Navigation – Plan du site
Maimonides’ Guide of the Perplexed, I, 31, in the Latin, Spanish and Italian Translations

Erudizione dei confusi, I, 31

p. 253-256

Texte intégral

Erudizione de’ confusi, transl. Yedidya Rimini. Berlin, Staatsbibliothek, Ms. Or. Quart. 487 (Steinschneider 55), f. 49.

  • 1 The incipit of the translation of this chapter is much longer than the original: the addition has t (...)
  • 2 «sopra naturale» is an addition, probably inspired by Efodi’s commentary.
  • 3 «Nel mondo circolare» is an addition, with an explanatory function.
  • 4 Three words to translate השגות.
  • 5 בעלי החכמה
  • 6 Three words for התגברות.
  • 7 Mistake; it shoud have been «nazione».
  • 8 «asoluta» is an addition.
  • 9 Calque of the Hebrew text.
  • 10 העניין
  • 11 Two words for בלבול
  • 12 Instead of «Afrodisia». The translator did not understand the Hebrew פרדוסי?
  • 13 Not in the text.
  • 14 Long paraphrase for אהבת הרשות והנצוח
  • 15 Rare vocalization of the Hebrew word: לֵ
  • 16 Two words for דקותו
  • 17 אפשר
  • 18 Sometimes אססיר, sometimes איסיר.
  • 19 Aborire, to hate.
  • 20 Two words for דעות
  • 21 «Quela sola tiene per verisima» is not in the text.
  • 22 ההרגל הגדול
  • 23 Long paraphrase.
  • 24 המשל והחידה
  • 25 «vana» not in the text.

1Hai da sapere che l’inteletto umano è ristretto e limitato e determinata [sic] ne’ sui termini, per il ché ha egli molte speculazioni che in poter suo e [p. 50] naturalmente li po' comprendere; e nel mondo angelico sono sostanze e concetti che naturalmente non li po' comprendere in modo nessuno1, ancor ché fosse aiutato da alcuna causa sopra naturale2; ma sempre le porte de la lor cognizione li sonno chiuse in faccia. Nel mondo circolare3 poi sonno cose che l’inteletto parte ne comprende, e parte ne ignora; né quel che li è concesso di poter comprendere è risolutamente necesario che lo comprenda interamente, sì come aviene a li sensi, che hanno le lor potenze limitate e determinate a posedere li lor obietti, né possino comprenderli in qual si voglia distanza indeterminata che sia. E si come aviene a tute le altre potenze del corpo; come l’homo per esempio, ben ché possa portare doi talenti, non ne potrà portare dieci. E il vantagio de l’individui de la specia, l’un più del l’altri, in queste cognizioni sensitive, e nel resto de le potenze corporee, si vede manifestamente da ogni uno, ecetto che la cosa è terminata e non procieda a qual si voglia distanza in infinito e a qual termine che possa acadere. Il simile aviene ne le forze e potenze e virtù4 de l’inteletto umano, però che troverai gran vantagio tra l’individui de la specia che hanno sopra l’altro di gran lunga, il che è manifestissimo a’ leterati5 di modo tale, che la inteligenzia di una cosa dificile uno la posederà studiando per se stesso, e un altro per il contrario non potrà intender quela cosa per alcun tempo gia mai, ben che li fosse insegnata e facilitata da valenti maestri, con tuto ciò il suo inteletto non lo potrà penetrare in modo nesuno, anzi stracarassi la debolezza del suo inteletto da poterlo intendere. E questo vantagio similmente non camina in infinito, ma l’inteletto humano è terminato senza dubio, presso al qual termine è necesario si ferma, di modo tale che sono alcune cose che è manifesto al homo la imposibilità di poterli capire; a tal che non li dà l’animo di desiderarli né di saperli considerando questa imposibilità, e che non vi è strada per laquale possa caminare per arivare. Si come ignoramo il numero de le stelle del cielo, né sapiamo se sono di numero paro o disparo; e si come ignoramo il nummero [sic] de le specie de l’animali, e de li mineri, e de le piante e altri simili. Ma sonno ben alcuno [sic] cose che l’homo ha in se stesso un ardente desiderio di comprenderle e senta in se stesso un impeto e un sforzo e un stimolo6 de l’inteletto per cercar la verità di essi e esaminarla. Per il ché si trova in ogni azione7 e in ogni tempo certe sette contemplative tra gli homini, tra quali ragionamenti sonno varie le opinioni e nasce la disputa tra studento [sic] e nascono novi dubii.; il ché è causato dal impeto del inteletto nel comprendere quele tal cose, cioè per il desiderio che ha di essi e per lo imaginarsi e giudicare ogni uno di aver trovato lui la vera strada, con la quale si possa posedere la verità del sogetto, se non ché non [p. 51] è in un potere del inteletto umano di produre una dimostrazione asoluta8 sopra quela tal cosa. Per ché ogni cosa che sia conosciuta la sua verità con la dimostrazione9 non vi è più disputa né dubio d’inganno né incoveniente. Se però non fosse un pazzo che volesse ancora disputarla, la qual disputa è detta la disputa de la dimostrazione, sì come si trova alcune persone che hanno refutata e riprovata la rotondità del mondo, e l’esser il corpo celesto di forma rotonda, a altri simili; le quali persone in vero non hanno che fare con esso [sic] noi in cotesto nostro tratato10. La quale confusione e ambiguità11 si trova spesse volte ne le cose de la teologia e rade volte ne le cose naturali, ma non già mai ne le cose matematiche. Soleva dire Alesandro Paradosso12 che le cause de la disputa sopra i concetti eser tre. Una l’esser l’homo per natura sua13 desideroso di posedere il primo grado e la palma de la vitoria di portare, e vincere e non esser vinto14, le [sic]15 qual cosa in vero vietino l’homo, che non po' comprendere la verità in quel modo che è veramente. La seconda causa è la sotilità e la oscurezza16 del concetto che si cerca di posedere per se stesso e la profondità di quelo e la dificoltà di penetrarlo. La terza è la ignoranza del studente e la debolezza del suo inteletto di poter arivare a capire e posedere quelo che comodamente17 si potrebbe posedere da un altro. Questo è quanto dice Alesandro. Ma ne la età nostra è nata una quarta causa non detta da lui, non esendo in quelli tempi, qual è l’avezzo e lo amaestramento: per ché li homini naturalmente amano quel costumo, e quel modo di vivere, nel quale sono usitati e si inclinino a quello volentieri. Di modo tale che vedrai un contadino, esendo usato di non si lavar la testa nè la persona, e di esser18 privo di piaceri e viver con dificoltà, abaorire19 e aver in odio le province, non godendosi de’ lor piaceri, e eleggono quele cose cative che sono usitati più che le cose bone che non sono usati [sic], né trovino quieta né si contentono di abitare in sontuosi tempii, né di ornarsi di seta né di pigliarsi piacere in bagni, in unguenti e profumi. Così apunto aviene al homo che esendo alevato da le fasce con una opiniona e con un fondamento20, quela sola ama, quela sola oserva, e quela sola tiene per verissima21 e si alontana da ciascun altra. E per questo rispetto similmente è vietato al homo di poseder la verità, inclinandosi ali sui costumi: sì come è acaduto al volgo ne la opiniona che Idio sia di sostanza materiale e corporea. E in molte altre divine, sì come manifestaremo più oltra. E tutto ciò proceda da l’esser suefatto, nutriti e alevati dale fasce22 sopra le scriture sacre literalmente, che si sono acomodati a le lor opinioni e a crederle, però che le lor leterature mostrano sostanza corporea, e certi altri fantasimi che [p. 52] non hanno un minimo ché del verisimile in modo alcuno23, ma son detti in parabola e in figura e enigma24: il ché è proceduto da molte cause che con il tempo sonno per nararle a mio piacimento. Né ti pensare che quel che abiamo detto de la debolezza del inteletto umano, e lo aver egli un termine prefisso, presso il quale si ferma necesariamente, sia una sentenza detta secondo la opinione de la sacra scritura solamente; ma invero è un concetto detto ancora da filosofi e accertata con una verissima considerazione senza fondarsi sopra qualche particolare parere o sopra qualche vana25 opinione. E è sentenza verissima senza dubio né… , cioè essere riprovata da nesuno ecetto da chi ignora le cose già dimostrate con la dimostrazione. E questo capitolo in vero di servirà per provemio del capitolo seguente, che con tal animo l’avemo a lui anteposto.

Haut de page

Notes

1 The incipit of the translation of this chapter is much longer than the original: the addition has the function to better explain the idea.

2 «sopra naturale» is an addition, probably inspired by Efodi’s commentary.

3 «Nel mondo circolare» is an addition, with an explanatory function.

4 Three words to translate השגות.

5 בעלי החכמה

6 Three words for התגברות.

7 Mistake; it shoud have been «nazione».

8 «asoluta» is an addition.

9 Calque of the Hebrew text.

10 העניין

11 Two words for בלבול

12 Instead of «Afrodisia». The translator did not understand the Hebrew פרדוסי?

13 Not in the text.

14 Long paraphrase for אהבת הרשות והנצוח

15 Rare vocalization of the Hebrew word: לֵ

16 Two words for דקותו

17 אפשר

18 Sometimes אססיר, sometimes איסיר.

19 Aborire, to hate.

20 Two words for דעות

21 «Quela sola tiene per verisima» is not in the text.

22 ההרגל הגדול

23 Long paraphrase.

24 המשל והחידה

25 «vana» not in the text.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

« Erudizione dei confusi, I, 31 », Yod, 22 | 2019, 253-256.

Référence électronique

« Erudizione dei confusi, I, 31 », Yod [En ligne], 22 | 2019, mis en ligne le 20 septembre 2019, consulté le 14 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/yod/3949

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Yod – Revue des études hébraïques et juives est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Partage dans les Mêmes Conditions 4.0 International.

Haut de page