Moçambique, 2008. Il patrimonio costruito : il Forte de São Lourenço con un tradizionale dhow sul davanti, e la Moschea verde.

Documento 12a e 12b: Ilha de Moçambique, 2008. Il patrimonio costruito : il Forte de São Lourenço con un tradizionale dhow sul davanti, e la Moschea verde.

Fotografia di Elisa Magnani

54Il bairro museu è stato dichiarato WHS nel 1991, secondo i criteri IV e VI : mentre il primo protegge quei luoghi che rappresentano un’eccezionale esempio di una tecnica di costruzione o di un’architettura propria di un particolare momento storico (come Gorée), il secondo viene concesso a luoghi fortemente connessi a eventi e tradizioni, idee e credenze del passato : Ilha viene così considerata dall’Unesco come un simbolo eccezionale di un periodo storico, con i suoi edifici e struttura urbana, ma anche di un evento, la tratta degli schiavi, che ha rappresentato un periodo chiave nella storia dell’Africa e del Mondo.

55Tuttavia, Ilha sfrutta molto male la sua connessione all’evento : sull’isola in effetti la promozione dei luoghi della tratta è molto limitata, benché durante gli anni in cui questa veniva praticata molte migliaia di schiavi passarono per l’isola. A Ilha, però, la memoria della tratta si trova solo in narrazioni aneddotiche delle guide e in un Giardino della memoria, costruito nel 2007 con il contributo del Governo di Réunion, che però è già stato abbandonato e viene usato dalla popolazione locale come parcheggio per le moto o come gabinetto. Invece, il recupero di questi beni potrebbe essere molto importante per attirare il mercato del turismo della memoria, in particolare nei confronti di Afro-Americani (soprattutto brasiliani), in cerca delle proprie origini africane.

56La promozione del turismo e della cultura a Ilha de Moçambique si basa sul patrimonio locale, ma non riesce a raggiungere tutti i potenziali turisti interessati, a causa di una mancanza di visibilità e della sua difficile accessibilità. La causa di questa situazione è la diffusa povertà e la necessità, da parte dell’amministrazione locale, di far fronte a situazioni sociali molto difficili negli ambiti dell’educazione, della sanità e delle attività tradizionali quali la pesca. E’ chiaro, come a Gorée, che il turismo non è uno strumento vincente nella lotta contro la povertà ma è solo un elemento complementare a sostegno delle famiglie dell’isola, senza però che esso riesca a raggiungere tutta la popolazione. L’amministrazione centrale, dal suo canto, non mostra grande interesse per l’isola, a causa della sua lontananza e anche perché viene percepita come un luogo più legato alla storia coloniale che non a quella nazionale (Houdayer, 1999), la cui memoria non interessa preservare. L’isola insomma non viene percepita come un luogo in cui ricordare la tragedia umana della tratta.

57Per concludere, considerando la sua lontananza e difficoltà di accesso, Ilha è costretta a confrontarsi con una debolezza infrastrutturale e naturale che non è in grado di risolvere da sola : è solo con il supporto di strategie nazionali mirate che essa riuscirà a svilupparsi sia da un punto di vista sociale che turistico.

Conclusione

58Il label « patrimonio mondiale » attribuito dall’Unesco proietta uno spazio locale nel mondo e gli permette di ancorarsi e trovare delle nuove radici (Ouallet, 2009). Il caso di Lalibela mette in evidenza come le persone possono essere, individualmente, degli attori capaci di far parte del Mondo. Alcuni di loro, i “mediatori culturali” sono in grado di ottenere profitti dai flussi del turismo internazionale per arricchire se stessi e, forse, contribuire allo sviluppo economico locale di un sito del Patrimonio mondiale dell’umanità. Essi sono per lo più dei fattori della trasformazione delle pratiche e delle rappresentazioni culturali, della loro ibridazione tra il locale e il globale. Così grazie a processi di accoglienza, di distorsione e d’appropriazione di relazioni e modelli globalizzati da parte delle comunità locali si possono costruire ed elaborare delle località originali e ibride. Nel contribuire a (ri)definire la relazione della popolazione di Lalibela con il mondo, il turismo contribuisce così alla realizzazione di uno spazio sociale originale in cui lo straniero è considerato come la promessa di “una vita migliore”, o più in generale come una finestra aperta davanti ad una pluralità di vite immaginate, che potrebbero essere migliori e altrove.

Haut de page

Bibliographie

ANGIUS M., ZAMPONI M., Ilha de Moçambique : convergência de povos e culturas, San Marino AIEP, 1999.

BARTOLETTI R., « ‘Memory tourism’ and commodification of nostalgia », in BURNS P., PALMER C., LESTER J-A., Tourism and visual culture. Volume 1, CABI International, Wallingford, 2010.

BAUM T., « The fascination of islands : a tourist perspective », in Lockhart D., Drakakis-Smith D., Island tourism. Trends and prospects, Pinter, London and New York, 1997.
BELLAGAMBA A., « Back to the Land of Roots. African American tourism and the cultural heritage of the River Gambia », Cahiers d’études africaines, 1-2, 193-194, 2009, pp. 453-476.

CAMARA A., « Gorée : passé, présent et futur », in Le patrimoine culturel africain, Maisonneuve et Larose, pp. 83-106, 2001.

CAPELA, J. « O trafico de escravos na Ilha de Moçambique », in ANGIUS M, ZAMPONI M. (Eds.), Ilha de Moçambique. Convergência de povos e culturas, San Marino, Aiep Edtore, pp. 54-69, 1999.

CHHABRA D., Sustainable marketing of cultural and heritage tourism, London and New York, Routledge, 2010.

COLES T., TIMOTHY D.J. (Eds.), Tourism, diasporas and space, London and New York : Routledge, 2004.

CURTO J. C., LOVEJOY P.E. (Eds.), Enslaving connections. Changing cultures of Africa and Brazil during the era of slavery, New York, Humanity Books, 2004.

DANN G., SEATON A. « Slavery, contested heritage and thanatourism », in DANN G., SEATON A. (Eds.), Slavery, contested heritage and thanatourism (1-29). New York and London, Haworth, 2001.

DAVIDSON B., The African slave trade. Oxford, James Currey 2004.

DIENE D., From chains to bonds. The slave trade revisited, New York and Oxford, Berghahn Books & UNESCO Publishing, 2001.

DUNKLEY R., MORGAN N., WESTWOOD S., « Visiting the trenches : exploring meaning and motivations in battlefield tourism », in Tourism Management, XXX 2010, pp. 1-9.

FORJAZ J., « Ilha de Moçambique : arte e arquitectura », in ANGIUS M., ZAMPONI M., Ilha de Moçambique : convergência de povos e culturas, San Marino AIEP, 1999.

GILROY P., The Black Atlantic, Roma, Meltemi, 2003.

HALL S., « Cultural identity and diaspora », in RUTHEFORD J., (Eds.), Identity, community, culture, difference, Lawrence & Wishart, London, 1990.

HOUDAYER Y., « Ilha de Moçambique : utópica Muipiti ? », In ANGIUS M., ZAMPONI M., Ilha de Moçambique : convergência de povos e culturas, San Marino AIEP, 1999.

KING R., « The geographical fascination of islands », in LOCKHART D. DRAKAKIS-SMITH D., SCHEMBI J., The development process in small islands states, London and New York, Routledge, 1993.

KOUDESSA LOKOSSOU C., « The slave trade and cultural tourism ». In DIENE D. (Eds), From chains to bonds. The slave trade revisited, New York and Oxford, Berghahn Books & UNESCO Publishing, 2001.

LANDO F., « Turisticità : ipotesi per un’interpretazione », in SALA A. M., GRANDI S., DALLARI F., Turismo e turismi tra politica e innovazione, Patron, Bologna, 2008.

LE GOFF J., Memoria, Torino, Einaudi, 1982

LOBATO A., A Ilha de Moçambique, Imprensa Nacional de Moçambique, Lourenço Marquez, 1945.

LOFORTE A.M., MATE A., « Sociedades costeiras do Norte de Moçambique : gestão e maneio dos recursos. O caso da Ilha de Moçambique », in ANGIUS M., ZAMPONI M., Ilha de Moçambique : convergência de povos e culturas, San Marino AIEP, 1999.

LOZATO-GIOTART J.P., « Finalità turistica e finalità territoriale o la difficile coesistenza della tradizione e della modernità », in CUSIMANO G. (Eds.), Luoghi e turismo culturale, Bologna, Pàtron, 2006.

MAGNANI E., Turismo, memoria e tratta degli schiavi. L’heritage come strumento di sviluppo locale in Africa, Franco Angeli, Milano, 2013.

MCELROY J., DE ALBUQUERQUE K., « Problems for managing sustainable tourism in small islands », in APOSTOLOPOULOS Y., GAYLE D.J., Island tourism and sustainable development. Caribbean, Pacific and Mediterranean experiences, Westport, Praegel, 2002.

MEETAN K., « ‘To stand in the shoes of my ancestors’. Tourism and genealogy », in DANN G., SEATON A. (Eds), Slavery, contested heritage and thanatourism, Haworth, New York e London, 2001, pp. 139-150.

NEWLAND K., TAYLOR C., Heritage tourism and nostalgia trade : a diaspora niche in the development landscape, USAID, MPI, 2010.

PARK H.Y., « Heritage tourism. Emotional Journeys into Nationhood », in Annals of Tourism Research, 37, n° 1, 2010, pp. 116–135.

PITT D., « Sociology, islands and boundaries », World Development, vol. 8, pp. 1051-1059, 1980.

RENEAUDEAU M., Gorée, Paris, Richer-Hoa-Qui, 1985.

RUSSEL D. W., « Nostalgic Tourism », in Journal of Travel & Tourism Marketing, 25, 2, 2008, pp. 103-116.

SMITH A. D., National identity, Penguin, London, 1991.

TIMOTHY D., Heritage and tourism. An introduction, Bristol Channel View Publications, 2011.

TIMOTHY D.J., BOYDS.W., Heritage tourism, Harlow, Prentice Hall, 2003.

TURCO A., Geografie della complessità in Africa : interpretando il Senegal, Milano, UNICOPLI, 1986.

TURRI E., Il paesaggio come teatro. Dal territorio vissuto al territorio rappresentato, Venezia, Marsilio, 1998.

UNESCO, Gorée. Island of memories, Paris, UNESCO, 1985.

WILSON J.Z., Prison. Cultural memory and dark tourism, New York, Peter Lang Publishing, 2008.

ZAMPONI M., « Encruzilhada de povos e culturas no Oceano Indico », in ANGIUS M., ZAMPONI M., Ilha de Moçambique : convergência de povos e culturas, San Marino AIEP, 1999.
www.unesco.org/culture/slaveroute

Haut de page

Table des illustrations

Titre Documento 1: Dakar e Gorée
Crédits Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 40k
Titre Documento 2a e 2b: Lo stato di cattiva conservazione degli edifici storici. Fotografia
Crédits Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 52k
Titre Documento 3: La posizione di Ilha de Moçambique nel paese
Crédits Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 48k
Titre Documento 4a e 4b: Ilha de Moçambique, 2008. Lo stato di cattiva conservazione di alcuni edifici storici, e l’erosione costiera.
Crédits Fotografia di Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 60k
Titre Documento 5: Gorée, 2004. La Maison des Esclaves, con la porta del non ritorno.
Crédits Fotografia di Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 68k
Titre Documento 6: Gorée, 2003. Le incantevoli stradine di Gorée.
Crédits Fotografia di Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 76k
Titre Documento 7: Carta ufficiale di Gorée, ottenuta dalla mairie,
Crédits Modificata da Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 40k
Titre Documento 8: Gorée, 2004. Il Marché Atrisanal.
Crédits Fotografia di Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 84k
Titre Documento 9a e 9b: Ilha de Moçambique, 2008. La città di Macuti.
Crédits Fotografie di Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 64k
Titre Documento 10: Carta di Ilha.
Crédits http://whc.unesco.org/​archive/​advisory_body_evaluation/​599.pdf, modificata da Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 32k
Titre Documento 11: Ilha de Moçambique, 2008. Danze tradizionali.
Crédits Fotografia di Elisa Magnani.
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 64k
Titre Documento 12a e 12b: Ilha de Moçambique, 2008. Il patrimonio costruito : il Forte de São Lourenço con un tradizionale dhow sul davanti, e la Moschea verde.
Crédits Fotografia di Elisa Magnani
URL http://journals.openedition.org/viatourism/docannexe/image/974/img-12.jpg
Fichier image/jpeg, 46k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Elisa Magnani, « Cultura e turismo? Limiti e potenzialità dello sviluppo turistico sostenibile a Gorée, Senegal e Ilha de Moçambique, Mozambico », Via [En ligne], 4-5 | 2014, mis en ligne le 26 octobre 2014, consulté le 23 avril 2021. URL : http://journals.openedition.org/viatourism/974 ; DOI : https://doi.org/10.4000/viatourism.974

Haut de page

Auteur

Elisa Magnani

Lecturer of Geography at the School of Languages and Literatures, Translations and Interpreting of the University of Bologna, her main research interests are cultural and memory tourism, connected to the heritage of the slave trade, tourism-based local development and community-based and pro-poor tourism in Africa, environment protection and community conservation strategies in sub-Saharan Africa. In relation to these topics she has carried out several fieldwork missions in Senegal and Mozambique.
Moreover, she studies the topics of best practices for social integration and intercultural dialogue, and of didactics of Geography connected to the use of information technologies.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Via Tourism Review est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search